Ma che favola è?! Una rilettura delle principesse delle fiabe con il lieto fine più bello: quello della guarigione. Il 30 Novembre in scena all’Auditorium Paganini di Parma.

Parma,

Una serata speciale è quella che vivrà l’Auditorium Paganini il prossimo 30 Novembre dalle 20.45. “Ma che favola è?!” proporrà una rilettura di favole celebri mettendo in scena una favola speciale grazie al regista teatrale Pier Paolo Zoni. 

"Una risata ci salverà! Lo spettacolo è già sold out, ma forse ci sarà una replica." ha introdotto Nicoletta Paci, che sarà uno specchio magico sul palco del Paganini "E' un'esperienza straordinaria, di amicizia e impegno nonostante la fragilità fisica. Le principesse che andranno in scena sono guerriere, ragazze che hanno sostenuto le terapie durante il giorno e la sera trovano le energie per le prove. La favola che raccontano è quella di una forza straordinaria che le sostiene, di un legame che nasce con le figure di cura, la famiglia, gli amici e le altre pazienti durante un percorso che muove molte emozioni. In scena non solo pazienti e chi è già guarita, ma anche sorelle o figlie di chi non c'è più. Sono principesse che vivono in mezzo a noi, che hanno una favola davvero da ascoltare" ha introdotto Nicoletta Paci, che sarà uno specchio magico sul palco del Paganini.  

Locandina.jpg

L'iniziativa presentata stamattina è stata presentata in conferenza stampa da Nicoletta Paci Assessora alla Sanità del Comune di Parma, Ester Bottazzi - Presidentessa Verso il Sereno OdVPier Paolo Zoni - regista spettacolo “Ma che favola è?!”,  Luisella Notari,  segreteria Consiglio Direttivo Verso il Sereno OdV.

Sul palco pazienti, ex pazienti, personale e volontari dei reparti di oncologia dell’Ospedale Maggiore di Parma. Ad accompagnare questo racconto che unisce favola e realtà anche Massimo Fabi, Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Francesco Leonardi, Direttore dell’Oncologia Medica dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, ilResponsabile attività ambulatoriali complesseMarcello Tiseo, Antonio Musolino.Responsabile Breast Unit delle aziende sanitarie di Parma e Nicoletta Paci Assessora alla Sanità del Comune di Parma.

Per il prossimo sabato si annuncia un Auditorium Paganini gremito, per questa iniziativa organizzata dall’organizzazione di volontariato VERSO IL SERENO con il patrocinio, il contributo economico e il supporto organizzativo del Comune di Parma e dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Parma 

L’appuntamento ha la finalità di condivisione di un “lieto fine” importante e di sostenere ilProgetto C.A.P.O. (Continuità Assistenziale Paziente Oncologico) e vedrà insieme momenti di recitazione e coreografie di Nicoletta Cabassi, Costanza Chiapponi, Michele Cosentino e Roberto Ramazzotti. 

Sulla scia del successo delle passate edizioni anche quest’anno le pazienti oncologiche calcheranno la scena, affiancate - in questa bella avventura – da chi di solito si prende “cura” di loro. Una sceneggiatura originale che saprà stupire, appassionare e regalare al pubblico una serata di grandi emozioni, da condividere con chi, pur attraversando un periodo difficile, trova il coraggio di mettersi in gioco e di sperimentare nuovi stati d’animo per affrontare al meglio malattia e cure chemioterapiche.

 
volontari saranno formati e informati sugli aspetti organizzativi e sul funzionamento delle strutture ed avranno la supervisione di un referente dell’Ufficio Benessere Animale del Comune di Parma.
 
Diventare volontario è un’esperienza di crescita e arricchimento che fa bene non solo a chi si sceglie di aiutare ma anche al volontario stesso.
 
Il Canile e il nostro Gattile sono costantemente alla ricerca di volontari, di persone che vogliano dedicare un po’ del loro tempo libero ad accudire i cani e i gatti ospiti delle strutture che sono in attesa di una adozione che a volte non arriva. Al volontario non sono richiesti requisiti specifici se non la motivazione e la voglia di donare un po' di tempo prendendosi cura di animali che non hanno una famiglia che possa donare loro tutte le attenzioni e l'affetto che meritano.
 
Fare volontariato in Canile o al Gattile, tra l’altro, può essere particolarmente indicato per tutti coloro che, pur amando cani e gatti, non hanno la possibilità di prenderne uno per sé, o per chi amando moltissimo il proprio pensa alla vita di chi ancora una famiglia e una casa calda non ce l’ha.
 
Le informazioni per diventare volontari sono contenute all'interno dei progetti di cittadinanza attiva del Comune di Parma ai seguenti link:
 
Per diventare volontari presso il Gattile
https://www.comune.parma.it/partecipazione/it-IT/discussioni/Generale/Si-cercano-volontari-per-svolgere-attivita-allinterno-del-gattile-municipale-Gli-Aristogatti-e-Garfield-Co-e-il-Gattile-di-Vicofertile.aspx
 
Il Canile e il Gattile Municipale cercano volontari che possano trascorre qualche ora, supervisionati dal personale qualificato della struttura, insieme agli animali ospiti.  Le attività che sono richieste ai volontari non si sostituiscono a quanto di competenza del Gestore e della Direzione sanitaria, ma contribuiscono a migliorare il benessere degli animali ospiti della struttura. 
Questa mattina l'assessore alle Politiche di Sostenibilità Ambientale Tiziana Benassi ha visitato il centro per il riuso della Cooperativa Cigno Verde nelle giornate "Porte aperte" prevista dal programma della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti. 
 
“RIUTILIZZO e recupero dei rifiuti: riparazione di biciclette, recupero ingombranti e raee, esempio di integrazione sociale e sostenibilità” ha commentato l'assessore Benassi.
 
Programma dei prossimi giorni
 
Il 22 novembre ore 10.30 sempre in Sala Stampa in collaborazione con Ecosolgea e Altrogiro si terrà la presentazione del progetto del nuovo centro del riuso di piazzale Sicilia, denominato "Officina Sociale"
 
Il 23 novembre dalle 10 alle 12 presso il Centro del Riuso di Via Lazio l’invito è per un laboratorio di riparazione beni che si svolgerà in collaborazione con Ecosolgea e Altrogiro
 
Da giovedì 21 a sabato 23 sono inoltre previste giornate “Porte Aperte” presso i centri di riuso privati di Parma per far conoscere le realtà, le attività, le possibilità di consegna e ritiro beni. 
 
Le Sedi dei Centri riuso di Parma sono 5:
- "Di Mano in Mano - Negozio del vestito usato" via Valenti 6
- Mercatino dell'Usato di "Di Mano in Mano", via Cremonese 21
- Magazzino "Di Mano in Mano", via Depretis 7/a
- LabOfficina Cigno Verde, via Belli 10/a
- Centro del riuso Altrogiro, Via Lazio, 4

Parma si è aggiudicata anche quest'anno la bandiera della ciclabilità, in occasione della cerimonia, promossa da Fiab – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta – per la terza edizione di ComuniCiclabili Fiab 2020, che si è svolta, nei giorni scorsi, a Torino.

La città ducale si è aggiudicata ben 4 bike smile sulla bandierina per aver dato seguito allo sviluppo della rete ciclabile con 4 nuovi chilometri, in una rete capillare che ha raggiunto un'estensione complessiva di 137 chilometri, a cui si aggiungono circa 10 chilometri di piste ciclabili progettate e finanziate ed altri 2 chilometri di piste ciclabili in progettazione. Inoltre, come recitano le motivazioni del riconoscimento, si è distinta per l'ampliamento delle aree pedonali. La valutazione è avvenuta sulla base di decine di parametri tra cui: infrastrutture urbane, cicloturismo, governance e comunicazione e promozione. Il punteggio attribuito a ogni Comune è stato da 1 (il minimo) a 5 (il massimo) bike-smile ed è stato indicato sulla bandiera gialla. Parma ne ha ottenuti ben 4, quasi il massimo, distinguendosi per gli indirizzi portati avanti dall'Assessorato alle Politiche di Sostenibilità Ambientale, guidato da Tiziana Benassi. La Riforma della Mobilità punta, infatti, a promuovere azioni e misure volte a incentivare l'uso della bici negli spostamenti casa – scuola e casa – lavoro, in alternativa all'utilizzo del mezzo privato, ma anche il suo uso nel tempo libero e per muoversi agevolmente in città.

Lo stesso Comune di Parma, per dare slancio alla mobilità ciclabile, ha costituito al proprio interno il “Gruppo Bike”, formato da dipendenti di diversi settori, guidati da un coordinatore, che ha l'obiettivo di favorire la mobilità ciclabile attraverso progetti ad hoc, attuati in collaborazione con l'Amministrazione; l'uso della bici a partire dagli spostamenti casa – lavoro e prevedendo proposte anche per il tempo libero.

Sono 40 i Comuni italiani che hanno aderito alla rete ComuniCiclabili, progetto che si prefigge di creare una rete tra tutte le realtà aderenti e di stimolare le Amministrazioni a fare sempre meglio, per agevolare lo sviluppo di una mobilità attiva e la scelta della bicicletta come mezzo di trasporto.

FIAB Onlus-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta-, fondata nel 1988, già Federazione Italiana Amici della Bicicletta, fino ad aprile 2019, è oggi la più forte realtà associativa di ciclisti italiani non sportivi, con quasi ventimila soci, suddivisi in 190 associazioni e sedi in tutto il territorio italiano. FIAB è, prima di tutto, un’organizzazione ambientalista che, come riporta il suo Statuto, promuove la diffusione della bicicletta quale mezzo di trasporto ecologico, in un quadro di riqualificazione dell'ambiente, urbano ed extraurbano.

 

"Orto rifiuti zero", l'iniziativa che viene portata avanti negli Orti sociali di Parma, rappresenta un esempio concreto di economia circolare. Le piazzole per il compostaggio statico nelle aree ortive della città realizzano proprio il ciclo di rinascita di uno scarto. Gli orti sociali lo fanno oltretutto a Km zero. La settimana europea per la riduzione dei rifiuti vuole proprio valorizzare messaggi, buone pratiche che vanno nella direzione dell'ambiente. Gli orti raccolgono naturalmente l'invito a rispettare l'ambiente. Inoltre loro comportamento virtuoso di utilizzo delle compostiere viene premiato - facendone apposita richiesta ad Iren - con uno sconto TARI del 20%". ha detto Tiziana Benassi che ha partecipato ad una delle lezioni di compostaggio presso gli orti sociali della Crocetta promosse in vista della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2019.

Insieme agli "ortolani" che curano le aree verdi della Crocetta alle lezioni erano presenti anche Benedetto D'Accardi Presidente Ancescao e Ferdinando Rastelli Direttore della Cooperativa Cigno Verde.

E' stata collocata negli spazi verdi antistanti il Duc la fontana delle Tre Religioni, opera dello scultore Pietro Cascella ( Pescara, 2 febbraio 1921 – Pietrasanta, 18 maggio 2008).

Al momento hanno preso parte il Sindaco, Federico Pizzarotti; l'Assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi; l'Assessore alla Cultura, Michele Guerra, l'Assessora alle Pari Opportunità e Diritti dei Cittadini, Nicoletta Paci, l'Assessore alle Politiche Scolastiche, Ines Seletti,; il Presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Tassi Carboni, la Consigliera Daria Jacopozzi ed il Consigliere Aggiunto Marion Gajda. Con loro anche Il Prefetto, Giuseppe Forlani; il Comandante Provinciale dei Carabinieri, colonnello Salvatore Altavilla; il rappresentante del Comando della Guardia di Finanza di Parma, tenente colonnello Andrea Magliozzi. Sono, inoltre, intervenuti i rappresentanti delle tre religioni monoteiste a Parma: don Luigi Valentini, vicario generale della Diocesi, per la comunità cattolica; Susanna Bondì, Vice Presidente comunità ebraica di Parma e Ilgarsi Kamel, Presidente della Comunità Islamica, con loro anche il coordinatore del Forum Interreligioso “4 ottobre”, Luciano Mazzoni. Al momento ha preso parte la vedova dello scultore Pietro Cascella, la scultrice Cordelia von de Steinen. Presente la classe 4 ^ E dell'Istituto Tecnico per Geometri Rondani.

“La fontana delle Tre Religioni – ha spiegato il Primo Cittadino, Federico Pizzarotti – è stata recuperata dal Comune, dopo un lungo periodo in cui è rimasta smontata nei magazzini del Comune stesso, per essere posta, non caso, in questo luogo dove veicola un messaggi di civiltà e fratellanza, in un tempo in cui le religioni sono spesso utilizzate in modo strumentale. E' un simbolo di comunità e di inclusione”.

“Si può essere diversi in una stessa comunità – ha proseguito l'Assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi – e la fontana delle Tre Religioni rimarca il fatto che Parma è una città inclusiva, aperta, dove le diverse comunità dialogano assieme. Un bell'esempio in regione ed in Italia”. L'Assessore ha ringraziato le maestranze ed i tecnici che hanno collaborato alla sua realizzazione: le ditte esecutrici Cooperativa Muratori Emiliani e Bsf, ed il team di architetti formato da Italo Iemmi, Antonello Sportillo e Giulio Viglioli.

“E' questo un momento importate per la nostra comunità – ha spiegato l'Assessora alle Pari Opportunità e Diritti dei Cittadini, Nicoletta Paci, - la fontana vuole essere un momento di unione, in un luogo di incontro”.

“Per noi – ha continuato l'Assessore alla Cultura, Michele Guerra, - il progetto di Parma Capitale Italiana della Cultura serve anche a costruire spazi di dialogo. La fontana è un esempio di dialogo multiculturale e multireligioso”.

inaugurazione_parma_Fontana.jpg

La vedova dello sculture Pitro Cascella, la scultrice Cordelia von de Steinen, si è soffermata sul significato dell'opera. “Mio marito aveva concepito l'idea di una scultura dedicata alle Tre Religioni fin dagli anni Novanta. Oggi, più che allora, questa fontana è attuale, per i significati che sottende: la vasca rappresenta il Mar Mediterraneo in cui si riversano gli zampilli provenienti dai simboli delle Tre Religioni, ognuna delle quali ha contribuito e contribuisce alla sua vita”.

Parole di apprezzamento sono giunte da parte dei rappresentanti delle tre religioni monoteiste e del Forum Interreligioso.

“E' molto importante essere qui oggi – ha sottolineato Susanna Bondì, Vice Presidente della Comunità Ebraica di Parma – la fontana è prima di tutto un simbolo di pace in città e nel mondo. La sua presenza è un appello quotidiano a pensare al valore di questa parola”.

“Il monumento – ha precisato Ilgarsi Kamel, Presidente della Comunità Islamica di Parma – è un simbolo che riunisce le tre religioni in nome del dialogo”.

“Le religioni – ha spiegato don Luigi Valentini, Vicario Generale della Diocesi, per la Comunità Cattolica – sono a servizio della crescita della civiltà, dell'uomo e della pace, salvaguardando le diversità”.

“La fontana – ha concluso Luciano Mazzoni, per il Forum Interreligioso – è un luogo importante per dare spazio a linguaggi e simboli che parlano all'intera umanità”.

La fontana rappresenta i simboli delle tre religioni monoteiste: cristianesimo, raffigurato da una croce; ebraismo, raffigurato dalla stella di David; la mezzaluna che rappresenta il mondo islamico ed i musulmani.

La scelta di collocare la fontana a ridosso del Duc nasce dal fatto che si tratta di uno spazio molto frequentato in un mondo, quello odierno, sempre più cosmopolita. Situata, quindi, in una sorta di crocevia pedonale, è espressione delle diverse realtà culturali e religiose del mondo: un simbolo, quindi, di coesione sociale e di dialogo interculturale.

La fontana è stata inserita nell'ambito del piano di riqualificazione, recupero e rifunzionalizzazione degli spazi esterni al Duc A ed al Duc B che costituiscono una striscia verde tra viale Mentana ed i due edifici che ospitano gli sportelli al cittadino, diversi uffici, e servizi di pubblica utilità.

Si chiude, in questo modo, la vicenda legata alla fontana che fu commissionata nel 2008 dall'allora Amministrazione Comunale. In un primo tempo avrebbe dovuto essere collocata dove oggi si trova la fontana, sempre di Cascella, situata al centro della rotatoria di strada Elevata (incrocio via Zarotto, Mantova, via Emilia). Non fu così, in quanto ne venne commissionata una nuova, sempre a Pietro Cascella. La nuova fontana, all'incrocio di strada Elevata, fu inaugurata, poco dopo la scomparsa dell'artista, nell'ottobre del 2008. Successivamente, tra il 2008 ed il 2009 l'idea fu quella di montare la fontana delle Tre Religioni nella zona dove ha sede l'Efsa, ma l'idea fu, poi, abbandonata.

La fontana delle Tre Religioni fu per anni conservata, smontata, nei magazzini del Comune in via Spezia. Da qui l'intenzione dell'attuale Amministrazione di recuperarla, valorizzandola e inserendola in una nuovo contesto urbano. Oggi, a Parma, sono presenti tre fontane di Pietro Cascella: quella dedicata alla via Emilia, situata nella rotatoria di piazzale Santa Croce; la fontana delle Tre Religioni davanti al Duc, e la fontana situata nella rotatoria all'incrocio di strada Elevata.

Il Comune ha investito circa 430 mila euro in opere, eseguite in due stralci esecutivi, per la riqualificazione del verde davanti al Duc A ed al Duc B, rifacendo il prato, gli impianti di irrigazione e quelli di illuminazione, i percorsi di connessione che l'attraversano, in modo da renderli più funzionali all'accesso e transito pedonale verso il Duc stesso.

Pietro Cascella è riconosciuto come uno dei più insigni scultori del Novecento, fu anche ceramista e pittore. Le sue sculture sono presenti in diverse parti del mondo: è l'autore del monumento di Auschwitz, dell'arco della pace a Tel Aviv e dell'omaggio all'Europa a Strasburgo.

 

 

 

Lunedì, 18 Novembre 2019 15:05

La nuova stagione teatrale di Europa Teatri

Una sedia e un orizzonte: la nuova stagione teatrale di Europa Teatri parte da questa immagine, evocativa e simbolica di un teatro "laboratorio permanente" che sperimenta e che accoglie la freschezza di nuovi talenti e giovani artisti, aperto a progetti e collaborazioni diverse, per ampliare e trasformare non solo la propria poetica, ma anche gli spazi, per diventare, una casa in cui possano agire molteplici linguaggi e realtà.

Si parte da una postazione dalla quale si guarda e si immagina. Davanti c’è un “vuoto” che significa estrema libertà per creare: una passività feconda; un vuoto “pieno” di realtà, quel momento in cui tutto può succedere, quando un artista sente vibrare la tensione che genera l’atto creativo. 

“L'immagine che rappresenta la nuova stagione di Europa Teatri – ha esordito l'assessore alla Cultura Michele Guerra – racchiude il significato fondamentale del vuoto inteso come spazio da riempire e coltivare, in linea anche con la vocazione di laboratorio permanente del Teatro, nella consapevolezza che la cultura si componga di atto performativo e spettacoli ma anche di formazione ed educazione dello spettatore”.

A spiegare nel dettaglio il ricco programma della nuova stagione sono intervenute in conferenza stampa Lucia Manghi e Chiara Rubes di Europa Teatri.

Europa Teatri ripropone i temi cari di un percorso pluriennale e sono i progetti a costruire l’armatura della stagione: “Materie Prime Festival”, esperienze trasversali dalla narrazione teatrale, al racconto musicale, alla danza; “Friendly Fest” dedicato alla nuova drammaturgia e alle nuove scritture; Impegno civile che porta in scena tematiche di attualità politica e sociale e tiene viva la memoria; “Amanti guerriere”, sguardi sul misticismo femminile; “Peregrinare”, che sposta il palcoscenico al Museo cinese ed etnografico; “May Days”, dedicato alla danza d’autore e gli “Esiti dei laboratori” per chiudere l’anno.

Un humus profondo che si va a dissodare, come suggerisce Artaud nei suoi “messaggi rivoluzionari”, arare e coltivare, cercare l’incontro di persone, di occasioni, di energie sempre nuove e diverse. 

 

Rassegna Serale

Conclusa l’esperienza del Festival Materie Prime che ha indagato il Mito attraverso lo sguardo di giovani artisti e il Friendly Fest realizzato in collaborazione con l’assessorato Pari opportunità e con un focus su tematiche legate all’omosessualità, la stagione che ha inaugurato sabato 16 novembre con “L’inferno e la fanciulla”, spettacolo Selezione In Box 2016 e Primo studio vincitore del Premio nazionale Giovani Realtà del teatro, prosegue con 6 appuntamenti con la scena, oltre a conferenze ed eventi che mescolano narrazione, azione teatrale e incontri con la musica, la storia e la memoria. Da un progetto che si ispira alla figura di Guido Picelli e i combattenti antifascisti di Parma nella guerra civile spagnola alla riflessione sul femminile e il sacro dal Medioevo ai giorni nostri: produzioni originali e nuove creazioni in collaborazione con le altre realtà culturali del territorio.

 

Rassegna teatro ragazzi e per le scuole

5 le proposte della Stagione dei ragazzi e delle famiglie con libere incursioni nel teatro d’ombre e di figura, nelle storie della tradizione, nella danza e nelle fiabe. Avventure nell’immaginario accompagnati da personaggi fantastici sulla strada affascinante e misteriosa della crescita. 

Gli spettacoli vanno in scena la domenica pomeriggio e sono proposti anche in matinée per le scuole. 

 

Formazione Teatrale

Intensa  e già avviata l’attività laboratoriale di Europa Teatri, centrata sul “Fare teatro”, con proposte articolate per attori e danzatori, principianti e avanzati, una scuola di pratiche teatrali che da ottobre ad aprile si svolge in modo intenso e a più livelli negli spazi di Via Oradour: verranno affrontate le tecniche dell’uso del corpo, del movimento nello spazio, della respirazione, della modulazione della voce, improvvisazioni e sperimentazioni con esiti finali sul palcoscenico. Teoria e pratica anche nei laboratori di regìa teatrale e di doppiaggio. Esperienze mirate sono state progettate per bambini 6-10 anni e ragazzi 11-14 anni, per le quali sono ancora aperte le iscrizioni.

 

Opera: progetto speciale di formazione al teatro 

Dalla drammaturgia alla messa in scena

 

Il progetto prevede due laboratori. 

Il primo di drammaturgia “Telepatia e matematica” condotto da Mariano Dammacco, drammaturgo e regista, inizierà il 23 novembre; il secondo, “Dalla parola all’azione” condotto dall' attrice, regista e autrice Chiara Rubes dal 1 aprile, svilupperà e metterà in scena il testo elaborato dal laboratorio di drammaturgia. È possibile partecipare anche a solo uno dei due percorsi formativi.  

La Stagione si realizza con il sostegno del Comune di Parma e della Regione Emilia-Romagna

Partner: Anticorpi e Ratafià Teatrobar. Partner Tecnici: Zenzero Comunicazione.

 

Ingresso spettacoli

Rassegna Serale: Intero 12 Euro / Ridotto 10 Euro (Under 18, Universitari/Young Card, Over 65, soci Coop, Avis, Colser- Aurora Domus) / Professional 6 Euro

Rassegna Teatro Ragazzi: Intero 8 Euro / Ridotto 6 Euro (Under 18, Over 65, soci Coop, Avis, Colser-Aurora Domus)

 

Informazioni e prenotazioni

Europa Teatri, Via Oradour 14 – Parma

0521 243377 – email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.europateatri.it - www.facebook.com/europateatri

Taglio del nastro per la nuova sede e festa della riconoscenza per premiare i volontari


Un compleanno speciale quello di Giocamico che inaugura la nuova sede alla diciottesima edizione della festa della riconoscenza e al suo ventunesimo compleanno. Il traguardo segna un forte radicamento sul territorio e a fianco dell’ospedale a sostegno dei piccoli pazienti che ogni giorno affrontano cure, esami e ricoveri, sempre fedeli al motto: il gioco è una cosa seria.


La nuova sede alla Cittadella dell’accoglienza (padiglione Poliambulatori, pad. 23) è interamente frutto di donazioni, segno tangibile dei tanti ringraziamenti che l’associazione riceve per le speciali cure ai piccoli pazienti. “Grande soddisfazione all'apertura – esprime il presidente dell’associazione Giocamico Corrado Vecchi – per uno spazio che consentirà di formare i nuovi volontari e affrontare la programmazione dell'attività, con la promessa di uno luogo da dedicare ai giovani volontari, agli adolescenti pazienti o ex pazienti per attività spontanee". Il ringraziamento di Giocamico per la realizzazione va a tutti i donatori che hanno contribuito con arredi, strumenti e offerte in denaro, oltre a Ospedale che ha messo a disposizione gli spazi.


La festa ha premiato, come di consueto, i tanti volontari, circa duecento, che ogni giorno seguono le attività ludico espressive all’Ospedale dei bambini, e gli adolescenti che, in un gruppo sempre più nutrito, affiancano l'Associazione. Ad aprire i battenti della nuova sede si sono presentati in tanti, tra cui il direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Massimo Fabi con i direttori amministrativo Paola Bodrandi e sanitario Ettore Brianti, la direttrice di Ausl Elena Saccenti, l'Assessore ai servizi sociali del Comune di Parma Laura Rossi e il direttore dell'Upi Cesare Azzali, accompagnati dal giornalista Gabriele Balestrazzi.

(Foto di Francesca Bocchia)

Parma presenta un nuovo appuntamento green. Illustrato in Sala Stampa del Municipio il programma di iniziative della Settimana Europea della Riduzione Rifiuti -SERR - 2019. Era presente l'Assessora alle Politiche di Sostenibilità Ambientale del Comune di Parma Tiziana Benassi ed i partner coinvolti nei progetti. Dal 16 al 24 Novembre per Parma è Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti SEER. 

Parma, 14 Novembre 2019

E’ stato stimato che nei prossimi 15 anni il pianeta produrrà oltre 6 miliardi di tonnellate di rifiuti all'anno. Il risultato, oltre ai problemi ambientali è calcolato in una spesa di gestione che raggiungerà i 400 miliardi di dollari. La via d'uscita è quella di gestioni corrette e recupero dei materiali.  Sul tema torna a Parma un’iniziativa, promossa con Legambiente, che propone una settimana dove vengano premiate azioni concrete e creative per la riduzione dei rifiuti. Torna la settimana europea per la riduzione dei rifiuti SEER. Dal 16 al 24 novembre 2019 il Comune di Parma, Assessorato alle Politiche di Sostenibilità Ambientale ha raccolto un ricco calendario di iniziative volte a diffondere a Parma una “gara” di azioni che prevengono, riducono e riciclano correttamente i rifiuti. L’iniziativa allargata a livello europeo (nata all’interno del Programma Life della Commissione Europea ) ha l’obiettivo primario di sensibilizzare istituzioni, stakeholders e consumatori circa le strategie e le politiche di prevenzione della produzione di rifiuti che gli Stati dell’Unione Europea sono tenuti ad attuare. La manifestazione  stata presentata da Tiziana Benassi, Assessora del Comune di Parma, Gianfranco Carrera, Mano in Mano, Lucia Siri, Ecosolgea e Altrogiro e Ornella Bertuglia di IREN. “L’iniziativa ha lo scopo di sensibilizzare verso il tema dei rifiuti, ma anche di esprimere una rete, un sistema che si è creato a Parma con gli operatori del territorio. Oltre a iniziative volte a scoprire i centri di riuso di Parma, ad allungare la vita degli oggetti e quindi a creare meno rifiuti, inaugureremo un progetto primo in Italia a livello territoriale per il recupero delle bottiglie di pet bottle to bottle  (che secondo le linee guida EFSA devono seguire una filiera certificata per essere riimmesse nel beverage) e sosterremo l’attività della casa ecologica di GioCampus come strumento di efficientamento dell’utilizzo di acqua ed energia e per un cambio di abitudini nei più giovani” Ha detto Tiziana Benassi. 

 

Questo il programma della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 2019 di Parma: 

Il 19 Novembre alle ore 10,30 presso Gastronomi Hub - Provincia di Parma P.le della Pace, 1 Illustrazione della Casa ecologica, dove educare i bambini alle buone pratiche e alle 3R (Riuso, Riduzione, Riciclo) 

Il 19 Novembre dalle ore 10.00 alle 13 presso gli Orti Sociali della Crocetta si terrà la presentazione del progetto Orto rifiuti zero e dei primi risultati conseguiti negli orti già serviti dalle piazzole di compostaggio. Promozione del compostaggio domestico con illustrazione dello sconto  TARI. Corso di gestione compostiera.

Il 21 Novembre ore 10,30  nella Sala Stampa del Municipio verrà presentata in conferenza stampa la prima sperimentazione territoriale del “Bottle to Bottle”. La raccolta del PET è finalizzata alla produzione di altre bottiglie e i processi di riciclo sono svolti in collaborazione con CORIPET ed IREN. 

Il 22 Novembre ore 10.30 sempre in Sala Stampa in collaborazione con Ecosolgea e Altrogiro si terrà la presentazione del progetto del nuovo centro del riuso di piazzale Sicilia, denominato "Officina Sociale"

Il 23 Novembre dalle 10 alle 12 Presso il Centro del Riuso di Via Lazio l’invito è per un laboratorio di riparazione beni che si svolgerà in collaborazione con Ecosolgea e Altrogiro 

Da Giovedì 21 a Sabato 23 sono inoltre previste giornate “Porte Aperte” presso i centri di riuso privati di Parma  per far conoscere le realtà, le attività, le possibilità di consegna e ritiro beni. Le Sedi dei Centri riuso di Parma sono 5:

  • "Di Mano in Mano - Negozio del vestito usato" via Valenti 6 
  • Mercatino dell'Usato di "Di Mano in Mano", via Cremonese 21 
  • Magazzino "Di Mano in Mano", via Depretis 7/a  
  • LabOfficina Cigno Verde, via Belli 10/a 
  • Centro del riuso Altrogiro, Via Lazio, 4.    
Giovedì, 14 Novembre 2019 14:35

Parma Bene Comune

Proposte per un'amministrazione condivisa, il titolo del Convegno che si è tenuto a Palazzo del Governatore, organizzato dall’Assessorato Partecipazione e Diritti dei Cittadini del Comune di Parma in collaborazione con Labsus, laboratorio per la sussidiarietà.

Parma -

Un nuovo modo d'intendere l'interesse delle comunità con il focus sulla cura dei beni comuni.

Da una parte l’amministrazione dall’altra la cittadinanza, ma alleati per una definizione condivisa del concetto d’interesse generale.

Il patto di collaborazione fra amministrazione pubblica e cittadinanza (associazioni, gruppi di cittadini e cittadine, istituzioni scolastiche) produce qualità nelle relazioni e promuove un vero modello sociale, con un approccio collaborativo e non competitivo.

All’incontro è stato aperto dal Sindaco Federico Pizzarotti: “La cittadinanza attiva è la nuova strada che hanno amministrazioni e cittadini per una gestione adeguata e funzionale, sia per carenza di risorse sia per responsabilità condivisa. Le cose pubbliche sono di tutti e alla fine di nessuno perché si delega e si aspetta passivamente l’intervento delle istituzioni”. Il Sindaco ha anche valorizzato il ruolo dei CCV, ricordando che la sua amministrazione li ha istituiti ufficialmente nel 2015 e che, da allora, si sta facendo un percorso significativo e costruttivo. L’Assessora Nicoletta Paci ha ribadito quanto gli strumenti partecipativi siano importanti: “Il Comune ha realizzato il Regolamento di Cittadinanza Attiva e investe sul tema della formazione, con la convinzione che la nuova cultura partecipativa vada coltivata, valorizzata e promossa”.

È intervenuta la Dirigente del Settore Associazionismo, Partecipazione e Pari opportunità, Debora Saccani a illustrare il percorso di formazione realizzato da Labsus e rivolto ai Consigli dei Cittadini Volontari, alle associazioni, ai cittadini. Incontri, simulazione della costruzione di patti, plenarie per condividere un nuovo pensiero dedicato alla cura condivisa dei beni comuni, e quindi delle comunità e delle città.

La parola è passata alle esperienze già presenti in città: la Dirigente scolastica Nadia Malcisi dell’Istituto Salvo D’Acquisto e Benedetto Campione del Gruppo Scuola hanno parlato del patto di collaborazione firmato per il progetto “Orto urbano e serra di comunità” nel quartiere Montanara. Storie di comunità che confluiscono in progetti comuni.

Poi è stata la volta di Sara Deledda, coordinatrice del CCV Oltretorrente e di Paolo Bertozzi, consigliere che hanno raccontato il percorso che ha condotto dal progetto di bilancio partecipativo alla costruzione di un patto di collaborazione strumento di aggregazione utile per superare distanze anche fra i membri della comunità.

Infine ha concluso i lavori Gregorio Arena, Presidente di Labsus. “Come si può sviluppare la cultura dei beni comuni? Anche perché è evidente, e da tanti anni, che l’amministrazione pubblica non può da sola farsi carico di tutte le situazioni sempre più complesse, ma deve cercare la collaborazione dei cittadini. Prendersi cura dei beni comuni non è fare manutenzione, ma cambia la qualità dell’intervento. Il modello partecipativo si sta diffondendo con grande velocità perché libera energie che ricadono, in maniera positiva, su tutta la comunità”.

 
Pagina 1 di 79