CANOVA E ROBERTI ESCLUSE, VIGNALI: SONO DISPIACIUTO E PERPLESSO

Roberta Roberti e Michela Canova erano due mie avversarie alla carica
di sindaco.
La loro esclusione mi lascia sinceramente dispiaciuto e incredibilmente
perplesso e non solo perché viene meno il diritto delle persone a
scegliere con il voto democratico.
A causa della decisione della Commissione elettorale del Comune di
Parma, confermata dal Tar, lasciano, infatti, il campo le uniche due
donne in corsa, un fatto che di per sé è una sconfitta per tutti.
A loro, alle loro sostenitrici e sostenitori, va tutta la nostra
solidarietà e il mio in bocca al lupo per il ricorso al Consiglio di
Stato.
Se c’è qualcuno che sta brindando per questa esclusione oggi, non siamo
certamente noi”.

Così il candidato sindaco civico Pietro Vignali

COMMERCIO: SPOCCI E TANNOIA (PEL), “CON VIGNALI PIU’ SICUREZZA E MENO BUROCRAZIA”

Il Commercio in città è stato trascurato dalla giunta di Pizzarotti e Guerra, che ha permesso che insicurezza e degrado si diffondessero in ogni zona della città, ha posto limitazioni al traffico, senza proporre incentivi e alternative credibili al mezzo privato, ha messo tra chi lavora e gli uffici comunali un muro di burocrazia e mancanza di ascolto. L’incapacità amministrativa, sommandosi alla pandemia e alla crisi, ha messo in difficoltà negozi e attività economiche parmigiane al punto che molte hanno chiuso.

L’amministrazione per 10 anni ha perso di vista il fatto che negozi di vicinato, bar e ristoranti non sono solo attività economiche, ma anche indispensabili luoghi di socialità e di vita dei quartieri.

Il programma di Vignali è un concreto piano di rilancio del commercio cittadino.  Prevede un nuovo piano parcheggi, navette veloci per il centro, no tax area nelle aree più difficili, incentivi per chi avvia nuove attività, eventi culturali e sportivi per rivitalizzare i quartieri, più controllo del territorio da parte della polizia municipale e meno burocrazia con il passaggio dall’autorizzazione all’autocertificazione.

Così Angela Spocci e Massimo Tannoia, candidati consiglieri del Partito degli Europei e Liberali nella Lista di Forza Italia che sostiene il candidato sindaco civico Pietro Vignali, che hanno incontrato i commercianti del Centro  insieme al Presidente del PEL Francesco Patamia.

 L’immagine che fotografa il fallimento delle
politiche della Sicurezza della giunta di Pizzarotti e Guerra è quella
di Viktor il cane del nucleo antidroga della Polizia Municipale di
Reggio che il Comune di Parma ha dovuto prendere in prestito per
simulare, almeno in campagna elettorale, un interesse per il problema
dello spaccio in città.
Nel 2013 l’amministrazione comunale ha infatti smantellato l’unità
cinofila della Polizia Municipale di Parma perché secondo loro non
serviva.
L’assessore alla (In)Sicurezza Cristiano Casa era stato chiaro: ‘Il
nucleo cinofilo – diceva - era una di quelle attività che non fa parte
del nostro indirizzo politico è un servizio istituito durante un'altra
amministrazione, che era abituata a fare certi interventi’.
Oggi lo spaccio dilaga in città anche grazie alla sottovalutazione del
problema e al disinteresse della giunta di Pizzarotti e Guerra.
Grazie a Viktor, quindi, che fa il lavoro di Paco e Ax, i cani antidroga
della nostra Polizia Municipale che Pizzarotti ha mandato in pensione
anticipata.
Con Vignali sindaco verranno istituiti il nucleo antidroga e sicurezza
urbana e la Polizia Municipale  parteciperà attivamente al controllo del
territorio con le altre Forze dell’Ordine.
Così Fabio Fecci, presidente dell’Associazione Sicurezza e Decoro per
Parma che sostiene la candidatura di Pietro Vignali a Sindaco.

“L’improvvisa chiusura della piscina Giacomo
Ferrari di via Zarotto, lo scorso febbraio, ha messo in seria difficoltà
le società sportive che utilizzano l’impianto con migliaia di bambini,
ragazzi e master iscritti che si sono visti interrompere i corsi o
spostare la sede di allenamento dall’oggi al domani. Gli agonisti
addirittura nel reggiano, a Sant’Ilario d’Enza, con tempi di spostamento
che certo non agevolano le famiglie.
Anche negli impianti sportivi e più in generale nel diritto allo Sport,
Parma in questi anni ha fatto molti passi indietro”. Così Pietro
Vignali, candidato sindaco civico, durante un incontro con i
rappresentanti delle società Nuoto Club 91 e Villa Bonelli, al quale ha
partecipato anche la consigliera comunale e parlamentare della Lega
Laura Cavandoli.
“La piscina di via Zarotto – prosegue - è in una posizione strategica
per i quartieri San Lazzaro e Montebello, una zona della città molto
popolosa e piena di bambini, ragazzi e anziani che utilizzano la
struttura. Il risultato di questa situazione è che le società hanno
perso tantissimi iscritti e sono a rischio chiusura, dopo essere già
state molto in difficoltà a causa della pandemia.
Noi non vogliamo che si perda una parte di storia dello sport
cittadino”.
“Mentre l’amministrazione perdeva tempo con progetti di vasche
all’aperto nel Parco Ferrari, che in città esistono già, la struttura è
stata trascurata fino a diventare inagibile – aggiunge Laura Cavandoli
-. In generale la situazione delle piscine pubbliche a Parma è critica,
ma credo che per quanto riguarda via Zarotto si possa prevedere un
intervento manutentivo durante l’estate per poterla riaprire a settembre
e restituirla alle società sportive. Poi si deve pensare a soluzioni
alternative. Purtroppo questo è un altro brutto esempio di immobilismo e
inerzia. I tempi per prendere in mano la situazione ci sarebbero stati e
invece oggi ci troviamo con società sportive, cittadini e giovani atleti
privati degli spazi dove praticare lo sport che amano. Ora bisogna
correre ai ripari per restituire l’impianto alla città”.

Mercoledì, 18 Maggio 2022 18:35

Welfare e terzo settore: le proposte di Vignali

“Il volontariato e il terzo settore sono un
patrimonio della città e un generatore di bene comune che deve essere
valorizzato. Bisogna rafforzare il legame tra amministrazione e
associazioni: è uno dei nostri principali obiettivi. Lo faremo dando
vita al progetto “Casa del Volontariato”: una sede per le associazioni
con spazi dedicati per incontri e assemblee, con uffici e locali per
esposizioni. Istituiremo un assessorato all’associazionismo che dovrà
permeare tutto il sistema dei servizi.
Le associazioni devono essere il principale interlocutore di chi governa
una città perché sono un presidio sociale e un elemento centrale nel
sistema di welfare della nostra comunità che oggi si trova a
fronteggiare le nuove povertà in aumento dopo la pandemia.
A Parma dobbiamo dare risposta ai bisogni di 35000 persone in povertà
relativa: famiglie, giovani coppie, anziani non autosufficienti e oggi
anche lavoratori. Per fronteggiare queste situazioni c’è bisogno di un
sistema di servizi all’avanguardia e di collaborazione tra pubblico e
Terzo Settore.
Tra i provvedimenti per contrastare il disagio economico è necessario un
pacchetto anticrisi di sostegno al consumo, al bisogno, al credito, al
reddito e ai servizi. Riguarderà famiglie, cittadini e anche le imprese
colpite dai rincari energetici e delle materie prime. Le misure di
sostegno si concretizzeranno con contributi, voucher per grande
distribuzione e commercio di prossimità, riduzione dei costi di tariffe,
agevolazioni, crediti a condizioni agevolate.
Il ripristino del Quoziente Parma, tenendo conto dei carichi familiari
(figli, persone non autosufficienti, disabili) consentirà poi di ridurre
l’impatto di tasse e tariffe e faciliterà l’accesso ai servizi comunali
come nidi, scuole dell’infanzia, servizi per anziani e disabili.
Il Piano Casa si rivolgerà prioritariamente alla fascia di popolazione
che non riesce ad accedere né all’edilizia residenziale popolare, né
all’offerta del pubblico mercato: sono giovani coppie, nuclei
monogenitoriali, single, ma anche famiglie con figli dove i genitori
hanno perso potere d’acquisto.
Interverremo anche sul patrimonio Erp che ha bisognoso di essere
ampliato, riqualificato e ammodernato. E proseguiremo l’esperienza degli
“Affitti Garantiti”, che permette alle famiglie in difficoltà di
ottenere garanzie per fare fronte a ritardi nel pagamento dovuti a
morosità incolpevole.
Così Pietro Vignali, all’incontro con i vertici e i soci di Intercral
 
 
 
 
 
 

Maggiore sicurezza, punti di aggregazione, riqualificazione dell'ex Trionfale: questi i principali interventi per il quartiere Pablo presenti nel programma elettorale di Pietro Vignali

“Il quartiere Pablo, come tanti della città, è stato
oggetto di molte promesse non mantenute dell’amministrazione Pizzarotti:
progetti annunciati 10 anni fa e mai realizzati.
A partire dai lavori dell’area Ex Amnu sarebbero dovuti iniziare nel
2013, mentre oggi è ancora sommersa di spazzatura e rifugio di
senzatetto o dell’area EX Trionfale. Ma si possono citare anche la
Biblioteca di Alice, l’Area della piscina Efsa con il parcheggio chiuso
e i campi da calcetto abbandonati o l’Area Ex Piscina Brema: l’impianto
dismesso è oggetto di vandalismi e anch’esso riparo per i senzatetto.
Oggi degrado e abbandono sono la cifra del quartiere: vanno affrontati
con mix di sicurezza, decoro urbano, ascolto, aggregazione, inclusione e
integrazione. Bisogna lavorare assieme alle realtà associative e di
volontariato che animano il Pablo, per promuovere punti di incontro e di
supporto, corsi di lingua per i numerosi stranieri, supporto per lo
studio per bambini e ragazzi e politiche di incentivazione alla pratica
sportiva.
La realizzazione del primo tratto Pontremolese, con l’interramento delle
rotaie della ferrovia, permetterà di ricucire il quartiere oggi diviso.
In un ridisegno urbanistico di viale Piacenza gli interventi all’Ex
Amnu, all’ex Trionfale devono garantire un nuovo accesso al Parco
Ducale, aree verdi e parcheggi a servizio di residenti e commercianti.
Vogliamo che il Pablo, quartiere molto esteso con oltre 15.000 abitanti,
centinaia di realtà imprenditoriali, artigianali e commerciali, sia più
sicuro per tutti i cittadini.
E ci impegneremo in primo luogo nella lotta allo spaccio, introducendo i
vigili di quartiere e riqualificando tutte quelle aree che oggi, grazie
all’immobilismo dell’amministrazione Pizzarotti, sono nelle stesse
condizioni di dieci anni fa, se non peggiori”.
Così Pietro Vignali, a margine di un confronto pubblico con la candidata
Michela Canova.

Enrico Letta: "Parma deve essere più consapevole di essere una grande capitale europea". Per una svolta, la città ha bisogno del Partito Democratico. "La vera forza del PD è lo sguardo lungo"

Noi della lista L’Altra Parma - Marco Adorni Sindaco, dobbiamo amaramente constatare che il medesimo schema che abbiamo visto negli ultimi due anni nei media e nel dibattito pubblico nazionale, si sta ripetendo a livello locale in concomitanza con la campagna elettorale per le elezioni amministrative.

VIGNALI, PATTO PER LA SICUREZZA INTEGRATA CON FF.OO, PRIVATI E ASSOCIAZIONI

“Ogni giorno leggiamo di nuovi episodi di spaccio, degrado e microcriminalità. Quello che è mancato a Parma negli ultimi 10 anni è una sicurezza urbana integrata che ponga rimedio ai tanti problemi dei nostri quartieri, rafforzando il coinvolgimento della Polizia Locale a supporto delle Forze di Polizia dello Stato. La realizzeremo attraverso un nuovo Patto Per Parma Città Sicura che sia funzionale e operativo, che vogliamo firmare con la Prefettura.

Pensiamo a collaborazioni anche con gli istituti di vigilanza privata: il protocollo “Mille occhi sulla città” ha l’obiettivo di rilevare i fenomeni di degrado urbano e sociale e di promuovere, insieme alle Associazioni di Categoria la figura dello “Street Tutor” a tutela delle aree del divertimento serale.

Tutto il territorio comunale, in particolare le zone più calde, vanno presidiati costantemente: noi vogliamo tornare a un concetto di polizia locale di prossimità, di vicinanza, di comunità. Per questo la nostra organizzazione prevede presidi fissi ad alta visibilità nelle zone più a rischio criminalità e anche l’utilizzo di strumenti come il Daspo Urbano”. 

Così Pietro Vignali, candidato sindaco civico.

INFRASTRUTTURE, VIGNALI: COME AL SOLITO PARMA DIMENTICATA

Nonostante le promesse elettorali di Bonaccini e
Pizzarotti, alla prova dei fatti, anche nelle infrastrutture Parma resta
la cenerentola dell’Emilia-Romagna.

Oggi il presidente della Regione Bonaccini plaude alla proposta fatta
dal concessionario e dal ministero per un piano di investimenti sulla
A22 da 7,2 miliardi di euro che serviranno per la realizzazione di
Cispadana e della Bretella Campogalliano-Sassuolo. Mentre su questi
interventi si fanno consistenti passi in avanti dall’altra parte per le
nostre infrastrutture constatiamo con amarezza che tutto rimane fermo.
Come al solito.

La nostra città  in questo modo rimane isolata non solo dal resto del
Paese, ma è anche tagliata fuori dalla stessa rete del nord Italia.

A noi rimangono solo delle grandi incompiute, come la Tibre autostradale
ferma alla zona di Trecasali, la Pedemontana, la Cispadana dove mancano
i ponti sull’Enza.
Per non parlare dei ponti sul Po e della via Emilia Bis di cui Bonaccini
parla solo in campagna elettorale, senza realizzare i progetti che
invecchiano nei cassetti del Municipio da 10 anni.

Pietro Vignali ha inaugurato la sede del comitato elettorale nella centralissima via Cavour insieme a tanti parmigiani che
sostengono il suo movimento civico e presentato alla città il clam che
lo sta accompagnando in questa campagna elettorale per diventare
sindaco: “Prima di tutto Parma”.
Uno slogan che racchiude lo spirito del civismo parmigiano di cui
Vignali è da sempre esponente.
“In questi mesi – ha detto Vignali nel suo intervento - ho girato tanto
i quartieri della nostra città e incontrato centinaia di persone che mi
hanno raccontato le loro preoccupazioni e la loro voglia di riscatto.
Non avrei mai accettato di impegnarmi in prima persona in queste
elezioni se non avessi visto che il nostro civismo è un’idea viva,
patrimonio della nostra gente. La nostra è una proposta e una
candidatura autenticamente civica, cosa che non possono dire altri che
avevano la tessera di partito in tasca fino a pochi anni fa.
Il civismo non si improvvisa quando arrivano le elezioni: è una storia,
la nostra storia di uomini e donne che mettono Parma prima di tutto:
prima dei calcoli della politica, degli accordi di potere, degli
interessi personali, di parte e di partito.
Per questo lo slogan della nostra campagna elettorale non poteva essere
che “Prima di tutto Parma”.
Perché è quello che racconta chi siamo e come intendiamo la città di
domani: una città che non accetta di essere una colonia di Bologna o di
chiunque altro, che prima di tutto pensa a dare risposta ai bisogni
delle famiglie e dei più fragili, che ascolta la voce dei quartieri e
delle frazioni, sostiene il lavoro e le attività economiche, piccole o
grandi che siano, che difende e valorizza la proprie eccellenze e
quell’identità culturale e sociale che la rende unica”.

Di Daniele Trabucco (*) Belluno 15 maggio 2022 - Dall'essere dipende il dover essere. In altre parole, l'etica presuppone la metafisica, dal momento che il dovere, oggetto della morale e del diritto, non è che un aspetto dinamico dell'essere.

Dopo la lista civica che porta il suo nome, Pietro Vignali ha presentato alla città altre due liste civiche a sostegno della sua candidatura a sindaco di Parma. Con l’obiettivo di dare più voce alle problematiche dei quartieri cittadini e alle periferie è nata la lista civica “Sicurezza e decoro per i quartieri e le frazioni”, più concentrata invece su istanze ambientaliste nel loro legame con la salute dei cittadini la lista “Ambiente e Salute”.

Siamo una grande forza civica – spiega Vignali – che dà voce e rappresentanza alla città, ai suoi quartieri, ai protagonisti di una società civile viva e solidale. I nostri quartieri e le nostre frazioni chiedono e meritano di essere curati e valorizzati, non abbandonati come oggi. Vanno aiutati dal punto di vista della sicurezza e del decoro, ma anche della qualità della vita, dell’ambiente, della socialità. Girando i quartieri di Parma in questi mesi ho percepito preoccupazione per le condizioni della città e delusione per il mancato ascolto da parte dell’amministrazione, al tempo stesso però c’è tanta voglia di riscatto. E’ per questo che ho deciso di impegnarmi in prima persona. Conosco bene i problemi di questa città, perché sono gli stessi di 10 anni fa. Questo vuole dire che in tutti questi anni Parma è rimasta ferma.”

Nella Lista “Sicurezza e decoro per i quartieri e le frazioni” tra i rappresentanti che più hanno esperienza nel mondo dell’associazionismo ci sono: Fadhila Ben Aziza, mediatrice linguistica e culturale per Asl e Tribunale, vicepresidente dell’associazione “Voce Nuova Tunisia”, Aldo Rizzoli, presidente di “Vivere San Lazzaro Lubiana”, associazione rappresentata anche da Luca Bolzoni e Francesco De Lucia, Luca Carobbi, vice presidente dell’associazione “Parma Sud” e Paolo Chiari, presidente dell’associazione “Montebello”.

Fanno parte della lista civica “Sicurezza e decoro per i quartieri e le frazioni” anche diversi studenti, insegnanti, imprenditori, artigiani, liberi professionisti e Eleonora Antonico, attuale miss Parma.

La lista civica Ambiente e Salute con Vignali Sindaco è invece composta da 21 cittadini, 8 donne e 13 uomini ed è capitanata dal medico psichiatra Giuseppe Fertonani, presidente dell’associazione “L’Oltretorrente Rinasce” seguito da Andrea Dodi dell’Associazione Impegno Sociale per il San Leonardo e Cortile San Martino e da Gianluca Snelli, anch’egli medico e dirigente sanitario.

I temi legati alla salute sono infatti fra i punti principali del programma, di qui una lista dedicata di cui fanno parte anche operatori sanitari. Presenti anche in questa lista diversi esponenti dell’associazionismo dei quartieri, come Davide Gorlini direttivo del “Parma Futura Pablo”, Filomena Rosa Maria Manfreda e Alessio Bracci entrambi del direttivo “Insieme per il Molinetto”

“Il sindaco – ha concluso Vignali - è la massima autorità sanitaria e ha delle responsabilità verso la qualità dei servizi che ricevono i cittadini”. 

 

LISTA SICUREZZA E DECORO PER QUARTIERI E FRAZIONI

 

1)            Roberta Dondi

2)            Franco Alzapiedi

3)            Margherita Ambrosio

4)            Eleonora Antonico

5)            Fadhila Ben Aziza

6)            Luca Bolzoni

7)            Francesca Cappelli

8)            Luca Carobbi

9)            Kelly Chen Yuanyan

10)         Paolo Chiari

11)         Matteo Dallatana

12)         Francesco De Lucia

13)         Filippo Dell’Eva

14)         Maurizio Domolato

15)         Chiara Ferri

16)         Fosco Fioravanzi

17)         Filippo Ghiretti

18)         Margherita Giordano

19)         Letizia Gonizzi

20)         Corrado Gozzi

21)         Nicola Lazzari

22)         Marco Mengatti

23)         Elisabetta Orzi

24)         Armando Perlini

25)         Giuseppe Pionetti

26)         Aldo Rizzoli

27)         Paolo Rossi

28)         Roberto Ruggeri

29)         Alessandra Scerra

30)         Carlo Schiavone

31)         Rocco Sorrentino

32)         Asia Ture

 

 

LISTA AMBIENTE E SALUTE CON VIGNALI SINDACO

 

1)            Giuseppe Fertonani

2)            Andrea Dodi

3)            Gianluca Snelli

4)            Fiorenzo Baroni

5)            Carla Bardiani

6)            Alessio Bracci

7)            Devid Brozzi

8)            Valentina Ceccato

9)            Davide Gorlini

10)         Salvatore Lo Bello

11)         Filomena Rosa Maria Manfreda

12)         Silvia Nieddu

13)         Gianfranco Petrungaro

14)         Ottorino Ramploud

15)         Angelo Sarao

16)         Maria Gabriella Scaglioni

17)         Angelo Silva

18)         Francesca Surano

19)         Sara Tardio

20)         Rossana Tedesco

21)         Vincenzo Villani

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi a Washington a Colloquio da Joe Biden. Per indurlo a migliori consigli per una Pace in Ucraina o per firmare il nuovo “Contratto di Lavoro” che vedrebbe il nostro Draghi alla segreteria Generale della NATO già dal prossimo agosto? Due questioni che non possono coesistere quindi … A voi la scelta dei potenziali contenuti dell’incontro.

E' stata presentata ieri la lista civica a sostegno della candidatura di Pietro Vignali, 12 donne e 20 uomini sono la squadra che sostiene la sua corsa alla carica di sindaco. Professionisti, studenti, imprenditori, commercianti, artigiani, sportivi per rappresentare tutte le sensibilità della città e parte dei comitati civici e delle associazioni dalla cui mobilitazione è nata la candidatura di Vignali.
“Bisogna rimettere in moto la città – dice Vignali presentando i candidati -. Noi siamo una forza civica: ci unisce la consapevolezza che Parma debba rialzare la testa, cambiare passo ed essere amministrata nell’esclusivo interesse dei parmigiani. Ultimamente non è stato proprio così. Per noi Parma viene prima di tutto è il nostro slogan. Viabilità, sicurezza, decoro, servizi alle persone, sostegno alle famiglie e ai più fragili, ascolto della città sono campi in cui Parma dovrà recuperare il terreno perduto in 10 anni di immobilismo”.
La lista civica Vignali Sindaco vanta nomi con esperienza amministrativa come Fabrizio Pallini, medico, già delegato per la sanità del Comune di Parma, sportivi come Marco Osio, campione del Parma di Nevio Scala, oggi allenatore, esponenti dei comitati come Arturo Dallatana, notaio e fondatore del Comitato Cittadella per Parma e dell’Associazionismo giovanile, come Virginia Chiastra, presidente di Missione Parma.
Tra gli ex consiglieri comunali Mario Taliani e Stella Piazza, oggi presidente dell’associazione “Parma riparte dagli Animali”.
I quartieri sono rappresentati da Laura Salveti, di “Parma Futura Pablo”, Roberto Rossi, presidente CCV Parma Centro e Francesco Colacicco, presidente dell’associazione “Insieme per il Molinetto”
Fanno parte della lista anche molti medici, oltre a Pallini anche, Francesca Bocchi, Stefano Cagnolati, Lee Bitton, Giuseppe Magnani, Antonio Slawitz, presidente Snami.
Tra gli sportivi anche Paolo Peschiera, fondatore della Parma Marathon e gli ex pallavolisti Andrea Aiello, Diego Mario Nota, oggi imprenditore e Roberto Voltolini, allenatore di calcio.
Presenti i ristoratori Cristina Conti in Parizzi, presidente Impresa Donna di Confesercenti e Ettore del Picchia, gli imprenditori Cristina Zarotti, Paola Pellegri, Federico Giacomazzi e Raffaele Frigo, la commerciante Laura Salveti e gli artigiani Ilaria Scipioni e Matteo Gianforme.
In lista con Vignali anche la musicista Carla They e Gabriele Andreetti, ingegnere civile e presidente Club del Fumetto, l’agente di sicurezza Paola Conti, Luigi Tomaselli, lavoratore dipendente e gli studenti Matteo Barozzi e Filippo Donati.

TUTTI I NOMI DELLA LISTA
Matteo Barozzi 
Paola Conti 
Filippo Donati 
Luigi Tomaselli 
Fabrizio Pallini
Marco Osio
Arturo Dalla Tana
Virginia Chiastra
Andrea Aiello
Gabriele Andreetti
Matteo Barozzi
Lee Bitton
Francesca Bocchi
Stefano Cagnolati
Francesco Colacicco
Paola Conti
Cristina Conti in Parizzi
Ettore Del Picchia
Filippo Donati
Raffaele Frigo
Federico Giacomazzi
Matteo Gianforme
Carla Maria Detta Carla They
Giuseppe Magnani
Diego Mario Nota
Paola Pellegri
Paolo Peschiera
Stella Piazza
Roberto Rossi
Laura Salveti
Ilaria Scipioni
Antonio Slawitz
Mario Taliani
Luigi Tomaselli
Roberto Voltolini
Cristina Zarotti

 “Il benessere degli animali è a pieno titolo tra gli
obiettivi di una buona amministrazione, perché sono elemento importante
per la socializzazione e un aiuto per le persone, in particolare per
quelle più fragili, nell’alleviare stress, ansia, panico, come abbiamo
visto durante la pandemia, nei periodi di lockdown.  Anche su questo, a
Parma serve un deciso cambio di passo: presentiamo programma per fare di
parma una delle prime città con politica organica di convivenza uomo
animale”. Così Pietro Vignali, candidato sindaco civico all’incontro “Un
Comune amico degli animali” al quale sono intervenuti anche la deputata
Michela Vittoria Brambilla, presidente e fondatrice della Lega Italiana
Difesa Animali e Ambiente, Alberto Schianchi, veterinario e Stella
Piazza, presidente dell’Associazione “Parma riparte dagli animali”.
“Parma – aggiunge Michela Brambilla - sarà una città ancora più amica
degli animali con Pietro Vignali sindaco che ha già dimostrato di avere
veramente a cuore i diritti degli animali: un tema non di poco conto,
visto che circa la metà delle famiglie italiane, e quindi anche
parmigiane, ne ha uno. Il suo programma ha diversi punti importanti come
l’aiuto alle famiglie più bisognose che intendono adottare animali e il
rilancio del canile”.
Tra le priorità Vignali individua infatti “il canile, che era un
gioiello, è in uno stato di degrado. Deve essere rilanciato con
attrezzature sanitarie adeguate, servizi e medici veterinari
convenzionati reperibili, un sistema premiale per le adozioni, che
incentivate anche con la consegna, in base all’Isee, di mangime a prezzo
concordato, grazie a convenzioni con aziende di produzione locale”.
“E poi – prosegue - politiche mirate e stretta sinergia con associazioni
e mondo del volontariato, partendo da percorsi didattici nelle scuole:
così da far crescere negli adulti di domani la cultura di un corretto
approccio con gli animali. Perché non possiamo nasconderci che esiste il
fenomeno dell’abbandono e, per contrastarlo, pensiamo a una campagna di
microchip anche per i gatti, con i veterinari e all’uso di collari
geolocalizzati”.
“Vanno stimolati i comportamenti virtuosi dei proprietari di cani –
prosegue - per renderli sempre più consapevoli dei loro doveri, nel
rispetto della città e dei cittadini e far sì che diminuiscano incidenti
e cattive abitudini, come non raccogliere le deiezioni. Pensiamo a un
patentino finale che consenta agevolazioni a livello assicurativo. La
città dovrà essere dotata di adeguati punti ristoro per gli animali”.

Giovedì, 12 Maggio 2022 05:31

Anche il Bel Paese ha la sua Vaccine Valley

Di Gloria Callarelli 9 maggio 2022 (da “ricognizioni”) - Una volta si diceva segui i soldi. Oggi nella società del post Covid, per capire chi si trova nella cabina di regia delle scelte politiche, si dovrebbe dire “segui il farmaco”.

Mercoledì, 11 Maggio 2022 15:31

Tommaso contro l’eresia «neoparmenidea»

Di Daniele Trabucco (*) Belluno, 11 maggio 2022 - Un concetto fondamentale della teologia cattolica è la creatio ex nihilo, o meglio la creazione libera e dal nulla da parte di Dio di tutto ciò che esiste. Il salmo 32 descrive in maniera sublime questa verità di fede: «Egli parla e tutto è fatto, comanda e tutto esiste».

“Anche a Parma, due anni di pandemia hanno fatto
emergere i punti deboli della sanità: bisogna rafforzare la medicina di
territorio potenziando l’assistenza domiciliare, intervenendo sulle
liste d’attesa, valorizzando i medici di famiglia, sviluppando le
Comunità di quartiere, istituendo un fondo sanitario a supporto delle
persone meno tutelate. Anche se la Sanità è di competenza regionale, il
sindaco è la massima autorità sanitaria e ha delle responsabilità verso
la qualità dei servizi che ricevono i cittadini. Istituiremo un
assessorato alla Sanità”. Così Pietro Vignali, presentando il suo
manifesto della sanità con Fabrizio Pallini, medico chirurgo e capolista
nella lista civica di Vignali e Antonio Slawitz, presidente provinciale
Snami (Sindacato nazionale autonomo medici italiani) e Lee Bitton,
medico, già direttore Avis comunale.
“Parma – ha proseguito Vignali – dovrebbe essere maggiormente
considerata dalla Regione: ne è prova il fatto che due strutture
strategiche come Pronto Soccorso e Ospedale del Bambino si sono potute
realizzare grazie al contributo straordinario del Governo, la prima e di
imprenditori privati, la seconda”.
“Bisogna garantire percorsi assistenziali al passo con i tempi e
proporzionati ai bisogni della comunità. Per questo il sindaco può
esercitare un ruolo di coordinamento, ponendosi come intermediario tra
le Aziende Sanitarie e la medicina territoriale con attività di stimolo,
indirizzo e controllo – ha spiegato Vignali”.
Per il candidato sindaco è prioritario ridurre i tempi di risposta al
cittadino: “In primo luogo accorciare le liste d’attesa, coinvolgendo il
privato e il privato sociale e poi sviluppare e co-finanziare le
“Comunità di quartiere”, garantendo la continuità assistenziale su 12
ore, secondo un approccio multi-disciplinare. Il numero dei medici di
famiglia e pediatri di libera scelta va incrementato. Il nostro intento
è di valorizzare le professionalità e creare équipe di cura con
specialisti e medici di famiglia che devono essere sgravati dal peso
della eccessiva burocrazia. Sempre nell’ottica di ridurre i tempi di
risposta e alleggerire la pressione sul Pronto Soccorso intendiamo
potenziare l’assistenza domiciliare”.
“Gli anni della pandemia – ha aggiunto Fabrizio Pallini - hanno
allungato i tempi di intervento. Le persone si sono viste cancellare
visite, cure oncologiche e interventi chirurgici. Noi pensiamo a un
sistema per rimettere al centro la prevenzione primaria e l’educazione
sanitaria per aiutare i cittadini ad adottare corretti stili di vita,
con punti d’incontro nei quartieri, compresi quelli dedicati al sostegno
psicologico e di intercettazione del disagio. Una corretta
pianificazione è necessaria per non farsi trovare impreparati, come è
accaduto nel 2020”.

Quando la città è sicura, curata, piena di eventi e gli spazi sono occupati da attività e persone, è viva, vitale, produttiva e c’è meno insicurezza”. Così Pietro Vignali, candidato sindaco civico all’incontro con Ascom e Confesercenti, dove ha presentato il manifesto per il commercio

 3 maggio: Giornata mondiale della libertà di stampa. Per l’Italia una débâcle annunciata. In un anno sprofondati di 17 posizioni.  Dal 41esimo posto del 2020 al 58esimo del 2021. Che per caso conti il fatto che da quasi tre anni, dalla pandemia alla guerra in Ucraina, i mass media e i loro massmediologi suonano tutti la stessa campana più e più volte al giorno e infanghino chi è di diversa opinione?

Di Daniele Trabucco (*) Belluno, 8 maggio 2022 - Il grande politilogo e sociologo inglese, Colin Crouch, ha pubblicato, nel 2003, la sua celebre opera intitolata "Postdemocrazia" nella quale rilevava come la democrazia fosse avviata a diventare l'ombra di sé stessa.

Di Daniele Trabucco (*) Belluno, 2 maggio 2022 - Il pensiero filosofico cristiano deve fare i conti con la ferrea ontologia di Parmenide di Elea.

Domenica, 01 Maggio 2022 08:56

Platone ha compiuto davvero il parmenicidio?

Di Daniele Trabucco (*) Belluno, 1 maggio 2022 - L'essere è ed il non-essere non è.

Domenica, 01 Maggio 2022 06:38

1° maggio 2022 - Festa calpestata!

“Articolo 1” - Primo articolo della Costituzione o nome del Partito del Ministro della Salute, Roberto Speranza? L’uno opposto all’altro. 

Di Daniele Trabucco (*) Belluno, 30 aprile 2022 - L'età moderna, a partire dal pensiero di Cartesio (1596-1650) con l'affermarsi del primato del soggetto sull'oggetto e con il venir meno della identità tra pensiero ed essere, tra pensiero e realtà, porta sempre più ad ignorare il diritto naturale classico.

Parma, 29 aprile 2022 -“I giovani sono stati poco considerati dall’attuale amministrazione, lasciati senza opportunità e visione del futuro. Oggi lanciamo il manifesto ‘I Giovani al Centro della Città’, per una Parma bella, orgogliosa e amata dai suoi giovani, che sono i cittadini del presente, ma ancor più del futuro”, dice Virginia Chiastra,

Di Daniele Trabucco (*) Belluno, 1 maggio 2022 - Piero Calamandrei (1889-1956), fondatore del Partito d’azione, in occasione della discussione in Assemblea Costituente sull’art. 49 della Costituzione, ebbe a sostenere «…una democrazia non può esser tale, se non sono democratici anche i partiti in cui si formano i programmi e in cui si scelgono gli uomini che poi vengono esteriormente eletti coi sistemi democratici».

L'operazione speciale avviata dalla Federazione Russa in Ucraina a partire dal 24 febbraio 2022 ed il crescere della tensione a livello internazionale stanno portando ad un vero e proprio problema energetico che va ad affiancarsi alla (infinita) emergenza sanitaria con l'istituto giuridico della certificazione verde Covid-19 che, dal 01 maggio 2022, sarà solo sospeso.

Martedì, 26 Aprile 2022 07:39

Il dramma del pensiero moderno "ateo"

Di Daniele Trabucco (*) Belluno, 26 aprile 2022 - All'inizio del pensiero moderno (Cartesio) più che il cogito, c’è il dubbio (metodico ed iperbolico), o meglio c’è la scelta di iniziare dal proprio atto, da sé come atto. Detto in altro modo, non si parte dalla coscienza, ma dal porre della coscienza.

Pagina 1 di 38