Visualizza articoli per tag: lavoro

L'assessore Rabboni: "Risorse rese disponibili grazie ad economie di precedenti bandi". Ecco il riparto per Provincia

Bologna, 10 febbraio 2014

Nuove risorse dalla Regione per l'ammodernamento delle aziende agricole in tutto il territorio emiliano-romagnolo. Si tratta di oltre 5,2 milioni di euro che permetteranno di finanziare parte delle domande in lista di attesa nelle graduatorie provinciali relative alla misura 121 del Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013. Potranno essere finanziati la realizzazione o la ristrutturazione di immobili aziendali così come l'acquisto di macchinari, attrezzature e impianti.

Dati


"Il nuovo plafond - spiega l'assessore regionale all'Agricoltura Tiberio Rabboni – è stato reso possibile dalla scelta della Regione di chiedere a Bruxelles una modifica del Programma di sviluppo rurale 2007-2013 per dirottare sugli investimenti aziendali economie da precedenti bandi, pari a 10 milioni di euro. Con circa 4,8 milioni euro abbiamo finanziato le domande presentate dai giovani agricoltori. Con le risorse rimanenti finanziamo ora le domande in graduatoria presso le singole Province".

Le risorse sono già state attribuite alle singole amministrazioni provinciali che stanno provvedendo alle assegnazioni.


(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)


Costituito un gruppo di imprenditori dell'area alluvionata, col fine di confrontarsi rapidamente e in modo continuativo riguardo le esigenze delle imprese colpite: "Vogliamo andare avanti, non siamo più disposti al silenzio ed esigiamo risposte in tempi rapidi" -

Modena, 7 febbraio 2014 -

"Fare in fretta, perché la situazione è gravissima!". E' quanto è emerso forte e chiaro, ieri sera a Bomporto, in occasione dell'incontro voluto da Rete Imprese Italia Modena – che raccoglie le Associazioni Ascom-Confcommercio Fam, CNA, Confesercenti e Lapam-Confartigianato - con gli imprenditori dei comuni alluvionati. Un grido rivolto alle istituzioni, soprattutto al governo. "In fretta, senza ripetere gli errori compiuti col sisma - hanno ribadito più volte – e che si intervenga affinché non accada mai più".

Esaurita la sala, e ben oltre il centinaio i presenti, imprenditori di tutte le categoria, dal commercio, al manifatturiero, dai servizi agli esercizi pubblici all'artigianato, non esitato in avvio di serata a manifestare il disappunto di chi a causa della situazione creatasi e malgrado la pronta reazione, si trova ancora oggi in forte difficoltà. "Crisi, sisma e ora l'alluvione: "Le imprese sono stremate"; "Non ci arrendiamo, riapriremo ed alcuni anche dopo mesi ma a che prezzo?"; e ancora: "Si fatica a percepire quello che stiamo vivendo che è di gravità estrema"; "Occorrono risposte certe per i danni che abbiamo subito"... e non sono e alcune delle riflessioni emerse nel corso ella serata.

Riflessioni che Rete Imprese ha fatto proprie, garantendo il massimo impegno "Ci siamo attivati immediatamente – ha esordito Massimo Silingardi il presidente di Confesercenti Modena, portavoce attuale di Rete Imprese Italia per il territorio – fornendo alle imprese sostegno ed informazioni utili ad affrontare il disastro. Ma soprattutto è nostra intenzione sostenere i bisogni e le esigenze degli imprenditori colpiti e di fronte alle istituzioni, Provincia, Regione e il Governo. C'è necessità urgente di risposte perché queste aziende si trovano a far ei conti con gli effetti combinati di crisi, sisma e adesso anche dell'alluvione devastante. Loro e noi non siamo più disposti ad ammettere omissioni e negligenze nella gestione dell'emergenza; e nemmeno di sottovalutazione della portata di questa ennesima catastrofe come del bisogno di risorse e attenzione che meritano imprese e territorio".

"E' imprescindibile, urgente e necessaria, per la zona colpita l'istituzione di una fiscalità di vantaggio – ha poi proseguito Giorgio Vecchi vice-presidente territoriale di Ascom-Confcommercio Fam Modena - Un regime cioè che per un congruo periodo di tempo consenta una riduzione della pressione fiscale sulle imprese e con una progressione dell'incidenza delle imposte che consenta una ripartenza veloce. Misura indispensabile per l'area dell'alluvione, su cui ci confronteremo sia con la Regione che con i Parlamentari modenesi per concordare le misure più confacenti alle necessità delle imprese, a partire dalla sospensione del pagamento di imposte e contributi ben oltre il 31 luglio 2014, prevedendo al termine del periodo di sospensione, una rateizzazione di almeno 3 anni di quanto dovuto. E non mancheremmo di rivolgerci anche agli istituti bancari per ottenere condizione di credito agevolato. Mentre abbiamo già chiesto un incontro urgente con l'ABI e per la sospensione dei mutui in scadenza e senza che questo incida sul merito creditizio delle imprese ".

"Quindi sarà importante – ha sottolineato Erio Luigi Munari, presidente di Lapam-Confartigianato di Modena e Reggio Emilia - Comprendere le ragioni di quanto è successo e individuare eventuali responsabilità. Positiva quindi la costituzione di un comitato scientifico volto ad accertare le cause del cedimento dell'argine del Secchia; come pure l'inchiesta avviata dal Procuratore Zincani che se porterà all'apertura di un procedimento giudiziario verso i soggetti preposti al controllo ed alla manutenzione degli argini ci vedrà costituire Parte civile. Al fine di ottenere un giusto risarcimento dei danni materiali e morali cagionati alle imprese ed agli imprenditori. Il nodo idraulico modenese va messo in sicurezza al più presto in modo che simili catastrofi non si ripetano".

"Da parte nostra – ha poi concluso Umberto Venturi presidente di CNA Modena - ci sarà tutto l'impegno disponibile per non lasciare nulla di intentato e per ottenere risposte celeri. Continueremo a confrontarci in modo costante con Provincia e Regione come stiamo facendo e se sarà il caso intensificheremo gli incontri. Lo stesso varrà anche con quelli relativi ai parlamentari modenesi di tutti gli schieramenti dato che sulla questione vogliamo la massima attenzione. Mentre non mancheremo di sensibilizzare le nostre Associazioni nazionali sulla grave questione modenese già a partire dalla mobilitazione del 18 febbraio prossimo a Roma. infine cosa più importante intensificheremo il rapporto con le imprese colpite dall'alluvione in modo costante al fine di interpretare correttamente le loro necessità".

Proposito questo che ha già trovato forma nella serata di ieri. Al termine è stato infatti costituito ad opera di Rete Imprese Modena un gruppo di quattro imprenditori locali con l'obiettivo di: essere un punto di riferimento per tutti gli altri dell'area, e quello di avere un confronto veloce, costante e continuativo riguardo le esigenze e le necessità di tutte le imprese colpite.

(Fonte: RETE Imprese Italia)

 

Giovedì, 06 Febbraio 2014 18:03

L’Europa che vorremmo e che ancora non c’è

L' intervento del Presidente CNA Nunzio Dallari sull'Unione Europea: sulla nuova procedura di infrazione avviata dalla Commissione Europea, per la violazione della direttiva comunitaria sui tempi di pagamento della PA italiana, e sul "progetto Europa" -

Reggio Emilia, 6 febbraio 2014 -

Di Nunzio Dallari, Presidente provinciale CNA -

Una nuova scure incombe sull'Italia. Il vicepresidente della Commissione Europea Antonio Tajani ha avviato la procedura di infrazione per la violazione della direttiva comunitaria che regola i tempi di pagamento della pubblica amministrazione. I 30 giorni imposti per legge sono ben lontani dalla triste realtà nel nostro paese: la media delle amministrazioni italiane per pagare le aziende fornitrici di beni e servizi è di ben 170 giorni contro una media europea di 61.

Verrebbe da dire che è giusto punire un comportamento così penalizzante per le imprese che hanno problemi di liquidità e di accesso al credito, se non fosse che, se confermata, la sanzione finirà per colpire due volte le stesse vittime, ovvero i contribuenti (tra cui le aziende creditrici) che dovrebbero sborsare all'incirca 4 miliardi di euro solo di mora.

L'ingresso nell'Unione Europea e l'apertura dei confini doveva servire per facilitare lo scambio di persone, beni e servizi, e creare una potenza in grado di avere un peso nell'economia mondiale, ma alla luce della pesante crisi che sta attraversando il nostro Paese e delle nette differenze nell'economia e nel mercato del lavoro che ci sono da uno Stato membro all'altro, mi chiedo: non è che abbiamo creato un mostro?

Pensando al sogno Europa, ancora oggi constatiamo che non c'è reciprocità tra l'Unione Europea e gli stati Membri: siamo reclusi alla mera esecuzione di norme europee con tempi e modalità diverse da paese e paese, con la creazione conseguente di una sorta di "concorrenza sleale legalizzata".

Perché all'interno della stessa comunità ci sono costi completamente diversi sul lavoro che generano concorrenza interna? È come generare una concorrenza sleale ma legalizzata dal sistema, che sta diventando una trappola per la nostra economia. Siamo partiti con il progetto Europa senza pensare a regole che evitassero di generare scompensi nella stessa comunità, riusciremo a rimediare o il sistema imploderà? Non meravigliamoci se le nostre aziende si trasferiscono in altri Stati con una pressione fiscale più bassa, politiche del lavoro efficienti e una burocrazia semplificata.

Le aziende hanno l'obbligo morale di creare occupazione e favorire lo sviluppo del territorio, ma se tanti imprenditori reggiani e italiani si trasferiscono chiediamoci il perché, chiediamoci anche perché gli investitori stranieri sono attratti dall'Italia se non per poche e specializzate produzioni. La politica sta correndo dei rischi enormi rinviando misure incisive e tempestive per favorire il rilancio dei consumi e degli investimenti. Basta con le ideologie personali e di bottega: abbiamo tutti, cittadini e politici, il dovere di dare il nostro contributo con responsabilità per fare ripartire la nostra economia.

Cerchiamo di sfruttare il vantaggio di essere parte di una grande comunità con un enorme potenziale. Come ha detto ieri il presidente Napolitano "si può essere europeisti critici, senza mettere in discussione i capisaldi dell'impianto della UE". Il fatto che il progetto Europa sia stato creato partendo dalla "coda" anziché dalla testa, non è un buona ragione per buttarlo. Occorre valorizzarne le potenzialità cercando di abbatterne velocemente i limiti.

Dobbiamo imparare a fare rete superando i campanilismi. Prendiamo ad esempio la nostra realtà: la promozione dell'aeroporto di Parma a scalo di interesse nazionale è un successo per l'area vasta Emilia. E' una notizia su cui lavorare per collegare due infrastrutture importanti come la stazione Mediopadana di Reggio e l'aeroporto di Parma per allargare il bacino di utenti e favorire l'incoming anche in vista dell'Expo 2015.

Se uniamo le parti nel modo giusto, invece di un mostro potrebbe nascere una grande opportunità. Ma facciamo presto. Le imprese ne hanno bisogno.

(Fonte: ufficio stampa CNA RE)

 

L'Associazione: "Passi avanti nella prevenzione, ma il monitoraggio del territorio resta indispensabile, specie a ridosso degli orari più sensibili" -

Modena, 6 febbraio 2014 -

"Allibiti e sconcertati di fronte all'ennesimo furto messo a segno notte tempo. Doppiamente in questo caso, se consideriamo oltre alla razzia, anche l'ammontare dei danni che i malviventi hanno causato all'esercizio in questione. La nostra solidarietà e vicinanza all'esercente colpito. Ma riteniamo utile rilevare come la preoccupazione sta montando sempre di più tra gli operatori del commercio e tra tutti i piccoli imprenditori del distretto". Confesercenti Area di Sassuolo, tiene a sottolineare l'inquietudine che serpeggia tra i negozianti e non solo l'indomani del deplorevole episodio accaduto in città: la spaccata e la devastazione subita dal Bar Terminal, nei pressi della stazione dei treni, ad opera dei malviventi.

"Riconosciamo lo sforzo profuso dagli agenti delle forze dell'ordine in termini di prevenzione, intervento e repressione del crimine, come pure i risultati fino a qui raggiunti. Nell'auspicare quindi che gli autori del furto al bar siano assicurati alla, giustizia al più presto, continuiamo a ritenere fondamentale il monitoraggio del territorio, esteso all'arco dell'intera giornata, a maggior ragione però durante le ore notturne e a ridosso di quelli che sono gli orari più sensibili, quali quelli di apertura e chiusura degli esercizi commerciali", conclude Confesercenti.

(Fonte: ufficio stampa Confesercenti Modena)

 

Nonostante sia stata introdotta la legge regionale che dal primo gennaio disciplina la categoria, c'è chi si sente tutelato e chi la ritiene troppo vessatoria -

Parma, 6 febbraio 2014 -

Continua a far discutere il problema degli hobbisti e la loro collocazione in ambito lavorativo.
Oggetti ricercati e collezioni passate, frutto di una passione che si trasforma in lavoro, rendono il mondo dell' hobbismo molto complesso e difficilmente inquadrabile.
Purtroppo non è servita a placare le polemiche, la legge regionale che è stata introdotta dal primo gennaio di quest'anno e che impone un tesserino identificativo del costo di 200 euro e le precise modalità per partecipare alle manifestazioni, tra cui un tetto massimo di dieci partecipazioni annuali.
Questa legge, come normale che sia, divide gli animi tra chi si sente tutelato e chi invece ritiene che sia troppo costrittiva e abbia portato ad una diminuzione dei partecipanti ai mercatini che animano le città. C'è inoltre, chi chiede ai comuni di applicarla come ANVA - Confesercenti, lamentando come alcune Amministrazioni ancora non l'abbiano attuata e come questo crei concorrenza sleale, che aggravata dalla crisi in atto, abbia portato un forte calo nella categoria di commercianti su area pubblica nel corso del 2013, con punte a Modena (-47), Bologna (-35), Parma (-22), Reggio Emilia (-20) e Piacenza (-19).
Di contro c'è chi, come Mauro Melli consigliere di Novellara della Lega Nord denuncia la perdita di attrattività del consueto "mercatino del passato" che da tanti anni si svolge a Novellara alla prima domenica del mese, in cui i banchi continuano a diminuire e propone di rendere gratuito lo spazio, rinunciando all'entrata per le casse comunali. Melli si rende disponibile inoltre, a condividere ed approvare una mozione che inviti la Regione a modificare la predetta legge, rendendola meno vessatoria nei confronti degli hobbisti.

 

Pubblicato in Lavoro Emilia

L'assessore regionale Muzzarelli: "Sosteniamo la voglia di imprenditorialità dei giovani, per consentire che le loro idee diventino qualcosa di concreto e produttivo premiando quelle realtà ad alto contenuto di conoscenza capaci di generare sviluppo e nuova occupazione stabile e di qualità" -

Bologna, 5 febbraio 2014 –

Prosegue l'attività della Regione per sostenere in Emilia-Romagna iniziative di ricerca e sviluppo rivolte alle imprese, alle strutture di ricerca e innovazione della rete Alta Tecnologia. Anche per il 2014, in continuità con l'anno appena passato, viale Aldo Moro punta risorse e opportunità su Spin-off tecnologici, incubatori d'imprese e start-up ma anche proposte (tra cui l'avvio del laboratorio sui materiali innovativi per il biomedicale che si insedierà a Mirandola) ed agevolazioni per la realizzazione delle attività di ricerca nell'area del sisma.
«Più ricerca, più occupazione. È questo – ha sottolineato l'assessore regionale alle attività produttive Gian Carlo Muzzarelli - uno dei principali obiettivi della Regione per il 2014. Stiamo consolidando una "messa in campo" di una ampia gamma di opportunità, offerte ed anche risorse per l'economia emiliano romagnola per rispondere alla voglia di intraprendere e di futuro che hanno le imprese». Inoltre Muzzarelli ha aggiunto che «puntiamo a sostenere la voglia di imprenditorialità dei giovani, per consentire che le loro idee diventino qualcosa di concreto e produttivo premiando in modo particolare quelle realtà ad alto contenuto di conoscenza capaci di generare sviluppo e nuova occupazione stabile e di qualità. È proprio con l''innovazione e la ricerca che si generano sviluppo e nuove imprese».


Spin-off tecnologici
Il bando degli spin-off tecnologici è stato prorogato al 31 marzo 2014: ad oggi sono state approvate 10 domande, per un investimento complessivo di 1 milione e 638 mila euro ed un contributo regionale di 975 mila euro.


Incubatori d'imprese
Conclusa la manifestazione di interesse per la realizzazione di incubatori e infrastrutture/iniziative per la creazione di imprese promosse da enti locali in collaborazione con Centri per l'innovazione: si tratta di 13 proposte che coinvolgono l'intero territorio dell'Emilia-Romagna e prevedono investimenti per 10 milioni e 400 mila euro e un contributo regionale di 5,2 milioni: l'avvio dei progetti è previsto a partire dalla metà del 2014.


Horizon 2020
È stata approvata la manifestazione di interesse aperta ad imprese e strutture di ricerca per sostenere la partecipazione ai bandi di Horizon 2020, il programma della ricerca e innovazione dell'Ue avviato l'11 dicembre scorso con l'emanazione dei primi bandi. Per sostenere i ricercatori dei laboratori della Rete Alta Tecnologia che si impegneranno nella progettazione su Horizon 2020, la Regione ha aperto il 3 febbraio 2014 un bando che prevede un contributo fino a 30 mila euro per ogni progetto presentato in qualità di partner, elevabile fino a 60 mila euro nel caso in cui il laboratorio sia leader del progetto. Ai progetti dovrà necessariamente partecipare almeno una impresa della regione.


Imprese in area sisma
Tre sono le proposte approvate per la realizzazione delle attività di ricerca destinate alle aree del sisma. Una riguarda il programma di ricerca per l'avvio del laboratorio sui materiali innovativi per il biomedicale che si insedierà a Mirandola nella infrastruttura provvisoria in fase di completamento all'interno del polo scolastico dove sono ospitati gli Istituti Galilei e Luosi. L'iniziativa promossa e coordinata dalla Fondazione Democenter-Sipe prevede, oltre all'installazione di attrezzature tecnico scientifiche, l'impiego di 20 ricercatori a tempo pieno che opereranno sotto il coordinamento scientifico dell'Università di Modena e Reggio Emilia in collaborazione con altri laboratori della rete e con due unità ospedaliere (Modena e S. Orsola Bologna). Il contributo riconosciuto è pari a 3,8 milioni di euro a fronte di 4 milioni e 250 mila euro di spesa prevista.
Le altre due proposte integrano programmi di ricerca della piattaforma edilizia e costruzioni e riguardano attività di ricerca sperimentale relativa alle tecnologie anti-sismiche applicabili nei processi di ricostruzione sia in ambito industriale che civile e delle infrastrutture; è previsto il coinvolgimento di 12 ricercatori e la sperimentazione dei risultati entro giugno 2015. Il contributo previsto per ciascuna delle due iniziative, promosse rispettivamente dal Centro Interdipartimentale dell'Università di Bologna e dal Consorzio Ricos con sede a Bologna è pari a 405 mila euro a fronte di una spesa prevista pari a 450 mila euro.
Parallelamente è stato aperto, con l'Ordinanza n. 109/2013, il bando relativo alla concessione di agevolazioni per la realizzazione delle attività di ricerca nell'area del sisma: la prima finestra relativa all'acquisizione di servizi di ricerca si è conclusa il 13 novembre e ha visto 78 domande da parte delle imprese per un investimento stimato di 6 milioni e 163 mila euro e un contributo richiesto di oltre 4 milioni. L'approvazione della graduatoria degli ammessi e la concessione dei contributi (un tetto massimo di 100 mila euro per domanda) sono previsti entro la metà del mese di febbraio.
Un secondo bando, per progetti di ricerca collaborativa rivolta alle piccole e medie imprese, si è chiuso nel dicembre scorso ed ha visto la partecipazione di 152 imprese per un investimento in attività di ricerca e sviluppo pari a 71,9 milioni di euro e un contributo richiesto di 31,6 milioni di euro con un tetto massimo di contributo per ogni domanda di 500 mila euro. La valutazione si concluderà a marzo e le attività di ricerca dovranno concludersi nei 24 mesi successivi.
È tuttora aperto il bando per le domande relative a progetti di ricerca associati a programma di crescita e sviluppo delle imprese. Le domande potranno essere presentate fino al 6 febbraio 2014 con un tetto massimo di contributo di un 1 milione di euro elevabile fino a 4 milioni in caso progetti che prevedano un forte impatto occupazionale.

(fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

 

Pubblicato in Comunicati Lavoro Emilia

Dall'Emilia Romagna migliaia di imprenditori associati a CNA, CONFARTIGIANATO, CONFCOMMERCIO e CONFESERCENTI alla manifestazione indetta a livello nazionale da Rete Imprese Italia -


Bologna, 5 febbraio 2014 -

Le imprese emiliano romagnole si mobilitano. Stanche di vedersi "rubare" il futuro, di lavorare in condizioni di continua incertezza, strozzate da una fiscalità intollerabile, inascoltate dalla classe politica, esasperate di sentirsi raccontare che la crisi è ormai finita, le piccole e medie imprese della nostra regione associate a CNA, CONFARTIGIANATO, CONFCOMMERCIO e CONFESERCENTI parteciperanno alla manifestazione nazionale "Senza imprese non c'è Italia. Riprendiamoci il futuro", organizzata da Rete Imprese Italia, per il 18 febbraio, a Roma. Tra loro, anche gli imprenditori delle aree emiliano-romagnole colpite prima dal terremoto, poi dall'alluvione.
Sono diverse migliaia i commercianti e gli artigiani dell'Emilia Romagna che, con pullman e treni, si mobiliteranno per raggiungere Roma, dove si svolgerà la manifestazione. Parteciperanno per far sentire la loro voce, per chiedere azioni immediate, per affrontare una situazione che è diventata ormai insostenibile.
Nella classifica della Banca Mondiale sulla facilità di fare impresa, l'Italia è al venticinquesimo posto tra i 28 paesi dell'Unione Europea: per i soli adempimenti fiscali sono necessarie 269 ore l'anno per un totale di 34 giorni lavorativi: 13 giorni in più rispetto alla media europea, 10 rispetto alla media dei paesi Ocse;il livello di imposizione fiscale sui profitti d'impresa nel 2013 è stato del 65,8%, oltre 20 punti sopra la media europea. La conseguenza è che nei primi 9 mesi del 2013 complessivamente hanno chiuso i battenti 277mila attività, e il 40% delle nuove imprese non supera il quarto anno di vita. Tutto ciò non è più ammissibile.
Quello delle piccole e medie imprese – ricordano CNA, CONFARTIGIANATO, CONFCOMMERCIO e CONFESERCENTI della regione – è il tessuto produttivo più esteso del nostro Paese e ha, da sempre, contribuito alla ricchezza e allo sviluppo dell'Italia. Rappresenta in Europa un caso unico per la sua diffusione e solidità, a cui si unisce l'elevata qualità dell'offerta. Per questo motivo è tanto importante salvaguardare questo patrimonio, la cui tenuta è determinante per il futuro dell'intera economia.
La manifestazione del 18 febbraio sarà inoltre l'occasione per presentare un manifesto contenente proposte concrete per un reale cambiamento economico e sociale.

(Fonte: ufficio stampa CNA Regionale)

 

Garantite la libertà di scelta dei consumatori e la libera concorrenza nel mercato delle autoriparazioni -

Reggio Emilia, 5 febbraio 2014 -

CNA Reggio Emilia esprime soddisfazione per l'importante vittoria raggiunta in materia rc auto: l'articolo 8 che di fatto consegnava l'esclusiva delle riparazioni alle compagnie assicuratrici è stato stralciato dal decreto "Destinazione Italia".

Nella nota dell'Associazione di via Maiella si legge che: "L'impegno e il lavoro assiduo delle associazioni nazionali dei carrozzieri, tra cui CNA in prima linea, ha prodotto il risultato atteso e sperato da migliaia di carrozzieri per la sopravvivenza delle carrozzerie indipendenti".

"Le tantissime iniziative – continua CNA - sia a livello nazionale, come la mobilitazione a Roma del 15 gennaio scorso, che territoriale, come l'Assemblea Generale organizzata dalle CNA e Confartigianato di Reggio, Modena, Parma e Piacenza, hanno permesso di spiegare le ragioni e far sentire la voce di una categoria già duramente penalizzata dalla crisi e che non poteva permettersi di vedersi negata la libera concorrenza nel proprio mercato".

"In questo modo verrà garantita la libertà di scelta del consumatore che potrà scegliere in totale autonomia a quale carrozzeria di fiducia recarsi in caso di sinistro e non saranno tagliate fuori le autofficine non convenzionati con le Assicurazioni. È un successo collettivo che dimostra come sia possibile raggiungere risultati importanti seguendo la via del dialogo e del confronto con le istituzioni e le parti sociali".

(Fonte: ufficio stampa CNA RE)

 

Giovedì 6 febbraio tutte le risposte nell'ultimo incontro con Giorgio Ziemacki -

Reggio Emilia, 4 febbraio 2014 -

Dopo aver approfondito le strategie e l'organizzazione di un'impresa vincente, giovedì 6 febbraio dalle 18.15 alle 20 presso la sede provinciale CNA in via Maiella 4, il professor Giorgio Ziemacki, Docente e Consulente di Organizzazione Aziendale e Controllo di Gestione, affronterà il tema di una gestione aziendale di successo concludendo il ciclo di incontri dedicati a: "L'impresa vincente, strumenti e azioni per essere leader" promosso da Industrie Emiliane Unite, in collaborazione con il Gruppo Giovani Imprenditori e CNA Servizio Estero.

Nel terzo incontro si parlerà di alcuni aspetti importanti della gestione aziendale per ottenere risultati eccellenti come la comunicazione, la condivisione degli obiettivi e la gestione dei collaboratori, incentrando la serata sull' importanza delle persone, da motivare e formare per ottenere ottime performance in termini di risultati.

"Nei precedenti appuntamenti – sottolinea il Presidente di Industrie Emiliane Unite, Ing. Carlo Intermite – il prof. Ziemacki ha portato alla luce i punti di forza e debolezza su cui intervenire per uno sviluppo consapevole della propria azienda. Conoscere le dinamiche e gli effetti di tre elementi importanti quali strategie, organizzazione e gestione e sapere dove intervenire e con quali azioni può essere un vantaggio competitivo enorme che CNA ha voluto mettere a disposizione degli imprenditori per favorire, come sempre, la crescita delle pmi e delle imprese industriali".

"Continueremo - ha concluso il Presidente Intermite – a promuovere una formazione costante in grado di migliorare l'approccio al mercato, favorendo la cultura di impresa, approfondendo le regole imposte dal mercato globale con un occhio di riguardo alle opportunità da sfruttare per un business intelligente".

Per ragioni organizzative, è gradita conferma di partecipazione a Daniela Nasi, tel. 0522 356380, fax 0522 356381, e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., o Ughetta Fabris, CNA Giovani Imprenditori Provinciale, Tel. 0522 356366 Fax 0522 356351.

(Fonte: ufficio stampa CNA RE)

 

Martedì, 04 Febbraio 2014 11:47

Reggio Emilia: la crisi colpisce duro

Il 2013 è stato sicuramente l'annus horribilis dell'imprenditoria locale

Reggio Emilia, 4 febbraio 2014 - La crisi è fatta anche di numeri. E quelli che riguardano le procedure concorsuali – fallimenti, concordati, liquidazioni coatte e amministrazioni straordinarie – delle imprese reggiane parlano di una provincia ferita, che ancora non riesce a riprendersi. Anzi.

Basta una rapida lettura dei dati raccolti nel Portale dei fallimenti del tribunale di Reggio Emilia per capire che la situazione è sempre più nera. Infatti, se negli anni precedenti si era assistito a un aumento progressivo delle procedure concorsuali, il 2013 è stato sicuramente l'annus horribilis dell'imprenditoria locale.

Tanto per capire: le procedure concorsuali aperte nel 2009 ammontavano a 120, nel 2010 erano 133, l'anno successivo 146, mentre nel 2012 il tasso di crescita era addirittura diminuito e in totale erano arrivate a 153. Poi, l'anno scorso, la svolta. Un aumento pari al 45%, che le ha portate a quota 225. Ma cosa è successo all'economia reggiana? Da cosa deriva questo tracollo?

In parte, sicuramente, dalla crisi dell'edilizia. E di tutti quei settori che ne compongono la filiera. Come la Vasart, con sede a Puianello, una frazione del comune di Quattro Castella. Fondata nel novembre del 1984 da Gianni Gozzi, che ne è rimasto amministratore unico per lungo tempo, la società si occupa della produzione e commercio di prefabbricati in cemento, vasi, arredo urbano, articoli da giardino e per la casa, manufatti per l'edilizia. Come si legge sul sito internet della Vasart, l'azienda conta 3.000 mq di superficie coperti, su un'area complessiva di 25.000 mq. Dimensioni non da poco.

"Il catalogo arredo urbano conta oltre 400 referenze – spiega infatti una sezione del sito - articolate in una quindicina di tipologie, in grado di offrire soluzioni ecocompatibili di alto profilo qualitativo e funzionale per ogni contesto ambientale: dal recupero e riqualificazione di centri storici, agli ambienti ad alta vocazione paesaggistica e turistica, dalle volumetrie nette dei complessi direzionali alle aree verdi attrezzate, dalle nuove esigenze d'immagine dell'impresa agli insediamenti abitativi, sino alle piazze dei centri commerciali e ai grandi luoghi di scambio e di flusso: stazioni, terminal, autostrade".

Insomma, un'azienda che non ha mai avuto problemi ad affrontare grandi commesse, che ha lavorato con diverse amministrazioni pubbliche di tutta Italia e società di rilievo come appunto Autostrade spa e Ferrovie dello Stato, ma anche con Nestlè e Costa Crociere. E che fino all'ultimo ha provato a fare innovazione, ma sempre con un occhio all'ambiente. Come con la panchina in ecocemento a base di scarti vetrosi, inaugurata lo scorso giugno al parco San Giovanni Bosco a Modena. La seduta – nata da una partnership con l'Università di Modena e Reggio, Anci e Comune di Modena - permette di sfruttare quei frammenti di vetro non più riciclabili.
Nel 2008 Vasart tocca il picco massimo di fatturato e assume altri tre dipendenti. Ma la crisi è alle porte. Nel 2009 si avverte già un consistente calo del settore edile. Il trend non migliora nel 2010, e allora l'azienda ricorre alla cassa integrazione. Nel 2011 l'azienda prova a ripartire puntando su ciò che sa fare meglio, ovvero gli arredi urbani. Ingaggia un direttore commerciale, che dal mese di marzo inizia ad affiliare vari rivenditori in tutta Italia. La possibilità di risollevare il fatturato spinge quindi la Vasart ad aggiornare il suo catalogo con nuovi prodotti, che vedranno la luce nell'aprile 2013.

Tuttavia, nello stesso momento, il settore dei prefabbricati per l'edilizia tocca il fondo, determinando un calo complessivo del fatturato pari a quasi il 40%. A ciò si aggiunge anche la spending review sugli enti locali, che taglia definitivamente le commesse più importanti per la Vasart. Come se non bastasse, ad aggravare ulteriormente la situazione contribuiscono anche le insolvenze di alcuni clienti, che hanno causato perdite per circa 200.000 euro

Nell'agosto scorso, i titolari Gianni Gozzi e Maria Luisa Gandolfi ne deliberano la messa in liquidazione. A novembre affittano l'azienda a una nuova società (Vasart Urban Design), i cui soci sono i due figli dell'attuale proprietario, Domenico e Andrea Gozzi. A dicembre poi la richiesta di concordato preventivo presentata al Tribunale di Reggio. Ora si aspetta il pronunciamento dei giudici, e forse la Vasart non sarà costretta a chiudere. Una speranza che tante altre aziende colpite dalla crisi non potranno più coltivare.

Pubblicato in Economia Emilia