Redazione

Redazione

BOLOGNA, 30 maggio 2020. Calano del 49% le imprese iscritte alle Camere di Commercio dell'Emilia-Romagna, nel confronto fra i bimestri marzo/aprile 2019 e 2020. Questo è il dato che emerge dall'analisi compiuta dal Centro Studi di Confartigianato Emilia-Romagna sui dati del primo trimestre 2020 rilevati da Movimprese.

Sono 1.215 le imprese artigiane in meno in Emilia-Romagna, contro un calo di 1.056 dello stesso trimestre del 2019. In diminuzione anche le iscrizioni: tra gennaio e marzo di quest'anno in Emilia-Romagna per l'artigianato si registrano 2.638 nuove aperture, 295 in meno rispetto all'anno precedente.

Intorno alle ore 22.00 del 28 maggio scorso è giunta segnalazione al numero di emergenza 112NUE, da parte di alcuni cittadini, dell’esplosione in strada di due colpi di arma da fuoco, in via Verdi, all’altezza del civico n.51.

Il personale intervenuto nell’immediatezza dei fatti, dopo aver rinvenuto per terra due bossoli a salve calibro 9 mm, marca Fiocchi, ha appreso da alcuni testimoni che l’autore del gesto era arrivato a bordo di un’autovettura Mercedes di colore bianco in compagnia di un altro uomo rimasto ignoto.

È ricominciata con l'attività di ricezione agrituristica e quella delle fattorie didattiche, centri estivi al via dall'8 giugno. Cia Emilia Romagna e assessorato regionale Agricoltura hanno illustrato i dettagli in una conferenza stampa con un collegamento streaming.
Le aziende agrituristiche attive in Emilia Romagna sono 1.186 con una capacità ricettiva pari a 9.854 posti letto e 407 piazzole in agri-campeggio e la possibilità di somministrare fino a circa 4,5 milioni pasti l'anno, mentre le fattorie didattiche sono complessivamente 286.

Pagina 2 di 5987