Nella giornata di ieri, personale della Sezione Polizia Stradale di Modena – Distaccamento di Mirandola ha proceduto al controllo di un autobus impiegato per il servizio di gita scolastica per un istituto di istruzione di Carpi.

Tali controlli rientrano nella normale attività di istituto della Polizia Stradale, impegnata giornalmente in molteplici servizi atti a garantire la sicurezza della circolazione stradale; in particolare, per quanto attiene alle gite scolastiche, un accordo risalente oramai ad alcuni anni fa tra il Servizio della Polizia Stradale ed il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) dispone la segnalazione da parte dell'istituto di istruzione alla Sezione Polizia Stradale della provincia interessata di tutte le gite o visite di istruzione da effettuarsi con mezzi di trasporto su strada al fine di consentire una opportuna attività di controllo sulle condizioni del veicolo e del conducente.

In dettaglio, il controllo si incentra, per quanto riguarda il veicolo, sugli obblighi di omologazione, immatricolazione, manutenzione e revisione del mezzo, verifica dei pneumatici, dei cristalli, delle dotazioni di sicurezza (cinture di sicurezza funzionanti, estintori, martelletti di emergenza, ecc.), mentre, per quanto attiene al conducente, sulle abilitazioni alla conduzione dei veicoli ed eventuali abilitazioni professionali, sul rispetto, mediante esame dei dati memorizzati sul cronotachigrafo, delle velocità e dei tempi di guida e di riposo.

Un ulteriore controllo viene effettuato anche su eventuali stati di alterazione del conducente mediante test alcolimetrico con etilometro omologato; si ricorda che il limite per la ordinaria conduzione dei veicoli è di gr. 0,5 per litro ma, per i conducenti professionali (mezzi pesanti, autobus, taxi) o per i neopatentati il limite è uguale a zero, non essendo consentita in alcun caso la guida successiva all'assunzione, ancorché modica, di bevande alcoliche.

L'esame alcolimetrico effettuato nella giornata di ieri all'autista dell'autobus ha evidenziato la positività al test con esiti pari a gr. 0,30 grammi per litro, risultato che, per quanto rientrante nei limiti ordinari per la conduzione di veicoli, è assolutamente incompatibile con la guida di mezzi di trasporto pubblico.

Per tale motivo nei confronti del conducente è stata effettuata la segnalazione per la violazione dell'art. 186 bis del codice della strada.

La società proprietaria dell'autobus ha provveduto ad inviare immediatamente un altro autista per consentire di effettuare la programmata visita di istruzione, riducendo al minimo i disagi per la scolaresca.

La chiara fama dell'Istituto "Zappa Fermi" di Borgotaro e Bedonia è nota, grazie alla dedizione dei docenti che operano nella scuola della Valtaro tutti sanno che si tratta di una scuola d'eccellenza, per questo riteniamo che sia uno svilimento usare a mezzo stampa i dati dell'ente di ricerca statistica Invalsi per affermare quello che tutti già sanno.

L'Invalsi nel Parmense e nel Piacentino svolge gran parte della sua attività sfruttando prestazioni lavorative dei docenti "a nero", è da tempo che la Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza denuncia questo scandalo. "Abbiamo chiesto anche una contrattazione decentrata ai responsabili di questo ente, ma ad oggi tutto tace", dichiara Salvatore Pizzo, responsabile della Gilda di Parma e Piacenza –il quale continua "Invitiamo la comunità scolastica ad accostare il meno possibile il nome dell'Invalsi a quello dell'istruzione, che quale sorgente di legalità non può essere contaminata chi sfrutta il lavoro delle persone senza pagare il dovuto".

Cogliamo infine l'occasione per ribadire ancora una volta che la carica elettiva di vice preside è stata purtroppo abolita quasi 20 anni fa, ancor oggi molti comunicatori che si occupano di scuola attribuscono questo titolo a qualche nostro collega che sceglie di collaborare con i dirigenti scolastici.

Si aprono, oggi, lunedì 7 gennaio 2019, le iscrizioni ai nidi d’infanzia, servizi sperimentali 0/6 e scuole dell’infanzia comunali e statali per l’anno scolastico 2019/2020 di Parma. 

Ne hanno parlato, nel corso della conferenza stampa di approfondimento, Ines Seletti, Assessora alla Scuola del Comune di Parma; Roberto Barani, Dirigente Settore Servizi Educativi Comune di Parma; Cristina Cosma, Responsabile Struttura Operativa Servizi Generali Educativi Comune Parma e Lisa Bertolini, Responsabile Struttura Operativa Nidi d'Infanzia Comune di Parma.

 

ISCRIZIONI A SCUOLA SOLO ON LINE

 “Da quest'anno – ha spiegato l'Assessore alla scuola, Ines Seletti – le iscrizioni potranno avvenire solo on line. Si tratta di una procedura volta a migliorare il servizio stesso permettendo ai genitori di effettuarla direttamente da casa, senza affrontare file agli sportelli e con ricadute positive anche sui tempi di formazione delle graduatorie. Per effettuare le iscrizioni – ha precisato l'Assessora Seletti – è necessario, in via preliminare, l'accreditamento FedERa: sul sito del Comune sono presenti tutte le indicazioni per farlo”. Inoltre il Comune ha previsto l'Open Day Nidi e Servizi Sperimentali 0/6 , sabato 12 gennaio, dalle 10 alle 12, “in cui genitori potranno visitare le varie strutture e vedere di persona le diverse attività che potranno fare i loro bambini”. Le iscrizioni, presentate esclusivamente ONLINE si chiuderanno giovedì 31 gennaio.

Possono presentare domanda: le famiglie residenti nel Comune di Parma; le famiglie non residenti nel Comune di Parma: tali domande verranno prese in considerazione a esaurimento di quelle dei residenti.

 

CREDENZIALI PER L'ISCRIZIONE A SCUOLA

La domanda dovrà essere compilata on line sul sito del Comune di Parma, all’indirizzo http://www.servizi.comune.parma.it 
accedendo alla pagina dei “Servizi educativi”

Per poter effettuare l’iscrizione online è necessario essere registrati ai servizi on-line del Comune di Parma e in possesso delle credenziali FedERa, rilasciate dal Comune di Parma o da altri Comuni della Regione Emilia-Romagna, oppure di SPID (Sistema pubblico di identità digitale) oppure ancora del nome utente e password per l’accesso al Fascicolo Sanitario Elettronico.

 

ACCREDITAMENTO FedERa NECESSARIO PER L'ISCRIZIONE

L’accreditamento FedERa può essere richiesto gratuitamente registrandosi online sul sito www.servizi.comune.parma.it nella sezione “Autenticazione”, ed effettuando successivamente l’attivazione presso: Municipio in Strada Repubblica, 1 dalle ore 10.00 alle ore 12.00 nei seguenti giorni: sabato 19 gennaio, sabato 26 gennaio.

Oppure presso gli Sportelli polifunzionali del DUC, in Largo Torello de Strada 11/a, durante il normale orario di apertura al pubblico, muniti di una fotocopia del documento di riconoscimento. 

Si precisa che la procedura richiede tra i dati un numero di cellullare e un indirizzo email valido.

Vai alla pagina http://www.servizi.comune.parma.it/it-IT/Cosa-e-fedERa.aspx per tutte le informazioni aggiuntive.

 

VISITE AI SERVIZI: OPEN DAY NIDI e SERVIZI SPERIMENTALI 0/6

Sabato 12 gennaio dalle ore 10.00 alle ore 12.00 educatori e insegnanti accoglieranno i bambini e le loro famiglie per conoscere i diversi nidi attraverso laboratori di giochi, parole e mostre inerenti alle progettualità del servizio. Bambini e genitori potranno visitare i servizi e incontrare i Coordinatori Pedagogici che daranno informazioni sul progetto pedagogico organizzativo del servizio. 

 

VISITE GUIDATE AI SERVIZI DELLA CITTA’ 0/3 e 3/6 - Seguendo un calendario inserito all’interno del bando d’iscrizione famiglie e bambini potranno visitare i servizi accompagnati da educatori, insegnanti e coordinatori pedagogici.

 

Il calendario delle visite guidate nei servizi per l’infanzia verranno pubblicate nel sito del Comune di Parma nelle pagine dedicate ai servizi educativi.

 

MODALITA’ D’ISCRIZIONE

Per le iscrizioni ai nidi d’infanzia comunali sono ammesse a fare domanda le famiglie dei bambini nati negli anni 2017 – 2018 – 2019 (nati entro il 30 aprile). Può essere presentata domanda anche per i bambini con data di nascita presunta entro il 30 aprile 2019 documentata da certificato di gravidanza. Dopo la scadenza del bando potranno presentare domanda fuori termine famiglie con bambini nati o con data presunta del parto compresa tra il 1° maggio e il 30 giugno. 

Per l’accesso al servizio scuole dell’infanzia possono presentare domanda le famiglie dei bambini nati nel 2014 – 2015 – 2016. Può, inoltre, essere inoltrata la domanda anche per i bambini che compiono tre anni entro il 30 aprile 2017, che potranno essere ammessi al servizio a condizione che vi sia disponibilità di posti e che siano esaurite le liste d’attesa.

Per informazioni è possibile rivolgersi anche al contact center del Comune allo 052140521, dal lunedì al venerdì dalle 8,00 alle 17,30 (orario continuato), sabato dalle 8,00 alle 13,00.

 

Fonte: Comune di Parma

 

Mercoledì, 02 Gennaio 2019 14:17

“Scuole Aperte” a Sala Baganza

Da martedì 8 gennaio al via gli incontri rivolti ai genitori per illustrare il Piano Offerta Formativa, le attività e fornire informazioni sulle iscrizioni.

Parma -

Incontri di “Scuole Aperte” ai nastri di partenza a Sala Baganza. I Docenti dell'Istituto Comprensivo di Felino saranno a disposizione dei genitori per illustrare il Piano Offerta Formativa dei vari istituti, fornire chiarimenti sulle modalità di iscrizione e far conoscere le attività che sono state programmate per rendere la scuola un luogo privilegiato di formazione, apprendimento e socializzazione. 

Il primo appuntamento, previsto per martedì 8 gennaio alle 18 sarà rivolto ai genitori degli alunni della Scuola primaria “Athos Maestri” e si svolgerà nel plesso di via Vittorio Emanuele II. 

Mercoledì 9 gennaio, sempre alle 18, ad aprire le porte sarà invece la Scuola dell’infanzia “Balbi Carrega” in via Garibaldi, mentre nella giornata di martedì 15 gennaio, sempre alla stessa ora, i docenti della Scuola Secondaria di primo grado “Ferdinando Maestri” attendono i genitori nella sede dell’istituto, sempre nel polo scolastico di via Vittorio Emanuele. 

Eventuali aggiornamenti verranno pubblicati sul sito dell’Istituto www.icfelino.gov.it.

E' tornata a nuova vita la scuola dell'infanzia Soleluna: grazie agli interventi di miglioramento sismico e riqualificazione energetica il plesso è oggi una struttura quasi del tutto rinnovata in grado di offrire comfort ambientali e di sicurezza d'eccellenza. Ne hanno parlato, durante il sopralluogo al plesso, l'assessore alla Pianificazione e Sviluppo del Territorio e delle Opere Pubbliche, Michele Alinovi e l'assessora alla Scuola, Ines Seletti.

“Il Comune ha investito 1 milione e 100 mila euro fino ad oggi per la riqualificazione del Soleluna – ha spiegato l'assessore Michele Alinovi – con il miglioramento sismico dell'edificio, l'impermeabilizzazione delle coperture e l'efficientamento energetico. Gli interventi rientrano nel piano per l'edilizia scolastica approntato dall'Amministrazione e costituiscono un segnale di attenzione nei confronti del quartiere San Leonardo, dove la scuola è ubicata. Si concluderanno il prossimo anno con la sistemazione dell'area verde e gli ultimi interventi di miglioramento sismico”.  

“La scuola dell'infanzia Soleluna – ha precisato l'assessore Ines Seletti – ospita 112 bambini che possono, oggi, contare su una struttura meravigliosa, allegra ed al passo con i tempi, grazie agli interventi attuati. Si tratta di un plesso accogliente, anche grazie ad alcuni genitori che hanno collaborato per fare della scuola uno spazio a misura di bambino”.

Si è concluso, dunque, il secondo stralcio dei lavori alla scuola dell'infanzia Soleluna: l'assessorato ai Lavori Pubblici, guidato da Michele Alinovi, in sinergia con l'assessorato ai Servizi Educativi, guidato da Ines Seletti, ha investito 600 mila euro per il miglioramento sismico dell'edificio, che accoglie 112 bambini della scuola dell'infanzia. L'intervento è stato realizzato in linea con le priorità dell'assessorato volte a promuovere la sicurezza degli edifici scolastici cittadini, a garanzia del benessere di alunni e docenti ed è in continuità con le opere eseguite durante il primo stralcio dei lavori, nel 2017, con costi pari a 510 mila euro. Parma Infrastrutture Spa, società di scopo del Comune che si occupa della manutenzione del suo patrimonio, ha redatto il progetto di entrambi gli interventi.

scuola-infanzia-_soleluna-parma.jpeg

L’edificio del Soleluna fu realizzato nel 1971, ed è stato oggetto di verifiche condotte dal Comune da cui è emersa la necessità di intervenire sulla struttura del fabbricato, per migliorarne la sicurezza sismica, attraverso un serie di interventi mirati e collegati anche all'efficientamento energetico dell'edificio: per creare uno spazio accogliente e sicuro che mette al centro i bambini. L'edificio ha una struttura circolare che si sviluppa attorno ad un corpo centrale. Gli interventi hanno previsto il consolidamento strutturale ed il miglioramento del comfort interno attraverso il rifacimento degli spazi, secondo criteri in linea con la normativa attuale.

Gli interventi di miglioramento sismico del secondo stralcio hanno comportato il consolidamento e rifacimento dei solai nella zona dei servizi igienici e di altri spazi contigui alle aule ed il rinforzo delle strutture. E' stata rifatta l'intera pavimentazione in legno di rovere, oltre alla sostituzione dei serramenti ad elevate prestazioni termiche ed acustiche. Gli interventi attuali seguono quelli di rifacimento della cupola centrale in policarbonato compatto; l'installazione di nuovi serramenti di tipo apribile a vasistas con maggiore ricambio d’aria interno; nuovi corpi illuminanti a led; il rifacimento delle controsoffittature del salone con l’utilizzo di panelli acustici anti riverbero; il rifacimento della pavimentazione di cucina e dispensa con pavimentazioni anti sdrucciolo e la realizzazione dei tinteggi e di alcuni interventi accessori.

La prossima estate verrà rifatto il giardino e completati gli interventi di miglioramento sismico.

 

Fonte: Comune di Parma

 

Gli studenti sono stati ricevuti dal presidente Zanni e dalla vice Malavasi ed hanno anche simulato una seduta di Consiglio, approvando il... prolungamento della ricreazione.

Reggio Emilia -

E' stato un Consiglio provinciale davvero molto particolare quello che si è celebrato questa mattina a Palazzo Allende. Protagonisti – sui banchi della presidenza, della maggioranza e dell'opposizione – gli studenti di tre classi medie (II A, II D e III A) dell'istituto comprensivo "Toschi" di Baiso e Viano. Nell'ambito di un percorso di cittadinanza, alunni e insegnanti sono infatti stati ricevuti dal presidente Giorgio Zanni nella Sala Giunta e quindi nel suo ufficio, dove ha illustrato ai ragazzi i vari livelli di governo, nonché il funzionamento e le competenze della Provincia di Reggio Emilia, ridisegnata dalla riforma del 2014.

Poi gli studenti sono stati accompagnati in visita allo storico ex Palazzo ducale fino in Sala del Consiglio, dove Zanni ha individuato come proprio 'successore' Federico, invitandolo a nominare una vice presidente e i propri consiglieri delegati. Scelti gli alunni-consiglieri di maggioranza e opposizione, è stato quindi discusso e successivamente messo ai voti un ordine del giorno.
Tante le domande rivolte dagli studenti nel corso della visita, alla quale ha preso parte anche la vicepresidente Ilenia Malavasi, che si è in particolare rivolta ai ragazzi di terza, invitandoli ad affrontare in maniera attenta – grazie anche agli strumenti messi loro a disposizione della Povincia, dalla guida di Polaris ai Saloni dell'orientamento - l'imminente scelta della scuola superiore.
Per la cronaca la proposta presentata dal "presidente per un'ora" Federico – ovvero il prolungamento della ricreazione a 40 minuti – è stata approvata a larga maggioranza...

Fonte: Provincia di Reggio Emilia

Volevano far promuovere i figli dal Tribunale, il Tar di Parma rigetta le richieste dei genitori di tre studenti bocciati a scuola

Il Tribunale Amministrativo Regionale, sezione di Parma, nei giorni scorsi ha emesso tre ordinanze le quali, almeno per adesso, confermano le bocciature di altrettanti studenti di scuole parmensi.

I tre giovani dopo la bocciatura decretata dai loro professori hanno ricevuto un costoso ed inutile "regalo" dai loro genitori, un ricorso al Tar finalizzato a superare l'anno scolastico per via giudiziaria, in particolare chiedevano la sospensione della decisione presa dai docenti.

In due casi si tratta di studenti di un liceo cittadino ed in un altro caso di un ragazzino che frequenta una scuola media. Nella decisione che riguarda uno dei liceali, i giudici di Piazzale Santafiora scrivono: "La valutazione del Consiglio di Classe in ordine alla promozione o meno dello studente alla classe successiva è espressiva di una discrezionalità di carattere tecnico. Conseguentemente, il Giudice Amministrativo può annullare il relativo provvedimento solo in presenza di una manifesta e grave irragionevolezza, illogicità, mancanza di motivazione o travisamento di fatti", circostanza che evidentemente è mancata.

L'altro caso riguarda una studentessa non ammessa all'esame di maturità per aver riportato insufficienze in ben quattro materie, anche per lei i magistrati hanno emesso una motivazione quasi identica: "L'ampia discrezionalità che connota i provvedimenti in questione che può essere sindacata in giudizio unicamente in presenza di macroscopici profili di irragionevolezza che, ad un primo sommario esame, non pare siano rilevabili nel caso di specie" .

Stessa la linea che ha bocciato l'istanza relativa al ragazzino di scuola media, il collegio giudicante ha rilevato che "a fronte del rendimento scolastico dello studente, i giudizi espressi dal Consiglio di classe non evidenziano profili di manifesta irragionevolezza". I magistrati in tutti e tre i casi si sono preoccupati di precisare che chiunque diffonda il contenuto delle decisioni, potrà farlo omettendo qualunque dato identificativo dei minori interessati.

La Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, attraverso il coordinatore Salvatore Pizzo, in merito alle tre decisioni commenta: "Si tratta dell'ennesima lezione che viene data ad una certa tipologia di genitori che osano mettere in discussione l'operato dei docenti dei loro figli minandone l'autorità, purtroppo – continua il dirigente sindacale – abbiamo un Ufficio Scolastico Regionale che non aiuta, addirittura premia i dirigenti delle scuole quando negli istituti da loro diretti si boccia di meno – e conclude - "rispettare i docenti dei propri figli per certi genitori dovrebbe essere la prima regola da adottare per il bene dei ragazzi"

 

Gilda degli Insegnanti Parma e Piacenza

Borgo delle Colonne 32- 43121 Parma
Tel/Fax: 0521/684809 - Cel: 338.8103820
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

A seguito del furto presso la scuola secondaria di I grado di Felino avvenuto lo scorso 1 ottobre, in occasione del quale erano state sottratte diverse unità informatiche e tecnologiche da destinare alla didattica, l'Amministrazione Comunale di Felino ha stanziato un importo di euro 8000 a favore dell'Istituto Comprensivo per l'acquisto di nuovo materiale informatico per la didattica.

"Di concerto con la dirigenza scolastica, dichiara il Sindaco di Felino Elisa Leoni, abbiamo verificato che il fabbisogno prioritario per la scuola era quello di dotare le aule scolastiche di alcune delle strumentazioni informatiche e tecnologiche più importanti sottratte con il furto. A tale scopo, il Comune ha messo a disposizione dell'Istituto Comprensivo 8000 euro che verranno impegnati nell'acquisto di nuove strumentazioni".

A proposito dell'accaduto, il primo cittadino di Felino anticipa anche che "l'Amministrazione sta mettendo in campo alcune importanti misure per garantire maggiore sicurezza nelle sedi scolastiche e scongiurare futuri furti".

Conclusi i lavori di riqualificazione energetica della scuola dell'infanzia Alice, investiti 370 mila euro.

Parma -

Si sono conclusi i lavori di riqualificazione energetica della scuola dell'infanzia Alice, di viale Rustici 44/A. Il costo complessivo dell'intervento ammonta a 370 mila euro ed è stato attuato dalla società di scopo Parma Infrastrutture Spa, che si occupa della manutenzione del patrimonio del Comune. L'Assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi, e l'Assessore alla Scuola Ines Seletti, accompagnati dai tecnici di Parma Infrastrutture Spa e dal personale dei Settore Servizi Educativi hanno effettuato, oggi un sopralluogo alla scuola.

“Oggi possiamo ammirare la conclusione dei lavori alla scuola dell'infanzia Alice, realizzati a stralci nel corso di più annualità, con costi complessivi pari a 1 milione e 200 mila euro – ha spiegato l'Assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi. Oggi l'Alice è un plesso scolastico praticamente nuovo, ancorché realizzato negli anni Settanta. Fin dal 2012, con il programma di interventi denominato: “Scuole Sicure e Sostenibili”, il Comune ha dato seguito ad interventi finalizzati alla prevenzione incendi, di adeguamento sismico e riqualificazione energetica con positive ricadute sui costi di gestione dei plessi scolastici ed un aumento del comfort ambientale. Per l'Alice, a completamento degli interventi citati, si è deciso di riqualificare anche la grande area verde che la circonda dove i bambini trovano, oggi, uno spazio accogliente e possono sperimentare il gioco all'aperto in rapporto diretto con la natura. Il programma: “Scuole Sicure e Sostenibili” prevede ogni anno investimenti pari a 6 milioni di euro”.

“La scuola dell'infanzia Alice – ha sottolineato l'Assessora alla Scuola, Ines Seletti – si presenta oggi completamente rinnovata con un ambiente adeguato, allegro ed innovativo per i bambini. Essa rientra in una serie di interventi che l'Amministrazione Comunale sta portando avanti per fornire spazi sicuri e confortevoli per bambini e personale educativo. Ringrazio i genitori per la pazienza che hanno avuto e tutti coloro che, a vario titolo, hanno concorso al buon esito degli interventi”

Si tratta di un progetto che rientra nel piano di riqualificazione dell'edilizia scolastica promosso dall'assessorato ai Lavori Pubblici, guidato da Michele Alinovi, in collaborazione con l'assessorato all'Educazione, guidato da Ines Seletti. 

L'intervento ha comportato la realizzazione di un cappotto termico e la sostituzione dei serramenti ad alta prestazione energetica in modo da rendere la struttura al passo con i tempi e permettere anche risparmi in bolletta per il Comune che, in questo modo, vedrà la riduzione dei costi per il riscaldamento del plesso.

L'ultimo intervento completa il percorso di riqualificazione della scuola, durato alcuni anni e che, oggi, si presenta come nuova dal momento il progetto di riqualificazione energetica si aggiunge ai lavori realizzati, sempre nello stesso plesso, per la messa in sicurezza sismica con la costruzione di un esoscheletro che l'ha resa resistente anche in caso di eventi sismici importanti, con costi pari a circa 600 mila euro.

A questo sono seguiti i lavori di riqualificazione del parco esterno, con costi pari a 270 mila euro, con l'obiettivo di migliorare la fruibilità delle aree esterne con un occhio di riguardo all'offerta educativa della scuola che è dotata di una vasta area cortilizia di 10 mila metri quadrati. Il lavori hanno permesso il recupero e la sistemazione dell'intera area dotandola di adeguato impianto di irrigazione, implementando le aree pavimentate dedicate al gioco, con un nuovo impianto luci e con il ripristino della cancellata.

La scuola ospita 168 bambini, di età tra i 3 ed i 6 anni, suddivisi in sei sezioni.

L’1 dicembre all’Università e il 15 nei singoli distretti torna l'iniziativa della Provincia di Reggio Emilia per accompagnare oltre cinquemila ragazzi e le loro famiglie nella scelta delle scuole superiori.

Reggio Emilia -

Per circa 5.100 ragazzi reggiani si avvicina il momento di una scelta importante, quella della scuola superiore. Una scelta che, anche quest’anno, sarà più agevole grazie a “La Provincia che orienta”.

Giunto alla sua ottava edizione, sabato 1 dicembre il Salone dell’orientamento promosso dalla Provincia di Reggio Emilia tornerà a occupare la sede dell’Università in viale Allegri dalle 9 alle 18.30. Saranno presenti, con propri spazi espositivi e docenti, tutte le scuole superiori e gli enti del sistema di formazione professionale.

Alle 9 e alle 14.45, in aula magna, è prevista la tradizionale presentazione collegiale da parte dei dirigenti scolastici di tutti gli istituti superiori.  A ognuno dei quasi 5.000 ragazzi in uscita dalle scuole medie verrà poi consegnata anche quest’anno, entro Natale, una guida curata dal servizio di orientamento Polaris della Provincia con tutte le informazioni utili per conoscere le nostre scuole e la loro offerta formativa. 

“La scelta della scuola superiore è un momento importante per gli studenti e le loro famiglie, chiamati a una decisione che va ponderata con attenzione, valutando gli interessi e le potenzialità di ogni ragazzo al fine di individuare la scuola migliore per esprimere il talento che è in ognuno di noi, assicurandone così il successo formativo – sottolinea la vicepresidente della Provincia di Reggio Emilia, Ilenia Malavasi -  In questa provincia ci sono ottime scuole, che offrono indirizzi e curricula diversificati. Conoscerli in maniera approfondita, confrontandosi con chi vi insegna, ma anche con chi vi sta studiando, è fondamentale per compiere la scelta migliore”.

Sabato 15 dicembre il Salone dell’orientamento farà poi tappa in provincia. L'iniziativa si svolgerà nel pomeriggio , dalle 14.30 in poi, a Guastalla (istituti Russell e Carrara, via Sacco e Vanzetti 1), Castelnovo Monti, dove l’attività di presentazione di Cattaneo-Dall’Aglio e Mandela è prevista all’oratorio “Don Bosco”; Montecchio (istituto D'Arzo, via per Sant'Ilario 28/c ); Scandiano (istituto Gobetti, via della Repubblica 41) e Correggio (liceo Corso in via Roma 15, convitto Corso in via Bernieri 8 e istituto Einaudi in via Prati 2).

Anche quest’anno, manifesti e volantini del Salone dell’orientamento sono stati realizzati praticamente a costo zero grazie alla progettazione curata dagli studenti dell’ indirizzo grafico del “Pascal” di Reggio Emilia e alla stampa effettuata dall’indirizzo grafico del “D’Arzo” di Montecchio e Sant’Ilario.

 

Fonte: Provincia di Reggio Emilia