Redazione

Redazione

La stazione AV di Reggio Emilia vedrà raddoppiare il numero dei treni, tra Piacenza e Cremona invece le ultime due coppie di treni rimaste verranno sostituire con servizi su bus -

Bologna, 13 dicembre 2013 -

La Regione, nonostante i forti tagli imposti a livello centrale al trasporto ferroviario è riuscita a salvaguardare l'offerta complessiva di trasporto pubblico locale su ferro e gomma, intervenendo con risorse proprie (pari a circa 50 milioni euro per un valore complessivo di circa 410 milioni di euro).

In sostanza, l'orario invernale conferma la quasi totalità delle corse del trasporto ferroviario regionale, compresi i nuovi sevizi attivati nel corso di quest'anno 2013 tra Bologna e Milano, Rimini, Ravenna.

Le novità riguardano, in particolare, alcuni servizi in più che completano, ad esempio, il cadenzamento orario lungo tutta la giornata dei collegamenti tra Bologna e Ravenna. In particolare, ci saranno tre nuove coppie di treni veloci tra Bologna e Ravenna con le sole fermate di Imola e Lugo: in partenza alle 8.52, 12.52 e 16.52 da Bologna e arrivo rispettivamente alle 9.51, 13.51 e 17.51 a Ravenna; e in partenza alle 10.09, 14.09 e 18.09 da Ravenna e arrivo alle 11.08, 15.08 e 19.08 a Bologna. Sempre tra il capoluogo e Ravenna è prevista anche una coppia di treni in più con tutte le fermate, da Bologna alle 12.06 e da Ravenna alle 14.33.

Una coppia di treni in più viaggerà anche tra Ferrara e Bologna, partendo da Ferrara alle 16.15 e da Bologna alle 22.33

Per quanto riguarda le velocizzazioni sul nodo di Bologna, vengono confermate quelle attivate nel settembre scorso e ne vengono aggiunte ulteriori con il viaggio tra Bologna-Poggio Rusco ridotto di 5 minuti nell'80% dei casi e un recupero di 2 minuti per molti treni delle linee per Porretta e Prato.

Tra Bologna e Ferrara la riorganizzazione dei servizi da parte della Regione Veneto comporterà alcune limitate modifiche di orario soprattutto nella prima mattinata.

Verranno inoltre inserite sulla linea Ferrara-Codigoro la nuova fermata di Via Boschetto e sulla linea Reggio Emilia Guastalla la nuova fermata Reggio Mediopadana in corrispondenza della nuova stazione dell'alta velocità.

Infine, la riorganizzazione dei servizi da parte della Regione Piemonte, avrà come effetto l'attestamento a Voghera delle 4 coppie di treni che in precedenza arrivavano a Torino da Bologna.

Le linee Parma-Fornovo e Fornovo-Fidenza, già in parte servite con bus sostitutivi, saranno gestite direttamente dall'Agenzia della mobilità e affidati all'azienda di Trasporto pubblico locale con un programma che prevede un aumento dei collegamenti nella giornata. In particolare, poi, il servizio dei treni Parma-La Spezia fermerà anche nella stazione di Ozzano Taro.

Tra Piacenza e Cremona, le ultime due coppie di treni rimaste verranno sostituire con servizi su bus a seguito della decisione di Trenitalia di non garantire più queste corse per indisponibilità di materiale rotabile. Dal 16 dicembre e fino a quando anche per questo servizio subentrerà la gestione dell'Agenzia della mobilità locale, i viaggiatori già abbonati di Seta e Trenitalia potranno accedere a tutti i bus, sia di Seta che di Trenitalia, per la tratta per cui possiedono l'abbonamento.

Per quanto riguarda il trasporto nazionale, è stata scongiurata l'ipotizzata eliminazione di 6 coppie di treni IC tra Bologna-Firenze. La salvaguardia del servizio comporterà però il mantenimento di 4 minuti di allungamento nei tempi di viaggio dei treni regionali che collegano Bologna e Prato e che si sovrappongono ai treni IC. La stazione AV di Reggio Emilia vedrà raddoppiare il numero dei treni, che diventano 31 al giorno.

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

 

La chiusura dovuta a un grosso movimento franoso nei pressi del ponte sul Rio Re. Gennari: "È già in fase di progettazione l'intervento per il consolidamento definitivo" -

Reggio Emilia, 13 dicembre 2013 -

La strada provinciale 18 "Busana – Ligonchio – Passo Pradarena" è nuovamente aperta al traffico dopo la chiusura, necessaria, di inizio novembre.
Infatti, la Sp 18 era chiusa al transito dal mese scorso a causa dell'aggravarsi di un consistente movimento franoso. La provinciale è un asse preminente della parte occidentale della nostra montagna che attraversa i territori dei comuni di Busana e Ligonchio, collegando anche le località di Ospitaletto e Vaglie, fino al Passo di Pradarena. Il forte maltempo di inizio novembre aveva messo in movimento una vecchia frana e causato un cedimento su un lato della strada, in prossimità del ponte sul torrente Rio Re. Per ragioni di sicurezza si era proceduto subito alla chiusura del traffico: lo stato della strada era risultato compromesso.
"Non è un mistero che dal punto di vista economico il momento è difficile. Per questo abbiamo raddoppiato gli sforzi." – commenta l'assessore provinciale alle Infrastrutture Alfredo Gennari – "Siamo soddisfatti: il primo obiettivo era ripristinare il transito e l'abbiamo raggiunto in anticipo rispetto ai tempi previsti, lavorando anche il sabato, ed infatti la strada è aperta, così da evitare che il prolungarsi del blocco della circolazione arrecasse danno agli abitanti e alle attività economiche."
La Provincia di Reggio Emilia si è attivata subito, con risorse finanziarie proprie, e con la Regione Emilia-Romagna per chiedere un intervento di somma urgenza, per realizzare una pista provvisoria e ripristinare prima possibile i collegamenti. Allo stesso tempo, sono state condotte le indagini geofisiche e geotecniche utili a trovare le soluzioni tecniche e operative più idonee, sia per la riapertura al traffico in condizioni di sicurezza in via provvisoria, sia per il ripristino definitivo della strada coinvolta dal dissesto. Nel cantiere vengono impiegati elementi di sostegno con tecnologia innovativa che hanno permesso sia una maggiore velocità nella realizzazione dell'opera, sia di intervenire per ripristinare e dare stabilità al tracciato stradale.
Prosegue Gennari: "La Provincia si è impegnata dal punto di vista tecnico, operativo e organizzativo, e ha trovato nella regione Emilia-Romagna e nel comune di Ligonchio la collaborazione, così da fare sistema e ciò ha dato subito buoni frutti. La Provincia ha sostenuto l'intervento per l'importo di 45mila euro e la Regione per 50mila. Non ci fermiamo, sono già stati previsti i finanziamenti per il consolidamento definitivo del tracciato, che è già in corso di progettazione. Abbiamo raggiunto un risultato importante, adesso continuiamo a lavorare per i nostri cittadini in modo da risolvere i problemi dei territori."

Per info in tempo reale sulla viabilità e in caso di eventuali emergenze consultare il profilo Twitter della Provincia di Reggio Emilia @ProvinciadiRE.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Reggio Emilia)

 

Cuore dell' evento il cicciolo da Guinness più grande del mondo e un nastro di 400 metri di salsicce distribuito al pubblico -

Reggio Emilia, 13 dicembre 2013 -

Grande festa della norcineria locale quella che inizierà questa sera, a Campagnola Emilia (Reggio Emilia), appuntamento che offre agli amanti della buona cucina la possibilità di assaggiare gustose specialità, come i  saporiti ciccioli e salsiccia di qualità. Giunta alla quattordicesima edizione la manifestazione reggiana ripropone l'antico rito già noto dai tempi della Contessa Matilde di Canossa. La tradizione vuole infatti che il norcino, al quale la Contessa affidava la lavorazione delle carni dei suoi maiali, fosse tale Galaverna di Campagnola Emilia.

Oltre cento norcini si sfideranno nella produzione dei ciccioli migliori anche a questa quattordicesima edizione della manifestazione gastronomica che ripercorre la tradizione locale legata all'uccisione e alla lavorazione della carne del maiale. Questa manifestazione è nata proprio con lo scopo, di far rivivere vecchie arti e mestieri; erano infatti i norcini anziani, conoscitori dell'arte tramandata oralmente nelle famiglie, che mostravano ai curiosi in piazza le fasi della lavorazione e trasformazione del suino. La giornata inizia all'alba, come una volta, per dare il via alla competizione. Il verdetto di una giuria qualificata per l'assegnazione dei premi avviene dopo la distribuzione gratuita degli oltre cinque quintali di ciccioli, preparati nel corso della giornata dai norcini e quelli del Cicciolone. Cuore dell'evento, infatti, la produzione del Supercicciolo da Guinness, il più grande del mondo, 100 kg di ciccioli di ottima qualità ottenuti dopo ore di bollitura di quintali di grasso. A fine giornata si effettuerà la premiazione del Miglior Norcino.

La grande piazza, trasformata in grande aia, viene misurata a fine mattinata a suon di salsicce, preparate dai maestri norcini sul far del mezzogiorno, un nastro di 400 metri che si srotola grazie alla collaborazione di tutti gli astanti.

La festa sarà allietata da un'ottima cucina e numerosi eventi collaterali con prodotti alimentari tipici e tradizionali, mercato speciale, intrattenimenti musicali.

Programma:
Venerdì 13 - sabato 14 dicembre
dalle ore 19:00
- apertura straordinaria del ristorante sotto il tendone riscaldato: Speciale PORK-ART - L'arte di cucinare il maiale secondo lo Chef Massimo Guidetti

Domenica 15 dicembre
ore 9:00
- Ritrovo norcini; 150 paioli in piazza cominciano a fumare.
dalle ore 10:00
- Apertura festa con l'Inno al Cicciolo eseguito dalla Banda Primavera
- A fom só al gugiól dimostrazione della lavorazione tradizionale del maiale
- Distribuzione del grasso ai norcini
- Fuoco alle caldaie del Supercicciolo; 10 quintali di grasso che cominciano a bollire.
- la Strana Coppia, intrattenimento by Radio Bruno
- Apertura parco Villa Cottafavi
ore 11:00
- La salsiccia corre in piazza - 400 mt di salsiccia prodotta e distribuita
ore 12:00
- Pranzo in Piazza sotto il tendone riscaldato
- Speciale PORK-ART - L'arte di cucinare il maiale secondo lo Chef Massimo Guidetti
ore 14:30
- Aspettando il "Supercicciolo": assaggi gratuiti dei ciccioli prodotti per tutti
dalle ore 16:30
- La giuria Academia Judices Salatii si riunisce sotto il tendone per giudicare i ciccioli in gara
ore 16:30
- Il Supercicciolo da Guinness - 110 kg di ciccioli in un'unica forma offerti a tutti
ore 18:00
- Proclamazione del Miglior Norcino 2013, vincitore della Coppa dei Campioni 2013 e Miglior Under 30. Consegna Attestato Cicciolo Rosa alle norcine partecipanti.

15 dicembre - tutto il giorno
- Bancarelle a Marchio Cicciolo d'Oro con ciccioli artigianali, salsiccia, cotechini, salami e saba
- Mercato straordinario "Mercato della Rocca"
- Vino Cantina Cottafavi con degustazione
- Gnocco Fritto delle resdore di Cognento
- Bancarelle Articoli Natalizi, bancarelle di Prodotti Tipici
- Bancarelle dei Ragazzi e delle Associazioni di Volontariato
- Esposizione Carrozze d'Epoca e mostra Civiltà contadina
- Vin Brulè e Cioccolato Caldo
- Museo Landini d'Epoca