Visualizza articoli per tag: solidarietà

Raccolta fondi Centro oncologico oltre quota 200mila. In attesa degli anolini solidali del prossimo weekend, le istruzioni per donare e firmare insieme un grande progetto a servizio del territorio.

Parma -

I mattoncini di cuore crescono e fanno salire la raccolta fondi per il nuovo Centro Oncologico a oltre 200 mila euro. Un importante traguardo raggiunto grazie alla volontà di tanti donatori che si arricchirà della solidarietà degli Anolini di Parma Facciamo Squadra e di tutti coloro che sabato e domenica prossima decideranno di acquistare il “galleggiante” parmigiano sotto i Portici del Grano in piazza Garibaldi.

Per sostenere il progetto del nuovo Centro oncologico, sempre sabato pomeriggio (dalle 16 alle 20) e domenica tutto il giorno (dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20) sarà possibile acquistare, a fianco dello stand dell’anolino solidale, i biglietti della lotteria lanciata dalle associazioni di volontariato con oltre 30 i premi in palio ed estrazione il 13 gennaio sotto i portici dell’Ospedale Vecchio.

Per chi volesse firmare un mattoncino di cuore è inoltre possibile fare una donazione tramite bonifico bancario (Iban IT47F 06230 12700 0000 38377020) con offerta minima di 50 euro ed inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per accordarsi sulla firma. 

Tanti i modi per contribuire ad un grande obiettivo al servizio di un intero territorio: rendere più funzionale e accogliente il nuovo Centro oncologico, con migliorie introdotte da subito perché il meglio della cura può essere adesso.  Grazie al fondamentale sostegno di Fondazione Cariparma è, infatti, già entrato in funzione nel reparto di radioterapia dell’Ospedale Maggiore HyperArc, un raggio per trattare in modo più rapido ed efficace le lesioni cerebrali negli adulti e nei bambini. E’ questo è solo il primo obiettivo di “insieme con te”, la raccolta fondi che ha il sostegno di Azienda Ospedaliero-Universitaria con il Comitato Consultivo Misto aziendale, Azienda Usl e Università degli Studi di Parma, CTSS, Fondazione Cariparma, Unione Parmense degli Industriali e Munus Fondazione di Comunità di Parma onlus.

 

Un Centro di eccellenza

Il Centro Oncologico rappresenterà un nodo di alta specialità all’interno di una rete diffusa sul territorio attraverso le Case della Salute e i servizi dedicati ai malati oncologici.

La struttura si svilupperà su 6 piani e ospiterà la Radioterapia, l’Oncologia medica con l’area prelievi e ambulatoriale (ex day hospital) e il reparto di degenza. In totale circa 9.000 metri di superficie lorda, con un raddoppio delle aree attualmente a disposizione dei singoli reparti.

Il Centro oncologico sorgerà all’ingresso di via Volturno dell’Ospedale Maggiore, a fianco della Torre delle Medicine alla quale sarà collegata attraverso percorsi interni. Il parcheggio attualmente esistente verrà ampliato e passerà dagli attuali 100 a 300 posti auto, di cui gran parte riservati ai pazienti oncologici.

Il primo piano rappresenterà l’ingresso vero e proprio del Centro Oncologico con un vasto spazio dedicato all’accoglienza con servizi per gli utenti, sala d’attesa e un’aula polivalente. Il piano terra e il piano seminterrato ospiteranno invece la Radioterapia, con gli ambulatori e i 3 grandi locali per i trattamenti oncologici ad alta tecnologia. Il secondo piano sarà dedicato agli ambulatori per le visite oncologiche e i prelievi con un’ampia sala d’attesa, mentre le stanze per le terapie saranno collocate al terzo. La degenza di Oncologia medica occuperà invece il quarto e ultimo piano della struttura di cui si vedrà la posa della prima pietra nella prossima primavera.

Pubblicato in Cronaca Parma

Avis Comunale Parma e Forum Solidarietà chiamano a raccolta i rappresentanti delle associazioni di volontariato territoriali e i cittadini in occasione del convegno: “Oggi e Domani: quale Futuro per il Volontario del Dono?”, con il patrocinio del Comune di Parma e dell’Università di Parma, sabato, 30 novembre alle ore 9,00 presso Auditorium Green Life Crédit Agricole, in via La Spezia 138, Parma.

Scopo del convegno è fare il punto della situazione del mondo del Volontariato del Dono, grazie a una maggior conoscenza della società attuale, per trarre idee per creare i prossimi scenari e le possibili azioni di intervento.

Per capire di più sul tema sono stati coinvolti i proff. Degli Antoni e Barani dell’Università di Parma, che hanno dato origine alla ricerca “La donazione di sangue: Motivazione a Donare ed Effetti sui donatori”, una ricerca articolata e complessa che ha investigato una parte importante della società civile attraverso questionari sottoposti sia a donatori che non donatori. L’eterogeneità del campione e il numero di risposte raccolte - più di tremila - fanno di questa ricerca un significativo punto di partenza per tutti coloro che vivono il mondo del Volontariato e che desiderano idee per affrontare il futuro di questa realtà che permea di valori tutta la nostra Società.

Per leggere meglio i dati della ricerca, al Convegno interverranno eminenti esperti: il prof. A. Bosi, professore di sociologia generale dell’Università di Parma e il Prof. B. Bui, professore di Economia politica dell’Istituto universitario Sophia di Loppiano, affiancati da personalità che hanno una lunga esperienza di Volontariato: D. Campanini, in passato presidente e attuale Vicepresidente dell’Avis Comunale Parma e R. Colombini, Responsabile Forum Solidarietà.

La discussione sarà guidata da un giornalista molto attento alla realtà del volontariato come Gabriele Balestrazzi, che saprà sollecitare l’intervento di ognuno in modo da offrire ulteriori angoli di visuale, utili e innovativi per tutti.

locandina_evento.jpg

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Questa mattina è partita la staffetta solidale alla sede della Protezione Civile di Parma, di via del taglio. Sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre, grazie a Parma Facciamo Squadra, nelle piazze Garibaldi di Parma e Fidenza e nella piazza principale di Noceto si potranno acquistare gli anolini solidali. Gli anolini saranno venduti in borse termiche, in confezione da un chilo. 

Fatti da più di 1600 volontari permetteranno di sostenere il Nuovo Centro Oncologico di Parma e l’Oncologia di Vaio.

Foto a cura di Francesca Bocchia per Gazzetta dell'Emilia

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_foto_di_gruppo.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_14.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_15.jpg

pastafresca_maratona_2019_anolinisolidali.jpg

anolini.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_33.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_49.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_81.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_79.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_76.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_70.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_68.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_65.jpg

MARATONA_CAPPELLETTI_2019_61.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Nel giorno dell’anniversario della scomparso del suo primo presidente l’associazione Portos dona nuovi arredi e due strumenti alla struttura diretta da Edoardo Caleffi.

Parma -

Ad un anno dalla morte di Andrea Corò, socio fondatore e primo presidente dell’associazione culturale e di promozione sociale Portos, amici e volontari lo ricordano con un importante donazione al reparto di Chirurgia Plastica e Centro Ustioni dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Nell’occasione è stata scoperta anche una targa in ricordo di Andrea.

Foto a cura di Francesca Bocchia per Gazzetta dell'Emilia 

donazione_ospedale_parma.jpeg00007.jpg

donazione_ospedale_parma.jpeg00005.jpg

donazione_ospedale_parma.jpeg00004.jpg

donazione_ospedale_parma.jpeg00003.jpg

donazione_ospedale_parma.jpeg00002.jpg

donazione_ospedale_parma.jpeg00001.jpg

donazione_ospedale_parma.jpeg00000.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Fioriscono nuovi giochi nel giardino del CAV (Centro di Aiuto alla Vita) e il prato di via Cima Palone si trasforma in un luogo sempre più a misura di bambino, grazie alle attrezzature donate da Parma Facciamo Squadra. 

La pioggia di sabato scorso, 16 novembre, non è riuscita a rovinare la festa di inaugurazione dove, oltre agli amici, ai volontari e alle mamme con i loro bambini erano presenti i pagliacci della Croce Rossa di Parma e di Fontanellato a scacciare il grigio delle nuvole. 

Ora il CAV ha un luogo dove i piccoli seguiti dall’associazione ma anche i bimbi del quartiere potranno giocare insieme senza correre alcun pericolo. Un giardino per tutti i bambini che potranno trovare qui un luogo aperto e pronto ad accoglierli con le loro mamme. 

Il Centro di Aiuto alla Vita di Parma attualmente segue circa un migliaio di donne e ne ospita ventisei in diverse case di accoglienza.

La donazione è frutto della raccolta fondi di Parma Facciamo Squadra 2018, coordinata da Forum Solidarietà, è sostenuta da Fondazione Cariparma con Barilla e Chiesi Farmaceutici hanno moltiplicato per quattro le donazioni dei cittadini. 

nuovi_giochi.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma

“Corriamo con l’Etiopia” la corsa non competitiva della ONG Parma Per gli Altri nelle vie del centro storico di Parma.

Parma - 

C’è chi corre per passione, chi per dimagrire e qualcuno per amore. Parma corre Per gli Altri!

Domenica 17 novembre torna l’annuale appuntamento con “Corriamo con l’Etiopia”, la maratona solidale di 5 km organizzata da Parma Per gli Altri ONG con il patrocinio del Comune di Parma.

Famiglie, ragazzi, adulti, bambini e anziani: tutti possono partecipare e darsi appuntamento in Piazza Duomo a Parma per vivere insieme una mattinata all’insegna dello sport, della solidarietà e dell’incontro tra culture. Sarà possibile iscriversi a partire dalle ore 9:30, un’ora prima della corsa che avrà inizio alle ore 10:30 e che attreverserà le vie del centro storico di Parma.

L’iscrizione avrà un costo simbolico di 10€ per gli adulti e 5€ per tutti i ragazzi minori di 16 annigratuito per i bambini sotto i 5 anni e il ricavato della giornata sarà interamente devoluto al finanziamento dei progetti di Parma Per gli Altri in Etiopia

Al termine della corsa, tutti i partecipanti potranno assistere alla cerimonia del caffè etiope, realizzata per l’occasione dalle sapienti mani delle donne dalla comunità etiope di Parma.

Anche quest’anno “Corriamo con L’Etiopia” si terrà in concomitanza con la più importante manifestazione sportiva etiope: la Great Ethiopian Run 2019 di Addis Abeba, per ricordare ancora una volta l’unione che lega lo stato africano con la città di Parma.

La manifestazione è realizzata con il contributo speciale di Isomec S.r.l. e il supporto di Barilla, Iren, Parmalat e Fabbriceria della Cattedrale di Parma

Vi aspettiamo numerosi ai blocchi di partenza!

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. --- 0521 236758

locandina_Corriamo_Con_LEtiopia_2019.jpg

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Domenica 10 novembre, alla Fiera Agricola di San Martino di Noceto, scenderà in campo il Team infermieristico del Centro di Cura Regionale per la Fibrosi Cistica

 

Una bancarella colorata e ricca di oggetti natalizi, e non solo, proposti al pubblico attraverso i sorrisi e la passione dell’infermiera Rita Agostini che è anche la creativa realizzatrice degli oggetti venduti, finalizzati a raccogliere fondi destinati alla ricerca oltre che alla cura ed assistenza di chi è affetto da Fibrosi Cistica . 

Esemplare l’impegno che le infermiere mettono in campo dopo il lavoro in ospedale, infatti Rita ha colto l’occasione e ha voluto attivarsi in prima persona organizzando un banchetto solidale allo scopo di raccogliere fondi da devolvere alla Lega Italiana Fibrosi Cistica Emilia. In questa iniziativa c’è la voglia di non arrendersi, c’è la speranza del futuro.

La figura dell’infermiere in corsia racchiude una serie di competenze non solamente inerenti le capacità tecniche, ma coinvolgono l’ambito psicologico e delle relazioni umane, particolarmente importanti quando si tratta di patologie croniche che coinvolgono pazienti dalla più tenera età. 

Con il loro rapporto più informale, diretto, confidente e libero, queste infermiere, si trovano a svolgere un ruolo di raccordo tra pazienti e medici per bisogni non espressi o domande di chiarimento non comunicate. Si tratta di una funzione importante per garantire un'assistenza ottimale ai pazienti, una dedizione che non si ferma all’interno dell’ospedale ma genera ammirevoli azioni solidali al di fuori di esso, come quella che prenderà vita a Noceto il 10 novembre. 

La Fibrosi Cistica è una grave patologia cronica, ancora oggi senza possibilità di guarigione. In Italia si contano 200 nuovi casi all'anno. L’Associazione Lega Italiana Fibrosi Cistica organizzazione di volontariato che favorisce solidarietà concreta verso le persone affette da fibrosi cistica, affianca questi pazienti nella loro legittima aspirazione a condurre una vita al pari degli altri: una voglia di normalità che deve misurarsi spesso con la fatica associata ai più piccoli gesti quotidiani.

Iscrizione, lotteria, cena di benvenuto: tante le iniziative collaterali per arricchire il dono consegnato alla struttura pediatrica del Maggiore.

Una gara particolare quella che si è disputata lo scorso 29 settembre al SalsoGolf sulle colline parmensi, una gara dove i numerosi partecipanti hanno aggiunto al tradizionale percorso da 18 buche un colpo d’eccezione: una gara benefica a favore dell’Ospedale dei bambini “Pietro Barilla” di Parma. E lo hanno centrato in pieno.

Il Memorial era dedicato a due amici, Cavazzini e Nicoli, – spiega Cesare Passeri, uno degli organizzatori – ma abbiamo voluto riservare un pensiero speciale ai pazienti dell’Ospedale dei bambini trasformando la gara benefica in una vera e propria festa di solidarietà che ha coinvolto i presenti nelle diverse iniziative, e devo dire che la risposta è stata generosa e corale”.

La consegna di questo trofeo benefico è avvenuta questa mattina nella colorata struttura pediatrica del Maggiore alla presenza di una delegazione di golfisti capitanata da Cesare Passeri e composta da Alessandro Carrara, direttore del SalsoGolf; Michele FerrariEugenio Dalfi Tanzi e Pierluigi Minari. Ad accoglierli la dottoressa Fabiola Fornaroli, in rappresentanza del direttore del dipartimento materno infantile Gianluigi de’ Angelis, che li ha ringraziati calorosamente perché “fa piacere sentire che l’ospedale dei bambini batte nel cuore di tanti amici”. Alle sue parole di ringraziamento si è unita Patrizia Bertolini, direttrice dell’Oncoematologia pediatrica che è stata il tramite della donazione, Emilio Casolari direttore della Chirurgia pediatrica, Valentina Maffini per la Pediatria generale e d’urgenza diretta da Icilio Dodi e una rappresentanza del personale infermieristico con la coordinatrice Maria Luisa Zou.

Pubblicato in Cronaca Parma

È stato finanziato anche dai giovani soci modenesi di Emil Banca il pozzo d’acqua potabile costruito a Ngamwani Two, un villaggio del Malawi (Africa). Il villaggio è stato scelto dall’associazione malawiana Sotto Sopra, la quale collabora con l’associazione Cose dell’Altro Mondo di Formigine, impegnata da anni in progetti socio-sanitari in Malawi. 

La settimana scorsa sette giovani soci di Emil Banca, accompagnati dalla responsabile dell’areasoci e identità della banca, Giuliana Braido, sono stati nel Paese africano per inaugurare il pozzo finanziato grazie a una raccolta fondi promossa dai comitati giovani soci Emil Banca di Modena, Bologna, Ferrara e Reggio Emilia. 

Ngamwani Two è un villaggio rurale a mille metri di altitudine nel Sud-Est del Malawi. È abitato da da 540 famiglie, tra cui 88 orfani e 23 persone con disabilità: c’è una scuola, frequentata da oltre 2.100 alunni. L’accesso all’acqua fino a oggi avveniva solo raccogliendola da un piccolo ruscello distante oltre un chilometro dal villaggio, al quale le donne si recavano con piccoli recipienti per attingere acqua, ovviamente non potabile. Per questo la mortalità nel villaggio è molto elevata, soprattutto tra neonati e bambini. 

Grazie alla solidarietà dei giovani soci Emil Banca questa comunità può non solo sopravvivere, ma anche migliorare la qualità della vita. 

Il pozzo è stato realizzato da operatori locali con la supervisione dell’agenzia governativa per la gestione dell’acqua, dei capi villaggio e dei rappresentanti della popolazione locale.

la_delegazione_dei_soci_emil_banca_davanti_al_pozzo_appena_inaugurato.jpg

Pubblicato in Cronaca Modena

Ieri sera, presso l’Auditorium dell’Assistenza Pubblica, si è tenuto l’incontro dal titolo La parola chiAMA il silenzio”, organizzato da Telefono Amico Parma in occasione dei suoi 30 anni di servizio. Ospite speciale della serata la psicoterapeuta Maria Rita Parsi. 

 

L’incontro ha coinvolto i cittadini di Parma che hanno mostrato un forte interesse verso una tematica delicata. Oggi abbiamo perso l’abitudine di ascoltare, per questo, Telefono Amico Parma ha deciso di dedicare un evento alla diffusione della cultura dell’ascolto. 

 

«Ogni disturbo psicologico – ha affermato Maria Rita Parsi, Psicoterapeuta, Presidente della Fondazione Fabbrica della Pace e Movimento Bambino Onlus, già Membro del Comitato Onu dei Diritti del Fanciullo - è un disturbo della comunicazione. Telefono Amico sconfigge uno dei mali più grandi dell’uomo: la solitudine interiore. La solitudine è una violenza infinta che non trova risoluzione se non nell’ascolto. Chi ascolta consola e cura. Ascoltare è un’arte e, per farlo nel modo migliore possibile, è necessario conoscersi, solo così si può comprendere davvero chi ci parla dei propri problemi. Ascoltare significa dare una possibilità di rinascita al prossimo e a se stessi. Educare all’ascolto vuol dire anche riappropriarsi di sé».

 

«Quello dell’ascolto – ha detto Luca Bellingeri, presidente di Assistenza Pubblica Parma - è un tema tanto importante quanto complesso. Ascoltare il prossimo ci rende degli individui migliori. Telefono Amico è un servizio sociale in cui la Pubblica crede profondamente, siamo davvero onorati di poter celebrare i suoi 30 anni con questo incontro».

 

«Il silenzio – ha dichiarato Monica Petra, presidente di Telefono Amico Italia è un vero spazio di accoglienza. Rispondere al telefono per donare conforto è ciò che i volontari di Telefono Amico fanno in tutta Italia ogni giorno. Andiamo incontro agli altri ascoltandoli».

 

«Il 19 giugno 1989 – ha ricordato Francesca Anedda, consigliere dell’Assistenza Pubblica Parma con delega al Telefono Amico - nasceva Telefono Amico Parma, e da allora sono 267 le persone che hanno deciso di dedicare il proprio tempo a questo servizio. Oggi a Parma sono circa 40 gli operatori che rispondono a chi è, o chi si sente solo, ma anche a chi ha banalmente bisogno di parlare con qualcuno».

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 1 di 32