Visualizza articoli per tag: automobili

Una nuova tegola si abbatte sulla Fiat 500L, la MPV compatta della FCA. Il modello è stato segnalato per un problema tecnico che potrebbe causare l'incendio dell'autovettura.

L'avviso è stato inserito nel bollettino del 16 marzo del Rapex, il sistema europeo di allerta rapida per i prodotti di consumo non alimentari (Report 9, N. 11 A12/0380/18).

La segnalazione presentata dalla Germania della Commissione Europea sui richiami dei prodotti difettosi che riguarda la casa automobilistica guidata da Sergio Marchionne interessa le unità di Fiat 500L con omologazione e3 * 2001/116 * 0217; Tipo: 199 prodotte tra il 14.08.2012 e il 14.09.2017 per le quali è stato evidenziato il rischio di incendio dovuto all' " L'isolamento del cavo elettrico nel riscaldatore ausiliario potrebbe danneggiarsi. Ciò potrebbe causare un cortocircuito e causare un incendio".

Il Rapex conclude che "non si possono escludere condizioni di guida non sicure". Pur non essendoci stati incidenti - segnala Giovanni D'Agata presidente dello "Sportello dei Diritti", tuttavia, in caso la propria vettura corrisponda alle unità in questione occorre prestare la massima attenzione e rivolgersi alle officine autorizzate per un controllo preventivo qualora il proprio veicolo corrisponda alle unità segnalate.

(16 marzo 2018)

Pubblicato in Motori Emilia
Sabato, 10 Marzo 2018 09:17

Alfa Romeo, richiamo per Giulia e Stelvio

Alfa Romeo, richiamo per Giulia e Stelvio. Rapex segnala auto per un problema con il liquido dei freni e della frizione. Avviso per rischio serio presentato dalla Germania

Richiamo in officina da parte dell'italiana Alfa Romeo. I modelli Giulia e Stelvio sono stati segnalati dal Ministero dei trasporti della Germania, per un problema tecnico che potrebbe potenzialmente creare 'situazioni di guida non sicure'.

Nello specifico si tratta dei modelli con numeri di omologazione: e3 * 2007/46 * 0382 * 09, e3 * 2007/46 * 0435 * 02 Tipi: 952, 949. L'avviso è inserito nel bollettino del 9 marzo del Rapex - Rapid Alert System for non-food dangerous products - il sistema di segnalazioni istituito dalla Commissione Europea.

Il richiamo che sta per essere attuato dalla casa automobilistica riguarda le auto costruite tra novembre e dicembre 2017 e, come si legge alla segnalazione " n° A12 / 0368/18, si riferisce a '' Il liquido dei freni e della frizione contiene olio minerale e può quindi danneggiare alcuni componenti del sistema di frenatura e della frizione. Di conseguenza, i sistemi di frenatura e frizione potrebbero non funzionare. ''

E il bollettino Rapex conclude sinteticamente ''questo potrebbe mettere in pericolo altri utenti della strada e pertanto non si possono escludere condizioni di guida non sicure''.

Pur non essendoci stati incidenti - segnala Giovanni D'Agata presidente dello "Sportello dei Diritti"- è consigliabile che i proprietari di queste auto prestino la massima attenzione e che si rivolgano subito alle autofficine autorizzate o ai Concessionari in Italia nel caso in cui la propria autovettura corrisponda ai modelli in questione. L'uso di olio minerale in impianti per DOT danneggia tutte le parti in gomma. Non è escluso che oltre la revisione della pompa, a causa dei gommini danneggiati, sia necessario sostituire la pompa.

(9 marzo 2018)

Pubblicato in Motori Emilia
Lunedì, 26 Febbraio 2018 09:52

Nuova Gamma Ypsilon - Video presentazione

La nuova gamma Ypsilon potrà essere equipaggiata con un motore a benzina da 1.2 litri e 69 CV, con cambio manuale, disponibile anche in versione Ecochic a doppia alimentazione benzina e GPL. Ecochic, benzina e metano, il bicilindrico 0.9 TwinAir da 80 CV.

Completa la gamma il 1.3 diesel Multijet 95CV dal basso impatto ambientale, 95 g/km di CO2, consumi ridotti ed elevato piacere di guida. Tutti e quattro i motori proposti rispondono alla normativa Euro 6.

(guarda Videohttps://youtu.be/8cB5gEAmNus )

Pubblicato in Motori Emilia

Dieselgate. Maxirichiamo di Porsche Macan nelle officine dopo i controlli del Ministero dei Trasporti tedesco. I motori diesel della Panamera e della Cayenne saranno esaminati in parallelo

La casa automobilistica Porsche dovrebbe richiamare il suo modello Macan con motore diesel di tre litri per un altro aggiornamento software nelle officine.

Interessati in tutta Europa circa 52.500 veicoli con il motore diesel sei cilindri, secondo quanto annunciato venerdì da Porsche.

Dopo i controlli da parte del Kraftfahrt-Bundesamt (KBA), il Ministero dei Trasporti Tedesco, il produttore avrebbe ordinato un richiamo per la Macan a causa di irregolarità nel sistema di scarico. Oltre ad analizzare questo modello gli esaminatori del KBA, nel quadro della scandalo sui gas di scarico noto come "Dieselgate" hanno messo nel mirino anche la Porsche Cayenne con motore quattro litri diesel di seconda generazione, che venne prodotta fino allo scorso autunno e la Porsche Panamera nella variante diesel. Nell'attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo "Sportello dei Diritti", ancora una volta anticipa in Italia l'avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato.

È necessario, quindi, spiega Giovanni D'Agata presidente dello "Sportello dei Diritti", prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

Al singolo proprietario, infatti, non costa nulla tale tipo di verifica e nel caso in cui la propria autovettura sia oggetto del richiamo, l'intervento previsto è a totale carico della casa automobilistica che dovrebbe fornire anche un'autovettura sostitutiva per il periodo necessario alla manutenzione straordinaria.

(27 gennaio 2018)

Pubblicato in Motori Emilia
Sabato, 27 Gennaio 2018 08:09

Nuova Kona By Hyundai - la prova di VideoMotori

Hyundai Kona segna un passo importante nella strategia di crescita di Hyundai, completando l'offerta SUV del brand.

Nuova Kona by Hyundai è uno Sport Utility dal carattere distintivo, che va a rafforzare la credibilità che il marchio si è guadagnato nel segmento con oltre 1.4 milioni di unità immatricolate in Europa dal lancio della prima generazione Santa Fe nel 2001.

Un successo al quale ha contribuito in maniera decisiva anche l'Italia, dove la sola Tucson ha superato le 41 mila unità in meno di due anni.

Collocandosi nel segmento SUV-B, nuova Kona unisce la forte design identity del brand ad una natura decisa, funzionalità premium e le più moderne tecnologie in termini di connettività e sicurezza, per offrire un prodotto senza precedenti nel segmento.

Hyundai-Kona-post

Pubblicato in Motori Emilia

La società Toyota South Africa Motors, filiale del gigante nipponico dell'auto, sta richiamando oltre 700mila veicoli per risolvere i potenziali problemi con gli airbag.

Toyota precisa che il richiamo sono parte di una campagna per rimpiazzare gli airbag Takata in quanto passibili di presentare muffe che ne impedirebbero il corretto gonfiaggio in caso di incidente.

I veicoli toccati dalla misura di richiamo sono per l'esattezza 730'000 e sono stati costruiti tra il 2002 e il 2014.

Alcuni modelli venduti più recentemente avrebbero presentato pure la necessità di procedere alla sostituzione dei cuscini gonfiabili. Già nel 2014 Takata era finita sotto la lente degli Stati Uniti. Da allora l'azienda è in procedura di fallimento.

Nell'attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo "Sportello dei Diritti" ancora una volta anticipa in Italia l'avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato.

È necessario, quindi, spiega Giovanni D'Agata presidente dello "Sportello dei Diritti", prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione. Al singolo proprietario, infatti, non costa nulla tale tipo di verifica e nel caso in cui la propria autovettura sia oggetto del richiamo, l'intervento previsto è a totale carico della casa automobilistica che dovrebbe fornire anche un'autovettura sostitutiva per il periodo necessario alla manutenzione straordinaria.

Pubblicato in Motori Emilia
Lunedì, 22 Gennaio 2018 16:39

Ford Fiesta 2018 - VIDEO

Ordinabile in quattro tipi di allestimenti, è la prima Ford ad essere dotata del sistema di riconoscimento dei pedoni, diminuendo così la possibilità di incidenti stradali. Fra le caratteristiche della nuova Ford Fiesta sono da segnalare, in ambito tecnologico, l'Active Park Assist (controllo attivo al parcheggio), l'Adaptive Cruise Control (controllo adattivo della velocità) e il Traffic Sign Recognition (riconoscimento dei segnali stradali).

Scopri tutto nel video!

In collaborazone con Videomotori

Pubblicato in Motori Emilia

Una compatta, essenziale e piena di sorprese. E' "Crossland X" la crossover di Opel che in poco più di 4 metri accoglie 5 posti comodi e un vano bagagli che riesce a soddisfare le esigenze più diverse.

Motorizzata con un 1.600 cc turbo diesel, è capace di erogare 120 cavalli sin dai bassi regimi.
Linea di carrozzeria gradevole e non certo priva di eleganza.

Più che ricca la dotazione di serie.

La prova di Video Motori: https://youtu.be/ucE2qO1iV4w 

Pubblicato in Motori Emilia
Venerdì, 22 Dicembre 2017 10:06

Audi richiama 330mila veicoli: rischio incendio.

Audi richiama 330mila veicoli: rischio incendio. I modelli coinvolti sono l'A4, l'A5 e il Q5 degli anni compresi fra il 2011 e il 2015

Audi ha annunciato ieri di dover richiamare dal mercato tedesco 330'000 auto per rischio d'incendio, a causa di un difetto tecnico all'impianto di riscaldamento. I modelli coinvolti sono l'A4, l'A5 e il Q5 degli anni compresi fra il 2011 e il 2015.

Finora si sono verificate solo alcune dozzine di episodi e non ci sono stati feriti. Già lo scorso ottobre il colosso tedesco aveva dovuto richiamare in fabbrica, negli USA, 250'000 modelli per lo stesso problema.

A livello mondiale sono interessate 1,27 milioni di vetture, di cui 875'000 in Europa e 47'000 in Asia. Nell'attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo "Sportello dei Diritti" ancora una volta anticipa in Italia l'avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato.

È necessario, quindi, spiega Giovanni D'Agata presidente dello "Sportello dei Diritti", prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari Audi Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

Pubblicato in Motori Emilia

Occhio alle auto elettriche. I dati reali sull'autonomia sarebbero inferiori del 42% rispetto a quelli indicati dalle case costruttrici. A stabilirlo un'inchiesta del Touring Club Svizzero. Per lo "Sportello dei Diritti" autorità nazionali ed europee dovrebbero approfondire, mentre le case automobilistiche, chiarire

Non è tutt'oro quello che luccica. Questo vecchio detto ormai fa parte della vita di tutti i consumatori che non dovrebbero mai basarsi acriticamente sulle caratteristiche o sui dati indicati da produttori e venditori, specie quando si tratta di veicoli a motore, così come i recenti scandali come il "Dieselgate" ci hanno insegnato.

In tale ottica, lo "Sportello dei Diritti", ritiene utile segnalare gli esiti dei test comparativi fra tre moderne auto elettriche svolto dalla Consulenza mobilità del Touring Club Svizzero (Tcs), per incarico di Euroconsumers e Patti chiari.

Se da un lato vi è un esito positivo dell'indagine che ha dimostrato che con gli attuali veicoli elettrici è possibile percorrere una distanza accettabile, dall'altra le case costruttrici, almeno quelle dei veicoli presi in esame dovrebbero essere a dir poco bacchettate, perchè il dato dell'autonomia e dei consumi sono ben peggiori dei valori indicati.

In particolare, nel mirino del Tcs sono finite Renault, Nissan e Opel in quanto i test hanno riguardato una Renault Zoe, una Nissan Leaf e una Opel Ampera-e.

Le batterie in dotazione di questi veicoli elettrici hanno una capacità che oscilla dai 30 kWh ai 60 kWh e consentono, secondo i dati delle case madri, di percorrere fino a 520 km.

E' noto che come per i motori a scoppio, l'autonomia viene stabilita sul banco di prova, ossia in condizioni di laboratorio. Ma l'obiettivo del test del Tcs è stato quello di determinare le effettive autonomie e i valori di consumo in condizioni reali.

Le automobili sono state predisposte uniformemente come se si partisse per le vacanze, cioè, oltre al conducente è stato caricato il peso di un passeggero (75 kg), di due bambini (30 kg ciascuno) e dei bagagli (20 kg). Inoltre, il climatizzatore e il riscaldamento sono stati regolati sui 22°C, con una temperatura esterna media di 10°C.

Le auto hanno viaggiato fino a quando è apparsa l'indicazione "potenza motrice ridotta" che indica un basso livello di carica della batteria. Successivamente, le batterie sono state ricaricate tutte allo stesso modo nel centro di esame tecnico accreditato del Tcs a Emmen, le misurazioni del consumo di energia e dell'autonomia dei veicoli elettrici.

I tragitti per le prove di consumo sono stati effettuati con le vetture in colonna e prevedevano ogni volta tre giri in città, su strade di campagna e in autostrada. Il conducente e la posizione del veicolo nella colonna sono stati cambiati ad ogni nuovo giro, per equilibrare gli effetti del modo di guidare e della resistenza al rotolamento.

Complessivamente, le auto hanno percorso una distanza di 124 km. Alla fine, le batterie sono state ricaricate con strumenti di misurazione calibrati nel centro del Tcs di Emmen. Le auto elettriche esaminate nelle condizioni di questo test offrono solo circa il 58% dell'autonomia annunciata dai costruttori per una ricarica di batteria.

Concretamente, per Nissan Leaf ciò equivale a una percorrenza di 144 km, per Renault Zoe di 232 km e per Opel Ampera-e di 304 km. Con i veicoli elettrici odierni si possono percorrere delle distanze maggiori e in condizioni più impegnative.

Tuttavia, questo ha il suo prezzo. I costi dei veicoli, sottoposti al test, oscillano fra 38.595 (pari a 33.133,31 euro) e 41.900 franchi (pari a 35.970,61 euro), ovviamente più cari rispetto alle auto della loro classe, ma questo maggior costo è compensato, nella vita del veicolo, dai minori esborsi per manutenzione e spese d'esercizio. Inoltre, molte auto elettriche sono ancora inadatte per lunghi tragitti oppure richiedono una pianificazione preliminare del viaggio.

Questo svantaggio è in costante diminuzione per l'implementazione di una rete di ricarica sempre più accessibile e capillare. Al di là di queste riflessioni e dell'indubbia utilità delle auto elettriche per la riduzione globale delle emissioni, i dati che sono emersi a seguito dei test e che manifestano delle notevoli incongruenze rispetto a quelli ufficiali, per Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", meritano un approfondimento da parte delle autorità nazionali ed europee che si occupano di concorrenza e tutela dei mercati su tutti i modelli di autovetture elettriche attualmente in commercio, oltrechè un tempestivo chiarimento da parte delle case automobilistiche, per dipanare ogni benché minimo dubbio circa il solo rischio di un nuovo mini scandalo alla "Dieselgate".

Pubblicato in Motori Emilia
Pagina 5 di 49