Mercoledì, 06 Novembre 2019 16:11

Notre Dame de Paris torna a far sognare Bologna

Scritto da

In alcuni casi basta il titolo. Non serve altro. Notre Dame de Paris: il successo è assicurato.  L’opera moderna più famosa al mondo, tratta dall’omonimo romanzo di Victor Hugo, torna a far sognare l’Italia e dopo gli applausi milanesi al teatro degli Arcimboldi arriverà anche nel nostro territorio. Per la precisione a Bologna, dal 22 al 24 novembre all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno. Musiche di Riccardo Cocciante, liriche originali di Luc Plamondon, versione italiana di Pasquale Panella, si tratta di un caso unico nel panorama mondiale: in 17 anni di performance, solo nel nostro Paese, sono state visitate 47 città per un totale di 145 appuntamenti e 1.246 repliche complessive. Tradotto e adattato in 9 lingue diverse (francese, inglese, italiano, spagnolo, russo, coreano, fiammingo, polacco e kazako), il musical ha attraversato 23 Paesi in tutto il mondo con più di 5000 spettacoli, capaci di stupire e far sognare 13 milioni di spettatori.

LA STORIA – Il campanaro gobbo della cattedrale di Notre Dame de Paris, Quasimodo, è innamorato della bella gitana Esmeralda. Un amore che non può avere né presente né futuro, condannato dall’ingiustizia e dall’ipocrisia. Esmeralda, infatti, è innamorata di Febo, il capitano delle guardie del Re, che tuttavia è fidanzato con Fiordaliso, una ricca borghese. Ma il giovane rimane comunque colpito dal fascino esotico della zingara. Anche Frollo, l’arcidiacono della cattedrale, è segretamente attratto da Esmeralda e in un raptus di gelosia pugnala Febo alle spalle. Esmeralda viene arrestata con l’accusa di aver tentato di uccidere il capitano delle guardie e gettata in prigione. Frollo, approfittando della situazione, offre libertà alla donna in cambio del suo corpo. La bella gitana, inorridita, rifiuta l’offerta, minacciandolo di vendetta. È a questo punto che Quasimodo libera Esmeralda e la nasconde nella sua torre, ma Clopin, amico della donna e suo protettore, fraintendendo le intenzioni del gobbo, attacca la cattedrale, mettendosi a capo di una rivolta per liberare l’affascinante zingara. Come finirà questo drammatico intrigo d’amore e tradimenti, menzogne e sentimenti puri?

I PROTAGONISTI – Splendida, luminosa, magnetica: è l’ Esmeralda interpretata  da Elhaida Dani, artista albanese con incredibili qualità vocali. Qualità che l’hanno portata a vincere la prima edizione di “The Voice of Italy”. Elhaida, all’epoca, fu guidata nel suo percorso da Riccardo Cocciante. Proprio il cantante, tra il 2016 e il 2017, la scelse per il ruolo di Esmeralda nella versione francese di Notre Dame De Paris. Da quel momento, per Elhaida Dani, si sono aperte le porte di Cina, Libano, Russia, Turchia, Canada, UK, Belgio e Taiwan, in un musical che la vede al fianco di Giò di Tonno nei panni di Quasimodo, fatalmente innamorato di lei. E ancora Vittorio Matteucci entra egregiamente nella parte del perfido arcidiacono Frollo. Leonardo Di Minno è, invece, Clipin. Matteo Setti è il prescelto per il ruolo di Gringoire, poeta narratore e interprete di uno dei brani a tutt’oggi più amati, “Il Tempo delle Cattedrali”. Da applaudire anche Graziano Galatone che entra perfettamente nel ruolo di Capitan Febo e Tania Tuccinardi, una Fiordaliso assolutamente convincente.

Pietro Razzini

Le foto della data di Parma a cura di Francesca Bocchia

 

Altro in questa categoria: « È Bobbio il “borgo dei borghi” 2019