Visualizza articoli per tag: ricettazione

Si tratta di un cinquantenne di origine campana senza fissa dimora, ma ben noto alle Forze dell’Ordine. Al vaglio la sua posizione nella morte di una 28 per overdose, i cui effetti personali sono stati trovati su una delle due auto oggetto di furto.

Pubblicato in Cronaca Modena

Nella serata di ieri, i Carabinieri della Stazione Parma Oltretorrente e del Nucleo Operativo della Compagnia, nel corso di un servizio di controllo del territorio predisposto dal Comando Provinciale, mirato al contrasto dei furti e dei reati predatori in genere hanno denunciato per ricettazione un 41enne rumeno e un 36enne moldavo, in Italia senza fissa dimora.

Pubblicato in Cronaca Parma
Lunedì, 18 Gennaio 2021 14:34

Ricettazione: 2 albanesi denunciati

 Denunciati per ricettazione due cittadini albanesi; uno di essi era ricercato perché doveva scontare tre anni di reclusione per furto.

Pubblicato in Cronaca Modena

Personale della Polizia di Stato rintraccia sul territorio cinque cittadini romeni in possesso di smartphone Samsung e cuffie Apple abilmente contraffatte denunciandoli per ricettazione e commercio di prodotti con segni falsi.

Pubblicato in Cronaca Parma

La Polizia di Stato rintraccia un veicolo oggetto di furto procedendo alla denuncia di un uomo di nazionalità Rumena per ricettazione, porto di oggetti atti ad offendere, possesso ingiustificato di grimaldelli e per guida senza patente con recidiva nel biennio.

Pubblicato in Cronaca Parma

Un 30enne di Traversetolo aveva tappezzato la camera con nomi di vie, stop e altra segnaletica. Ora dovrà pagare 5.000 euro di multa e le spese legali

Pubblicato in Cronaca Parma

77enne denunciata dalla Polizia di Stato per simulazione di furto: con il furgone di sua proprietà erano stati commessi furti e attività di riciclaggio

Pubblicato in Cronaca Modena

I Carabinieri del NAS di Bologna e i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bologna hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Dott. Alberto Ziroldi, G.I.P. del Tribunale felsineo, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di quattro soggetti di nazionalità moldava, resisi responsabili dei reati di furto aggravato, ricettazione e contrabbando.

Pubblicato in Cronaca Emilia

Nella serata di giovedi, personale della Squadra Mobile di Modena, ha deferito in stato di libertà per ricettazione di “attrezzature da officina meccanica”, M. I. diciottenne marocchino, in regola sul T.N., e I.A., ventenne di origine campana, entrambi residenti in questo centro cittadino.

Modena 17 aprile 2020 - Le attività investigative hanno avuto il via con la segnalazione, pervenuta nella serata del 15 aprile, da parte del proprietario di un’officina meccanica sita in via Nonantolana. La persona offesa, nella circostanza, ha riferito agli operatori che, a seguito di un sopralluogo effettuato presso la propria officina meccanica, chiusa ormai da diverso tempo a causa dell’emergenza COVID-19, aveva riscontrato l’intrusione da parte di ignoti.

Nel caso di specie, i malviventi, dopo essere entrati all’interno dei locali avevano saccheggiato l’officina asportando numerosi utensili come chiavi inglesi, trapani, apparecchiature elettroniche per diagnostica di autovetture, un ciclomotore per un valore pari a circa 5.000€. Non paghi, avevano altresì predisposto tutto quanto per un ulteriore accesso al fine di svuotare completamente l’officina. Avevano, infatti, smontato completamente tutte le apparecchiature che, debitamente impacchettate, erano state riposte in prossimità della porta d’uscita dell’officina.

Ultimato il sopralluogo, la persona offesa, onde evitare che i ladri portassero via tutto il bottino già preconfezionato, ha assicurato la chiusura dei portoni e degli infissi comunicando immediatamente l’accaduto alla Polizia di Stato.

Gli uomini della Squadra Mobile, preso atto del contesto segnalato, si sono recati sul luogo dei fatti al fine di rinvenire tracce che potessero far risalire agli autori del reato. Proprio durante l’attività di perlustrazione dell’immobile, sito in aperta campagna, hanno individuato un diciottenne marocchino che, con le mani ancora sporche di grasso di motori, non è stato in grado di giustificare la propria presenza in prossimità di quel luogo. Sicchè, ritenendo oltremodo probabile che parte della refurtiva potesse trovarsi nella disponibilità del giovane, gli operatori della Squadra Mobile hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione dello stesso ove, all’interno del garage è stata rinvenuta parte della refurtiva.

Tuttavia, gli investigatori hanno esperito ulteriori attività di indagine, a seguito delle quali, è emerso come, nella vicenda, potesse esserci un complice identificato, poi, nel ventenne di origine campana sottoposto di seguito a perquisizione personale e locale.

Anche in questo caso, l’intuizione degli operatori non è stata disattesa poiché, l’atto in questione, ha dato esito positivo. È stata, infatti, rinvenuta la restante parte del materiale corrispondente perfettamente a quello sottratto in danno della persona offesa.
All’esito delle operazioni, è stato convocato, presso gli uffici della Squadra Mobile, il titolare della ditta oggetto di furto, per procedere alla ricognizione e contestuale restituzione della refurtiva.

Pertanto, i due soggetti sono stati deferiti all’A.G. procedente per il reato di ricettazione.

 

Pubblicato in Cronaca Modena
Venerdì, 28 Febbraio 2020 08:17

Ricettazione, 5 persone denunciate

La Polizia di Stato denuncia in stato di libertà 5 persone dedite alla ricettazione di attrezzature da giardinaggio.

Nella serata del 23 febbraio u.s. personale del Commissariato di Pubblica di Sicurezza di Mirandola unitamente a due equipaggi della Polizia Stradale hanno deferito all’Autorità Giudiziaria 5 uomini di età compresa tra i 20 e i 48 anni, tutti residenti tra i Comuni di Mirandola e di Novi di Modena per il reato di ricettazione di apparecchiature professionali per il giardinaggio.
I servizi straordinari di controllo del territorio finalizzati al contrasto dei reati di furto presso ditte o abitazioni nelle ore serali ha portato, intorno alle ore 22.30, all’individuazione di un autoveicolo di media cilindrata con 4 persone a bordo che si aggirava con fare sospetto nell’area rurale compresa tra Mirandola e il Comune di Concordia sulla Secchia.

Dal monitoraggio dell’autovettura in questione e dal successivo servizio di appostamento gli agenti hanno notato l’autovettura in questione fermarsi in una piazzola, gli occupanti scendere e caricare su un furgone condotto da un altro uomo delle attrezzature da giardinaggio.

Il tempestivo intervento ha consentito di fermare gli occupanti dell’autovettura, del furgone e di recuperare l’attrezzatura da giardinaggio consistente in un soffione per foglie, un decespugliatore e un tagliasiepi.
Per quanto sopra tutti i soggetti, alcuni dei quali gravati da precedenti di polizia specifici per reati contro il patrimonio sono stati denunciati per il reato di ricettazione in concorso mentre la refurtiva è stata sequestrata in attesa di restituzione.

Pubblicato in Cronaca Modena
Pagina 1 di 3