Redazione

Redazione

Domenica, 19 Gennaio 2020 10:45

In ricordo di Bettino Craxi

Oggi ricorre il ventesimo anniversario della morte del leader socialista.

Di Nicola Comparato Felino 19 gennaio 2020 - Bettino Craxi, nato il 24 febbraio 1934 a Milano e deceduto ad Hammamet in Tunisia il 19 gennaio del 2000, è stato un grande politico italiano, primo socialista a ricoprire il ruolo di presidente del Consiglio dei ministri dal 4 agosto 1983 al 17 aprile 1987, e segretario del Partito socialista italiano dal 15 luglio 1976 all’11 febbraio 1993. Anticomunista e Nenniano, Craxi si rese protagonista indiscusso della politica per le sue idee innovative, prima fra tutte quella di staccarsi dal marxismo/leninismo sostituendo la falce e il martello con un garofano rosso, creando negli anni una forte conflittualità con il PCI di Enrico Berlinguer. Nel 1978 quando il politico Aldo Moro fu rapito e ucciso dalle Brigate Rosse, l'unico disposto ad una trattativa, anche se alla fine inutilmente, fu proprio Craxi, al contrario della DC e del PCI. A Craxi si deve il più lungo governo della storia della nostra Repubblica, il pentapartito, formato da Dc, Psi, Psdi, Pri e Pli, in carica dal 4 agosto 1983 al 27 giugno 1986.

Uno dei fatti più conosciuti che riguardano Bettino Craxi, è la crisi di Sigonella, quando nell'ottobre del 1985, l'aviazione militare statunitense intercetta un aereo egiziano con a bordo Abu Abbas, esponente dell’Olp, insieme a un suo aiutante e i 4 dirottatori della nave da crociera italiana Achille Lauro. Gli americani danno l'ordine di fare atterrare l'aereo a Sigonella in Sicilia, per avere in consegna i sequestratori dell'Achille Lauro, ottenendo da Craxi solo un rifiuto, che immediatamente schiera i militari italiani contro quelli americani con le armi puntate pronti a sparare. Per Craxi il caso è di competenza dell'Italia trovandosi l'aereo in territorio italiano. Col passare degli anni, più precisamente nel 1992, comincia il periodo di crisi politica per Bettino Craxi. Avvisi di garanzia e scandali giudiziari lo vedono coinvolto in prima persona nel caso Tangentopoli per finanziamenti illeciti al partito. L'inchiesta porta il nome Mani Pulite, con il PM Antonio di Pietro, uomo "immagine" del pool.

Il 30 aprile 1993 una folla attende Craxi fuori dall' Hotel Raphael a Roma. I contestatori gli lanciano addosso decine di monetine e lo riempiono di insulti. Nel 1994 Craxi decide di rifugiarsi ad Hammamet in Tunisia, dove morirà il 19 gennaio del 2000. La giustizia e le persone sono divise sul caso Craxi. Per i primi era solo un latitante, per molti altri un rifugiato politico morto in esilio.

È davvero ardua l'impresa di poter riassumere in poche parole la vita del politico più importante dell'Italia degli anni 80, ma era doveroso ripercorrere alcuni degli episodi più significativi in occasione del ventesimo anniversario della sua morte.

 

Roma, 14 GEN – “La sinistra ha cercato di derubricare a vicenda locale e poco importante una inchiesta, quella ‘Angeli e Demoni’ sui presunti affidi illeciti in Val d’Enza, che è invece una pagina nerissima non solo per la nostra comunità regionale ma per tutto il Paese. Ne siamo convinti oggi più che mai, a chiusura delle indagini, con la Procura di Reggio Emilia che non solo conferma l’impianto accusatorio ma lo ritiene rafforzato”.

Lo afferma la deputata emiliana di Forza Italia Benedetta Fiorini.

“Rimaniamo garantisti, come sempre, - continua Fiorini - ma 108 capi di imputazione sono una chiara evidenza di un sistema marcio che ha pregiudicato la serena esistenza di tanti minori e di tante famiglie, strappando gli uni alle altre, senza nessun motivo valido ed accettabile. La lista dei reati contestati è così lunga e variegata, dal falso ideologico in atto pubblico ai maltrattamenti in famiglia, dalla violenza privata alle lesioni dolose gravissime, dalla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche alla falsa perizia anche attraverso l’altrui inganno, dalla frode processuale al depistaggio, che fa pensare, come abbiamo sempre detto, ad un vero e proprio sistema criminale perpetrato sulla pelle di bambini e bambine e delle loro famiglie. Ecco perché – conclude Fiorini - serve intervenire urgentemente in materia di normativa degli affidi”.

 

Domenica, 19 Gennaio 2020 10:06

Reggio Emilia: Angeli o Demoni?

Bibbiano, la chiusura delle indagini non solo conferma ma aumenta a 108 i capi d’accusa. Ora i “sinistri” torneranno con i piedi sulla terra e la pianteranno di difendere con i loro “princìpi universali” i propri adepti e con gli stessi princìpi invece infangare i loro avversari politici?
 
Di Lamberto Colla 19 gennaio 2020 - A Bibbiano, in provincia di Reggio Emilia, come tutti sanno, è scoppiato uno scandalo di gravità immensa, relativamente a presunti abusi su minori e affidamenti "personalizzati" con sottrazione  ingiustificato dei bimbi dalle famiglie d'origine per essere “traslocati” verso famiglie affidatarie, spesso non tradizionali. Un meccanismo che, secondo quanto scaturito dalla indagini, sarebbe stato indotto anche da forzature e pressioni psicologiche realizzate nei confronti dei bambini stessi trasformando essi stessi in accusatori dei genitori. Una storia perversa che ne ha dell’incredibile (e auguriamoci che non sia vera!) che ha occupato le prime pagine dei giornali per un po’ di tempo, e comunque non tanto quanto fossero stati coinvolti soggetti che non appartenessero al mondo della sinistra e dei loro protetti. Ed è stato proprio per questo che, quasi da subito, si è avviata una vera e propria operazione di "camouflage".

I  "media", i buon pensanti (Bonaccini compreso) con la complicità di una commissione regionale all'acqua di rosa e infine con il contributo dell'intellighenzia montante delle "6000 sardine" è tutto rientrato e non più oggetto di attenzioni. E' stata tutta una strumentalizzazione, “Io ritengo assurdo che si continui a parlare di Bibbiano” sosteneva Sartori il leader delle sardine, seppure la frase fosse stata condita di buon generalismo demagogico, invitando perciò i politici a non proporre slogan che colpiscano la pancia bensì orientino i messaggi ai cervelli.
Insomma, dopo la satira politica, buona parte dei simboli universali ecco che i "sinistri" vorrebbero l'esclusiva anche sugli slogan.
 
Purtroppo per loro, chissà se per errore o per vendetta, ecco che a pochi giorni dalle elezioni riaccendersi i riflettori su Bibbiano, con nuove sconcertanti rivelazioni fuoriuscite con la comunicazione di chiusura delle indagini che vede confermati 26 indagati e 108 capi d'accusa mentre inizialmente erano 106:  peculato d’uso, abuso d’ufficio, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, falsa perizia anche attraverso l’altrui inganno, frode processuale, depistaggio, rivelazioni di segreto in procedimento penale, falso ideologico in atto pubblico, maltrattamenti in famiglia, violenza privata, lesioni dolose gravissime, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. 
 
Le ipotesi accusatorie sono tutte confermate, al Pd rimane poco da contestare. il procuratore della Repubblica di Reggio Emilia Marco Mescolini scrive, in riferimento alla chiusura indagini: “La massiccia attività istruttoria” effettuata mediante consulenze, interrogatori, analisi dei documenti, ha reso possibile “non solo di confermare le ipotesi accusatorie già riconosciute dal gip in fase cautelare“, ma anche “di integrare il quadro probatorio in relazione a talune non riconosciute dal gip stesso in fase di emissione misura e anche di individuare nuove fattispecie”.
 
Particolari da film horror utilizzati per alterare "lo stato psicologico di minori” oltre a  aver posto in uso, in alcuni casi, la “macchinetta dei ricordi” strumento a impulsi elettromagnetici il cui uso non è mai stato riconosciuto dall’ordine degli psicologi in Italia. Un quadro che si complica se si introduce l’elemento delle amicizie e della ”ex” (della principale indagata) la quale sarebbe anche molto prossima al movimento delle “sardine”, cosa che giustificherebbe la difesa incondizionata del “sistema Bibbiano”.
 
Insomma, da un lato Reggio Emilia è meta di professionisti e ricercatori che, in processione da tutto il mondo, vengono per "imparare" la gestione degli asili e dall'altro è il territorio che ospita il malefico esempio di immorale gestione dei bambini che, se dovessero confermarsi le imputazioni, ci sarebbe da chiamare un esercito di "esorcisti" per bonificare ogni angolo della provincia.
 
Ma se un fatto così grave e estremo è accaduta in un luogo di eccellenza educativa, cosa mai potrà venire scoperto se l’indagine si estendesse in altri e meno "civili" angoli della nostra lunga penisola?
 
(Fonti)
https://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/24325-il-%E2%80%9Cmercato-degli-affidamenti%E2%80%9D-lo-schifo-gi%C3%A0-noto-ma-%E2%80%9Ctollerato%E2%80%9D.html 
 
https://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/24355-inchiesta-val-d-enza,-bonaccini-basta-con-le-strumentalizzazioni.html 
 
https://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/24031-e%E2%80%99-proprio-vero-che-mangiano-i-bambini.html 
 
 http://www.ilgiornale.it/news/cronache/inchiesta-angeli-e-demoni-ecco-cosa-facevano-katia-bambina-1718677.html
 
https://www.imolaoggi.it/2020/01/17/bibbiano-indagata-fadia-bassmaji-offre-ospitalita-a-sardine/ 

Nella foto di copertina Castel Sant'Angelo, uno dei luoghi nei quali è ambientato il romanzo "Angeli e Demoni" di Dan Brown.
 

(Per leggere i precedenti editoriali clicca qui)

Pagina 7 di 5665