Visualizza articoli per tag: Rugby Parma

Lunedì, 06 Maggio 2019 08:05

Rugby, all'Arca Gualerzi il derby con il Parma

Piazzato di Negrello allo scadere, l'Arca Gualerzi vince il derby davanti ai 2500 del Lanfranchi

Davanti ai 2500 spettatori che hanno riempito la tribuna principale dello stadio "Lanfranchi", l'Arca Gualerzi Amatori conquista il derby battendo 13 a 10 i cugini della Rugby Parma, riportando a casa il Trofeo del Ducato.

Come nella gara di andata lo scorso 13 gennaio al "Banchini", è quindi ancora un piazzato allo scadere a decidere il derby anche se questa volta a sorridere sono i blucelesti che, dopo aver condotto la gara sin dall'inizio grazie alle due mete nel primo tempo di Spagnoli e Tolaini ed essersi fatti raggiungere a 25 minuti dalla fine da un piazzato di Righi Riva, agguantano la vittoria con un calcio di Negrello all'ottantesimo e naturalmente conquistano il Trofeo del Ducato, opera dell'ex bluceleste Stefano Fedolfi, che fino al prossimo derby sarà esposta nella Club House della Cittadella del Rugby.

Gara caratterizzata da numerosi errori da entrambe le parti probabilmente a causa della pressione del derby e dell'emozione di giocare davanti a tanti spettatori. Una Rugby Parma superiore in ischia ordinata, un Amatori Parma che domina nelle rimesse laterali e 30 giocatori in campo che lottano per tutti gli ottanta minuti regalano comunque ai presenti una bella giornata di sport che dimostra la vitalità del rugby a Parma.

Rugby a Parma che non è solo seniores ma anche femminile con le mamme della Rugby Parma che a squadre miste con le Amatori Girls e alcune ragazze del Rugby Colorno si sono sfidate a touch in squadre miste prima del derby per ricordare Rebecca Braglia e le under 12 di Amatori e Rugby Parma che, dopo aver fatto il corridoio all'ingresso in campo delle squadre, nel'intervallo si sono sfidate in campo.

Cronaca della gara
Calcio d'inizio con i blucelesti che partono all'attacco e dopo 4 minuti vanno in meta con Spagnoli sull'out di sinistra dopo una cavalcata di trenta metri finalizzando un'azione veloce dei trequarti. Sembra un dominio dei padroni di casa ma alla ripresa del gioco la Rugby Parma sale in cattedra mantenendo a lungo il possesso ma grazie ad un'ottima ed ordinata difesa dei blucelesti non riesce a capitalizzare ed è anzi l'Amatori che allunga con una meta di Tolaini, alla quinta segnatura nelle ultime tre gare, a finalizzare una rolling maul sugli sviluppi di una touche nei 22 degli ospiti.

La seconda metà del primo tempo è più equilibrata con numerosi errori da parte di tutti e due i quindici in campo ma a 3 minuti dall'intervallo è la Rugby Parma a segnare i primi suoi punti della partita con una meta di Zanichelli che finalizza un'altra bella azione dei propri trequarti.

Nella ripresa cala il ritmo di gioco anche a causa dei numerosi fischi dell'arbitro un po' troppo fiscale e i due allenatori ricorrono alla panchina mettendo in campo forze fresche. Al 74' arriva il pareggio di Righi Riva grazie ad un piazzato da posizione centrale ed è lo stesso estremo gialloblu pochi minuti dopo che potrebbe mandare per la prima volta in vantaggio i sui ma la punizione da posizione non difficile va a lato dei pali.

Quando mancano 20 minuti alla fine della partita arriva il primo giallo della gara al bluceleste Masini per un placcaggio alto e la Rugby Parma accelera ma ancora una volta la difesa dei ragazzi di De Rossi è superlativa e anche con un uomo in meno l'Arca Gualerzi non subisce punti. A 5 minuti dal termine è la Rugby Parma a trovarsi con un uomo in meno con Adorni che viene ammonito per gioco pericoloso. A questo punto l'Amatori si riversa in attacco e allo scadere subisce il fallo da posizione centrale che Negrello non fallisce portando nuovamente in vantaggio i padroni di casa. Sembra finita ma inspiegabilmente l'arbitro concede 8 lunghissimi minuti di recupero dove la Rugby Parma non riesce ad andare a segno ed anzi i blu celesti invece di mantenere il possesso continuano a giocare sfiorando un'altra meta.

Al fischio finale esplodono i tifosi blucelesti e tutti corrono ad abbracciare capitan Beppe Carra, che conclude dopo 23 anni la carriera da giocatore dell'Amatori Parma con la vittoria nel derby. Dopo i festeggiamenti di rito, i due presidenti Daniele Ragone e Bernardo Borri premiano i migliori in campo di ciascuna squadra, Giusepppe Carra per gli Amatori e Giangiacomo Slawitz per la Rugby Parma.

Il tabellino
Arca Gualerzi Amatori vs Rugby Parma 13 – 10 (Pt 10 – 7)
Marcatori: Pt 4'm Spagnoli (5-0), 20'm Tolaini (10-0), 37'm Zanichelli tr Righi Riva (10-7); St 54'cp Righi Riva (10-10), 80'cp Negrello (13-10)

Arca Gualerzi Amatori: Maghenzani; Spagnoli (79' Tonelli), Carra (Cap.), Masini, Dondi; Gherri (55' Dodi), Negrello; Colombo, Cantoni, Ciusa; Scarica (46' Philip), Andreozzi (55' Kouassi); Calì (50' Visentin), Tolaini (50' Saccò), Bertozzi (50' Zanacca). All.: De Rossi

Rugby Parma: Righi Riva; Zanichelli, Rosi, Calabrese (60' Massera), Pelizza; Pelagatti S. (cap.) (80' Bonserio), Guatelli (55' Manganiello); Bondioli (46' Cavazzini), Slawitz, Busetto; Adorni, Benchea C. A; De Rosa (66' Cammi), Silvestri (75' Strina), Zanetti (51' Bersani). All. Pascu e Gutierrez

Arbitro: Tommaso Battini (Bo)
Giudici di linea: Lorenzo Negro (Mo); Carmine Marrazzo (Bo)

Ammoniti: 61' Masini (Amatori); 76' Adorni (Rugby Parma)
Punti conquistati in classifica: Amatori Parma 4; Rugby Parma 1
Spettatori: 2500 circa
Foto Silvia Ragone

 

Arca_Gualerzi_Amatori_vs_Rugby_Parma__Serie_B_Derby_di_Parma_Ph_Silvia_Ragone__1.jpg

 

Arca_Gualerzi_Amatori_vs_Rugby_Parma__Serie_B_Derby_di_Parma_Ph_Silvia_Ragone__3.jpg

 

Pubblicato in Sport Parma

Quella di domenica al Banchini è stata la seconda sconfitta casalinga della stagione: prima di Civitavecchia (che senza la penalizzazione di inizio campionato sarebbe da sempre la capolista e che ad oggi vanta solo vittorie, con l'eccezione di un unico pareggio nello scontro al vertice col Romagna), soltanto Florentia (da gennaio a ieri prima della classe) era riuscita a cantar vittoria in casa della Rugby Parma. Va anche detto che, in entrambi i casi, le avversarie hanno dovuto faticare molto di più di quanto non dica il punteggio per riuscire nell'impresa di battere i gialloblù nella loro "tana".

Prima di addentrarci nell'analisi della partita sembra però giusto evidenziare che le due formazioni in campo ieri possedevano caratteristiche sostanzialmente differenti che hanno di fatto certamente condizionato l'esito dell'incontro: una formazione rimaneggiata e con giocatori non al 100% per la Rugby Parma contro una formazione tipo sponda CRC (come dichiarato dal club stesso sui social), un'età media dei giocatori in maglia gialloblù di 23 anni scarsi, contro i 28 abbondanti di quella biancorossa, dato questo che permette di comprendere meglio il perché di certe scelte affrettate che non si sono rivelate vincenti per Samuele Pelagatti e compagni e, al contrario della maggior esperienza e abitudine da parte biancorossa a gestire situazioni difficili come la doppia inferiorità numerica con i parmigiani in piena rimonta.

A fronte di questi dettagli che non sono sicuramente poca cosa, che non si tratti della giornata migliore per i ragazzi di Liviu Pascu e Mono Gutierrez si vede dal calcio di inizio, ricevuto malamente e restituito agli ospiti che, con la prima percussione centrale della partita, vanno in meta sotto ai pali senza incontrare opposizione. Non è passato nemmeno un minuto dal fischio d'inizio. Al 3′, però, Righi Riva ha l'occasione per accorciare dalla piazzola, ma il calcio esce di lato. Il tentativo riesce invece al 7′, ma al 15′ il precisissimo calciatore laziale ristabilisce le distanze. Al 22′ un altra ingenuità difensiva, con i gialloblù che si allontanano dal punto del calcio di punizione dando le spalle al mediano ospite che se ne accorge, batte rapido e allarga sull'ala che si invola sull'out di sinistra e segna. I padroni di casa ribattono colpo su colpo ed al 29′ accorciano le distanze con Colla che segna al termine di una serie insistita di percussioni sulla linea di meta. Prima della fine del tempo il CRC allunga ancora con un calcio dai 45 metri, per l'8-20 con cui si chiude il parziale.

Cambio di campo e Parma che continua ad affrontare gli avversari a viso aperto, imbastendo delle buone azioni alla mano. Una di queste libera Silvestri sul lato destro, che fissa il suo uomo e lancia sul filo dell'out destro Derossi che arriva a segnare sotto ai pali. Che gli ospiti non siano abituati a prendere mete del genere si intuisce dagli "scambi di opinione" tra loro durante la trasformazione. Al 14′, un'azione confusa nei 22 parmigiani si conclude con un passaggio stretto, probabilmente in avanti, per la meta trasformata del 18-27. Due minuti dopo, ancora un calcio dalla lunga distanza porta gli ospiti sul 18-30. Tutt'altro che domi, i gialloblù si riversano nella metà campo ospite mettendo alla frusta la difesa avversaria. Al 23′ l'arbitro estrae un giallo per falli ripetuti e soltanto tre minuti dopo un altro per antigioco sulla linea di meta. Sugli sviluppo dell'azione è Silvestri ad accorciare le distanze con una marcatura che, con la trasformazione di Righi Riva, porta il punteggio sul 25-30. La doppia superiorità per alcuni minuti (pochi in realtà perché entrambi i giocatori vengono richiamati in campo dopo 7 minuti soltanto anziché i 10 previsti dal regolamento) viene completamente vanificata dal "mestiere" dei più esperti ospiti che rallentano il gioco dando fondo a tutto il repertorio e soprattutto dalle scelte di gioco sbagliate da parte dei gialloblù. Al 30′ capitan Pelagatti, nel tentativo di stoppare un calcio di liberazione, rovina addosso all'apertura laziale che rimane a terra. L'estrazione del cartellino rosso da parte dell'arbitro sembra avere sul biancorosso Calandro effetti benefici e, fortunatamente, termina la partita senza problemi. L'ultima azione è quella che dà il punto di bonus offensivo agli ospiti e toglie quello difensivo, che sarebbe onestamente strameritato, ai parmigiani, con l'ala che va a segnare alla bandierina dopo una sventagliata sulla destra per il definitivo 25-37. Mancherebbero ancora quasi 5 minuti da giocare, ma il direttore di gara fischia la fine e manda tutti in spogliatoio.

Si sono viste giocate pregevoli, con la palla che ha girato, anche se forse con minor fluidità; manca ancora la freddezza di gestire l'ultimo passaggio o tenere in mano l'ultimo pallone. I tecnici gialloblù Pascu e Gutierrez sono concordi nel ritenersi comunque molto soddisfatti della prestazione del gruppo che, nonostante qualche errore individuale, ha affrontato bene la partita contro una squadra molto più esperta che, forte della propria supremazia, non è comunque riuscita a dilagare e che, anzi, nel secondo tempo non è riuscita a marcare nemmeno un punto in più (17-17 solo grazie alla meta nel finale in superiorità numerica) rispetto ai gialloblù.

RUGBY PARMA: Righi Riva, Massera, Zanichelli (v. cap.), Pelizza, Tucconi, Pelagatti S. (cap.), Guatelli (41′ Manganiello, 55′ Gutierrez), Slawitz, Derossi, Cavazzini, Colla (57′ Bondioli), Benchea C., Cammi, Silvestri (67′ Palma), Zanetti (52′ Pelagatti M.); a disposizione: Bandini, Maggiani. All.: Pascu e Gutierrez.

CIVITAVECCHIA RUGBY CENTUMCELLAE: Crinò, De Gasperi, Giancarlini, Diottasi (41′ Carabella), Cerquozzi, Calandro, Martinelli, Fiorini (53′ Gentili), Onofri (v. cap.), Fraticelli, Manuelli (cap.), Natalucci (41′ Velenosi), Rossi, Orchi, Cocivera; a disposizione: Centracchio, Simeone, Mellini, Lazzarini. All.: Granatelli.

Rugby Parma vs Civitavecchia Rugby Centumcellae: 25-37 (8-20), pt 0-5

MARCATORI:
1° T: 1' mt Giancarlini tr Calandro, 7′ cp Righi Riva, 15′ cp Calandro, 22′ mt De Gasperi tr Calandro, 29′ mt Colla nt, 37′ cp Calandro
2° T: 1′ cp Righi Riva, 8′ mt Derossi tr Righi Riva, 14' mt Onofri tr Calandro, 17′ cp Calandro, 26′ mt Silvestri tr Righi Riva, 35′ mt Cerquozzi tr Calandro

Arbitro: Fabio Arnone (PI)

Note: 63' giallo Onofri, 66′ giallo Fraticelli, 70′ rosso Pelagatti S.

 

 

RPR_Seria_B1819-162_2.jpg

 

 

Pubblicato in Sport Parma

Vittoria sofferta per i gialloblù di Liviu Pascu e Mono Gutierrez che hanno dovuto aspettare l'80' per aver ragione di un Cus Siena quadrato che macinando il proprio gioco, seppure forse poco spettacolare, ha di fatto mantenuto il possesso del pallone per buona parte del primo tempo, per poi ripiegare nel secondo, arretrando sempre di più il proprio gioco.

Oltre alle difficoltà causate dal fondo del famigerato Sabbione, nel primo tempo i gialloblù hanno dovuto lottare anche con un fastidiosissimo vento teso che ha soffiato alle spalle dei toscani e con il sole che ha disturbato non poco le prese aeree. Da segnalare il debutto da titolare di Zito dopo una lunga serie di infortuni ed il rientro di Busetto anche lui al debutto stagionale.

Il primo a muovere il tabellino è il XV ducale, oggi capitanato da Zanichelli, che usando una delle armi preferite dai senesi, calcia una punizione in touche e, sulla maul successiva, va in meta con Guatelli. Il gioco dei parmigiani non riesce a decollare con il vento che continua a disturbare i lanci in touche e il fondo che impedisce accelerazioni e "tagli", tra le principali caratteristiche dei trequarti gialloblù. Al 14′ i cussini accorciano le distanze con un piazzato da posizione centrale e, al 22′, il piatto forte dei senesi su fallo guadagnato in mischia ordinata: calcio di punizione con touche in prossimità della linea dei 5 metri in attacco e maul vincente con segnatura non trasformata. Al 32′ il copione si ripete per filo e per segno con la differenza che questa volta l'apertura di casa trasforma. Si va al riposo con la Rugby Parma ad inseguire partendo da un parziale di 15-5.

Nel secondo tempo, con il vento alle spalle, i parmigiani si portano stabilmente in attacco, mentre i toscani faticano sempre di più con i calci di liberazione. Pascu e Gutierrez spostano Benchea in seconda linea al posto dell'infortunato Calcagno (brutto il fallo commesso su di lui dal n° 9 di casa e non sanzionato). Silvestri sostituisce Strina al centro della prima linea e Pelagatti, in panchina per un fastidio al ginocchio, entra all'apertura con Righi Riva che ritorna a mediano di mischia al posto di Guatelli. Il risultato però non cambia, nonostante il cartellino giallo che, al 15′, manda il terza linea di casa Faleri dietro ai pali per un pericolosissimo spear tackle che avrebbe meritato una sanzione più pesante. Anche la sorte sembra accanirsi, quando al 30′ Righi Riva da posizione centrale colpisce il palo con un calcio piazzato. Al 35′ la serie di falli ripetuti della mischia toscana costringe il direttore di gara a mostrare un altro cartellino giallo ai giocatori in maglia bianconera. A cinque minuti dal termine, finalmente Slawitz sblocca il risultato partendo dalla base di una mischia ordinata vinta agevolmente sotto ai pali avversari. 10-15, tre minuti da giocare e ancora cinque punti da rimontare. A questo punto l'errore che probabilmente indirizza la partita dalla parte dei parmigiani: i senesi in possesso di palla, anziché continuare a lavorare con dei pick and go fino al termine, decidono di aprire la palla sull'ala che, trovandosi isolata, è costretta al fallo di tenuto dai placcatori parmigiani. Righi Riva calcia in prossimità dei 5 metri difensivi avversari, la successiva touche viene portata a terra e una serie di percussioni scardina alla fine la difesa bianconera con Silvestri che segna per il pareggio. Righi Riva da sotto i pali non manca la trasformazione a tempo scaduto.

La Rugby Parma incassa vittoria e 4 preziosi punti in classifica.

"Ci aspettavamo una partita difficile, contro un avversario ostico che già nella primo incontro stagionale ci aveva fatto sudare– così coach Gutierrez a fine match –Il clima e le caratteristiche del campo non ci hanno permesso di esprimere il nostro gioco, ma i ragazzi devono imparare ad adeguarsi anche alle condizioni climatiche e ad adattare di conseguenza il tipo di gioco. Abbiamo faticato ad entrare in partita, ma la situazione è migliorata dopo che abbiamo effettuato i cambi del secondo tempo ripristinando la solita formazione che ha riportato un po' di ordine. Oggi possiamo dire che Liviu ed io abbiamo lasciato cinque anni di vita in campo, però alla fine il risultato lo abbiamo portato a casa e questo è l'importante. Adesso testa ai prossimi due incontri che sono davvero tosti".

RUGBY PARMA: Manganiello, Gutierrez (64' Maggiani), Rosi (57' Pelizza), Zanichelli (cap.), Massera, Righi Riva, Guatelli (44' Pelagatti S.), Benchea C., Busetto (62' Bandini), Slawitz (v. cap.), Calcagno (16' Cavazzini), Colla, Cammi, Strina (41' Silvestri), Zito (41' Zanetti). All.: Pascu e Gutierrez.
CUS SIENA RUGBY: Rossi, Bartolomucci T., Capresi, Verardi, Grazi, Bartolomucci F., Trefoloni (cap.), Peruzzi, Interi, Moscatello, Carmignani (v. cap.), Palagi, Pezzuoli, Comandi, Duprè De Foresta; entrati nella ripresa: Rocchi, Halderman Mezzetti, Faleri, Tarloni, Gembal, Cianti, Mondet. All.: Sacrestano.
CUS Siena Rugby vs Rugby Parma: 15-17 (15-5), pt 1-4

MARCATORI:
1° T: 4' mt Guatelli nt, 14' cp Bartolomucci F., 22' mt Pezzuoli nt, 32' mt Peruzzi tr Bartolomucci F.
2° T: 35' mt Slawitz nt, 80' mt Silvestri tr Righi Riva
Arbitro: Maria Giovanna Pacifico (BN)
Note: 55' giallo Faleri, 74' giallo Duprè De Foresta

Pubblicato in Sport Parma

Al termine di una partita ruvida, i gialloblù hanno la meglio sul Modena superandolo in classifica e insediandosi al 5° posto in attesa del recupero di domenica prossima in trasferta a Siena.

La partita vede i ragazzi di Liviu Pascu e Mono Gutierrez orchestrare al meglio sia in mischia che con i trequarti, ma accusare ancora una volta le driving maul che fruttano tutte e tre le mete marcate dagli ospiti.

La prima frazione di gioco è di marca gialloblù con i padroni di casa che difendono il possesso con il pack e orchestrano buone manovre con la linea dei trequarti, quest'oggi con Guatelli in mediana e Righi Riva estremo. Al 3′, un fallo degli ospiti nel difendere una maul centrale sulla linea dei 22, vale il primo calcio piazzato che Righi Riva, ex di turno, mette tra i pali. Tre minuti più tardi tocca alla mischia ordinata guadagnare la punizione da posizione centrale che Righi Riva trasforma in altri tre punti. La reazione dei modenesi non tarda: un fallo a metà campo viene giocato in touche da cui scaturisce la maul che permette agli ospiti di accorciare le distanze pur mancando la trasformazione di Michelini da posizione angolata. Al 20′ un placcaggio pericoloso del centro ospite viene punito con un cartellino giallo. I padroni di casa ne approfittano con capitan Pelagatti che, su assist di Guatelli da mischia sui 5 metri, finta l'apertura e attacca la linea, segnando sotto ai pali. E' forse il momento migliore per i gialloblù: al 31′ una serie di azioni alla mano sul lato sinistro viene finalizzata da Righi Riva e trasformata per il 18 a 5 che crea un break che potrebbe essere decisivo. La reazione ospite è furiosa e i parmigiani si devono difendere con qualche fallo di troppo. A pagare per tutti è Calcagno che finisce dietro ai pali punito con un cartellino giallo. I modenesi aumentano la pressione, vincono una mischia in zona di attacco e dopo una serie di percussioni, vanno a segno con un preciso calcio al largo che viene finalizzato dal primo centro contro cui i difensori di casa non possono nulla.

Il secondo tempo è più nervoso e spezzettato, con l'arbitro che fatica a tenere in pugno la partita e le squadre che si scambiano colpi al limite del regolamento ed anche oltre. Al 10′ Righi Riva dalla piazzola allunga per il 21 a 12, ma la risposta, ancora di maul, arriva al 14′ per il 21 a 19 che riapre la partita. I modenesi provano ad attaccare, ma la difesa gialloblù è ordinata ed anzi sono proprio i padroni di casa ad avvicinarsi alla marcatura con Derossi che arriva corto di pochi centimetri dalla linea di meta prima di commettere un in avanti quando manca un minuto al termine.

Missione compiuta quindi e Banchini ancora avaro di soddisfazioni per tutti quest'anno ad eccezione, finora, della capolista Florentia. Adesso testa al prossimo appuntamento, il recupero contro il CUS Siena, che si preannuncia un test durissimo, sia per la qualità dei toscani, incontrati a Parma tre settimane fa, sia per il temuto campo del Sabbione.

Coach Pascu a fine match: "Sappiamo che con Modena è sempre una partita molto dura. E' una bella squadra che gioca bene. Noi abbiamo fatto un bellissimo primo tempo poi, come succede troppo spesso, facciamo di tutto per cercare di perdere. Nella seconda frazione abbiamo preso decisioni sbagliate e giocato da soli e le nostre scelte hanno permesso a loro di rientrare in partita. Domenica prossima ci aspetta un incontro molto duro. I punti di forza di Siena sono mischia e drive e punteranno su quelli; per noi sarà molto difficile perché il loro campo è ancora più stretto. Dovremo essere molto concentrati e far girare la palla velocemente per metterli in difficoltà come abbiamo fatto nel primo tempo dell'andata. Sarà importante puntare molto anche sulla difesa, soprattutto dalle fasi statiche, e sulla disciplina per non offrire loro l'opportunità di giocare nella nostra metà campo con i calci".

Meno soddisfatto Mono Gutierrez che vede nella partita con Modena, soprattutto quest'anno, un vero e proprio derby, quasi più di quello con l'Amatori. "Ci siamo presi la rivincita rispetto all'andata, ma non è possibile che siamo noi stessi a rimettere in gioco l'altra squadra. Come staff dobbiamo sicuramente lavorare ancora, ma soprattutto sono i ragazzi che devono crescere per superare questo problema. Oggi l'arbitraggio non è stato uno dei migliori, ma dobbiamo tutti, io per primo, capire che dobbiamo fare il nostro gioco e adeguarci alle decisioni arbitrali. Al di là del risultato positivo, sicuramente molto importante, non sono contento come allenatore perché certi insegnamenti che trasmetto alla squadra e sui quali lavoriamo molto in allenamento, soprattutto relativi alla difesa e alla touche, non vengono seguiti dai ragazzi. Senz'altro il motivo sta nella giovane età della squadra a cui manca un giocatore d'esperienza nel gruppo, un vero leader come sono stati Pascu e Soffredini nelle passate stagioni. Spero che, grazie alla crescita individuale, riesca ad emergere il futuro leader della squadra che porti esperienza, ma anche tranquillità, in campo, diversamente da quanto successo oggi".

Ma non potremmo chiudere senza la voce di Davide Righi Riva. Un vero derby per il giovane modenese da anni ormai trasferito a Parma ed autore di ben 16 dei 21 punti marcati in giornata: "Affrontare una squadra composta da molti ragazzi con i quali ho giocato in giovanile fino a pochi anni fa comporta sempre parecchia emozione. All'inizio ero tranquillo, ma poi mi sono un po' innervosito per come si era messa la partita. Sono abbastanza soddisfatto della prova in generale, anche se ho compiuto qualche errore di troppo a livello personale. Soddisfatto del primo tempo in cui siamo riusciti ad esprimere molto bene il nostro gioco, nel secondo invece siamo stati un po' imprecisi complicandoci da soli la vita. L'importante è che continuiamo a lavorare su alcuni aspetti ancora deficitari. Ora ci aspetta una partita molto fisica con Siena, dovremo essere bravi a tenere alto il ritmo e muovere bene la palla con i trequarti".

RUGBY PARMA: Righi Riva, Massera, Zanichelli (v. cap.), Pelizza, Manganiello, Pelagatti S. (cap.), Guatelli (45′ Tucconi), Benchea C., Derossi, Slawitz, Colla (65′ Zilioli), Calcagno (56′ Bandini), De Rosa (57′ Cammi), Silvestri, Zanetti (67′ Zito); a disposizione: Gutierrez, Maggiani. All.: Pascu e Gutierrez.

MODENA RUGBY: Biskupec, Di Pascale (45′ Uguzzoni), Daupi, Trotta, Petti (70′ Pianigiani), Michelini (v. cap.), Esposito (75′ Pilati), Venturelli M. (cap.), Venturelli L. (71′ Furghieri), Cojocari, Parmeggiani (45′ D'Elia), Maiga, Righi (52′ Milzani), Rodriguez Rodriguez (70′ Secchi), Rizzi. All.: Ivanciuc.

Rugby Parma vs Modena Rugby: 21-19 (18-12), pt 4-1

MARCATORI:
1° T: 3′ cp Righi Riva, 10′ cp Righi Riva, 15′ mt Righi nt, 23′ mt Pelagatti S. nt, 31′ mt Righi Riva tr Righi Riva, 39′ mt Trotta tr Michelini
2° T: 10′ cp Righi Riva, 14′ mt Rodriguez Rodriguez tr Michelini

Arbitro: Fabio Arnone (PI)

NOTE: 20′ giallo Daupi, 37′ giallo Calcagno

RPR_Rugby_Parma-11mar19DSC_2493.jpg

 

Pubblicato in Sport Emilia
Giovedì, 31 Gennaio 2019 10:04

Rugby Parma rientra da Rieti con 4 punti

Domenica positiva per i ragazzi di Liviu Pascu e Mono Gutierrez che rientrano dalla lunga trasferta di Rieti con quattro punti in tasca seppure con un rimpianto per l'ultima azione della partita che avrebbe potuto valere il punto di bonus offensivo.

I gialloblù partono con il piglio giusto e mantengono per i primi minuti la supremazia territoriale di fronte a un Arieti Rugby Rieti determinato e aggressivo nei punti di incontro che alterna percussioni centrali a giocate al largo in velocità. Una serie di falli da parte dei padroni di casa porta la Rugby Parma a giocare una palla in maul e a sbloccare il risultato con il giovane tallonatore Strina al 9′. La reazione reatina è ben contenuta dai parmigiani che mantengono comunque il pallino del gioco. Al 19′, un calcio di liberazione dei laziali permette a Righi Riva di contrattaccare ed impostare una bella azione alla mano, con Samuele Pelagatti che attacca la linea, approfittando anche del bel movimento di Zanichelli, oggi schierato all'ala, e segna intoccato. Ancora una volta i reatini reagiscono e nella seconda metà del parziale prendono in mano le redini del gioco costringendo gli ospiti ad arretrare.

Dopo aver retto per vari minuti alle ripetute percussioni, la difesa gialloblù capitola allo scadere con conseguente meta alla bandierina dell'ala di casa. La trasformazione non riesce e le squadre vanno al riposo sul 5-14.

Al rientro in campo, il vantaggio non è rassicurante, soprattutto quando i gialloblù si trovano in inferiorità numerica per il giallo a Cosmin Benchea per l'ultimo di una serie di falli della difesa. Gli amarantocelesti provano ad approfittarne, ma le giocate migliori non sono le loro e il punteggio rimane invariato. Ristabilita la parità numerica, al 21′ una serie ripetuta di percussioni da parte degli avanti parmigiani viene fermata da un fallo in prossimità della linea di meta che offre a Righi Riva l'opportunità di allungare dalla piazzola per il 5-17. Il doppio cambio di piloni gialloblù sembra dare il colpo di grazia alle speranze di rimonta dei laziali, con le mischie ordinate che diventano la piattaforma per attacchi in avanzamento. Al 30′, gli avanti di casa sotto pressione per una serie di mischie chiuse nei propri 5 metri, costringono l'arbitro ad assegnare la meta tecnica dopo l'ennesimo fallo su chiara occasione da meta. 5-24 e partita in ghiaccio con qualche minuto ancora per provare a incassare il punto di bonus. La mischia di casa si trova ancora in difficoltà sulla propria linea di meta e commette di nuovo una serie di falli in mischia chiusa allo scadere. Questa volta, però, la troppa fretta di giocare la palla porta ad un in avanti su placcaggio a cui segue il fischio finale.
Sicuramente una buona vittoria in trasferta per la Rugby Parma contro una compagine che in casa sarà un osso duro per tutti.

"Ci aspettavamo una partita molto fisica e così è stato– questa la dichiarazione di coach Pascu a fine match – Era importante portare a casa la vittoria in un incontro che sapevamo difficile e ci siamo riusciti. La mischia, tra alti e bassi, complessivamente è andata bene, soprattutto dopo i cambi nel secondo tempo con giocatori più freschi. La nostra giovane squadra sta crescendo molto bene e continuamente però, se vogliamo battere le squadre più forti, dobbiamo lavorare ancora. Anche domenica prossima ci aspetta una partita molto dura e fisica, forse anche più di quella di oggi. Dobbiamo essere preparati ad affrontare gli avversari fisicamente ma soprattutto a dare più velocità al gioco, al contrario di oggi quando siamo stati troppo lenti e abbiamo fatto un po' il gioco dell'avversario".

Domenica prossima, in occasione della prima giornata di riposo per il primo turno del 6 Nazioni, ci sarà il recupero della seconda giornata di campionato rinviata in ottobre per il Palio straordinario, contro il CUS Siena sul temuto campo del Sabbione.

RUGBY PARMA: Righi Riva, Zanichelli, (v. cap.), Rosi, Pelizza (64' Massera), Tucconi, Pelagatti S. (cap., 62' Imparato), Guatelli (52′ Manganiello), Benchea C., De Rossi, Slawitz, Colla (13' Zilioli, 44' Bandini), Bondioli, De Rosa, Strina (43' Cammi), Palma (61' Pelagatti M.). All.: Pascu e Gutierrez.

ARIETI RUGBY RIETI: Perugini V., Gudini, Rosati (35' Carotti F.), Ratilainen, Bozza, Pellegrino, Izzo, Carotti G. (v. cap.), Angelucci Al. (65' De Amicis), Steri (50' Paniconi), Rosati, Rossi (cap.), Biondi, Cucco, Perugini T. (55' Rinaldi); a disposizione: Chiaretti, Angelucci An., Del Zoppo. All.: Bordon.

Arbitro: Tommaso Battini (BO)
Arieti Rugby Rieti vs Rugby Parma: 5-24 (5-14) pt 0-4

MARCATORI:
1° T: 9' mt Strina tr Righi Riva, 19' mt Pelagatti S. tr Righi Riva, 39' mt Bozza nt,
2° T: 21' cp Righi Riva, 30' mt tecnica RPFC

NOTE: 48' giallo Benchea C.

Pubblicato in Sport Emilia