Visualizza articoli per tag: Sport

Domenica, 29 Novembre 2020 21:04

F1, Bahrain: la porta dell'inferno

Al primo giro la Haas di Grosjean si schianta, prende fuoco ed in F1 torna la paura. Domina Hamilton, la Ferrari arranca.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 15 Novembre 2020 15:43

F1, Gp di Turchia: il saluto dei Campioni

Vettel torna sul podio e si complimenta con il neo sette volte iridato Hamilton. L'inglese vince una gara pazza, complice un asfalto inadeguato.

di Matteo Landi

Sette volte Campione del Mondo, come Michael Schumacher. Epoche diverse, lo abbiamo detto più volte, rendono il paragone infattibile, ma la grandezza di Hamilton va oltre i numeri ottenuti al volante di vetture prestazionali quali McLaren prima e Mercedes dopo. La statura del pilota di Stevenage deriva dal modo in cui conduce gare difficili come quella odierna. Dopo una qualifica non eccezionale, solo sesto, l'inglese ha corso da attendista nella prima parte di gara. Mentre intorno a lui molti sbagliavano lui ha aspettato che la pista diventasse quasi asciutta, il momento giusto per portarsi in testa con un sorpasso, il meno bello della giornata, non appena ha avuto la possibilità di attivare l'alettone mobile. La grandezza della sua gara è evidente se paragonata a quella di Bottas. Il finlandese, che avrebbe dovuto contendere il titolo a Lewis, è incappato in una giornata decisamente storta. Non parliamo di sfortuna ma di quegli errori che non gli consentono di elevarsi ai livelli di Hamilton, e neanche di avvicinarli. A fine gara il sette volte iridato ha atteso alcuni minuti prima di scendere dalla sua vettura, non ha trattenuto le lacrime mentre metabolizzava quel che aveva appena ottenuto. Vettel, di nuovo sul podio, gli ha allungato la mano e si è complimentato con lui. Undici titoli mondiali in un frame, il momento più toccante della domenica.

Ferrari di nuovo sul podio! Vettel perfetto, Leclerc indomabile

Più del titolo vinto da Hamilton, in fondo ha corso un campionato a due in cui l'unico avversario è stato quel Bottas che oggi ha mostrato tutti i suoi limiti, ha destato scalpore riaccendendo gli entusiasmi la rimonta delle due Rosse, scattate entrambe dalla sesta fila. Al via Leclerc ha subìto il lato meno gommato e più scivoloso della pista sprofondando nei bassifondi della classifica. Vettel ha corso alla....Vettel! Abbiamo finalmente rivisto il pilota veloce e capace di andare oltre alle difficoltà della sua Ferrari. Ad inizio gara si è reso autore del migliore scatto da fermo. Dopo pochi chilometri dietro le due Racing Point battistrada (!) c'era lui, terzo. La gara è stata pazza per tutti ed il tedesco non è mai stato il più rapido in pista ma è stato colui che ha sbagliato meno tenendo costantemente un ritmo adeguato. Leclerc è invece rinvenuto come una furia, sorpasso dopo sorpasso. Spesso è risultato il pilota più veloce ed è stato un vero peccato vederlo arrancare al via per colpe non sue. A fine gara il monegasco non si è accontentato di una terza posizione certa ma si è gettato all'inseguimento della seconda piazza occupata da un grandissimo Sergio Perez. All'ultimo giro ha raggiunto il messicano e lo ha passato, ma una staccata a ruote fumanti non gli ha permesso di tenere la giusta traiettoria. La Racing Point lo ha quindi sopravanzato e Vettel ha colto l'attimo, tornando su un podio che per lui non arrivava dal Gp del Messico dello scorso anno. All'interno di un'annata per la Scuderia di Maranello sportivamente disgraziata il terzo posto del tedesco, molto "attaccato alla maglia", autore di svariati errori nel passato recente ma capace anche di riportare la Rossa a lottare per il titolo nel 2017 e nel 2018, è un bagliore di luce inatteso e bello. Un voto positivo va oggi ad entrambi i piloti, anche a Leclerc appunto, tutto grinta e cuore, un vero animale da gara.

Stroll poleman, Perez secondo al traguardo: che weekend per Racing Point!

Poteva essere la grande domenica di Stroll, ma una strategia non ottimale lo ha privato di un podio ampiamente alla portata. Il nono posto finale non gli rende merito ma poco importa: la pole position ottenuta circa 24 ore prima è qualcosa che rimarrà per sempre nei ricordi degli appassionati e nelle statistiche più prestigiose: prima volta in carriera per lui e prima partenza al palo per la Racing Point. Da notare anche il ritorno alla pole position per un pilota canadese: non accadeva da Jerez 1997, la gara che incoronò Campione Jacques Villeneuve. Numeri a parte è da rimarcare la bravura sul bagnato di Stroll, imprendibile in prova e nella prima bagnatissima parte di gara. Con questa prestazione ha definitivamente zittito chi non gli riconosceva i giusti meriti, nonostante le vittorie ottenute nelle categorie inferiori, in quanto figlio di uno degli uomini più ricchi del mondo: Lawrence, possessore della squadra per la quale corre e che il prossimo anno diverrà Aston Martin. Non da meno è risultato il compagno di Lance, quel Sergio Perez che ancora non ha un contratto per l'anno prossimo: in qualifica è risultato terzo, in gara si è arreso solo ad Hamilton, avendo la meglio su quel pilota, Vettel, che il prossimo anno occuperà il suo sedile.

La pessima organizzazione turca esalta Mugello ed Imola

Evoluzioni dei piloti a parte è giusto evidenziare la cattiva organizzazione del Gran Premio di Turchia. Da biglietti proposti a soli tre euro in piena pandemia all'ovvia assenza di pubblico, fino ad una riasfaltatura sconsigliata dalla Federazione e da consulenti esterni ma ugualmente eseguita a ridosso del weekend di gara. Oltretutto utilizzando un manto appena adeguato per la normale circolazione stradale, figuriamoci per le vetture più veloci del pianeta! Venerdì i piloti non hanno contenuto le critiche ed abbiamo assistito a fuori pista, testacoda e giri lentissimi. Un fondo sporco, oleoso, oltretutto lavato nonostante la bassa temperatura atmosferica non ne consentisse un'adeguata asciugatura. Guardando ai ritorni ed alle prime volte di questo strano 2020 spicca ancora di più l'ottima organizzazione dei Gran Premi di Toscana e dell'Emilia Romagna. In vista delle prossime stagioni, Stefano Domenicali, prossimo Presidente e CEO della F1, pensaci bene!

Pubblicato in Motori Emilia

Liverani: "La squadra sta acquisendo compattezza". Parma, 7 novembre 2020 – Al termine del match tra Parma e Fiorentina, ecco il commento di Mister Fabio Liverani.

Pubblicato in Sport Parma
Sabato, 07 Novembre 2020 14:13

Che cos'è il Paintball?

Ringraziamo Luciano Corzo, Presidente dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Paintball Parma City, che ricopre inoltre il ruolo di allenatore per il team Parma Rangers, per la consulenza e per il materiale fotografico.

Pubblicato in Costume e Società Parma
Domenica, 01 Novembre 2020 18:53

F1, Imola: un bel sorso di Romagna!

La faentina AlphaTauri sfiora l'impresa nel giorno del settimo alloro consecutivo Mercedes. Ferrari non male (per essere il 2020) con Leclerc, quinta. E grande Alfa Romeo, nona grazie al veloce e saggio Raikkonen e decima con un ottimo Giovinazzi.

di Matteo Landi

Il primo, e forse ultimo, Gran Premio dell'Emilia Romagna è destinato a rimanere nella storia. Sarà ricordata come la gara che ha consegnato a Mercedes il settimo titolo costruttori consecutivo, record assoluto. Battuto il primato Ferrari, quello dell'Era d'Oro di Schumacher, Todt, Brawn e Byrne, vincenti dal 1999 al 2004 compresi. Nel 2014, anno del debutto della Formula turbo-ibrida, la Mercedes ha instaurato un dominio che solo il prossimo cambio regolamentare del 2022 potrà, forse, interrompere. Intanto gli uomini di Toto Wolff si stanno abbuffando di trofei come nessun'altro in passato ha fatto. Ferrari vs Mercedes, una sfida a distanza vinta, nei numeri, dalla seconda. Facilitata anche dall'assenza di quei cambi regolamentari che cercarono di scalfire la forza della Rossa, riuscendoci nel 2005 fra divieto di cambi gomme e modifiche regolamentari sia sul fronte dell'aerodinamica che su quello motoristico.

Il Gran Premio dell'Emilia Romagna sarà ricordato anche come l'evento che ha riportato nella massima serie automobilistica il circuito di Imola. L'ultima gara fu disputata nel 2006, e terminò con la Rossa di Schumacher in trionfo dopo un acceso duello con la Renault di Alonso. Oggi hanno dominato le Mercedes di Hamilton e Bottas. Sul podio è tornata la Renault, con uno stupendo Ricciardo, anello di congiunzione fra passato e presente. Un presente meraviglioso grazie alla stesso tracciato che sorge sulle rive del Santerno, capace di riportare la F1 ai fasti del passato. Pochi sorpassi ma tutti memorabili. Su una pista dalla carreggiata stretta abbiamo rivisto piloti che non hanno atteso i rettilinei per operare le loro manovre agevolate dall'utilizzo dell'ala mobile. In percorrenza di curva, in accelerazione, all'esterno o all'interno. Così, ben più del trionfo di Hamilton, ricorderemo il bel sorpasso di Leclerc su Magnussen alla Tosa, o la manovra ardita e riuscita di Kvyat sullo stesso Leclerc a fine gara. Azioni rudi, forti, di pregio. Bentornata F1 e grazie Imola. Una pista che non sappiamo quando tornerà nel calendario della Formula 1 ma intanto ci ha riacceso quella passione che le piste disegnate da Hermann Tilke fanno di tutto per spegnere!

AlphaTauri: un quarto posto che poteva essere un podio. E tante emozioni vicino casa

A pochi km dalla pista romagnola sorge lo stabilimente AlphaTauri, un tempo Toro Rosso, e prima ancora Minardi. Sabato Gasly si è presentato in prova con il casco tributo a Senna, con il quale ha disputato la sua miglior qualifica in carriera risultando quarto. Le vetture costruite a Faenza hanno letteralmente impressionato arrivando, con il loro miglior interprete, a disturbare Verstappen e "mamma" Red Bull. Purtroppo in gara un problema tecnico ha tolto il sorriso a Gasly costringendolo al ritiro. Con il francese fuori gara ha sfoderato tutta la sua grinta Kvyat. Negli ultimi giri, dopo un periodo di safety car, con gomme fresche e morbide, ha superato di cattiveria Leclerc ed è andato a caccia del podio. Ricciardo però ha mantenuto il sangue freddo ed ha avuto la meglio portando ancora una volta la Renault sul podio. Ma che grande AlphaTauri! Galassia Red Bull, siete sicuri che il giovane Tsunoda (buono ma non irresistibile pilota di F2) possa far meglio di questo Kvyat?

Hamilton, la fortuna aiuta i fortunati. Ricciardo, un podio che equivale una vittoria

Toccate, incidenti, colpi di scena. Bottas raccoglie un detrito in pista che rallenta il passo della sua Mercedes. Verstappen ne colpisce un altro, fora e si ritira. La Dea Bendata a volte è cieca ma come sappiamo aiuta e bacia i suoi prediletti. Con Hamilton oggi il rapporto è stato quasi...carnale! L'inglese avrebbe probabilmente artigliato la vittoria anche senza il supporto delle disgrazie altrui. La vittoria gli è però definitivamente venuta in contro quando ha avuto la possibilità di cambiare gli pneumatici in regime di Virtual Safety Car, mentre gli altri erano costretti per regolamento ad un'andatura ridotta. E' giusto però che nell'albo d'oro di Imola rimanga inciso anche il nome del Campione dei tempi nostri. Sul podio l'inglese è parso emozionato. Quasi tramortito dalla magia della pista italiana, tanto da bere champagne dalla scarpa di Ricciardo! Già, Ricciardo....nel giorno in cui il suo ex collega Verstappen, colui che lo ha "costretto" a lasciare la Red Bull, accusa una dura battuta d'arresto, lui si illumina, ben supportato da un'ottima Renault. Il nuovo Presidente e CEO Luca De Meo, ex pupillo di Marchionne, è in cattedra solamente dallo scorso luglio ma ha già archiviato due podii. Fa piacere rivedere in alto un marchio storico come quello francese.

Ferrari: un passo avanti e mezzo indietro

Sarebbe bello se tornasse ai vertici anche il nome Ferrari, la Scuderia più vincente, il marchio che da solo garantisce la sopravvivenza all'intero Circus. E lo fa da sempre, dal 1950. Oggi Leclerc ha lottato, esibendosi in un'indimenticabile manovra di sorpasso e tenendo un buon passo per tutta la gara. Con un po' di fortuna avrebbe potuto artigliare un insperato podio ma probabilmente il quinto posto finale raffigura perfettamente lo stato di forma dell'attuale Ferrari. Comunque in progresso rispetto ad una terribile fase centrale di campionato. Peccato per quell'orrendo pit stop che ha negato a Vettel un buon risultato. La strada verso la perfezione è ancora lunga ed in salita. Per il bene della Formula 1, forza Ferrari!

La saggezza di Kimi. Alfa Romeo doppia top ten

Il guerriero saggio sulla riva attende il passaggio del cadavere del nemico. Un detto che oggi calza a pennello a Raikkonen, guerriero per come ha combattuto con gomme usurate (quasi 50 giri percorsi con gli stessi pneumatici), saggio per come ha gestito la fase finale di gara. Unico pilota in attività ad aver corso nella massima Formula ad Imola, Raikkonen ha mostrato al mondo cosa significa avere tanta esperienza a fronte di una velocità ancora intatta. In qualifica ha litigato con i track limits ed i commissari gli hanno tolto il suo miglior tempo. Poco male, Kimi ha incassato il colpo ed in gara ha attinto dal meglio del suo repertorio. Super nella gestione gomme, si è issato fino alla quarta posizione. Dodicesimo dopo il suo pit stop ha poi mantenuto il sangue freddo mentre gli avversari soccombevano. La foratura con ritiro di Verstappen ha provocato una safety car, durante la quale si è schiantato il promettente Russell. A quel punto il pilota Alfa Romeo era già in zona punti ma è salito di un'altra posizione quando, al rientro in pit lane della safety car, Albon si è girato malamente. Aprendo le porte alla zona punti anche a Giovinazzi e permettendo alla Casa del Biscione di centrare un doppio piazzamento in top ten! Prima della gara era arrivata la notizia relativa al proseguimento in F1 del marchio italiano e la conferma dei suoi due piloti anche per la stagione 2021. Miglior modo per festeggiare non potevano trovarlo!

Prossima tappa Istanbul

Dopo la terza gara italiana della stagione il Circus tornerà in Turchia, sulla migliore (forse l'unica buona) pista progettata da Tilke. L'ultima edizione disputata fu quella del 2011 e vide dal gradino più alto del podio festeggiare Vettel, allora in Red Bull. Entrato in calendario nel 2005, ebbe come primo vincitore Raikkonen, divenne il terreno di caccia preferito da Felipe Massa, che detiene il record di vittorie su questo tracciato, ben tre. Hamilton vi ha trionfato una sola volta e probabilmente già pensa ad allungare la sua striscia di successi.

Il 2020 ci insegna però ad andare oltre, a dar valore anche ad altre imprese. La vittoria di Gasly a Monza, i podii di Ricciardo, quelli conseguiti in condizioni di inferiorità tecnica da Leclerc. Chissà che anche in Turchia non potremo emozionarci ancora.

Pubblicato in Motori Emilia
Domenica, 01 Novembre 2020 06:17

L’Inter agguanta il pareggio al 92esimo.

Nerazzurri sotto di due reti, grazie a un gran Gervinho, poi Brozovic e Perisic agguantano il pareggio ma i tifosi si scatenano su Conte che sta raccogliendo pareggi. Mister Liverani: "I ragazzi stanno facendo qualcosa di eccezionale, giocato con cuore e sacrificio"

Pubblicato in Calcio Emilia

Nonostante il Covid-19 la 1000Miglia riesce a mantenere il suo fascino e a attrarre interesse di grandi e piccini. Un evento che dispensa bellezza, un pizzico di nostalgia e torna a far sognare.

Pubblicato in Cronaca Emilia
Domenica, 25 Ottobre 2020 18:21

F1, Portogallo: il vecchio e il mare

Il "vecchio" Raikkonen issa la sua Alfa Romeo fra i primi mentre scende la pioggia. Con l'asciutto si ristabiliscono le gerarchie ed Hamilton vince agevolmente mettendo un mare fra sé ed i suoi avversari, Bottas compreso. Stabilendo un nuovo record. Intanto risorge la Ferrari e con Leclerc è quarta.

di Matteo Landi

Onore e gloria ad Hamilton, autore della 92esima vittoria in carriera. Un record prestigioso, meritato, ma anche il più "telefonato" della storia della massima Formula. Dal suo debutto nel 2007 al 2013 era riuscito ad artigliare un solo mondiale, nel 2008, sottraendolo d'un soffio a Felipe Massa. Dal 2014, anno dell'introduzione delle power unit turbo-ibride, la Mercedes domina la scena in modo indiscusso ed Hamilton si avvicina ormai al settimo alloro. La Ferrari le ha arrecato qualche disturbo nel 2017 e 2018, generando nuovi entusiasmi nei tifosi della squadra di Maranello, ma precocemente spenti in entrambe le stagioni poco oltre metà campionato. Mai la F1 ha assistito ad una supremazia tanto potente ed incessante. L'Epoca d'Oro Ferrari non è durata poco, dal 2000 compreso (senza tralasciare il titolo costruttori vinto nel 1999) al 2004. Non bisogna però dimenticare che a parte il 2002 ed il 2004, anni in cui effettivamente la squadra di Maranello ha dominato in lungo ed in largo soprattutto con Schumacher, gli altri titoli la squadra italiana ha dovuto sudarseli. Impossibile dimenticare le sfide con la McLaren di Hakkinen prima e di Raikkonen poi, o la resistenza arcigna di Montoya con una Williams-BMW che in quanto a vittorie di tappa non andava male affatto, arrivando a contendere il titolo al Kaiser nel 2003. A tratti sembrò un Ferrari sola contro il resto del mondo. Poi arrivò l'ennesimo cambio regolamentare dettato dalla Federazione nel tentativo di rimescolare le carte, quello del 2005, con il divieto dei cambi gomme unito a forti limitazioni aerodinamiche e motoristiche, che colse nel segno. Adesso Mercedes spinge per un congelamento dello sviluppo dei motori, appoggiando una Red Bull che dal 2022 sarà orfana di Honda e che potrebbe continuare comunque con la solita motorizzazione, magari rinominandola. La Formula 1 deve ridimensionare i costi, questo è vero, ed arriverà infatti il budget cap ed un importante contingentamento delle ore di utilizzo della galleria del vento. Sicuramente tale scopo non potrà essere perseguito imponendo una misura che svilirebbe il senso della massima categoria automobilistica. Un "fermo motoristico" è già avvenuto in tempi neanche troppo lontani, dal 2007 al 2013, con correttivi concessi ai costruttori di motori ai fini di garantire a tutti la necessaria affidabilità. Ed all'interno di quell'arco temporale si sviluppò un dominio Red Bull durato quattro stagioni. Senza nulla togliere ad Hamilton, Campione assoluto che merita stima eterna, non possiamo esaltarci troppo per le certe sue vittorie, come l'odierna, arrivate dopo una "lotta", neanche troppo serrata, con il compagno Bottas. Un ottimo pilota di certo, ma fatto di una pasta diversa rispetto a quel Rosberg che riuscì a battere Hamilton nel 2016.

Raikkonen mai domo. Leclerc risolleva la Ferrari

A Portimao hanno esaltato Charles Leclerc e Kimi Raikkonen. Il ferrarista ha avuto un avvio difficile, dopo la quarta posizione conquistata in qualifica, ben davanti a Vettel solo quindicesimo. Subito dopo il via qualche goccia di pioggia ha bagnato l'asfalto. E a sorpresa Sainz si è issato in testa, mentre le due Mercedes e Leclerc arrancavano a causa delle gomme media durezza che non garantivano una buona aderenza su pista fredda. L'Eroe del primo giro è stato Raikkonen, capace di guadagnare in pochi km addirittura dieci posizioni. Iceman si è infilato in ogni pertugio lasciato aperto dagli avversari, ha percorso traiettorie impensabili per gli altri arrivando addirittura a contendere la quinta posizione a Verstappen. La pioggia è velocemente cessata e presto le performance delle monoposto hanno avuto il sopravvento sulle abilità di guida dei piloti (alcuni aiutati al via da gomme più morbide). Hamilton, decisamente più in palla di Bottas, si è portato rapidamente in testa, e Leclerc ha messo in mostra il nuovo passo gara della Ferrari, tornata oggi terza forza del mondiale in quanto a velocità. Con una gara tutta d'attacco il monegasco ha sopperito ai limiti che la Rossa ancora evidenzia in rettilineo, ed appena ha capito come utilizzare al meglio la scia delle monoposto che lo precedevano ha gettato talento e cuore oltre l'ostacolo. La quarta posizione finale rappresenta un'iniezione di fiducia indispensabile per il team del Cavallino Rampante capace di apportare delle modifiche che finalmente migliorano davvero le performance delle Rosse. Peccato che alla buona prestazione del pilota n°16 non si sia affiancata una gara altrettanto buona di Vettel, solo decimo al traguardo davanti a Raikkonen. Il finlandese è finito fuori dai punti ma poco importa: il primo giro e la resistenza mostrata nei confronti degli avversari dotati di vetture più rapide è l'essenza vera della Formula 1.

AlphaTauri senza limiti!

A fine gara in casa Red Bull vi era una discreta soddisfazione per il terzo posto conquistato da Verstappen. Ben più felicità si vedeva però nel box della cugina faentina AlphaTauri, addirittura quinta con Pierre Gasly. E' incredibile quanto stanno ottenendo nella factory italiana, con buone risorse ma non illimitate come quelle a disposizione dei top team. Gasly si sta dimostrando uno dei migliori piloti del Circus e non si capisca per quale motivo non debbano riportarlo nel team principale della galassia Red Bull al fianco di Verstappen. Soprattutto considerate le difficoltà che sta incontrando Albon, oggi dodicesimo. Dovesse rimanere alla corte di Franz Tost si rivelerà la loro arma migliore in ottica 2021.

E ora tocca ad Imola!

Una settimana dopo Portimao sarà il turno di Imola. Un 2020 difficile e triste per molti aspetti si sta rivelando assai interessante per quanto riguarda i circuiti che si affacciano per la prima volta nel Circus o vi fanno finalmente ritorno. Sarebbe bello se la pista dell'Algarve rimanesse in calendario, con i suoi saliscendi ed i suoi curvoni mozzafiato. E sarà bello tornare la prossima settimana sulla pista romagnola dopo un periodo troppo lungo di assenza della massima competizione motoristica. Ci lasciò nell'ormai lontano 2006, dopo la bella vittoria di Schumacher e della Ferrari sulla Renault di Alonso. Le trombette, il fiume di tifosi, la "calda" collina della Tosa. Imola, teatro di brutte tragedie ma anche di momenti festosi e felici. L'addio a Senna e Ratzenberger, il brutto incidente di Barrichello e prima ancora quello di Berger. Ma anche le braccia al cielo di Tambay dopo la sua vittoria su Ferrari nel 1983, la vittoria di Patrese su Williams nel 1990, i duelli dell'era Rossa di Schumacher. Bentornata Imola! Ci sei mancata!

Pubblicato in Motori Emilia

La squadra femminile vince e il presidente Krause cinguetta

E' ripartito il Campionato Regionale Emilia Romagna di Eccellenza Femminile e la squadra rosa del Parma Calcio raccoglie i primi tre punti battendo due a uno le Biancorosse del Piacenza in casa delle lombarde.

Orgoglio per il nuovo patron del Parma Calcio 1913 Kyle J. Krause che sul suo profilo twitter dedica un post dedicato alla squadra femminile:

"Very excited for our women's team. Forza Parma"

 

 

Pubblicato in Sport Parma

L'ultima gara di questo pazzo campionato 2020 si è svolta, lo scorso fine settimana,  all'autodromo Pietro Taruffi di Vallelunga, l’autodromo che ha fatto la storia del motociclismo moderno e teatro di grandi battaglie negli anni d'oro della Superbike. 

Pubblicato in Sport Emilia
Pagina 1 di 126