Visualizza articoli per tag: Questura di Parma

Giovedì, 16 Gennaio 2020 15:38

Armi e droga, arrestato un albanese incensurato

Trovato con armi e droga: la polizia di stato arresta un cittadino albanese incensurato

Nella giornata di martedì 14/01/2020, personale della Squadra Mobile di Parma ha tratto in arresto DISHI Rikard, cittadino albanese classe ’85 in quanto trovato in possesso di 526,3 di eroina, 5,4 di cocaina destinate alla cessione a terzi, 3 fucili e 2 pistole semiautomatiche con matricola abrasa.

Nell’ambito di dedicata attività info-investigativa condotta da questa Squadra Mobile, si è appreso che il predetto DISHI Rikard fosse coinvolto in una fiorente attività di spaccio e mantenesse frequenti contatti con propri connazionali sospettati di esser coinvolti nell’ambito dei furti in abitazione. In particolare, dai primi accertamenti svolti dal personale di Questa Squadra Mobile, è emerso che questi potesse detenere presso la propria abitazione armi provento di furti perpetrati nella provincia parmigiana.

Nella mattinata di martedì 14 gennaio u.s., gli uomini della Sezione antidroga procedevano a perquisizione per la ricerca di armi presso l’abitazione del DISHI in zona San Pancrazio ed all’interno della stessa, dove l’uomo viveva da solo, venivano rinvenuti 5 fucili, una borsa termica che conteneva 3 pistole semiautomatiche con caricatori riforniti di relativo munizionamento ed una scatola contenente cartucce di vario calibro. Nella medesima stanza, all’interno di un armadio, veniva rinvenuto un “panetto” di sostanza stupefacente del tipo eroina, per un peso complessivo di grammi 526,3, un sacchetto in plastica trasparente contenente sostanza stupefacente del genere cocaina, per un peso complessivo di grammi 5,4, un bilancino di precisione ed una scatola per profumi, al cui interno vi erano due orologi da polso e due cosiddetti a “cipolla”, una fede nuziale e due collane.

Dalle verifiche effettuate nell’immediatezza, si accertava che due fucili erano provento di furto in abitazione perpetrato nel dicembre 2018 a Fidenza (Pr) ed una pistola era provento di furto in abitazione perpetrato nel febbraio 2019 a Sorbolo (Pr).

Al termine della redazione degli atti di rito, DISHI Rikard, si disposizione del PM di Turno dr. Umberto AUSIELLO, è stato associato in stato di arresto presso la locale Casa Circondariale.

Pubblicato in Cronaca Parma
Mercoledì, 15 Gennaio 2020 11:06

La Polizia di Stato blocca un pericoloso rapinatore

Fermato pericoloso rapinatore dalla Polizia di Stato.

Nella serata del 7 gennaio, verso le ore 22.15 circa, la Sala Operativa inviava le Volanti impegnate in servizio di controllo del territorio, nella zona di Via D’Azeglio, dove alcune persone segnalavano un cittadino italiano appena rapinato da parte di alcuni extracomunitari, verosimilmente nordafricani.

Mentre un equipaggio si recava a prendere contatti con il rapinato – cui era stato asportato il telefono cellulare - e con i testimoni le altre pattuglie iniziavano a perlustrare la zona al fine di verificare ed intercettare la presenza di persone extracomunitarie sospette.

Alcune testimoni, che erano riuscite a fotografare uno dei rapinatori, fornivano la foto agli operatori intervenuti i quali provvedevano immediatamente a diramarle agli agenti impegnati nelle ricerche che pochissimi istanti dopo individuavano e bloccavano l’autore materiale della rapina.

Nello specifico si accertava che pochi minuti prima un ragazzo italiano in compagnia di due sue amiche, mentre si trovava in Via D’Azeglio, incrociava un gruppetto di extracomunitari tra i quali uno alto 180 cm, corporatura magra, carnagione olivastra, capelli castani mossi e voluminosi, rasati ai lati, con leggero pizzetto, indossante giubbotto scuro, tuta nera e scarpe da ginnastica azzurre.

Giunti nelle vicinanze dei ragazzi italiani, intenti a fumare, uno degli stranieri si rivolgeva loro chiedendo una sigaretta che di fatto otteneva da una delle amiche della vittima.

Il nordafricano meglio prima descritto, invece, con una mossa fulminea, si avvicinava alla vittima, la spingeva con forza all’indietro sbilanciandola e contestualmente gli infilava una mano nella tasca anteriore della tuta indossata, impossessandosi del cellulare “I-Phone” ivi riposto.

Il giovane rapinato chiedeva al nordafricano la restituzione del cellulare ma questi per tutta risposta lo minacciava di morte, accompagnando tale minaccia verbale con il segno della mano che passava sotto la gola allontanandosi poi dal luogo.

Mentre le amiche della vittima contattavano il 113, il giovane rapinato tentava di inseguire lo straniero che lo aveva derubato il quale durante la fuga passava il telefono provento della rapina ad altro magrebino componente il gruppo che poco prima aveva avvicinato i giovani italiani.

La vittima, vistasi ancora una volta minacciata di morte, desisteva dall’inseguire i fuggitivi uno dei quali però, ovvero l’autore materiale della rapina, veniva bloccato poco dopo in Borgo Poi dagli equipaggi delle Volanti.

Il soggetto, algerino, classe 1997, incensurato, clandestino, dopo le formalità di rito, consistite nell’acquisizione della denuncia della vittima, nella raccolta dei contributi dichiarativi dei testimoni e nella successiva acquisizione del referto medico del rapinato - che nell’occorso riportava una leggera ferita alla mano destra - veniva quindi posto in stato di fermo di indiziato di delitto per il reato di rapina aggravata in concorso con persona non identificata.

Successivamente il soggetto veniva associato alla locale casa circondariale, come disposto dal P.M.. In seguito si è tenuta l’udienza di convalida del Fermo innanzi al Gip, che ha convalidato il provvedimento, applicando, su richiesta del Pubblico Ministero, la misura della custodia cautelare in carcere.

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Servizi straordinari dalla Questura di Parma per il contrasto ai reati predatori.

Nel corso del pomeriggio di ieri è stata svolta un’altra operazione alto impatto da parte della Polizia di Stato, con l’impiego di 2 volanti, di 3 pattuglie del Reparto prevenzione Crimine di Reggio Emilia ed una della Polizia Municipale.

Il servizio si è svolto principalmente nel centro città, al fine di massimizzare la prevenzione dei reati predatori, tra cui borseggi e furti.

Grazie al pattugliamento attento del territorio è stato possibile rintracciare l’autore di un’aggressione nei confronti di un ragazzo nella zona di viale Mariotti.
L’aggressione, nata da un litigio per futili motivi, risale a qualche giorno fa, dove la vittima, un cittadino straniero minorenne, è stato aggredito con un pugno che gli ha causato alcuni giorni di prognosi.
Grazie alle descrizioni forniteci, l’autore dell’aggressione, un cittadino di origini marocchine maggiorenne, proprio durante i controlli, è stato identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni.
Episodi di questo tipo vedono la massima attenzione da parte della Polizia di Stato per evitare che si possano ripetere, massimizzando l’attività di prevenzione e reprimendoli con altrettanta decisione.
Durante i controlli sono state identificate circa 50 persone e 20 autoveicoli.


I servizi, in questo particolare periodo dell’anno, proseguiranno con sempre maggiore frequenza.

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Servizi straordinari dalla Questura di Parma per il contrasto ai reati predatori.

Nel corso del pomeriggio di ieri è stata svolta un’altra operazione alto impatto da parte della Polizia di Stato, con l’impiego di 2 volanti, di 3 pattuglie del Reparto prevenzione Crimine di Reggio Emilia ed una della Polizia Municipale.

Il servizio si è svolto principalmente nel centro città, al fine di massimizzare la prevenzione dei reati predatori, tra cui borseggi e furti.

Grazie al pattugliamento attento del territorio è stato possibile rintracciare l’autore di un’aggressione nei confronti di un ragazzo nella zona di viale Mariotti.
L’aggressione, nata da un litigio per futili motivi, risale a qualche giorno fa, dove la vittima, un cittadino straniero minorenne, è stato aggredito con un pugno che gli ha causato alcuni giorni di prognosi.
Grazie alle descrizioni forniteci, l’autore dell’aggressione, un cittadino di origini marocchine maggiorenne, proprio durante i controlli, è stato identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni.
Episodi di questo tipo vedono la massima attenzione da parte della Polizia di Stato per evitare che si possano ripetere, massimizzando l’attività di prevenzione e reprimendoli con altrettanta decisione.
Durante i controlli sono state identificate circa 50 persone e 20 autoveicoli.


I servizi, in questo particolare periodo dell’anno, proseguiranno con sempre maggiore frequenza.

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Arrestato dalla Polizia di Stato pericoloso cittadino albanese con pregiudizi per un furto in abitazione

Parma – La Polizia di Stato per il tramite della Specialità Polizia Stradale – Distaccamento di Fornovo, giungeva all’identificazione e all’arresto di un cittadino straniero resosi responsabile di falso e illecito reingresso in Italia dopo l’espulsione.

In particolare, nella notte del 06.01.2020, una pattuglia del Distaccamento Polizia Stradale di Fornovo, impegnata in controlli del territorio nei pressi del casello Autostradale A1, procedeva a sottoporre a verifica di un’autovettura italiana a bordo della quale trovavano posto tre cittadini di origini albanesi.

Nella circostanza il conducente A.E. di anni 34, esibiva agli operatori una patente di guida albanese che, sebbene di ottima fattura e apparentemente originale, veniva sottoposta ad attenta osservazione da personale esperto che ne accertava la falsità.

L’uomo, privo di valido titolo di soggiorno e incensurato con le generalità fornite, veniva pertanto invitato presso gli uffici della Sezione Polizia Stradale al fine di approfondire le verifiche sullo status di straniero presente sul T.N. e per le redazione degli atti conseguente al possesso del falso documento.

In tale sede, le indagini svolte permettevano di acclarare come il cittadino albanese, sotto altre generalità, fosse pregiudicato per reati contro il patrimonio (tra cui furto in abitazione) espulso dal T.N. nell’anno 2018 con decreto del Prefetto di Parma ed ordine del Questore della stessa città che ne aveva disposto l’accompagnamento coatto alla frontiera ed il rimpatrio in Albania.

Le tempestive verifiche permettevano poi di comprendere come A.E. di anni 34, dopo il rientro in Albania, avesse chiesto una variazione anagrafica ed ottenuto nuove generalità e nuovi documenti d’identità con i quali faceva illecito rientro a Parma nell’agosto scorso.

Stante quanto accertato, A.E. veniva tratto in arresto (ex. art. 13 c.13ter D.lgs 286/98 – art. 477/482 cp) e posto a disposizione dell’A.G. in attesa di rito direttissimo, nonché sanzionato amministrativamente con il fermo amministrativo del mezzo e la guida senza patente.

Pubblicato in Cronaca Parma

Chiuso per sette giorni dal Questore di Parma il bar la Suerte di via D’Azeglio

Parma – Nella giornata del 13 dicembre u.s., a seguito di un intervento per rissa effettuato dalla Squadra Volanti e da due Pattuglie del reparto prevenzione e crimine il Questore di Parma ha emesso il provvedimento amministrativo ex art.100 T.U.L.P.S. con cui è stata sospesa per sette giorni la licenza di somministrazione di alimenti e bevande al titolare del bar ubicato in via D’Azeglio.

Il provvedimento, che è finalizzato a prevenire i pericoli per la tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, ha avuto scaturigine da numerosi controlli avvenuti nel tempo con identificazione abituale di pregiudicati all’interno dell’esercizio da parte di personale della Squadra Volante della Questura ed in particolare per la rissa che si è verificata la sera del 13 dicembre decorso, iniziata per futili motivi all’interno del bar e proseguita nelle immediate pertinenze dello stesso tra tre persone in evidente stato di ebbrezza alcolica, di cui una trovata in possesso di sostanza stupefacente per uso personale.

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Domenica, 29 Dicembre 2019 06:54

Arresto per droga

Nella serata del 23 dicembre u.s., verso le ore 23.30 circa, un equipaggio della Squadra Volante, percorrendo Via Emilio Lepido, giunto all’angolo con Via Passo del Lagastrello, notava un giovane intento a urinare sul marciapiede a ridosso di una siepe.

Gli operatori decidevano di controllare il soggetto e di sanzionarlo, identificandolo per V.L.M. classe 1995, italiano, domiciliato in Parma, disoccupato, il quale, oltre che essere gravato da precedenti di polizia e destinatario di rintraccio per notifica provvedimenti, veniva trovato in possesso di un piccolo involucro di cellophane contente sostanza in polvere di colore bianco che il giovane riferiva essere cocaina.

Condotto in Questura e sottoposto a perquisizione personale, il giovane veniva trovato in possesso della somma contanti di circa euro 4.300, di cui 3.790 raccolti in un rotolo unico avvolto da cellophane trasparente occultato all’interno degli slip, somma complessiva circa il possesso della quale non sapeva fornire alcuna plausibile spiegazione.

Considerata la situazione ed i precedenti specifici per detenzione di sostanze stupefacenti, gli operatori decidevano di portarci al domicilio del giovane, dove provvedevano ad eseguira attenta e meticolosa perquisizione locale.

L’attività permetteva di rinvenire e sequestrare quanto di seguito meglio riportato:

- Involucro contenente grammi 3,6 di marijuana;
- Involucro contenente grammi 10, 6 di metanfetamine in cristalli;
- Involucro contenente grammi 6,8 di hashish;
- Involucro contenente grammi 8,9 di ectasy, per un totale di 25 pastiglie;
nonché oggetti e cose utili alla preparazione, consumo e confezionamento di sostanze stupefacenti.

All’esito della perquisizione locale, V.L.M. veniva tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio; a seguito dell’udienza di convalida tenutasi nella mattinata del 24.12.2019 presso il Tribunale di Parma, lo stesso veniva posto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza con la quale verrà giudicato che si terrà in data 20 gennaio 2020.

 

PR_questura_VolantiIMG_5454.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma

Furti in abitazione: la Polizia di Stato ferma due ladri di origine albanese e sequestra il provento di numerosi furti commessi a Parma e provincia nel corso dell’ultimo anno.

Parma, 27 dicembre 2019 - nell’ultimo periodo, in Parma e provincia, si è registrata una recrudescenza di furti in abitazione perpetrati nella fascia oraria tra le ore 17,00 e le ore 20,30. Per tale ragione sono stati disposti alcuni servizi mirati con diverse pattuglie di questa Squadra Mobile.
Alle ore 16,45 circa del 19 dicembre u.s., una pattuglia della Squadra nel transitare in zona via Sidoli, notava sopraggiungere, da uno stradello pedonale, due soggetti di sesso maschile, vestiti di scuro, i cui lineamenti erano sicuramente di cittadini originari dell’Est Europa.

Gli stessi, che camminando continuavano a girarsi guardandosi attorno, salivano a bordo di una VW Golf di colore grigio scuro e si dileguavano velocemente.

Nella circostanza, gli operatori di Polizia riuscivano a rilevare la targa della VW Golf che in seguito risultava essere provento di furto perpetrato il 25 novembre u.s. in occasione di un furto in abitazione avvenuto nella zona di Monticelli Terme.

A quel punto, visto che l’autovettura su cui erano state viste salire le due persone era compendio di furto ed ipotizzando che, le stesse, potessero tornare lasciando l’auto nel medesimo luogo, si allertavano le altre pattuglie di questa Squadra Mobile che si concentravano nella predetta zona.

Alle ore 20,10 circa seguenti, la pattuglia “appostata” in via Da Vinci vedeva sfilare la vettura VW Golf che si fermava, parcheggiando nello stesso posto dove era stata presa in precedenza; i due individui a bordo, scesi dall’auto sempre guardandosi attorno in modo circospetto, come ipotizzato, si incamminavano a piedi e salivano su di una autovettura parcheggiata nel piazzale; qui tutto il personale operante si portava con celerità verso l’autovettura circondandola e bloccando gli occupanti che erano seduti sui sedili anteriori, poi identificati nei cittadini albanesi LOKU Altin cl. 1983 (conducente) e LLESHI Gjok cl 1983 (passeggero). Nel corso della perquisizione, addosso ai due fermati e nell’autovettura, venivano rinvenuti numerosi monili, monete da collezione e capi di abbigliamento sicuramente provento di furto, mentre nell’autovettura compendio di furto da cui erano stati visti scendere, bvenivano rinvenuti degli strumenti di effrazione ed altro armamentario tipico del “topo d’appartamento”.

Nell’immediatezza dei fatti, si riusciva anche ad individuare il domicilio dei due stranieri e venivano effettuate anche le perquisizioni locali che consentivano di rinvenire numerosissima merce di certa provenienza furtiva tra cui orologi, monili in oro, una bottiglia di un pregiato vino, penne da collezione e banconote straniere. Tutto il materiale suindicato veniva contestualmente sequestrato. In particolare, giova evidenziarsi che veniva rinvenuto un “trivellino” solitamente usato da stranieri di origini albanesi per perpetrare furti in abitazioni nelle quali entrano dopo aver praticato un foro nel telaio della finestra attraverso il quale poi inseriscono un ferro che aggancia la maniglia che viene poi ruotata per aprire l’infisso.

LLESHI Gjok e LOKU Altin, irregolari sul territorio nazionale e gravati anche da numerosi precedenti polizia per reati specifici, venivano sottoposti ai rilievi foto dattiloscopici e, al termine della redazione degli atti di rito, su disposizione del PM di Turno dr. Andrea BIANCHI, associati alla locale Casa Circondariale in stato di Fermo con la contestazione del reato di ricettazione in concorso.

Il Fermo di iniziativa, nei giorni successivi, è stato convalidato dal G.I.P. il quale ha applicato nei loro confronti la misura della custodia cautelare in carcere.

Le immediate indagini hanno permesso di individuare subito 6 proprietari di parte della refurtiva sequestrata, tutte vittime di furti in abitazione:

Furto in abitazione perpetrato in zona Monticelli Terme il 25.11.19;
furto in abitazione perpetrato a Colorno il 25.2.19;
furto in abitazione perpetrato a mezzani il 10.12.2019;
furto in abitazione perpetrato a Parma il 27.7.19;
furto in abitazione perpetrato a Parma il 14.12.19;
furto in abitazione perpetrato a Parma località S. Siro tra le ore 16 e le ore 20 del 19.12.19

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Parma 26 dicembre 2019 -  Nel tardo pomeriggio di sabato 23 novembre 2019, all’interno dell’Autobus urbano della linea 3 che percorreva questa via M. D’Azeglio, è stata consumata una tentata rapina in danno di una giovane studentessa universitaria.

I due responsabili hanno sottratto con destrezza il telefono cellulare alla giovane vittima che, accortasi della sottrazione, insieme all’amica ha affrontato i due, chiedendone la restituzione. Accortisi dell’accaduto, due giovani sono accorsi in aiuto alle due ragazze e, notando che i due malfattori si stavano passando il telefono tra di loro, provavano a bloccarli. Ne nasceva un “corpo a corpo” in cui i due ladri colpivano più volte con violenza i due uomini che cercavano di trattenerli e nel prosieguo della concitata azione, venivano costretti a restituire il telefono alla vittima.


I due giovani soccorritori hanno continuato a controllare i due malfattori per trattenerli a bordo dell’autobus in attesa dell’arrivo della Volante ma, trascorsi alcuni minuti, i due rapinatori sono riusciti a forzare una delle porte del veicolo, fuggendo lungo via M. D’Azeglio; Uno dei due soccorritori li ha inseguiti per alcuni metri fino a quando il KEDRI ha estratto un cutter e lo ha colpito al braccio procurandogli una ferita refertata con 12 gg. di prognosi.
Nel corso della successiva attività investigativa, gli investigatori della Squadra Mobile, attraverso la visione delle registrazioni dell’impianto di video sorveglianza dell’autobus, hanno compiutamente identificato i due rapinatori, ricostruendo dettagliatamente i fatti.


In particolare, l’uomo che, spalleggiato dal complice, ha materialmente sottratto il telefono alla giovane vittima è stato identificato in LAMIRI Rochdi cittadino tunisino classe ’89, mentre il responsabile del ferimento di uno dei due soccorritori è stato identificato in KEDRI Heitem anch’egli tunisino classe ’89.
I due, saliti sull’autobus n. 3 lungo via Gramsci, hanno immediatamente puntato la vittima e, atteso il momento opportuno, con destrezza le hanno sottratto il cellulare dalla tasca del giaccone. Nei concitati minuti successivi al fatto, scoperti dalla vittima e braccati dai due soccorritori, iniziavano a dare in escandescenza, correndo lungo il corridoio dell’autobus alla ricerca di una via d’uscita, fino a quando erano costretti a tirar fuori il telefono; a questo punto, inscenavano una lite tra di loro scaricandosi reciprocamente la responsabilità. È in questo momento che il LAMIRI Rochdi si libera di un coltello in suo possesso che, notato da uno dei due soccorritori, viene recuperato dall’autista e, successivamente, sequestrato dagli agenti della Polizia di Stato intervenuti sul posto.


Sulla scorta della complessiva attività investigativa condotta dagli investigatori della Sezione Antirapine della Squadra Mobile, il Sost. Proc. della Repubblica dr. Fabrizio PENSA ha chiesto ed ottenuto l’emissione di Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere per entrambi.


Mentre KEDRI Heitem è stato raggiunto dall’ordine di carcerazione all’interno della Casa Circondariale di Bologna, dove era già detenuto a seguito di un arresto in flagranza per una tentata rapina commessa nel centro cittadino del capoluogo felsineo il 30/11/2019 il LAMIRI Rochdi è stato rintracciato a Bolzano e lì tratto in arresto in esecuzione di OCCC dal personale della locale Squadra Mobile.

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Domenica, 22 Dicembre 2019 05:39

Evasione, il video del "pedinamento" elettronico

Polizia di Stato - E' stato diffuso il video con il quale è stato possibile rintracciare l'ergastolano che nei giorni scorsi era evaso da Parma.

Parma 21 dicembre 2019 : Nel tardo pomeriggio di ieri 20 dicembre 2019, dopo oltre 48 ore di ricerche, gli Agenti della Squadra Mobile di Parma hanno rintracciato BERNI Enzo classe ’62 nel piccolo centro di Massa Finalese in Provincia di Modena. L’uomo, rintracciato e riconosciuto lungo la strada dagli agenti, è stato immediatamente collaborativo e li ha condotti presso il casolare abbandonato dove aveva trascorso le tre notti precedenti e dove è stato ritrovato il suo bagaglio.

La capillare attività di ricostruzione degli spostamenti del BERNI, condotta con l’ausilio della Squadra Mobile di Modena e degli agenti della Polizia Ferroviaria, a partire dal suo allontanamento dal carcere di parma avvenuto nel pomeriggio del 17 dicembre, aveva consentito di accertare che l’uomo, a bordo di mezzi pubblici e completamente da solo aveva raggiunto la piccola cittadina nella provincia di Modena ed è lì che, nel pomeriggio di ieri, si sono concentrate le ricerche degli agenti.


In particolare, le prime attività investigative condotte dalla Polizia Penitenziaria, attraverso la visione delle registrazioni del sistema di video sorveglianza della struttura, avevano consentito di accertare che il predetto BERNI alle ore 13:08 del 17/12/2019 era uscito a piedi dal carcere portando con sé un borsone ed un sacco, per poi montare a bordo dell’autobus cittadino della linea 21. Sulla scorta di queste informazioni, questa Squadra Mobile attivava il locale Posto Polfer affinché verificasse l’eventuale presenza del predetto BERNI presso la stazione ferroviaria in orari compatibili con l’arrivo sul posto dell’autobus n.21 e si accertava che il BERNI Enzo, dopo esser sceso dall’autobus n. 21 alle ore 13:38, era montato alle successive 13:51 a bordo del treno ROCK R6259 diretto a Bologna partito alle ore 13:51. Nel prosieguo, gli agenti della Squadra Mobile e della Polfer di Modena analizzavano le registrazioni dei sistemi di video sorveglianza presenti all’interno del medesimo treno ROCK R6259 e di tutte le stazioni intermedie tra Parma e Bologna, accertando che il BERNI scendeva presso la Stazione Ferroviaria di Modena per poi montare a bordo di un autobus cittadino. Giunto presso piazzale Molza, il BERNI scendeva dall’autobus per salire a bordo di un autobus extraurbano con destinazione Finale Emilia; l’analisi delle registrazioni del sistema di video interno al mezzo consentiva, infine, di verificare, infine, che il Berni era sceso alla fermata del paese di Massa Finalese (MO).


Nel frattempo, con l’ausilio del personale della Squadra Mobile di Forlì, venivano scandagliati tutti i luoghi dove il BERNI avrebbe potuto trovare rifugio nella terra natia, avvicinando e raccogliendo preziose informazioni sul suo conto e sule relazioni che l’uomo aveva mantenuto dopo la sua carcerazione.
Il BERNI all’esito della redazione degli atti a suo carico, è stato associato presso la Casa Circondariale di Modena.

Pubblicato in Cronaca Parma