Visualizza articoli per tag: ora solare

Per tutta l'Unione Europea, molto probabilmente, domani sarà l'ultima volta che albeggerà l'ora legale. Dal 2021 il cambio d'orario sarà abolito tranne l'Italia che chiese di mantenere i due diversi orari per le due grandi stagioni. Ma domani, il cambio d'ora, avrà comunque un sapore diverso.

Di LGC Parma 28 marzo 2019 - Dalle 2,0 di questa notte le lancette dell'orologio faranno un balzo in avanti di un'ora. Si dormirà un'ora in meno, è vero, ragion per cui in molti da anni protestano: il cambio dell'ora così repentino, anche se si tratta di una sola ora, potrebbe comportare rischi per la salute, insonnia e problemi cardiaci sono le conseguenze più temute.
Per questa ragione, già da alcuni anni, si è levato un fronte di protesta contro il cambio dell'ora che l'Unione Europea ha cavalcato. L'Italia , diversamente dagli altri Paesi UE, dal 2021 dovrebbe proseguire con il cambio d'ora e comunque ogni Paese membro avrà tempo sino a fine 2021 per decidere quale sistema adottare.

E' indubbio però che il cambio d'ora di quest'anno assume un significato molto diverso rispetto gli anni precedenti.

Con l'ultimo fine settimana di marzo il cambio data era un evento atteso, almeno emotivamente, poiché di fatto si apriva la stagione più spensierata, quella primaverile che a sua volta avrebbe aperto alla stagione delle ferie o delle vacanze per gli studenti. La fantasia avrebbe cominciato a galoppare verso i sogni delle mete pasquali e estive e il tempo avrebbe iniziato a scorrere ancor più velocemente. Maggiori sarebbero state le occasioni per una uscita serale con gli amici, anche fosse solo per un gelato, e le serate primaverili sarebbero diventate complici dei nostri sogni.

Non quest'anno! L'allungamento del periodo diurno quest'anno sarà vissuto con una sola indistinta e generalizzata speranza: sconfiggere il coronavirus prima che ci annienti in persona o negli affetti più intimi.

CURIOSITA'
L'ora legale venne istituita in Italia, per la prima volta, con il decreto legislativo 631 del 25 maggio 1916, la misura era destinata al risparmio energetico (carbone prevalentemente) per poterne maggiormente disporre a fini bellici.
Interrotto l'uso dell'ora legale a causa della seconda guerra mondiale venne definitivamente reintrodotta, per quattro mesi l'anno da fine maggio a fine settembre, nel 1965 e successivamente venne ampliato il periodo a sei mesi nel 1981 e infine, con l'omologazione europea, nel 1996 tutti i Paesi UE la adottarono nella configurazione attuale ovvero dall'ultima domenica di marzo sino all'ultima di ottobre.

 Nella scorsa notte si è ritornati all'ora solare. Lancette indietro e giù dal letto con una oretta in più di riposo.  

Buona Domenica a tutti!

Pubblicato in Cronaca Emilia

Ci si prepari al cambio dell'orario. Sabato notte si torna all'ora solare e perciò lancette indietro di un'ora per la gioia dei più dormiglioni che potranno godere di un'ora in più di sonno.

Con il passaggio all'ora solare si entrerà nel clima invernale dove il buio la farà da padrone anche se, a breve, le temperature resteranno miti.

Tra sabato 26 e domenica 27 ottobre esattamente alle 3:00 lancette indietro di un'ora, non dimenticate!

Pubblicato in Cronaca Emilia

Di LGC Parma 27 ottobre 2018 - Come è ormai consuetudine, questa notte, intorno alle 3, le lancette dovranno tornare un'ora indietro , per far tornare i nostri ritmi biologici alla normalità.

Ma è proprio su questo aspetto che si fa forte la proposta del nostro "Vate" UE Jean-Claude Juncker che vorrebbe abrogare l'ora solare e mantenere per sempre l'ora legale.

La proposta della Commissione prevede che i singoli Stati possano scegliere l'ora che preferiscono entro aprile del 2019. Chi intenderà applicare l'ora legale effettuerà l'ultimo cambio a fine marzo 2019, mentre per chi deciderà di adottare l'ora solare quello della notte tra sabato 27 e domenica 28 ottobre sarà l'ultimo spostamento di lancette. La proposta sarà discussa prima dagli altri organismi comunitari e poi eventualmente dai singoli Stati.

La possibilità di scegliere liberamente una delle due soluzioni potrebbe provocare una segmentazione dei fusi orari in Europa anche in senso latitudinale, potendo i Paesi del NORD preferire l'ora legale piuttosto che quella "civile o solare" o viceversa. Una libertà di opzione che potrebbe produrre ulteriori difficoltà al traffico merci e agli scambi in genere, ma non solo.

Con tutti i problemi che deve affrontare l'UE questo era il meno urgente, mentre si fa più urgente il cambio del "manico" e della "testa" di quest'Europa malandata.

Che sia l'ultima volta per Junker?

Pubblicato in Cronaca Emilia

Da oggi con il passaggio all'ora solare si entra nel clima invernale con giornate più corte e tramonto anticipato, ma i più mattinieri possono dire addio al buio degli ultimi giorni la mattina presto. Nella notte appena trascorsa, riposando un'ora in più, sono iniziati i sei mesi caratterizzati dall'ora solare. Esattamente alle 3:00 lancette indietro di un'ora, se ancora non l'avete fatto correte hai ripari!

Parma, 30 ottobre 2016

 

Pubblicato in Cronaca Emilia