Visualizza articoli per tag: Territorio Colorno

Si torna a parlare della cassa di espansione sul torrente Baganza in provincia di Parma. Una ipotesi alternativa alla cassa di espansione. le posizioni degli esponenti PSI.

Di Nicola Comparato Felino 15 novembre 2018 -
La cassa, la diga artificiale, l'ecomostro, un progetto costosissimo e di enorme impatto ambientale. Abbiamo già trattato questo argomento in un precedente articolo che potete rileggere cliccando a questo link http://www.gazzettadellemilia.it/economia/item/20523-in-merito-alla-cassa-d-espansione-sul-baganza-una-posizione-contraria.html  . Molti sono i pareri contrari su questo progetto e tra i cittadini della Val Baganza, in particolare i residenti di Casale di Felino, paese dove dovrebbe sorgere la cassa, molte sono le preoccupazioni per l'impatto ambientale dei lavori di costruzione e per il disagio che questi possono creare agli abitanti del luogo.

Anche da molti cittadini di Colorno la cassa di espansione sul Baganza non è vista di buon occhio. Si cerca una strada alternativa alla cassa, un progetto meno costoso e meno impattante.

Una valida opzione potrebbe essere quella proposta da Stefano Orlandini, professore ordinario di costruzioni idrauliche all'Università di Modena e Reggio Emilia. La sua idea, commissionata dall'Unione Parmense Industriali in seguito ad una valutazione delle associazioni agricole, consiste nel creare un serbatoio, sbarrando la valle con una diga ad Armorano, sopra Calestano. Così facendo, il territorio potrebbe trarne molti benefici, evitando molti disagi e portando guadagni di vario genere, anche di tipo turistico. Ma sentiamo il parere dei socialisti che da molto tempo seguono l'evolversi della situazione.

Cristiano Manuele Segretario Provinciale del PSI Federazione di Parma: "Non portare a termine opere infrastrutturali è uno sperpero di denaro pubblico che il nostro Paese non può più permettersi, il nostro Paese non può permettersi di pagare sanzioni per opere incompiute e non usufruire dei vantaggi legati all'utilizzo pubblico. Le soluzioni per risolvere i problemi del Baganza possono essere diverse, il patto di fiume, già auspicato dalla Segreteria del Psi e siglato dai Comuni della Val Baganza pochi mesi orsono, è un buon viatico ma non deve restare un bel progetto su carta intestata!"

Manuel Magnani Consigliere Comunale PSI Collecchio e Consigliere Unione Pedemontana Parmense: "I socialisti della Pedemontana parmense rilevano con soddisfazione gli studi compiuti dal professor Orlandini, professore ordinario di Costruzioni idrauliche dell'Università di Modena e Reggio Emilia. Il progetto illustrato dal professor Orlandini permetterebbe, oltre che a mettere al sicuro Parma e i paesi a valle quali Colorno, anche di proteggere il medio corso del Baganza e quindi i paesi e i territori di Calestano, Felino, Sala Baganza e Collecchio; di produrre inoltre energia completamente rinnovabile, garantisce inoltre un importante riserva di acqua assai utile per le necessità dell'agricoltura a valle in particolare per la coltivazione del pomodoro, può generare un importante richiamo turistico con possibilità di portare lavoro nelle terre di montagna. Tutti coloro che difendevano il mastodontico e assai invasivo progetto promosso dalla Regione Emilia Romagna dicevano "lasciate parlare gli ingegneri!" a screditare le nostre convinzioni di liberi cittadini. Ebbene, ora che un professore univesitario ha parlato cosa hanno da dire costoro? Chiediamo quindi che si vada verso una revisione del progetto, il progetto della cassa di espansione cosi come pensato avrà forti impatti nella zona di costruzione con sbarramenti fuori terra alti fino a 16 metri equivalenti ad un palazzo di 4 – 5 piani, lavori che si protrarranno, salvo imprevisti, per almeno 5 anni con pesanti ripercussioni ambientali per il traffico di camion generato."

Paola Biacchi Capogruppo PSI a Colorno: "Pur rispettando le preoccupazioni degli amministratori di Collecchio, Sala e Felino, mi auguro che non ci siano rallentamenti ulteriori nell'iter relativo alla realizzazione della cassa di espansione del Baganza. Potrà infatti laminare ben 4,7 milioni di metri cubi di acqua ed eleverà il grado di sicurezza dei centri urbani di Parma e di Colorno anche a fronte di una piena eccezionale. Sono consapevole che servono anche monitoraggi continui e ulteriori lavori anche nel territorio colornese. Gli amministratori comunali socialisti per questo tengono sempre alta l'attenzione sul problema idraulico e hanno organizzato o condotto diversi incontri con Aipo e Bonifica per portare le nostre preoccupazioni e sollecitare risposte."

Dottoressa Rosina Trombi socialista ed ex vicesindaco di Felino: "Il PSI di Pedemontana ha espresso la sua posizione in un ordine del giorno posto al Consiglio dell'Unione da Manuel Magnani , consigliere del PSI a Collecchio ... in sostanza a tutti sta a cuore la tutela di Parma e Colorno ma nello stesso tempo vorremmo la tutela delle popolazioni a monte della cassa .... Quando nel 2011 si è votato il protocollo tra i vari comuni interessati non vi era l'ipotesi di un'opera così mastodontica, impattante sull'ambiente e sull'abitato a monte.... Nel progetto presentato nel marzo 2017 a Felino si è constatato il costo esorbitante ma non sono state previste tutele lungo tutto l'asse che con l'alluvione dell'ottobre 2014 si sono rese evidentemente necessarie per la tutela del territorio e delle industrie di Felino, Sala Baganza, Calestano e Collecchio.... La preoccupazione a Felino è inoltre legata alla gestione della cantieristica e realizzazione dell'opera relativamente ai disagi alla viabilità e all'ambiente dove sorge l'abitato di Casale.... Speriamo che la recente costituzione del Patto di fiume possa prendere in considerazione e rispondere alle preoccupazioni di cui sopra."

PR_baganza-2.jpg

 

Pubblicato in Ambiente Parma

E’ uno dei festival fotografici più significativi a livello nazionale. Tema della 9° edizione: la famiglia italiana. Presentato stamattina in Provincia da Canova, Montali, Balestrazzi. Esposizioni visitabili fino al 25 novembre. 

Parma -

La nona edizione del ColornoPhotoLife, uno dei festival fotografici più significativi a livello nazionale, si svolgerà dal 9 all’11 novembre 2018 nella Reggia e in altre sedi del Comune di Colorno, con mostre fotografiche, proiezioni, conferenze e workshop.

E’ stato presentato stamattina a Palazzo Giordani da Michela Canova Sindaca di Colorno e Delegata provinciale al Patrimonio, PierLuigi Montali  fondatore del festival e presidente del Gruppo Fotografico Color’s Light, Antonella Balestrazzi presidente di Antea -Progetti e Servizi per la Cultura e il Turismo. La Provincia di Parma, che patrocina l’iniziativa insieme a Comune di Parma, di Colorno e Regione, ha anche messo a disposizione gli spazi più prestigiosi della Reggia.

Il festival, grazie alla qualificata collaborazione con CSAC, presenta opere di importanti autori sulla scena nazionale e internazionale, ma offre anche agli appassionati fotografi di ogni livello l’occasione di esporre le proprie opere al fianco di quelle di grandi maestri e vedere le tendenze in atto nell’ambito della fotografia nazionale. 

 

A PARMA

A dare il via alle tre giornate, l’inaugurazione l’8 novembre della mostra di uno dei più grandi esponenti italiani del ritratto fotografico: Efrem Raimondi con “La mia Famiglia”, nello spazio espositivo BDC28 di Parma, che resterà aperta fino al 25 novembre: venerdì dalle 18 alle 20, sabato e domenica dalle 16 alle 20.

 

A COLORNO

Le mostre quest’anno presentano autori di  gran calibro: Gianni Berengo Gardin con “Dentro le case” dall’archivio dello CSAC (Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma), Hazel Kingsbury Strand (moglie del famoso fotografo Paul) con “Luzzara – La famiglia Lusetti”, Enrico Genovesi con “Nomadelfia” e Gisella Congia con “Me, the imperfect mother” negli spazi espositivi del Piano Nobile della Reggia

Nell’Appartamento del Principe saranno visibili i lavori di Luigi Briselli (“Eternamente famiglia”), Giuseppe Codazzi (“La famiglia delle case della carità”) e la collettiva “Lab di Cult Fiaf 032 – Colorno/Parma” degli autori che hanno partecipato al laboratorio sul tema «La Famiglia in Italia». 

Nell’Appartamento del Duca, sempre nella Reggia, esporranno Stefania Adami con “Barconi d’alto bordo”, Anna Alvoni (“Ragazze sul divano”, la fotografia vincitrice del premio Colornophotolife 2017), Lucia Castelli (“Italiani d’Istria”), Fabio Moscatelli (“Qui vive Jeeg”, a cura di Loredana De Pace) e Farida Saglia (“39. In my father’s clothes”). 

Nello spazio espositivo MUPAC (Museo dei paesaggi di terra e di fiume) al primo piano dell’Aranciaia, sarà allestito il Rural project di Davide Grossi. 

Nello spazio espositivo Venaria e sotto i portici della Reggia troveranno posto altre opere realizzate nei laboratori Di Cult Fiaf: 18 laboratori in 7 Regioni italiane, progetto tematico condiviso a livello nazionale con la rete dei gemellaggi nei festival: “FacePhotoNews” di Sassoferato (AN), “Una penisola di Luce” di Sestri Levante (GE), CARPI Foto Festival del Grandangolo di Carpi (MO).

Le esposizioni di Colorno saranno visitabili fino al 25 novembre 2018.

Ingresso gratuito nei giorni del festival ai i seguenti orari: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Esposizioni Piano Nobile e Appartamento del Duca nelle settimane successive al festival solo con visite guidate: sabato, domenica e festivi: ore 10, 11, 15, 16, 17 (inizio ultima visita) Biglietto Intero € 6,50 - Biglietto Ridotto € 5,50. 

Esposizioni Appartamento del Principe: sabato, domenica efestivi: 10 -12 e 15- 18 ingresso libero. Esposizioni Aranciaia: sabato, domenica e festivi 10 -12 e 14,30 -17,30 – ingresso libero

 

PROGRAMMA 

Giovedì 8 novembre

Ore 19: Parma (spazio espositivo BDC28), inaugurazione mostra “La mia Famiglia” di Efrem Raimondi.

 

Venerdì 9 novembre

Ore 18: Reggia di Colorno, Sala del Trono, inaugurazione Festival, saluto delle autorità, presentazione mostre con i curatori e gli autori e giro delle mostre in Reggia.

Ore 21: Aranciaia 1° piano, inaugurazione mostre, laboratori e proiezione audiovisivi “30 anni di Color’s Light”

 

Sabato 10 novembre

Ore 9-17,30: workshop Enrico Genovesi  presso Sede Color’s Light  e Simona Ghizzoni presso Venaria

Ore 10: Reggia di Colorno, apertura stand Libreria specializzata incontri programmati 

Ore 10-12,30:  Reggia di Colorno - Sale espositive, letture portfolio su prenotazione

Ore 10,00 – 12,30:  Aranciaia, lettura audiovisivi AV Lab

Ore 11,15–12,15: Reggia di Colorno - Sala del trono conferenza con Gisella Congia «L'immagine della maternità: tra miti, stereotipi e verità» 

Ore 14,30 -18: Reggia di Colorno - Sale espositive, lettura portfolio su prenotazione

Ore 15,00 – 17,00: Aranciaia - 1° piano, lettura audiovisivi AV Lab

Ore 18: chiusura spazi Reggia, MUPAC e Aranciaia

Ore 18,30 -20: Aranciaia - 1° piano, Lectio Magistralis di Efrem Raimondi

 

Domenica 11 novembre

Ore 9/17,00: workshop presso Sede Color’s Light e presso Venaria 

Ore 10: Reggia di Colorno, apertura stand Libreria specializzata, incontri programmati 

Dalle ore 10: Parma - CSAC, visite guidate con Paolo Barbaro (gradita prenotazione)

Ore 10-17,30: Aranciaia, Area Tecnica con SONY-OLYMPUS-TAMRON-SIGMA-GODOX-Zhiyun 

Ore 10-12,30: Reggia di Colorno - Sale espositive, letture portfolio su prenotazione

Ore 11,15–12,15: Reggia di Colorno - Sala del trono, Alberto Prina e «l’esperienza di fotografia Etica di Lodi»

Ore 15,00-16,30: Reggia di Colorno - Sala del trono, Reggia: Loredana De Pace incontra gli autori Enrico Genovesi, Nicoletta Cotechini, Giuseppe Codazzi e Luigi Briselli

Ore 17: Reggia di Colorno - Sala del Trono, proclamazione dei vincitori del “Portfolio Maria Luigia” con assegnazione dei premi e chiusura del Festival 

Ore 18: Parma – CSAC, tavola rotonda con Paolo Barbaro e Simone Terzi su «La famiglia in Italia, fotografie iconografiche».

 

Domenica 18 novembre

Ore 16: Parma – CSAC, Lectio Magistralis di Gianni Berengo Gardin.

---

Per informazioni e iscrizioni alle letture portfolio (entro il 5 novembre):

ColornoPhotoLife - Tel: 348 5259409 Sito web: www.colornophotolife.it

Pagina FB: https://www.facebook.com/groups/223731227644440/?ref=bookmarks

 

colornophotolife-letture.jpg

Fonte: Provincia di Parma

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Da gennaio 2019, l’AUSL riprende l’attività per i più piccoli nei due Comuni di Colorno e Sorbolo.

Parma -

Con l’inizio del nuovo anno, i punti di vaccinazioni pediatriche dell’Azienda USL di Colorno e Sorbolo tornano ad essere operativi.

 A darne conferma è Elena Saccenti, Direttore Generale dell’AUSL, che spiega: “Poco più di un anno fa, con le novità introdotte dal legislatore nazionale in materia di vaccinazioni obbligatorie per bambini e adolescenti, passate da 4 a 10, l’Azienda USL ha attuato un piano straordinario di riorganizzazione dei servizi di Pediatria di comunità e dei punti vaccinali, con il temporaneo accorpamento degli stessi in alcune sedi e il contestuale potenziamento delle sedute”.

Il piano, per il distretto di Parma, ha visto la sospensione delle vaccinazioni nei Comuni di Colorno e Sorbolo, con l’accentramento delle attività in un’unica sede, a Parma città, prima in via Leonardo da Vinci, poi alla Casa della Salute per il Bambino e l’Adolescente.

“Terminata la fase di avvio, ora che l’attività vaccinale è a regime – conclude il Direttore generale – siamo pronti per riaprire i punti vaccinali a Colorno e a Sorbolo, con l’inizio del nuovo anno”.

“Come concordato con l’Azienda USL, il servizio di vaccinazioni a favore dei più piccoli – afferma Michela Canova, sindaco del Comune di  Colorno – torna a Colorno, alla Casa della Salute. I cittadini, quindi, ritrovano sul territorio un’importante  risposta ai loro bisogni di salute”.

Grande soddisfazione anche per l’Amministrazione comunale di Sorbolo. “Ringraziamo l'Azienda USL – afferma Nicola Cesari, sindaco del Comune di Sorbolo - per aver mantenuto un impegno preso nei confronti della cittadinanza e delle famiglie. Da gennaio, il servizio sarà attivo al Centro Servizi di via Al Donatore, per poi essere trasferito, nella nuova sede di Piazzale Lalatta”.

 

Fonte: Ausl Parma

 

Pubblicato in Comunicati Sanità Parma
Mercoledì, 03 Ottobre 2018 15:56

Festival fotografico ColornoPhotoLife

Alla sua nona edizione, il festival fotografico ColornoPhotoLife si presenta innovato, mantenendo fede ai valori originari: dare attenzione alle radici e all’attualità della Cultura fotografica. Ciò è stato ottenuto grazie al continuo e attento lavoro della sua dirigenza, nello studiare le tendenze e nel moltiplicare le relazioni con tutto l’ambiente fotografico italiano, nelle sue molteplici espressioni: le Istituzioni, il professionismo e l’ampio fenomeno dell’amatorialità impegnata, sia dell’importante realtà nazionale delle Associazioni fotografiche FIAF che del singolo autore.

La Reggia di Colorno con le sue ampie aree espositive, insieme agli spazi pubblici cittadini, accoglierà le mostre e le attività del 9° ColornoPhotoLife; festival nazionale nato e promosso dalla passione del fondatore Gigi Montali e dall'entusiasmo e la competenza dei volontari del Circolo fotografico Color's Light.

Anche con quest’edizione si conferma la tendenza a innovare il concetto di Festival dilatando la proposta culturale con nuove attività di nicchia che fanno da eco allo spettacolare fine settimana dell’inaugurazione e del Concorso a lettura di Portfolio. A tal fine sono proposti appuntamenti a tema, rivolti a chi desidera approfondire la cultura fotografica e i contenuti del complesso delle mostre in esposizione. In questo modo il festival diventa anche lo spazio di attività svolte nel clima più raccolto del workshop, al fine di rendere possibile un intenso coinvolgimento personale dei partecipanti.

Le mostre proposte nel festival, oltre a quelle d’autori italiani, importanti sulla scena nazionale e internazionale, sono arricchite dal Volontariato culturale svolto in ambito della FIAF del progetto fotografico nazionale a tema “La Famiglia in Italia” per il quale il Dipartimento Cultura: FIAF ha sviluppato un’intensa attività laboratoriale.
Le opere realizzate per il progetto tematico “La Famiglia in Italia” ha trovato la formazione di 17 Laboratori Di Cult FIAF, in 7 Regioni italiane ed è stato condiviso a livello nazionale nella rete dei gemellaggi, con i festival: “FacePhotoNews” di Sassoferrato (AN), “Una Penisola di luce” - CARPE DIEM di Sestri Levante (GE), CARPI Foto Festival del Grandangolo di Carpi (MO).

Tutto ciò è reso possibile grazie al patrocinio del Comune di Colorno, della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Parma che ha concesso la disponibilità degli spazi più prestigiosi della Reggia ed alle ampie e qualificate collaborazioni che, ben coordinate dal volontariato culturale del Gruppo Fotografico Color’s Light e dalla professionalità della cooperativa ANTEA, hanno permesso di conseguire sinergie di particolare efficacia.

Anche quest’anno ColornoPhotoLife si pregia della qualificata collaborazione con lo CSAC (Centro studi e archivio della comunicazione dell’Università di Parma), per il nono anno consecutivo il Festival unisce quindi le forze delle Istituzioni e del Volontariato culturale per dar vita a momenti di viva cultura fotografica con le mostre, gli workshop, il Concorso a lettura di Portfolio Maria Luigia e intensi momenti di incontro con autori e protagonisti della fotografia italiana che esporranno, per condivide le loro riflessioni ed esperienze.

I Curatori:

Antonella Balestrazzi (Antea Progetti)
Silvano Bicocchi (Direttore del Dipartimento Cultura FIAF) Gigi Montali (Presidente Color’s Light Colorno)

Organizzazione:

G.F. Color’s Light Colorno ANTEA Progetti
Ente Promotore:
Comune di Colorno

Collaborazioni:

CSAC Parma
BDC – Bonanni Del Rio Catalog Fondazione Un Paese (Luzzara) Pro Loco Colorno
Le Giraffe

Patrocini:

FIAF
Provincia di Parma Comune di Parma Regione Emilia Romagna

COMUNE DI COLORNO

Progetto realizzato “contributo della Regione Emilia-Romagna”

REGGIA DI COLORNO

9 EDIZIONE COLORNOPHOTOLIFE
DAL 9-10-11 NOVEMBRE - MOSTRE FINO AL 25 NOVEMBRE 2018 REGGIA DI COLORNO (PARMA)

 

colornophotolife-festival2018.jpg

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

TUTTI MATTI PER COLORNO, l'atteso appuntamento con la follia e il talento di artisti provenienti da tutto il mondo, che trasforma la cittadina ducale nella capitale del circo contemporaneo internazionale. Colorno (PR) 31 agosto, 1 e 2 settembre.

Una tre giorni sempre attesissima dal pubblico di tutte le età, che ogni anno invade le strade di Colorno; un'occasione unica di incontro con artisti straordinari; un momento di intensa convivialità, partecipazione, condivisione grazie anche alle molte attività collaterali, ai concerti, agli spazi bar e ristorante: un'atmosfera magica che ogni anno si ripete e si rinnova!

A seguire a galleria fotografica di Francesca Bocchia

 

TUTTI_MATTI_PER_COLORNO_2018_154.jpg

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Bellissima l'esibizione di FFF Five Foot Fingers, i simpatici e abili funamboli che si esibiscono in questi giorni in occasione di "Tutti Matti ... in Emilia", a Sant Ilario d'Enza, preludio a Tutti Matti per Colorno. Stasera la replica alle ore 21.30 in Piazzale Eugenio Curiel, Sant'Ilario d'Enza (RE). (Foto di Francesca Bocchia)

Tutti Matti... in Emilia è uno speciale percorso di avvicinamento al Festival che quest'anno porterà per la prima volta nel nostro territorio la compagnia francese FFF - Five Foot Fingers. Partita da Novellara (RE), la rassegna prosegue per Sant'Ilario d'Enza (RE), da martedì 28 a giovedì 30 agosto, passando naturalmente per Tutti Matti per Colorno e concludendosi a Zibello nel weekend successivo.

Martedì 28, mercoledì 29 e giovedì 30 agosto 2018, sempre alle ore 21.30, in Piazzale Eugenio Curiel a Sant'Ilario d'Enza (RE) salirà dunque sul palco dalla Francia la compagnia FFF - Five Foot Fingers, con lo spettacolo En évantail, un esplosivo, delirante, coinvolgente, esilarante cabaret circense, ideato ed interpretato da 5 poliedrici artisti, cresciuti a baguette e commedie musicali, funk e Buster Keaton.

In un'atmosfera alla Broadway in salsa francese, lo spettacolo combina sprazzi di show biz americano con tocchi di puro Camembert francese: tra grandi momenti di varietà, giocoleria e danza, numeri di magia e prodezze acrobatiche, i cinque protagonisti fanno continuamente del loro meglio per evitare il peggio e guadagnarsi una risata. Sono pronti a correre qualunque rischio pur di soddisfare il loro amato pubblico...

(Segue Galleria Immagini - Francesca Bocchia)

 

FFF_FIVE_FOOT_FINGERS_SANTILARIO_2018_144_1.jpg

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia
Giovedì, 23 Agosto 2018 14:51

Dal 31 agosto "Tutti matti per Colorno"

L'11^ edizione della Festa internazionale di circo contemporaneo, teatro e musica di strada. Grandi artisti internazionali, 25 formazioni, un centinaio di spettacoli. 5 prime nazionali, tra cui EXIT di Cirque Inextremiste, elogio della follia e della fuga, a 40 anni dalla Legge Basaglia che abolì gli ospedali psichiatrici. Solo 3 gli spettacoli a pagamento.

Parma –

Si svolgerà da venerdì 31 agosto a domenica 2 settembre, nella Reggia e per le strade del paese Tutti matti per Colorno 2018, la Festa internazionale di Circo e Teatro di Strada giunta alla sua undicesima edizione. E' organizzata da Comune di Colorno e Teatro Necessario, che cura anche la direzione artistica, col sostegno di Mibac, Regione Emilia - Romagna, Provincia di Parma, Fondazione Cariparma , Ambasciata di Francia in Italia, Institut français, Ministère de la Culture e Fondazione Nuovi Mecenati. Numerose aziende del territorio sostengono il festival (GLF, Tap e Transferoil, Ittigel, Conad Centro Nord, EmiliAmbiente).

Per tre giorni il talento e l'estro di grandi artisti internazionali, 25 formazioni tra programmazione ufficiale, Scena OFF e progetti speciali, con un centinaio di spettacoli in calendario di cui ben 5 prime nazionali, oltre a un mercato dell'artigianato e a un'area street food di qualità saranno l'occasione per celebrare la follia e la libertà.

Tutti gli spettacoli sono gratuiti, tranne tre.

IL PROGRAMMA

Elogio della follia e della fuga, spettacolo emblema dell’edizione 2018 è EXIT, in prima nazionale, nuova creazione della compagnia francese Cirque Inextremiste, ensemble artistico di punta del panorama europeo che porta avanti un’audace ricerca in cui si fondono discipline circensi, mimo e pratiche di esplorazione dei limiti fisici. Intorno a una cabina di un enorme pallone aerostatico, alcuni presunti pazienti psichiatrici in fuga si lanciano alla ricerca di un’uscita verso il cielo: la mongolfiera diventa la loro EXIT, in un crescendo di suspense e tensione (solo sabato 1° settembre, ingresso libero).

Per la prima volta in Italia anche SODADE della compagnia Cirque Rouages, eccellenza francese con una poetica che unisce elaborate scenografie meccaniche e incredibili numeri acrobatici, danza e mimo. Quattro corpi si muovono su un filo infinito che oscilla senza tregua. In scena anche due musicisti che suonano, cantano e raccontano: una favola di grandi altezze, un inno alla vita (solo venerdì, nel Giardino della Reggia, a pagamento).

Con EN ÉVENTAIL i francesi Five Foot Fingers propongono un esplosivo e delirante cabaret circense, ideato ed interpretato da 5 poliedrici artisti, che combina varietà, giocoleria e danza, magia e acrobazie (venerdì, sabato e domenica nel Cortile della Reggia a pagamento).

Dall’Italia la compagnia BLUCINQUE con Xtream: cinque corpi, cinque storie, cinque tecniche musicali. Danza acrobatica e tecniche circensi si combinano in uno spazio vuoto, dando la percezione di essere continuamente in bilico tra sogno e realtà, in un vortice di idee (sabato e domenica, nel Cortile della Reggia, a pagamento).

Dal Belgio arriva l’italiano Claudio Stellato, artista apprezzato dalla critica internazionale, che presenta LA COSA: quattro metri cubi di legna, quattro persone, e quattro asce; quattro boscaioli in scena tracciano un percorso artistico unico lavorando sulle nozioni di scomparsa e apparizione. Lo spettacolo è inserito nella rassegna Bruxelles en piste nell’ambito di Focus Circus, e da Piemonte dal Vivo (sabato e domenica).

Dalla Francia la compagnia Singuliére in SoliloqueS: un circo, ma non solo, un attore in equilibrio, il trapezio, un funambolo, la danza, la contorsione condurranno il pubblico con semplicità e umorismo al cuore di grandi questioni (sabato e domenica).

In prima nazionale dall’Olanda arrivano i Circusdrome in Metamorfoso: davanti agli occhi del pubblico la bella e giovane Ludmilla si trasforma improvvisamente in un gorilla spaventoso. Un intrattenimento delle fiere di un tempo, ma con un tocco di surreale contemporaneità.

Claudio e Consuelo in La Cucina Errante evocano atmosfere del passato: due stravaganti cuochi viaggiatori girano le piazze con il loro strampalato mezzo di trasporto, un ibrido fra una cucina e una nave su ruote, attraversando con musica e racconti luoghi, popoli e cucine.

 

LA MUSICA E IL BALLO 

In prima nazionale dalla Francia, l’orchestra IMPERIAL KIKIRISTAN, fanfara francese con un repertorio inusuale per gli ottoni, che mescola influenze musicali di molti paesi e diversi generi  (venerdì sul palco dello Spazio Circo, sabato itinerante).

Il concerto di sabato sera, in cui il rock’n’roll incontra lo swing è affidato a The Good Fellas - Gangsters Of Swing, attivi da 25 anni, con oltre duemila esibizioni in Italia e in Europa,  la partecipazione a festival di musica anni ‘50,  trasmissioni televisive, tour teatrali, film. 

Italiani e dediti al blues i Bayou Moonshiners, che passano con agilità dal blues al ragtime, dal soul al gospel, toccando la miglior “New Orleans e Mardi Gras Music”. Il concerto di domenica sarà accompagnato da un’esibizione dei Parma Lindy Hoppers.

A far ballare tutti, sabato sera, ci pensano i Tango Tinto grazie alla milonga organizzata con Mas que Tango. Il pianista Roberto Esposito tutte le sere trascinerà il pubblico in canzoni e cantate collettive al suono del suo piano e di celebri melodie di tutte le epoche. 

LA SCENA OFF

Inoltre accanto alle proposte ufficiali, il festival dà spazio a giovani compagnie emergenti, selezionate con un bando aperto ogni anno in primavera. Quest’anno saranno presenti: il duo del Circo Carpa Diem in Dolce Salato (acrobatica e paolo cinese), il duo Creme & Brulè in Danza, Fuoco e Romanticherie (fuoco), Fausto Giori in Demenzio Show (clownerie), la compagnia Latcho Drom in Modalità Aereo (magia e giocoleria), la compagnia Il fiore e la luna in Il Mondo Piccolo (marionette a filo), la compagnia I nipoti di Bernardone in  Hope hope hoplà!!! (clownerie, giocoleria), Poppy in  Circo a Puà (giocoleria) e la compagnia vincitrice del Concorso per il Nuovo Circo: la compagnia ExArt con La Bestia.

 

E ANCORA…

Percorso Circo per bambini,  giochi della compagnia catalana Guixot de 8, Vintage Photo Bus, le opere di LufER,lo spazio di Orso Ludo, la mostra SEGUIMI - Tracce, passi, percorsi in cui sono esposte le opere dello street artist Ciro Pluto e di Nicola Paini, bar del festival, street food e mercatino dell’artigianato.

 

Tutti Matti per Colorno è a ingresso libero e gratuito (ingresso con offerta libera facoltativa) eccetto i tre spettacoli a pagamento. Biglietti in vendita sul sito www.tuttimattipercolorno.it (pagina Biglietteria) e presso le rivendite autorizzate Vivaticket di tutta Italia, pubblicate sul sito www.vivaticket.it, o ancora presso lo IAT del Comune di Parma in Piazza Garibaldi n.1 (non si accettano prenotazioni).

I biglietti sono in vendita anche dal 27 al 30 agosto dalle 16 alle 19 in via Mazzini 7 a Colorno e durante il festival presso l’infopoint in Piazza Garibaldi di fronte all’ingresso principale della Reggia. 

 

 

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Se ne è discusso domenica 5 agosto in occasione della festa "Avanti a tutta birra!!!" a Traversetolo.

di Manuel Magnani,Traversetolo - Domenica 5 agosto, agli stand della Festa Avanti a tutta birra!!! promossa dalla Federazione Provinciale del Partito socialista si è tenuto un convegno-dibattito in merito alle fusioni dei Comuni.

Erano presenti il sindaco di Sorbolo Nicola Cesari, segretario provinciale del PD, il sindaco di Mezzani Romeo Azzali, il sindaco di Colorno Michela Canova, consigliere delegato della Provincia di Parma e l'assessore Giorgio Faelli di Torrile, mentre ha moderato l'incontro Manuel Magnani, consigliere comunale del Comune di Collecchio e dell'Unione Pedemontana, membro della segreteria provinciale del PSI.

Diversi i temi toccati, da una prima spiegazione dell'iter procedurale che porta al referendum per la fusione dei Comuni, si è passati poi a spiegare i benefici che comporta una fusione, sia in termini economici che di ritorno verso i cittadini, in termini di economie di scala per i servizi e gli appalti, e inoltre minore spesa per l'efficientamento del patrimoni pubblici, maggior peso politico del Comune costituente per la partecipazione a bandi e progetti anche europei.

Durante il dibattito che ne è seguito, partecipato anche da diversi amministratori pubblici, sia parmensi che reggiani, si è parlato di riforme con particolare driguardo all'ordinamento amministrativo. Ne è desunto che si deve pensare ad un superamento della Legge Del Rio, in quanto all'indomani della bocciatura del referendum del dicembre 2016 risulta essenziale per l'Italia dotarsi di una struttura amministrativa che le possa permettere di guardare all'Europa, magari Unita, superando l'attuale polverizzazione di oltre 8000 Comuni, oltre 100 Provincie e 20 Regioni alcune delle quali non raggiungono nemmeno il milione di abitanti, pari alla dimensione di una piccola metropoli europea.

E' emerso altresì che appuntamenti come questo, di riflessione, spunto e informazione per la gente, devono essere sempre più promossi per favorire una conoscenza consapevole del cittadino e diminuire cosi il populismo dilagante che caratterizza questo periodo storico.

(Manuel Magnani consigliere comunale PSI Collecchio)

Dopo la Ferrarini, la mobilitazione dei lavoratori è discesa dalle ridenti colline di Lesignano verso Colorno, pur restando nel settore delle carni. Molto partecipati i due primi giorni di sciopero, indetti dal sindacato Flai CGIL a favore dei lavoratori della Carne Time srls (Cantiere Sassi Spa),  a seguito dell'ennesimo cambio di appalto e al parziale pagamento dello stipendio di giugno, peraltro senza la consegna della busta paga. 

La Carni Time srls è stata recentemente coinvolta nella operazione "The Butcher" della Guardia di Finanza di Milano e che vedrebbe coinvolti uno dei responsabili della Carne Time srls e un commercialista, ma ciò non giustificherebbe l'ennesimo cambio d'appalto che penalizza nuovamente i lavoratori facendoli arretrare nei compensi e nei diritti.

"La mobilitazione rientra in un pacchetto di azioni rivendicative con cui i lavoratori, sottolinea la FLAI CGIL di Parma, chiedono la corresponsione di quanto dovuto agli addetti dopo l'ennesimo cambio appalto, mentre l'azienda committente, il macello Sassi Spa, continua a non dare seguito, derogando così alla propria responsabilità sociale d'impresa, alle proposte sindacali circa l'attuazione di un nuovo modello organizzativo finalizzato a stabilizzare progressivamente i lavoratori che da oltre dieci anni operano nello stesso stabilimento"

 

 

Pubblicato in Lavoro Parma
Mercoledì, 18 Luglio 2018 14:46

"Corpi Erranti" alla Reggia di Colorno - FOTO

Ieri sera, lo storico giardino della Reggia di Colorno ha accolto il penultimo appuntamento della rassegna "Notturni in Musica alla corte della Duchessa", giunta alla sua sesta edizione.

Sul palco "CORPI ERRANTI" un recital di e con Riccardo J. Moretti e la partecipazione dell'artista belga Thierry Parmentier. Sound design a cura di Giovanni Nulli.

La rassegna, promossa dal Comune di Colorno, col patrocinio di Provincia di Parma e Regione Emilia-Romagna, è organizzata da Antea - Progetti e Servizi per la Cultura e il turismo e Parma OperArt, con la partecipazione della Fondazione Toscanini.

Ultimo appuntamento domani, Giovedì 19 Luglio 2018 – ore 21.30, con "KIBIKO CONCERT" concerto benefico lirico-vocale con gli allievi dell'Accademia Bruson e la partecipazione prestigiosa del M° Renato BRUSON ad offerta per borse di studio (offerta minima 5 euro).

Informazioni e prenotazioni:
 Reggia di Colorno 0521312545 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 Parma OperArt: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., cell. 393 0935075, con Paypal al sito www.parmaoperart.com Parma Azzali Editori, p.le Boito n. 5, Cell. 347 0772391 – 340 6222128

Foto di Francesca Bocchia

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_011.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_024.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_031.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_034.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_041.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_045.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_064.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_085.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_089.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_097.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_101.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_112.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_117.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_132.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_137.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_161.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_165.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_174.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_178.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_185.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_189.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_191.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_193.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_220.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_259.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_272.jpg

CORPI_ERRANTI_THIERRY_PARMENTIER_COLORNO_2018_288.jpg

 

Pubblicato in Cultura Parma