Provincia di Parma

Provincia di Parma

Provincia di Parma

Sito Ufficiale: http://www.provincia.parma.it/

Il Consigliere delegato annuncia l'arrivo dei soldi attraverso la bolletta per 13.490 clienti. Sorbolo, Fidenza e Salso i territori più rimborsati. Entro il 2015 possibili nuovi risarcimenti se l'Autorithy Energia accoglierà l'esposto della Provincia. -

Parma, 22 maggio 2015 –

"Il primo risultato è arrivato: per il black out dello scorso febbraio gli enti gestori della rete elettrica risarciranno 13.490 tra cittadini e imprese presenti in tutta la provincia di Parma con 2.354.683 euro. Una cifra doverosa e importante che arriverà direttamente nelle tasche dei clienti attraverso la bolletta. Chi non li ha ancora avuti, li vedrà accreditati sulla prossima bolletta".

Sono le parole di Andrea Massari, Sindaco del Comune di Fidenza e consigliere delegato della Provincia di Parma, incaricato di seguire in prima persona lo sviluppo della vertenza con Enel e gli altri operatori.

"Risolto questo aspetto – continua Massari, reduce dal summit di martedì scorso in Regione insieme al collega Sindaco di Noceto, Fabio Fecci, vicepresidente Anci E-R –, adesso andranno valutati dall'Autorità per l'Energia gli esposti firmati, in primis, dalle Province di Parma e di Reggio Emilia. L'indagine si concluderà a dicembre del 2015, aspettiamo di capire se saranno possibili nuovi ed ulteriori iniziative a favore di cittadini ed imprese. Un tema che continua ad essere al centro degli incontri che stiamo svolgendo nel tavolo istituzionale con gli enti gestori. Tavolo coordinato dall'assessore regionale Paola Gazzolo, che sta assolvendo ad un compito molto importante".
"Ringrazio Andrea Massari per l'impegno con cui ha seguito tutta la vicenda, costruendo un collegamento importante anche con altre Province che non ha avuto molti precedenti – commenta Filippo Fritelli, Presidente della Provincia di Parma e Sindaco di Salsomaggiore –. La strada intrapresa è quella giusta e vorrei invitare ad una riflessione: i rimborsi sono doverosi, al pari di tutte le misure che i fornitori dell'energia elettrica devono adottare per evitare che una nevicata di modeste dimensioni possa ancora fare così tanti danni".

La geografia dei rimborsi

Enel rimborserà 12.603 clienti, 10.110 dei quali sono utenze domestiche e 2.943 sono utenze non domestiche (attività economiche). Ai primi andranno 1.030.215 euro, ai secondi 1.240.473 euro.
I clienti che percepiranno un rimborso sono presenti in 37 comuni (su 46 che compongono la provincia).
I rimborsi più consistenti, superiori ai 100.000 euro, arrivano sul territorio di Sorbolo (362.735 euro), Fidenza (201.729 euro), Salsomaggiore (149.880 euro), Medesano (163.390 euro), Colorno (153.564), Montechiarugolo (140.442 euro), Sissa-Trecasali (127.355), Traversetolo (122.068 euro), Borgotaro (101.733).
Per il comune di Parma, Iren rimborserà 887 clienti (707 utenze domestiche e 180 utenze non domestiche), per un totale di 83.995 euro.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Parma)

Il piano rialzato del palazzo è ora occupato dai dipendenti dell'USP: il trasferimento degli uffici permetterà il recupero di spazi destinati a aule e laboratori per il prossimo anno scolastico. -

Parma, 21 maggio 2015 –

Un trasferimento realizzato in tempi record. E' quanto accaduto per lo spostamento dei dipendenti dell'Ufficio Scolastico Provinciale dalla sede di Viale Vittoria alla nuova sede di Palazzo Giordani. A presentare le modalità e le finalità dell'intervento sono stati, a Palazzo Giordani, il Presidente della Provincia di Parma Filippo Fritelli, il Consigliere Delegato alla Scuola Gianpaolo Serpagli e il Dirigente Scolastico Giovanni Desco.
E' stata la Provincia a farsi carico del trasferimento, sia in termini economici che progettuali: il cambio di sede ha comportato interventi per una spesa complessiva di 84.000,00 euro e lo spostamento di 60 dipendenti provinciali, ridistribuiti tra la sede di Palazzo Giordani e la sede di Piazza della Pace, e di 40 dipendenti dell'Ufficio Scolastico Provinciale.

La precedente sede di Viale Vittoria dell'Ufficio Scolastico Provinciale verrà recuperate e destinata aule e laboratori scolastici – in tutto dodici spazi - per far fronte alle nuove necessità delle scuole superiori parmensi. Le aule recuperate andranno al Liceo delle Scienze umane Sanvitale e all'Istituto Tecnico Agrario Bocchialini.
I tempi imposti dalle scadenze ministeriali dell'Ufficio Scolastico Provinciale sono stati molto stretti: le ditte coinvolte hanno lavorato a ritmi serrati e anche nei giorni festivi per permettere il rispetto delle scadenze e per non creare disagio agli utenti dei due enti coinvolti. I lavori, con la realizzazione di pareti divisorie per la creazione di sei uffici indipendenti e d'ingressi indipendenti per le due amministrazioni, così da renderle autonome per gli utenti e il personale, sono iniziati il 3 marzo e terminati il 3 aprile 2015.

Il Presidente della Provincia Fritelli ribadisce l'importanza della scelta fatta: "La Provincia ha ristretto i suoi spazi e questo s'inscrive nel processo di razionalizzazione imposto a tutti gli enti, ma i cambiamenti non sono mai indolore: ringrazio, quindi, tutte le persone che hanno lavorato e accettato di buon grado il trasferimento. Sono certo che la Provincia manterrà la sua competenza sugli Istituti Scolastici e sarà necessario fare sistema con gli altri enti: la prossimità con l'Ufficio Scolastico provinciale non può essere che positiva. Utilizzeremo il periodo estivo per fare i lavori nei locali recuperati di Viale Vittoria: si tratta di dodici spazi, fra aule e laboratori, consegnati alle scuole della città".

Il Delegato Provinciale alla Scuola Gianpaolo Serpagli ringrazia gli uffici provinciali per il lavoro svolto, con competenza e in tempi rapidi. "Siamo riusciti a consegnare alla città di Parma qualche classe in più. La Provincia ha fatto una scelta molto importante e, nonostante il momento d'incertezza e di trasformazione, continua a sostenere il sistema scolastico. E' un punto di partenza nuovo che può portare nuove opportunità".

Anche Giovanni Desco, dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale, sottolinea le nuove opportunità offerte dalla prossimità dei due enti: "Sempre più bisognerà considerare i vincoli imposti come nuove offerte che porteranno benefici. La prima finalità è stata raggiunta, cioè quella di destinare altri spazi alle scuole di Parma. L'altra è quella di riuscire a potenziare le relazioni interistituzionali. Ringrazio la Provincia di Parma per la celerità con cui sono stati realizzati i lavori e i dipendenti dell'Ufficio Scolastico Provinciale che hanno organizzato il trasloco relativo a quindici anni di storia dell'istituzione. Nel frattempo sono stati unificati i due provveditorati di Parma e Piacenza e questo sarà l'ufficio scolastico di competenza per i due territori".

(Fonte:  ufficio stampa Provincia di Parma)

Oggi, mercoledì 20 maggio 2015, alle ore 16 alla scuola Fermi di Langhirano. L'incontro è aperto a tutti ed è riconosciuto ai fini della formazione per i docenti.

Parma, 20 maggio 2015 –

Oggi, alle ore 16 nella Sala Riunioni della Scuola secondaria di I grado Enrico Fermi di Langhirano Via XXV Aprile, 3 si terrà una giornata di studio dedicata ai temi dell'utilizzo delle nuove tecnologie a scuola, in particolare in ambienti cloud dal titolo «...e adesso che abbiamo (anche!) le tecnologie?»
L'iniziativa rientra nel progetto europeo Rural school cloud - Cloud computing for school networking & learning.

Interverranno: Luca Ferrari del Dipartimento Scienze dell'Educazione dell'Università di Bologna con "Nuove tecnologie tra miti e realtà. Rendere l'innovazione didattica sostenibile!" e Roberto Bondi, Responsabile del gruppo Marconi, Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna con "le tecnologie": insegnanti e studenti nei nuovi spazi dell'apprendimento.

Al progetto aderiscono l'Istituto Comprensivo di Corniglio, di Borgotaro, di Fornovo, di Neviano e Valceno. L'incontro è aperto a tutti ed è riconosciuto ai fini della formazione per i docenti.

Il progetto che è iniziato nel 2013 e terminerà nel settembre 2015, si pone l'obiettivo di migliorare la qualità di apprendimento e di insegnamento in piccole scuole rurali/disperse in Europa attraverso soluzioni basate sulle TIC e strumenti gratuiti on-line cloud based.

I paesi partecipanti sono, oltre all'Italia, Regno Unito, Danimarca, Grecia, Macedonia e la Spagna (ente coordinatore del progetto).
L'ente coordinatore del progetto è Galicia Supercomputing Centre (Spagna) – partecipano in qualità di partners l'Università di Santiago de Compostela (Spagna), Devon Local Authority (Regno Unito), AKETH (Development Centre of Thessaly) (Grecia), VIA University College (Danimarca), Macedonian Institute for Integration (Macedonia), la Provincia di Parma con i 5 istituti scolastici del nostro territorio.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Parma)