Visualizza articoli per tag: Comune di Modena

Lunedì, 29 Novembre 2021 06:58

Cerimonia di accensione delle luci di Natale

Tradizione cerimonia di accensione delle luci natalizie.

Nel 2021 immessi in servizio 76 nuovi mezzi, entro la prima metà del 2022 ne arriveranno altri 68. A novembre inizieranno i lavori di realizzazione dei nuovi distributori interni di gas naturale nei depositi di Reggio Emilia e Piacenza, nonché dell’ampliamento di quello di Modena. Prosegue l’ammodernamento della flotta elettrica urbana di Modena con l’arrivo di 2 nuovi filobus. Grande successo dell’acquisto a bordo con bancomat/carta di credito: oltre 800 biglietti venduti al giorno, con un trend di crescita settimanale del 50%.

Martedì, 13 Luglio 2021 06:01

TU…CHE ALBERO SEI?

Eventi gratuiti con prenotazione.

Durante il mese di luglio, nei parchi cittadini, quattro eventi artistico/narrativi dedicati agli alberi e all’osservazione rivolti a bambini, ragazzi e adulti. Una performance teatrale, laboratori ed eventi esperenziali. Con un insegnante d’eccezione: Tonino Ghelfi, storico collaboratore di Cesare Leonardi e Franca Stagi per vent’anni, che trasmetterà la tecnica e l’arte dell’architetto modenese da poco scomparso.

Pubblicato in Dove andiamo? Modena

Si assegna il Palio della Ghirlandina per premiare i migliori balsamici del territorio.
Conversazione a tutto cibo con i “vip tv” Alessandra Spisni e Raffaello Tonon.

Pubblicato in Cronaca Modena

Nel tradizionale incontro con i giornalisti e l’Associazione Stampa Modenese il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli ha fatto il punto sullo stato dell’arte e sull’agenda del 2020, che getterà le basi per gli anni futuri.

Di Claudia Fiori Modena 23 dicembre 2019  - È una Modena che guarda al futuro quella descritta dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli durante il tradizionale incontro pre natalizio con i giornalisti. In particolare, mentre il ventennio iniziato con l’introduzione dell’Euro sta per volgere al termine, si guarda a un cambiamento economico e strategico che guardi al 2030-2050, “con al centro la Generazione Z, quella nata tra il 1995 e il 2010, che a quell’epoca esprimerà al massimo il suo potenziale”, ha spiegato Muzzarelli.


Nel futuro prossimo, invece, ci saranno il Patto per lo Sviluppo, e il Patto per Modena Sicura, di cui il sindaco discuterà il prossimo 21 gennaio con il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. Le richieste riguarderanno il rafforzamento delle Forze dell’Ordine, la valorizzazione della Questura di Modena, la modifica del Decreto Sicurezza, e l’istituzione di percorsi di recupero per chi ha compiuto piccoli reati.
In agenda anche il lavoro e la sua qualità, per contrastare la perdita di valore degli stipendi e delle retribuzioni, fenomeno che in Italia sta assumendo una portata preoccupante.


In tema di Rigenerazione Urbana, invece, continueranno gli interventi di recupero nel comparto ex Amcm. In particolare, sarà realizzata una palestra ad alto tasso di sostenibilità, con una parete esterna coperta di rampicanti e una superficie di 1150 mq. Sarà una palestra pubblica a uso scolastico ed è prevista la validazione del Coni per l’accreditamento per attività come basket e pallavolo. Inoltre, potrà essere usata per la ginnastica artistica, ritmica e per il badminton. Sarà dotata di una tribuna dalla capienza di 92 spettatori al primo piano con tre posti riservati ai disabili a piano terra, di spogliatoi, infermeria e sala per la ginnastica dolce. Attraverso un video rendering è stato possibile vedere anche come saranno in futuro gli spazi esterni, che comprenderà una struttura commerciale di 900 mq, ambulatori, uffici, uno spazio dedicato alla ristorazione, tutti collegati da una galleria urbana.
È previsto anche un intervento di realizzazione di un comparto residenziale con al massimo 56 alloggi su via Peretti e via Buon Pastore e un intervento di recupero e adeguamento sismico della palazzina Sigonio. Ci sarà anche uno spazio per la Street Art e, in particolare, verrà mantenuta l’opera di Ozmo del 2013. È previsto anche un parcheggio seminterrato con 240 posti auto e due accessi, da via Peretti e da via Buon Pastore.


Un altro grande filone del 2020 riguarda la Città Universitaria, per la quale si sta lavorando su tre fronti: i luoghi della formazione (Foro Boario, via Campi, Beccaria), i luoghi della ricerca (Policlinico, Baggiovara, via Università) e i luoghi della residenza con l’aggiunta di 70 posti letto dedicati agli studenti.
Grande impulso verrà dato anche al turismo di qualità, per fare di Modena una città attraente, nella quale fermarsi più giorni. Confermati eventi come Motor Valley, Festival Filosofia e Festival della Cultura Digitale.
Sul fronte del welfare si punterà a rafforzare il sostegno ai cittadini più fragili, tra cui anziani e disabili, alla lotta alla povertà e all’esclusione sociale, al sostegno delle politiche abitative.
Infine, per quanto riguarda le Infrastrutture, viene confermato il completamento della “complanarina” per chiudere il cerchio delle tangenziali. Tra le priorità anche il miglioramento delal linea Modena-Sassuolo (Gigetto), il sottopasso di via Panni e i nodi di innesto di Campogalliano, e Nonantola per snellire i flussi di traffico verso la città.


Previsto anche un ampliamento dell’autodromo di Marzaglia, in relazione alle esigenze economiche della Motor Valley e degli investimenti del settore automotive. In particolare, si punta a dotare la pista di un ulteriore rettilineo lungo circa un Km per ospitare le prove di veicoli di categoria superiore, ma anche test motoristici nell’ambito della ricerca e sviluppo, soprattutto per quanto riguarda i veicoli a propulsione elettrica, riguardo alla quale ci sarebbero già importanti investimenti, tra cui il trasferimento a Modena di un’importante azienda tedesca. Tra le buone notizie c’è anche il ritorno della produzione della Maserati a Modena, con la ricollocazione e riqualificazione di 900 lavoratori

Pubblicato in Cronaca Modena
Lunedì, 25 Novembre 2019 16:34

Gli studenti di Modena a scuola in Municipio

In aula consiliare come in classe. Fabio Poggi ha incontrato gli alunni di quinta della primaria di Villanova per parlare con loro di democrazia e cittadinanza.
 
Modena -

Seduti ai banchi dell’aula consiliare hanno discusso con il presidente del Consiglio comunale di Modena Fabio Poggi di cittadinanza e partecipazione, di istituzioni democratiche e di rappresentatività.

Protagonisti dell’incontro, che si è svolto sabato 23 novembre, presso il Municipio di Modena, sono stati gli alunni di quinta B della scuola primaria Ciro Menotti di Villanova che fanno parte dell’Istituto Comprensivo I di Modena. Ad accompagnarli c’erano le insegnanti Lina Festa e Silvia Lotti, insieme alla consigliera Lucia Connola a cui le maestre si sono rivolte per organizzare l’incontro nell’ambito del progetto Pon su “Cittadinanza globale”.

In classe gli alunni hanno in particolare lavorato al modulo dedicato al Consiglio degli studenti, in Municipio con il presidente Poggi hanno poi approfondito alcuni aspetti relativi agli organi di governo dell'Unione europea, dell’Italia e di Modena per capire "come funziona la democrazia" sia rappresentativa che diretta.

“Insieme abbiamo parlato del ruolo dei diversi organi del Comune: sindaco, presidente, giunta, consiglio, assessori, consiglieri e quartieri, delle motivazioni dell'impegno personale e anche della realtà della frazione in cui vivono”, spiega il presidente Poggi che ha intenzione di far diventare quello del sabato mattina un appuntamento fisso con le scolaresche, non solo delle primarie, ma anche delle secondarie di primo e secondo grado, rendendosi disponibile a parlare con gli studenti di democrazia e cittadinanza, di istituzioni e partecipazione, del funzionamento del Comune ma anche di legalità e Costituzione, assecondando quindi gli interessi, ma anche le peculiarità del progetto formativo e dell’indirizzo di studi che frequentano.

 
Da venerdì 1 a domenica 3 novembre, in occasione della festività di Ognissanti e della giornata per la Commemorazione dei defunti, è sospeso il Piano antismog e tutti i veicoli potranno quindi circolare liberamente senza restrizioni.
 
Modena -

Prosegue, invece, anche domenica 3 novembre la pedonalizzazione sperimentale di largo Sant’Agostino che prevede il divieto di sosta per le auto in tutto il piazzale dalle 10 alle 19.

La manovra antismog, contenuta nel Piano integrato per la qualità dell’aria (Pair 2020) della Regione Emilia Romagna, non si applica nei giorni festivi, come venerdì 1 novembre, mentre l’Amministrazione comunale ha stabilito che il 3 novembre non sarà domenica ecologica per agevolare le visite ai defunti nei cimiteri cittadini.

Diverse le iniziative previste nel fine settimana in centro storico: fino a domenica 3 novembre, si svolge Sciocolà, il grande festival dedicato al cioccolato in tutte le sue declinazioni e, venerdì 1 dalle 19, si può partecipare anche alla Lambruscolonga.

Sabato 2 novembre, come ogni primo sabato del mese, Ago Modena Fabbriche culturali, organizza visite guidate alla chiesa e ai sottotetti della chiesa di Sant’Agostino. Le visite si svolgono alle 11 e alle 15.30, con ritrovo nell’atrio dell’ex ospedale Sant’Agostino.

Domenica 3 novembre, dalle 9.30 in centro storico sono attesi i podisti, oltre cinquecento, che partecipano alla CorriMutina e alla Mezza maratona di Modena. Aperti anche i musei e gli istituti culturali che si affacciano su largo Sant’Agostino: alla Galleria Estense (alle16) è in programma una visita guidata all’esposizione temporanea del dipinto del Guercino raffigurante la Madonna in trono con i santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo. Ai Musei civici, nell’ambito di Autunno ai musei, alle 17, visita guidata alla mostra “Fiori vintage. Abiti e accessori 1920-1980” e alla Collezione dei tessuti Gandini.

Aperto anche Ago-Modena fabbriche culturali con la possibilità di visitare il Teatro anatomico, la farmacia storica dell’ex ospedale e la chiesa di Sant’Agostino.

 
 
 
 
Pinelli e Baracchi, rappresentanti di Ausl e Mutina Canottieri insieme sotto la Ghirlandina illuminata di luce rosa per la prevenzione del carcinoma al seno.
 
Modena -

Amministratrici, dottoresse e volontarie insieme per accendere i riflettori, e questa volta anche letteralmente, sulla lotta al tumori al seno, in assoluto una delle patologie che più colpisce le donne.

È avvenuto nella serata di lunedì 7 ottobre quando sotto una Ghirlandina illuminata da qualche giorno di luce rosa in occasione dell’Ottobre Rosa, il mese dedicato alla prevenzione del carcinoma al seno, si sono date appuntamento l’assessora alle Politiche sociali Roberta Pinelli, l’assessora a Istruzione Formazione Pari opportunità Grazia Baracchi, la direttrice sanitaria dell’Ausl di Modena Silvana Borsari e la responsabile del Servizio Screening mammografico Valeria Bellelli.

Con loro si sono trovate anche la presidente dell’associazione ilcestodiciliegie Carmela Mastroianni, la presidente dell’associazione Canottieri Mutina 1930 Caterina De Carolis e una nutrita rappresentanza della squadra “Mutina Pink Dragons” il cui motto è appunto “Vincere il cancro a colpi di pagaia”. Il progetto, avviato qualche anno fa dalla Canottieri Mutina e sostenuto da Il Cesto di ciliegie, ha trasformato un percorso motorio riabilitativo in agonistico e un gruppo di donne che hanno subito un intervento chirurgico in un’affiatata squadra che ora si pone l’obiettivo di aumentare il numero delle partecipanti.

La Torre simbolo della città resterà illuminata di rosa, grazie alla collaborazione tra Comune di Modena e Hera Luce, per tutto il mese durante il quale sono previste diverse attività di prevenzione e sensibilizzazione promosse dalle aziende sanitarie e da ilcestodiciliegie.   

foto-modena-ghiralandina.jpg

Martedì 31 dicembre, in piazza Roma, per la festa “Baci e abbracci a mezzanotte” auguri pizzica e contaminazioni con 12 musicisti, voci e ballerini. Partecipazione gratuita.
 

Modena -

Passato e futuro si fondono a ritmo di tamburello in un viaggio musicale che unisce popoli e mescola culture, emoziona, diverte e fa ballare il pubblico. Sarà l’Orchestra Popolare “La Notte della Taranta” la protagonista di “Baci e abbracci a mezzanotte 2020”, la festa di Capodanno di Modena promossa dal Comune con Fondazione Cassa di risparmio di Modena, che si svolgerà martedì 31 dicembre in piazza Roma, dominata dalla facciata barocca di Palazzo Ducale, sede dell’Accademia Militare. Ne ha dato notizia l’assessore alla Cultura Andrea Bortolamasi al termine delle procedure di selezione Mepa (Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione).

Ad accompagnare i modenesi nel passaggio dal 2019 al 2020 sarà dunque la formazione musicale ufficiale (12 musicisti, due voci e ballerini e ballerine di pizzica) che accompagna La Notte della Taranta, una delle più significative manifestazioni sulla cultura popolare in Europa, dedicata alla riscoperta e alla valorizzazione della “pizzica”, musica tradizionale salentina, e alla sua fusione con altri linguaggi musicali, dalla world music al rock, dal jazz alla musica sinfonica.

“La proposta presentata da “Studio's” – ha motivato la commissione valutativa che l’ha selezionata tra le cinque presentate in risposta all'avviso pubblicato dal Comune su Mepa – è risultata essere quella maggiormente coerente con quanto richiesto dal bando. Interpreta bene il clima della festa, offrendo uno spettacolo di qualità, divertente e per pubblici diversi. Anche l'aspetto della promozione è risultato particolarmente articolato”. L'avviso chiedeva di comprendere nel budget di 70 mila euro tutti gli aspetti artistici e logistico-organizzativi per realizzare lo spettacolo.

Il Capodanno in piazza Roma, a partecipazione libera e gratuita per tutti, consentirà l’accesso in relazione alle misure di sicurezza previste dalle norme.

Si incomincerà alle 23 circa con un laboratorio sul ballo della pizzica che coinvolgerà il pubblico, condotto da ballerini con dj. Alle 23.30 inizierà il concerto vero e proprio. Dopo il countdown, a mezzanotte sul palco si stapperà la rituale bottiglia e si faranno auguri a Modena e ai modenesi per il 2020, per poi riprendere con musica e balli fino alle 1.15 circa.

Bando on line. Aumentano i beneficiari: la morosità può riguardare anche gli oneri accessori, inoltre al sostegno possono accedere anche gli inquilini di Agenzia Casa.
 

Modena -

Ridurre gli sfratti per morosità incolpevole dovuti a una sopravvenuta incapacità degli inquilini di pagare il canone di locazione. È questo l’obiettivo principale dei contributi per la morosità incolpevole, uno degli strumenti a sostegno delle politiche abitative che si affianca a quelli già messi in campo dal Comune di Modena come il Fondo per l’affitto e Agenzia Casa.

Nei giorni scorsi la Giunta comunale ha approvato il nuovo avviso pubblico per l’erogazione dei contributi, già on line sul sito del Comune nella sezione dedicata al Welfare www.comune.modena.it/welfare. Il sostegno sarà finanziato con le risorse che arriveranno a Modena dalla ripartizione del fondo nazionale destinato agli inquilini morosi incolpevoli, erogato al Comune attraverso la Regione.

Rispetto al precedente bando, che aveva introdotto la possibilità di sanare completamente la morosità fino a 8 mila euro e aveva innalzato l'entità del contributo erogabile per le altre fattispecie, il nuovo bando presenta alcune ulteriori e importanti novità per ampliare la platea dei beneficiari e rendere quindi più efficace l'utilizzo delle risorse assegnate, seppur all'interno dei requisiti e dei criteri di partecipazione definiti dal decreto ministeriale.

Innanzitutto, l'entità della morosità non è più necessariamente riferita al solo canone di locazione, ma può riguardare anche gli oneri accessori, cioè le spese condominiali.

In secondo luogo, da quest’anno possono accedere al contributo anche gli inquilini del servizio di Agenzia Casa del Comune, che possiedono i requisiti previsti dal bando.

Per poter presentare domanda occorre avere un reddito Ise non superiore a 35 mila euro o derivante da attività lavorativa con un valore Isee non superiore a 26 mila euro; essere titolare di un contratto di locazione e destinatario di atto di intimazione di sfratto per morosità con citazione per la convalida.

Le domande devono essere presentate su moduli predisposti dal Comune di Modena, presso l’ufficio Servizi per la Casa e l’Abitare Sociale - Settore Politiche Sociali, nella sede di Via Santi 60, nei giorni di ricevimento del pubblico: lunedì e giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 17.30 (gli uffici resteranno chiusi lunedì 14 agosto).

Per quanto riguarda le condizioni per poter accedere al beneficio, tra le cause della diminuzione della capacità reddituale del nucleo familiare, oltre a cassa integrazione, perdita del lavoro, infortunio o grave malattia di uno dei componenti, accanto alla perdita completa del lavoro, c’è la significativa riduzione dell’attività anche per chi esercita lavoro autonomo e l’uscita dal nucleo familiare, in seguito a divorzio o separazione, di un componente che contribuiva al reddito.

Con l’obiettivo di lavorare in via preventiva a favore delle famiglie che, in procinto di essere sfrattate, hanno l’esigenza di trovare una nuova soluzione abitativa, oltre a sanare la morosità, il sostegno economico può servire anche al pagamento della cauzione dell’alloggio e di alcune mensilità di un nuovo contratto di locazione.

Complessivamente, i contributi possono quindi essere destinati: a sanare la morosità incolpevole accertata qualora il periodo residuo del contratto non sia inferiore a due anni; a ristorare la proprietà dei canoni corrispondenti alle mensilità di differimento se il proprietario acconsente al differimento dell'esecuzione del provvedimento di rilascio dell'immobile per il tempo necessario all'inquilino a trovare un'adeguata soluzione abitativa; ad assicurare il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione o ad assicurare il versamento di un numero di mensilità relative a un nuovo contratto a canone concordato.

Pagina 1 di 16