Visualizza articoli per tag: territorio Sassuolo

Domani pomeriggio alla Solgarden di Sassuolo le cuoche de "La cucina incantata" danno una dimostrazione pratica di cucina vegetariana. Intanto prosegue la mostra di orchidee, fino a domenica 14 febbraio si possono ammirare le varietà classiche e altre varietà in diverse forme e colori.

Modena, 5 febbraio 2016

Lezione di cucina vegetariana domani – sabato 6 febbraio – alla Solgarden, la cooperativa sociale di Sassuolo che, nata nel 1992 per offrire opportunità lavorative a persone svantaggiate, gestisce il garden di via Madre Teresa 5. Dalle 15 alle 18 le cuoche de "La cucina incantata" danno una dimostrazione pratica di cucina vegetariana (è richiesto un contributo di partecipazione di 5 euro). Intanto prosegue alla Solgarden la mostra di orchidee. Fino a domenica 14 febbraio si possono ammirare le varietà classiche (cymbidium, cattleye, paphiopedilum, oncidium, dendrobium) e altre varietà in diverse forme e colori. Inoltre gli esperti Solgarden sono a disposizione per fornire informazioni e consigli pratici sulla gestione delle orchidee. Sabato prossimo 13 febbraio sarà presente l'agronomo Lucio Brioschi.

 

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Domenica, 31 Gennaio 2016 21:34

Sassuolo, è un pari pieno di amarezza

A Bergamo i neroverdi trovano la prima rete su azione in campionato di Berardi, ma poi vengono puniti da un assurdo calcio di rigore. 

di Andrea Melli - 
Una scellerata decisione dell'addizionale Rocchi costa al Sassuolo due punti che sarebbero serviti per cancellare immediatamente la brutta sconfitta di domenica scorsa con il Bologna e per conquistarsi, almeno per una notte, la sesta posizione solitaria. Si devono accontentare del 1-1 i neroverdi, dentro ad una gara, ad onor del vero va detto, per larghissimi tratti noiosa. Molto meglio il Sassuolo però nella prima frazione, anche se alla fine della fiera non basterà. Di Francesco ripesca Antei, fuori da quasi un anno dopo l'infortunio patito a Napoli nel febbraio 2015, e Longhi, rilancia Biondini in mediana e a sorpresa preferisce Defrel, facendolo partire a destra, a Sansone. Va sulla mancina Berardi, ed è proprio dal sinistro del calabrese che partono i pericoli maggiori. Pimpante nei primi 20' Mimmo come da tanto non lo si vedeva. E in rete (la prima ingiustamente annullata al 6'), come da tanto non gli capitava. Su azione in campionato non aveva ancora segnato. Lo ha fatto ieri sera in coda ad un'azione rifinita, nemmeno al meglio, da Vrsaljko. Sul cross del croato un pasticcio di Cherubin, ha favorito il terzo gol in campionato del calabrese. Nemmeno il tempo di goderselo, che arrivava il pari dell'Atalanta. Protagonista indiscusso Rocchi di Firenze. Consigli e Kurtic entrano fortuitamente in contatto, Antei arriva prima di tutti e sventa un'eventuale minaccia. Gavillucci lascia correttamente correre, mentre Rocchi che per l'occasione fa l'addizionale ha la bella idea di segnare al primo arbitro un fallo assolutamente inesistente. Ne nasce un conciliabolo, tra le giustificatissime proteste di Magnanelli e soci. Gavillucci va sul dischetto, Denis al passo d'addio al calcio italiano si incarica del penalty. Consigli lo ipnotizza, ma sulla ribattuta l'argentino è il più lesto di tutti e fa 1-1.

ATALANTA-SASSUOLO 1-1
MARCATORI: 27' Berardi (S), 31' Denis (A)
ATALANTA: Sportiello; Masiello, Toloi (23' Diamanti), Cherubin, Dramè; Cigarini, de Roon, Kurtic (72' Migliaccio); Conti, Denis (81' Borriello), Gomez. A disposizione: Bassi, Djimsiti, Raimondi, Brivio, Freuler, Estigarribia, Gakpè, D'Alessandro, Monachello. Allenatore Reja
SASSUOLO: Consigli; Vrsaljko, Antei, Acerbi, Longhi; Biondini, Magnanelli, Duncan; Berardi (89' Politano), Falcinelli (72' Trotta), Defrel (72' Sansone). A disposizione: Pomini, Pegolo; Peluso, Cannavaro, Ariaudo, Gazzola, Pellegrini, Broh. Allenatore: Francesco
ARBITRO: Gavillucci di Latina (Pegorin di Latina /Carbone di Napoli)
NOTE: ammoniti Conti (A), Consigli (S), Berardi (S), Defrel (S), Diamanti (A), Longhi (S)

Pubblicato in Sport Modena
Venerdì, 29 Gennaio 2016 21:06

Sassuolo, c'è l'Atalanta per rialzarsi subito

A Bergamo la squadra di Di Francesco è chiamata a cancellare il brutto stop occorso domenica scorsa con il Bologna. Per il match di domani, Edj Reja avrà a disposizione anche il nuovo arrivato Marco Borriello

di Andrea Melli - Modena 29 gennaio 2016 - 
Cancellare il brutto ko con il Bologna per provare a ripartire. La prima caduta al "Mapei Stadium" è stata fragorosa per le modalità, ma non scalfisce minimamente quanto di buono fatto sin qui. "Abbiamo alternato prestazioni buone e ad altre meno buone e bisogna ripartire", lancia il monito immediato Eusebio Di Francesco che da un calcio metaforico al mercato.

"Finalmente si chiude il mercato e significa che da lunedì si potrà lavorare con questo gruppo di lavoro sino a giugno", non facendo riferimento ad una partenza o meno di Antonio Floro Flores, sempre più vicino al Genoa. "Queste cose non le so. Penso a mandare in campo chi ho a disposizione". Per il match di domani, Edj Reja avrà a disposizione anche il nuovo arrivato Marco Borriello, anche se l'ex carpigiano dovrebbe partire dalla panchina.

"Loro hanno fatto un mercato importante prendendo giocatori abituati a questo campionato. Noi invece – spiega il tecnico neroverde - abbiamo puntato su ragazzi giovani che bisogna saper aspettare". Lo si è visto con il Bologna, anche se la sconfitta con la squadra di Roberto Donadoni è maturata anche a causa delle tantissime assenze.

"Domani rientreranno Magnanelli e Vrsaljko dalla squalifica, Terranova e Missiroli no. Simone, speriamo di recuperarlo se non per la Roma, almeno col Palermo", spiega Eusebio che analizza nel dettaglio i perché di un ko che tanto ha fatto parlare. "Col Bologna ho visto poca presenza in campo. Sono mancati giocatori con caratteristiche importanti e non parlo solo di quelle tecnico-tattiche. Se ci sono due che sono cresciuti come calciatori in generale, quelli sono Magnanelli e Missiroli e sono determinanti".

Pubblicato in Calcio Modena

Ieri sera festa al Baluardo con il sindaco Muzzarelli. La cooperativa sociale Caleidos di Modena è specializzata nell'accoglienza dei profughi e rifugiati, attiva anche nel campo delle dipendenze e gestione di canili. 

Modena, 29 gennaio 2016

- tutte le foto nella galleria in fondo alla pagina -

Ha compiuto trent'anni Caleidos, la cooperativa sociale di Modena specializzata nell'accoglienza dei profughi e rifugiati, attiva anche nel campo delle dipendenze e gestione di canili. La ricorrenza è stata celebrata ieri sera al Baluardo della Cittadella con un incontro condotto dalla giornalista Giulia Bondi. Sono intervenuti, tra gli altri, i sindaci di Modena Gian Carlo Muzzarelli, Soliera Roberto Solomita e Pievepelago Corrado Ferroni, assessori e docenti universitari, rappresentanti di Confcooperative Modena e del Consorzio di Solidarietà Sociale.

Nata a Sassuolo nell'ambito dell'associazionismo cattolico con il nome SolDoFa (Solidarietà Donare Facendo) per assistere giovani disabili, nel 2008 ha assunto il nome di Caleidos cooperativa sociale e trasferito la sede a Modena. «Quando abbiamo cominciato eravamo in venti, ora siamo 120 – racconta la presidente di Caleidos Elena Oliva, che guida anche Federsolidarietà (l'organismo che rappresenta le cooperative sociali aderenti a Confcooperative Modena) - I nostri operatori aiutano tutti i giorni persone che hanno bisogno (stranieri, tossicodipendenti, prostitute), oppure accudiscono animali. Sono dei professionisti "speciali", perché chi lavora nel sociale deve avere qualcosa in più, oltre alle competenze richieste in qualsiasi professione». Attualmente Caleidos cooperativa sociale si occupa di assistenza a persone con problemi di dipendenza, attività di sensibilizzazione nelle scuole, centri per stranieri, mediazione linguistico-culturale, integrazione, unità di strada per prostitute e gestione di canili comunali; inoltre Caleidos ha aperto Nostra Tellus, un'azienda agricola che si trova a S. Cesario sul Panaro e nella quale, sotto la guida di un tecnico agronomo, lavorano nove migranti giunti a Modena nell'ambito dell'operazione Mare Nostrum.

(fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena
Lunedì, 25 Gennaio 2016 08:18

Sassuolo, che tonfo!

Al "Mapei Stadium" i neroverdi giocano una bruttissima gara e perdono l'imbattibilità casalinga. La sorpresa, questa volta, non è il Sassuolo. Al Mapei Stadium la squadra di Di Francesco viene gelata da Emanuele Giaccherini, vero e proprio "amuleto" per Donadoni al suo quinto gol in stagione.

di Andrea Melli - Il Sassuolo appare stranamente molle nell'approccio alla partita e già prima del gol subito è soprattutto Consigli a distinguersi tra tutti. Nulla può, però, sul sinistro del "Giak", che dedica il gol al compagno Zuniga (che ha perso il Padre proprio in settimana) e continua così a sperare di convincere di nuovo Antonio Conte a portarlo ad Euro 2016. Il Sassuolo si risveglia, ma soltanto dopo lo 0-1 e questa volta non può essere sufficiente. Anzi nel finale arriva anche la beffa firmata dall'ex Floccari, che chiude definitivamente la partita.

La prima occasione per il Bologna arriva al 15', ma Consigli devia in angolo su conclusione di Destro. La risposta del Sassuolo è affidata a Pellegrini che al 19' calcia fuori di un soffio da ottima posizione. Poco dopo ancora Consigli dice di no a Destro, che ci prova di testa. Il Bologna tiene bene il campo, difendendo con ordine e provando a ripartire in velocità. Al 35' ancora Destro costringe Cannavaro ad un provvidenziale recupero. Nella ripresa, dopo due gol ancora sfiorati da Taider ed Oikonomou, il Bologna passa al 23': Giaccherini sfugge a Peluso e fulmina Consigli con un bel sinistro. Ecco allora, finalmente, la reazione rabbiosa del Sassuolo. Berardi e Sansone, in due occasioni, mancano il gol del pari, anche se il Bologna - dal canto suo - spreca una serie di veloci ripartenze con Brighi e Destro. Nel finale ci prova l'ultimo arrivato, Trotta, ma Mirante fa buona guardia. Ed in pieno recupero la squadra di Donadoni raddoppia. È Floccari, fresco ex, a battere Consigli dopo essersi liberato in dribbling di mezza difesa neroverde.

SASSUOLO-BOLOGNA 0-2
MARCATORI: Giaccherini (B) al 23' st, Floccari (B) al 48' st
SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Laribi (Biondini dall'11' st), Pellegrini (Defrel dal 32' st), Duncan; Berardi (Trotta dal 38' st), Falcinelli, Sansone. A disp. Pomini, Pegolo, Broh, Ariaudo, Antei, Longhi, Politano. All. Di Francesco
BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Rossettini, Oikonomou, Gastaldello, Morleo (Ferrari dal 32' st); Taider, Diawara, Donsah (Brighi dal 27' st); Mounier (Floccari dal 15' st), Destro, Giaccherini. A disp. Da Costa, Stojanovic, Crisetig, Pulgar, Falco, Rizzo, Mbaye, Acquafresca, Brienza. All. Donadoni
ARBITRO: Cervellera di Taranto
NOTE: ammoniti Ferrari (B), Brighi (B)

Pubblicato in Calcio Modena
Sabato, 23 Gennaio 2016 20:15

Il Sassuolo vuole tornare a vincere

"Domani vogliamo tornare a vincere". Per Eusebio Di Francesco, il Bologna ha rappresentato qualcosa di importante. Perché coi felsinei, è arrivata la prima storica vittoria in massima serie, a Bologna due stagioni orsono è partita la rincorsa all'incredibile salvezza, e nel campionato attuale è arrivata la prima vittoria esterna stagionale.

di Andrea Melli Modena, 23 gennaio 2016
"Certamente il Bologna è una squadra diversa da quella di allora, sono cambiati tanto, mentre noi un pochino". Ma poco conta quello che è stato, perché il Sassuolo vuole tornare a vincere: lo ha fatto soltanto, nelle ultime cinque, con l'Inter.

"Domani vogliamo riprendere l'abitudine a vincere. Loro stanno facendo molto bene in trasferta: mi auguro che vengano a Reggio a giocarsi la partita a viso aperto". Senza gli squalificati Magnanelli e Vrsaljko e senza l'infortunato Missiroli, Eusebio chiede una grande prova ai sostituti, magari attingendo dalle nuove forze di Trotta, "spendibile" a gara in corso. "Ho visto in lui grande voglia, determinazione e qualità. Viene da un campionato diverso ed è abituato ad un sistema di gioco differente, con due attaccanti, il che vuol dire un modo completamente diverso di stare in campo. Per quel che riguarda invece i sostituti degli assenti, sono certo che faranno tutti una grande gara. Chi ha giocato contro Napoli e Torino ha cercato di recuperare le energie, non siamo molto abituati a giocare tante partite in una settimana. Vedremo domani chi mettere in campo".

E in campo, Eusebio e il Sassuolo si troveranno di fronte Sergio Floccari, neroverde sino ad un paio di settimane fa. "Ho un bel ricordo del giocatore e della persona. Ha fatto una scelta, mi è dispiaciuto un po' se ne sia andato ma lo rivedrò con piacere".

Pubblicato in Calcio Modena

Mostra di orchidee alla Solgarden, la cooperativa sociale di Sassuolo che, nata nel 1992 per offrire opportunità lavorative a persone svantaggiate, gestisce il garden di via Madre Teresa 5. Da oggi, sabato 23 gennaio, a domenica 14 febbraio si può ammirare uno dei fiori più affascinanti e misteriosi, disponibile in molte forme e colori. Inoltre gli operatori Solgarden sono a disposizione per fornire informazioni e consigli pratici sulla gestione delle orchidee.

Modena, 23 gennaio 2015

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Mercoledì, 20 Gennaio 2016 09:27

Sassuolo, il Torino ti prova la febbre

Al "Mapei" arrivano i granata per la gara che non si giocò lo scorso 12 dicembre quando su Reggio Emilia scese una fitta nebbia. Eusebio Di Francesco non sa se ritornare immediatamente in campo possa essere salutare o meno e commenta la prestazione di Napoli. -

- di Andrea Melli -

Parma, 20 gennaio 2016

Archiviata l'onorevolissima sconfitta di sabato al "San Paolo", sulla strada che porta verso il sogno europeo, ricordando che sarebbe traguardo fantascientifico, il Sassuolo incrocia il Torino. Nella gara che si sarebbe dovuta giocare lo scorso 12 dicembre, ma la nebbia scesa al "Mapei Stadium" ne impedì lo svolgimento. Una sfida in una settimana che porta ad un altro match interno, quello di domenica con il Bologna, anche se Eusebio Di Francesco non sa se ritornare immediatamente in campo possa essere salutare o meno. "Non so se sia meglio o peggio tornare subito in campo dopo la sconfitta, giochiamo e basta. Avremmo preferito giocare quando si doveva, non si è potuto per nebbia. Comunque anche il Torino ha giocato sabato, perciò siamo nelle stesse condizioni", spiega Eusbeio che fa un passo indietro tornando sulla prestazione di Napoli. "Abbiamo fatto una prestazione buona per approccio, mentalità e modo di giocarsela fino alla fine, peccato aver finito il primo tempo in svantaggio, non lo meritavamo". Pace. Meglio pensare al Toro, che a Reggio Emilia arriva dopo aver sconfitto il Frosinone, grazie anche all'aiuto dell'ultimo arrivato, Ciro Immobile. "Il Toro ha preso, dal mio punto di vista, il miglior attaccante che c'era sul mercato, Immobile, che ha migliorato una squadra già buona. Il Torino non sarà il Napoli, ma è una squadra insidiosa con due attaccanti di qualità". Ne mancherà un po' nel Sassuolo, vista l'assenza per infortunio di Simone Missiroli. "Missiroli manca domani, capita, può succedere e siamo preparati, non possiamo pensare che siano tutti sempre al top. Peccato si tratti di lui – chiude Di Francesco - perché è uno di quelli che ha sempre giocato".

Pubblicato in Calcio Modena
Domenica, 17 Gennaio 2016 17:44

Non basta un grande Sassuolo, decide Higuain

Al "San Paolo" i neroverdi passano in vantaggio col rigore di Falcinelli, ma poi Callejon e la doppietta del Pipita fanno gioire il Napoli.

di Andrea Melli - Probabilmente troppo forte questo troppo Napoli, troppo debordante Gonzalo Higuian per provare a contenerlo anche in qualche momento. Eppure, il Sassuolo del "San Paolo" è stato tutt'altro che arrendevole, è stato tutto tranne che vittima sacrificale. Anzi, ha immediatamente sgasato, ammutolendo il pubblico partenopeo.

La trasformazione, dopo appena 200 secondi dall'avvio, dagli undici metri di Falcinelli è stata una doccia ghiacciata in una notte di passione tutta a tinta unita, quella azzurra. Un sussurro, il rigore dell'attaccante umbro, però rimasto tale: non sono bastate convinzione, tenuta di campo da grande squadra, e tenuta mentale di chi sa che sta compiendo un percorso ad una velocità supersonica. Pensi al Sassuolo e immediatamente, oltre alle innovative idee di Eusebio Di Francesco, lo associ alle infinite disponibilità economiche di Giorgio Squinzi. Vero, ci mancherebbe. Senza gli investimenti di Mister Mapei la A sarebbe rimasta una chimera, ma senza investimenti da squadra che vuole puntare in Europa League, l'Europa diverrà montagna difficile da scalare. Ieri contro la prima della classe, in campo, Falcinelli, Pellegrini e Politano al primo anno di A, Duncan che ha esperienza limitata e che ha ritrovato il campo solo nell'ultimo periodo, Ariaudo che era alla seconda presenza stagionale. Fattori che sommati alle assenze di Cannavaro, Berardi e a gara in corso di Missiroli, ne spiegano il risultato finale.

Pubblicato in Calcio Modena

Firmata a Roma intesa Stato-Enti locali. Il via alla trasformazione di Autobrennero in una società interamente pubblica alla quale il Ministero potrà affidare direttamente la concessione autostradale, nel rispetto della normativa europea. Manghi e Tagliavini: "Più vicine opere fondamentali come l'autostrada Cispadana e la Campogalliano-Sassuolo con la Variante Sud di Rubiera." -

Reggio Emilia, 15 gennaio 2016

Dopo mesi di trattative, è stato firmato ieri a Roma l'accordo di programma tra Stato e enti locali che avvia il percorso destinato a concludersi con la concessione trentennale della gestione di Autobrennero a una società totalmente pubblica, partecipata e controllata dai soci pubblici stessi. Erano presenti il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio con il sottosegretario agli Affari regionali Gianclaudio Bressa, i presidenti della Regione Trentino-Alto Adige e delle Provincie di Bolzano, Modena, Mantova e Verona e, in rappresentanza della Provincia di Reggio Emilia, il consigliere alle Infrastrutture Andrea Tagliavini delegato dal presidente Giammaria Manghi.
"Con questo accordo si dà il via alla trasformazione di Autobrennero in una società interamente pubblica alla quale il Ministero potrà affidare direttamente la concessione autostradale, nel rispetto della normativa europea – dichiarano il presidente Giammaria Manghi e il consigliere delegato Andrea Tagliavini - L'intesa, in particolare, sblocca importantissime opere infrastrutturali come la bretella ferroviaria Brennero-Verona, la bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo, che prevede la Variante Sud alla via Emilia a Rubiera per oltre 500 milioni di euro, e l'autostrada regionale Cispadana tra Reggiolo e Ferrara, per oltre un miliardo di euro, nonché interventi di miglioramento della viabilità di adduzione ai caselli autostradali. Si tratta di opere che non solo produrranno un balzo in avanti infrastrutturale per i nostri territori, accrescendo la competitività delle imprese, ma saranno anche fondamentali per i posti di lavoro che si creeranno per alcuni anni per la loro realizzazione".
Lo stesso ministro Delrio ha evidenziato l'importanza dell'atto approvato ieri, nel pieno rispetto della normativa europea, nell'interesse delle comunità coinvolte e di tutto il Paese per gli importanti investimenti sull'asse ferroviario e per lo spostamento del traffico merci dalla gomma alla rotaia.

(Fonte: ufficio Comunicazione e Informazione Provincia di Reggio Emilia)