Visualizza articoli per tag: ristorazione

In molti hanno risposto all'appello dei titolari del "Barino" di venire a riempire il locale per sostenere la protesta contro la chiusura di Bar e Ristoranti.

Pubblicato in Cronaca Parma

I primi tenui segnali di protesta iniziano a emergere. #IoApro1501 piuttosto che #FACCIAMORUMORE da parte dei ristoratori e “La DAD non è Scuola” da parte studentesca, sono alcune degli slogan che si sono intercettati in quasi tutte le città italiane in questi ultimi giorni.

Pubblicato in Politica Emilia

Il presidente Parma Quality Restaurants, Andrea Nizzi, esprime preoccupazione e sgomento sul futuro del comparto dopo l’ultimo decreto firmato dal Governo.

Pubblicato in Food

Un progetto capace di unire, attraverso il linguaggio della cucina, i bambini che vivono quotidianamente una situazione di isolamento, indipendentemente dalla pandemia, all’interno della struttura di accoglienza la Casa di Fausta a Modena.

Pubblicato in Food

Disponibili in duplice versione, hanno validità di un anno e sono complete di elegante cofanetto che costudisce al suo interno una preziosa sorpresa.

Pubblicato in Food

Presentata la 66esima edizione della Guida Michelin Italia 2021: 26 nuovi indirizzi con una stella Michelin, 3 nuove 2 stelle e confermati gli 11 tristellati. Fa il suo debutto il nuovo pittogramma della Stella Verde che premia la sostenibilità in cucina.

Di Chiara Marando -

Anche in questo 2020 dalle tinte fosche sono arrivate nuove stelle e numerose conferme a illuminare il firmamento della ristorazione. Nella mattinata del 25 novembre la Michelin ha presentato la sua Guida Italia 2021. Una presentazione certamente diversa e insolita, svoltasi a porte chiuse, ma come sempre ricca di sorprese. Perché inutile negarlo, ogni anno gli annunci della “Rossa” sono quelli più attesi, tra dubbi, critiche e il misterioso fascino che aleggia intorno agli “invisibili” e tanto temuti Ispettori.

È un anno molto particolare e carico di emozioni per tutti, abbiamo voluto fortemente essere qui a presentare la nostra Guida. E lo facciamo perché, nonostante tutto, l’Italia è andata avanti – spiega in apertura Marco Do, Responsabile Comunicazione Michelin Italia - I ristoranti hanno lavorato, anche in condizioni difficili, così come in condizioni difficili hanno lavorato i nostri ispettori. Quindi perché non dare risalto a tutto questo, la giusta visibilità e il merito a chi comunque non si è fermato?”.

Parole che esprimono la realtà di un’annata tutt’altro che normale, alla luce della quale la Michelin sottolinea “È noto che tra i 5 criteri di giudizio figura anche la costanza delle prestazioni nel tempo, ciò significa che non sarà un solo anno o una singola prova tavola a determinare cambiamenti sostanziali”.

Così ecco che questa 66esima edizione ha arricchito il suo ventaglio di nuove 1 stella, ma anche di 2 stelle, mentre il numero dei riferimenti presenti nell’empireo dei 3 stelle rimane invariato a 11.

Questi quindi i numeri: 26 nuove 1 Stella Michelin e 3 nuovi 2 Stelle Michelin. Salgono quindi a 371 i ristoranti stellati dislocati sul territorio italiano, con 323 una Stella, 37 due Stelle e 11 tre Stelle.

panorama_stelle_2021.PNG

A questi si aggiungono 1 nuovo bib gourmand e 13 nuove Stelle Verdi. Quest’ultimo pittogramma fa il suo debutto e viene assegnato agli chef che promuovono una cucina più sostenibile.

LE STELLE VERDI 2021

Stelle_verdi.PNG

Tra le 26 novità che hanno preso la prima stella in questo 2021, sedici sono under 35, quattro dei quali under 30.

NUOVI 1 STELLA MICHELIN

 nuovi_1_stella.PNG

Sono tre le new entries che portano i ristoranti che “meritano una deviazione”, e quindi le 2 Stelle Michelin, a 37:

Ristorante D’O - San Pietro All’Olmo (MI), il regno di Davide Oldani che ha percorso nuove strade e spopolato con la sua “cucina pop”. Non solo, tanta è l’attenzione nei confronti dei giovani, della formazione e dei valori del territorio.

Ristorante Harry’s Piccolo – Trieste, dove la straordinaria cucina di Matteo Metullio racconta un riuscito incontro tra classicità e innovazione.

Santa Elisabetta – Firenze, dove a esprimersi ad altissimi livelli tra ricchezza di colori e fantasia è Rocco De Santis.

Come già detto, confermati gli 11 Tre Stelle Michelin che “valgono il viaggio”: Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Mauro Uliassi a Senigallia (AN) e Enrico Bartolini al MUDEC a Milano.

Infine, in occasione della presentazione, sono stati conferiti anche premi speciali, 4 per la precisione:

  • PREMIO MICHELIN GIOVANE CHEF 2021 by Lavazza, assegnato a Antonio Ziantoni, Ristorante Zia, Roma.
  • PREMIO MICHELIN SERVIZIO DI SALA 2021 by Intrecci – Alta Formazione di Sala, assegnato a Christian Rainer, Peter Brunel Ristorante Gourmet, Arco (TN)
  • PREMIO MICHELIN CHEF MENTORE 2021 by Blancpain, assegnato a Niko Romito, Ristorante Reale, Castel di Sangro (AQ).
  • PREMIO MICHELIN SOMMELIER 2021 by Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, assegnato a Matteo Circella, Ristorante La Brinca, Ne (GE).

Come sempre, purtroppo, c’è chi sale e chi scende. Anche in questo anno così particolare la Guida Michelin ha tolto qualche stella, glissando elegantemente sulle numerose chiusure che hanno caratterizzato gli ultimi mesi.

Quindi ecco chi non ha confermato la Stella Michelin:

  • Ristorante Bacco - Barletta;
  • Il Riccio, Capri;
  • La Corte, Follina;
  • Marc Lantieri al Castello, Grinzane Cavour;
  • Casa del Nonno 12, Mercato San Severino;
  • Bye Bye Blues, Palermo;
  • Al Ferrarut, Rivignano;
  • Enoteca al Parlamento Achilli, Roma;
  • Osteria La Fontanina, Verona;
  • Al Capriolo, Vodo Cadore.
Pubblicato in Food
Mercoledì, 18 Novembre 2020 10:01

CNA: serve più rispetto per le piccole imprese

Modena, 16 novembre 2020. “Dall’inizio della pandemia è prassi che le varie ordinanze che sanciscano le chiusure siano prese il venerdì sera oppure il sabato. È accaduto anche in questo caso, con l’annuncio della chiusura delle attività di ristorazione arrivato il venerdì alle 19 e la pubblicazione delle Faq della Regione a precisare le modalità di svolgimento dei mercati emesse alla stessa ora. È un comportamento inaccettabile, che danneggia gli operatori oltre le conseguenze dirette delle chiusure”.

La protesta dei ristoratori alle disposizioni dettate dal nuovo DPCM. #merendaalristorante #iostoconiristoratori gli hashtag di riferimento.

Pubblicato in Cronaca Parma

Appuntamento sabato 7 novembre, dalle 16 alle 18, nei locali del territorio. L’iniziativa sarà seguita sui social dall’hashtag #MerendaAlRistorante.

Pubblicato in Food

"Chiusura dei ristoranti alle 18, quindi il problema siamo noi? È da qui che parte il contagio? A noi non pare. Bisogna essere realisti. Ora più che mai servono regole certe e ragionate e logicamente il massimo rispetto delle disposizioni da parte di tutti – è il commento di Andrea Nizzi, presidente Parma Quality Restaurants, in merito alle direttive emanate dall'ultimo Dpcm del 25 ottobre 2020.

Pubblicato in Food
Pagina 1 di 18