Visualizza articoli per tag: cultura

Dal 20 settembre al 27 ottobre 2019 a Parma, presso le sale di Palazzo Pigorini, è allestita la mostra “Resilient” di Marco Gualazzini. L’esposizione, a cura di Alessandra Mauro, raccoglie circa 40 fotografie che raccontano i reportage realizzati in Africa dal 2009 al 2018  che raccontano i reportage realizzati in Africa dal 2009 al 2018 dal fotografo parmigiano Marco Gualazzini, selezionate dall’omonimo libro, nato da un’idea del collezionista d’arte Giampaolo Cagnin insieme a Roberto Koch di Contrasto e allo stesso Gualazzini.

La mostra è organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Parma in collaborazione con Contrasto e l’allestimento è realizzato grazie alla sponsorizzazione tecnica di: Synergetic, Eliofototecnica Barbieri, Galloni Costruzioni, Adorni Distribuzione Grafiche e Miracle Company.

“Siamo orgogliosi – ha detto durante la preview alla stampa l'assessore alla Cultura Michele Guerra – di aver portato a Parma questa mostra che ci porta in un mondo lontano ma che ha molte cose da dire alla nostra città”.

Mostra Resilient Gualazzini e Guerra.jpg

“La mostra racconta – ha sottolineato il fotografo Marco Gualazzini – dieci anni di crisi umanitaria in Africa. Portarla a Parma dopo l'esposizione a Milano, rispetto la quale abbiamo aggiunto un paio di scatti inediti, significa tenere alto il livello di attenzione su questa problematica che continua a mietere vittime”.

La resilienza è la capacità di un sistema di adattarsi al cambiamento; Marco Gualazzini nel suo lavoro cerca di testimoniare in che modo il continente africano reagisca ai problemi e alle crisi che lo flagellano con una capacità di resilienza straordinaria e insieme drammatica. Le immagini in mostra sono il frutto di un lungo lavoro di quasi dieci anni che hanno portato l’autore ad esplorare l’Africa alla ricerca di storie e vicende inedite. Storie che nessuno vorrebbe sentire.

È il caso delle sue immagini del Congo, paese piegato dalle credenze popolari e dal rapporto tra religione e stregoneria, dove chi soffre di malattie mentali viene tuttora considerato un indemoniato e lo stupro è usato come arma di guerra (ogni anno vengono stuprate 15.000 donne); o il Mali tormentato dalla guerra e dalle infiltrazioni islamiste nell’Africa subsahariana.

Nei suoi reportage Gualazzini documenta le condizioni del Sudan del Sud e della Somalia, uno tra i paesi più pericolosi e meno accessibili per stranieri e giornalisti. Durante il suo ultimo viaggio, nel 2018, il fotografo ha testimoniato la grave crisi umanitaria in corso lungo il bacino del lago Ciad, dovuta alla desertificazione come conseguenza del cambiamento climatico.

L'inaugurazione della mostra è in programma venerdì 20 settembre alle ore 18 alla presenza dell'autore e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Parma Michele Guerra

La mostra è poi visitabile a ingresso gratuito fino a domenica 27 ottobre nei seguenti orari: mercoledì e giovedì dalle 15 alle 19; dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 (lunedì e martedì chiuso).

Presso Palazzo Pigorini è allestito anche un bookshop a cura di Contrasto in cui sarà in vendita il volume che ha ispirato la mostra oltre ad altre pubblicazioni della medesima casa editrice.

 

La nostra intervista a Marco Gualazzini

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

“Libera l'arte”, Parma partecipa al progetto per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico con il gruppo scultoreo di Palazzo Ducale.

Parma, 13 settembre 2019

L’assessorato alla Cultura del Comune di Parma ha aderito al progetto “Libera l’arte”, un progetto pensato dal gruppo Colgate-Palmolive in partnership con Fondaco Italia, dedicato a investire nella valorizzazione del patrimonio storico-artistico del nostro Paese, scardinando le classiche leve della pubblicità tout court, con l’obiettivo di intraprendere un rapporto diretto con le comunità locali e con i consumatori.

Otto opere d’arte, in cinque regioni d’Italia (Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e Lazio) saranno in gara per tornare all’originario splendore, grazie alla partecipazione attiva di tutti i cittadini italiani, che sono invitati a votare l’opera preferita sul sito www.sanex.com/it

Il Comune di Parma partecipa al progetto “Libera l’arte” (nato per far conoscere e promuovere la linea di prodotti “Sanex”) proponendo il restauro delle sculture di Jean-Baptiste Boudard, in marmo bianco di Carrara, denominate “Pomona”, “Pale”, “Trittolemo” e “Vertumno”, risalenti al 1757 e situate davanti all’ingresso principale del Palazzo Ducale all’interno dell’omonimo Giardino.

“Le quattro sculture in marmo bianco di Carrara, Pomona, Pale, Trittolemo, Vertumno, complesso scultoreo di Jean-Baptiste Boudard, collocate dal 1756 nel Parco Ducale della città di Parma, hanno bisogno di aiuto per tornare a risplendere nella loro bellezza ed eleganza – sottolinea l’assessore alla Cultura del Comune di Parma Michele Guerra - un grazie dal Comune di Parma alla sensibilità di questo progetto che, ci auguriamo, potrà prendersi cura di loro.”

Il processo per votare l’opera preferita sul sito www.sanex.com/it-itè semplice e veloce, non sarà necessario registrarsi o fornire alcuna informazione personale.

La proclamazione della vincitrice, l’opera più votata, avverrà il 9 ottobre e la riconsegna dell’opera restaurata è prevista entro gennaio 2020. L’auspicio è che attraverso Sanex il progetto trovi la più ampia diffusione.

Le altre opere in votazione: la statua di Artemide di Palazzo Reale a Torino, la statua della Madonna del Coazzone del Castello Sforzesco di Milano, la Fontana del Delfino a Bergamo, la statua di Giovane donna all’Arengario di Monza, la statua della Venere di Milo dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, la statua di Santa Teresa del pronao della Chiesa degli Artisti a Roma, la statua della Madonna con Bambino della frazione di Sommati ad Amatrice.

Un grande gruppo internazionale che, riconoscendo il valore dell’arte italiana, sarà protagonista del restauro di una di esse e nel contempo contribuirà a pubblicizzare i luoghi che le accolgono. Un percorso innovativo di comunicazione, una modalità concreta di responsabilità sociale d’impresa per fare cultura e valorizzare l’arte attraverso la partnership tra Sanex Colgate-Palmolive e Fondaco Italia.

Antonello Venditti con il suo Sotto il Segno dei Pesci Tour ha celebrato a Parma i 40 anni di uno dei suoi album più significativi. Polemiche a parte, scaturite dalla fine anticipata del concerto, che il noto cantautore ha reso lamentato in un video su Facebook, scusandosi per non aver potuto finire il concerto, ieri sera la Cittadella ha ospitato il meglio dei suoi 45 anni di carriera.

Il prossimo appuntamento con Parma Città della Musica vedrà sul palco il celebre spettacolo Notre Dame De Paris con 3 serate: il 19, 20 e 21 settembre.

ANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (117).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (107).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (103).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (96).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (82).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (66).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (51).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (43).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (33).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (32).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (31).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (25).jpgANTONELLO VENDITTI CITTADELLA PARMA 2019 (17).jpg

 

Pubblicato in Cultura Parma

Il 22 settembre alle 18 si svolgerà presso il Circolo di Lettura e Conversazione di Parma, in via Melloni, il concerto inaugurale del nuovo “Festival delle Divine Armonie”, che si apre con programma vivaldiano di grande richiamo con le Quattro Stagioni, con il solista Marco Bronzi (che suonerà uno straordinario violino di Antonio Stradi-vari) e l’Orchestra da Camera di Parma (orchestra in residenza per i quattro concerti della rassegna).

Il Festival delle Divine Armonie nasce su iniziativa di Salotti Musicali Parmensi con il contributo di Fondazione Cariparma ed intende portare il grande repertorio per orchestra da camera in luoghi storici di grande bellezza che la città ha in gran parte dimenticato, particolarmente indicati per l’ascolto e la fruizione della musica in un ambito di “esperienza artistica totale”. 

La consulenza scientifica del FAI-Delegazione di Parma, ha permesso infatti di coniugare la musica di Cho-pin (di cui ascolteremo il Concerto n.1 per pianoforte e orchestra), di Tchaikovsky (la Serenata per archi) e poi Mendelssohn (Ottetto per archi), Haydn e Rossini, a luoghi straordinari. Oltre al citato splendido Circolo di Lettura e Conversazione, i concerti si svolgeranno nella Chiesa di Santa Maria del Quartiere (che custodi-sce una splendida e quasi sconosciuta cupola esagonale affrescata nel XVII secolo, una delle più ampie d’Italia), nella Chiesa di San Vitale (dalla solenne e acusticamente straordinaria resa acustica) ed infine nella Chiesa del complesso monumentale della Certosa di Parma (che ospiterà per l’ultimo concerto del 26 gen-naio 2020 l’esecuzione delle “Sonata a quattro di Rossini, con i Solisti dell’Orchestra da Camera di Parma). 

Locandina-festival-parma.jpg

Il Festival che è patrocinato dal Comune di Parma e che fa parte delle iniziative di “Anteprima Parma 2020” usufruisce di collaborazioni in rete di grande prestigio come quella con “Friends of Stradivari”-Museo del Vio-lino”, network internazionale con sede a Cremona che riunisce i più grandi collezionisti al mondo di strumenti ad arco ed in particolare dei violini di Antonio Stradivari; uno di questi preziosissimi strumenti, il “Lam ex Scotland University” del 1737, sarà infatti concesso al Festival dalla “Si-Yo Music Society Foundation” per il citato concerto inaugurale. 

Il Festival prevede un biglietto dal costo accessibile a tutti ed un abbonamento vantaggioso e si rivolge anche ad un pubblico che non è abituale frequentatore delle sale da concerto: l’intento perseguito è infatti quello di allargare la platea di amanti della musica d’arte dal vivo, facendo riscoprire al contempo luoghi di una Parma splendida e segreta. La direzione artistica è di Marco Bronzi ed il comitato scientifico è presieduto dal Dott. Giovanni Fracasso Presidente del FAI di Parma. 

PREVENDITA e INFO Festival delle Divine Armonie: “PARMA POINT” Via Garibaldi, 18 - Parma - Tel. + 39 0521 603127 

Programma completo anche su www.salottimusicaliparmensi.it

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
JOBS. Forme e spazi del lavoro nel tempo della Quarta rivoluzione industriale è il concorso fotografico organizzato dall'associazione Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea che si propone di selezionare ed esporre le ricerche autonomamente svolte da autori under 35 in Italia ed in Europa, con la finalità di dare visibilità alla sensibilità e all’interesse che le giovani generazioni mostrano ai temi della trasformazione del lavoro e degli spazi della produzione. 
 
Con l’economia circolare e la Quarta rivoluzione industriale, caratterizzata da un forte impulso all’automazione, il lavoro ha assunto nuove forme in rapporto alla tecnologia e al territorio, diventato una vera e propria “fabbrica a cielo aperto”. La fotografia contemporanea si è preoccupata, in questi decenni, di sottolineare la scomparsa del lavoro e la dimensione astratta dei processi produttivi, tuttavia, da più parti, si avverte la necessità di una visione più approfondita sui cambiamenti che interessano il lavoro e gli spazi della produzione.
Entro il 12 ottobre, i giovani autori potranno presentare le proprie ricerche che saranno selezionate da una commissione composta da Antonello Frongia (storico della fotografia, Università Roma 3), William Guerrieri (fotografo, curatore Linea di Confine), Guido Guidi(fotografo), Stefano Munarin (urbanista, IUAV) e da Andrea Pertoldeo  (fotografo e coordinatore Master fotografia IUAV).
Le ricerche selezionate saranno esposte all’Ospitale di Rubiera (RE), nel contesto di una giornata di studio e di una mostra di fotografie di autori di rilevanza internazionale a cura di Linea di Confine, che inaugurerà in data 16 novembre 2019.
 
Stephen Shore, Luzzara, 1993. © Stephen Shore. Dalla collezione Linea di Confine

 
 
Modalità di partecipazione
 
Per partecipare al concorso i canditati dovranno inviare via email, entro e non oltre il 12 ottobre 2019, all'indirizzo dell’associazione (L’Ospitale, Via Fontana 2 42048 Rubiera, RE Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un portfolio di un minimo 13 e un massimo di 30 fotografie, in formato digitale, oppure in formato cartaceo, inerente le tematiche del concorso, oltre ai dati anagrafici e fiscali, il curriculum e i propri recapiti postali ed email e una breve presentazione del progetto.
I partecipanti dovranno versare una quota di iscrizione di 20,00 Euro a Linea di Confine, tramite bonifico bancario (IBAN: IT07C0538766470000001031239). Tutti i partecipanti riceveranno una email di conferma del materiale ricevuto. Tutti i progetti pervenuti in regola con le norme concorsuali saranno sottoposti al giudizio della Commissione.
 
La Commissione selezionerà un minimo di 10 progetti che saranno esposti, con modalità definite da Linea di Confine nelle sale espositive dell’Ospitale di Rubiera, in concomitanza con la giornata di studio e la mostra collaterale di fotografie e documenti che inaugurerà il 16 Novembre 2019. I materiale fotografici, o video o altro, pertinenti ai progetti selezionati saranno prodotti ed inviati a cura dei partecipanti nelle quantità e nelle dimensioni richieste dalla commissione esaminatrice. I materiali inviati dai partecipanti ed esposti nella mostra, rimarranno di proprietà degli autori e saranno rispediti a cura di Linea di Confine ai partecipanti che ne faranno richiesta esplicita, al termine della mostra.
 
Il bando e maggiori informazioni e materiali di approfondimento sono disponibili sul sito:
Pubblicato in Cultura Emilia

È uscito per le Edizioni Il Messaggero Padova il primo libro dell’autrice carpigiana. Rivolto agli adolescenti, intende veicolare il messaggio di Luigi Monfort, santo molto amato da Giovanni Paolo II.

Un libro delicato, con citazioni di canzoni, ma anche di riferimenti alla società moderna e al linguaggio dei giovani. “L’Amore della Sapienza”, esordio letterario della scrittrice carpigiana Elisabetta Ronchetti, già educatrice A.G.E.S.C.I (Associazione Guide Scout Cattolici Italiani) e con all’attivo diverse pubblicazioni di racconti in antologie, vede protagonista Gigi, un ragazzo che, dopo la morte del padre, rifiuta di andare a scuola, si rintana in casa e si mette alla ricerca, attraverso internet, di quello che lui chiama “il segreto della vita”. Durante questo suo viaggio interiore, Gigi accetta solo la compagnia di due amici fidati, ma sarà la scoperta del testo del Santo francese Luigi de Montfort a fornirgli le risposte che cerca. Ne abbiamo parlato con l’autrice.

 

Come nasce “L’amore della sapienza”?

“Nasce come sintesi di diverse attività che ho seguito: quella determinante e la più recente è stata la lettura del libro originale al quale il mio vuole ricondurre e far conoscere, ossia L’amore dell’eterna sapienza di san Luigi Montfort; un altro elemento è stato l’aver seguito le attività proposte dalla diocesi sulla trasmissione della fede oggi; nasce anche da miei trascorsi quale educatrice scout in cui mi sono trovata per alcuni anni a ideare anche attività di catechesi: c’era da porre attenzione al linguaggio, a come catturare l’attenzione, c’era da usare la fantasia pur rimanendo fedeli al contenuto. Da queste attività e interessi è nato questo libro”.

 

Come mai hai deciso di scrivere un libro destinato agli adolescenti?

“Il testo originale e l’Autore stesso, a mio avviso, portano di per sé a questo. L’Autore, nel suo modo appassionato e emozionato di esprimersi, nonostante abbia scritto il suo testo in età adulta, mi ha ricordato proprio un adolescente che ama profondamente ciò in cui crede e ciò che fa e per questo trascina ed ‘infiamma’ il lettore. San Luigi Monfort in effetti, durante la sua vita, è stato un gran trascinatore, e questo si sente ancora oggi nei suoi scritti che risentano, nella forma, del passare del tempo (sono stati scritti tra il ‘600 e il ‘700), ma sono in realtà vivi e hanno molto da dire. Inoltre, Monfort ha un punto di vista ‘fuori dal gruppo’, non omologato alla società del suo tempo, alla quale non risparmia sagaci osservazioni. Cerca la sincerità e la verità e penso che questo sia, grazie al cielo, tipico di ogni adolescente. Durante l’adolescenza si devono ancora fare scelte determinanti, si osserva molto, si soppesa, prima di adeguarsi, maturando, alle regole e alla cultura dell’ambiente al quale si appartiene. Nelle emozioni, nella passione, nella libertà di coscienza e d’espressione, nella ricerca della sincerità e della verità, trovo che san Luigi Montfort possa essere uno specchio per ogni adolescente di ogni tempo, anche per quelli di oggi” 

 

Gigi, il tuo personaggio, è un ragazzo che dopo la morte del padre si rifiuta di andare a scuola, ha solo due amici e si mette a cercare il “segreto della vita” su internet. Quando c’è in Gigi dei ragazzi di oggi?

“Devo subito dire che il personaggio di Gigi è appena abbozzato: non ho certo voluto cimentarmi in una descrizione realistica del lutto di cui si parla e della sua elaborazione. La storia e il personaggio di Gigi sono un espediente per veicolare la ricerca della verità e di ciò che può dare spessore alla vita, ricerca già percorsa e descritta da San Luigi Monfort, nel suo testo. Poiché sicuramente pochi conoscono questo autore e lo hanno letto, ho voluto creare un personaggio e una storia che potessero riproporre il percorso del santo con un linguaggio più semplice e adatto ai ragazzi di oggi, immaginando e creando una situazione ‘di necessità’ che giustificasse il fatto che un ragazzo si metta in ricerca” 

 

Attraverso l’avventura interiore di Gigi, hai voluto riproporre il messaggio di Luigi de Montfort, un santo che forse non tutti conoscono. Qual è questo messaggio e perché pensi che possa essere ancora attuale?

“San Luigi Montfort è conosciuto dagli ‘addetti ai lavori’ per diversi messaggi. È ricco. Ricco di tante cose. I contenuti sono tanti. Cito solo la sua teologia mariana: oggi, chiunque voglia approfondire la figura di Maria, passa attraverso gli scritti di questo santo. È imprescindibile. Lo stesso San Giovanni Paolo II, durante il suo pontificato, ha indicato san Luigi come “un teologo di classe’ e lo ha voluto con forza Dottore della Chiesa. Oggi la causa è in corso. Quindi sul suo spessore e sulla sua attualità non ci sono dubbi”. 

 

Nel libro ci sono anche diverse citazioni di canzoni, come si coniugano con la trama e con il messaggio di Luigi de Montfort? 

“Le canzoni esprimono emozioni e contenuti che possono non aver ancora trovato espressione verbale, dialogica, o anche che non sono ancora stati pensati da chi ascolta, anticipano, oppure rinforzano ciò che già si prova. Quasi sempre le canzoni e la musica sono espressione dell’ambiente e dell’epoca in cui sono state create. Nel mio caso quindi, le canzoni e le citazioni aiutano sia a contestualizzare in questo periodo storico le emozioni e i pensieri del protagonista Gigi sia, ri-narrando, col linguaggio proprio della musica, queste emozioni, le rinforzano, dando un pochino più di vigore alla narrazione. Se mai qualche educatore volesse parlare di san Luigi Montfort ai sui ragazzi, come ha auspicato san Giovanni Paolo II, potrebbe usare questo libro dal contenuto già semplificato e le canzoni citate, come strumenti dai quali partire per lavori e riflessioni di gruppo”. 

 

L’AUTRICE

Elisabetta Ronchetti è nata a Carpi nel 1966. Dopo anni in cui si è interessata all’educazione dei ragazzi attraverso l‘A.G.E.S.C.I. (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani) e al ruolo della donna nella società attraverso il C.I.F. (Centro Italiano Femminile), dal 2015 ha partecipato ai corsi di scrittura dell’Associazione “Canto 31” di Bologna con docenti Gianluca Morozzi e Maria Silvia Avanzato e a un corso della Scuola Holden con docente Andrea Tarabbia. Suoi racconti sono pubblicati in diverse antologie, tra cui “La Casa dei Segni” (Elis Colombini Editore), una raccolta di racconti e storie sul Frignano, realizzato insieme ad altri sette autori dell’Associazione “I Semi Neri”. L’Amore della Sapienza è il suo primo libro e si propone come testo formativo destinato ai ragazzi dai 14 anni, con lo scopo di divulgare con linguaggio contemporaneo, uno scritto di San Luigi Maria Grignion de Monrfort, teologo del Settecento caro a San Giovanni Paolo II. 

 

SCHEDA DEL LIBRO

Elisabetta Ronchetti

L'amore della sapienza- Un ragazzo cerca il segreto della vita 

Edizioni Il Messaggero Padova

Pagg, 114 - € 10

 

Pubblicato in Cultura Modena

 Jonathan Bazzi presenta il libro “Febbre” il 14 settembre a Parma.

Di Nicola Comparato Parma 8 settembre 2019 -Una vita passata tra incertezze e sofferenza, genitori separati, un padre assente, un quartiere degradato, un ragazzo timido, serio, balbuziente, studioso, dotato di una diversità che nel contesto lo rende speciale e che lo allontana dagli altri ragazzi di Rozzano.

Jonathan Bazzi, nato a Milano il 13 giugno 1985, omosessuale e per questo vittima di bullismo, un giorno, di colpo, comincia a stare male. La febbre non passa. Jonathan è preoccupato, si pone mille domande senza riuscire a trovare una risposta. Dopo varie visite e controlli arriva il verdetto. Jonathan ha l’HIV. Ma questo per Jonathan Bazzi non significa la fine. Per lui è solo l’inizio di qualcosa di nuovo, cominciando a vedere la sua malattia, non come un problema, ma come una caratteristica. L’HIV non guarda in faccia a nessuno, non è la malattia dei tossicodipendenti e degli omosessuali come molti ancora credono. Jonathan decide di non nascondersi, affrontando a testa alta la sua nuova caratteristica, al contrario di tante persone “normali” che vivono ogni giorno indossando una maschera. E lo fa nel migliore dei modi scrivendo “Febbre”, libro autobiografico edito da Fandango, un romanzo che diventa una macchina del tempo per il lettore e per l’autore stesso, ripercorrendo, pagina dopo pagina, la vita di Jonathan da quando era bambino fino ad oggi. Perché “Febbre” di Jonathan Bazzi non è solo un libro da leggere, “Febbre” è una storia da raccontare.

Qui le prossime date della presentazione del libro:

– 14 settembre Parma
Libreria Diari di Bordo – Libri Per Viaggiare con Ariase Barretta

– 19 settembre Bologna
Centro Commerciale Artigianale Pilastro con Valeria Alpi, Sandro Mattioli e IGOR Libreria

– 20 settembre Milano
Aids Running in Music (Parco Sempione)

Per maggiori informazioni la pagina Facebook di Jonathan Bazzi

https://www.facebook.com/lacongiuradeibazzi/ 

Copertina FEBBRE (1).jpg

 

 

Pubblicato in Cultura Parma
Mercoledì, 04 Settembre 2019 15:29

La Luna nell’obiettivo, tra effimero ed eterno

Dal 17 ottobre al 24 novembre 2019, 170 fotografie vintage degli archivi NASA in “The Bright Side of the Moon” allo Spazio BDC28 di Parma nell’ambito di ColornoPhotoLife.

Parma -

Effimero ed eterno: due aggettivi che trovano una perfetta sintesi nell’immagine dello sbarco sulla luna, piccolo passo per l’uomo, grande passo per l’umanità, ancora oggi considerato letteralmente incredibile dai dietrologi dello spazio e comunque capace di incarnare, per la maggior parte dei terrestri, l’idea di qualcosa di lontano ma non troppo, tecnicamente intangibile eppure prepotentemente concreto grazie a una copertura mediatica di carattere globale. Di più, universale. 

L’intreccio di tutti questi elementi, la superficie pallida inquadrata senza pudore e senza veli in una sorta di voyeurismo galattico, giustifica e offre lo spunto per riflettere sull’allunaggio e sul recente passato dell’uomo oltre l’orbita familiare attraverso gli scatti in mostra dal 18 ottobre al 24 novembre 2019 – con vernissage alle 21:00 del 17 ottobre - allo Spazio BDC28 di Parma, riuniti sotto il titolo di “The Bright Side of the Moon - fotografie vintage dagli archivi Nasa”. Organizzata a margine della decima edizione di ColornoPhotoLife, in programma dal 18 al 20 ottobre alla Reggia di Colorno e dedicata  al tema “L’effimero e L’eterno”, l’esposizione celebra i 50 anni dello sbarco lunare di Neil Armstrong e soci con 170 fotografie vintage degli archivi NASA relative ai primissimi lanci e training (1950 - 1966) e alle missioni dei programmi Mercury (1960 - 1963), Gemini (1964 - 1966) e Apollo (1966 - 1972), oltre a 2 roadbook di Apollo 13 e Apollo 15.

Inaugurato ad Artefiera a Bologna nel Gennaio 2016, BDC – Bonanni Del Rio Catalog è il progetto di Lucia Bonanni e Mauro Del Rio riunisce l’insieme delle attività e delle produzioni organizzate dalla coppia relative all’arte contemporanea: una serie in divenire di eventi, oggetti e luoghi, ognuno identificato da un numero progressivo. Il quartiere generale di BDC è BDC28, chiesa sconsacrata nel centro storico di Parma, dove si sviluppa la più lunga ed elegante via porticata della città. Qui, nel Seicento una confraternita legata alla Chiesa di San Benedetto fondò l’oratorio di Santa Maria della Pace.  Agli inizi del Novecento l’istituto religioso fu sconsacrato, quindi riconvertito a officina meccanica, e in seguito a garage, finché nel 2015 è stato recuperato e riaperto alla città di Parma con il progetto BDC. Oggi è un centro dedicato all’arte contemporanea: fotografia, disegno, musica live, performance, incontri.

Proprio qui, BDC49 - The Bright Side of the Moon apre uno scorcio interplanetario portando a Parma un frammento del ruolo della fotografia nel programma spaziale americano degli anni ’60 e ’70, parte integrante del proposito scientifico delle missioni ma anche strumento indispensabile per cogliere e mostrare a tutti un momento capitale nella storia del mondo, fuori dal mondo. Non è eccessivo considerare la fotografia come un elemento chiave nell’operazione mediatica che gli istituti della NASA realizzarono al fine di catturare l’attenzione del pubblico e risvegliare un sentimento collettivo di partecipazione al piano di esplorazione dello spazio. Gli scatti qui esposti, presentati nei più grandi musei del mondo e attualmente in mostra al MET di New York, sono gli stessi originariamente usati dalla NASA sia come oggetto di studio e approfondimento scientifico, sia come documentazione ufficiale da sottoporre agli investitori, oltre che ovviamente per scopi pubblicitari e di divulgazione.

La collezione privata include nel complesso un numero impressionante di fotografie prodotte dalla NASA dall’inizio del programma Mercury. L’autenticità degli scatti è comprovata non solo dalla tipologia di pellicola scelta e dal carattere fotografico usato, ma anche avvalorata dal timbro dell’ente spaziale. In bianco e nero o a colori, queste fotografie sono tutte testimonianze dal pregio inestimabile: le prime erano, infatti, normalmente prodotte durante il periodo di training precedente l’operazione spaziale, mentre quelle a colori furono scattate nella fase del lancio e della missione. Oltre a vantare un indiscutibile valore scientifico, storico e culturale, questi scatti possiedono un’intrinseca e intramontabile qualità artistica che documenta la bellezza della Terra e degli altri oggetti celesti, catturando allo stesso tempo il coraggio e l’audacia dello spirito umano.

La mostra – a ingresso gratuito - è aperta tutti i venerdì, sabato e domenica, dal 18 Ottobre al 24 Novembre 2019, dalle 16:00 alle 20:00.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Ekis Edizioni, la casa editrice di Reggio Emilia riferimento nazionale sul coaching e lo sviluppo personale, annuncia ufficialmente l’uscita del libro “Pensa in Modo Intelligente” del Dott. Richard Bandler, il genio creativo della PNL - programmazione neurolinguistica - della nostra epoca, guida e ispiratore dei migliori coach e formatori del mondo. 

La presentazione del libro è stata organizzata dalla casa editrice in una modalità non solo informativa per la stampa e gli addetti ai lavori, ma innovativa e interattiva.

L’evento avrà luogo il 4 settembre alle ore 21.00 in diretta nel gruppo Facebook PNL Live.

Per accedervi è necessaria l’iscrizione al link www.ekis.it/pnllive.


Saranno presenti l’autore, live dall’America, Alessandro Mora e Roberta Liguori, entrambi Master Trainer di PNL. Tutti coloro che si collegheranno durante l’appuntamento con “Pensa in Modo Intelligente” avranno l’opportunità di porre domande, chiedere curiosità e confrontarsi direttamente con i protagonisti in linea. 

Il nuovo lavoro di Richard Bandler è stato realizzato in collaborazione con professionisti internazionali come la dott.ssa Brenda Bradstock, life mastery consultant e chiropratico e Mr Owen Fitzpatrick, psicologo, speaker internazionale e autore di bestseller tradotti in 15 lingue.

Il testo è una vera e propria guida che si rivolge a tutti coloro che vogliono migliorare concretamente la propria vita, per realizzare il futuro che davvero desiderano. 

Come?

Ma non è tutto, la tecnologia e un ulteriore lavoro da parte degli scrittori si affiancano ai lettori. Oltre al libro, saranno infatti a disposizione gli approfondimenti video realizzati dagli autori sul sito https://newthinkingpublications.com, tradotti anche in italiano alla pagina http://www.pensainmodointelligente.it

In più, tutti gli italiani che vogliono confrontarsi sui contenuti del libro, possono consultare pagine ad hoc su facebook e contenuti extra sui principali canali di comunicazione online come YouTube, Instagram e Linkedin.

 

Moderatore della presentazione del libro - 4 settembre 2019

Alessandro Mora

Master Trainer di PNL e capo del Top Team internazionale degli assistenti del Dott. Richard Bandler (co-creatore della Programmazione Neuro Linguistica) nei corsi della Society of NLP. È Mental Coach di atleti olimpionici e squadre professionistiche e li aiuta a utilizzare la mente al top per eccellere nelle loro performance. È socio di Ekis – The Coaching Company e tiene corsi di PNL e sviluppo personale in Italia e all’estero. 

Roberta Liguori

Laureata in Informatica, è Mental Coach, Master Trainer di PNL, scrittrice e triatleta. Fa parte del Top Team internazionale degli assistenti del Dott. Richard Bandler nei corsi della Society of NLP. Ha scritto il libro di grande successo “Perché io sogno forte” in cui racconta come ha affrontato un cancro utilizzando gli strumenti mentali imparati grazie alla PNL e ha all’attivo quattro Ironman.

 

Gli autori

Dr. Richard Bandler

Co-creatore della PNL, da oltre 45 anni si dedica allo sviluppo di idee, idee, tecniche e modelli utili per il progresso dell’evoluzione umana. Le tecnologie comportamentali di cui scrive sui suoi libri – venduti in milioni di copie e tradotti in 10 libri – sono il fulcro dei suoi corsi di PNL, di design human engineering, e di neuro hypnotic re-patterning. 

Dr. Glenda Bradstock

Dream builder coach e life mastery consultant, dopo essersi laureata in filosofia e aver lavorato nel settore bancario, nel mondo dell’arte e della fotografia, ha completato la sua formazione olistica diventando chiropratico. Negli ultimi 35 anni ha aiutato le persone a riacquistare la propria salute attraverso le cure chiropratiche, la nutrizione e le terapie alternative.

Owen Fitzpatrick

Psicologo, speaker internazionale e autore di 8 bestseller tradotti in più di 15 lingue, lavora con miliardari, atleti olimpici e aziende del calibro di Coca-Cola, Google, Salesforce, Psizer, Oriflame e Barclays Bank. È attore e regista pluripremiato e per più di due anni ha presentato anche il suo programma televisivo in prima serata su un canale nazionale irlandese. 

 

La Casa Editrice – Ekis Edizioni

Il Sogno diventa Realtà

Perché non apriamo una Casa Editrice?
Da anni ai nostri corsi diciamo alle persone di leggere dei libri. 
per noi per primi la lettura è una fonte fondamentale a cui attingere.
E allora lo abbiamo Fatto!

 

Il Nostro Obiettivo

Vogliamo essere degli Editori e farlo col Cuore. 
Pubblicheremo libri sul Coaching e la Crescita Personale, in ambito Life, Sport, Business.
E non ci fermiamo qui.
Infatti vogliamo produrre e promuovere contenuti che hanno un’anima.
E che possano concretamente migliorare la Vita delle persone.

Pubblicato in Cultura Emilia

Si è chiuso con un grande successo di pubblico, l’omaggio che Modena ha reso a Franco Fontana (1933), uno dei suoi artisti più importanti e tra i più conosciuti a livello internazionale.

Modena -

Sono state, infatti, 23.529 le persone (per una media giornaliera di 226) che hanno ammirato la mostra, curata da Diana Baldon e dallo stesso Franco Fontana, ospitata da FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE, nelle tre sedi della Palazzina dei Giardini, del MATA - Ex Manifattura Tabacchi e della Sala Grande di Palazzo Santa Margherita.

Il pubblico è stato per il 41,6% del totale proveniente da Modena, il 13% dalla sua provincia, il 14,2% dalla regione Emilia-Romagna, il 28,6% dall’Italia e il restante 2,6% dall’estero.

Per poter soddisfare le continue richieste del pubblico, gli organizzatori hanno dovuto richiedere una ristampa del catalogo, edito da Franco Cosimo Panini.

Particolarmente significativo è il dato relativo ai gruppi scolastici. Sono state 52 le classi, per un totale di 1.215 alunni e di 148 accompagnatori, che si sono lasciati affascinare dagli scatti del maestro modenese.

Le foto della mostra a cura di Francesca Bocchia

Pubblicato in Cultura Modena