Visualizza articoli per tag: CNA MO

Venerdì, 09 Ottobre 2015 12:12

Modena - CNA crea valore

L'Associazione presenta una serie d'iniziative volte a dare nuove opportunità commerciali alle imprese del territorio modenese: un meeting di affari pensato per la filiera della subfornitura e un'iniziativa buyer stranieri per l'agroalimentare. -

Modena, 09 ottobre 2015 -

Sempre più frequentemente le imprese chiedono nuove opportunità: opportunità per fare affari, per crescere, per sviluppare collaborazioni, idee, progetti. CNA ha voluto dare una risposta in questa direzione organizzando, venerdì 23 ottobre al PalaPanini di Modena, CREIAMO VALORE, un evento dedicato alle micro e alle piccole e medie imprese che vogliono fare affari, condividere idee e progetti, estendere le proprie relazioni commerciali.

Una proposta che sta raccogliendo il consenso delle imprese, visto che, a poco meno di venti giorni dall'evento, sono più di una ottantina le imprese che, ad oggi, hanno aderito a questa iniziativa, il 70% appartenenti al mondo della meccanica, le rimanenti di diversi settori di servizio alle imprese: consulenza, logistica, informatica, reti. Aziende non solo modenesi, visto che tra le iscritte oltre il 30% arriva da fuori provincia (Bologna, Reggio Emilia, Parma) e addirittura da altre regioni (Pesaro, Mantova, Belluno, finanche un'impresa tedesca).
Di particolare significato l'adesione di importanti imprese manifatturiere, che parteciperanno all'iniziativa per selezionare eventuali nuovi fornitori. Fra queste ricordiamo la Modena Parts (produzione ricambistica macchine movimento terra, Modena), la Mix srl (macchine per il mescolamento e la filtrazione, Cavezzo), la Steelcom Fittings(produzione tubi in acciaio, Ostiglia), la Ptl (carpenteria metallica e montaggi, Mirandola), la Protesa (Gruppo Sacmi, Bologna), l'Eurocold (produzione di sistemi refrigeranti, Bomporto), la Worgas (bruciatori, Formigine), l'Unimac-Gherri (Reggio Emilia), e la Var Group (Pistoia).

"Si tratta della prima volta che sul nostro territorio è organizzata un'iniziativa di questo tipo, studiata appositamente per le micro, piccole e medie imprese, che potranno, in una sola giornata, avere contatti che normalmente si ottengono in molti mesi di trattativa a costi molto rilevanti", commenta Umberto Venturi, presidente di CNA Modena.

Questo, peraltro, è l'obiettivo della giornata, durante la quale gli imprenditori avranno a loro disposizione nove ore per conoscersi e fare business attraverso incontri individuali di 25' minuti ciascuno sulla base di un calendario elaborato con il coinvolgimento delle imprese partecipanti.

COME FUNZIONA

Le aziende che aderiscono a CREIAMO VALORE 2015 si registrano sul sito dell'evento presentando la loro attività, i prodotti e servizi, i vantaggi delle proprie offerte, le proprie aspirazioni e idee i propri interessi nell'incontrare altre aziende. E' qui che l'Azienda propone anche quello che può fare per gli altri e con gli altri; ogni impresa, cioè, mette in rete la propria capacità di richieste e di offerte e, analizzando i propri bisogni, individua tra le imprese partecipanti, quelle che maggiormente desidera incontrare. I partecipanti avranno a disposizione una settimana, nel periodo antecedente all'evento, per inviare tramite il sito web www.creiamovalore.eu  una richiesta di contatto all'azienda che desidera incontrare. Se l'azienda invitata conferma anch'essa il suo interesse all'incontro, tramite uno specifico software, sarà organizzato l'appuntamento informando sull'ora e il numero di tavolo dell'incontro. Dall'incrocio tra la richiesta d'incontro e l'accettazione di quest'ultimo, ogni azienda partecipante ottiene in tempo reale un'agenda di appuntamenti personalizzata e dettagliata per il giorno dell'evento.

In più, i partecipanti potranno seguire seminari su temi attinenti alla gestione d'impresa (finanziamenti, tutela assicurativa, sicurezza, formazione...). A fornire consulenza in questo ambito saranno prestigiosi compagni di viaggio come la BANCA POPOLARE DELL'EMILIA ROMAGNA e ASSITECA, primario broker assicurativo.
Il tutto a prezzi davvero accessibili: iscriversi (c'è tempo sino al 16 ottobre, direttamente sul sito www.creiamovalore.eu ) costa infatti 150 € per le imprese associate a CNA, 250 € per le non associate.

Creiamo Valore, iniziativa che gode del patrocinio della Provincia di Modena, sarà arricchita da un'attività di incoming dedicata alle aziende agroalimentari: una decina di operatori di lingua tedesca, infatti, tra il 21 ed il 23 ottobre sono attesi da visite presso aziende modenesi selezionate, oltre che da tour turistici e momenti culturali. Un'azione che s'inserisce nel novero di quelle iniziative che fanno riferimento all'Expo di Milano.

"Non si tratta dell'unica attività nella quale siamo impegnati per dare opportunità alle imprese della filiera della subfornitura – spiega ancora Venturi - Stiamo lavorando, ad esempio, a una business community virtuale e ad altre attività che consentano alle imprese di migliorare la reciproca conoscenza e allargare i rispettivi mercati. E' con questo obiettivo che a luglio si è svolta la prima edizione di Exchange, un progetto voluto dal nostro settore che segue le imprese della comunicazione per contribuire a diffondere la cultura dell'ict tra le imprese – nel caso specifico si parlò di e-commerce e dintorni – promuovendo nel contempo le professionalità delle aziende modenesi che lavorano in questo campo".

"Peraltro – continua il presidente di CNA – molte di queste iniziative hanno un respiro extra provinciale. Creiamo Valore, ad esempio, rientra nell'ambito di un road show che farà tappa nei prossimi mesi a Bologna, Reggio Emilia e Pistoia".

(fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Entra in vigore da domani il primo "Piano aria integrato regionale". Cna Modena chiede un incontro urgente all'Assessore all'Ambiente finalizzato a intervenire sul problema relativo al blocco delle auto. -

Modena, 30 settembre 2015 -

Cna Modena chiede un incontro urgente all'Assessore all'Ambiente finalizzato a intervenire sul problema relativo al blocco delle auto, provvedimento che penalizza fortemente numerose attività economiche che, per la loro attività, utilizzano autovetture diesel Euro 3 e precedenti.

Infatti, a causa del blocco deciso dalla Regione e avvallato dal Comune, diversamente dagli scorsi anni da domani, 1 ottobre, fino al 31 marzo 2016, intere categorie non potranno più utilizzare le deroghe previste. In particolare le attività di servizio, manutenzione e pronto intervento, ma anche gli agenti e rappresentanti sono stati compresi, peraltro senza preavviso, nella manovra.

"L'Amministrazione Comunale ci coinvolge spesso sui problemi dell'economia cittadina - afferma Nicola Fabbri Presidente di Cna comunale - ma questa volta emana un'ordinanza che stravolge l'attività di centinaia di imprenditori e che incide negativamente sui servizi ai cittadini, peraltro senza nessuna consultazione preventiva".
Per questo Cna chiede una proroga delle precedenti deroghe per dare tempo alle imprese di adeguarsi, potendo programmare per tempo il passaggio – e i conseguenti investimenti – a veicoli meno inquinanti.

Questi provvedimenti molto pesanti per imprese e cittadini spesso non danno i risultati sperati rivelandosi anacronistici, come testimonia il "dieselgate" che ha coinvolto Wolkswagen e altre marche famose che hanno barato sui dati relativi alle emissioni nocive.
"Siamo pronti – chiosa Fabbri - a fare proposte che possano in tempi brevi migliorare la qualità dei mezzi circolanti, ma senza bloccare nell'immediato chi deve gestire un'impresa". Ad esempio, una strada potrebbe essere un'autocertificazione dell'imprenditore per l'utilizzo del mezzo "in pronta reperibilità" per far fronte alle esigenze dei clienti. CNA è inoltre disponibile a collaborare con l'Amministrazione comunale per promuovere, verso gli associati, un più rapido turn over del parco auto e iniziative per incrementare il numero dei veicoli elettrici e ibridi utilizzati dalle imprese.

I dati confermano che la qualità dell'aria a Modena è notevolmente migliorata negli ultimi anni: "crediamo –conclude Nicola Fabbri Presidente CNA della città di Modena - che lo spazio si possa trovare, chiediamo un po' di buona volontà e sano realismo".

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena
Mercoledì, 30 Settembre 2015 15:15

Dalla guerra delle monete alla rivoluzione dei mercati

Domani, giovedì 1 ottobre, un'iniziativa di CNA Industria Modena con Franco Mosconi e Francesco Cancellato. -

Modena, 30 settembre 2015 -

I dati economici parlano chiaro: l'economia italiana ha ripreso a muoversi in terreno positivo, e così quella del nostro territorio, come dimostra l'andamento delle esportazioni rilevato dalla Camera di Commercio nel secondo trimestre 2015, cresciute dell'8,1% rispetto ai primi tre mesi del 2015, e del 5,3% rispetto ad un anno prima.

Però sono ancora numerosi i fattori d'incertezza sul futuro. Pensiamo alle difficoltà della Grecia che hanno messo in dubbio finanche l'esistenza dell'euro, poi la recente crisi finanziaria cinese, i movimenti migratori e, per ultimo, "l'affare" Volskwagen, che rischia di avere ripercussioni su tutta l'industria automobilistica mondiale. Vicende che sembrano tracciare una guerra monetaria che potrebbe avere pesanti ripercussioni sull'economia reale. E' proprio di questo che si parlerà domani, giovedì 1 ottobre, alle 19 presso il ristorante La Bastia, a Bastiglia, dove CNA Industria ha organizzato un incontro intitolato "Dalla guerra delle monete alla rivoluzione dei mercati".

A parlarne, assieme a Giorgio Carretti, presidente di CNA Industria Modena, saranno Franco Mosconi, docente di Economia Industriale all'Università di Parma, e Fabrizio Cancellato, direttore del quotidiano on line Linkiesta, che cercheranno di delineare gli scenari futuri dell'economia e della società, globale e locale

(fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Martedì, 29 Settembre 2015 15:54

Tre eccellenze agroalimentari modenesi a Expo

L'1 e il 2 ottobre nella Piazzetta della Regione ben 17 imprese artigiane emiliano romagnole del settore alimentare selezionate nell'ambito delle 5 filiere di prodotto: salumi, formaggi, dolci tipici e paste ripiene, pane. -

Modena, 29 settembre 2015 -

Imprese agroalimentari modenesi a Expo, nell'ambito di "FOOD STORIES", progetto sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna e realizzato, in collaborazione con il Master Comet (Cultura Organizzazione Marketing dell'Enogastronomia Territoriale e del Prodotto Tipico) dell'Università di Parma e con l'Accademia della Cucina per valorizzare la cultura alimentare dell'Emilia Romagna, il suo territorio e le imprese eccellenti della produzione alimentare artigiana.
L'evento si svolgerà nelle giornate del 1 e 2 ottobre e vede la partecipazione di ben 17 imprese artigiane emiliano romagnole del settore alimentare selezionate nell'ambito delle 5 filiere di prodotto: salumi, formaggi, dolci tipici e paste ripiene, pane che rappresentano la tipicità alimentare dell'Emilia-Romagna.

Tra queste imprese tre saranno quelle modenesi: il Salumificio Vecchi di Castelnuovo (lavorazione cotechini e zamponi, prodotti a base di carne cotti e piatti pronti per la ristorazione), il Salumificio Gigi (lavorazione ciccioli, strutto, coppa di testa, pancetta steccata e altri salumi) anch'esso di Castelnuovo, e la Fattoria CA' DANTE di Pelloni, prosciuttificio con prosciutteria a Fanano.
All'interno della Piazzetta EXPO' della Regione Emilia Romagna, saranno organizzate varie iniziative: tavole rotonde, workshop e, attraverso la proiezione di video e interviste agli imprenditori, saranno rappresentati e raccolti i case history dei percorsi eccellenti della produzione artigiana alimentare tipica. Sempre nell'ambito del progetto, sarà realizzata un'App scaricabile gratuitamente per i dispositivi smart, per favorire un'alta usabilità e alte performance degli strumenti, nonché la promozione delle imprese artigiani e del territorio.

L'App fungerà da guida per l'esplorazione del territorio regionale, sia verso le imprese del progetto, sia verso percorsi culturali e sarà veicolata non solo durante l'evento, ma soprattutto, attraverso una campagna nei confronti dei visitatori dell'Expo, degli operatori internazionali specializzati e degli influencer principali del settore, così da garantire la massima visibilità ai prodotti ed alle lavorazioni al fine di valorizzare la cultura alimentare dell'Emilia Romagna, il suo territorio e le imprese eccellenti della produzione alimentare artigiana. Il progetto intende, poi, intercettare gli orientamenti diffusi intorno a temi di forte interesse quali: cibo e territorio come fonte di identità, il turismo enogastronomico come esperienza, il valore del cibo naturale, l'attenzione all'artigianalità, nonché il piacere di produrre cibo. Inoltre, nel progetto sarà sviluppata un'analisi del settore food sulla base delle tendenze in atto, del rapporto tra l'evoluzione del settore e lo sviluppo dell'economia del territorio.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Importante chiarimento ottenuto da CNA a favore delle attività nell'area colpita dal terremoto 2012. -

Modena, 28 settembre 2015 -

La vicenda è nota: il contributo concesso a favore di chi aveva delocalizzato temporaneamente la propria attività a causa del sisma 2012 (bando POR-FESR ASSE IV) sino a ieri era soggetto a tassazione, come se si trattasse di un "normale" reddito d'impresa. Un'interpretazione penalizzante per le imprese, che CNA aveva, con rammarico, subito ravvisato, in contrasto con altre interpretazioni. Una valutazione, quella dell'Associazione, confermata poi dalla Regione Emilia Romagna.
CNA, però, non si è accontentata di avere ragione in questo senso, ma si è subito attivata per cambiare questa interpretazione, muovendosi – prima come Rete Imprese Italia, poi autonomamente - a livello regionale e nazionale, con l'Agenzia delle Entrate, per cercare di ottenere il riconoscimento di quelle ragioni oggettive che avrebbero dovuto giustificare la detassabilità dei contributi.
E' di questi giorni il pronunciamento dell'Agenzia che recepisce le motivazioni addotte da CNA e stabilisce la detassabilità del contributo per la delocalizzazione, con l'unica condizione che il danno conseguente al sisma sia comprovato da un perizia giurata, peraltro spesso già in possesso delle imprese.

Di seguito il testo del pronunciamento dell'Agenzia:
Alla luce delle predette valutazioni, si ritiene che il "contributo POR-FESR", erogato dalla Regione Emilia Romagna per le finalità innanzi rappresentate, possa essere "detassato" a norma dell'articolo 6-novies del decreto legge n. 43 del 2013, esclusivamente al ricorrere, in capo a ciascun soggetto beneficiario dell'intervento di delocalizzazione, dei requisiti e delle condizioni, più sopra descritti, posti dalla norma agevolativa (i.e., il beneficiario deve aver subito un danno per effetto degli eventi sismici; il danno deve essere comprovato da perizia giurata; non deve esserci una sovra compensazione dei danni subiti per effetto degli eventi sismici). A tale ultimo riguardo, corre l'obbligo di evidenziare che il vantaggio fiscale conseguente alla non concorrenza del contributo in parola "alla formazione del reddito imponibile ai fini delle imposte sul reddito e dell'imposta regionale sulle attività produttive", in quanto finalizzato anch'esso a compensare i danni connessi agli eventi sismici, concorre – al pari di ogni altro "aiuto" – al plafond massimo di aiuti che può essere concesso alla singola impresa (pari al 100% dei danni accertati, per evitare una sovra compensazione degli stessi).

Si tratta di un notevole beneficio economico per le imprese, in molti casi pari a qualche migliaia di euro. Un risultato concreto ottenuto da CNA, che ha voluto andare fino in fondo ad una vicenda che rischiava di penalizzare ingiustamente tante attività economiche alle prese con la ricostruzione.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Cna incontra gli imprenditori di S. Damaso, CNA: "Una situazione che diverge in modo pesante dai numeri ufficiali, che parlano di un calo dei reati nel nostro territorio comunale e provinciale." -

Modena, 24 settembre 2015 -

Rabbia e rassegnazione. Questo il clima che si respira tra gli imprenditori della frazione di San Damaso, che CNA ha incontrato nei giorni scorsi per fare il punto sulla situazione della sicurezza nella frazione cittadina. Una situazione che diverge in modo pesante dai numeri ufficiali, che parlano di un calo dei reati nel nostro territorio comunale e provinciale.
Raccontando le esperienze professionali, è emerso che sono numerose le imprese che negli ultimi tre anni hanno subito furti, un trend che peraltro sta peggiorando. E peggiora anche il clima conseguente, visto che il 40% degli imprenditori intervistati ritiene inutile denunciare i furti.

Fra gli interventi sono emerse situazioni molto diverse fra loro: dalle persone insospettabili ma maestri nel furto con destrezza, ai ladri improvvisati che procurano molti danni per rubare nulla o quasi, passando per i "professionisti" del settore, talvolta veri e propri acrobati, che conoscono perfettamente come inattivare o superare i sistemi di allarme.

Nella discussione ha procurato inoltre forte sconcerto e rabbia la situazione dei ladri professionisti, ben conosciuti anche agli imprenditori di San Damaso, che si trovano a piede libero malgrado siano stati riconosciuti come esecutori di furti.
"Certezza della pena e maggiore presidio del territorio sono le prime soluzioni che chiediamo siano poste in essere. Proprio per questo invitiamo agli imprenditori di denunciare i furti subiti, perché al di là del clima di sfiducia e degli adempimenti burocratici, sono i dati ufficiali che determinano gli investimenti in sicurezza, in termini di uomini e mezzi, sul nostro territorio.

Da questo punto di vista, gli imprenditori hanno reclamato a gran voce un maggiore presidio della frazione, manifestando interesse per iniziative immediate quali l'organizzazione di presidi
da parte di vigilantes e l'adozione di sistemi di controllo di vicinato tramite smartphone e messaggistica, magari con segnalazioni pubbliche relative all'esistenza di questi sistema di sorveglianza civile,. Come accade anche in altri comuni italiani.

L'iniziativa di San Damaso rientra nell'ambito del ciclo di incontri che CNA sta organizzando in tutto il territorio provinciale per monitorare la situazione della criminalità negli insediamenti produttivi.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Il primo appuntamento (domani, mercoledì 23 settembre) del ciclo di incontri gratuiti "I mercoledì del No Profit" di CNA. L'incontro è aperto a tutti gli interessati. -

Modena, 22 settembre 2015 -

CNA organizza una serie di incontri gratuiti per il mondo del no profit con l'obiettivo di fornire una "cassetta degli attrezzi" ai volontari e operatori del terzo settore per la corretta gestione delle loro attività. Un mercoledì al mese per parlare della ricerca di risorse economiche, delle responsabilità dei dirigenti e degli aspetti igienico-sanitari per la gestione dei bar e delle cucine dei circoli privati.
Il primo appuntamento è previsto per domani (mercoledì 23 settembre) alle ore 20.30 presso la Sala Arcelli della sede Provinciale di CNA, in via Malavolti 27 a Modena. Tema dell'incontro è la raccolta fondi a sostegno delle diverse iniziative no profit, attraverso metodi alternativi come il Crowdfunding e il Fundraising.

Dopo l'introduzione di Paola Nizzi, responsabile settore No Profit per CNA Modena, la parola sarà lasciata a Agnese Agrizzi, presidente di Ginger – Gestione Idee Nuove e Geniali in Emilia Romagna, che esaminerà nel dettaglio le caratteristiche e il corretto utilizzo di questi nuovi metodi per la raccolta fondi per le attività del terzo settore.
L'incontro è gratuito e aperto a tutti gli interessati. Ampio spazio sarà lasciato alle domande e al dibattito.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito di CNA www.mo.cna.it

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Mercoledì 9 settembre alle 17,30 il primo appuntamento della rassegna di incontri "Punti di vista". L'incontro, che si terrà nella sede dell'Associazione, a Modena, in via Malavolti 27, è aperto al pubblico. -

Modena, 8 settembre 2015 -

Sono oltre 150 le persone che si sono accreditate per partecipare, domani alle 17.30 (mercoledì 9 settembre), presso la Sala Arcelli della CNA Provinciale di Modena all'incontro con Luca Cordero di Montezemolo. Presidente della Ferrari sino al 2014 e vice presidente di Unicredit, da poco meno di un anno Montezemolo e presidente di Alitalia Sai e del comitato promotore dei Giochi Olimpici di Roma 2024.

Molto legato al territorio modenese, Luca Cordero di Montezemolo parlerà del momento economico e politico che sta attraversando il Paese, ma si soffermerà anche sul ruolo che il mondo dell'impresa riveste oggi all'interno delle moderne comunità.
L'incontro di domani andrà ad aprire un ciclo di confronti che CNA, nell'ambito delle celebrazioni del settantesimo anniversario della sua costituzione, ha organizzato con personalità del mondo dell'economia e della cultura per affrontare i grandi temi della società italiana (e non solo).

Una vera e propria rassegna dei diversi "punti di vista", come recita il titolo di questa rassegna, che continuerà lunedì 28 settembre con Sonia Bonfiglioli, presidente e amministratrice delegata dell'omonimo gruppo industriale.
"Ma queste non saranno le uniche attività che abbiamo messo in campo per il nostro settantesimo – sottolinea Umberto Venturi, presidente della CNA modenese – Sono in corso di organizzazione anche attività che vogliono rispondere concretamente alle esigenze delle imprese, a cominciare da quella di fornire occasioni di business. Per questo, assieme alle CNA di Bologna e Reggio Emilia, il 23 ottobre al PalaPanini di Modena si terrà un business day che vuole appunto offrire alle micro e piccole e medie aziende l'opportunità di fare scambi commerciali e condividere idee e progetti. Una proposta innovativa che rappresenta un'assoluta novità per il nostro territorio e che presenteremo pubblicamente nei prossimi giorni".

L'incontro, che si terrà nella sede dell'Associazione, a Modena, in via Malavolti 27, è aperto al pubblico.

(fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Dove andiamo? Modena
Lunedì, 07 Settembre 2015 15:55

Modena - Luca Cordero di Montezemolo ospite di CNA

Una serie d'incontri con personalità del mondo dell'economia e della cultura. Mercoledì 9 settembre alle 17,30 il primo appuntamento della rassegna di incontri "Punti di vista". -

Modena, 4 settembre 2015 -

Quest'anno cade il settantesimo anniversario della costituzione di CNA e, per celebrare questa importante ricorrenza, l'Associazione modenese ha organizzato una serie d'incontri con personalità del mondo dell'economia e della cultura per affrontare i grandi temi della società italiana (e non solo).
Una sorta di rassegna dei diversi "punti di vista", come recita il titolo di questo ciclo di incontri che si aprirà mercoledì 9 settembre alle 17.30, quando alla Sala Arcelli della CNA provinciale a Modena arriverà Luca Cordero di Montezemolo.
A Montezemolo, rimasto molto legato al territorio modenese, CNA chiederà di parlare del momento economico e politico che sta attraversando il paese, ma anche di esaminare il ruolo che il mondo dell'impresa riveste oggi all'interno delle moderne comunità.

"Siamo molto felici – commenta il presidente di CNA Modena, Umberto Venturi – che Montezemolo abbia accettato il nostro invito per discutere di temi importanti per l'economia e l'intera società. Sono convinto che questa serata porterà spunti di riflessione attuali ed estremamente interessanti".

Questa ciclo di iniziative continuerà nelle prossime settimane con altri interessanti appuntamenti con personaggi del mondo dell'impresa. Lunedì 28 settembre, ad esempio, sarà la volta di Sonia Bonfiglioli, presidente e amministratrice delegata dell'omonimo gruppo industriale.

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Riduzione della Tari e agevolazioni del consumo sul posto tra le proposte di CNA. "Quello che chiediamo –dicono Fabbri e Masi – è concordare assieme le azioni utili a garantire non solo la sopravvivenza, ma la capacità del Mercato di via Albinelli di essere un polo di attrazione dei modenesi e non solo". -

Modena, 4 settembre 2015 -

"Crediamo che tutti siamo d'accordo sul fatto che Modena, così come ha affrontato il tema Expo, debba individuare cosa fare anche dopo l'esposizione universale di Milano, così come crediamo che il mercato di via Albinelli, per la sua storicità, per la sua potenzialità di essere uno dei luoghi caratteristici dell'agroalimentare modenese, possa rappresentare un valore in questo senso. Ecco perché riteniamo che ogni intervento a sostegno di questo luogo storico della nostra città abbia un'importanza che va ben al di là di quella meramente funzionale".

Sono le considerazioni di Nicola Fabbri e Roberto Masi, presidenti rispettivamente della CNA del Comune di Modena e di CNA.COM, il raggruppamento dei commercianti aderenti all'Associazione modenese rispetto alla discussione che si aperta in questi giorni sul mercato del centro cittadino.
"E' per queste ragioni che non crediamo che sia solo polemico rilevare come le tariffe Tari siano oggi sproporzionate e rappresentino un grande peso per l'attività degli esercenti dell'Albinelli. Così come crediamo siano necessari investimenti per diversificare l'offerta del mercato, ad esempio favorendo il consumo sul posto o finanziando un'operazione di restyling".
"Abbiamo sentito spesso chiedere ai negozianti di fare la propria parte nel rendere la città più attrattiva estendendo gli orari di apertura, investendo nella ristrutturazione dei propri locali, organizzando iniziative. Tutto giusto, però anche l'Amministrazione deve metterci del suo in questo senso".
"Quello che chiediamo – continuano Fabbri e Masi – è concordare assieme le azioni utili a garantire non solo la sopravvivenza, ma la capacità del Mercato di via Albinelli di essere un polo di attrazione dei modenesi e non solo, in un'ottica che non crei sperequazioni con le altre attività, ma che tenga conto della funzione del mercato. CNA è disponibile a fare la propria parte per aiutare il Consorzio e gli operatori del Mercato Albinelli a perseguire una complessa ma importantissima opera di riqualificazione, accompagnata a un'indispensabile riduzione della Tari oggi esorbitante e spesso non commisurata alla reale tipologia delle imprese presenti nel Mercato."

(Fonte: Ufficio Stampa CNA MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena
Pagina 6 di 36