Visualizza articoli per tag: Stefano Bonaccini

Visita del Presidente della Regione Emilia Romagna a Pellegrino Parmense per l'inaugurazione di importanti opere acquedottistiche

Stefano Bonaccini ha inaugurato le opere di potenziamento idrico di Pellegrino Parmense realizzate da Montagna 2000 con l'intervento del Servizio Di Protezione Civile della Regione Emilia Romagna.

Sabato 16 febbraio sono state inaugurate a Pellegrino Parmense le opere di potenziamento idrico e le opere di sottoservizio, viabilità e decoro urbano di Via Roma alla presenza del Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, dell'Amministratore Unico di Montagna 2000 Spa, Emilio Guidetti e delle Autorità locali.

La grave crisi idrica del 2017 che ha interessato il territorio montano della Provincia di Parma e Piacenza, aveva colpito gravemente il territorio di Pellegrino Parmense costringendo il gestore a sopperire alla mancanza di risorsa idrica con il trasporto di autobotti il cui costo è stato di circa 600.000 euro. Da maggio a novembre 2017 la società ha calcolato circa 1.300 viaggi di autobotti per rifornire gli acquedotti comunali di Pellegrino Parmense che non venivano più alimentati dalle sorgenti che a causa della mancanza di piogge avevano diminuito la capacità di acqua tra il 75-85% rispetto alla media del periodo e, in diversi casi, avevano raggiunto il completo disseccamento.

"Tale situazione di emergenza idrica è un fatto storico per il Comune di Pellegrino che nei decenni ha avuto molti picchi di criticità assoluta come quello verificatosi nel 2017 – ha dichiarato Emilio Guidetti, amministratore unico di Montagna 2000 Spa -. Su interessamento del Comune di Pellegrino Parmense Montagna 2000 ha avviato e realizzato lavori in regime di somma urgenza per l'interconnessione dell'acquedotto di Pellegrino Parmense con l'acquedotto di Varano de' Melegari, attraverso il collegamento con il serbatoio di Monte Riviano. Il potenziamento del sistema acquedottistico è entrato in funzione a maggio 2018 ed è costato circa 260.000 euro su fondi messi a disposizione della Protezione Civile della Regione Emilia Romagna nell'ambito della rimodulazione del piano".

Il completamento dell'interconnessione tra l'acquedotto di Varano Melegari e quello di Pellegrino Parmense assicura a quest'ultimo una maggior disponibilità di risorsa idrica, rispetto alle fonti precedentemente utilizzabili, quantificabile in circa 340 metri cubi al giorno. L'attivazione della nuova interconnessione tra gli acquedotti garantisce un utilizzo integrato e compensativo dei sistemi acquedottistici, aumentando le capacità di accumulo della risorsa; in tal modo può essere garantita la continuità del flusso idrico alle utenze delle zone servite anche durante gli interventi di manutenzione. Grazie a questi lavori, verranno scongiurati, o quantomeno limitati al minimo, i razionamenti idrici che da decenni erano divenuti una regola fissa sulla rete idrica del Capoluogo di Pellegrino e di Mariano durante il periodo estivo; un eccellente risultato che permetterà quindi una gestione più economica ed efficiente delle potenziali crisi idriche future.

Durante la visita del Presidente Bonaccini sono state inaugurate anche le opere di manutenzione straordinaria per la realizzazione dei nuovi sottoservizi delle reti dell'acquedotto e della fognatura di via Roma nel centro di Pellegrino Parmense.

In seguito Emilio Guidetti ha presentato alla cittadinanza e al Presidente della Regione, una breve relazione sugli investimenti fatti e sulle prospettive di sviluppo della società di proprietà dei comuni del territorio. "Per il secondo anno consecutivo – ha commentato l'amministratore unico della società in-house - abbiamo rispettato gli impegni con le agenzie di regolazione e con utenti conseguendo in pieno l'importo del piano degli investimenti 2018 e recuperando parte degli investimenti non fatti nel 2016 a causa della grave crisi economica e finanziaria in cui versava la società in quel periodo".

Montagna2000-IMG_20190216_101002_1.jpg

Montagna2000-IMG_20190216_105253_1.jpg

 

 

Il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini sarà in visita a Pellegrino Parmense Sabato 16 Febbraio 2019 dalle ore 10 alle ore 11.30.

Programma:
ore 10.00 Località Possessioni - Inaugurazione delle Opere di potenziamento idrico del Capoluogo
ore 10.30 Via Roma - Inaugurazione delle Opere di sottoservizio, viabilità e decoro urbano di Via Roma
ore 10.45 Auditorium Sala Civica "Claudio Costerbosa" Emilio Guidetti Direttore di Montagna 2000 - Relazione sugli investimenti attuati
ore 11.00 Relazione del Presidente della Regione Stefano Bonaccini
Alla inaugurazione presenzierà il Corpo Bandistico di Salsomaggiore Terme
La cittadinanza è invitata

INFORMAZIONI PER ARRIVARE IN LOCALITA' POSSESSIONI
Dalla strada provinciale da Varano Melegari a Pellegrino dopo la frazione Montesalso (Varano) sulla sinistra si trovano (distanziati fra loro di circa 1 km.) due dei bacini che si inseriscono all'intervento acquedottistico. Il taglio del nastro verrà effettuato sul secondo in direzione Pellegrino che si trova a circa 1,5 km. dal cartello Montesalso.

 

Locandina_Bonaccini.jpeg

E' piena intesa quella che sembra essere scaturita dal confronto tra Federico Pizzarotti e Stefano Bonaccini. Organizzato agli "Amici della Colombofola" in strada dei mercati,, nel tardo pomeriggio di ieri, il confronto tra il Presidente in carica della Regione, Stefano Bonaccini e il Sindaco della città ducale, Federco Pizzarotti, si è concluso con la senzìsazione di una perfetta intesa tra i due esponenti della politica locale.

Alla fine, rivolgendosi a Pizzarotti, il governatore chiosa: "Se alle prossime Regionali saremo insieme? Non parliamo di noi due ma spero di sì, penso di sì. Il Pd, da solo, non basta. Senza alleanze, il meccanismo elettorale a doppio turno condanna alla sconfitta".

E' perciò evidente che il timore di una sconfitta alle regionali è tangibile all'interno del PD. In tutta risposta Pizzarotti, forse per non sbilanciarsi troppo da subito sul futuro e sulle alleanze, ha commentato che non decide lui per tutti. "Dipende dal Pd - aggiunge - e dal percorso che farà. Siamo aperti al dialogo in generale. Rispetto alla nostra carta dei valori - ammette - non penso ci siano altri interlocutori."

Pizzarotti ha quindi manifestato piena solidarietà con gli operai della Ferrarini e incontrando Nicola Comparato della Val Baganza. "In questi anni abbiamo avuto molte aziende in crisi ma bisogna tenere duro" e rivoltogendosi direttamente ai dipendenti: "Tenete duro e tutto andrà per il meglio".

4b791f10-a5ed-40b1-a083-30edbbfb4376.jpg

 

 

Pizzarotti-Comparato3.jpg

Federico Pizzarotti e Nicola Comparato

 

Video Pizzarotti - https://youtu.be/NbehK-k1D1Q

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Incidente stradale a Borgo Panigale (Bo), il presidente Bonaccini: "Grazie a chi è intervenuto, da parte di tutta la comunità dell'Emilia-Romagna"

Il presidente oggi ha incontrato le persone ricoverate negli ospedali e i rappresentanti di chi è al lavoro per prestare soccorso e mettere in sicurezza la zona

Bologna 8 agosto 2018 - "Ho voluto ringraziare di persona, a nome mio e di tutta la comunità regionale, tutti coloro che si sono prodigati e stanno ancora lavorando in queste ore". Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che questa mattina ha incontrato i rappresentanti delle forze dell'ordine e del sistema della protezione civile e sanitario, intervenuti dopo il grave incidente che si è verificato sul tratto urbano della A14 a Bologna, in zona Borgo Panigale, e che ha provocato un morto e 145 feriti.

Bonaccini ha ricordato ed espresso cordoglio alla famiglia della vittima e, parlando delle persone rimaste ferite, ha voluto anche ringraziare tutta la sanità pubblica regionale che "in pochi minuti ha garantito servizi e soccorsi, non solo a Bologna ma anche a Cesena e Parma, dimostrando ancora una volta il grado di efficienza del sistema sanitario regionale".

"Ogni persona che è stata chiamata a fare il proprio dovere- ha detto il presidente- l'ha fatto in modo straordinario: dalla Prefettura alle forze dell'ordine, dal sistema di protezione civile al 118, ai vigili del fuoco. E' stato un lavoro corale che sta ricevendo da parte di tutto il Paese l'apprezzamento per la capacità e la qualità con cui si è riusciti a intervenire".

Per quanto riguarda la viabilità e la ricostruzione nella zona danneggiata, Bonaccini ha ricordato che nel vertice in Prefettura che si è svolto ieri (dove è allestito il Centro di coordinamento dei soccorsi) si è fatto il punto sulle infrastrutture e si sta lavorando "per riaprire il tratto di tangenziale danneggiato il prima possibile".

Bonaccini e ha poi espresso soddisfazione per la risposta dei sindaci all'appello rivolto dal primo cittadino di Bologna, Virginio Merola, che ha chiesto ieri di avere a disposizione "agenti di Polizia municipale di altre città per dare una mano e avere rinforzi per fluidificare il traffico e dare sostegno agli automobilisti".

Infine, ha concluso il presidente "c'è il tema dei danni ai privati: non potremo intervenire come facciamo nei casi di calamità naturale, ma abbiamo un consolidata esperienza in materia, e siamo in contatto costante con il Comune per valutare insieme ogni intervento utile".

L'urlo del silenzio scuote l'Emilia Romagna. Il partito degli assenti deve fare riflettere tutti e non poco. Solo il 37,63% degli aventi diritto al voto si è presentato alle urne.

di Lamberto Colla - Parma, 24 novembre 2014
La vera notizia non è la conferma in Emilia Romagna del PD e conseguentemente la vittoria del suo candidato Stefano Bonaccini bensì il crollo verticale dei cittadini votanti.

-30,4% rispetto le precedenti regionali del 2010 (era il 68,13%) e del 32,3% rispetto alle europee di sei mesi fa (era il 70,0%).
Un dato storico, per il suo aspetto negativo, soprattutto se contabilizzato in una regione dove l'affezione al voto è stata sempre altissima.
Il distacco da chi rappresenta la politica, donne e uomini che siano, è diventata una frattura enorme e, seppure fosse stato nell'aria, non era assolutamente prevedibile un risultato di questa portata.

Il partito trasversale dei non votanti ha raccolto consensi da tutti i partiti e movimenti a conferma di un disagio ormai intollerabile soprattutto se, l'urlo del silenzio, proviene da una delle regioni tradizionalmente più attaccate al diritto di voto. Una regione dove la politica è alla tavola di tutti, fa parte del corredo cromosomico dell'emiliano romagnolo.

Meditate signori, meditate e soprattutto fate, prima che il gap con la vita reale sia incolmabile e le conseguenze inimmaginabili.

Pubblicato in Politica Emilia
Pagina 2 di 2