Visualizza articoli per tag: Territorio San Felice sul Panaro

Venerdì, 31 Luglio 2015 13:12

Chiuso laboratorio tessile cinese nel modenese

I controlli dei Carabinieri hanno riscontrato 3 lavoratori in nero, privi di un regolare contratto di assunzione. -

Modena, 31 luglio 2015 -

I Carabinieri della Stazione di San felice sul Panaro unitamente ai militari dell'Ispettorato del Lavoro di Modena hanno eseguito alcuni controlli a laboratori tessili della città, sospendendo l'attività di uno, gestito da cinesi, risultato irregolare. Più precisamente, tre laboratori tessili sono stati sottoposti a verifiche, con il controllo complessivo di circa una quindicina di lavoratori, tutti di nazionalità cinese.

Presso uno dei tre laboratori è stata riscontrata la presenza di 6 lavoratori di cui ben 3 in nero, privi di un regolare contratto di assunzione. I Carabinieri hanno quindi sospeso l'attività del proprietario cinese di 50 anni fino al pagamento della multa prevista -che si aggira attorno a circa 10.000 euro- e la regolarizzazione dei lavoratori in nero.

Il piano terra dello stabile risultava essere stato adibito a laboratorio, mentre i dipendenti dormivano in alcuni appartamenti situati al piano superiore.

L'attenzione rivolta dai Carabinieri al regolare svolgimento delle attività commerciali ed imprenditoriali è di alto livello, sia per salvaguardare la tutela dei diritti dei lavoratori sia per assicurare una regolare concorrenza del mercato, la cui violazione determina una distorsione nella presenza delle attività imprenditoriali, producendo maggiori vantaggi per quelle che operano in maniera sleale e penalizzando quelle più virtuose e rispettose delle normative vigenti. L'illegalità nelle attività imprenditoriali e commerciali, oltre a distorcere le regole della concorrenza, sono elementi di attrazione per altre forme di illiceità che poi si diffondono nell'ambiente circostante, inquinandolo. È necessario preservare il territorio anche da queste forme di criminalità che contribuiscono a rendere meno sicuro e tutelato il Paese.

Pubblicato in Cronaca Modena

A tre anni dal sisma che danneggiò la sede storica, la cooperativa Muratori di S. Felice sul Panaro ha inaugurato la nuova sede, preceduta dalla cerimonia presso il Pala Round Table. -

Parma, 3 luglio 2015 - il video dell'inaugurazione in fondo alla pagina -

Pur non essendosi mai fermata, a tre anni di distanza dal terremoto, sabato 27 giugno è stata inaugurata la nuova sede della cooperativa Muratori di S. Felice sul Panaro, ricostruita esattamente dove sorgeva la precede, purtroppo demolita perché irrimediabilmente danneggiata dal sisma.
Si tratta di un edificio progettato e realizzato in modo innovativo, con caratteristiche di elevata efficienza energetica, che nel tempo una manutenzione minima. Tra primo (uffici tecnici) e secondo piano (uffici amministrativi) la nuova sede si estende per 1.200 metri quadrati; gli uffici sono "open space", con pareti mobili attrezzate.

La cerimonia presso il Pala Round Table di San Felice si è aperta con il saluto del presidente della cooperativa Gianfranco Finelli e gli interventi di Gaetano De Vinco (presidente Confcooperative Modena), Lauro Lugli (presidente Legacoop Modena), Maurizio Torreggiani (presidente Unioncamere Emilia-Romagna e Camera commercio), Alberto Silvestri (sindaco di S. Felice e presidente Unione Comuni Modenesi Area Nord), Gian Carlo Muzzarelli (presidente della Provincia e sindaco di Modena), Alan Fabbri (consigliere regionale), Palma Costi (assessore regionale Attività produttive e ricostruzione post-sisma), Stefano Bonaccini (presidente Regione) e Maurizio Gardini (presidente nazionale Confcooperative).

coop muratori san felice rid

 

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

A tre anni dal terremoto sabato 27 giugno l'inaugurazione della nuova sede della cooperativa Muratori di S. Felice sul Panaro. -

Modena, 25 giugno 2015 -

A distanza di tre anni dal terremoto, un'altra impresa rinasce dalle macerie, pur non essendosi mai fermata. È la cooperativa Muratori di S. Felice sul Panaro che dopodomani - sabato 27 giugnoinaugura la nuova sede, dopo che quella storica aveva dovuto essere demolita a seguito dei gravi danni provocati dal sisma.

La cerimonia comincia alle 9.45 al Pala Round Table (piazza Italia) con il saluto del presidente della cooperativa Gianfranco Finelli e gli interventi di Gaetano De Vinco (presidente Confcooperative Modena), Lauro Lugli (presidente Legacoop Modena), Maurizio Torreggiani (presidente Unioncamere Emilia-Romagna e Camera commercio), Alberto Silvestri (sindaco di S. Felice e presidente Unione Comuni Modenesi Area Nord), Gian Carlo Muzzarelli (presidente della Provincia e sindaco di Modena), Alan Fabbri (consigliere regionale), Palma Costi (assessore regionale Attività produttive e ricostruzione post-sisma), Stefano Bonaccini (presidente Regione) e Maurizio Gardini (presidente nazionale Confcooperative).

Il taglio del nastro è previsto alle 12 in via Campo di Pozzo 171, dove è stata ricostruita la sede della Muratori di San Felice. Si tratta di un edificio progettato e realizzato in modo totalmente diverso dal precedente, con caratteristiche di elevata efficienza energetica e in modo da richiedere nel tempo una manutenzione minima. Tra primo (uffici tecnici) e secondo piano (uffici amministrativi) la nuova sede si estende per 1.200 metri quadrati; gli uffici sono "open space", con pareti mobili attrezzate.

Il sisma ha causato danni per oltre due milioni di euro; la stessa cifra che è stata spesa per la nuova sede. «Il nostro timore era di non poter ricostruire - spiega Gianfranco Finelli, presidente della Muratori San Felice - Sotto le nostra fondamenta si era verificato il fenomeno della liquefazione delle sabbie, così come successo al campo sportivo: un caso rarissimo che ha fatto il giro del mondo. Abbiamo realizzato sondaggi con geologi, dal momento che la sabbia mista ad acqua appariva a macchia di leopardo. Alla fine è stato necessario progettare un sistema "a platea" innovativo per istituire una base omogenea sulla quale abbiamo potuto ricostruire con tranquillità».

(Fonte: ufficio stampa Confcooperative MO)

Pubblicato in Comunicati Lavoro Modena

Compagnia Carabinieri di Carpi.
San Felice sul Panaro.  Trovati i due minorenni scomparsi da 9 giorni.

Erano stanchi ed affamati i due sedicenni scomparsi 9 giorni fa e hanno telefonato al 112 da una cabina telefonica di San Felice sul Panaro, chiedendo aiuto per tornare a casa.

I Carabinieri della Centrale Operativa di Carpi che hanno ricevuto la telefonata hanno immediatamente allertato la Stazione Carabinieri di San Felice sul Panaro che si è attivata per prelevare i due giovani, conducendoli in caserma.

Sono apparsi subito provati ed affamati e dopo essere stati rifocillati dai militari hanno raccontato di aver trovato rifugio in una casa diroccata ed abbandonata nelle campagne tra San Felice e Mirandola. Si erano nutriti con del cibo acquistato qualche giorno prima e messo da parte in vista del loro allontanamento e una volta terminato, non avendo di che sfamarsi hanno deciso di chiamare i Carabinieri per chiedere il loro aiuto per tornare a casa.

Il ragazzo è stato affidato ai genitori, mentre la ragazza ai servizi sociali.

Pubblicato in Cronaca Modena

Duro colpo alla criminalità straniera dedita al traffico di droga nei comuni di San Felice, San Prospero, Soliera, Cavezzo, Medolla, Concordia e Bastiglia: 7 persone arrestate, 7 kg di hashish e 215 grammi di cocaina sequestrata. -

Modena, 9 aprile 2015 -

Sgominata un' organizzazione di spacciatori magrebini che aveva il controllo del traffico di stupefacenti nella Bassa modenese. Le indagini erano partite nel 2013 con l'arresto per spaccio di cocaina a San Prospero di un italiano venditore ambulante, da cui si era arrivati ad arrestare altre 6 persone in flagranza di reato e sequestrare un totale di circa 7 chilogrammi di hashish, 215 grammi di cocaina e più di 15.000 euro in contanti.

Le indagini dei Carabinieri di Carpi, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Modena, Dottoressa Lucia De Santis, hanno consentito di accertare un totale di circa 350 spacci di stupefacente. L'organizzazione era composta in tutto da 7 persone, di cui 4 arrestate tra il 2013 e il 2014 in flagranza di reato. Per tutti e 7 comunque, la Procura della Repubblica di Modena, valutate le risultanze investigative dei militari che avevano accertato la frequenza e la metodicità degli spacci, ha richiesto al Tribunale l'emissione di altrettanti ordini di carcerazione.

Peraltro gli indagati erano tutti noti alle forze dell'ordine per avere precedenti per spaccio. L'operazione ha consentito di dare un duro colpo alla criminalità straniera dedita al traffico di droga nei comuni di San Felice, San Prospero, Soliera, Cavezzo, Medolla, Concordia e Bastiglia. Gli scambi avvenivano soprattutto a favore di molti italiani appartenenti ad ogni ceto sociale e professionale.

I malviventi, magrebini di età compresa tra i 30 e i 37 anni, tutti privi di una dimora stabile, nel corso delle indagini era emerso che cambiavano spesso abitazione pur gravitando nell'area compresa tra i comuni in cui spacciavano. I luoghi di incontro con i propri clienti erano spesso le vie di campagna, preferite perché consentivano di avere un punto di osservazione privilegiato in caso di arrivo delle forze dell'ordine.

Pubblicato in Cronaca Modena

Le banche, per le imprese, predisporranno idonee linee di credito per consentire l'anticipazione delle somme ai beneficiari di contributo. Il presidente Bonaccini: "Le risorse ci sono e questa opportunità, attesa dalle imprese, consente di accelerare la ripresa e la competitività del tessuto produttivo" -

Parma, 26 marzo 2015 –

Le banche potranno anticipare le risorse alle imprese beneficiarie del contributo che hanno subito danni a causa dell'alluvione e delle trombe d'aria verificatesi in territori già colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012. È questo quanto previsto dall'Accordo sottoscritto ieri dal presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, dal presidente della Provincia di Modena Giancarlo Muzzarelli e dagli istituti bancari che sono disponibili a predisporre idonee linee di credito per consentire l'anticipazione delle somme ai beneficiari di contributo alle imprese danneggiate dagli eventi alluvionali verificatisi tra il 17 ed il 19 gennaio 2014 nonché le trombe d'aria del 3 maggio 2013 e quella del 30 aprile 2014.

Le anticipazioni sono destinate alle imprese per la riparazione, il ripristino, la ricostruzione di immobili a uso produttivo e degli impianti e strutture produttive agricole, per la riparazione e il riacquisto di beni mobili strumentali all'attività, di beni mobili registrati e per la ricostituzione delle scorte e dei prodotti.

«Con questo provvedimento - ha sottolineato il presidente della Regione Stefano Bonaccini - prosegue, e sarà ulteriormente rafforzato, il lavoro per riportare le aree colpite alle normali condizioni produttive delle imprese. Oltre alle risorse per i risarcimenti dei danni causati da un'alluvione, c'è anche questa opportunità delle anticipazioni del credito: ora occorre accelerare per rafforzare ulteriormente lo sviluppo delle imprese per renderle ancora più competitive nel mondo».

Il presidente della Provincia di Modena Gian Carlo Muzzarelli ha aggiunto che «Quello firmato oggi è un accordo molto importante per le nostre imprese, perché la disponibilità della liquidità è essenziale per potere rialzarsi e tornare produttive. Si mette a punto quindi un tassello chiave per il nostro territorio, che è unito, con un messaggio positivo, quello delle istituzioni che sono a fianco di chi lavora e fa impresa».
L'obiettivo dell'Accordo è favorire le imprese beneficiarie di contributi (Ordinanza 6/2014) – di cui la Provincia di Modena è ente delegato all'istruttoria - non in grado di anticipare le somme necessarie alla liquidazione dei documenti di spesa prima dell'erogazione del contributo stesso. Gli Istituti di Credito - ai quali resta l'esclusiva competenza della valutazione del merito creditizio del richiedente – predisporranno idonee linee di credito per consentire l'anticipazione delle somme a copertura delle spese relative ai danni subiti così come autorizzate dal Commissario Delegato ed in attesa dell'erogazione del contributo concesso.

Il Commissario Delegato, sulla base delle procedure previste dalle ordinanze è disponibile ad accettare il "mandato irrevocabile per l'incasso" inviato dai beneficiari a favore delle banche finanziatrici: l'ordinativo di pagamento a favore dei soggetti beneficiari verrà accreditato all'Istituto di Credito indicato nel mandato irrevocabile per l'incasso.

Nel dettaglio i Comuni colpiti sono: Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Castelfranco Emilia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Modena (località di San Matteo, La Rocca, Albareto e Navicello), San Felice sul Panaro e San Prospero nel modenese; Argelato, Bentivoglio, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale e Sala Bolognese per la provincia di Bologna.

Modalità e iter dell'anticipazione

Il Commissario Delegato emana il decreto di concessione del contributo che viene trasmesso al beneficiario che si dovrà presentare alla banca per chiedere l'anticipo di entità non superiore all'ammontare del contributo consegnando copia del decreto di concessione del Commissario Delegato e rilasciando una autodichiarazione che il pagamento riguarda spese sostenute per il ripristino dei danni come previsto dalle apposite ordinanze. La Banca, qualora venga deliberato l'affidamento, apre un conto corrente dedicato a nome del beneficiario, gli fa sottoscrivere il mandato irrevocabile per l'incasso e provvede a darne comunicazione sia al Commissario Delegato sia alla Provincia di Modena. Successivamente il beneficiario presenta alla banca le fatture, o parte delle stesse (Sal) e quest'ultima, entro il limite massimo dell'importo del contributo autorizzato, effettua, a richiesta, il pagamento a favore dei fornitori per quietanzare le fatture.
Attraverso la piattaforma informatica Sfinge avverrà l'istruttoria della pratica del beneficiario del contributo: al termine dell'iter il Commissario Delegato emana il decreto di liquidazione e procede ad emettere l'ordinativo di pagamento a favore dei soggetti beneficiari, che verrà accreditato all'Istituto di Credito indicato nel mandato irrevocabile per l'incasso. La Banca, una volta incassato l'intero contributo, provvede ad estinguere l'anticipazione concessa. Gli interessi, ed eventuali spese e commissioni, saranno dovuti dal beneficiario con periodicità trimestrale.

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

Dopo l'acquisto l'inserzionista, già con precedenti per truffa, è sparito facendo perdere le proprie tracce ovviamente senza recapitare il telefonino -

Modena, 26 febbraio 2015 -

La vittima della truffa, un 50enne Sanfeliciano, non poteva immaginare che dietro a quell'annuncio online si nascondesse una persona già con precedenti, proprio per truffa, nascosta dietro falsa identità.

Ha acquistato un iPhone 4 su un portale online, da una 30 enne russa residente a Como, per la cifra di 200 euro, ma subito dopo l'accredito del denaro su carta Post Pay la donna è sparita, facendo perdere le proprie tracce, ovviamente senza recapitare il telefonino.

Dopo aver denunciato i fatti ai Carabinieri di San Felice, i militari sono riusciti a risalire all'identità della truffatrice attraverso una delle utenze telefoniche con cui aveva contattato la vittima e incrociando il dato con il codice telematico del computer con cui aveva aperto l'annuncio su cui aveva falsificato i propri dati, presentandosi con una identità diversa. La donna è stata denunciata ed è al momento irreperibile sul territorio nazionale.

Pubblicato in Cronaca Modena
Mercoledì, 18 Febbraio 2015 16:46

500.000 euro a sette Comuni colpiti dal sisma

A beneficiare dei fondi saranno 468 nuclei familiari alloggiati nei PMAR - Prefabbricati modulari abitativi rimovibili. Fondi assegnati a sette Comuni colpiti dal sisma: Cento (Fe) e i comuni modenesi di Cavezzo, Concordia, Mirandola, Novi di Modena, San Felice sul Panaro e San Possidonio -

Parma, 18 febbraio 2015 -

Approvata all'unanimità la ripartizione delle risorse del fondo sociale regionale (stralcio del programma annuale 2015) che assegna 500.000 euro a sette Comuni colpiti dal sisma. La commissione Politiche per la salute e politiche sociali, presieduta da Paolo Zoffoli, ha così desiso l'assegnazione per il comune di Cento (Fe) e per i comuni modenesi di Cavezzo, Concordia, Mirandola, Novi di Modena, San Felice sul Panaro e San Possidonio.

A beneficiare dei fondi saranno 468 nuclei familiari alloggiati nei PMAR (Prefabbricati modulari abitativi rimovibili). Le risorse saranno così ripartite: Cento 30.982,91 euro; Cavezzo 49.145,30; Concordia 75.854,70; Mirandola 142.094,02; Novi di Modena 92.948,72; San Felice sul Panaro 53.418,80; San Possidonio 55.555,56.

"Le finalità del provvedimento- ha spiegato la vicepresidente della Regione e assessore al Welfare, Elisabetta Gualmini - è quella di realizzare misure di contrasto della povertà e di sostegno al reddito, fra cui il prestito d'onore, che consentano ai nuclei familiari terremotati di riacquistare una progressiva autonomia e il ritorno alle normali condizioni di vita".

Gualmini e l'assessore alla Ricostruzione, Palma Costi, hanno poi confermato l'impegno della Giunta di "chiudere i PMAR entro il 31 dicembre 2015".

"In questa nuova legislatura- ha aggiunto Costi- il tema è quello dell'assistenza alla popolazione. Sono in programma ordinanze sugli alloggi terminati, perchè l'obiettivo, lo ribadisco, è la chiusura dei muduli abitativi temporanei". Alan Fabbri, capogruppo Ln, ha auspicato l'arrivo di fondi anche per la parte rurale del territorio. Raffaella Sensoli (M5s) ha sottolineatol'esigenza di arrivare all'istituzione di un reddito di cittadinanza. Plauso all'iniziativa da Marcella Zappaterra (Pd): "E' una risposta– ha detto– a quella fascia di cittadini in difficolta". Zoffoli, presidente della commissione, nel suo intervento ha rimarcato "l'importanza e l'impatto che hanno sul tessuto territoriale la sanità e i servizi sociali". Rivolgendosi ai componenti della commissione ha espresso "la totale disponibilità a collaborare, rendendosi pronto a recepire idee e suggerimenti".

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

Pubblicato in Cronaca Modena

Ripristinata l'agibilità, riprende l'attività dell'ufficio postale di San Biagio in Padule danneggiato dal terremoto del maggio 2012. Sarà aperto tre giorni alla settimana -

Modena, 7 gennaio 2015 -

Un altro importante segnale di ritorno alla normalità post sisma per i cittadini della frazione di San Biagio in Padule del Comune di San Felice sul Panaro. Ultimati gli interventi, la filiale di Modena di Poste Italiane e l'amministrazione comunale hanno inaugurato oggi (7 gennaio) la nuova sede dell'ufficio postale in via Bignardi n. 1135 (i vecchi locali di via 1° maggio erano stato irrimediabilmente danneggiati dal terremoto del maggio 2012).
Alla cerimonia erano presenti il sindaco Alberto Silvestri, il vicesindaco Giovanni Giovanelli e l'assessore all'urbanistica Simone Silvestri, il responsabile delle poste del Modenese Mauro Chiarelli e la sua collaboratrice Antonella Spagni.
L'attività dell'ufficio postale di San Biagio in Padule, nuovamente in grado di soddisfare tutte le esigenze della clientela sia per quanto riguarda i servizi Postali sia per i servizi Bancoposta, si articola su tre giorni alla settimana (lunedì, mercoledì e venerdì) con orario 8.20-13.35.

(Fonte: ufficio stampa Poste Italiane)

Venerdì, 12 Dicembre 2014 10:02

Modena - Scossa di terremoto nella Bassa

Scossa sismica di magnitudo 3.2 nel modenese fra i comuni di Mirandola, Medolla, Camposanto e San Felice sul Panaro -

Modena, 12 dicembre 2014 -

Un terremoto di magnitudo 3.2 è stato avvertito questa mattina, un minuto dopo le otto. Ad essere colpita, di nuovo, la zona del modenese del sisma del 2012. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel distretto sismico Pianura padana emiliana, con profondità di 2.5 km ed epicentro fra i comuni di Mirandola, Medolla, Camposanto e San Felice sul Panaro - come riportato sul sito INGV. Non si segnalano danni a cose o persone. 

Pubblicato in Cronaca Modena
Pagina 2 di 5