Visualizza articoli per tag: Territorio Noceto

Mercoledì, 14 Giugno 2017 12:47

Trofeo Aparecida prima edizione

Sarà un vero e proprio evento d'eccezione il triangolare di calcio che sabato 17 giugno alle ore 17,00 verrà ospitato dal centro sportivo Il Noce, che vedrà scendere in campo tre formazioni unite dall'entusiasmo di giocare per la solidarietà, i frati della Fraternità Francescana di Betania, alcuni Sindaci ed amministratori locali del territorio provinciale ed i Carabinieri delle Compagnie di Fidenza e Salsomaggiore. 
Alla manifestazione parteciperanno anche personaggi importanti nel mondo del calcio, Luigi Apolloni, Matteo Pisseri, Lorenzo Minotti ed altri e sarà presente anche il vescovo, mons. Enrico Solmi con la casacca della Fraternità.

Ideatore dell'iniziativa, alla quale l'Amministrazione Comunale di Noceto ha aderito con entusiasmo offrendo il proprio patrocinio e sostegno organizzativo, è stato Fra' Luigi della Comunità Francescana insieme ad altri amici e confratelli "Abbiamo un progetto importante per il quale occorre massimo sostegno" spiega "e l'idea di raccogliere fondi attraverso un evento sportivo di forte richiamo ci è sembrata buona.
Il ricavato delle partite di sabato 17 verrà infatti devoluto alla Missione della nostra fraternità francescana di Betania di Salvador Bahia in Brasile, dove stiamo operando dal 2010 a favore dell'educazione dei bambini delle favelas. Abbiamo già realizzato un asilo che ospita 100 bambini , stiamo lavorando per la costruzione di una scuola elementare, una media ed una scuola professionale. IL nostro progetto punta anche alla realizzazione di un poliambulatorio pediatrico con accesso gratuito ai bambini appartenenti a nuclei familiari disagiati – numerosissimi - , fondamentale in un territorio dove solo chi paga può beneficiare di assistenza sanitaria. Ringrazio il Sindaco e l'Amministrazione Comunale per il sostegno".

Molto positivo il commento del sindaco Fabio Fecci "Sin dal 2004, anno in cui si è insediata nel territorio comunale la Fraternità di Betania, abbiamo offerto tutto il nostro supporto nella consapevolezza di quanto essa costituisca un importante punto di riferimento per tanti, uno spazio di accoglienza e di sostegno, con particolare riferimento a quello spirituale. Sarà una competizione sportiva all'insegna dell'integrazione con la comunità nocetana e soprattutto della solidarietà verso un progetto di così grande valore sociale. A mia volta ringrazio il Vicesindaco Daisy Bizzi , che da anni è molto vicina alla Fraternità Francescana alla quale offre sistematico sostegno, che ha seguito insieme al consigliere allo Sport Pietro Battioni ed ai frati di Betania passo a passo l'organizzazione dell'evento, che auspico sarà il più possibile partecipato".

Entusiasmo anche da parte del Vicesindaco Bizzi "Vivo la Fraternità da anni e mi sento onorata nel poter partecipare a questo bel progetto e lo faccio con il pensiero ed il cuore che vanno sempre a Padre Pancrazio, il fondatore, ultimo figlio spirituale di Padre Pio. La partecipazione a questo evento sarà una bella testimonianza di condivisione dei valori della solidarietà".

All'evento sportivo seguirà una condivisione conviviale con la presentazione della Missione.
Per ulteriori informazioni sulla Missione: www.ffbetania.net  e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Domenica, 04 Giugno 2017 11:04

Anche For.Me.Sa. affianca la Farm Run 2017.

For.Me.Sa. è un'azienda in grande espansione che fa dell'innovazione e della R&S i pilastri di sviluppo. Uno staff giovane e nuovi prodotti pronti al lancio europeo, mentre già si lavora per preparare la terza generazione familiare e la seconda al "femminile" alla guida dell'impresa fondata da Ernesto Bizzi e dalla moglie Alberta Milanesi.

L'azienda di Noceto, specializzata nelle forniture medicali , ormai giunta alla terza generazione di famiglia, fondata da Ernesto Bizzi e sua moglie Alberta Milanesi, nasce nei primi anni '80, e si afferma inizialmente nell'ambito del settore ospedaliero.

Ma è nei primi anni '90, quando subentra la figlia Daisy Bizzi, che l'Azienda si presenta al mercato della Farmacia e della Sanitaria attraverso una rete vendita diretta dando il via a rapporti fiduciari con numerose Aziende del settore che ancora oggi sono fiore all'occhiello di For.me.sa. e che, in forza ai rapporti di stima professionale, via via consolidati nel tempo, ha contribuito allo sviluppo di una azienda locale che opera nel globale e prossima a varare la terza generazione familiare.

Attualmente, l'Azienda importa da India, Israele, Cina, Spagna ed Egitto, distribuendo dispositivi medici sia su territorio nazionale che internazionale, tra cui Spagna, Francia, Portogallo, Grecia, Serbia, Macedonia e Slovenia.

For.me.sa, che si caratterizza per uno staff giovane, fa dell'attenzione e dell'ascolto delle esigenze della propria Clientela, il punto di forza e l'idea imprenditoriale portante.
Da qualche anno, è andata consolidandosi la sezione riservata alla cura della terza età, gestita direttamente dal marito di Daisy Bizzi, Angelo Saccani, che si occupa dell'area Case di Riposo, RSA e Cliniche.

Da poco più di un anno, è entrata a far parte dell'organizzazione aziendale anche la figlia maggiore, Gioia, la quale, si è caparbiamente e appassionatamente conquistata il proprio originale spazio mettendo le basi per un percorso che la porterà prendere il timone dell'attività fondata dai nonni e oggi saldamente in mano alla mamma Daisy.

Gioia Saccani- I sogni concreti di Gioia -
"Vivo For.me.sa da quando sono nata: dapprima, quando da bambina per "motivi organizzativi" mia mamma mi portava qualche volta con sé, e mio nonno in modo ludico mi coinvolgeva dolcemente nel confezionamento di maschere per aerosol; poi da adolescente mia mamma mi formava già a "imparare a diventare grande" ma partendo dal basso, assumendomi regolarmente nel periodo e facendomi prendere parte direttamente all'attività lavorativa del magazzino per giungere fino ad oggi che a 25 anni mi sento parte integrante del corpo di For.me.sa.
Ma il mio inserimento in azienda non era così scontato.
Infatti, fino a qualche anno fa, continuavo a sostenere che non avrei mai lavorato in Azienda e il mio curriculum scolastico ne è la dimostrazione più lampante. Dopo il Liceo Linguistico i miei studi si sono indirizzati verso la Facoltà di Giurisprudenza – indirizzo sociale - per culminare in una Laurea Specialistica presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna nell'ambito della devianza e del disagio sociale educativo. Era praticamente assente in me l'idea di "formarmi" all'ambito economico / commerciale nel quale è inserita For.me.sa (scelta che invece ha fatto mia sorella Ottavia).
Terminata la Laurea Magistrale un anno e mezzo fa, in attesa di trovare un lavoro che rispecchiasse il mio percorso di studi, ho iniziato a lavorare in Azienda e, dal primo giorno, mia mamma, con estrema intelligenza e delicatezza (seppure celasse un desiderio inespresso) ha sempre parlato a me e agli altri Dipendenti di "..Gioia in Azienda, finché non troverà il lavoro per il quale ha studiato.."
Tuttavia, i mesi passavano, e mi rendevo conto che con mia mamma, durante i tragitti in macchina per viaggi di lavoro, discutevo del "futuro di For.me.sa", andavo a letto programmando quello che avrei dovuto fare l'indomani in Azienda, vivevo con fierezza i piccoli traguardi quotidiani; sentivo, seppur in modo velato, un senso di responsabilità che andava oltre la buona riuscita del compito di lavoro portato a termine da un bravo dipendente.
Ad oggi, sono inserita nell'organico For.me.sa, con la funzione di addetta agli Acquisti Italia e Assistenza alla Gestione della Qualità.
Sono cresciuta vedendo mia madre e miei nonni lavorare e far crescere For.me.sa accostando umiltà e determinazione, pertanto spero che la scuola vissuta porti i suoi frutti.
Mia mamma, indipendentemente dal lavoro che avrei fatto nella vita, mi ha sempre detto "ricordati di alzarti al mattino felice di andare a lavorare e con un progetto da sviluppare", e chissà che un giorno, peraltro non troppo lontano, non possa nascere e crescere un nuovo progetto lavorativo.
Ad oggi, posso dire di svegliarmi la mattina adottando il suggerimento di mia mamma: vado a lavorare con il piacere di ciò che andrò a svolgere e, un passo per volta, spero di riuscire a costruire la mia persona "lavorativa" all'interno di For.me.sa, in un giusto connubio tra l'ambito d'interesse che mi lega a ciò che ho studiato, e il senso che di responsabilità che mi guida ad essere la terza generazione che, spero, possa essere all'altezza dell' amore, della dedizione e del sacrificio impiegati dai miei nonni prima, e da mia madre poi."


PROSPETTIVE FOR.ME.SA 2017
1. e.commerce l'azienda si è affidata ad una importante società di vendita on line, Doctor Shop un negozio on line specializzato in prodotti medicali e apparecchiature mediche
2. MEDICA 2017 – La fiera di Dusseldorf sarà la base di lancio di una ulteriore fase espansiva all'interno del mercato europeo con due prodotti di nicchia: il PESSARIO PER LA CONTENZIONE DEL PROLASSO UTERINO, e il brevetto TRITAPILLOLE GIOTTY ideato e brevettato dal marito di Daisy Bizzi. Entrambi i prodotti sono di produzione For.Me.Sa. che detiene anche l'esclusiva distributiva europea.

20170515-Tutti-FOR.ME.SA SRL NOCETO 2017 017

20170515-Daisy-Angelo-GIOTTY-FOR.ME.SA SRL NOCETO 2017 052

 

La terza edizione della corsa nel fango FARM RUN è stata ufficialmente presentata sabato mattina presso il Caseificio della Musica di Bertinelli a Noceto. Molte le novità che offrirà l'edizione numero tre della originale quanto divertente gara di Noceto a partire dalla data anticipata al 24 giugno.

Parma, 23 maggio 2017

E' stato lo stesso presidente dell'associazione sportiva ACME ASD, Giuseppe Ronchini, a fare gli onori di casa e anticipare le novità tecniche, del percorso e gli obiettivi al centro del mirino. "Lo scorso anno abbiamo sorpreso molti partecipanti con i nostri ostacoli. Chi pensava di venire a fare una corsa tra le galline si è invece trovato ad affrontare il quarter pipe più alto del campionato e una peg board assolutamente selettiva. Quest'anno invece presenteremo una multibar che dovrebbe conquistare il record nazionale in lunghezza. Gli atleti "Elite" avranno quindi il pane per i loro denti ma abbiamo pensato anche all'affollato pubblico degli appassionati che vogliono confrontarsi con sé stessi introducendo la formula "Smart". Un percorso di 5 km non competitivo cosparso di una ventina di ostacoli contro i 12 km e i 46 ostacoli della formula tradizionale. E' nostra intenzione confermare anche il primato di quota rosa che nel 2016 aveva superato il 30%".

Farm Run si candida ragionevolmente a entrare nell'olimpo delle gare nazionali tanto è vero che gli organizzatori, in forza del successo in termini di iscrizioni che stanno raccogliendo, hanno posto il limite di 1.500 atleti che, per ragioni di sicurezza, potranno venire ammessi alla linea di partenza.

farmrun201731.jpg

"Questa edizione della Farm Run sarà anche gara qualificante per i Campionati Mondiali OCR che si disputeranno in ottobre in Canada a conferma della positiva evoluzione espressa dalla nostra manifestazione sportiva. Se stiamo raggiungendo dei traguardi di tutto rispetto lo dobbiamo molto al supporto della neonata Federazione Italiana OCR (FIOCR) che ha, in breve tempo, licenziato un buon numero di giudici federali e di preparatori atletici specifici per questa disciplina, ancora agli albori in Italia, ma molto diffusa all'estero" - conclude Ronchini. A Maurizio Minotti, il braccio destro di Ronchini, il compito di illustrare le novità regolamentari introdotte dalla FIOCR con particolare riferimento all'utilizzo dei 3 braccialetti che gli atleti dovranno cercare di portare intatti al traguardo a dimostrazione del corretto superamento di tutti gli ostacoli. Una novità già utilizzata nella prima gara del campionato italiano (Inferno Run) nella quale si è confermata l'efficacia dello strumento consentendo di agevolare sensibilmente la compilazione della parte alta della classifica.

Erano presenti, in rappresentanza dell'amministrazione comunale, la Vice Sindaco Daisy Bizzi e l'Assessore allo Sport Pietro Battioni che, nel portare i saluti del sindaco Fabio Fecci, hanno espresso soddisfazione per i risultati conseguiti che danno lustro a Noceto ma anche alla provincia intera per la valenza internazionale che la manifestazione sta sempre più assumendo. Piena soddisfazione espressa anche da Cristian Mainini, in rappresentanza di UISP Emilia Romagna, "per la passione che gli organizzatori hanno messo in campo, sia per la veste competitiva e sia per la veste non competitiva dove UISP ha la sua predilezione maggiore, essendo un ente di promozione sportiva che vuole essere vicino a quelli che vogliono mettersi in gioco e avvicinarsi allo sport." Una conferma ulteriore che queste nuove discipline, divertenti e spettacolari, rappresentano un buon mezzo di diffusione e divulgazione della pratica sportiva sana e soprattutto alla portata di tutti.

L'organizzazione ha quindi dato appuntamento al sabato 24 Giugno a Noceto per la terza edizione della FARM RUN.

farmrun201732.jpg

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

La suggestione della parola, della musica e del canto: primo appuntamento con la rassegna Auris che apre ufficialmente la più ampia rassegna "Il tempo delle donne". Sabato, 18 marzo, alle ore 21 presso la sede della Fraternità Francescana di Betania a Cella di Noceto.

Noceto, 16 marzo 2017

E' previsto per questo sabato, 18 marzo, alle ore 21 presso la sede della Fraternità Francescana di Betania a Cella di Noceto il primo dei tre appuntamenti all'interno della rassegna Auris, finalizzata a proporre tre momenti di spettacolo raccontati sulla suggestione della parola, della musica e del canto. L'iniziativa, che sorge sotto l'egida dell'Amministrazione Comunale - con riferimento al Vicesindaco Daisy Bizzi ed alla consigliera alle pari Opportunità Barbara Faroldi - apre ufficialmente l'edizione 2017 della più ampia rassegna "Il tempo delle donne", nata nel 2015 ed alla quale è stata data continuità anche lo scorso anno.
L'evento di sabato "La drammaturgia della parola - Liturgia per Hildegarda" nasce dalla collaborazione fra l'Associazione Ascolto ed eUropa Teatri e proporrà un monologo per attrice e musicista. Il progetto è di Ilaria Gerbella e Patrizia Mattioli, la voce ed azione scenica di Loredana Scianna, le musiche originali eseguite dal vivo della Mattioli, mentre la Gerbella è autrice dei testi e regista.

"Sarà l'affascinate figura di Hildegarda von Bingen, la religiosa benedettina vissuta nel 1100, scienziata , scrittrice, poetessa, musicista e filosofa, la protagonista dello spettacolo" spiegano Ilaria Gerbella e Patrizia Mattioli - "una figura veramente carismatica, precorritrice dei tempi, dalle intuizioni geniali e dall'indubbia modernità di azione e pensiero, elementi che la caratterizzano e la rendono di grande attualità".

Rassegna Auris-celladinoceto

"La collaborazione fra noi e l'Associazione Ascolto è iniziata lo scorso anno" commenta il Vicesindaco "sempre nell'ambito della rassegna "Il tempo delle donne", l'iniziativa a cui abbiamo dato avvio nel 2015 e finalizzata ad esplorare l'universo femminile da più prospettive e sfaccettature, a cui anche quest'anno abbiamo inteso dare continuità. Auris apre ufficialmente la serie degli eventi programmati per il 2017, che scorreranno non su unico filo tematico, come è avvenuto lo scorso anno quando è stato affrontato il drammatico tema della violenza sulle donne, ma su più argomenti di svariato interesse, di cui stiamo affinando la programmazione".

"Veramente affascinante e suggestiva la figura di Hildegarda" - si unisce alle parole del Vicesindaco la consigliera alle Pari Opportunità Barbara Faroldi "sia nella grandezza della dimensione religiosa che laica. Credo che AURIS concretizzi una proposta di qualità capace di attirare interesse e partecipazione di pubblico, confermando il positivo bilancio degli eventi organizzati lo scorso anno. Segnalo anche i prossimi due appuntamenti, quello dell' 8 aprile al Museo della Tipografia dove verrà proposto un concerto della cantante di fama internazionale Krisztina Nemeth e del 20 maggio, ospitato dal Castello della Musica, un concerto poetico con l'attrice Sandra Soncini e la cantante Alessia Galeotti, sul filo della poesia di Alda Merini che incontra Desdemona di Shakespeare".

Maggiori info sull'evento alla pagina Facebook

(Fonte: Comune di Noceto)

Operazione "Dona un ballone di fieno": 13 aziende agricole del territorio si sono impegnate a donare 60 balloni di fieno per un peso di 240 quintali ai loro colleghi del comune di Norcia, colpiti oltre che dal sisma.

Noceto, 13 marzo 2017

Si è conclusa anche a Noceto l'operazione "Dona un ballone di fieno", promossa da Filippo Peveri, uno dei titolari dell'Azienda Agricola Ciao Latte e coordinata dal sindaco di Noceto Fabio Fecci che ha visto protagoniste 13 aziende agricole del territorio, che si sono impegnate a donare 60 balloni di fieno per un peso di 240 quintali ai loro colleghi del comune di Norcia, colpiti oltre che dal sisma anche dalle recenti condizioni climatiche particolarmente avverse che hanno duramente provato le loro aziende provocando la perdita di tutto il raccolto dell'anno.
L'iniziativa è stata concordata direttamente dal sindaco Fecci con il sindaco di Norcia Nicola Alemanno, legati da un rapporto di amicizia che li vede anche compagni di squadra nella Nazionale Italiana Sindaci. Alemanno era anche intervenuto telefonicamente per un saluto ed un ringraziamento in occasione del pranzo pro terremotati organizzato dalle locali associazioni di volontariato in coordinamento con il Comune di Noceto.

I due mezzi adibiti al trasporto sono arrivati a Norcia sabato, accolti da Giuliano Bucanera, assessore, e da Renato Salvatori, agricoltore che coordinerà la distribuzione del fieno.

HANNO PARTECIPATO ALL'INIZIATIVA:

MEC TRASPORTI DI NOCETO grazie a Massimo Barella

AUTOTRASPORTI F.LLI PINCOLINI DI FONTANELLATO grazie a Daniele e Marco

I balloni di fieno sono stati donati dalle seguenti Aziende Agricole del territorio comunale di NOCETO:

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA CIAO LATTE DI PEVERI
AZIENDA AGRICOLA GRANELLI MASSIMO
AZIENDA AGRICOLA VENTURINI DI VENTURINI RENATO
AZIENDA AGRICOLA FRATELLI CALDERA DI CALDERA DANIELE
AZIENDA AGRICOLA FRATELLI LENA DI LENA ROBERTO E GIANNI
AZIENDA AGRICOLA VECCHIA ALDO BRUNA E GIOVANNI
AZIENDA AGRICOLA SANI DI SANI MICHELE
AZIENDA AGRICOLA NEW FLOWERS FARM DI TRAVERSI E COMINI
AZIENDA TECNOAGRICOLA DI DOTT. PIGNOLI
AZIENDA AGRICOLA LA PRIMAVERA FRATELLI ONESTI
AZIENDA AGRICOLA FRATELLI PELAGATTI
AZIENDA AGRICOLA BARUSI
AZIENDA AGRICOLA PONTREMOLI

Quello della donazione dei balloni è il secondo intervento pro terremotati che segue una prima donazione in denaro, proveniente dal ricavato del pranzo del 23 ottobre, fatta in favore della popolazione di Smerillo, in provincia di Fermo.
Il restante ricavato sarà destinato ad iniziative che verranno nuovamente concordate fra le associazioni di volontariato e l'Amministrazione Comunale.

(Fonte: Comune di Noceto)

Quattro le novità principali che riserverà la terza edizione della Farm Run: data anticipata al 24 giugno, una formula "Smart" di soli 5 chilometri destinata ai singoli e gruppi non competitivi, una campagna di sconti all'insegna del motto "prima ti iscrivi e meno paghi" e naturalmente qualche "sorpresina" sugli ostacoli non mancherà nemmeno nell'edizione 2017, dopo il successo della prima "Peg Board" presentata nel circuito nazionale proprio la scorsa estate a Noceto.

Noceto (PR) 11 marzo 2017

Tra una sequenza squat, una di burpees e qualche "chiacchiera" o tortellino fritto è venuto il momento di pensare anche alla Farm Run 2017 che quest'anno è stata anticipata al 24 giugno 2017.

Una data, quella del 24 giugno, che non è casuale - commenta l'organizzazione della Farm Run - perché coincide con l'inizio dell'estate e soprattutto con la festa laica più sentita e partecipata di Parma e provincia: "La notte di San Giovanni".

La seconda delle novità è rappresentata da una formula più più leggera alla portata di tutti per dare sfogo al divertimento assaporando comunque l'atmosfera che solo le OCR (Obstacle Course Race) possono regalare e la Farm Run in particolare. E' la FARM RUN "SMART" che, con un percorso di soli 5 chilometri cosparsi di 20 ostacoli (la Farm Run tradizionale è invece di 12 km con 46 ostacoli) e, come ovvio, una quota di iscrizione ridotta, è un invito ghiotto per chi vuole testare questa nuova disciplina che sarà dimostrativa ai Giochi Olimpici di Los Angeles e venuta con prepotenza alla ribalta grazie al format televisivo "Ninja Warriors". Una formula che, stando a quanto dichiarato dall'organizzazione - ASD ACME - è destinato alla sola quota non competitiva (sia singoli che in gruppo) ma che non si esclude che, dal 2018, possa essere estesa, con i dovuti accorgimenti, anche agli atleti competitivi e all'"Elite".

Vasca-Pomodori-farmrun

Infine, oltre alle sorprese legate all'originalità di alcuni ostacoli, che verranno svelati solo alla vigilia della gara, alla FARM RUN 2017, accendendo al sito www.farmrun.it  è possibile iscriversi potendo godere degli sconti ancora attivi ma che andranno ad assottigliarsi man mano che ci si avvicinerà alla data del 24 giugno.

La terza edizione di Farm Run sarà anche l'ultima occasione per qualificarsi alla partecipazione dei campionati Europei di specialità 2017, gli OCR European Championships che si disputeranno dal 30 giugno al 2 luglio 2017 a Flevonice in Olanda.

Arrivederci quindi al 24 giugno 2017, alla terza edizione di FARM RUN, dove, grazie alla fantasia e abilità di Giuseppe Ronchini e Maurizio Minotti, sarà possibile vivere nuove e emozionanti avventure. Il conto alla rovescia è ufficialmente iniziato!

Sfoglia la galleria qui sotto con le foto della scorsa edizione!

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Venerdì, 27 Gennaio 2017 15:54

Incontri gratuiti di Autodifesa a Noceto

L'Associazione Sportiva GO RIN RYU con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale di Noceto organizza 4 incontri gratuiti di Autodifesa presso la palestra della ex scuola elementare R.Pezzani in via Tagliavini 5, ingresso da via Crema.

I corsi sono tenuti dal Maestro Marco Paluan 5°Dan esperto in armi bianche.

per informazioni 0521/622134 0521/622137

DATA EVENTO:
Mercoledì 1 Febbraio 2017
Mercoledì 8 Febbraio 2017
Mercoledì 15 Febbraio 2017
Mercoledì 22 Febbraio 2017

corso di autodifesa personale noceto

In allegato qui sotto il pdf scaricabile

(Fonte: Comune di Noceto)

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Lunedì, 16 Gennaio 2017 15:13

Al via i lavori per il ponte sul fiume Taro

Infrastrutture. Al via i lavori per il ponte sul fiume Taro. A disposizione 2 milioni di euro di cui 1,5 milioni sbloccati dal Cipe. Donini: "Siamo molto soddisfatti. Questo intervento per la Regione è una priorità". Soddisfazione anche da parte dei Comuni interessati.

Parma, 16 gennaio 2017

Al via i lavori per il ponte sul fiume Taro, a disposizione 2 milioni di euro, di cui 1,5 milioni sbloccati dal Cipe.

Ne hanno parlato, questa mattina, il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti; l'assessore regionale ai trasporti, reti infrastrutture materiali e immateriali, programmazione territoriale e agenda digitale, Raffaele Donini; il sindaco di Noceto, Fabio Fecci; il sindaco di Fontevivo, Tommaso Fiazza e l'assessore ai lavori pubblici del Comune di Parma, Michele Alinovi. Erano presenti diversi amministratori dei Comuni coinvolti e il presidente dell'Ordine degli Ingegneri, Angelo Tedeschi, che ha espresso il suo plauso in merito ai finanziamenti.

"Condividiamo oggi con Regione e Comuni coinvolti questo momento significativo legato al finanziamento delle opere di riqualificazione del Ponte sul Taro – ha precisato il sindaco Federico Pizzarotti – si tratta di un'infrastruttura strategica per il territorio non solo dal punto di vista viabilistico, ma anche storico e monumentale".

L'assessore regionale Raffaele Donini ha ricordato l'impegno della Regione e dei consiglieri regionali che rappresentano il territorio di Parma per giungere all'importante finanziamento delle opere di riqualificazione del Ponte sul Taro ed ha ricordato come la Regione abbia previsto 19 milioni di investimenti su Parma e provincia: 12 milioni per l'allungamento della pista dell'aeroporto, 1 milione per il ponte sul Po, 3 milioni per la strada per Mezzani – via Burla, altri 2 milioni lo stralcio della viabilità su Fidenza.

"Siamo qui – ha spiegato il sindaco di Noceto, Fabio Fecci, - grazie al lavoro di squadra portato avanti dai Comuni coinvolti per il raggiungimento di un obiettivo strategico per il territorio. Ringrazio la Regione per i finanziamenti che si affiancano all'impegno delle Amministrazioni locali per dare seguito alla riqualificazione del Ponte sul Taro".

"E' una grande soddisfazione – ha precisato il sindaco di Fontevivo, Tommaso Fiazza, - essere qui oggi per parlare dei finanziamenti ricevuti, per cui ringrazio la Regione, e che ci permetteranno, concluse le prove sul ponte, di avere un progetto e dare avvio ai lavori".

"Grazie all'impegno corale delle Amministrazioni coinvolte e della Regione – ha concluso l'assessore ai lavori pubblici, Michele Alinovi, - sarà possibile riqualificare il Ponte sul Taro. Il Comune di Parma, proprio per sottolineare l'importanza di questo tipo di intervento accanto ai fondi stanziati per il 2017, ha previsto 1 milione e mezzo di euro per i prossimi due anni".

L'intervento è compreso nell'elenco di opere che usufruiranno dei finanziamenti del Fondo di sviluppo e coesione 2014-2020. Previsto anche un cofinaziamento dei Comuni di Parma, Noceto e Fontevivo.

Sono in arrivo due milioni di euro che daranno il via ad interventi di ristrutturazione e riqualificazione del ponte sul fiume Taro. Costruito lungo la via Emilia quasi 200 anni fa, il ponte sul Taro sorge sul confine tra i territori dei Comuni di Noceto e Fontevivo e collega la città di Parma alla zona ovest della provincia.

Finanziati con risorse del Fondo di sviluppo e coesione 2014-2020, i lavori serviranno a riparare le lesioni sul rivestimento murario e a impermeabilizzare la pavimentazione, con interventi per la regolazione delle acque piovane. La sistemazione del ponte rientra tra gli interventi, definiti con la Regione Emilia-Romagna, previsti dal Piano operativo infrastrutture approvato il 1 dicembre scorso dal Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) e saranno sostenuti con lo stanziamento di risorse del Fondo sviluppo e coesione. In dettaglio, è previsto il finanziamento di un milione e 500mila euro utilizzando le risorse del Fsc oltre a 500 mila euro impegnati dai Comuni di Parma, Noceto e Fontevivo.

"Siamo molto soddisfatti- ha commentato l'assessore regionale alla mobilità e infrastrutture, Raffaele Donini- la Regione ha indicato il finanziamento dei lavori sul ponte Taro tra le priorità e siamo stati ascoltati. Grazie all'accordo siglato dai Comuni coinvolti il ponte è rimasto agibile, ma c' è bisogno dell'impegno di tutti per restituire al territorio questa struttura che oltre ad essere un asse viario strategico ha anche un grande valore storico. Con le risorse stanziate dal Ministero e il cofinanziamento delle amministrazioni locali- ha concluso- oggi può partire un percorso che ci auguriamo porterà in fretta al completo recupero della piena viabilità".

Si prevede la conclusione della progettazione esecutiva entro l'anno e l'avvio dei lavori nel 2018.

(Fonte: Comune di Parma)

Lunedì, 19 Dicembre 2016 14:30

Questo Matrimonio s'ha da fare

"Da due cose buone non può che nascere un'altra cosa buona!" E' vincete la formula del Christmas Food Wine Festival di Noceto. Sdoganato a pieni voti il testarolo da passeggio abbinato ai prodotti della tradizione emiliana.

di Virgilio - Noceto, 18 Dicembre 2016
Non era così scontato che l'abbinamento tra il testarolo pontremolese e i prodotti tipici emiliani potesse andare d'accordo. Come ha perfettamente sottolineato lo chef nostrano, Antonio Di Vita (Parma Rotta), il calore del testarolo appena sfornato mortificherebbe il prosciutto o il culatello, mentre potrebbe ben accostarsi con il prosciutto cotto di maiale nero, con l'impasto di cotechino piuttosto che con il lardo speziato o con il primo sale. Eccellente invece il testarolo secco abbinato al prelibato prosciutto nero.

20161218-IMG 4580 20161218-IMG 5089Una sperimentazione, guidata dal maestro di cucina di "Parma Rotta", che ha pienamente soddisfatto tutti i palati di coloro che hanno avuto il "coraggio" di proporsi come "cavia" di questa sperimentazione culinaria transappenninica.

D'altronde non poteva che essere così. Infatti è ormai appurato, dalla secolare saggezza tramandata oralmente, che "da due cose buone non può che nascere un'altra cosa buona!"
E buono è risultato anche il sodalizio che si è  sancito ieri pomeriggio, tra l'Amministrazione comunale di Pontremoli e quella di Noceto, al Christmas Food Wine Festival, sostenuto da una indiscutibile e consolidata affinità storica e culturale, come hanno ancora una volta confermato Deisy Bizzi (vicesindaco di Noceto e ideatrice del Christmas Food Wine Festival), affiancata dagli assessori Maini Giovanna e Bertolani Marco, e la Sindaca di Pontremoli, Lucia Baracchini. Due donne, due amministratrici che immediatamente sono entrate in sintonia condividendo l'idea di dare vita a questo ponte ideale a scavalco dell'appennino tosco emiliano.

Molto più di uno show cooking, quello andato in scenaieri a Noceto. Un vero e proprio spettacolo di cultura tradizione e convivialità magistralmente orchestrato da Antonio di Vita (Chef) e Marco Cavellini (Fiduciario di Slow Food Pontremoli) a sua volta coadiuvato dal team della condotta pontremolese che ha allestito e gestito un forno per testaroli regalando profumi, sapori e aromi dal fascino antico, grazie al forno a legna necessario per arroventare i "testi", il Sottano e il Soprano (i "testi" che compongono il forno portatile necessario alla cottura dei testaroli e non solo).

In chiusura del secondo show cooking pomeridiano, non poteva mancare il tradizionale brindisi accompagnato dallo scambio di doni tra le due amministrazioni e l'impegno solenne a proseguire una collaborazione che, c'è da scommettere, regalerà ancora molte soddisfazioni ai territori.

20161218-IMG 5095 20161218-IMG 5121 20161218-IMG 5101

(A seguire la galleria immagini in fondo alla pagina)

Christmas Food Wine Festival in Sintesi
Slow food, show cooking, trucks di street food, cantine vinicole di tutto il nord Italia, contraddistinte da produzioni di elevata qualità, che proporranno i calici in degustazione, per accompagnare ciò che i produttori agricoli e i ristoratori del territorio vorranno proporre.
Cotechino da passeggio accompagnato dallo zabaione, cappelletti, miele, formaggi, salumi, spezie, ortaggi di stagione, birre artigianali , oltre al testarolo da passeggio che sarà abbinato al pesto di basilico con il formaggio DISOLABRUNA dell'Azienda Profi di Ronchini Giuseppe

Partner della manifestazione GOLA GOLA FESTIVAL
Hanno contribuito alla organizzazione la Proloco Noceto, Associazione Incontriamoci in Paese, Consulta dei Giovani di Noceto, che prepareranno i pacchi natalizi.

Programma della manifestazione, nel centro storico:
sabato 17/12 dalle ore 12,00 stand di street food con crepes, pesce fritto, arrosticini e prodotti sardi, torta fritta, salumi, trippa, cappelletti da passeggio, zucca fritta e vin brulè, lambrusco cantine Ceci , birra Dolomiti.
domenica 18/12 dalle ore 9 , oltre agli stand di street food del sabato, apertura degli stand di degustazione, produttori agricoli, trucks di street e slow food, alle ore 11,00 il primo show cooking e l' intervento di Antonio di Vita. Previsto nel pomeriggio alle 15,00 il saluto dei rappresentanti delle amministrazioni comunali di Noceto e Pontremoli , alle 15,30 il secondo show cooking ed a seguire il via alle degustazioni.


(A seguire - fondo pagina - la galleria immagini)

20161218-IMG 5123 20161218-IMG 5134 20161218-IMG 5135

 

 

20161206Locandina-christmas-noceto

20161218-IMG 5142 20161218-IMG 5140

Pubblicato in Agroalimentare Emilia

Escursione a Pontremoli. Vagabondando per la capitale della Lunigiana, in attesa della sua calata a Noceto per conquistare i cuori e il palato con i suoi Testaroli, una musica per "Soprano e "Sottano". Aspettando il Christmas Food Wine Festival. (galleria Immagini)

di Virgilio - Noceto, 12 Dicembre 2016
Incuneata tra l'Emilia e la Liguria, Pontremoli rappresenta, da sempre, la "porta" di ingresso per accedere alla Toscana. Rinomato luogo di sosta sul percorso della Via Francigena è ricordata sin dal 990 dall'Arcivescovo di Canterbury Sigeric, di ritorno dal suo pellegrinaggio a Roma.

20161208-IMG 5014Estremo lembo a nord della Toscana, Pontremoli, si erge tra i due fiumi, il Magra e il Verde, espandendosi attorno al Castello di Piagnaro e allungandosi, durante lo sviluppo urbanistico, lungo il percorso dei due corsi d'acqua. E' nel medioevo che Pontremoli crebbe notevolmente proprio in relazione alla via Francigena di cui rappresentava la XXXI tappa.

Ormai appurato che Pontremoli sorga sull'antico insediamento di Apua, risalente a circa mille anni prima di Cristo, ed abitata dai Liguri Apuani i quali, una volta sconfitti dai Romani, vennero deportati nel Sannio mentre chi riuscì a sfuggire, riparato all'interno delle terre che lambiscono il Magra, hanno dato continuità all'insediamento apuano. Dell'antichità degli insediamenti esistono ampie documentazioni storiche e il "Museo delle Statue Stele", ristrutturato nel 2015 all'interno del Castello di Piagnoro, è una tappa fondamentale da non perdere per nessuna ragione.
Per la sua straordinaria posizione strategica, Pontremoli è stata oggetto di molte dominazioni fra cui quella dei Malaspina (nel 1319) e quella degli Antelminelli (nel 1322). All'inizio del XIV secolo la rivalità tra le fazioni dei Guelfi e dei Ghibellini culminò con la costruzione del grande campanile per separare i campi dei contendenti.

Fu soggetta dominazione francese, quindi spagnola, sino al 1647 quando venne conquistata dalla Repubblica di Genova passando, tre anni dopo, sotto il Granducato di Toscana.

Nel 1847 Pontremoli e il suo territorio venne annesso al Ducato di Parma in attuazione del trattato di Firenze del 28 novembre 1844 dove rimase fino all'unità d'Italia.

20161208-IMG 4981Molte quindi i punti di contatto storici con la Valpadana e l'Emilia in particolare. Una vicinanza non solo geografica ma soprattutto storica legano il territorio parmense e la lunigiana tant'è che, sin dalla Costituente, a opera del senatore Giuseppe Micheli nel 1946, ciclicamente si torna a parlare di "Lunezia", l'ipotetica regione comprendente le province della Spezia, Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e il circondario di Pontremoli.

Un'affinità storico-culturale che verrà celebrata il prossimo fine settimana (17 e 18 dicembre) in quel di Noceto (PR) in occasione del Christmas Food Wine Festival e che porterà alla luce, a suggellare il sodalizio tra il Comune di Noceto e quello di Pontremoli, un nuovo prodotto da "passeggio". Una variante del Testarolo (secco in questo caso) farcito di prosciutto nero di produzione nocetana e molto altro ancora.

"Sottano" e "Soprano" suoneranno la musica del Testarolo tipico. Il Cristmas Food Wine Festival, giunto alla seconda edizione, sarà perciò l'occasione per ammirare l'originale quanto affascinante produzione dei testaroli grazie allo show-cooking organizzato da Slow Food di Pontremoli, sotto la guida del fiduciario Marco Cavellini.


(A seguire - fondo pagina - la galleria immagini)

20161208-IMG 4480 20161208-IMG 5010


IMG 4035Christmas Food Wine Festival in Sintesi
Slow food, show cooking, trucks di street food, cantine vinicole di tutto il nord Italia, contraddistinte da produzioni di elevata qualità, che proporranno i calici in degustazione, per accompagnare ciò che i produttori agricoli e i ristoratori del territorio vorranno proporre.
Cotechino da passeggio accompagnato dallo zabaione, cappelletti, miele, formaggi, salumi, spezie, ortaggi di stagione, birre artigianali , oltre al testarolo da passeggio che sarà abbinato al pesto di basilico con il formaggio DISOLABRUNA dell'Azienda Profi di Ronchini Giuseppe.

Partner della manifestazione GOLA GOLA FESTIVAL
Contribuiranno alla organizzazione la Proloco Noceto, Associazione Incontriamoci in Paese, Consulta dei Giovani di Noceto, che prepareranno i pacchi natalizi.

Programma della manifestazione, nel centro storico:
sabato 17/12 dalle ore 12,00 stand di street food con crepes, pesce fritto, arrosticini e prodotti sardi, torta fritta, salumi, trippa, cappelletti da passeggio, zucca fritta e vin brulè, lambrusco cantine Ceci , birra Dolomiti.

domenica 18/12 dalle ore 9 , oltre agli stand di street food del sabato, apertura degli stand di degustazione, produttori agricoli, trucks di street e slow food, alle ore 11,00 il primo show cooking e l' intervento di Antonio di Vita. Previsto nel pomeriggio alle 15,00 il saluto dei rappresentanti delle amministrazioni comunali di Noceto e Pontremoli , alle 15,30 il secondo show cooking ed a seguire il via alle degustazioni.

20161206Locandina-christmas-noceto

Pubblicato in Agroalimentare Emilia