Imprese iperconnesse e dedicate allo sviluppo del servizio come elemento integrato alla produzione: questo il futuro delle imprese nel mondo della digitalizzazione, dei big data e di Industria 4.0.

E' l'immagine che emerge dall'Osservatorio Innovazione dell'Emilia Romagna edizione 2018 che è stato presentato a Bologna a R2B Research to business. Alcuni dati confermano la trasformazione digitale in Emilia-Romagna: le imprese della manifattura che integrano già prodotti e servizi in soluzioni avanzate sono il 39%; ben il 28% adotta soluzioni che coinvolgono Internet delle cose (IoT), il livello più alto nel Nordest; il 20% adotta soluzioni avanzate di economia circolare, improntate al ripensamento dell'intero ciclo di vita del prodotto, ecodesign, sharing platform.

L'Osservatorio InnoER, con una indagine realizzata su un campione di 2.047 imprese (pari al 10% del totale di quelle potenzialmente coinvolte con un fatturato superiore a 500 mila euro) e l'integrazione di diverse banche dati, offre il primo strumento conoscitivo sistematico per leggere l'evoluzione digitale delle imprese dell'Emilia-Romagna.

Secondo l'indagine, le aziende emiliano-romagnole presentano quattro profili innovativi: leader (27% del campione e 48% degli addetti) con una capacità elevata di governare il nuovo paradigma della prossimità all'interno dell'ecosistema di relazioni con fornitori e clienti, anche con capacità di utilizzare reti internazionali e tecnologie avanzate; proattive (23% e 21% rispettivamente) che non detengono una leadership tecnologica di settore, ma lavorano sullo sviluppo innovativo di prodotti e adattive (15% e 8%) che hanno un profilo di "inseguimento" dell'innovazione in relazione ai cambiamenti nel proprio settore e nel mercato; tardive (33% e 21%) che mostrano un ritardo di "sintonizzazione" con il fenomeno innovativo che interessa le filiere globali e le altre imprese regionali, e denotano una vulnerabilità più probabile.

Claudio Pasini, segretario generale di Unioncamere Emilia-Romagna ha ricordato che:
"L'Osservatorio 2018 offre elementi conoscitivi utili a stimolare riflessioni sulle politiche regionali. Il valore di questo lavoro sta nel far capire come le imprese sviluppano e gestiscono i processi di innovazione. Metà delle imprese di questa regione si autovaluta come leader o proattive e questo significa che è un territorio attento ai processi innovativi. Sistema delle Camere di commercio, Regione, Rete Alta Tecnologia, Centri di ricerca possono aiutare a crescere ulteriormente. Impresa 4.0 è un obiettivo verso il quale occorre far convergere gli sforzi".

L'Osservatorio è risultato della collaborazione tra Unioncamere Emilia-Romagna, Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini con la sua azienda speciale CISE, ASTER e Intesa Sanpaolo, con il supporto scientifico del Centro Studi Antares, ed è stato reso possibile dal supporto economico della Regione.
A SMAU R2B 2018 sono state presentate le frontiere dell'innovazione in Emilia-Romagna attraverso la testimonianza di tre aziende leader di settore: VEM sistemi SpA, leader nelle piattaforme IoT, Pieri Srl specializzata in sistemi di avvolgimento, Publione Srl impresa di comunicazione digitale, web marketing e soluzioni di e-commerce.

Davide Stefanelli di VEM Sistemi, ha sottolineato come "l'internet delle cose non è innovazione, bensì la più grande rivoluzione abilitante della nostra era che permetterà di ripensare al modo di produrre e progettare servizi".

Fabrizio Benini di Pieri Srl, ha spiegato che "la nuova spinta verso l'economia dei servizi sta conducendo anche imprese manifatturiere a lavorare su frontiere dell'interoperabilità e della digitalizzazione del rapporto fornitore e cliente".

Infine, Loriz Zanelli di Publione, ha evidenziato che "i servizi di comunicazione stiano diventando sempre più cruciali per la co-progettazione nell'era digitale al fine di generare valore".

presentazione_rapporto_innovazione_due.jpg

 

Lunedì, 04 Giugno 2018 10:13

Modena, elettronica protagonista

Modena, elettronica protagonista. Ospiti della filiale italiana di Icape Group, leader nella fornitura di componenti elettronici, dieci aziende del settore, di cui la città, dopo soli due anni, è diventata crocevia commerciale

(Modena, 4 giugno 2018). A scuola di circuiti stampati, ospiti della multinazionale dell'elettronica Icape Group, che da due anni ha scelto Modena come luogo ideale per affermarsi leader nella fornitura di componenti elettronici ed elettromeccanici nel nostro Paese.

Dopo domani  (mercoledì 6 giugno) e giovedì dieci aziende italiane del settore saranno presenti nella sede di Icape Italia, in via Ungaretti 30, per partecipare all'evento Technical Days. "Offriamo gratuitamente un programma completo di formazione dedicata ai nostri clienti - sottolinea il direttore Renato Farruggio - adattato alle loro esigenze e a quelle di mercato, sia in termini di supporto tecnico che commerciale. L'iniziativa fa seguito a quella che si è svolta alcuni mesi fa a Parigi, dove si trova la sede centrale del nostro gruppo, protagonista del comparto, con particolare riferimento alla distribuzione di produzioni d'eccellenza provenienti dal continente asiatico".

Un volume di vendite che ha raggiunto i 115 milioni di euro, in costante crescita, più di 1.500 clienti in una settantina di Paesi di tutto il mondo e un centinaio di aziende partner, fornitrici di "pcb" (printed circuit boards), componenti elettromeccanici e altre parti tecniche, con produzioni direttamente coordinate e controllate da più di 150 tecnici, propri dipendenti, distaccati all'interno delle imprese stesse. Sono questi alcuni dati che caratterizzano Icape a livello mondiale, fornitore di molti marchi prestigiosi.

"Anche da noi, in un solo biennio di attività - continua il direttore della filiale commerciale italiana - i risultati sono stati più che soddisfacenti, con oltre 100 aziende acquisite, su gran parte del territorio nazionale. Possiamo citare, fra le altre, Beghelli, Dinema, Abb, Meg Italia, Marposs e Tema. Il nostro team è raddoppiato e il fatturato ha raggiunto cifre significative. Ci stiamo sviluppando velocemente e in modo organico".

La scelta di Modena è risultata efficace "perché la città emiliana si trova lungo uno snodo fondamentale della rete dei collegamenti nazionali e perché immersa in un contesto regionale e interregionale di notevole sviluppo industriale - spiega Renato Farruggio - in cui, accanto ad alcune grandi e famose aziende, sorgono imprese, prevalentemente medie e piccole, che da sempre puntano sulla qualità. In Asia, e in particolare in Cina, dove opera la quasi totalità delle nostre realtà partner, collaboriamo con produttori 'top player', che sono di altissimo livello e che forniscono beni di elevatissimo valore, certificati".

Un'altra carta vincente della multinazionale dei circuiti stampati, fondata nel 1999 (che è oggi presente, oltre che in Francia ed Italia, in Germania, Spagna, Polonia, Russia, Stati Uniti, Messico, Brasile, India, Cina e Indonesia) "è l'estrema flessibilità che offriamo alla nostra clientela - prosegue Farruggio - dalla fornitura di un singolo a illimitate quantità di pezzi, a seconda delle esigenze di ciascuno. Mettiamo inoltre a disposizione una serie di servizi collaterali, come assistenza tecnica e supporti logistici, finanziari e assicurativi".

Conclude Renato Farruggio: "Oltre ai circuiti stampati di ogni tipo, anche grazie a Cipem, realtà appartenente al nostro gruppo, forniamo inoltre parti tecniche custom dedicate al mondo dell'elettronica industriale, quali elementi e contenitori metallici, componenti in plastica e stampi, tastiere, cavi e connettori, alimentatori e caricabatterie, display lcd e led, moduli e telecomandi. L'insieme di tutti questi elementi permettono ad Icape di presentarsi sul mercato come un fornitore completo, affidabile ed efficiente. Caratteristiche che ci consentono di attestarci tra le realtà più importanti nel panorama internazionale del settore".

 

Locandina_Technical_Days_Italia.jpg

 

 

Renato_Farruggio_direttore_commerciale_di_Icape_Italia.jpg

Venerdì, 01 Giugno 2018 07:57

GDPR: tutte le novità

Il GDPR (General Data Protection Regulation) porta con sé novità sostanziali che sono destinate a mutare la gestione complessiva della materia, vediamo quali sono i principali aggiornamenti.

Tutte le aziende titolari del trattamento dei dati sono obbligate a creare un registro delle attività svolte e di compiere una valutazione d'impatto sulla protezione dei dati.

La nuova figura del Data Protection Officer (DPO), dovrà essere obbligatoriamente presente all'interno delle aziende pubbliche e in tutte quelle dove il trattamento dei dati presenti specifichi rischi. Saranno coinvolte le aziende con più di 250 dipendenti e quelle dove il trattamento dei dati possa presentare un rischio per i diritti e le libertà dell'interessato.

Tra le novità anche il diritto all'oblio, ovvero la possibilità da parte dell'interessato di richiedere che i propri dati personali siano cancellati e non più sottoposti a trattamento e la portabilità dei dati, la libertà di trasferire i propri dati da un prestatore di servizi a un altro, senza impedimenti. Precisamente, nel caso in cui i dati personali siano stati raccolti per finalità o tipologie di trattamento per le quali il consenso non è richiesto, gli interessati potranno ottenere la cancellazione solo nel momento in cui i dati non siano più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti.

L'obbligo di comunicazione al Garante dell'avvenuta violazione dei dati personali sarà oggetto della nuova regolazione in materia di Data Breach e verrà esteso a tutti i titolari e responsabili dei dati.

Per i trattamenti che prevedono l'utilizzo di nuove tecnologie sarà obbligatorio la Valutazione d'impatto sulla protezione dei dati (DPIA), ovvero una valutazione degli aspetti personali relativi a persone fisiche basato su un trattamento su larga scala.

Maggiore attenzione dovrà essere data pertanto sia alle informative, al consenso e alle modalità di trattamento dei dati, sia alle eventuali richieste dei soggetti a cui i dati si riferiscono.

Le nuove disposizioni dovranno essere adottate considerando un impegno progettuale costante in materia di Privacy.

In termini teorici, la progettazione dovrà seguire i concetti di "Accountability", ogni impresa deve essere in grado di dimostrare di aver fatto quanto richiesto per mettere in sicurezza i dati personali, di "Privacy by design", tutti i sistemi di trattamento dei dati devono essere progettati nel rispetto della normativa e non solo usati in quel modo e di "Privacy by default", il sistema deve prevedere specifiche tecniche che devono in automatico prevenire eventuali violazioni.

Il GDPR non sostituisce ma integra l'attuale Codice della Privacy, abrogando solo le parti con esso non compatibili e riguarda tutte le aziende che, avendo uno stabilimento nell'Unione Europea, trattano dati personali indipendentemente dal fatto che il trattamento sia effettuato nell'UE stessa.

 

archimede_nuovo_logo.jpg

 

Nuova Editoriale società cooperativa - Regolamento generale sulla protezione dei dati personali (GDPR) -

Nuova Editoriale società cooperativa.
Via G. Spadolini, 2
43022 Monticelli Terme (PR)

I suoi dati sono molto importanti e preziosi per noi e li trattiamo con attenzione e estrema riservatezza. Il 25 maggio 2018 entra in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (UE 2016/679).

Se desidera rimanere in contatto con noi e avere informazioni di prima mano con le notizie delle nostre Testate Editoriali, non deve fare nulla. In tal modo, ci autorizzerà a continuare a inviarle le nostre comunicazioni.

Se non desidera ricevere queste informazioni, le chiediamo di inviare una richiesta di cancellazione al seguente indirizzo e-mail:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Un cordiale saluto da tutto il team di Nuova Editoriale società cooperativa

GDE-LOGO.jpg

logo-CIBUS_011_1.jpg

 

Logo-Nuova-Editoriale-456-182-fondoBianco_1.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mondo dell'automazione si è dato appuntamento, come ormai avviene da otto anni, alle fiere di Parma in occasione di SPS Italia che ha aperto i battenti ieri mattina per concludere il 24 maggio.

Una manifestazione in costante crescita e dalll'altissimo tasso d'innovazione proposto.

La guida per meglio orientarsi.

1 Perdersi nel percorso della Digital Transformation
Tra le iniziative più importanti dell'ottava edizione di SPS Italia, quella del significativo ampliamento del quartiere fieristico con un percorso dedicato alla Digital Transformation che si sviluppa nei padiglioni 4, 7 e Digital District.
Nel nuovo Pad. 'Digital District', dedicato all'avvicinamento tra i mondi IT e OT, protagoniste saranno le installazioni di casi reali presenti sul mercato: demo realizzate con la collaborazione di player digital e dell'automazione focalizzate su digital, cyber security, software, cloud e IIoT.
Nel Pad. 4, l'area Know how 4.0 - con focus su Robot&Co e Automazione e Meccatronica Avanzata - avrà invece demo spettacolari sviluppate dai fornitori di componenti e soluzioni per le macchine avanzate insieme a clienti finali e partner digitali.
Nel Pad. 7 il nuovo progetto "4.It Dal Saper fare al Machine Learning", nato in collaborazione con l'Associazione Italiana di Automazione Meccatronica (AIdAM), mostrerà l'integrazione tra automazione, motion control, sistemi di misura e di visione, ma anche di sistemi di simulazione avanzata, analytic e Big Data che insieme danno vita a soluzioni ispiranti di nuovi processi e di nuove lavorazioni.

2 Provare le demo dell'area Know how 4.0 (Pad. 4)
Macchinari in grado di fare manutenzione preventiva, connessi gli uni agli altri. Robot in grado di muoversi, evitare ostacoli, o incartare cioccolatini a una velocità incredibile: sono solo alcune delle applicazioni spettacolari attraverso le quali i visitatori potranno toccare con mano gli incredibili progressi della robotica e dell'intelligenza artificiale, e l'integrazione tra automazione e digitale.
Alcune delle demo coinvolgono direttamente il visitatore, non fatevi scappare l'occasione di provare il futuro!

3 Un giro nell'area della Cultura 4.0
Un'area di networking dedicata alla formazione 4.0 con la presenza e il coinvolgimento di Istituti Tecnici e Università, Incubatori e Start Up, Digital Innovation Hub, Ordine degli Ingegneri e Competence Centre e l'impegno delle associazioni di categoria partner dell'evento – ANIE, Assofluid, AIdAM, Assiot, Anima - che saranno presenti con progetti dedicati e desk informativi.
In quest'ambito studenti universitari e dottorandi selezionati dagli atenei coinvolti - gli "SPS Eng.els" - verranno ospitati e invitati per tutta la durata della manifestazione con il compito di far emergere il proprio punto di vista rispetto alle tecnologie più innovative presentate in fiera.4

4 Programma convegnistico

Incontri istituzionali, tavole rotonde, convegni scientifici, seminari tecnici, dibattiti: chi visiterà la fiera SPS Italia avrà l'imbarazzo della scelta.
Ci sono diversi percorsi convegnistici possibili. Oltre agli incontri istituzionali, ai seminari tecnici e scientifici, fatevi un giro nelle Arene: nella Digital Arena, Pad. Digital District, si parlerà di trasformazione digitale, cyber security, cloud. Nell'arena "Fare Cultura 4.0", interventi a cura di università, istituzioni e consorzi.
Il programma online è consultabile per giornata e/o per tipologia di incontro: clicca qui per consultarlo.

5 Crediti Formativi, ecco i convegni che consentono di ottenerli
Hai bisogno di CFP? Agli Ingegneri che parteciperanno all'intera sessione dei seguenti convegni ed iscritti a un Ordine Territoriale verranno riconosciuti CFP-Crediti Formativi Professionali (registrazione e firma obbligatoria in entrata e in uscita).
22 MAGGIO
14.00-17.00 Sala Cioccolato, Pad. 7
Convegno Scientifico - Appuntamento con la tecnologia. Intelligenza artificiale: visione e connettività per la Digital Transformation. Con riconoscimento di 3 CFP da parte dell'Ordine degli Ingegneri
23 MAGGIO
14.00-17.00 Sala Cioccolato, Pad. 7
Convegno Scientifico - Appuntamento con la tecnologia. Le sfide dell'automazione: efficienza e flessibilità. Con riconoscimento di 3 CFP da parte dell'Ordine degli Ingegneri
14.00-17.30 Sala Fragola, Pad. 7
Convegno Scientifico - Appuntamento con la tecnologia. Le sfide dell'automazione: efficienza e manutenzione. Con riconoscimento di 3 CFP da parte dell'Ordine degli Ingegneri
14.00-16.30 Sala Nocciola, Pad. 7
Progettazione, realizzazione e perizie di sistemi industria 4.0. 2 CFP da parte dell'Ordine degli Ingegneri
14.00-17.00 Sala Crema, Pad. 7
L'energia nell'era 4.0: normazione, qualità, sistemi di monitoraggio. Con riconoscimento di 2 CFP per gli Ingegneri iscritti a un ordine territoriale rilasciati dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e di 3 CFP per i Periti Industriali
24 MAGGIO
14.00-16.30 Sala Nocciola, Pad. 7
Progettazione, realizzazione e perizie di sistemi industria 4.0. 2 CFP da parte dell'Ordine degli Ingegneri
E' possibile ottenere fino a un massimo di 3 CFP al giorno. Per maggiori dettagli sui convegni che danno diritto ai crediti clicca qui.

6 Digital Walking, passeggiata con premio
L'idea semplice e divertente che ANIE Automazione ha avuto per promuovere il Gruppo Software: una passeggiata guidata con premio finale. Un'occasione per farsi un'idea dell'evoluzione delle tecnologie IT e del loro ruolo per l'evoluzione del settore manifatturiero (e non solo) verso industria 4.0.
Le regole sono semplici: basta visitare gli stand di almeno 8 delle tante aziende del gruppo, presenti nei padiglioni 3, 5, 6 e nel Digital District, e richiedere a un rappresentante delle aziende un biglietto da visita.
Una volta raccolti gli 8 "coupon" bisognerà recarsi allo stand del Gruppo Software (Pad. Digital District), e consegnarli per assicurarsi un simpatico gadget.
Scopri le aziende che potrete visitare per collezionare i biglietti in fiera: clicca qui.

7 Momenti di piacevole relax
Utilizzando i coupon del ticket di ingresso ogni visitatore può godersi un momento di relax nell'area esterna tra i padiglioni della fiera. Le iniziative, organizzate da Endress+Hauser, Pilz, Technology BSA, e Balluf, offrono rispettivamente un goloso spuntino, birra fresca, patatine e gelato.
Per una ricarica energetica firmata Rigoni di Asiago fate un salto all'Energy Point nel Pad. Digital District.

8 Feste, party e premiazioni
Maifest! Il primo giorno di fiera la tradizionale festa della manifestazione, per tutti gli invitati l'appuntamento è il 22 maggio, ore 18.30 - Padiglione 8. Una serata all'insegna del buon cibo parmense con l'influenza tedesca di birra e brezel.
In occasione della Maifest verranno premiati i vincitori di del Scientific Paper Symposium Award, dedicato da questa edizione alla memoria di Roberto Maietti, una figura importante per la storia della manifestazione italiana, da poco venuta a mancare ma sempre viva nel ricordo degli organizzatori e degli espositori.
Il premio viene consegnato alle memorie, per le due tematiche dei convegni scientifici, che hanno ottenuto il punteggio più alto in base alla valutazione del Comitato Scientifico della fiera.
Il secondo giorno invece, mercoledì 23 maggio, è tempo di feste degli espositori della fiera. A fine giornata terranno aperti i propri stand: Advanced Technologies (Pad. 3 Stand C029), B&R (Pad. 3 Stand F031), Beckhoff (Pad. 5 Stand M025), 3D Laser (Pad. 6 Stand B066), Sew-Eurodrive (Pad. 3 Stand E019).

9 Scaricare la App SPS Italia
Il modo migliore per visitare la fiera e avere tutte le informazioni a portata di mano, la app SPS Italia. Con l'app puoi registrarti, sfogliare il catalogo espositori e il calendario convegnistico, consultare la mappa dei padiglioni espositivi e scoprire gli appuntamenti organizzati dalle aziende durante tutto l'anno. Disponibile per dispositivi iOS e Android: spsitalia.it/app.

(Foto e gallery di Francesca Bocchia)

 

PR_Fiere_SPS-DSC_8246-1.jpg

 

PR_Fiere_SPS-DSC_8231-1.jpg

 

PR_Fiere_SPS-DSC_8285-1.jpg

 

 

 

 

 

Un aiuto contro il rischio dei furti ci arriva dalla tecnologia, in particolare dal nostro smartphone. Negli ultimi anni i sistemi di sicurezza si sono evoluti rapidamente e hanno iniziato a dialogare con il nostro cellulare.
Bastano pochi semplici gesti sulla app installata sullo smartphone per inserire e disinserire l'impianto di allarme antintrusione dell'abitazione anche quando siamo lontani da casa. Oppure se vogliamo sentirci sicuri quando siamo dentro casa con la nostra famiglia possiamo decidere di inserire parzialmente specifiche aree per attivare, ad esempio, la protezione del perimetro e dell'area esterna.
Ma la app ci offre altre funzionalità uniche, ben più importanti.

Nel corso della giornata possiamo avviare in qualsiasi momento la video verifica e controllare, attraverso le telecamere o le fotocamere installate nei dispositivi di sicurezza, ciò che sta accadendo all'interno dell'abitazione per sentirci vicino ai nostri cari ovunque ci troviamo.
Sono passati solo pochi anni da quando i sistemi antifurto si limitavano ad inviare un messaggio vocale al telefono per avvisarci di un presunto tentativo di intrusione. Oggi, in caso di allarme, il sistema è in grado di mandare sul nostro cellulare in tempo reale le immagini provenienti dalla fotocamera incorporata nel rilevatore di movimento così da aiutarci a prendere la migliore decisione su come agire.

Ma di fronte ad un tentativo di intrusione o addirittura alla presenza di malviventi all'interno dell'abitazione non è il caso di affrontare da soli situazioni di pericolo reale o potenziale. Per questo motivo, la scelta migliore è collegare l'impianto di allarme all'Istituto di Vigilanza Coopservice. La centrale operativa, attiva 24 ore su 24, dopo aver verificato l'effettività dell'allarme è in grado di attivare le forze dell'ordine e/o inviare sul posto una pattuglia con guardia giurata armata per effettuare specifici controlli e ripristinare le condizioni di sicurezza senza rischi per noi e la nostra famiglia.

L'Istituto di Vigilanza privata Coopservice vanta oltre 40 anni di esperienza nella sicurezza ed è presente sull'intero territorio nazionale con 21 sedi operative, più di 2.000 guardie giurate, 10 centrali operative tecnologicamente all'avanguardia e oltre 400 automezzi operativi.

Per maggiori informazioni sui servizi di sicurezza e vigilanza di Coopservice, visitate il sito www.coopservice.it .

 

LOGO_COOPSERVICE.jpg

Non solo Corea e Giappone, ma anche Cina. Quando si parla di tecnologia la "sfida" orientale al miglior prodotto diventa serrata e le risposte sul mercato non si fanno attendere. Anche nel settore della telefonia, in cui la battaglia a colpi di smartphone non sembra arrestarsi. E in questo scenario vuole collocarsi anche la senza dubbio anche la Cina: basta fare un click su https://blog.yeppon.it/migliori-smartphone-cinesi/ per dare uno sguardo ai migliori smartphone cinesi in circolazione.

Se facciamo riferimento ai cellulari di nuova generazione, il ventaglio è ampio e le opzioni a disposizione sono moltissime. Concentriamoci ora su un paio di modelli di fascia media, i migliori dal nostro punto di vista se si vuole spendere una cifra inferiore ai 300 euro.

Xiaomi Mi 5X

Questo smartphone rappresenta il perfetto compromesso per chi vuole acquistare un telefono di fascia media ma di grande qualità. Il fiore all'occhiello è costituito senza dubbio dall'hardware e dalla doppia fotocamera; quest'ultima permette infatti di applicare uno zoom e un effetto di sfocatura davvero interessanti. Da non trascurare affatto la linea estetica: si tratta di un cellulare che pur non presentando particolari sfumature di design, resta si presenta comodo e maneggevole. Inoltre il display e i tasti retro illuminati garantiscono un effetto visivo sempre piacevole.

In generale Xiaomi Mi 5 X è un modello che offre prestazioni elevate, leggermente sopra la media considerando il suo costo di vendita che si aggira attorno ai 250 euro. Questo è possibile anche grazie al software Miui 9 e ad una batteria che garantiscono una forza al processore e un'autonomia invidiabili.

Xiaomi Mi Max 2

Lo potremmo considerare una naturale evoluzione del modello visto in precedenza, con un prezzo solo leggermente superiore (sui 270 euro circa). Ma perché parliamo di evoluzione? Innanzitutto perché si tratta di un cosiddetto phablet, ovvero un modello che per caratteristiche (in particolar modo per le dimensioni) è un incrocio tra uno smartphone e un tablet. Ma il nostro è un riferimento anche alle specifiche tecniche di questo cellulare, che vanno a migliorare le prestazioni complessive rispetto al Xiaomi Mi 5 X pur senza snaturarle. Il vero punto di forza di questo smartphone è l'autonomia: grazie alla batteria da 5300 mAh si può infatti arrivare anche a tre giorni pieni senza metterlo in carica. Positivo anche sotto il profilo dell'hardware (dotato di un bel processore Snapdragon 625 octa core), questo cellulare ha un buon equilibrio anche per quanto riguarda la potenza del software (Miui 8.5) e la luminosità del display. Non eccelle per quanto riguarda fotocamera (di 12 megapixel) ma resta complessivamente ottimo in relazione al prezzo.

I parametri di scelta di uno smartphone

Quando si sceglie uno smartphone, così come qualunque altro prodotto, esistono dei parametri oggettivi. Ciò non toglie che le valutazioni da fare siano assolutamente personali: nel caso dello smartphone ad esempio c'è chi dà molta più importanza alla fotocamera e chi al comparto hrdware/software, oppure chi fa valutazioni più semplicistiche (ma non meno valide) legate all'autonomia della batteria o semplicemente alla linea estetica. Per questo noi abbiamo provato a fare una "media" tra i requisiti principali, che sono:

-display: la luminosità è un elemento chiave e immediato in un cellulare

-hardware e software: si tratta della parte più tecnica. Non tutti hanno le competenze per valutarla al meglio ma ci si può regolare in base alle proprie esigenze (soprattutto nel caso dei software)

-fotocamera: le foto sono un aspetto che incontra sempre più il favore degli appassionati ma anche un approccio dei neofiti

-autonomia: la durata della batteria e il risparmio energetico rappresentano un altro tema molto caro a una moltitudine sempre crescente di persone.

Scegliere di installare un impianto di allarme per proteggersi dai furti è certamente un'ottima soluzione per difendersi dai tentativi di intrusione. Ma quali caratteristiche minime deve avere un impianto per essere davvero efficace?

Tre sono gli elementi fondamentali: qualità dei componenti, progettazione adeguata dell'impianto e installazione corretta.

Infatti se un rilevatore di movimento non viene posizionato nel modo giusto oppure è di scarsa qualità può incappare in false rilevazioni. Anche un semplice contatto magnetico montato male su una finestra in una giornata di vento può generare una quantità tale di falsi allarmi da trasformarsi in un vero incubo.

Come essere certi che la segnalazione di un allarme sia realmente collegata ad un tentativo di intrusione?
Ogni volta che scatta un allarme in noi si attiva un forte stato di ansia e di preoccupazione. È quindi fondamentale che l'allarme sia attendibile e verificabile immediatamente per evitare di attivare azioni non necessarie e creare inutili tensioni.

Il consiglio è di installare almeno un rilevatore di movimento dotato di fotocamera o videocamera che, in caso di allarme, può restituirci in tempo reale le immagini fotografiche o video di ciò che accade all'interno o nei pressi della nostra abitazione direttamente sullo smartphone grazie ad una semplice app.

La stessa app che ci consente di attivare e disattivare l'impianto anche a distanza, di verificare chi entra e chi esce dall'abitazione e di effettuare delle videoverifiche su nostra stessa richiesta.

La documentazione fotografica o video che accompagna la segnalazione d'allarme ci permette di controllare se sono realmente presenti degli intrusi oppure se l'allarme è stato generato involontariamente da un nostro familiare che non ha seguito la corretta procedura al suo ingresso in casa.

Il videocontrollo diventa quindi decisivo per le scelte che decideremo di attuare in risposta all'allarme ricevuto. In particolari situazioni, il videocontrollo può essere affidato all'Istituto di Vigilanza Coopservice che può eseguire ispezioni programmate o casuali ed agire tempestivamente in caso di allarme e di pericolo effettivo inviando sul posto una guardia giurata a bordo di una delle numerose pattuglie di pronto intervento sul territorio.

L'Istituto di Vigilanza privata Coopservice vanta oltre 40 anni di esperienza nella sicurezza ed è presente sull'intero territorio nazionale con 21 sedi operative, più di 2.000 guardie giurate, 10 centrali operative tecnologicamente all'avanguardia e oltre 400 automezzi operativi.

Per maggiori informazioni sui servizi di sicurezza e vigilanza di Coopservice, visitate il sito www.coopservice.it .

 

LOGO_COOPSERVICE.jpg

Aumentano le vittime di sextorsion. I ricattati online sono sempre di più. L'allerta della Polizia Postale sulla pagina Facebook "Commissariato di PS Online". Lo "Sportello dei Diritti" rilancia i consigli della Polizia: "Anche se allettanti non accettate mai offerte di conversazioni o altro in cam con sconosciuti". E se cadete nella trappola denunciate prontamente.

post_allettante.jpgSta raggiungendo numeri da capogiro, quello che, purtroppo, sta diventando un fenomeno criminale di massa e del quale lo "Sportello dei Diritti" ha parlato più volte: la cosiddetta sextorsion. Non si contano più, infatti, le segnalazioni online e i fatti di cronaca che riguardano questo tipo di ricatto che viene effettuato attraverso l'adescamento e il coinvolgimento di ignari utenti della rete che diventano vittime, loro malgrado di tentativi o vere e proprie estorsioni di denaro o favori sessuali. E a fronte della miriade di denunce ricevute dall'autorità, vi è la certezza che altrettante vittime preferiscano il silenzio per vergogna e per non far sapere che si è caduti nella trappola.

A ricordarci costantemente di prestare la massima attenzione ai messaggi che riceviamo da sconosciuti e che ci propongono allettanti conversazioni che diventano via via sempre più "piccanti" è la Polizia di Stato sulla sua pagina Facebook "Commissariato di PS On Line – Italia". Proprio in data odierna, la Polizia Postale ha pubblicato un post con tanto di screenshot di uno dei messaggi tipo che possono giungere sulle nostre messaggerie istantanee come Messenger di Facebook da parte di contatti ignoti e che ci propongono chat erotiche. Solitamente si presentano con immagini carpite da altri profili di belle ragazze o ragazzi e che proprio per questo diventano ancor più allettanti.

Ovviamente, ricorda Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", si tratta di malintenzionati di ogni tipo che nascondono la loro vera identità dietro profili virtuali quasi sempre falsi e il cui unico scopo è quello di estorcerci del denaro o prestazioni sessuali. L'unico modo di evitare di cadere nella trappola, come ricorda la Polizia Postale, è quello di non rispondere mai o attivare le nostre cam quando riceviamo messaggi di questo tipo da parte di sconosciuti. E se purtroppo si è incappati nel tranello e quindi nel ricatto, è sempre opportuno provvedere a sporgere prontamente denuncia all'autorità giudiziaria che, è bene ricordare, ha sempre un obbligo di riservatezza nei confronti delle vittime di reati e quindi anche in questo particolare tipo di estorsione.

(18 aprile 2018)

Mercoledì, 04 Aprile 2018 10:37

Come proteggersi dalle intrusioni

L'aumento della criminalità e dei furti nelle abitazioni negli ultimi anni ha assunto proporzioni preoccupanti. Ma ancor più del numero, preoccupano le modalità con cui i malviventi compiono i loro atti illeciti. Se fino a qualche anno fa ad essere prese di mira erano le abitazioni isolate o nelle quali i proprietari erano assenti, oggi i furti vengono compiuti in ogni ora del giorno e della notte, anche in presenza di persone all'interno.

Non si tratta più di proteggere solo i vostri beni, ma soprattutto di tutelare la vostra famiglia e voi stessi dal rischio di intrusioni, con un sistema in grado di rilevare i tentativi di effrazione anche quando siete in casa.

Oggi esistono sul mercato un'infinità di sistemi di allarme per tutte le tasche. Ma non è facile orientarsi e capire qual è la soluzione più adatta. Le soluzioni fai-da-te sono certamente economiche ma non tengono conto delle specificità della vostra abitazione, della composizione della famiglia, delle vostre abitudini o della presenza di animali domestici.

Per fare una scelta accorta ed efficace, affidatevi ad un professionista della sicurezza capace di individuare con precisione cosa serve per proteggere la vostra casa e la vostra famiglia.

Ad esempio, una scelta apparentemente semplice come l'installazione di un sensore sulle finestre porta con sé delle valutazioni più ampie, come la necessità di tenere aperte le finestre per un salutare ricambio d'aria o di lasciare le tapparelle alzate per far entrare luce a sufficienza.

Solo un esperto potrà aiutarvi a compiere una scelta più consapevole perché proteggersi dai ladri non deve significare sentirsi reclusi in casa propria.

Per maggiori informazioni sui servizi di sicurezza e vigilanza di Coopservice, visitate il sito www.coopservice.it .

 

LOGO_COOPSERVICE.jpg