Redazione

Redazione

Domenica, 20 Ottobre 2019 15:17

Parma Marathon, le immagini

Parma 20 ottobre 2019 - L'obiettivo di Francesca Bocchia alla Parma Marathon 2019 

Intervista a Turbo e Saetta, noti al pubblico come "Gli Stalloni Italiani", fratelli sul ring e nella vita reale, vincitori del titolo mondiale di coppia il 12 ottobre a Portile (MO), per conto della Wiva Wrestling di Reggio Emilia al grande evento "Massimo Impatto". Ugo Telloli, nato a Parma il 27 giugno 1981, in arte Turbo ed Emanuele Telloli in arte Saetta, nato a Parma il 12 gennaio 1992. Abbiamo già parlato di loro in un precedente articolo che potete rileggere a questo link

https://www.gazzettadellemilia.it/sport/item/25324-turbo-saetta-al-massimo-impatto-wrestling-wiva-,-il%2012-ottobre-a-modena.html 

Di Nicola Comparato Parma, 20 ottobre 2019 - 

1) Benvenuti Turbo e Saetta e complimenti per la vostra vittoria. Per chi non segue il wrestling, qual' è il titolo che avete conquistato?

TURBO: Il titolo conquistato è il Titolo Mondiale di Coppia della REVENGE F.C. una delle più importanti organizzazioni di sport da combattimento che ci siano. È un titolo nato da poco, fortemente voluto dal Pluri-Campione del Mondo di Arti Marziali Umberto Lucci, dirigente della REVENGE ed ETF e grande appassionato di Wrestling.

2) Era molto tempo che non vi vedevamo tra le file della "Wiva Wrestling", vi siete occupati di altro o è stata solo una semplice pausa?

TURBO: Io e mio fratello eravamo lontani dalla Wiva da 2 anni ma abbiamo lottato in altre compagnie dove abbiamo tenuto dei buoni rapporti,
ovviamente non facendoci parte attiva, in quella realtà non avevamo tanto spazio.

SAETTA: Siamo stati lontani dal ring di quella realtà ma abbiamo continuato a fare incontri in altre realtà che ci hanno dedicato una vetrina. Personalmente mi sono dedicato a tante altre cose.

3) Dedicate la vostra vittoria a qualcuno in particolare? Se si, a chi?

TURBO: Prima di tutto a me stesso, perché ho inseguito questo sogno di vincere e condividere il titolo di coppia con mio fratello, parte attiva della mia vita, il mio compagno in questa avventura da quando abbiamo iniziato di intraprendere questa strada.
A mia moglie Arianna che mi è stata vicino in questa scelta nonostante fosse un momento molto difficile della mia vita.
La dedico anche a chi nella Wiva ha sempre creduto in noi, in particolare a Danilo Mariotti vicepresidente della federazione che ci ha voluto di nuovo nell' organizzazione.

SAETTA: La dedico a me stesso. Era il mio sogno vincere un titolo di coppia con mio fratello. La dedico a tutto il personale della Wiva Wrestling, a chi mi ha amato e a chi mi ha odiato. La dedico ai miei genitori, parenti, amici, colleghi e conoscenti. La dedico a tutti. Una cosa del genere va condivisa con tutti.

4) Siete lottatori di Wrestling da diversi anni, in generale, cosa è cambiato in questa disciplina col passare del tempo?

TURBO: Sono in attività da 7 anni. Il business è completamente cambiato. Ora si sono aperte sempre più possibilità c'è molto più richiesta del wrestling e ci sono molte più scuole. Tutte le Federazioni in qualche modo sono raggiungibili con i canali streaming YouTube anche le più piccole quindi è possibile avere spazi per tutti.

SAETTA: 7 anni fa le cose erano diverse. Le informazioni arrivavano difficilmente in casa delle persone. Adesso il buisness si è ampliato e c’è molta richiesta del Wrestling.

5) Qual'è stata la vostra miglior vittoria e la vostra peggior sconfitta?

TURBO: La mia peggior sconfitta è stata Massimo impatto III avvenuta a Reggio Emilia il 28 novembre 2015, quando ho avuto la mia title Shot per riprendermi la cintura che il mese prima avevo perso perché fui attaccato da 6 persone, ma anche in quella occasione fui attaccato da altri 5 persone perdendo il mio rematch. In questo momento ti direi la mia miglior vittoria è stata questa qui di Massimo impatto a Portile di Modena del 12 ottobre perché ho vinto i titoli di coppia che tanto avevo ho sognato di vincere con mio fratello.

SAETTA: Nessuna sconfitta peggiore che mi abbia portato a vincere il titolo italiano dei pesi leggeri e un titolo di coppia. Una vittoria è composta sempre da una serie di sconfitte.

6) Che ruolo vorreste avere nel vostro futuro all'interno del mondo del wrestling?

TURBO: Continuare per la mia strada a portare la cintura più in alto possibile facendola conoscere a più persone possibili e a difenderla contro qualsiasi Tag Team.

SAETTA: Il mio compito sarà quello di difendere la cintura. Portarla in alto.

7) Ci sono mai state discussione tra i vari lottatori al di fuori del ring? Che rapporto avete con gli altri wrestlers?

TURBO: Certo, è come avere qualsiasi disguido con i colleghi.
La differenza è che qua non siamo in ufficio ma siamo sul ring e i colpi si fanno più pesanti.
Ma siamo tutti professionisti e quindi in qualche modo la situazione si risolve.

SAETTA: I disguidi fanno parte della nostra quotidianità. Essendo professionisti siamo tutti abituati a risolvere le questioni.

8) Secondo voi, come deve comportarsi un vero lottatore nella vita di tutti i giorni?

TURBO: Un vero lottatore è un vero atleta, pronto per qualsiasi evenienza. Ovviamente deve essere sempre allenato, deve curare la nutrizione ed essere sempre pronto mentalmente.

SAETTA: Deve portare alto il nome della federazione. La deve preservare. Dev’essere immagine ed icona adottando un atteggiamento distinto in ogni singolo momento della giornata.

9) Avete combattuto solo in Italia o anche all' estero?

TURBO: Sì ho avuto due esperienze, a Norwich in Inghilterra,
dalla famiglia Knight.
Attualmente la loro figlia Paige si trova in WWE e ha vinto il titolo NXT Womans e più volte il titolo WWE Womans.

SAETTA: Ho combattuto solo in Italia

10) Ultima domanda, chi è il più grande wrestler di tutti i tempi?

TURBO: Il wrestling si è evoluto. Non è semplice rispondere a questa domanda.
Per fare una valutazione del genere ci sono siti specializzati come
Pro Wrestling Illustrated,
Pro Wrestling Torch e
Pro Wrestling Illustrate 500,
che fa le classifiche appropriate. A presto e grazie per la disponibilità.

SAETTA: Sono d'accordo con mio fratello. Grazie di cuore per tutto.

Per vedere Turbo e Saetta in azione al Massimo Impatto cliccate a questo link:

https://www.facebook.com/509761672435350/posts/2374938382584327/ 

Per info e contatti:

La pagina Facebook di Turbo

https://www.facebook.com/Turbo-Wrestling-Italiano-509761672435350/ 

Il profilo Instagram di Turbo

https://instagram.com/turbo_italianwrestling?igshid=1g8xpivcoq5p8 

La pagina Facebook di Saetta

https://www.facebook.com/SaettaNeraWiva/ 

La pagina Facebook Wrestling Wiva

https://www.facebook.com/wrestlingwiva/ 

Spaventa i passanti con una pistola giocattolo: bloccato da Polizia di Stato e Carabinieri - 

Carpi 19 ottobre 2019 - Nella serata di ieri, una Volante del Commissariato di P.S. di Carpi è intervenuta in via Ugo da Carpi, all’angolo con via Abetone, dove era stata segnalata la presenza di un uomo, che girava armato di pistola, puntandola all’indirizzo dei passanti. Gli agenti utilizzando tutte le cautele del caso hanno bloccato, con l’ausilio di una pattuglia del Comando Compagnia Carabinieri di Carpi, l’uomo, identificato successivamente per un cittadino ucraino di 41anni, al quale hanno sequestrato una pistola giocattolo. Accompagnato presso gli Uffici del Commissariato per accertamenti più approfonditi, è stato denunciato in stato libertà per il reato di minacce aggravate.

Reato di stalking e maltrattamenti in famiglia: scatta il “divieto di avvicinamento” alla ex compagna per un cittadino peruviano
La Polizia di Stato ha eseguito ieri la misura cautelare del “divieto di avvicinamento alla persona offesa”, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Modena il 17 ottobre scorso a carico di un cittadino peruviano, indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori nei confronti della ex compagna.
L’uomo, nel corso della relazione durata all’incirca sei anni e anche dopo la fine della loro convivenza, ha mantenuto una condotta di costante sopraffazione e volontà di intimidazione, caratterizzata da ripetute aggressioni fisiche e verbali e da condotte vessatorie e persecutorie nei confronti della donna, anche in presenza della loro figlia minorenne, acuite dall’abuso di sostanze alcoliche e droganti.
Tali atteggiamenti avevano portato la donna a vivere in un profondo stato di prostrazione e angoscia, esasperato dalla paura per la propria incolumità e per quella della figlia. Sfinita dalle continue vessazioni si è rivolta alla Polizia di Stato.
La scrupolosa attività di indagine, svolta dagli investigatori della Squadra Mobile, specializzati nei reati contro la persona, ha consentito di raccogliere una serie di fonti di prova che hanno permesso alla Procura della Repubblica di Modena, nella persona della dott.ssa Natalini, di richiedere in via d’urgenza al G.I.P., in attesa degli sviluppi processuali, l’emissione della misura coercitiva del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, quantificato in 100 metri, a cui si aggiunge il divieto di comunicare con la vittima attraverso qualsiasi mezzo.

Fermato con documenti falsi sull’A1: 36enne moldavo arrestato dalla Polizia di Stato - Giovedì 17 ottobre, intorno alle ore 14.00, nel transitare sulla carreggiata nord della A/1, una pattuglia della Sottosezione Polstrada di Modena Nord ha fermato per un controllo una FIAT Punto con targa italiana che, in entrata al casello di Modena Nord, si era immessa nel flusso veicolare in direzione nord. Il conducente, un cittadino 37enne di nazionalità moldava, residente a Parma, ha esibito una patente di guida rumena, mentre il passeggero era in possesso di una carta di identità rumena.  
Gli agenti hanno accompagnato i due stranieri presso gli Uffici della Sottosezione di Modena Nord, per accertamenti sulla autenticità dei documenti, in quanto vi erano fondati dubbi che fossero falsi. Approfondite verifiche sui due soggetti hanno permesso di accertare che la carta di identità rumena era stata falsificata e che al conducente, da tempo residente sul territorio nazionale, era stata sospesa nel 2011 la patente per guida in stato di ebbrezza alcolica. Quest’ultimo per poter continuare a guidare, aveva deciso di procurarsene una falsa, circostanza emersa dall’accertamento fatto in banca dati sul numero del documento rumeno, che è risultato intestato ad altra persona. Il moldavo è stato, pertanto, denunciato a piede libero e sanzionato ai sensi del Codice della Strada, mentre il passeggero, identificato per un cittadino moldavo di 36 anni, è stato tratto in arresto per il reato di possesso di documento falso valido per l’espatrio.

Ruba una borsetta in discoteca: 20enne denunciato dalla Polizia di Stato
La Squadra Volante ha denunciato in stato di libertà un cittadino tunisino di 20 anni, regolare sul territorio italiano, per il reato di furto aggravato.
Intorno alle ore 5.00 di questa mattina, gli agenti sono intervenuti presso il locale Kyi Lounge in via Jacopo da Porto Sud, in quanto gli addetti alla sicurezza avevano individuato l’autore di un furto di una borsetta ai danni di una cliente.
Grazie alla visione dei filmati delle telecamere di sorveglianza installate nel locale, è stato possibile accertare quanto accaduto, ovvero che il tunisino si era impossessato della borsa, lasciata incustodita dalla vittima su un divanetto, occultandola sotto la felpa.
Il 20enne, rintracciato all’interno del locale, ha ammesso la propria responsabilità e ha dato indicazioni per ritrovare la borsa, che lo stesso aveva abbandonato al centro della pista da ballo.
Il tunisino è stato poi accompagnato in Questura per accertamenti più approfonditi, dai quali sono emersi precedenti di Polizia a suo carico per rapina, ricettazione, furto con strappo e associazione per delinquere.

Pagina 1 di 5449