Visualizza articoli per tag: Prima Pagina

Cibus Agenzia Stampa Agroalimentare: SOMMARIO Anno 19 - n° 01 05 gennaio 2020 -
Editoriale:  - 2020, 20 di guerra- Lattiero caseario. Stabili i derivati del latte - Cereali e dintorni. Mercati in attività, in attesa della firma USA/CINA - Cinghiali: è allarme trichinosi. - “Agricoltura reggiana, un 2019 di luci e ombre” - sicurezza alimentare... -


SOMMARIO Anno 19 - n° 01 05 gennaio 2020

cibus_1_5gen2020_cop.jpg
1.1 editoriale
2020, 20 di guerra
3.1 lattiero caseario Lattiero caseario. Stabili i derivati del latte.
3.1 Bis lattiero caseario Lattiero caseari. tendenza
4.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. Mercati in attività, in attesa della firma USA/CINA
5.1 cereali e dintorni tendenze.
6.1 sicurezza sanitaria Cinghiali: è allarme trichinosi..
6.2 sicurezza alimentare Micotossine oltre i limiti, ritirato il pane grattugiato.
7.1 ambiente  Spandimenti, agricoltori in difficoltà per le promesse non mantenute della giunta regionale dell'emilia romagna
8.12019, l’agricoltura reggiana “Agricoltura reggiana, un 2019 di luci e ombre”
9.1.1promozioni “vino” e partners
10.1 promozioni “birra” e partners

 

(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)

(Scarica il PDF alla sezione allegati)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica, 05 Gennaio 2020 07:40

2020, 20 di guerra

Il nuovo anno non si è certamente aperto secondo i migliori auspici facendo intendere di non voler smentire il detto popolare che lo vorrebbe funesto
 
Di Lamberto Colla 5 gennaio 2020 - La bandiera con la mezza luna turca sventolerà in Libia a sostegno del Governo regolare accettato dall’Onu e dall’Italia e guidato da Fayez al-Sarraj

Dall’altra parte invece il generale Khalīfa Belqāsim Ḥaftar, l’uomo forte della Cirenaica e da sempre fedele a Gheddafi, che sta cercando di conquistare il potere con la forza e il sostegno imbarazzante della Francia, il solito splendido alleato.

A questo punto quanto potrà mai valere la diplomazia europea che vede contrapposte la seconda e terza forza economica fronteggiarsi, l’Italia con il Governo centrale di Tripoli e la Francia con i ribelli? E infine Il terzo incomodo, la Turchia, anch’essa appartenente alla NATO entrare prepotentemente nel conflitto senza alcuna autorizzazione, come di fatto nemmeno i Francesi chiesero ma dovettero confessare dopo che vennero scoperti dei missili nelle aree coperte dal generale Haftar.

Trump_e_Soleimani_2018.jpg

(nella foto centrale Trump e Soleimani quando si sfidarono nel 2018 su twitter in perfetto stile “Game of Thrones”: “Le sanzioni stanno arrivando novembre 5” scriveva Trump e ritratto di profilo Soleimani rispondeva “Venite vi stiamo aspettando”)

E poi l’IRAN che non perde occasione di stuzzicare gli USA e questa volta in territorio Iracheno andando a fomentare una rivolta contro l’ambasciata USA di Badgad dove un mercenario USA (contractor) ha perso la vita.

Poco più di 24 ore dopo la reazione USA, mirata e chirurgica, molto simile alle risposte israeliane agli attacchi dei palestinesi, ha colpito il convoglio che stava trasportando il numero due Iraniano, il Generale Qassim Soleimani, accreditato per diventare il leader supremo e capo dei Quds, i guardiani della rivoluzione, oltre al suo fedelissimo con il quale aveva aizzato la folla irachena contro gli USA.


.

twit_white_house.png

Ora la tensione è alle stelle e la diplomazia UE è spuntata a causa della Francia, della Turchia e dalla perdita di Federica Mogherini dalla posizione di Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, decaduta il 1° dicembre 2019 e ricevuto in carico dal 2014.

La guida della politica estera e di sicurezza comune dell’Unione Europea, solida e efficace, è oggi passata nelle mani dello spagnolo Josep Borrell che sembra voler proseguire lo stile dell’italiana, ovvero il laico, inutile silenzio.

 

____________________


(Per leggere i precedenti editoriali clicca qui)


____________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica Emilia
Domenica, 05 Gennaio 2020 07:31

Il calo dell'editoria continua

Tra il 2014-2018 calo dei ricavi nell’editoria del 14,1%, anche gli organici risultano in forte contrazione

DI Irene Vitale - (USPI) 3 Gennaio 2020 - Anni difficili per l’editoria. Il focus bilanci 2014-2018 dell’AGCOM, pubblicato ieri sul sito dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, mostra un calo dei ricavi del 14,1% pari a oltre 670 milioni di euro.
L’analisi, che si concentra sullo studio dei bilanci delle principali imprese operanti nel mercato dell’editoria quotidiana e periodica, distingue tra ricavi domestici -ovvero quelli conseguiti in Italia- e quelli complessivi. I primi sono pari a poco più di 3,5 miliardi di euro nel 2018 e si sono ridotti nel periodo preso in esame del 7,9% -ovvero di 300 milioni di euro-. Nonostante questa ingente riduzione, il comparto domestico registra nel 2018 una crescita complessiva del 4,6% rispetto al 2017 (+0,6% limitatamente ai ricavi domestici).

Sul comunicato stampa dell’AGCOM apparso ieri, si legge: “Sempre riguardo il settore dell’editoria il margine operativo lordo, mediamente pari al 9,3% dei ricavi durante il periodo 2014-2018, raggiunge il 12,4% nel 2018, mentre il margine operativo netto, con un valore medio di periodo del 2,4%, nel 2018 si attesta al 7,2% (in crescita di 3,8 punti percentuali rispetto al 2017)”.

Il focus dell’AGCOM continua analizzando poi i livelli occupazionali: gli effetti della crisi dell’editoria cartacea sono stati anche in questo caso considerevoli, tanto che tra il 2014 ed il 2018 gli organici delle imprese in esame sono stati ridotti del 7,8%, circa 1.100 unità. Su base annua la flessione nel 2018 è stata del 2,3%, con una perdita di circa 300 addetti.

editoria_occupazione.jpg

Pubblicato in Economia Emilia

BOLOGNA, 4 gennaio 2020 - "Ancora una volta il Pd utilizza le istituzioni come cosa propria. E il comizio del mio avversario Pd, oggi a Medesano, è finito addirittura in diretta sulla pagina Facebook del Comune, in barba alla par condicio e alle indicazione del Corecom dell'Emilia-Romagna, del 3 dicembre scorso. Le istituzioni sono di tutti, liberiamole dall'arroganza di questa sinistra che usa la Regione e i Comuni come fossero la segreteria di partito. Ci vuole rispetto per la legge, per i cittadini, per la democrazia".

Così Lucia Borgonzoni, candidata alla presidenza della Regione, annunciando un'interrogazione al governo sul caso della diretta Facebook sulla pagina social istituzionale del Comune di Medesano, nel corso dell'incontro elettorale del Pd di oggi

(Foto Francesca Bocchia - Novembre 2019)

immagine.jpg

Pubblicato in Politica Emilia

Oltre 30 premi offerti da aziende ed esercenti del territorio, per costruire insieme un grande #mattoncinodicuore

Ultimi giorni per partecipare alla Lotteria di Sant’Ilario, un’iniziativa ideata dalle associazioni di volontariato che hanno unito le forze per dare sostegno al Centro Oncologico di Parma e far conoscere il progetto ai cittadini in modo coinvolgente e alla portata di tutti.

C’è tempo fino a venerdì 10 Gennaio 2020 per acquistare gli ultimi biglietti ancora disponibili.

Li potete trovare presso la sede di Intercral (viale Caprera 13, Parma – dal LUN al VEN dalle 15,00 alle 18,30 – info 0521 969637) e nei bar Camst all’interno dell’Ospedale Maggiore (“La chiocciola” all’Ospedale dei Bambini, “La Piazzetta” presso il self-service, “Camst Caffè” presso la Torre Medicine).
I biglietti partono da una donazione minima di 2€ che verrà interamente destinata al progetto.

Sono oltre 30 i premi in palio offerti gratuitamente da aziende ed esercenti della provincia e comprendono - oltre al buono sconto da 1000 euro del primo premio – pacchi gastronomici, set di pentole, week viaggio, prodotti di bellezza, apparecchi medicali, degustazioni e cene in pub o ristoranti rinomati. Tra gli sponsor Complesso commerciale Campus; Illa Spa; Robin Tour – Agenzia di viaggi; Consorzio tutela del Salame di Felino IGP; Consorzio tutela della Coppa di Parma IGP; Gioielleria Oddi; Cantine Ariola; Associazione Snupi; Farmacia Montanara; Highlander Pub di Parma; Podere Cadassa di Vedole di Colorno; Caseificio Borgo del Gazzano; Molinari Caffè; Trattoria La Maestà di Ronco Campo Canneto; Jamaica Pub di Parma; Ristorante Al Vecchio Mulino di Colorno; Torrefazione Artigianale Gallo.
L’estrazione avverrà il 13 Gennaio 2020 alle ore 12 presso la Chiesa di S. Ilario in via d’Azeglio a Parma. I biglietti vincenti saranno pubblicati sul sito insiemeconteparma.it il giorno successivo all’estrazione. Un modo semplice, ma efficace, per sentirsi parte di una grande campagna di solidarietà.

Pubblicato in Comunicati Sanità Parma

Guido Picelli, l'eroe delle barricate di Parma, antifascista  deceduto in Spagna dove gli vennero tributati ben tre funerali di Stato, a Madrid, Valencia e Barcellona, è stato ricordato questa mattina alla presenza di molte autorità cittadine e regionali.

(Gallery di Francesca Bocchia)

Pubblicato in Cronaca Parma

Prosegue la campagna elettorale di Stefano Bonaccini. Stamattina era a Parma con l'assessore regionale all'agricoltura Simona Caselli al caffè HUB per un evento pubblico  dal titolo "Cibo buono e sostenibile per una Regione a spreco zero". Alle  ore 14:00  a Medesano, aperitivo con Stefano Bonaccini, Bar Meat&Co., Piazza Rastelli, 7; ore 15:30, Borgo Val di Taro, ore 18,30, Bedonia, ore 21:00, Monticelli Terme, incontro pubblico presso Hotel delle rose, Via Montepelato Nord, 4“

Foto di Francesca Bocchia 66527565-8b07-468d-886f-d42d33901520.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma
Sabato, 04 Gennaio 2020 14:38

Senso unico alternato sul ponte sul Secchia

La Provincia di Reggio Emilia informa che sul ponte sul fiume Secchia lungo la Sp 108 "Castelnovo Monti-Bondolo-Carù", al confine tra i territori comunali di Castelnovo ne' Monti e Villa Minozzo, da oggi è stato istituito - per un tratto centrale di circa 110 metri - un senso unico alternato regolato a vista con limite di velocità a 30 km/h. Il provvedimento, così come il divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore a 33 tonnellate istituito lo scorso febbraio, è stato adottato per continuare a garantire la percorribilità in assoluta sicurezza del ponte, in attesa di reperire le risorse necessarie ad un intervento di manutenzione.

Venerdì, 03 Gennaio 2020 15:38

Cinghiali: è allarme trichinosi.

Cinghiali infetti, è allarme trichinosi: dopo 30 anni rispunta in alcune aree geografiche italiane la malattia trasmissibile anche all'uomo. Lo Sportello dei Diritti raccomanda a tutti i consumatori di acquistare carni e salumi di provenienza certificata e con i dovuti controlli sanitari
 
Nelle ultime settimane diversi casi di trichinosi sono stati riscontrati sui cinghiali abbattuti in Lazio, Molise e alcuni giorni fa in Sardegna in territorio di Oliena. Questi casi devono sicuramente generare consapevolezza nei cacciatori e nei consumatori di carne proveniente dai cinghiali e comprendere l’importanza dei controlli e della prevenzione.

Pertanto, vista la rapida diffusione in diverse regioni italiane, è necessario che tutti i cinghiali abbattuti vengano sottoposti ad analisi, ponendo la massima attenzione nella fase di eviscerazione e prelievo dei campioni da analizzare. A rilevare la spiacevole notizia gli Istituti zooprofilattici di Lazio, Molise, Sardegna e Toscana a seguito dei prelievi dei veterinari delle Asl dei comprensori citati. Una prassi virtuosa che consente di avere il polso della situazione territoriale e di prevenire eventuali pandemie. Il rischio è che può accadere che la selvaggina catturata può essere consumata al livello domestico oppure venduta a ristoranti e macellerie per la preparazione di pietanze tipiche locali. La Trichinellosi è una zoonosi parassitaria del genere Trichinella.

Presente in tutti i continenti tranne che nell’Antartico, è stata segnalata in più di 100 specie di mammiferi, 13 specie di uccelli, 3 specie di rettili e colpisce oltre 2.500 persone all’anno. L'infezione, come noto, può essere trasmessa sia ad altri esemplari che all'uomo il quale, poco dopo l'ingerimento del pezzo di carne contaminata, sviluppa sintomi quali diarrea, febbre, cefalea e malessere. Il periodo invernale rappresenta il momento di maggior rischio di infezione per l’uomo poiché in questa stagione, tradizionalmente, molte famiglie macellano il maiale per preparare prosciutti, salsicce, guanciali, pancetta e altri derivati. Per rendere innocua la carne infetta, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” è necessaria la cottura a temperature superiori ai 70°: particolare che espone a seri rischi salsicce e affettati.  


(3 gennaio 2020)  

Pubblicato in Agroalimentare Emilia

Chiuso per sette giorni dal Questore di Parma il bar la Suerte di via D’Azeglio

Parma – Nella giornata del 13 dicembre u.s., a seguito di un intervento per rissa effettuato dalla Squadra Volanti e da due Pattuglie del reparto prevenzione e crimine il Questore di Parma ha emesso il provvedimento amministrativo ex art.100 T.U.L.P.S. con cui è stata sospesa per sette giorni la licenza di somministrazione di alimenti e bevande al titolare del bar ubicato in via D’Azeglio.

Il provvedimento, che è finalizzato a prevenire i pericoli per la tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, ha avuto scaturigine da numerosi controlli avvenuti nel tempo con identificazione abituale di pregiudicati all’interno dell’esercizio da parte di personale della Squadra Volante della Questura ed in particolare per la rissa che si è verificata la sera del 13 dicembre decorso, iniziata per futili motivi all’interno del bar e proseguita nelle immediate pertinenze dello stesso tra tre persone in evidente stato di ebbrezza alcolica, di cui una trovata in possesso di sostanza stupefacente per uso personale.

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 10 di 1264