Visualizza articoli per tag: Carabinieri di Parma

Domenica, 08 Dicembre 2019 15:50

Nigeriani arrestati per spaccio

La pattuglia di Parma Oltretorrente ha proceduto ieri all’arresto di un cittadino nigeriano classe '92, residente a Parma incensurato, poiché fermato in via Baganza veniva trovato in possesso di ovuli contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina (totale 15 gr).

All’atto del controllo lo stesso tentava di darsi alla fuga ma veniva prontamente fermato dai militari è stato  arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio.

In una successiva perquisizione personale è stata rinvenuta una somma contante di 250 €, presumibilmente provento dell’attività di spacci.

Durante la perquisizione domiciliare veniva inoltre denunciato, per detenzione ai fini di spaccio, un nigeriano classe '94 e domiciliato a Parma anch'egli incensurato, il quale veniva trovato in possesso di 6 gr. di cocaina e della somma contante di 800 € probabile provento dell’attività di spaccio.

Arrestato e trattenuto attualmente presso le camere di sicurezza in attesa del rito per direttissima.

Pubblicato in Cronaca Parma

Una ventina di unità della compagnia Carabinieri di Parma sono state impiegate per un servizio di controllo coordinato che ha viste coinvolte via Garibaldi, viale Piacenza, la zona stazione e via Don Minzoni.

Parma 1 dicembre 2019 - Durante il servizio sono stati sequestrati oltre 120 gr di marijuana, 9 gr. di cocaina e oltre 1.000€ provento dell’attività di spaccio.
Inoltre sono stati arrestati:
⁃ un cittadino nigeriano classe 91, in Italia senza fissa dimora censurato in quanto trovato in possesso di oltre 100 g di marijuana nonché circa 600€ in banconote da piccolo taglio presumibilmente provento dell’attività di spaccio;
⁃ un cittadino nigeriano classe 9,1 in Italia senza fissa dimora, incensurato sorpreso nel parco ducale con una modica quantità di sostanza stupefacente, all’atto del controllo tentava di reagire con violenza nei confronti dei militari operanti. Pertanto veniva anche arrestato ai sensi dell’articolo 337 del codice penale, resistenza pubblico ufficiale. Successiva perquisizione personale consentiva di rinvenire anche la somma di 190 € in banconote da piccolo taglio presumibilmente provento dell’attività di spaccio.

Entrambi i nigeriani sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della compagnia carabinieri di Parma in attesa di rito per direttissima.

Sempre durante il servizio coordinato venivano inoltre deferiti in stato di libertà locale procura:
⁃ un cittadino nigeriano classe 94 residente a Busto Arsizio, trovato in possesso di sostanza stupefacente del tipo cocaina nonché la somma, in banconote da piccolo taglio, di circa 300 € presumibile provento dell’attività di spaccio;
⁃ un cittadino nato a Massa classe 96 in quanto trovato in possesso di un coltello serramanico
e infine venivano segnalati alla locale prefettura, per uso personale di sostanze stupefacente, 10 cittadini parmigiani in età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Nel complesso, durante l'operazione sono state identificate oltre 40 persone ed effettuate 12 perquisizioni personali.

Pubblicato in Cronaca Parma
Sabato, 23 Novembre 2019 18:12

Parma, rischiato un duplice omicidio.

Grazie all'arma che si inceppa, alla prontezza di una vicina che ha allarmato le forze dell'ordine e il pronto intervento dei carabinieri, sono stati i fattori che hanno consentito di scongiurare un duplice omicidio.

Di redazione 23 novembre 2019 - Avrebbe potuto essere un epilogo molto diverso se l'arma del 57enne non si fosse inceppata. La sua ex 43enne e il suo nuovo compagno 80enne erano nel mirino dell'uomo abbandonato nello scorso mese di giugno dopo una relazione di 10 anni.
Il 57enne però non si era rassegnato alla fine della relazione, motivo per il quale si era guadagnato una denuncia per stalking in quanto trovato diverse volte appostato sotto casa della ex.

Secondo quanto ricostruito, dopo che la pistola si era inceppata, al panico è seguita una colluttazione tra i due uomini che sarebbero nel frattempo caduti per le scale mentre la donna , per quanto ferita, sarebbe riuscita a disarmare lo stalker.
Fondamentale il ruolo di una vicina, che avrebbe chiamato i carabinieri i quali sono prontamente intervenuti,  per scongiurare ben peggiori conseguenze.

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Istituita nel 1919, la celebrazione del 4 novembre è l'unica festa nazionale che abbia attraversato decenni di storia italiana. La data del 4 novembre è quella dell'entrata in vigore dell'armistizio di Villa Giusti (firmato il 3 novembre 1918) e della resa dell'Impero austro-ungarico.

Per l'occasione il Capo Ufficio Comando dell'Arma di Parma ha allestito una vetrina commemorativa all'interno della libreria Fiaccadori.

(allegate foto)

Pubblicato in Cronaca Parma
Venerdì, 01 Novembre 2019 05:55

Grave infortunio sul Lavoro

Infortunio sul lavoro occorso ieri sera ad cittadino italiano, classe '88, il quale è rimasto bloccato tra un tubo e il mezzo escavatore.

L'uomo, che lavorava per una ditta impiegata al rifacimento delle strade a Monchio delle Corti, è stato ricoverato d'urgenza, in codice rosso, al pronto soccorso di Parma.

Pubblicato in Cronaca Parma

Nonostante l’extra impegno in occasione della  partita di calcio, sono proseguiti i controlli in città da parte dei carabinieri.
Ieri pomeriggio intorno alle 17,00 è stato arrestato, dai militari dell'Arma del nucleo operativo e radiomobile, un cittadino nigeriano (classe 89), in Italia senza fissa dimora con precedenti specifici, per resistenza a pubblico principale detenzione ai fini di spaccio.

Mentre si trovava in Viale Barilla, nei pressi del centro commerciale, nel tentativo di sottrarsi al controllo si dava a una precipitosa fuga. Prontamente raggiunto e bloccato, questi reagiva e  aggrediva fisicamente con calci e pugni i militari intervenuti. Presumibilmente nel tentativo di non farsi ritrovare con della sostanza stupefacente del tipo hashish di cui si era disfatto durante la breve fuga. Il giovane veniva quindi arrestato e trattenuto presso le celle di sicurezza della caserma di Strada delle Fonderie in attesa del rito per direttissima .

Contestualmente i carabinieri di Parma centro sono riusciti a bloccare, mentre tentava di oltrepassare i varchi d'uscita dal negozio del centro commerciale sito in piazzale Balestrieri, una cittadina rumena classe '94 e residente a Milano censurata, che si era impadronita di un iPad, del valore economico di 489 €, refurtiva immediatamente restituita ai titolari dell'esercizio. 

 

37e068b9-286d-40fd-9e6d-d69087778d7e.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma

Grazie alla segnalazione di alcuni cittadini I carabinieri di Monticelli terme e di Langhirano sono intervenuti ieri sera,intorno alle 23 circa, in Traversetolo ove nei pressi di strada Ariana, sul bordo della strada, erano parcheggiati due euro autocarri con delle luci accese.


Il comportamento sospetto aveva destato dunque l’attenzione dei cittadini, vigili a quanto accade attorno alle proprie abitazioni, Al sopraggiungere dei carabinieri si poteva appurare che si trattava di uno scambio di 10 bancali (pedana in legno) di pannelli di amianto.


Grazie la collaborazione dei carabinieri forestali di Langhirano è stato possibile denunciare due cittadini parmigiani uno classe '85 e uno classe '79 ai sensi dell’articolo 256 comma 1B del decreto legislativo 152 del 2006 (attività di gestione rifiuti non autorizzata)

 

079ecdc7-f819-43d5-8a52-c81b058f035e_2_1.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma

I carabinieri della stazione di Sorbolo Mezzani hanno denunciato a piede libero, per furto in esercizio commerciale, un cittadino parmigiano classe 84 residente a Poviglio- Reggio Emilia in quanto è stato ritenuto responsabile del furto di denaro contante avvenuto lo scorso 5 ottobre in danno di un bar-trattoria del luogo.

Approfittando della distrazione del titolare, il soggetto sottraeva 100€  dal registratore di cassa.

Pr_carabinieri_sorbolo1_1.jpg

 

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Parma 15 ottobre 2019 - I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Parma hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di sostituzione della misura cautelare emessa dalla corte d’appello di Bologna prima sezione penale in data 14.10.2019 nei confronti di Arba Christian nato in provincia di Cagliari classe '75 sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Parma e divieto di allontanamento dall’abitazione nell’arco notturno.

Il soggetto ha commesso una rapina continuata pluriaggravata ed è stato condannato per tale delitto alla pena di due anni otto mesi di reclusione in data 30 maggio 2019.

L’8 ottobre 2019 durante un controllo non era stato trovato all’interno della propria abitazione in due differenti occasioni, il comportamento dell’imputato integra quindi palese violazione degli obblighi connessi alla misura cautelare in corso di esecuzione, sicché si impone la sostituzione della misura non detentiva in atto con quella degli arresti domiciliari presso l’abitazione dell’imputato.

 

Pubblicato in Cronaca Parma
Venerdì, 11 Ottobre 2019 11:18

Botte alla moglie, arrestato albanese

Felino: insulti e botte alla moglie, arrestato un 50enne albanese.

Nella serata di mercoledì i Carabinieri della Stazione di Sala Baganza hanno eseguito una misura cautelare in carcere disposta dal GIP a carico di un 50enne cittadino albanese, da tempo residente in Italia, per i ripetuti maltrattamenti nei confronti della moglie.


Le indagini dei Carabinieri, coordinate e dirette dalla Procura della Repubblica di Parma (PM dott. Bianchi), hanno consentito di far emergere un drammatico quadro familiare, caratterizzato da violenze fisiche e verbali poste in essere dall’indagato ai danni della moglie, sua connazionale.


Tali condotte illecite andavano avanti da anni, e sarebbero avvenute anche in presenza dei figli. L’uomo, spesso ubriaco, ossessionato da una morbosa gelosia, avrebbe sottoposto la donna a continue violenze fisiche e verbali tra le mura domestiche, finché, ormai giunta al limite, la donna si è determinata a denunciare il suo dramma ai carabinieri.


Le indagini, dirette dal magistrato titolare, sono iniziate lo scorso aprile ed hanno permesso di ricostruire il grave quadro indiziario di colpevolezza, che ha portato all’emissione della misura restrittiva a carico del 50enne, disposta dal G.I.P. del Tribunale di Parma.

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 1 di 7