Visualizza articoli per tag: ristoranti

Con "Hostaria Tre Ville" ordinare il pranzo o la cena a casa tua non è mai stato così semplice.

Utilizza il nostro portale sia da cellulare che da computer.

SE ORDINI LUNEDÌ, MARTEDÌ E MERCOLEDÌ SERA TI ARRIVERÀ IN OMAGGIO UNA Buona BOTTIGLIA di VINO… e ricorda, per ordini superiori a 50,00 euro nessun costo di consegna.

https://trevilleparma.adunmetro.it

Vuoi pranzare sul posto di lavoro? Contattaci… abbiamo menù a prezzi speciali. 335.8133429

LOGO_TREVILLE.jpg

Pubblicato in Costume e Società Parma

Osteria dei SERVI: il ristorante di qualità tradizionale a casa tua, con la consegna a domicilio!

Prenotate il Vostro pranzo o la Vostra cena al numero 0521231211 – 331 5253463 (10,30-15) – (18-22)

Con un minimo d’ordine di trenta euro, è possibile gustare le pietanze preparate dall’Osteria dei Servi direttamente a casa con consegna entro le mura della città pagando in contanti, carta di credito o bancomat e la consegna è gratuita

(In allegato il file del Menù scaricabile in pdf)

 MENU'

Anteprima dalla nostra Terra

LA NORCINERIA

Parma e i sui gioielli -degustazione- Crudo di Parma ( stagion. 30 mesi) Coppa di Parma – salame Felino i.g.p.  € 9,50

Culatello di Zibello D.o.p (stag. 18/20 mesi) Podere Cabassa € 12,00

Prosciutto crudo di Parma ( stagion. 24/30 mesi) prosciuttif. Gazzolo  €9,50

Spalla cotta di San Secondo al coltello con mostarda di pere (salumificio Grossi) € 11,00

Parmigiano Reggiano in scaglie (a porzione) con glassa al balsamico €3,50

LA SFIZIOSITA

LA TRILOGIA

Tris di polentina morbida al burro con:
- fonduta di gorgonzola e noci
- crema e lamelle di tartufo e scaglie di parmigiano
- ragù di cinghiale a battuta di coltello  € 11,50

Budino di carciofi con spalla cotta di San Secondo, mostarda di pere e mandorle tostate €8,00

Primo tempo … dalla nostra terra
Anolini con stracotto in brodo di cappone € 10,00
Zuppa Don Peppone, con verdure di stagione, maltagliati e croste di parmigiano € 7,50
Risotto “Opéra” con culatello, asparagi, e funghi porcini € 11,50

La pasta fresca di nostra produzione

Tortelli d’erbetta €8,50
Tortelli di zucca “ricetta di Giulietta Rossi Zerbini” € 10,00
Tagliolini caserecci al ragù culatello €9,50
Pappardelle caserecce al ragù di cinghiale a battuta di coltello aromatizzato al lambrusco € 11,50
Lasagne della tradizione con carne macinata di manzo €11,00

Secondo tempo … dalla nostra terra

Guancialino di maiale brasato al lambrusco su polentina morbida € 11,50
Polpette di vitello al sugo e piselli  € 8,50
Ossobuco di vitello in gremolata di verdure con tortino di riso allo zafferano € 12,50
Punta di vitello alla parmigiana € 15,50

Accompagna il tuo piatto preferito con:
- patate al forno con rosmarino € 4,50

- giardiniera dell’osteria € 5,00

- padellata con verdure di stagione € 4,50

BEVANDE:
Bibite in lattina € 2,50
Vini: (carta dei vini sconto 20% sul delivery)

Pane e strolghino offerto dall’osteria

Consegna gratuita
Servizio solo Parma città
Ordine minimo di € 30,00
Pagamento alla consegna: contanti, bancomat o carta di credito

Prenotate il Vostro pranzo o la Vostra cena al numero 0521231211 – 331 5253463 (10,30-15) – (18-22)

Logo_Osteria_Dei_Servi.png

https://www.osteriadeiservi.com/

 

 

Pubblicato in Ristorazione

Osteria dei SERVI: il ristorante di qualità tradizionale a casa tua, con la consegna a domicilio!

Prenotate il Vostro pranzo o la Vostra cena al numero 0521231211 – 331 5253463 (10,30-15) – (18-22)

Con un minimo d’ordine di trenta euro, è possibile gustare le pietanze preparate dall’Osteria dei Servi direttamente a casa con consegna entro le mura della città pagando in contanti, carta di credito o bancomat e la consegna è gratuita

(In allegato il file del Menù scaricabile in pdf)

 MENU'

Anteprima dalla nostra Terra

LA NORCINERIA

Parma e i sui gioielli -degustazione- Crudo di Parma ( stagion. 30 mesi) Coppa di Parma – salame Felino i.g.p.  € 9,50

Culatello di Zibello D.o.p (stag. 18/20 mesi) Podere Cabassa € 12,00

Prosciutto crudo di Parma ( stagion. 24/30 mesi) prosciuttif. Gazzolo  €9,50

Spalla cotta di San Secondo al coltello con mostarda di pere (salumificio Grossi) € 11,00

Parmigiano Reggiano in scaglie (a porzione) con glassa al balsamico €3,50

LA SFIZIOSITA

LA TRILOGIA

Tris di polentina morbida al burro con:
- fonduta di gorgonzola e noci
- crema e lamelle di tartufo e scaglie di parmigiano
- ragù di cinghiale a battuta di coltello  € 11,50

Budino di carciofi con spalla cotta di San Secondo, mostarda di pere e mandorle tostate €8,00

Primo tempo … dalla nostra terra
Anolini con stracotto in brodo di cappone € 10,00
Zuppa Don Peppone, con verdure di stagione, maltagliati e croste di parmigiano € 7,50
Risotto “Opéra” con culatello, asparagi, e funghi porcini € 11,50

La pasta fresca di nostra produzione

Tortelli d’erbetta €8,50
Tortelli di zucca “ricetta di Giulietta Rossi Zerbini” € 10,00
Tagliolini caserecci al ragù culatello €9,50
Pappardelle caserecce al ragù di cinghiale a battuta di coltello aromatizzato al lambrusco € 11,50
Lasagne della tradizione con carne macinata di manzo €11,00

Secondo tempo … dalla nostra terra

Guancialino di maiale brasato al lambrusco su polentina morbida € 11,50
Polpette di vitello al sugo e piselli  € 8,50
Ossobuco di vitello in gremolata di verdure con tortino di riso allo zafferano € 12,50
Punta di vitello alla parmigiana € 15,50

Accompagna il tuo piatto preferito con:
- patate al forno con rosmarino € 4,50

- giardiniera dell’osteria € 5,00

- padellata con verdure di stagione € 4,50

BEVANDE:
Bibite in lattina € 2,50
Vini: (carta dei vini sconto 20% sul delivery)

Pane e strolghino offerto dall’osteria

Consegna gratuita
Servizio solo Parma città
Ordine minimo di € 30,00
Pagamento alla consegna: contanti, bancomat o carta di credito

Prenotate il Vostro pranzo o la Vostra cena al numero 0521231211 – 331 5253463 (10,30-15) – (18-22)

Logo_Osteria_Dei_Servi.png

https://www.osteriadeiservi.com/

 

 

Pubblicato in Ristorazione

Con "Hostaria Tre Ville" ordinare il pranzo o la cena a casa tua non è mai stato così semplice.

Utilizza il nostro portale sia da cellulare che da computer.

SE ORDINI LUNEDÌ, MARTEDÌ E MERCOLEDÌ SERA TI ARRIVERÀ IN OMAGGIO UNA Buona BOTTIGLIA di VINO… e ricorda, per ordini superiori a 50,00 euro nessun costo di consegna.

https://trevilleparma.adunmetro.it

Vuoi pranzare sul posto di lavoro? Contattaci… abbiamo menù a prezzi speciali. 335.8133429

LOGO_TREVILLE.jpg

Pubblicato in Ristorazione

Con "Hostaria Tre Ville" ordinare il pranzo o la cena a casa tua non è mai stato così semplice.

Utilizza il nostro portale sia da cellulare che da computer.

SE ORDINI LUNEDÌ, MARTEDÌ E MERCOLEDÌ SERA TI ARRIVERÀ IN OMAGGIO UNA Buona BOTTIGLIA di VINO… e ricorda, per ordini superiori a 50,00 euro nessun costo di consegna.

https://trevilleparma.adunmetro.it

Vuoi pranzare sul posto di lavoro? Contattaci… abbiamo menù a prezzi speciali. 335.8133429

LOGO_TREVILLE.jpg

Pubblicato in Ristorazione

Osteria dei SERVI: il ristorante di qualità tradizionale a casa tua, con la consegna a domicilio!

Prenotate il Vostro pranzo o la Vostra cena al numero 0521231211 – 331 5253463 (10,30-15) – (18-22)

Con un minimo d’ordine di trenta euro, è possibile gustare le pietanze preparate dall’Osteria dei Servi direttamente a casa con consegna entro le mura della città pagando in contanti, carta di credito o bancomat e la consegna è gratuita

(In allegato il file del Menù scaricabile in pdf)

 MENU'

Anteprima dalla nostra Terra

LA NORCINERIA

Parma e i sui gioielli -degustazione- Crudo di Parma ( stagion. 30 mesi) Coppa di Parma – salame Felino i.g.p.  € 9,50

Culatello di Zibello D.o.p (stag. 18/20 mesi) Podere Cabassa € 12,00

Prosciutto crudo di Parma ( stagion. 24/30 mesi) prosciuttif. Gazzolo  €9,50

Spalla cotta di San Secondo al coltello con mostarda di pere (salumificio Grossi) € 11,00

Parmigiano Reggiano in scaglie (a porzione) con glassa al balsamico €3,50

LA SFIZIOSITA

LA TRILOGIA

Tris di polentina morbida al burro con:
- fonduta di gorgonzola e noci
- crema e lamelle di tartufo e scaglie di parmigiano
- ragù di cinghiale a battuta di coltello  € 11,50

Budino di carciofi con spalla cotta di San Secondo, mostarda di pere e mandorle tostate €8,00

Primo tempo … dalla nostra terra
Anolini con stracotto in brodo di cappone € 10,00
Zuppa Don Peppone, con verdure di stagione, maltagliati e croste di parmigiano € 7,50
Risotto “Opéra” con culatello, asparagi, e funghi porcini € 11,50

La pasta fresca di nostra produzione

Tortelli d’erbetta €8,50
Tortelli di zucca “ricetta di Giulietta Rossi Zerbini” € 10,00
Tagliolini caserecci al ragù culatello €9,50
Pappardelle caserecce al ragù di cinghiale a battuta di coltello aromatizzato al lambrusco € 11,50
Lasagne della tradizione con carne macinata di manzo €11,00

Secondo tempo … dalla nostra terra

Guancialino di maiale brasato al lambrusco su polentina morbida € 11,50
Polpette di vitello al sugo e piselli  € 8,50
Ossobuco di vitello in gremolata di verdure con tortino di riso allo zafferano € 12,50
Punta di vitello alla parmigiana € 15,50

Accompagna il tuo piatto preferito con:
- patate al forno con rosmarino € 4,50

- giardiniera dell’osteria € 5,00

- padellata con verdure di stagione € 4,50

BEVANDE:
Bibite in lattina € 2,50
Vini: (carta dei vini sconto 20% sul delivery)

Pane e strolghino offerto dall’osteria

Consegna gratuita
Servizio solo Parma città
Ordine minimo di € 30,00
Pagamento alla consegna: contanti, bancomat o carta di credito

Prenotate il Vostro pranzo o la Vostra cena al numero 0521231211 – 331 5253463 (10,30-15) – (18-22)

Logo_Osteria_Dei_Servi.png

https://www.osteriadeiservi.com/

 

 

Pubblicato in Ristorazione

Con "Hostaria Tre Ville" ordinare il pranzo o la cena a casa tua non è mai stato così semplice.

Utilizza il nostro portale sia da cellulare che da computer.

SE ORDINI LUNEDÌ, MARTEDÌ E MERCOLEDÌ SERA TI ARRIVERÀ IN OMAGGIO UNA Buona BOTTIGLIA di VINO… e ricorda, per ordini superiori a 50,00 euro nessun costo di consegna.

https://trevilleparma.adunmetro.it

Vuoi pranzare sul posto di lavoro? Contattaci… abbiamo menù a prezzi speciali. 335.8133429

LOGO_TREVILLE.jpg

Pubblicato in Ristorazione
Mercoledì, 15 Aprile 2020 15:45

I Love Italian Food

Nasce "Support Italian Food Warriors" il progetto per sostenere gli autentici chef e ristoratori italiani, in Italia e nel mondo.

Una serie di masterclass in cui gli chef condivideranno i propri segreti culinari con i clienti e gli appassionati di cucina italian.

Gli chef e i ristoratori, a tutti i livelli, in questo periodo di emergenza sanitaria internazionale legata al coronavirus, stanno combattendo una vera e propria battaglia per la sopravvivenza, con i locali chiusi in molti Paesi, Italia in primis, e spesso l'impossibilità di poter attingere ad altre forme di sostentamento. Una battaglia che non è soltanto importante per le loro attività, ma anche per la salvaguardia di uno dei più grandi e importanti patrimoni culturali e produttivi che rendono l'Italia eccellenza mondiale nel cibo e nella ristorazione.

Chef e ristoratori oggi sono quindi impegnati in veste di guerrieri che lottano per questo grande obiettivo. Da qui è nata "Support Italian Food Warriors" l'azione, lanciata da I Love Italian Food in collaborazione con Kaiti expansion e Italian Food Studio.

Spiega Alessandro Schiatti, Amministratore delegato e cofondatore di I Love Italian Food: "In questo momento di lockdown globale abbiamo dato vita ad una piattaforma per offrire ai ristoratori un modo per continuare a parlare con i loro clienti, creando una nuova esperienza culinaria che gli permetterà di raccogliere sostegno morale ed economico, in modo concreto, immediato e diretto. I ristoratori potranno condividere, attraverso masterclass on line i segreti dei propri piatti con i clienti e con tutti gli appassionati di cucina italiana, raccogliendo un contributo che ogni ristoratore potrà utilizzare per sostenere la propria attività o anche devolvere a cause a lui care. Il progetto, che I Love Italian Food ha presentato agli operatori nei giorni scorsi, ha già raccolto molte adesioni, e la collaborazione di numerose associazioni in Italia e nel resto del mondo che riuniscono migliaia di chef e ristoratori. Ed è sostenuto da un Team virtuoso di aziende sostenitrici di i Love Italian Food, tra le quali Carpigiani, Fior di Maso, Montanari Gruzza e Monti Trentini. Questo progetto è nato da noi ma è di tutti i ristoratori, di tutti gli appassionati di cucina italiana e di tutte quelle realtà che, come noi, lavorano ogni giorno per tutelare i professionisti italiani e promuovere la nostra cultura enogastronomica a livello internazionale".

Le masterclass saranno divulgate attraverso la piattaforma webinar, a partire dal 18 aprile e fino al 28 giugno 2020.

Per avere tutte le informazioni è possibile visitare il sito www.100per100italian.it

Tra le realtà che hanno scelto di sostenere Italian Food Warriors ci sono: Associazione italiana chef New York; UCI – Unione Cuochi Italiani; ItChefs; Global School Palazzo Italia; ACI – Associazione Cuochi Italiani; Italian Feeds America; le delegazioni di Belgio, Argentina, Polonia e Francia della Federazione Italiana Cuochi; il Gruppo Italiano di New York; la Federazione Internazionale Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria; Italian Food #Moltobuono, Authentico e Future Food Network.

I Love Italian Food è una realtà che promuove e difende la vera cultura enogastronomica italiana nel mondo. Creata a Reggio Emilia, nel cuore della Food Valley nel 2013 da un gruppo di amici appassionati di cibo italiano, oggi è una grande community internazionale che nel 2017 ha raggiunto più di un miliardo di contatti digitali in tutto il mondo.

Un progetto nato dalla convinzione che il futuro dell'Italia sia strettamente legato al futuro del comparto agroalimentare nazionale, e alla capacità dello stesso di espandersi ed affermarsi ulteriormente nel mondo. Già oggi è infatti uno degli aspetti più amati e ricercati dell'Italia all'estero, oltre a rappresentare un settimo della nostra economia.

Kaiti expansion opera da 25 anni nel settore marketing e comunicazione, promuovendo l'immagine e i valori di numerose aziende ed enti pubblici. Con le sue sedi a Reggio Emilia, Roma e Milano, Kaiti expansion è strutturata in un network di aree aziendali, che lavorano in sinergia tra loro per offrire progetti personalizzati e flessibilità operativa.

Pubblicato in Cronaca Reggio Emilia

Ringraziamento da parte del personale e dei direttori dei reparti Covid, commossi da tanto sostegno in un momento di difficoltà che accomuna tutti.

Abbiamo passato momenti di grande tensione e fatica e pensavo proprio di perdere peso – dice un medico del Maggiore mentre si tocca il giro vita - invece qui si mangia da gran ristorante!”.

Una battuta per alleggerire la stanchezza alla fine del turno che racconta la solidarietà manifestata al personale dell’Ospedale Maggiore dai tanti che hanno voluto far sentire la loro vicinanza attraverso il cibo.

Accomunati da un ingrediente prezioso: la generosità.

Un dolce grazie! I produttori del territorio vi sono vicini” è il bigliettino con cui Podere Stuard insieme a Impasto Zero, Caseificio Battistero, Associazione Apicoltori di Parma e Reggio Emilia, Az. Agr. Larovere Cosimo ha accompagnato ognuno dei tanti muffin consegnato al personale del Barbieri, mentre altri ottimi muffin sono stati donati personalmente dalla dottoressa Francesca Arcuri.

Ognuno di noi, con il suo piccolo o grande aiuto, può contribuire alla lotta contro il Covid-19” dice Angelo Mazzieri proprietario della pasticceria Bombé che ha offerto un momento di dolcezza.

Vassoi carichi di torte e tortelli sono invece arrivati da Le Ghiottenerie, mentre la colazione in reparto accompagnata da un cartello manoscritto “Buona colazione e Grazie di tutto” firmato I Ragazzi di via Mordacci” è stata servita dal bar latteria Da Beccio a cui si sono aggiunte torte e brioche dal laboratorio pasticceria “Duprè” di piazzale Lubiana.

Appetitosi piatti caldi sono arrivati e continuano ad arrivare ai reparti Covid dal ristorante “Cocchi”, servizio in corsia anche per l’Osteria “Il Bersò” di Sorbolo che ha “messo a tavola” 50 persone mentre Camst, fornitrice abituale dei pasti al Maggiore e gestore delle mense aziendali, ogni giorno distribuisce gratuitamente bibite e panini al personale impegnato a curare i pazienti affetti da Covid.

Tra i primi ad organizzare un “servizio di catering dedicato” gli chef di Parma Quality Restaurants, l'associazione presieduta dallo chef Andrea Nizzi che riunisce una trentina di ristoratori del territorio. Pasti caldi in contenitori monouso e riscaldabili al microonde, per poter essere consumati durante tutta la giornata. "Il cibo è piacere di stare insieme e abbiamo deciso di mettere il nostro tempo e il nostro talento in cucina a disposizione di chi è in prima linea al fianco dei cittadini nella lotta a un nemico tanto invisibile quanto pericoloso” spiega Nizzi.

Vaschette monoporzione anche da parte del mondo sportivo, come il Club Rugby House di Colorno che a cadenza regolare consegna 60 pasti caldi per il personale mentre bibite e leccornie varie sono arrivati dall'associazione calcistica ASD Lemignano 1988, tramite il professore Vincenzo Vincenti otorinolaringoiatra dell’Azienda ospedaliero-universitaria.

Hanno voluto far sentire il proprio sostegno gastronomico anche il Servizio Veterinario di Langhirano e l’Associazione Futura Parma che ha unito una lettera di ringraziamento “Nel senso di impotenza che sperimentiamo in tanti in questo periodo e con il desiderio di poter fare qualcosa per chi si adopera nel quotidiano anche a rischio della propria salute abbiamo deciso di prenderci cura di voi, per quel poco che possiamo fare”.

E quel poco lo hanno le pizzerie Al Faro di Baccanelli, Laguna Blu di via Gramsci, Pizzeria da Luca di viale Fratti e la Duchessa di piazza Garibaldi.

Allo stesso tempo, alcune aziende alimentari parmensi hanno deciso di donare cibo come atto simbolico di gratitudine e riconoscenza nei confronti di medici, infermieri e volontari.

È il caso di Barilla, Centro Agroalimentare, Prosciuttificio Fratelli Galloni e Parmalat, che si sono attivate per recapitare all'Ospedale Maggiore di Parma una fornitura di frutta e verdura, pasta, snack dolci e salati, succhi di frutta e prosciutto crudo a basso contenuto di sodio pre-affettato.

Affettati e salumi anche da parte del Prosciuttificio Leporati e dell’azienda Parmacotto, forniture di tramezzi da Parma Is e altrettante consegne quotidiane di panini e affettati da Terre ducali e altre delicatezze da L’Officina Alimentare Dedicata.

L’azienda modenese Madonna Industrial Bakery non ha mai fatto mancare pane fresco, pizza e focacce al personale del Maggiore e per alleggerire la fatica una generosa fornitura dei vini dell’Azienda agricola Lamoretti di Casatico; MSL group per conto di Nespresso ha consegnato 4 macchine per caffè con 4mila cialde mentre Buon Ristoro ha regalo snack e 30 chiavette precaricate da utilizzare nei distributori automatici presenti all’interno dell’Ospedale.

La Corte di Giarola ha consegnato pasti alla Terapia intensiva di Parma nel momento di maggior intensità di ricoveri. Al pranzo domenicale sta invece contribuendo Esselunga con vaschette preparate dal reparto gastronomia che saranno integrate, la domenica di Pasqua, con spumante, cioccolatini e colomba per celebrare la giornata di Resurrezione con chi la sta vivendo in corsia.

Uova di Pasqua anche da parte del bar Tolasuldosa, un nome che potrebbe diventare un invito a tutti coloro che devono restare in casa, mentre è concentrato in un mega uovo di cioccolato il regalo del circolo Arci “Il ciclone” di Panocchia.

Cento uova di Pasqua sono state invece consegnati questa mattina dal Parma Calcio 1913 nei piani del padiglione Barbieri. Mentre hanno pensato ai bambini, i volontari di Noi per Loro l’associazione da sempre impegnata al fianco dell’Oncoematologia pediatrica di Parma.

Abbiamo deciso di trasformare la nostra tradizionale campagna pasquale – spiega la presidente Nella Capretti - in una consegna di uova di cioccolato ai bambini che vivono isolati, prima di tutto in Ospedale ed in luoghi individuati in collaborazione con CSV Emilia (ex Forum Solidarietà) e con la Protezione civile”.

Vorremmo ringraziarVi uno ad uno perché ogni vostro gesto ha un significato importante per noi – ha affermato il direttore del dipartimento geriatrico Tiziana Meschi oggi responsabile del Covid hospital del Barbieri a nome del personale e dei colleghi del Maggiore – La nostra gratitudine è davvero tanta. Proprio perché il cibo è un momento conviviale per eccellenza ci avete dimostrato e ci state dimostrando un affetto e un’attenzione pluristellata, se vogliamo misurarle con simboli della migliore gastronomia di un territorio”.

La solidarietà è arrivata davvero in tutti i reparti e in tutti i padiglioni Covid dell’Ospedale Maggiore, tanto che nessuno è rimasto escluso … né a stomaco vuoto.

Non solo chiusure in attesa della ripresa delle attività

Sondaggio tra i 31 ristoratori aderenti al Consorzio Modena a Tavola. L’80% ha sospeso l’attività, ma c’è anche chi si è inventato il menù “antidepressivo” da consegnare ovviamente a casa e nel rigoroso rispetto delle regole. 

Si erano ritrovati il 3 marzo scorso, tutti insieme, capitanati da Massimo Bottura, per dare un messaggio pieno di positività, quando ancora l’emergenza sanitaria non era emersa in tutta la sua drammaticità e complessità. Dopo qualche giorno, anche i ristoratori del Consorzio Modena a Tavola, 31 in tutta la provincia, si erano dovuti arrendere, adeguandosi immediatamente alle regole restrittive volte a contenere il contagio, nell'interesse generale, con rigore e senso della comunità.

A qualche settimana dal lockdown la stragrande maggioranza di loro, l’80%, ha l’attività completamente ferma ma c’è anche chi si è da subito ingegnato per trovare soluzioni compatibili con la prosecuzione dell’attività, nel pieno rispetto delle regole stringenti attualmente in vigore. Ognuno ha fatto, sicuramente con difficoltà, la propria scelta cercando prima di tutto di rispettare le regole e di tutelare la salute. Tra chi ha deciso di tenere accesi i fornelli, sia pure con i fuochi al minimo, ci sono ad esempio lo storico ristorante di Carpi “L’incontro”, Il Calcagnino di Formigine, l’Osteria Emilia di Campogalliano, la Cucina del Museo e il Luppolo e l’Uva, entrambi di Modena. Ognuno di loro ha individuato una soluzione che si può a pieno titolo definire personale, perché profondamente legata alle caratteristiche del locale e della clientela che tradizionalmente lo frequenta. C’è in tutti e cinque i casi un denominatore comune: il desiderio di mantenere vivo il rapporto con la gente, portare nelle abitazioni e, almeno in alcuni casi, nelle aziende, quel calore che solo la buona tavola sa dare. Probabilmente anche per questo tutti i ristoratori che hanno deciso di continuare a cucinare preferiscono consegnare personalmente. Solo eccezionalmente si appoggiano a catene dedicate alla consegna a domicilio.

Per far sapere ai propri clienti della loro “apertura” tutti i ristoratori stanno facendo ampio uso dei canali digitali. Su Facebook, sui loro siti internet, attraverso Instagram, oppure riconvertendo le newsletter con cui ricordavano gli eventi e mettendo in evidenza le nuove opzioni a disposizione dei clienti. Da qualche giorno, per amplificare il messaggio alcuni hanno scelto di fare ricorso anche alla radio.

Ognuno a modo proprio
Entrando più nel dettaglio c’è chi come Paola Corradi, titolare della Cucina del Museo, che, dovendo scegliere di mettere in cassa integrazione i suoi collaboratori, ha prima arruolato la figlia, studentessa universitaria, per farsi aiutare sia in cucina sia nelle consegne. Successivamente ha pubblicato un menù completo con tante possibilità di scelta. “Noi siamo molto piccoli per cui ci rivolgiamo alle famiglie. Il riscontro è stato davvero positivo. Si tratta prevalentemente di clienti che già ci conoscono e che hanno molto apprezzato questa scelta. Abbiamo adattato il menù per trovare un punto di equilibrio tra la qualità, i tempi di consegna e la trasportabilità. Tutto in ogni caso viene preparato all'istante e subito consegnato a domicilio” racconta Paola.

Ancora più articolata è l’offerta de L’Incontro di Carpi, storico locale guidato da sempre da Gianfranco Zinani e dalla moglie. In questo caso hanno elaborato ben tre menù completi, uno per gli amanti della carne, scherzosamente ribattezzato Antidepressivo, un altro per gli amanti del pesce e infine una proposta definita vitaminica, rivolta a coloro che alla forma non vogliono rinunciare mai. 

È stata una piacevole sorpresa, la gente apprezza molto il servizio. L’altra sera ho fatto personal-mente una consegna e ho ricevuto un’accoglienza incredibile da una famiglia che per l’occasione si era vestita di tutto punto e aveva preparato una tavola sontuosamente apparecchiata. Mi hanno persino invitato ad entrare, ma ovviamente non è stato possibile. Le richieste, in questo caso per il pranzo, stanno arrivando anche dalle poche aziende che stanno proseguono la loro attività” spiega Carlo Gozzi, chef del ristorante carpigiano.

Per originalità e inventiva spiccano poi le proposte di Davide Forghieri della Osteria Emilia che nemmeno in questa occasione ha rinunciato al suo estro. Le soluzioni da lui proposte si dividono in piatti completi già pronti, o in soluzioni in cui l’ultimo tocco viene lasciato al cliente. Nel caso dei tortellini ad esempio, in una apposita vaschetta ci sono i tortellini, a parte il brodo e il parmigiano reggiano. “Tutto viene preparato espresso, utilizzando vaschette termiche sigillate con atmosfera modificata. In questo modo qualità e sicurezza sono garantite” spiega Davide Forghieri.

L’ultimo che si è aggiunto, sul piano cronologico, è il Calcagnino di Formigine. Loro in questa fase sono partiti proponendo un menù di Pasqua “ma stiamo già pensando di allargare l’offerta vista la buona accoglienza ricevuta” raccontano Claudio e Barbara.

A concludere questa breve rassegna Stefano Corghi che, oltre ad essere lo chef del Ristorante modenese il Luppolo e l’Uva, è anche presidente del Consorzio Modena a Tavola. La prima cosa che evidenzia è il calore umano e l’apprezzamento che questo tipo di iniziative stanno riscuotendo. “Le persone quando arriviamo a consegnare il pasto che hanno ordinato manifesta nei nostri confronti una grande gratitudine. È evidente che c’è voglia di normalità, di fare due chiacchiere in serenità” racconta Corghi tracciando un primo piccolo bilancio della sua esperienza personale.

Per quanto possa apparire paradossale, alcune aziende, che mi hanno chiesto di servire loro il pasto di mezzogiorno, mi hanno raccontato che stanno riscoprendo il piacere della pausa del pranzo di mezzogiorno, troppo spesso consumato in fretta, magari in piedi, mangiando un panino. Certo sono piccoli segnali, sicuramente insufficienti, ma l’emergenza, come sempre accade, obbliga a delle riflessioni e spinge a trovare soluzioni alternative che, magari, potranno essere valide anche quando avremo superato questa fase così complicata. Da soli però difficilmente riusciremo a rialzarci e a ripartire. Per questo confidiamo anche in aiuti e sostegni da parte del Governo e delle amministrazioni locali” conclude il presidente del Consorzio Modena a Tavola Stefano Corghi.

Pagina 2 di 4