Visualizza articoli per tag: Ferrara

Sorpresa a Mirandola (MO) dove il centro destra ha avuto la meglio eleggendo Alberto Greco. Nei giorni scorsi sia Giorgetti che Calenda avevano portato il loro sostegno ai rispettivi candidati.

Si è conclusa la tornata elettorale con i confronti al ballottaggio di domenica 9 giugno. E' proseguita la fase positiva per la Lega e il centro destra, mentre il PD è riuscito a tamponare le falle mantenendo le redini di Reggio Emilia, Cesena e Modena ma lasciando agli avversari due storiche roccaforti come Ferrara e Forli. Unica consolazione, peraltro fuori dall'Emilia Romagna, per il M5S con la conquista di Campobasso ai danni della rappresentante del centro destra.

Particolare è stato invece il caso di Casalgrande (Reggio Emilia) dove lo sfidante Giuseppe Daviddi, fuoriuscito dal PD in disaccordo con l'amministrazione, ha sfidato il sindaco uscente Alberto Vaccari (PD) con la sua lista civica ed è stato eletto sindaco col 51% e un margine di un centinaio di voti.

Pubblicato in Cronaca Emilia

I crociati buttano via il doppio vantaggio contro la Spal dimostrando di non essere maturi per traguardi più ambiziosi della salvezza. Un incidente di percorso che non ci voleva a sette giorni dal big match contro la prima della classe.

Parma, 28 gennaio 2018 - di Luca Gabrielli

Follia pura al Tardini. Dopo un primo tempo in cui sembrava che il Parma avesse messo al sicuro la vittoria con due reti del solito Inglese, nella ripresa si consuma il dramma sportivo. La Spal riesce clamorosamente a capovolgere il risultato e a tornare a Ferrara con tre punti insperati. Valoti, Petagna e Fares nel finale di gara lasciano ammutoliti i tifosi parmigiani impotenti e increduli del risultato finale. I crociati sono subito partiti forte al 2' con il rigore trasformato da Roberto Inglese e all'inizio della ripresa è lo stesso bomber a raddoppiare per la squadra di casa ma la Spal cambia atteggiamento e da quel momento in poi si apre un'altra partita che vede il Parma in balia della squadra ospite. In mezz'ora i ragazzi di Semplici ribaltano il risultato e surclassano mentalmente e fisicamente i ducali.

Fallito l'esame di maturità, testa solo alla salvezza.

Ci si chiedeva se la squadra crociata potesse ambire a qualcosa di più della salvezza, obiettivo dichiarato dalla società. La risposta è arrivata ieri con ben tre schiaffi rifilati da una diretta concorrente. Il Parma quest'anno dovrà raggiungere il prima possibile i quaranta punti utili per restare in Serie A e mettere le basi per creare una squadra sempre più competitiva per i prossimi anni. I ducali dimostrano una mentalità ancora troppo fragile per conquistare un posto in Europa League, con l'incapacità di congelare un doppio vantaggio contro una squadra che dava l'impressione di essere alle corde dopo i primi due goal. Gli uomini di D'Aversa però dal 60' hanno smesso di giocare indietreggiando il baricentro e abbassando troppo il ritmo del gioco, dando così alla Spal la possibilità di tornare in gara. Una volta raggiunto l'incredibile pari tutti quanti sugli spalti hanno visto la squadra di casa completamente spaesata e da lì a pochi minuti Fares ha chiuso definitivamente i giochi. Un passo falso che non pregiudica nulla nella rincorsa alla salvezza ma che ridimensiona i sogni europei cullati negli ultimi tempi.

La settimana prossima ci sarà da giocare la partita delle partite allo Juventus Stadium ma quest'anno il Parma ci ha abituato a imprese fuori dall'ordinario. Potrà succedere di tutto ma è sicuramente la gara più difficile della stagione, facile da prepara come motivazioni ma molto complicata sotto il profilo tecnico. D'Aversa lavorerà sicuramente sui minimi dettagli perché contro la prima della classe la concentrazione dovrà essere massima e non si potrà concedere nulla.

 

Pubblicato in Calcio Emilia

Ben 10 milioni di euro. E' il plafond della convenzione stipulata da Emil Banca e Confartigianato Ferrara. Destinatarie sono le imprese che hanno necessità di finanziamenti a breve termine (liquidità) o a lungo termine (investimenti strumentali e beni). Detto più semplicemente, che vogliono crescere, ampliarsi, riqualificarsi. Attiva fino al prossimo 31 dicembre, non prevede limiti minimi e massimi di importo.

La richiesta deve essere tuttavia suffragata dal piano industriale e un peso ha il merito creditizio. Qualsiasi impresa - senza distinzione di comparto, pianta organica, longevità - può presentare domanda.

Grande soddisfazione si respira in Confartigianato. «Abbiamo fatto una convenzione con una banca che vuole esprimere la territorialità, la prossimità al mondo produttivo. Esattamente ciò di cui i nostri imprenditori sentono necessità e mancanza. Si tratta di una operazione che si traduce in concrete opportunità di crescita e in occasione di miglioramento della gestione di attività».

Oltre che la testimonianza, secondo Vancini, che «il mondo artigiano, che traina territorio e Paese, è reputato affidabile». Parole di compiacimento anche da Emil Banca. «Con questo accordo vogliamo ribadire la nostra vicinanza al territorio e a chi si occupa di economia reale. E cioè le tante piccole e medie imprese che rendono unico e vivace il nostro tessuto economico e che da sempre sono gli interlocutori privilegiati per il credito cooperativo - ha dichiarato Daniele Ravaglia, direttore generale di Emil Banca - Da oltre 120 anni la nostra Bcc opera ogni giorno, anche intrecciando relazioni e accordi come questo, con lo scopo di portare sviluppo, prima di tutto economico ma non solo, nelle comunità in cui siamo presenti e di cui ci sentiamo parte integrante».

«In un contesto finanziario particolare, in cui lo spread può subire variazioni in aumento, consente stabilità», la chiosa di Donatella Zuffoli, Responsabile Dipartimento Credito Confartigianato. Per informazioni, contattare sedi e filiali di Confartigianato ( www.confartigianato.fe.it ) ed Emil Banca ( www.emilbanca.it ).

Pubblicato in Economia Emilia

Alle ore 04:40 circa di questa mattina, mentre una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di San Giorgio di Piano (BO) stava effettuando un posto di controllo alla circolazione stradale in via dell'Industria ad Argelato, sopraggiungeva un veicolo Range Rover che alla vista dei militari, a 200 metri circa, frenava bruscamente, invertendo il senso di marcia e dandosi alla fuga.

I Carabinieri salivano in macchina per intervenire, ma il mezzo si era già dileguato per le vie adiacenti. Ripercorrendo la strada a ritroso, a distanza di qualche kilometro – in via Mascarino, nel Comune di San Giorgio di Piano – lo stesso veniva individuato. Il mezzo, verosimilmente a causa dell'alta velocità era fuoriuscito dalla sede stradale, andando ad impattare contro un palo della pubblica illuminazione.

A bordo i corpi senza vita di due 19enni: il conducente, F.A., residente a Cento e il passeggero, D.M.P., residente a Pieve di Cento.


Foto – Stazione Carabinieri San Giorgio di Piano.

Pubblicato in Cronaca Emilia

PARMA. Guardia Di Finanza: Conclusa L'operazione "Fiori Di Loto". Sequestrati 22 Centri Massaggi Dediti Allo Sfruttamento Della Prostituzione.

Parma 25 settembre 2018 - Si è conclusa, con il sequestro di 22 centri massaggi e la denunzia di 34 responsabili di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, l'operazione "Fiori di Loto" condotta dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Parma, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Parma.

L'indagine si inquadra in una più vasta attività di polizia economico-finanziaria avviata da oltre un anno nel settore delle prestazioni di servizi, in particolare nei confronti di centri benessere ed attività similari.
Presupposto delle investigazioni, la diffusa presenza, in città, di partite IVA nei settori economici dei "servizi di centri per il benessere fisico" e delle "altre attività di servizi non altrimenti classificabili", con caratteristiche per lo più comuni: ditte individuali riconducibili a soggetti di etnia cinese residenti nel milanese, senza altre fonti di reddito note e con esigui e similari volumi di affari e redditi dichiarati.

Le Fiamme Gialle di Parma, peraltro, avevano registrato numerose segnalazioni al servizio di pubblica utilità "117", effettuate da cittadini che lamentavano - in ambito locale - presunte attività di meretricio gestite da soggetti di nazionalità cinese.

Dalle complesse indagini, eseguite con il coordinamento della Procura della Repubblica di Parma, è emerso un articolato e strutturato sistema illecito sostanzialmente improntato sull'esercizio dell'attività di prostituzione in 22 centri massaggi, dislocati a Parma ad eccezione di uno recentemente trasferitosi a Ferrara; a fattor comune, i frequenti subentri nella gestione "di fatto" delle imprese coinvolte, i ripetuti scambi dei contratti di locazione degli immobili e dei dipendenti nonché l'utilizzo di "money transfer" per il trasferimento in Cina dei proventi illeciti.

Sono state identificate 25 giovani ragazze, di origine cinese, risultate vittime di sfruttamento della prostituzione perpetrato dai 34 denunziati (tutti cinesi, a parte un italiano), questi ultimi titolari e gestori di fatto delle predette attività economiche.
All'esito del conseguente iter giudiziario, i Finanzieri hanno proceduto al sequestro preventivo dei 22 immobili, sedi delle attività coinvolte, disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Parma, al fine di scongiurare la reiterazione dei reati.

Nella circostanza i finanzieri, su disposizione della Procura della Repubblica di Parma, hanno eseguito 56 perquisizioni domiciliari e locali su tutto il territorio nazionale, finalizzate principalmente al rinvenimento di documentazione extracontabile utile per gli approfondimenti di natura fiscale.

I verificatori della Guardia di Finanza, infatti, hanno contestualmente avviato 22 controlli fiscali finalizzati alla ricostruzione dei reali volumi d'affari dei centri massaggi, compresi i proventi illeciti derivanti dal reato di sfruttamento della prostituzione, anch'essi sottoposti a tassazione ai sensi della vigente normativa.

L'attività condotta dalla Guardia di Finanza testimonia il forte impegno e la trasversalità dell'attività del Corpo, quale baluardo di legalità economico-finanziaria, nel contrasto a tutte le forme di economia sommersa e/o illecita.

Pubblicato in Cronaca Parma

La Guardia di Finanza di Ferrara, durante lo scorso fine settimana, nel centro cittadino, ha proceduto al controllo di un esercizio commerciale utilizzato come deposito di sostanze stupefacenti.

R.R., ferrarese di cinquant'anni, è stato trovato in possesso di 5 chili e mezzo di stupefacenti del tipo "hashish" e del tipo "marijuana", quindi arrestato per aver violato l'art.73 del testo unico sulle sostanze stupefacenti e processato per direttissima.

Lo stupefacente tolto al mercato, al dettaglio, avrebbe fruttato circa 100.000 euro.

Pubblicato in Cronaca Emilia

In un'interrogazione il consigliere sollecita l'intervento della Regione, dato che nel 2019 l'Ente dovrà provvedere alla tradizionale divisione ventennale dei terreni
La situazione della Partecipanza Agraria di Cento, nel ferrarese, ente millenario commissariato dalla Regione nel gennaio scorso in seguito alla mancata approvazione del bilancio di previsione per l'anno 2018, è al centro di un'interrogazione presentata da Marco Pettazzoni (Ln), che chiede all'esecutivo regionale di chiarire i tempi di approvazione definitiva del bilancio previsionale e di indizione delle elezioni per il rinnovo degli organi dell'ente.

A oggi – scrive il consigliere nell'atto ispettivo – non si ha notizia di quando sarà approvato in via definitiva il bilancio di previsione del 2018, nonostante sia stato pubblicato nell'Albo pretorio del Comune, né di quando saranno indette le elezioni per il rinnovo degli organi dell'ente. Il rinnovo degli organi della Partecipanza – evidenzia il leghista – è considerato dagli assegnatari dei terreni l'adempimento più importante, in quanto nel 2019 si dovrà provvedere alla tradizionale Riassegnazione o divisione ventennale dei terreni.

Da qui l'iniziativa di Pettazzoni, che chiede alla Giunta regionale "se intenda accelerare i tempi per la definizione delle circa 840 aree cortilive di pertinenza della Partecipanza, atto propedeutico alla divisione dei terreni, eventualmente variandone la nomenclatura, ad esempio equiparandola alla definizione giuridica di diritto di superficie". Infine, domanda "se sia stata ipotizzata una data per l'indizione delle nuove elezioni che tenga conto della data ravvicinata della divisione dei terreni prevista nel 2019 nonché della necessità di rinnovare i contratti di affitto scaduti nel settembre 2017 e di avere assegnazioni definitive per richiedere il rinnovo dei contributi assegnati dalla politica agricola comunitaria (Pac)".

(Luca Govoni - Comunicato n. 81301 Bologna 19/07/2018)

(Foto di Partecipanza Agraria Cento - la divisione 1979)

Al Lido di Spina le Fiamme Gialle di Comacchio hanno scoperto un vero e proprio laboratorio del falso. Stone Island, Gucci e Louis Vitton sono solo alcune delle numerose griffe della moda interessate dall'attività di produzione illecita che avrebbe fatturato circa 100.000€ sul mercato abusivo.

A capo della attività risulta un 40enne sengalese regolarmente presente sul terrirotio dello Stato. L.D. , che è stato denunciato, risulta avere già avuto precedenti specifici.

Pubblicato in Cronaca Emilia
Domenica, 15 Aprile 2018 05:41

Nascita Italtom, Rabboni: "Risultato importante

Nascita Italtom, Rabboni: "Risultato importante per la filiera del pomodoro da industria del Nord Italia". Precisazione sul prezzo del pomodoro: l'OI non partecipa alla trattativa.

"La nascita di Italtom, con la costituzione del primo gruppo di trasformazione del pomodoro da industria italiano, è un risultato importante per tutta la filiera del Nord Italia".
Commenta così Tiberio Rabboni, presidente dell'Organizzazione interprofessionale del pomodoro da industria del Nord Italia, la notizia della piena operatività di Italtom, l'azienda che, affittando l'ex stabilimento Ferrara Food di Argenta dopo il fallimento, lavorerà 90mila tonnellate di pomodoro nel territorio ferrarese raggiungendo, come gruppo che comprende anche le piacentine Steriltom ed Emiliana Conserve, il mezzo milione di tonnellate di pomodoro trasformato, il 25% della produzione del Nord Italia.

"L'impegno profuso da Dario Squeri, ad di Steriltom, e da Gian Mario Bosoni, ad di Emiliana Conserve, le società che hanno dato vita ad Italtom – aggiunge Rabboni – è fondamentale per la ripresa dell'attività di uno stabilimento storico della filiera del Nord Italia e affinché si operi nel segno della qualità e dell'innovazione del pomodoro italiano. Guardiamo con fiducia ed entusiasmo all'investimento di 4 milioni di euro per la riqualificazione dell'impianto di Argenta e per le garanzie occupazionali".

Nel complimentarsi con tutti i soggetti protagonisti di quest'operazione l'OI precisa che, al contrario di quanto riportato nel comunicato stampa che ha annunciato la nascita della nuova società, non ha alcun ruolo in termini di determinazione del prezzo del pomodoro da industria nel Nord Italia, essendo la contrattazione un'attività che viene condotta autonomamente da Op-Organizzazioni di produttori ed imprese di trasformazione.

L'OI svolge funzioni di supporto all'autoregolazione e ai progetti territoriali dei componenti della filiera, ma non può per legge occuparsi della determinazione del prezzo.

Ieri riunione in viale Aldo Moro a Bologna sulla vertenza che coinvolge l'azienda ferrarese specializzata nel riciclo degli scarti di Pvc. Prossimo incontro il 3 maggio

Bologna – Un mese di tempo per consentire alla proprietà della Vinyloop di Ferrara di formulare una proposta di riconversione, passando anche dalla ricerca industriale, in grado di assicurare la continuità produttiva dello stabilimento, rimanendo sul mercato con un prodotto, per riciclato, competitivo e rispettoso delle normative europee.

È questo quanto emerso dal tavolo di salvaguardia occupazionale, tenutosi ieri pomeriggio in Regione a Bologna, per la Vinyloop, azienda con 19 lavoratori (partecipata al 60% dal gruppo inglese Ineos e al 40% dal gruppo francese Ferrari) insediata nell'area industriale ex Solvay di via Marconi a Ferrara, specializzata nel riciclo degli scarti di Pvc.

All'incontro, convocato dall'assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi, sono interventi i sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil, l'azienda assistita da Confindustria e l'assessore alle Attività produttive (petrolchimico) del Comune di Ferrara, Caterina Ferri.

La Regione, a fronte di una proposta che punti alla riconversione del sito produttivo, metterà a disposizione gli strumenti necessari per il rilancio, mentre nel frattempo ha chiesto l'impegno alla proprietà di non prendere decisioni unilaterali sul futuro di azienda e lavoratori. Il prossimo incontro è stato fissato per venerdì 3 maggio

Pubblicato in Cronaca Emilia
Pagina 2 di 3