Visualizza articoli per tag: Covid19

Coronavirus, l'aggiornamento. 337 i nuovi casi positivi, di cui 132 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. 143 già in isolamento al momento del tampone

Per essersi distinte nella gestione dell’emergenza. Tanti i riconoscimenti in tutta Italia

Tre donne, tre storie di resistenza e tenacia, tre esempi di sensibilità ed umanità che hanno offerto un contributo fondamentale nella lotta al coronavirus.

Pubblicato in Cronaca Parma

Coronavirus. 'Mettiamo radici per non dimenticare': a Medicina (Bo) un albero piantato in ricordo di ciascuna delle vittime della pandemia. Il sindaco Montanari: "Ricordiamo chi non c'è più, rafforzato il nostro senso di comunità". Il presidente Bonaccini: "Medicina un esempio, dai suoi abitanti una lezione per tutti: proteggere se stessi per proteggere gli altri. Dall'emergenza si esce solo uniti"

Coronavirus, l'aggiornamento: 384 i nuovi casi positivi, di cui 171 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. 137 già in isolamento al momento del tampone

"Sono uno, centomila, nessuno"
Provare per credere! Il "Covid c'è "

Per fortuna ci sono gli Angeli di Corsia.

 

In un mondo in cui ci sono ancora tanti scettici sull'esistenza di un virus potenzialmente mortale, raccogliamo la testimonianza di Katia, che con uno sfogo sui social racconta la sua esperienza di ricovero e di malattia.

Una testimonianza tra le tante che vuole essere anche un plauso al lavoro incessante ed instancabile dei medici e degli operatori sanitari dell'Ospedale Maggiore di Parma che lavorano ogni giorno per salvare vite umane.

"Mi chiamo Katia e sono ricoverata all'ospedale Maggiore di Parma.

Non posso che iniziare esprimendo tutta la mia riconoscenza ai medici e a tutto il personale infermieristico del Padiglione Barbieri che lavora in maniera eccellente sia dal punto di vista professionale ma anche dal punto di vista umano, instaurando con i pazienti un rapporto di servizio ma anche di autentica dedizione.
Il mio appello va a tutti voi che leggete invece, al vostro buon senso civico di immensa responsabilità per i giorni a venire e di rispetto per voi stessi e per i vostri cari.
So benissimo che siete tutti stanchi di stare in casa, incominciate ad annoiarvi, lo stress di tante cose a cui non siete più abituati, il bel tempo che non aiuta affatto ma la situazione, credetemi, non è risolta ed ancora per niente rosea. Quando tutto sembra che non possa scalfirti più arriva lui e non lo vedi, neanche te ne accorgi. Bisogna essere bravi, avere ancora tanta pazienza. Vi prego di rispettare tutte le regole, sono fondamentali per cercare di uscire da questa pandemia assurda che mai nessuno poteva immaginare. Dobbiamo imparare a conviverci fino a quando non finirà.
Poche righe per descrivervi i miei lunghi giorni in reparto senza più riuscire a distinguere giorno e notte. Sembrano interminabili a causa di un mostro che tutti ormai conosciamo come Coronavirus.
Camere bianche, vuote, fredde. Accanto a me semplici persone nelle mie stesse tristi condizioni, poi diventati grandi amici ed insieme uniti e pronti a farci coraggio l’uno con l’altro. Ho Visto persone che sono finite in rianimazione e Vi assicuro che non dimenticherò mai la paura nei loro occhi...
Tutto il personale bardato da quelle tute bianche, mascherine, occhiali, guanti, Credetemi sembrano astronauti ed io sembro far parte di un altro pianeta e purtroppo non di certo il mio.Questo non mi piace affatto, avevo paura non lo nascondo, tra le loro tute bianche riuscivo a vedere solo i loro occhi e dopo qualche giorno riuscivo a distinguerli solo dal loro rassicurante timbro di voce, ma con dolcezza e spiccata umanità mi tranquillizzavano che tutto sarebbe andato bene..Questo almeno mi incoraggiava perché avevo capito che oltre ad essere grandi professionisti erano delle persone con un cuore immenso. I miei eroi, coloro i quali mi hanno ridato la forza, la speranza che mi sarei ripresa.
La mattina saluto gli anziani impauriti, vedo nei loro occhi la tristezza di sentirsi soli senza i loro cari e allora io gli sorrido portando conforto e penso a mio suocero e mio papà che ho perso a soli 70 anni per il Covid ed erano soli..
Anche da questa esperienza negativa trovo il lato positivo nel aver conosciuto persone fantastiche tra pazienti,infermieri e Dottori che ogni giorno mettono a rischio la loro vita per noi...
Agli scettici! Non varcate la soglia del dolore! È :dura!!!!!"

Katia per fortuna ha superato la fase critica e dopo 37 giorni di ricovero è stata dimessa. Ora sta meglio, ma la ripresa è ancora lunga. 

Controlli straordinari della Polizia di Stato ed interforze: per il contrasto ai reati predatori e per la verifica della regolarità delle attività commerciali

Pubblicato in Cronaca Parma
Domenica, 11 Ottobre 2020 10:31

Una Bussola per navigare

Di Mario Vacca Parma 11 ottobre 2020 - Secondo alcuni economisti il 2019 è stato l’ultimo anno di un mondo come lo abbiamo conosciuto e con il 2020 arriverebbe una nuova realtà e, che ci piaccia o no, sarà con noi almeno fino al 2032. In effetti mai come in questi giorni possiamo capire che se si decidesse di riaprire tutto e tornare alla situazione precedente ci ritroveremmo in un attimo al punto di partenza.

Pubblicato in Economia Emilia

Editoriale:  -. Il Covid conferma il detto: “parenti serpenti”?  - Lattiero caseario. Forte risalita del Parmigiano Reggiano. - Cereali e dintorni. La tempesta perfetta - Eima Event e Eima Digital Preview, benvenuti nell’era onlife - Parmigiano Reggiano: il Consorzio sarà partner del festival dello sport con Jannik Sinner - CASEIFICI APERTI:

Domenica, 11 Ottobre 2020 09:40

Il Covid conferma il detto: “parenti serpenti”?

caA 300 giorni dalle prime  manifestazioni dell’epidemia (214esimo dell’era pandemica)  si conferma che è meglio star distanti dai parenti e dagli amici, ma sugli aerei e sui bus si può stare accalcati. Più passano i giorni e più si conferma la straordinaria selettività di questo virus. 

Pubblicato in Politica Emilia

Coronavirus, l'aggiornamento: su oltre 13.700 tamponi sono 383 i nuovi casi positivi, di cui 162 asintomatici da screening regionali e attività di contact tracing. Il 95% dei casi attivi con sintomi lievi in isolamento a casa. Purtroppo si registra un nuovo decesso in provincia di Parma.

Pagina 6 di 33