Visualizza articoli per tag: nutrie

Sabato, 06 Aprile 2019 10:05

"Coccodrilli contro le nutrie"

"La diffusione delle nutrie nella Bassa è fuori controllo ed è diventata una vera emergenza: sono pericolose per la sicurezza pubblica e causano pesanti danni agli agricoltori. Visto che se ne parla da anni ma il problema non è ancora stato risolto, dobbiamo arrivare al punto di liberare nei canali i coccodrilli per sfruttare le loro doti da antagonisti naturali?". Antenore Cervi, presidente Cia-Agricoltori Italiani di Reggio, lancia la provocazione - perché di provocazione si tratta - per accendere i riflettori sul fenomeno di proliferazione di quello che può essere definito "un vero e proprio flagello per l'agricoltura e l'intero ecosistema del territorio".

"La loro presenza infestante è una costante minaccia per l'uomo e l'economia - denuncia Cervi -: le nutrie devastano colture, scavano gallerie negli argini mettendo a rischio la tenuta idrogeologica del territorio, causano incidenti stradali. Il fenomeno è dilagante e le cronache dei giornali lo mettono bene in evidenza. Le recenti ordinanze delle amministrazioni comunali reggiane lo testimoniano dichiarando ufficialmente 'L'emergenza nutrie'. È finito il tempo delle parole: occorre intervenire con azioni concrete e risolutive".

Entra nel dettaglio: "In questo momento le nutrie si possono catturare con le gabbie - ma gli animalisti ne hanno già danneggiate numerose sull'intero territorio regionale - o con l'abbattimento tramite sparo. Le recenti ordinanze dei sindaci reggiani vanno in questa direzione consentendo l'abbattimento diretto con arma da fuoco tutti i giorni da un'ora prima dell'alba ad un'ora dopo il tramonto, naturalmente con le armi e le munizioni consentite per l'attività venatoria. Ma la nostra esperienza ci insegna che tutto questo, fatto in questo modo, potrebbe non essere sufficiente per eradicare questa specie invasiva. Lo Stato deve farsi carico della grave situazione. Non si può pensare di continuare ad andare avanti come se fosse tutto normale. I danni per i cittadini sono ingenti, e quelli causati agli agricoltori addirittura non sono più indennizzati. È inammissibile".

Pietro Codeluppi, membro della giunta Cia e presidente Atc 2: "Il piano triennale di controllo delle nutrie lascia perplessità. A oggi i cacciatori abilitati contengono 'solo' il numero di esemplari ma fa riflettere che tutti gli anni gli abbattimenti non calano, ammontano a circa oltre 7mila. Serve allora riordinare il coordinamento dei coadiutori, che lamentano problemi per l'attività che svolgono e il carico di costi che devono sopportare. A oggi l'Atc sostiene una spesa molto alta: una nutria costa di smaltimento 8 euro e 60 centesimi, compresi i 3 euro di contributo dati al cacciatore. Chiediamo con forza di poter integrare il contributo tramite però un sostegno di Comuni, enti e associazioni. Dobbiamo tutti fare il massimo per fermare questo flagello, per il bene dei cittadini e dell'agricoltura".

001_frana_15_m_stato_di_fatto-min.jpg

 

(Argini devastati dalle nutrie)

Nutria_Ifroz_1.jpg

 

 

 

La Bonifica Parmense consolida le sponde, ma i problemi causati da animali infestanti restano su gran parte della rete.

Parma, 19 Aprile 2018 – Una frana arginale dal movimento progressivo del Canale Naviglio Navigabile in località Pizzolese (tra via Traversante Ravadese e Strada Viazza di Paradigna, nel comprensorio del Comune cittadino) ha interessato in maniera evidente e con possibili e pericolose ripercussioni di cedimento del corpo stradale della stessa Via Canale Naviglio due tratti di una ventina di metri ciascuno che, in mancanza di un intervento immediato di ripristino, avrebbero pregiudicato il flusso veicolare dei numerosi automezzi in transito verso le aree artigianali della zona.

In quest'occasione la segnalazione è arrivata da parte degli agenti della Polizia Municipale di Parma al Consorzio della Bonifica Parmense che ha incaricato il personale specializzato di effettuare un immediato monitoraggio della criticità e la successiva realizzazione dell'opera di difesa idraulica. Il Consorzio è quindi intervenuto con un'operazione di consolidamento della sponda del Canale Naviglio Navigabile. L'intervento tecnico ha visto il posizionamento di massi trachitici che svolgono l'importante funzione di sostenere il lato stradale evitando un ulteriore ampliamento del movimento franoso.

Va rimarcato che la sponda arginale in oggetto, così come altri numerosi tratti del medesimo canale, al momento del rilievo del cedimento presentava segni evidenti della presenza di cunicoli e tane anche profonde di animali infestanti che con ogni probabilità hanno minato la stabilità arginale.

Questo fenomeno non è certamente limitato all'area indicata, ma purtroppo, alla luce dei più aggiornati monitoraggi consortili, riguarda una larga parte della rete artificiale dei 1500 km di canali (e dei 3000 km di sponde arginali) gestiti dal Consorzio di Bonifica Parmense in provincia.

Un dato che riporta al centro del dibattito l'emergenza dell'attività costante di erosione ad opera di animali come nutrie e tassi sulla quale sarebbe importante intervenire con risposte istituzionali adeguate.

 

 

002_frana_15_m_esecuzione_lavori-min_1.jpg