Visualizza articoli per tag: carabinieri forestali

Mercoledì, 24 Febbraio 2021 15:22

Inquinamento Ingegna. Individuato il responsabile

I reflui zootecnici finiscono nel torrente Ingegna, affluente del Taro, i Carabinieri Forestali individuano  il responsabile.

Pubblicato in Ambiente Parma

Precipitazioni nevose continue e abbondanti nell’Appennino Emiliano Romagnolo:  i Carabinieri Forestali del Servizio METEOMONT raccomandano massima prudenza

Pubblicato in Cronaca Emilia

Con la neve che è tornata ad imbiancare le nostre montagne è ripresa l’attività del Servizio METEOMONT dell’Arma dei Carabinieri, per la previsione del pericolo valanghe mediante la pubblicazione quotidiana del bollettino meteonivologico sullo stato del manto nevoso su tutto il territorio nazionale. Ogni giorno i rilievi anche alla stazione di Lagdei di Corniglio.

Pubblicato in Cronaca Emilia

I Carabinieri forestali sequestrano l’arma, il richiamo acustico, gli animali protetti.

Ristruttura attività commerciale in Oltretorrente, ma smaltisce illecitamente i rifiuti nei pressi dell’Oasi di Torrile. I Carabinieri Forestali della Stazione di Colorno individuano il responsabile.

Pubblicato in Ambiente Parma
Mercoledì, 14 Ottobre 2020 10:41

Lezione dei Carabinieri forestali ad ALMA di Colorno.

I futuri Chef ambasciatori della legalità nell’utilizzo di selvaggina e cacciagione.

I Carabinieri forestali controllano il rispetto della normativa sugli animali in via di estinzione a “Mercante in Fiera”. Sequestrate due zanne d’avorio di elefante.

Pubblicato in Ambiente Parma

Crescono i funghi - intensificati i controlli da parte dei Carabinieri Forestali.

Agli arresti domiciliari il responsabile degli incendi boschivi degli ultimi anni in Val Taro. I Carabinieri Forestali, coordinati dalla Procura della Repubblica, dopo tre anni di indagini individuano l’incendiario
Parma, 7 agosto 2020.

Parma, 13 giugno 2020. I Carabinieri Forestali della Stazione di Corniglio hanno recuperato, purtroppo morto, un rarissimo esemplare di Ibis eremita in località Albazzano del comune di Tizzano. I primi accertamenti e il luogo di ritrovamento, ai piedi di un traliccio di un elettrodotto, indicano che la causa potrebbe essere la collisione con i cavi elettrici.

Pubblicato in Ambiente Parma
Pagina 1 di 3