Torna anche quest’anno Una partita per la vita, iniziativa promossa da Admo, Aido, Avis, Città di Bobbio e Oratorio San G.Bosco in collaborazione con l’Azienda Usl di Piacenza. In memoria di Michele Lizzori si svolgerà un triangolare di calcio con la Nazionale italiana calcio trapiantati, una rappresentanza del 118 e una squadra di amministratori locali. L’evento prevede anche un momento di informazione sulla donazione di organi, tessuti e cellule e sull’attività di trapianto che si svolgono a Piacenza. 

partita_per_la_vita_2019.jpg

 

Pubblicato in Sport Piacenza
Venerdì, 21 Settembre 2018 22:23

350 studenti alla festa dell'albero di Ceci

E' la sesta edizione della Festa dell'albero e della natura, patrocinata da Regione Emilia Romagna, Provincia di Piacenza e Città di Bobbio, ad inaugurare l'anno scolastico appena iniziato.

Sono 350 gli studenti dell'IC Bobbio che oggi, venerdì 21 settembre, hanno preso parte alla giornata dedicata al rispetto per l'ambiente e per la natura.
Alza bandiera, canto dell'inno nazionale e saluti delle autorità presenti ad apertura di una giornata emozionante, educativa e ricca di laboratori.
Dall'orienteering e il trekking alla messa a dimora di piante autoctone, dalle attività naturalistiche alla caccia al tesoro, senza tralasciare i laboratori di drone, pittura en plein air e argilla proposti dal Consorzio di Bonifica di Piacenza e a cura dell'associazione culturale Arti e Pensieri.

Tante le attività, ma unico il tema: dare radici al futuro e permettere alle nuove generazioni di conoscere l'ambiente in cui vivono ed essere, un domani, cittadini attivi e coscienziosi.
Radici degli alberi ma anche radici delle persone a simboleggiare l'attaccamento a un territorio da conoscere, vivere e ripopolare.
Tra le autorità erano presenti Roberto Pasquali (Sindaco di Bobbio), Gianluca Muscatello (Capitano della Compagnia dei Carabinieri di Bobbio) e il Vice Comandante Amerigo Filippi (Corpo Carabinieri Forestali) a sottolineare l'importanza dell'amore per il proprio territorio.

A seguire Lodovico Albasi (Sindaco di Travo e Presidente dell'Unione Montana Valli Trebbia e Luretta) che ha ringraziato Marco Labirio, vero amante della vallata, per la passione con cui da anni riesce a coinvolgere le istituzioni e creare momenti di autentica condivisione.
Presente anche Elena Murelli, deputato parlamentare, a ricordare che i bambini sono le radici del futuro e che sarà loro compito manutenere il nostro territorio bello com'è oggi.

A concludere, l'intervento del Dirigente Scolastico dell'IC Bobbio, Luigi Garioni, che ha augurato ai suoi studenti di far crescere l'amore per l'ambiente come un seme nel proprio cuore.
Tra gli altri presenti anche: Fausto Zermani (Presidente del Consorzio di Bonifica di Piacenza), Mirella Ragalli (comune di Marsaglia), Marco Crotti e Rosanna Porcari (Coldiretti Piacenza), Adele Mazzari (Ex Dirigente Scolastico IC Bobbio), Nicoletta Guerci (Kardios), lo sci club Bobbio, la FISO, Ra famiglia Bubieiza, ArteTre, il CAI, il Consorzio Fitosanitario della provincia di Piacenza, Truck and Trail, l'Associazione Nazionale di Orientireering, ecc.

Infine, un importante ringraziamento va ai volontari e al Gruppo degli Alpini di Bobbio che, instancabili come sempre, hanno aiutato alla buona riuscita della giornata.

 

festa_dellalbero_2018_____1.jpg

 

 

festa_dellalbero_2018_3_1.jpg

laboratorio_argilla_1.jpg

 

 

 

 

Nuovo servizio WiFi gratuito, facile e sicuro negli uffici postali. I cittadini possono accedere alla rete internet con pc, smartphone o tablet. In Emilia Romagna gli uffici postali con il servizio WiFi sono attualmente 200, di cui 14 nel Piacentino.

Piacenza, 6 dicembre 2016

Una realtà postale, quella dell'hinterland piacentino, più digitale ma anche più moderna e facile per i cittadini, le imprese e la Pubblica Amministrazione: è l'obiettivo principale di Poste Italiane con il lancio del nuovo servizio WiFi gratuito, facile e sicuro negli uffici postali.
Il collegamento gratuito alla rete internet è stato attivato nei giorni scorsi anche negli uffici postali di Piazza San Francesco a Bobbio e Piazza Cristoforo Colombo a Bettola. E' a disposizione della clientela un hot spot gratuito che ha il vantaggio di migliorare la Customer Experience e dà la possibilità di svolgere alcune attività propedeutiche ai servizi richiesti. E' stato inoltre già pianificato il progressivo ampliamento del numero degli uffici abilitati nel territorio provinciale.
In Emilia Romagna gli uffici postali con il servizio WiFi sono attualmente 200, di cui 14 nel Piacentino (10 nel capoluogo) e saliranno ulteriormente nei prossimi mesi.
Accedere alla rete all'interno degli uffici postali è semplice e a portata di click: basta infatti registrarsi comunicando il proprio numero di telefono mobile al quale verrà inviato un messaggio con le credenziali per l'accesso al WiFi. A quel punto, attraverso smartphone, tablet o pc sarà possibile navigare su internet, dialogare sui social network o lavorare in attesa del proprio turno allo sportello.

(Fonte: Poste Italiane)

A Bobbio (Pc) un vernissage per 899 opere d'arte. Una straordinaria collezione inaugurata alla presenza del presidente della Regione Stefano Bonaccini. Quadri e sculture donati da Rosa Mazzolini e sistemati per la fruizione grazie a un contributo della Regione Emilia-Romagna. -

Piacenza, 24 novembre 2015 -

Una straordinaria collezione d'arte che grazie al contributo della Regione ora è disponibile per la libera fruizione. Si tratta della collezione Mazzolini, che comprende 899 opere, fra cui 872 quadri e 27 sculture, firmate da nomi di rilievo dell'arte del '900. Pezzi unici di grande rilevanza che vanno da Giorgio De Chirico a Massimo Campigli, da Mario Sironi, a Lucio Fontana. Il nuovo spazio espositivo nel museo di San Colombano ospiterà stabilmente le opere "I gladiatori" di De Chirico, "Concetto spaziale" i Lucio Fontana, "L'Opera Astratta" di Piero Manzoni, "I bersaglieri" di Mario Sironi, "I Fiori" di Filippo De Pisis e le sculture in terracotta di Luigi Scanavino e "Il Cristo sulla Croce" di Lucio Fontana; le altre ruoteranno ogni 4 mesi.

All'inaugurazione di ieri mattina a Bobbio, in provincia di Piacenza, il presidente della Regione Stefano Bonaccini. La collezione è' stata donata da Rosa Mazzolini alla Diocesi di Piacenza dieci anni fa, ma solo negli ultimi mesi si è reso possibile collocare in ambienti adeguati anche grazie alla Regione Emilia-Romagna, che ha contribuito con 47.000 euro.

 

Pubblicato in Cultura Piacenza

Cibo invenduto raccolto e destinate alle mense per i poveri grazie al progetto della Caritas di Piacenza-Bobbio e dell'Unione Commercianti di Piacenza che ha assicurato, nel 2014, 58.000 pasti per i poveri per un valore complessivo di 215.000 euro. -

Piacenza, 10 luglio 2015 -

Grazie a Piacenza Solidale, il progetto di recupero e donazione dei cibi invenduti nel circuito della grande distribuzione piacentina nato nel 2008 sono stati raccolte nel 2014, 82 tonnellate di derrate alimentari che hanno consentito l'erogazione di 58.000 pasti alle persone in condizioni di disagio sociale per un valore complessivo di 215.000 euro.

IL progetto è stato presentato ieri in Piazzetta Piacenza a Expo, in un incontro che ha visto la partecipazione di Monsignor Gianni Ambrosio, Vescovo della Diocesi di Piacenza-Bobbio, l'Onorevole Paola De Micheli, sottosegretario del Ministero dell'Economia, Giuseppe Chiodaroli, direttore della Caritas Diocesana di Piacenza-Bobbio e il direttore dell'Unione Commercianti di Piacenza, Giovanni Struzzola.

Piacenza Solidale nasce nel 2008 quando l'Unione Commercianti di Piacenza e la Caritas decidono di unirsi, insieme al Comune e alla Provincia di Piacenza, al Rotary Club, alla Fondazione Piacenza e Vigevano, all'Ausl, a Iren e a Sol.Co. per dare vita, di concerto con le aziende produttrici e la grande distribuzione a un circuito che recuperi i beni alimentari freschi rimasti invenduti per destinarli alle mense che si occupano di assistere le fasce più svantaggiate della società e combattere lo spreco di cibo.

La gestione logistica è affidata alla Caritas che si occupa di recuperare quotidianamente quegli alimenti ormai prossimi alla scadenza che i centri della grande distribuzione non possono più proporre al pubblico ma che risultano perfettamente commestibili. Questi prodotti vengono poi distribuiti alle mense e alle associazioni di volontariato o agli enti ecclesiastici che ogni giorno assicurano un pasto a chi non può permetterselo.

Negli anni, anche a fronte del peggioramento della crisi economica, il progetto è cresciuto e con esso i numeri dei prodotti recuperati. Nel 2012 sono state raccolte 98 tonnellate di cibo, nel 2013 la quantità è scesa a 81 tonnellate - calo in parte dovuto alle promozioni sui cibi in scadenza operate da alcuni supermercati - mentre nell'ultimo anno sono stati raccolti 82.357 kg. Il valore complessivo di donazione è salito dai 177.871 euro del 2013 ai 215.290 del 2014.

"Piacenza Solidale consente di recuperare migliaia di euro di cibo che andrebbero distrutti - afferma Monsignor Gianni Ambrosio, vescovo della Diocesi di Piacenza-Bobbio - evitando lo spreco e andando incontro alle esigenze e alle necessità dei bisognosi, sollecitando anche la popolazione a impegnarsi in questo senso. E' la dimostrazione che là dove c'è un cuore buono si possono fare grandi cose ed è molto importante presentarlo qui a Expo, dedicato proprio al cibo, che come ha affermato anche il Papa è un simbolo della Creazione e merita quindi rispetto".

"Tre settimane fa qui a Expo si è svolto un tavolo contro lo spreco alimentare coordinato dal Ministero dell'Agricoltura al quale ho voluto che partecipasse anche il Ministero dell'Ecomomia per annunciare un'iniziativa di cui il governo si è fatto promotore - spiega il sottosegretario all'Economia Paola De Micheli - ovvero una nuova legge per arrivare alla burocrazia fiscale zero per le donazioni fino a 15.000 euro mentre oggi il tetto è a 5.000. Vogliamo far passare il messaggio che donare è più vantaggioso che sprecare."

"Abbiamo recuperato 82 tonnellate di cibo destinato al macero e lo abbiamo trasformato in gesto di civiltà e solidarietà - afferma Giuseppe Chiodaroli, direttore della Caritas diocesana di Piacenza-Bobbio - questa è la dimostrazione che anche a Piacenza una rete di più soggetti può funzionare e che la sensibilità e l'attenzione delle istituzioni possono concretizzarsi nei gesti. Quest'anno il progetto assume un significato ancora più profondo con la presentazione a Expo che è dedicata proprio ai temi del cibo e dello spreco. Nel nostro piccolo, in questi anni abbiamo ridotto lo spreco e riempito non soltanto lo stomaco dei più bisognosi ma anche il cuore".

"Per me è una grande soddisfazione che questo progetto prosegua e che oggi arrivi a Expo - spiega Giovanni Struzzola, direttore del'Unione Commercianti di Piacenza - sei anni fa, dopo aver visto una fila di persone in attesa di ricevere un pasto al Cottolengo di Torino e aver letto che a Piacenza tanti anziani rovistavano tra gli scarti della grande distribuzione ho pensato di proporre questo progetto che negli anni è cresciuto notevolmente senza mai riscontrare problemi. Una soddisfazione ancora più grande portarlo all'Expo i cui temi centrali sono proprio il cibo e la lotta allo spreco. Speriamo che la nostra esperienza possa servire da modello ad altre città".

Piazzetta Piacenza a Expo 2015

Piazzetta Piacenza è la vetrina di Piacenza – tra le poche provincie italiane ad avere uno spazio dedicato all'Esposizione Universale di Milano – e del Piacentino a Expo 2015. Un luogo che ha come fulcro la "Grande Zolla", progettata da un gruppo di giovani architetti piacentini under 35 del Politecnico di Milano e dell'Ordine degli Architetti di Piacenza, che riproduce idealmente una zolla di terreno locale con le stratificazioni geologiche e il cui pavimento mette al centro il fiume Po e i suoi affluenti, offrendo ai visitatori l'impressione di poterci camminare sopra. Piazzetta Piacenza è lo spazio in cui il territorio piacentino si racconta, svelando al mondo le sue eccellenze enogastronomiche, il suo patrimonio storico-culturale e un tessuto economico-sociale pulsante. La Piazzetta è il cuore del progetto "Piacenza per Expo per Piacenza" ideato dall'Associazione Temporanea di Scopo Piacenza per EXPO 2015, composta da 18 Associazioni di categoria del sistema economico piacentino, e a cui partecipano Istituzioni Pubbliche, Enti, Istituti Bancari, Organizzazione economiche e Università con l'obiettivo di promuovere il territorio piacentino sfruttando l'irripetibile opportunità offerta da Expo 2015.
Per saperne di più: www.experiencepiacenza.it 

Pubblicato in Cronaca Piacenza

Il servizio è garantito dai portalettere del Centro di Recapito: gli addetti al recapito, grazie al loro palmare e al Pos, sono in grado di accettare bollettini di pagamento, fare ricariche Postemobile e Postepay, accettare Raccomandate destinate a tutto il territorio nazionale -

Piacenza, 27 settembre 2014 -

Il piccolo ufficio postale itinerante è ormai una realtà a Bobbio. I portalettere del Centro di Distribuzione di piazza San Francesco sono già in possesso della strumentazione idonea per effettuare i nuovi servizi presso abitazioni, uffici, ditte o esercizi commerciali ubicati nel bacino territoriale che comprende anche il Comune di Coli.
Contestualmente alla consegna della corrispondenza, gli addetti al recapito, grazie al loro palmare e al Pos, sono in grado di accettare bollettini di pagamento, fare ricariche Postemobile e Postepay, accettare Raccomandate (anche con avviso di ricevimento) destinate a tutto il territorio nazionale.

Dopo l'acquisizione dei dati per la validazione con il palmare, si procede al pagamento inserendo la carta Postamat o Postepay, oppure le carte del circuito Cirrus/Maestro, nel lettore Pos che rilascia la ricevuta in duplice copia.
Il Centro di Distribuzione di Bobbio provvede alla consegna della corrispondenza presso un totale di circa 2.000 numeri civici, cui corrispondono oltre 2.500 famiglie e oltre 380 fra ditte, uffici e attività commerciali. La nuova figura del "postino telematico" riveste anche un ruolo altamente sociale poiché il servizio offerto mira ad andare incontro in particolar modo alle fasce di cittadini più "deboli" (ultrasettantenni, portatori di disabilità o con difficoltà deambulatorie, donne in stato di gravidanza o con bambini di età inferiore ai due anni), i quali senza uscire di casa possono avere a disposizione un piccolo ufficio postale a domicilio.

(Fonte: Poste Italiane)

L'edizione 2014 del Trofeo Antonio Renati va in archivio con numeri da record. Fortin-Pilè su Fiat 600 vincono la sedicesima edizione della gara di regolarità a Bobbio -

Piacenza, 31 luglio 2014 -

Una splendida giornata di sole in questa folle estate e le verdi colline dell'Alta Val Trebbia hanno fatto da degna cornice alla XVI° edizione del Trofeo Antonio Renati, la gara di regolarità per auto d'epoca – per il terzo anno con l'organizzazione del Club Veicoli Storici di Piacenza – che fa rivivere le emozioni della prova di velocità in salita da Bobbio al Passo Penice voluta dal bobbiese Antonio Renati alla fine degli anni '20. Una due giorni di sport, emozioni, adrenalina, ma anche di cultura, bellezza e divertimento che ha attirato nella città piacentina e lungo il tracciato di circa 150 km appassionati, esperti e semplici curiosi.

L'edizione 2014 del Trofeo Antonio Renati va in archivio con numeri da record, a partire dagli oltre 100 iscritti alla gara di regolarità, con una quindicina di top driver, che si sono sfidati in oltre 40 prove cronometrate sulle strade dei comuni di Cortebrugnatella, Cerignale, Ottone e Brallo di Pregola (Pavia). Ad avere la meglio nella classifica assoluta è stata la coppia bresciana composta da Pierluigi Fortin e Laura Pilè a bordo di una Fiat 600, già tra i protagonisti della manifestazione del 2013. "Devo fare i complimenti a tutti – hanno commentato i vincitori – dai concorrenti all'organizzazione. E' stata una gara molto bella e difficilmente mancherò all'edizione del prossimo anno".

rid DSC0572 Fortin - Pile

Dopo un avvincente braccio di ferro sui tornanti della Val Trebbia, l'equipaggio del CAMS Rovigo ha preceduto la Autobianchi A112 Abarth di Salviato Ezio e Moglia Maria Caterina e la Triumph TR2 di Giordano Mozzi e Stefania Biacca, vincitori dell'ultima Coppa d'Oro delle Dolomiti e trionfatori - solo qualche mese fa – alla mitica Mille Miglia. "Siamo molto orgogliosi di poter premiare Giordano Mozzi – ha sottolineato il Sindaco di Bobbio, Roberto Pasquali – che è di origini bobbiesi e riesce a portare il nome della nostra città in giro per il mondo grazie alle sue imprese sportive". A sua volta, il driver bobbiese-mantovano, che ha ricevuto un riconoscimento particolare dall'amministrazione comunale di Bobbio - ha rivendicato con orgoglio le sue origini, facendo i complimenti a tutti per l'organizzazione della manifestazione che sta diventando una delle più importanti gare di regolarità in Italia. E grazie a Mozzi un tocco di internazionalità è arrivato anche a Bobbio: tra i partecipanti alla gara infatti, anche una delegazione olandese chiamata dal top driver italiano: "Non conoscevo assolutamente questo Trofeo – ha dichiarato un soddisfattissimo John Houtkamp, in gara con la moglie su una Jaguar XK 150 del 1959 – Mi ha invitato il mio grande amico Giordano Mozzi, che me ne ha parlato benissimo. Oltre a mia moglie e me, hanno partecipato anche mio figlio Rudger, con la sua fidanzata italiana a bordo di una Porsche 356B. E' stata una giornata fantastica, voglio ringraziare gli organizzatori e fare i complimenti a tutti. Devo dire che ho partecipato recentemente alla Coppa d'Oro delle Dolomiti, ma queste vallate non hanno niente da invidiare a quei posti: Bobbio è davvero molto bella e sicuramente ritornerò".

Grande soddisfazione e orgoglio vengono espressi dai rappresentanti del Club Veicoli Storici di Piacenza: "Ogni anno aumentano la quantità e la qualità dei partecipanti – ha sottolineato Alfredo Inzani, presidente del sodalizio piacentino che conta già 1.200 iscritti – Quest'anno abbiamo superato i cento equipaggi iscritti, il numero massimo che potevamo accettare per gestire al meglio lo svolgimento della gara. E tra di loro contiamo una quindicina di top driver, sintomo che questa manifestazione sta crescendo davvero in modo esponenziale, imponendosi ormai come una delle più belle, suggestive e prestigiose gare di regolarità per auto d'epoca. Ad aiutarla in questa crescita è senza dubbio questo fantastico territorio che ci circonda, la Val Trebbia, una delle vallate più belle d'Italia, e l'entusiasmo della gente, che saluta le vetture lungo tutto il tracciato. Siamo molto orgogliosi di riuscire a far conoscere auto e modelli unici, anche alle nuove generazioni; il motto del nostro Club, che è "La storia vive con noi", riflette proprio questo scopo. Voglio ringraziare, per finire, tutti i volontari che hanno contribuito alla perfetta riuscita di questa due giorni, le Amministrazioni dei Comuni dove siamo transitati con la gara, a partire dal Sindaco di Bobbio, Roberto Pasquali, che ci ha ospitato e cullato con la solita generosità, e i nostri iscritti che hanno gestito la manifestazione, da Maurizio Cella a Diego Garilli. Da domani ci metteremo al lavoro per organizzare l'edizione del 2015, convinti di essere sulla strada giusta".

rid Bobbio 3614 Salviato Moglia

Diversi i premi speciali assegnati al termine della giornata di gara: i riconoscimenti del Trofeo Campagna Amica sono stati consegnati agli equipaggi composti da Fortin-Pilè, Vincenzi-Riviezzo, Salviato-Moglia e Cavalleri-Meini. Sempre Cavalleri-Meini hanno ricevuto il premio Tag Heuer e quello riservato all'auto in gara più "datata", ovvero una Lancia Aprilia del 1938. Marrale-Modenese, si sono classificati primi nella categoria riservata alle sole 500 e al VCC Carducci di Casteggio (Pv) è andato il riconoscimento come club più numeroso e con il maggior punteggio.

A premiare il podio della classifica assoluta è stata invece Eugenia Renati, figlia di Antonio, che ha voluto consegnare le coppe in mezzo alla gente, simboleggiando come il Trofeo sia patrimonio di Bobbio e dei bobbiesi. Al termine della cerimonia, guidata da Attilio Facconi, speaker ufficiale della Mille Miglia, gli organizzatori hanno dato l'appuntamento all'edizione 2015, per la quale si punterà a un ulteriore incremento quantitativo e qualitativo dei partecipanti, oltre alla predisposizione di una serie di eventi collaterali, che hanno anche quest'anno coinvolto appassionati ed esperti dell'automobilismo, dal convegno sul design alla sfilata di eleganza per le vie di Bobbio del sabato sera.

"Siamo assolutamente soddisfatti per l'esito della manifestazione – ha concluso Maurizio Cella, esponente bobbiese del Club Veicoli Storici di Piacenza - E' sicuramente andata meglio rispetto all'anno scorso, in considerazione del fatto che abbiamo sfondato il numero dei 100 iscritti, che puntiamo ad aumentare per la prossima edizione. Il percorso era molto impegnativo ma molto suggestivo. E' andata molto bene la convention con personaggi autorevoli dell'automobilismo. Ci proponiamo per il prossimo anno di approfondire ulteriormente il tema del design e dello stile". La conferma in questo senso arriva dai vari designer presenti all'evento, a partire da Filippo Perini, bobbiese e responsabile del Centro Stile Lamborghini: "Devo fare i complimenti agli organizzatori perché la manifestazione sta crescendo di anno in anno – ha commentato l'ingegnere della Casa di Sant'Agata - penso che per il prossimo anno si possa puntare a un ulteriore salto verso l'internazionalizzazione dell'evento, avendo cura di fare di Bobbio un centro di elaborazione e confronto sul design automobilistico".

Alla sfilata delle vetture, domenica mattina c'è stata l'importante presenza anche dello stilista di fama internazionale John Richmond, nativo di Manchester, che oltre a farsi fotografare vicino alle vetture del Museo di Arese, all'ultima Lamborghini, la Huracan, ed a quelle della Carrozzeria Castagna non ha perso l'occasione per provare l'emozione di fare da navigatore al pilota meccanico del "Biscione" Alessandro Rigoni, salendo al Passo Penice a bordo dell'Alfa Romeo 8C 2300 del 1931, modello usato anche da Enzo Ferrari sullo stesso percorso, nella sua ultima vittoriosa gara dello stesso anno.

rid DSC-8015C Paola Lanati - John Richmond

Classifica Assoluta – XVI Trofeo Renati

1) Fortin Pierluigi - Pile' Laura (Cams Rovigo) su Fiat 600
2) Salviato Ezio- Moglia Maria Caterina (C.M.A.E. squadra corse) Autobianchi A112 Abarth
3) Mozzi Giordano - Biacca Stefania (Scuderia Morandi) Triumph TR2
4) Scarabelli Giovanni-Negrini Fulvio (VCC Carducci) Autobianchi A112 Elegant
5) Barcella guido - Ghidotti Ombretta (Club Orobico Bergamo) Autobianchi A112 Abarth
6) Cavalleri Tiberio-Meini Cristina (Loropiana Classic) Lancia Aprilia
7) Rimondi Valerio-Fava Liana (Bologna Autostoriche) Porsche 911 S Targa
8) Vincenzi paolo- Riviezzo Simona (Scuderia Morandi) Alfa Romeo Giulia spider 1600
9) Guatelli Gian Pietro - Valdata Fianni (VCC Carducci) Fiat 128 Rally
10) Politi Massimo - Scabini Silvia (VCC Carducci) Triumph TR 3 A

(Fonte: Ufficio stampa Club Veicoli Storici di Piacenza)

Giovedì, 17 Luglio 2014 09:26

Bobbio - XVI Trofeo Antonio Renati

Nel fine settimana del 26 - 27 luglio 2014 in provincia di Piacenza avrà luogo la Bobbio-Passo Penice, gara di regolarità con strumentazione libera per auto d'epoca -

Piacenza, 17 luglio 2014 -

L'affascinante città di Bobbio in provincia di Piacenza nel fine settimana del 26 e 27 luglio ospiterà il XVI Trofeo Antonio Renati, la Bobbio-Passo Penice, gara di regolarità con strumentazione libera per auto d'epoca. La prova, prevista nella giornata di domenica, si svolgerà sulla salita che conduce dalla cittadina piacentina della Val Trebbia al più alto passo della provincia di Piacenza. Un vero trionfo di spettacolo ed eleganza, adrenalina... su quattro ruote.

La manifestazione che anno dopo anno si sta imponendo nel calendario nazionale delle gare di regolarità, è la rievocazione storica della famosa gara in salita che alla fine degli anni '20 sotto l'appassionata iniziativa di Antonio Renati, a quel tempo podestà di Bobbio, e dell'allora R.A.C.I. (attuale A.C.I..Piacenza) ha rappresentato uno dei più importanti appuntamenti delle pionieristiche competizioni automobilistiche. Questa prova ha visto la partecipazione di numerosi piloti di grande prestigio come Enzo Ferrari che, il 14 giugno 1931, al volante dell'Alfa Romeo 8C 2300 conquistò il podio nella sua ultima competizione come pilota.

L'organizzazione di questo grande evento è a cura del Club Veicoli Storici Piacenza, in collaborazione con il Comune di Bobbio, che, pur mantenendo lo storico percorso, intende arricchire la rievocazione con un tracciato tecnico e turistico che soddisferà sicuramente tutti i partecipanti. L'edizione 2014 del Trofeo Renati, che oltre a Bobbio toccherà anche i comuni di Brallo di Pregola, Cerignale, Cortebrugnatella e Ottone, si svolgerà su un percorso di 140 chilometri con 38 Prove Cronometrate, 3 Controlli Orari e 5 Controlli Timbro.

EVENTI COLLATERALI

Alla gara di regolarità, come nella scorsa edizione, gli organizzatori del Club Veicoli Storici Piacenza hanno voluto unire una serie di iniziative collaterali.
Su tutte spicca la convention che si terrà sabato 26 alle ore 17 presso il Comune di Bobbio, sala conferenze, che avrà per oggetto "L'evoluzione dello stile dalla Giulietta alla Huracàn" partendo proprio dai festeggiamenti per i 60 anni della mitica Alfa Romeo Giulietta passando attraverso i 40 della Alfetta GT, i 30 anni dell'Alfa 90 per arrivare all'ultima nata in casa Lamborghini, ed alla quale parteciperanno ex dipendenti dell'Alfa Romeo e personaggi dell'automobilismo internazionale.
Farà seguito la sfilata d'eleganza di auto storiche e speciali, che si terrà sempre sabato alle ore 21 in piazza San Francesco a Bobbio.

Sono inoltre confermate le presenze di Automobilismo Storico Alfa Romeo capitanato dall'ing. Paola Lanati con due vetture del museo di Arese, la 8C 2300 tipo Le Mans del 1931 e la Giulietta SZ "coda tronca" del 1960 e di Lamborghini con il responsabile del Centro Stile ing. Filippo Perini che ha preannunciato la presenza alla manifestazione bobbiese anche della nuova nata, la Lamborghini Huracàn, presentata allo scorso salone di Ginevra.
Un legame sempre più stretto tra la città piacentina e la casa di Sant'Agata Bolognese, tanto che una delle 12 immagini del calendario 2014 di Lamborghini è stata scattata proprio a Bobbio.

LE VETTURE

Le vetture ammesse alla manifestazione saranno suddivise nelle seguenti classi (periodi): A – Ancêtres (Ancestor) costruite fino al 31/12/1904; B - Vétéran (Veteran), costruite fino al 31/12/1918; C – Vintage, costruite fino al 31/12/1930; D - Post Vintage, costruite dal 01/01/1931 al 31/12/1945; E – Classic, costruite dal 01/01/1946 al 31/12/1960; F - Post Classic, costruite dal 01/01/1961 al 31/12/1970; G – Modern, costruite dal 01/01/1971 al 31/12/1980. Altre vetture di particolare interesse storico saranno ammesse a discrezione del Comitato Organizzatore.

LA GARA

La gara si svolgerà su strade aperte al traffico, con velocità medie non superiori ai 40 Km/h e per la compilazione delle classifiche saranno utilizzati i coefficienti di rivalutazione A.S.I.. Al termine della prova saranno consegnati anche i premi d'onore: ai primi 3 equipaggi della Classifica Generale Assoluta, ai primi 3 equipaggi di ogni classe, al primo Club che abbia totalizzato il miglior punteggio (calcolato sommando i punti ottenuti dai migliori tre conduttori) e al primo equipaggio femminile.
E' previsto infine un premio speciale, denominato "Trofeo Campagna Amica", riservato ai primi equipaggi di ogni classe limitatamente alle prove cronometrate che si effettueranno in località San Martino di Bobbio.

DICHIARAZIONI

A fare gli onori di casa in conferenza stampa è stato Roberto Pasquali, presidente del consiglio provinciale e Sindaco di Bobbio, il quale ha voluto ringraziare i rappresentanti del Club Veicoli Storici di Piacenza per "l'ottimo lavoro che stanno svolgendo nell'organizzazione di questa manifestazione che sta crescendo anno dopo anno ed è un importante mezzo di promozione del nostro splendido territorio". Un concetto, quest'ultimo, ribadito a più riprese durante la conferenza, nella quale sono stati ricordati i 23mila accessi al sito dedicato www.bobbiopenice.it nei giorni della manifestazione 2013. In rappresentanza dell'Amministrazione comunale di Ottone, uno dei comuni dove il Trofeo Renato 2014 transiterà, è stata Gloria Zanardi a esprimere "orgoglio per la partecipazione. Sono certa che questa manifestazione, come tutte le altre, possa fare molto bene per far conoscere la Val Trebbia e la provincia di Piacenza".

Ad introdurre la manifestazione è stato il Presidente del Club Veicoli Storici di Piacenza, Alfredo Inzani: "Siamo molto orgogliosi di questa manifestazione, che è il fiore all'occhiello nell'attività del nostro sodalizio, capace ormai di raggiungere oltre 1200 iscritti con una serie di eventi che coprono l'intera annualità. Voglio ringraziare tutti i miei collaboratori e i nostri rappresentanti a Bobbio, coloro che sono più impegnati in questa organizzazione. Ci auguriamo che possa avere ancora maggior successo dello scorso anno, le premesse ci sono tutte".

Dopo le parole entusiaste dell'Avv. Carlo Benussi, in rappresentanza delle famiglia Renati, che ha evidenziato come in questi ultimi due anni il Trofeo abbia "raggiunto punte di assoluta eccellenza sia come organizzazione che come qualità dei partecipanti", sono stati Diego Garilli e Maurizio Cella del Club Veicoli Storici di Piacenza, ad addentrarsi nel programma della due giorni bobbiese: "L'edizione 2014 del Trofeo Renati toccherà, oltre il comune di Bobbio, quelli di Cerignale, Ottone, Brallo di Pergola e Cortebrugnatella – ha ricordato Garilli – e ci teniamo a ringraziare tutte le amministrazioni che ci hanno supportato nell'organizzazione. E un grazie particolare va al Comune e alla città di Bobbio che ci sopporterà per 3 giorni, ma speriamo di regalargli ancora una volta uno spettacolo di primo piano. Le premesse ci sono tutte a giudicare dai partecipanti, tra cui il vincitore della Mille Miglia 2014, Mozzi, e il vincitore del 2013 Fontanella: due dei migliori interpreti delle gare di regolarità. Siamo contenti che circa 20 equipaggi iscritti siano bobbiesi e diversi altri piacentini, a testimonianza del fatto che stiamo entrando nel tessuto della nostra provincia".

Maurizio Cella si è soffermato sul programma del sabato, annunciando qualche appetitosa anteprima. "Sabato pomeriggio si terrà la convention "L'evoluzione dello stile dalla Giulietta alla Huracan", in occasione dei 60 anni della Giulietta, dei 40 dell'Alfetta GT e dei 30 dell'Alfa 90. Mentre la Huracan sarà in esposizione nel fine settimana grazie alla collaborazione con la Lamborghini e con l'amico Filippo Perini. Al termine si svolgerà la sfilata delle auto per le vie di Bobbio, a cui hanno confermato l'adesione alcuni modelli unici e di assoluto pregio, come l'Alfa 8C 2300 tipo Le Mans carrozzata Zagato con cui Enzo Ferrari vinse la Bobbio-Penice nel 1931". Cella ha inoltre annunciato la conferma della partecipazione alla manifestazione bobbiese della Carrozzeria Castagna di Milano, che porterà in Val Trebbia la Peugeot 508 e un nuovo modello che sarà svelato soltanto il prossimo lunedì a Milano prima di arrivare a Bobbio. Inoltre, sempre da Milano, è previsto l'arrivo di 3 vetture storiche dell'Arma dei Carabinieri, "in omaggio al Maggiore Longhi che lascerà la Val Trebbia" prima della fine dell'anno.
Non ha voluto mancare alla presentazione dell'evento, il Vice Presidente della Provincia, Maurizio Parma, che ha ribadito il valore tecnico e promozionale di questa manifestazione: "Era difficile fare meglio degli altri anni, ma voi ci state riuscendo, le premesse ci sono tutte, quindi sono certo che saranno due giorni splendidi di sport ed emozioni. Eventi come questi fanno il bene del nostro territorio".

COMITATO ORGANIZZATORE
Presidente: Dott. Alfredo Inzani
Componenti: Davide Mililli, Diego Garilli, Paolo Giafusti, Maurizio Cella.

ORGANIGRAMMA
Delegati di Club: Davide Mililli (Direttore Evento)
Delegati A.S.I: Antonio Giornetti e Michele Lumbroso
Commissari di percorso: U.d.G. Nino Previ Soresina
Cronometristi: Crono Car Service – Ernesto Cinquetti
Compilatore classifiche: Roberta Stabile
Addetto alle verifiche: Paolo Giafusti
Ufficio Stampa: Omnia Eventi Comunicazione
Addetto alla logistica: Paolo Giafusti

PROGRAMMA

Mercoledì 23 Luglio
Ore 10:00 - Pubblicazione Elenco Definitivo Iscritti sul sito web
Ore 10:00 - Pubblicazione Cartine Logistica e Percorso sul sito web
Ore 10:00 - Pubblicazione Tabella Tempi e Distanze sul sito web
Ore 10:00 - Pubblicazione Roadbook per Blizz-Tripy II sul sito web

Sabato 26 Luglio
Ore 16:00 - 19:00 - Piazza S. Francesco - Bobbio (PC)
Registrazione, Distribuzione Roadbook e Verifiche ante-gara
Ore 17:00 – Sala Conferenze c/o Municipio Bobbio
Convention "L'evoluzione dello stile dalla Giulietta alla Huracàn"
Ore 18:30 - Piazza S. Francesco - Bobbio (PC)
Partenza per Aperitivo e Buffet al Divina Pub in Marsaglia
Ore 21:00 – Piazza San Francesco – Bobbio (Pc)
Sfilata d'eleganza

Domenica 27 Luglio
Ore 08:00 - 09:00 - Piazza S. Francesco - Bobbio (PC)
Registrazione, Distribuzione roadbook e Verifiche ante-gara
Ore 09:30 - Piazza S. Francesco - Bobbio (PC)
Partenza prima vettura XVI Trofeo A. Renati (km 140)
Ore 10.30 – Piazza S: Francesco – Bobbio (Pc)
Partenza salita e aperitivo al Passo Penice autovetture sfilata
Ore 13.00 – Piazza San Francesco – Bobbio (Pc)
Arrivo autovetture sfilata
Pranzo nei ristoranti di Bobbio
Ore 13:30 - Piazza S. Francesco - Bobbio (PC)
Transito vetture XVI Trofeo A. Renati
Ore 15:00 - Piazza S. Francesco - Bobbio (PC)
Arrivo prima vettura XVI Trofeo A. Renati
Pranzo nei ristoranti di Bobbio
Ore 16:30 - Piazza S. Francesco - Bobbio (PC)
Esposizione Classifiche XVI Trofeo A. Renati
Ore 17.00 - Piazza S. Francesco - Bobbio (PC)
Premiazione XVI Trofeo A. Renati

(Fonte: ufficio stampa Club Veicoli Storici Piacenza)

Pubblicato in Dove andiamo? Piacenza

Cittadinanza europea al centro dei lavori presentati dai ragazzi. L'iniziativa è promossa in collaborazione con il Giffoni Film Festival -

Piacenza, 27 maggio 2014 -

Sono stati proclamati questa mattina in Provincia i vincitori del videoconcorso "One and Different – Essere giovani in Europa", promosso dalla Provincia di Piacenza in collaborazione con il Giffoni Film Festival. I partecipanti hanno infatti caricato on line nelle ultime settimane i propri micrometraggi della durata massima di 90 secondi: il tema scelto per i video è quello della cittadinanza europea.
Ad annunciare i nomi dei vincitori dell'iniziativa, che fa seguito al concorso del 2012 "La felicità in 90 secondi", sono stati l'assessore provinciale alle Politiche giovanili Massimiliano Dosi in collegamento video con i principali protagonisti del Giffoni Film festival.
"One and different – essere giovani in Europa" si inserisce nel programma "Yec- young european citizen" realizzato con Upi e Presidenza del Consiglio dei ministri nell'ambito di Azione Province Giovani.
Due, lo si ricorda, le sezioni in concorso: giovani dai 13 ai 30 anni (gli studenti delle scuole secondarie e gli universitari hanno realizzato i cortometraggi in modo autonomo con smartphone e tablet) e giovanissimi dai 6 ai 12 anni (frequentanti le scuole primarie e secondarie fino ai 12 anni).
Per la sezione giovani si sono aggiudicati il primo e secondo premio rispettivamente Amel Silnovic con "Europa portatrice di sicurezza" e Veronica Terribile con "One memory and different connection". Per la categoria giovanissimi si sono classificate: al primo posto la scuola primaria di Travo (istituto comprensivo di Bobbio) con "One and different european smiles", al secondo posto il terzo circolo didattico di Piacenza con "Da fratello a fratello" e, infine, al terzo posto a pari merito la scuola primaria di Pianello con "Tutti uniti legati in un'unica bandiera" e la scuola primaria di Pecorara con "La spesa". Hanno inoltre partecipato la scuola primaria Paolo Costa di Agazzano, la scuola primaria Paolo Maserati di Sarmato, la scuola primaria Tina Pesaro di Castel San Giovanni, la scuola primaria di Piozzano, l'istituto Sant'Eufemia, l'istituto comprensivo di Bobbio e la scuola primaria Giordani.
I vincitori, oltre ai premi consegnati, avranno la possibilità di partecipare in qualità di giurati al Giffoni Film Festival.

(Fonte: ufficio stampa Provincia di Piacenza)

Interventi urgenti nelle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Ravenna -

 

Parma, 15 maggio 2014 -

 

A seguito dei gravi fenomeni di dissesto causati dagli eventi atmosferici che hanno interessato negli ultimi mesi diverse opere pubbliche di bonifica in Emilia-Romagna l'assessore regionale all'Agricoltura Tiberio Rabboni ha disposto finanziamenti per interventi nelle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Ravenna per un importo complessivo di 310.000 euro.
I fondi saranno impiegati per ripristinare la funzionalità delle opere pubbliche di bonifica danneggiate ed eliminare al più presto le situazioni di pericolo per infrastrutture pubbliche, centri abitati e attività economiche.
In provincia di Piacenza si è provveduto al ripristino della transitabilità sulla strada pubblica "Mezzano Scotti - Crocetta - Cicogni" (35.000 euro) in comune di Bobbio.
In provincia di Parma si interviene per garantire la transitabilità sulle strade pubbliche "Graiana Chiesa - Graiana Castello" (40.000 euro) in comune di Corniglio, "Pianazzo - Grondana" (20.000 euro) in comune di Tornolo e "Molino Monti – Volpi in comune di Bardi (15.000 euro).
In provincia di Reggio Emilia è stato finanziato il consolidamento delle opere di bonifica montana a presidio della viabilità pubblica in località Monte della Guardia in comune di Viano (25.000 euro).
In provincia di Modena sarà messa in sicurezza la strada pubblica Via Case Maioncelli in località Borra in comune di Lama Mocogno (40.000 euro) e si consolideranno le sponde del Canale Fossetta di Gruppo in comune di Carpi danneggiate da franamenti (35.000 euro).
In provincia di Ferrara si provvederà alla ripresa del franamento di sponda destra del Canale Collettore Burana per ripristinare la viabilità sull'adiacente strada comunale per Burana in comune di Bondeno (80.000 euro).
In provincia di Ravenna è stata ripristinata la botte a sifone sullo Scolo consorziale Marocchia sottopassante il Canale dei Mulini di Lugo in fregio alla strada comunale San Biagio, in comune di Fusignano (20.000 euro).
In questi giorni è in corso la stima dei danni dovuti agli eventi delle ultime settimane.

(Fonte: ufficio stampa Regione Emilia Romagna)

Pagina 1 di 3