Visualizza articoli per tag: Territorio San Secondo

I Carabinieri della Stazione di Roccabianca, in collaborazione con quelli di San Secondo Parmense, hanno eseguito la misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Parma, a seguito delle indagini coordinate dalla dott.sa Paola DAL MONTE della Procura di Parma, ponendo agli arresti domiciliari il giovane che la notte del 10 agosto 2016, in Viarolo (PR), aveva cagionato il sinistro stradale a seguito del quale era deceduto, il 17 agosto 2016, il diciottenne ZAROTTI Simone di San Secondo Parmense.

A seguito del drammatico evento, grazie ai rilievi del sinistro e ai successivi accertamenti svolti, si è proceduto, per la prima volta in Provincia di Parma, all'applicazione delle disposizioni che prevedono il reato di "Omicidio Stradale e Lesioni personali stradali gravissime" (articolo 589 bis e 590bis del codice penale introdotto con Legge 23 marzo 2016 nr. 41).

La nuova normativa prevede infatti un incrementato delle pene per coloro che, a causa di condotte illecite mentre si trovano alla guida di veicoli, provocano delle lesioni gravissime e/o il decesso altrui.

Nel caso specifico la notte del 10.08.2016, il giovane si è posto alla guida dell'autovettura di proprietà della madre di uno dei quattro trasportati, prelevando il mezzo all'insaputa della proprietaria, senza essere neanche in possesso della patente di guida per il veicolo risultando anche positivo ai test alcoolemici e tossicologici poi eseguiti.

L'ipotesi accusatoria sostenuta dal P.M. della Procura di Parma è stata pienamente accolta dal GIP del locale Tribunale che, in ragione della gravità dei fatti e di una possibile reiterazione del reato, ha applicato al giovane la misura cautelare degli arresti domiciliari.

A seguito degli eventi occorsi e delle aggravanti specifiche contestate l'arrestato rischia, in caso di condanna, una pena dai sette ai diciotto anni di reclusione e l'impossibilita di conseguire il titolo abilitativo alla guida per i prossimi trent'anni.

Nel contempo permangono gravissime le condizioni dell'altro giovane rimasto ferito nel sinistro stradale, che tutt'ora si trova sempre ricoverato in prognosi riservata presso il reparto di rianimazione dell'Ospedale Maggiore di Parma.

Pubblicato in Cronaca Parma

Venerdì 29 Luglio, ore 21,30 – San Secondo P.se (PR), parco Piscina Acquablu orchestra regionale dell'emilia romagna – A. Chauhan, direttore
L'Ottocento sinfonico – Musiche di G. Verdi, G. Rossini, J. Brahms e L. Beethoven. In caso di maltempo: Rocca dei Rossi – Sala delle gesta rossiane.

Parma, 29 luglio 2016

Una notte di grande classica su musiche di Verdi, Rossini, Beethoven, Brahms a bordo piscina: l'accostamento sdogana tutti i canoni e nel grande parco Acquablu di San Secondo Parmense ascolterete gli straordinari musicisti dell'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna diretta da Chauhan in un contesto che non ti aspetti. Con un ampio repertorio dedicato all'ottocento sinfonico, l'ensemble che onora la rassegna estiva Musica in Castello con la propria partecipazione – ci condurrà in un viaggio sonoro vivace e intenso, in grado di emozionare.

In carnet venerdì 29 luglio alle 21.30, a ingresso libero, l'Orer fondata a Parma nel 1975 e riconosciuta dallo Stato Italiano come Istituzione Concertistico-Orchestrale di rilevanza nazionale nel 1977, è pronta ad incantare.

Dal 1982 nota con il nome di "Orchestra Sinfonica dell'Emilia-Romagna 'Arturo Toscanini", con il consenso degli eredi del grande direttore, dal 1 settembre 2007 il complesso ha assunto l'attuale denominazione, rimarcando così, accanto alla propria natura istituzionale, il forte vincolo che lo collega alla tradizione e alla cultura musicale del territorio al cui servizio opera.
Oggi considerata una delle più importanti orchestre regionali italiane, l'Orchestra Regionale dell'Emilia-Romagna è impegnata in una prestigiosa ed ininterrotta attività sinfonica, nel cui corso storico si è avvalsa direzione musicale di Piero Bellugi (1980/81), Gunter Neuhold (1982/85), Vladimir Delman (1986/88), Hubert Soudant (1988/91), Gianandrea Gavazzeni (1992/96), Patrick Fournillier (1998/2000). Il Complesso opera inoltre a supporto delle attività liriche dei Teatri e dei Festival della Regione e partecipa alle produzioni d'opera direttamente allestite dalla Fondazione Toscanini con artisti quali Franco Zeffirelli, Pier Luigi Pizzi e Pier'Alli, molte delle quali (Aida, Traviata, Rigoletto, Nabucco, I Vespri siciliani) edite in DVD nelle maggiori collane nazionali ed internazionali.
 Accanto all'ingente mole delle iniziative finalizzate alla promozione musicale sul territorio l'Orchestra Regionale dell'Emilia-Romagnarealizza un'importante ed innovativa attività espressamente concepita per tutte le articolazioni del mondo della scuola emiliano-romagnolo, coinvolgendo ogni anno più di ventimila studenti. Ampio è l'apprezzamento di cui godono i numerosi gruppi cameristici operanti al suo interno, tra i quali si segnalano l'Ensemble di Musica Contemporanea, il Gruppo d'Archi, l'Ensemble Teatro delle Note e l'Ensemble della Fondazione Toscanini.
Vincitrice di due Premi Abbiati, nel 1982 e nel 1986, l'Orchestra Regionale dell'Emilia-Romagna è stata più volte ospite delle maggiori città europee, nordamericane ed asiatiche. Lungo è il catalogo delle trasmissioni radiofoniche e televisive, anche in mondovisione, e delle registrazioni discografiche ed in DVD, realizzate per marchi quali Decca, TDK, Ricordi, Fonit Cetra, Ermitage ed Eca.

La serata è organizzata da Piccola Orchestra Italiana, in collaborazione con il Comune di San Secondo Parmense.
La rassegna "Musica in Castello" sostiene il progetto solidale Dynamo Camp ed è firmata da Piccola Orchestra Italiana con la direzione artistica del maestro Marco Gerboni con la collaborazione di tutti i Comuni inseriti in cartellone che ospitano i concerti.
Musica in Castello, inoltre, riserva posti agli ospiti del Centro Cardinal Ferrari.
Sostengono e contribuiscono alla rassegna.
Main Sponsor: Conad, Banca Mediolanum, Pomì.
Sponsor: Synthesis, Reggiana Gourmet, Scadif, DataConSec, EmmeQu, Rastelli Impianti, Centro Cardinal Ferrari Santo Stefano Riabilitazioni, Birrificio Farnese, Coop Multiservice, Nuova Pulichimica.
Sponsor Tecnici: La SQuola di Blog, Elios, Comeser, Cantine Bonelli,
Media partner: Gazzetta di Parma, TV Parma, Radio TV Parma.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.musicaincastello.it   

PROGETTO GRAFICO: Tiziano Tanzi, Salsomaggiore 
FOTOGRAFIE: Giuseppina Filiberti official photographer

 

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Un centinaio di studenti dell'istituto agrario Bocchialini hanno simulato modelli di irrigazione virtuosa sulle coltivazioni tipiche applicando l'innovativo software IRRINET-IRRIFRAME ideato dai laboratori di ricerca del Canale Emiliano Romagnolo e accreditato per il risparmio di risorsa nel nuovo Piano di Sviluppo Rurale.

Parma, 2 maggio 2016

Un centinaio di studenti dell'Istituto Agrario Bocchialini – terze e quarte classi provenienti dalle sezioni di Parma e San Secondo – ha partecipato attivamente ad un incontro sull'irrigazione di precisione, realizzata secondo modalità virtuose e applicata mediante un avanzato sistema tecnologico che consente un significativo risparmio idrico in agricoltura. In uno scenario globale caratterizzato da temperature altalenanti che causano periodi particolarmente siccitosi anche nel nostro comprensorio, l'utilizzo oculato di acqua non rappresenta solo un comportamento responsabile in un'ottica di diffusa sostenibilità ambientale, ma rappresenta anche un risparmio di denaro per l'imprenditore agricolo che ne fa un uso costante. Tutto questo è "Acqua e Territorio Lab", il progetto realizzato da ANBI Emilia Romagna, CER e Consorzio della Bonifica per gli istituti agrari dell'Emilia Romagna- recentemente accreditato dall'Ufficio Scolastico Regionale-Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca.

Le lezioni itineranti nelle varie province hanno fatto tappa anche a Parma dove - nel corso di una ricca mattinata di lavoro all'Auditorium dell'Istituto Bocchialini - ANBI e Bonifica Parmense hanno approfondito ruolo e attività svolti dal Consorzio per una corretta manutenzione e difesa del territorio attraverso la regimazione delle acque e la mitigazione del dissesto idrogeologico montano. Sulle tematiche di evidente criticità, rischi e soluzioni di prevenzione sono intervenuti, dopo l'introduzione della preside Annarita Sicuri e del presidente del Consorzio Luigi Spinazzi, Patrizia Narducci di ANBI Emilia Romagna, il presidente del Consorzio di Bonifica Luigi Spinazzi e il direttore generale del Consorzio Meuccio Berselli. Un ampio spazio è stato lasciato – come detto – alle buone pratiche nell'utilizzo della risorsa irrigua; Gioele Chiari - ricercatore dei laboratori del CER - ha illustrato IRRINET-IRRIFRAME ponendo l'accento sulle modalità tecniche e tecnologiche del software (da oggi anche disponibile e scaricabile gratuitamente come APP per mobile) e coinvolgendo gli studenti in un percorso condiviso di informazioni specifiche.

Gli alunni, in via preventiva, grazie al lavoro fatto in classe dal professor Giacomo Corradi nelle giornate precedenti, hanno presentato ai relatori-formatori una simulazione di uso del software applicata ad una coltura come il pomodoro, di per sé particolarmente idro-esigente e quindi esemplificazione sintomatica di un contesto che potrebbe davvero avere problematiche notevoli dalla mancanza di acqua nei prossimi mesi estivi. La dirigente del polo scolastico Annarita Sicuri è intervenuta evidenziando come le attività in collaborazione concreta con realtà quali i Consorzi di Bonifica – chiamati a governare risorse così rilevanti per il territorio come l'acqua – consentano di avere un occhio vigile sulle evoluzioni tecnologiche che sono alla base dell'innovazione utile nel comparto agroalimentare di qualità. Patrizia Narducci (ANBI Emilia-Romagna) ha rimarcato l'importanza del progetto e della collaborazione fattiva delle scuole per rendere fruibile ai più giovani ciò che può rappresentare per loro una base essenziale per una qualificazione professionale delle attività lavorative che riguardano da vicino il territorio e un approccio del tutto sostenibile.

Presidente e direttore della Bonifica locale Luigi Spinazzi e Meuccio Berselli hanno colto l'occasione dell'incontro per annunciare due importanti novità per il Consorzio di Parma che saranno presentate a breve: un Ufficio Irrigazione a disposizione delle imprese agricole e un Laboratorio di Ricerca e Monitoraggio sulla Qualità delle Acque nel reticolo di bonifica gestito dall'ente in tutto il Parmense.

(Fonte: ufficio stampa Consorzio Bonifica Parmense)

I dati resi noti dalla Provincia. Le presenze degli stranieri crescono del 14,8% e rappresentano circa il 30% del totale. Nel Capoluogo le presenze aumentano del 7,1%, mentre nelle località Termali del 2,5%. Il Presidente della Provincia Fritelli: "Grande interesse per il nostro territorio, per il terzo anno di seguito."

Parma, 16 febbraio 2015

Sono buoni i dati del turismo per il 2015 nella provincia di Parma: 687.490 arrivi (con un +10,7% rispetto al 2014) e 1.675.342 presenze (+3,9%).
Sia gli arrivi che le presenze sono al livello più alto registrato dal 2008; in particolare, le presenze straniere sono cresciute del 14,8%, arrivando a 518.168 (il 30,95%) del totale, mentre la permanenza media passa dalle 2,6 alle 2,4 notti per cliente.
Il flusso dei turisti italiani, che fino al 2012 aveva subito delle rilevanti diminuzioni, presenta una sostanziale stabilità delle presenze rispetto al 2014 (-0,3%).

I turisti Cinesi si attestano al primo posto della graduatoria degli stranieri, superando le presenze dei Francesi e dei Tedeschi, che sono i mercati esteri tradizionalmente più interessati al nostro territorio; in particolare i Francesi fanno registrare una diminuzione del 13,3%.
Variazioni positive,invece, del 3,7% per gli USA e del 14% per il Regno Unito.

Esaminando le performance delle varie aree, il Capoluogo fa rilevare un buon aumento delle presenze (+7,1% rispetto al 2014), mentre si conferma il dato già registrato nel 2014 della ripresa delle località Termali, che nel 2015 incrementano le presenze del 2,5%.
Buona, con un +4,2%, la crescita delle presenze nell'area delle Città d'arte (Busseto, Colorno, Fidenza, Fontanellato, Fontevivo, Roccabianca, San Secondo, Soragna, Zibello). La Montagna mostra invece una certa sofferenza nelle presenze, con un calo del 4% rispetto al 2014.

"Si conferma per il terzo anno consecutivo un buon risultato per il turismo parmense, e questa continuità ci indica che il nostro territorio si è agganciato in modo stabile a dei flussi turistici importanti – sottolinea il Presidente della Provincia Filippo Fritelli - I numeri positivi, in particolare del Capoluogo e del comparto Termale, testimoniano come ci sia da parte di diversi operatori turistici italiani e stranieri un interesse per Parma e il suo territorio, anche se non sempre le aumentate presenze generano ricadute importanti per tutti gli operatori economici."

Come l'anno scorso, e a differenza del periodo precedente, per il 2015 è il comparto alberghiero che evidenzia le migliori performance percentuali rispetto al 2014, +12,4% di arrivi, +6,2% di presenze.
L'extra-alberghiero registra, dopo vari anni di incremento, una diminuzione delle presenze di circa il 2%.

"I flussi turistici a livello mondiale stanno crescendo, e quindi il settore presenta notevoli opportunità per i nostri imprenditori – spiega il Delegato provinciale alla Statistica Maurizio Vescovi - La strategicità di questo comparto si conferma a maggior ragione in un periodo di crisi economica, perché nel turismo si può generare valore aggiunto mettendo a valore idee e progetti che, in vari casi, non necessitano di investimenti inarrivabili in un periodo difficile come questo."

I dati di dettaglio su www.statistica.parma.it 

(Fonte: Ufficio stampa Provincia di Parma)

Pubblicato in Comunicati Turismo Parma

Un clamoroso furto di pannelli fotovoltaici è stato sventato, durante le festività, dai Carabinieri della Compagnia di Fidenza. L'operazione ha permesso di arrestare due persone e di recuperare oltre 800 pannelli che erano già stati smontati e in larga parte caricati sui tre veicoli, poi sequestrati, con cui dovevano essere portati via.

Approfittando della tranquillità delle giornate festive i malviventi avevano ritenuto di poter portare a termine il loro piano indisturbati senza preventivare che, a "rovinargli" le feste, ci potesse essere una pattuglia delle Stazioni Carabinieri di Roccabianca e San Secondo Parmense. I militari, durante la consueta attività di vigilanza, hanno notato in località Pavarara, all'altezza dell'appezzamento ove è situato il campo fotovoltaico di Iren Rinnovabili (che ha in concessione l'impianto destinato alla produzione di energia elettrica che viene poi ceduta alla rete nazionale Enel), delle tracce fresche lasciate da un mezzo pesante. Mentre approfondiva il controllo la pattuglia ha notato che all'interno del campo, parzialmente nascosti dalla nebbia, vi erano due camion parcheggiati a breve distanza dalla rete di confine divelta e che gli stessi erano già stipati di pannelli fotovoltaici, mentre altri pannelli erano stati accatastati nelle immediate vicinanze. Nessuna traccia, invece, delle persone che, molto probabilmente, alla vista della vettura di servizio, favorite dalla nebbia, erano riuscite a dileguarsi nei campi limitrofi.

I militari, nonostante le condizioni meteo impervie, hanno sviluppato nell'immediatezza le indagini acquisendo le registrazioni delle telecamere posizionate in zona dall'Unione Terre Verdiane. Proprio grazie a queste immagini hanno appurato che i due furgoni, qualche ora prima, erano giunti nella Bassa dal casello autostradale di Fidenza e che insieme agli stessi vi era un'auto anch'essa, come i furgoni, proveniente dalla provincia di Salerno.

La Centrale Operativa della Compagnia di Fidenza ha predisposto allora diversi posti di controllo in tutta la zona grazie ai quali, all'altezza di Castellina di Soragna, i Carabinieri di Fidenza, Roccabianca e San Secondo hanno individuato l'Audi su cui viaggiavano le cinque persone sospettate del furto.
Queste, alla vista degli uomini dell'Arma, hanno abbandonato l'auto in movimento fuggendo a piedi ma, grazie all'immediata reazione dei militarti, due di loro (tra cui il proprietario di uno dei furgoni) sono stati bloccati e accompagnati subito dopo in caserma mentre i rimanenti tre riuscivano a dileguarsi nei campi.

I controlli sui due fermati hanno permesso di appurare che si trattava di un 57enne e di un 35enne, entrambi di origine magrebina, residenti a Salerno con precedenti specifici. I due, accusati di furto aggravato in concorso, sono stati quindi processati per direttissima al termine del quale l'A.G. ha disposto per il più vecchio dei due, gli arresti domiciliari (da scontare in provincia di Salerno) e la custodia cautelare nel carcere di via Burla per il più giovane eseguita al termine del processo.

Dagli accertamenti è emerso che i pannelli già caricati erano 570 e quelli pronti per essere caricati 250. Al momento sono in corso ulteriori indagini al fine d'individuare anche le altre persone coinvolte nel furto. Nel frattempo i due già assicurati alla giustizia dovranno rispondere di un danno all'impianto di circa 75mila euro.

Pubblicato in Cronaca Parma

Edizione natalizia de "Il tè del giovedì". Il 17 dicembre alle ore 17 la cittadinanza è invitata ad esprimersi su come vorrebbe che fosse la Casa della Salute. Un'occasione per uno scambio di idee, per capire da chi frequenta la struttura cosa vorrebbe trovare nel luogo preposto alla tutela e alla salvaguardia della propria salute. -

Parma, 12 dicembre 2015 -

"Il tè del giovedì", l'incontro mensile di educazione sanitaria organizzato dall'AUSL alla Casa della Salute di San Secondo propone un appuntamento natalizio.

Il 17 dicembre, alle 17, la cittadinanza è invitata ad esprimersi su come vorrebbe che fosse la Casa della Salute. Desideri e progetti saranno presentati all'équipe de "Il tè del giovedì". Un'occasione per uno scambio di idee, per capire da chi frequenta la struttura cosa vorrebbe trovare nel luogo preposto alla tutela e alla salvaguardia della propria salute.

L'ingresso è gratuito, la cittadinanza è invitata a partecipare.

Come d'abitudine, sarà offerto il tè.

Per informazioni: tel. 0521.371790, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(Fonte: Ufficio stampa USL Parma)

Pubblicato in Comunicati Sanità Parma

La somma di 500 euro che il Cral ha raccolto è donata ad ARIM, per sostenere il progetto "La nuova endoscopia". Oggi la cerimonia di ringraziamento. Grazie anche a questo gesto di generosità è prossimo il completo rinnovo delle strumentazioni endoscopiche digestive della Casa della Salute di San Secondo, con apparecchiature di ultimissima generazione in grado di migliorare la diagnosi precoce delle malattie dell'apparato digerente. -

Parma, 10 dicembre 2015 -

Il Cral dell'AUSL, fin dalla sua costituzione, è impegnato nel sociale con l'organizzazione di eventi per la raccolta di fondi da destinare ad associazioni locali, in particolare, quelle "vicine" all'Ospedale di Vaio.

Anche la donazione di oggi ha la stessa finalità: la somma di 500 euro che il Cral ha raccolto è donata ad ARIM, per sostenere il progetto "La nuova endoscopia".

Grazie anche a quest'ultimo (in ordine di tempo) gesto di generosità è ormai prossimo il completo rinnovo delle strumentazioni endoscopiche digestive della Casa della Salute di San Secondo, con apparecchiature di ultimissima generazione in grado di migliorare la diagnosi precoce delle malattie dell'apparato digerente.

L'èquipe dell'Ospedale di Vaio, guidata da Paolo Orsi, è presente alla Casa della Salute il mercoledì e il venerdì ed effettua oltre 1000 esami endoscopici all'anno, più di 300 visite gastroenterologiche ed oltre 250 test del respiro.

Oggi la cerimonia di ringraziamento, alla presenza di Elena Saccenti, direttore generale dell'AUSL, Antonio Negri, presidente del Cral aziendale con la vice Federica Cupola, Lamberto Cervi, presidente di ARIM e Paolo Orsi, direttore dell'U.O. di Endoscopia digestiva e Gastroenterologia dell'Ospedale di Vaio, oltre a professionisti dell'Ospedale e rappresentanti del volontariato locale.

(Fonte: Ufficio stampa Azienda USL di Parma)

Pubblicato in Comunicati Sanità Parma

Nuovo appuntamento con "Il tè del giovedì", l'incontro di educazione sanitaria organizzato dall'Azienda USL alla Casa della Salute. Anna Tedeschi e Alessandra Ricardi, professioniste dell'hospice di Fidenza, spiegano ciò che è possibile fare per lenire le sofferenze e migliorare la qualità della vita di una persona che soffre di una malattia incurabile. -

Parma, 21 novembre 2015 -

Prendersi cura dei malati, con le cure palliative è il tema del nuovo appuntamento con "Il tè del giovedì", la rassegna d'incontri di educazione sanitaria organizzata dall'AUSL alla Casa della Salute di San Secondo.
Dalle 17, Anna Tedeschi e Alessandra Ricardi, professioniste dell'hospice di Fidenza, spiegano ciò che è possibile fare per lenire le sofferenze e migliorare la qualità della vita di una persona che soffre di una malattia incurabile e cosa offre l'hospice di Fidenza, centro d'eccellenza del territorio per le cure palliative.

L'ingresso è gratuito, la cittadinanza è invitata a partecipare.
Come d'abitudine, sarà offerto il tè.
Per informazioni: tel. 0521.371790, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

(Fonte: Ufficio stampa Usl Parma)

Pubblicato in Comunicati Sanità Parma

E' successo a San Secondo Parmense quando a seguito dell'intervento di una pattuglia, una coppia ha aggredito e minacciato i militari. Arrestato un 28enne, originario della Libia, e denunciata una 25enne di Parma per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. -

Parma, 9 novembre 2015 -

Sabato sera una pattuglia della Stazione di San Secondo Parmense ha arrestato un 28enne, originario della Libia, e denunciato una 25enne di Parma per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.
La coppia, a seguito di un intervento, ha aggredito e minacciato la pattuglia quando ha realizzato che i militari stavano accompagnando il cittadino straniero, privo di documenti e gravato da sei alias, in caserma per degli accertamenti più approfonditi poiché dai primi controlli erano emersi alcuni provvedimenti di rintraccio.
 Al momento di salire sull'autovettura il 28enne ha iniziato ad aggredire i militari gettandosi poi al suolo nel tentativo di ferirsi. Nel mentre la donna si è scagliata contro gli altri Carabinieri presenti insultandoli e cercando di non far bloccare il compagno. Dopo una certa resistenza la pattuglia è riuscita a bloccare e a far salire nella vettura di servizio il cittadino libico.
La donna, non paga dell'accaduto, ha continuato a minacciare i Carabinieri con frasi quali "oggi è il tuo ultimo giorno di lavoro" e l'intramontabile "tu non sai chi è mio padre".
 Nonostante i vari tentativi di disturbo della coppia il 28enne, dopo la convalida dell'arresto, è stato portato in carcere in attesa del processo mentre la 25enne è stata denunciata a piede libero.

Pubblicato in Cronaca Parma
Mercoledì, 22 Luglio 2015 17:00

Sulla riviera del Grande Fiume "Un Po di Sport"

Dal 29 agosto al 4 ottobre oltre 50 eventi sportivi per la promozione culturale, gastronomica e turistica del territorio fluviale. Tappa a Mezzani, Casalmaggiore, San Secondo P.se, Colorno, Sissa-Trecasali, Torrile e Sorbolo .-

Parma, 21 luglio 2015 – in allegato la locandina -

Beach Volley, Beach Rugby, Beach Soccer, Canottaggio, Mountain bike, Handbike, Scherma, Triathlon, Baseball, Rugby, Judo, Tiro con l'arco, Sci nautico, Calcio a 5, Karate, Calcio balilla, Ping Pong, Running, Boxe, Pesca e tanti altri ancora.

Tanto sport ma anche degustazioni, spettacoli, incontri presentazioni sul Grande Fiume grazie a "Un Po di Sport", l'innovativo progetto di promozione dell'area rivierasca, del suo patrimonio ambientale, umano e storico che attraverserà diversi paesi dal 29 agosto al 4 ottobre.

Un mese di eventi con oltre 50 appuntamenti sportivi e culturali, 7 comuni coinvolti, 2 province (Parma e Cremona) con 500mila abitati residenti, 12 specialità enogastronomiche tipiche da assaporare. E poi, incontri sul tema della nutrizione e dei corretti stili di vita, escursioni naturalistiche, mostre, spettacoli lungo le rive del fiume più grande d'Italia.
Un festival itinerante che collegherà la sponda parmense con quella lombarda, facendo tappa a Mezzani e Casalmaggiore (29-30 agosto), San Secondo P.se (6 settembre), Colorno (12 settembre), Sissa-Trecasali (20 settembre), Torrile (26-27 settembre) e Sorbolo (2-3-4 ottobre), per un "gustoso assaggio" del territorio e delle sue numerose risorse, a partire dal fiume Po.

Tantissime le discipline protagoniste del festival che si alterneranno di tappa in tappa, con dimostrazioni da parte di atleti professionisti e la possibilità per il pubblico di partecipare ai diversi sport, anche alla presenza di importanti campioni, come i canottieri Antonio Rossi e Gianluca Farina o le neo campionesse italiane di volley della Pomì Casalmaggiore.

"Un Po di Sport" nasce da un'idea di Abili allo Sport, l'associazione di comunicazione e promozione sociale dello sport disabile e ha trovato subito il sostegno di amministrazioni pubbliche, enti, Università, associazioni locali e imprese private, unite dalla volontà di valorizzare le iniziative già attive sul territorio, mettendole in rete per creare un circuito virtuoso delle eccellenze locali. Questo network sportivo, culturale ed enogastronomico è a disposizione degli utenti anche sul web, grazie al portale dedicato www.unpodisport.it, dove scoprire il programma dettagliato e le peculiarità di ogni tappa, oppure accedendo ai canali social di Facebook, Twitter, Youtube e Instagram per interagire con i promotori utilizzando l'hashtag ufficiale #unpodisport.

un po di sport

Pubblicato in Cronaca Parma
Pagina 6 di 9