Lo scorso 8 novembre, a Modena, sono stati effettuati controlli in quattro appartamenti, destinati all’accoglienza di richiedenti asilo politico, da parte di personale della Squadra Mobile, agenti del Nucleo Problematiche del Territorio ed operatori del Quartiere 2 della locale Polizia Municipale.

I controlli sono scaturiti a seguito di segnalazioni, anche da parte degli stessi responsabili delle cooperative che gestiscono gli immobili, in ordine a qualche anomalia rilevata nelle frequentazioni degli appartamenti e a possibili “via vai” sospetti. 

Il servizio mirato è stato effettuato con l’ausilio dell’unità cinofila Victor di Casina di Reggio Emilia.

I controlli hanno interessato dapprima due immobili ubicati in zona viale Gramsci; all’interno di uno di questi, il fiuto del cane Victor ha consentito di rinvenire marijuana, nascosta in balcone, per un peso complessivo di 50 grammi circa.

Successivamente gli agenti si sono portati presso altri due appartamenti in zona Viale Amendola, dove non sono state rilevate anomalie.

Complessivamente durante il servizio sono state identificate 21 persone, tutte in regola con i documenti di soggiorno.

Sono in corso ulteriori indagini finalizzate all’individuazione del possessore dello stupefacente ritrovato.

Pubblicato in Cronaca Modena

I Carabinieri del Norm hanno dato esecuzione ad alcune ordinanze emesse dal Gip di Parma di applicazione della misura cautelare in carcere nei confronti di S. J., O. E., O. T., - le iniziali - tutti e tre in Italia senza fissa dimora, per il reato di spaccio. Agli indagati, in distinte attività di indagine, vengono contestate circa 2000 cessioni di sostanza stupefacente quali cocaina, marijuana, hashish ed eroina per un valore approssimativo stimato intorno ai 75.000 €.

I tre soggetti, spacciano nel territorio di Parma, sin dal 2015. Le modalità di consegna (in bici o in auto) sono pressoché similari, mentre le zone delle attività illecite erano divise fra Barriera Bixio e Ospedale Piccole Figlie.

Gli assuntori sono stati chiamati a riconoscere i pusher di riferimento, con esito positivo. L’età degli acquirenti varia dai 20 ai 50 anni; tra questi ultimi, ve ne sono alcuni da oltre 20 anni assuntori abituali, elemento questo che, unitamente alla serialità degli episodi emersi attraverso le attività di osservazione e controllo sul territorio compiute dai militari, hanno portato i P.M. e i Gip, rispettivamente a chiedere e ad emettere le misure. 

Dalle dichiarazioni degli acquirenti (tutte connotate da precisione) è stato possibile ricavare la gravità indiziaria a carico di ciascun indagato, il modus operandi dei pusher e i luoghi utilizzati per le consegne. 

Tutti e tre sono apparsi in grado in ogni momento di procacciarsi le dosi di sostanze psicotrope richieste dai rispettivi clienti nonché di evadere immediatamente gli ordinativi di questi ultimi, che ricevevano ormai con cadenze regolari. 

I consumatori effettuavano almeno un acquisto a settimana. In alcuni casi erano gli stessi pusher che si premuravano di contattare personalmente alcuni clienti che non si erano riforniti per un certo periodo di tempo oppure di consigliar loro l’acquisto di sostanze più potenti. 

I pusher sono apparsi ben inseriti nel mercato di riferimento, da cui hanno evidentemente tratto sostentamento sistematico, ricavandone notevoli profitti.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Parma, hanno svelato la sussistenza di un’attività di spaccio condotta in maniera seriale, capillare e professionale, certamente lucrativa, e costituiscono l’ennesima dimostrazione dell’impegno diuturno degli apparti investigativi di Parma (Polizia Giudiziaria e Procura della Repubblica) nel difficile contrasto all’illecito mercato degli stupefacenti.

Pubblicato in Cronaca Parma

Qualche ora fa, un uomo ha tentato di suicidarsi buttandosi da un ponte che sovrasta l'autostrada dell'A1, all'altezza di Fontevivo.
Un gesto disperato che per fortuna si è concluso senza conseguenze.

Mentre i Carabinieri hanno fatto desistere il suicida, gli Agenti della Polizia Stradale hanno garantito la sicurezza della viabilità autostradale, infatti, in questi casi, oltre al pericolo dovuto all'uomo che tentava di gettarsi nelle carreggiate, il pericolo viene creato dai curiosi che rallentano nella zona interessata e rischiano di causare gravi incidenti.
Il tutto, grazie anche al pronto intervento, si è concluso per il meglio e l'uomo è stato convinto a desistere e farsi aiutare dalle forze dell'ordine.

Pubblicato in Cronaca Emilia

I crociati regalano una splendida vittoria ai tifosi contro i giallorossi in grande forma nelle ultime gare. Sprocati e Cornelius nel finale di gara fissano il risultato sul due a zero ma è tutta la squadra a girare .

di Luca Gabrielli Parma, 11 novembre 2019 - Serata dalle grandi emozioni nel posticipo delle 18 al Tardini tra Parma e Roma. I ragazzi di D’Aversa volevano regalare al pubblico i primi tre punti contro una big di A prima della pausa di due settimane per la sosta delle Nazionali. Le due squadre si affrontano ad armi pari con i giallorossi che fin da subito cercano di prendere il pallino del gioco mentre i crociati cercano di sfruttare gli spazi offerti con dei contropiedi orchestrati da Kulusevski e Gervinho. Lo spartito della gara è esattamente questo nella prima frazione di gara dove l’attimo che determina il match è l’infortunio di Gervinho nel finale di primo tempo che viene sostituito dall’esterno Sprocati.
Nella ripresa si vede maggiore spettacolo con molti capovolgimenti di fronte e un Sepe che sale in cattedra e salva più di una volta i compagni dal possibile svantaggio. Prodigioso è l’intervento sul tiro a botta sicura di Pastore dopo il palo colpito su punizione da Kolarov. La Roma sembra in procinto di passare in vantaggio ma al 68’ è proprio il subentrato Sprocati a dare una doccia fredda agli ospiti con una torsione di sinistro sulla quale non può farci nulla il portiere Pau Lopez. La Roma non ci sta e si porta tutta in avanti alla ricerca disperata del pareggio ma il Parma è molto compatto nella propria trequarti e concede pochissimo agli avversari. Gli spazi per le ripartenze sono ampi e al 93’ arriva il colpo del ko con Hernani che ruba un pallone a centrocampo e serve un delizioso assist a Cornelius che di prima tira una cannonata di sinistro per il definitivo due a zero. Il Tardini esplode e per i crociati sono altri tre punti fondamentali dal sapore ancora più dolce perché conquistati contro una big.

La squadra ha una sua identità ma le voci di mercato spaventano l’ambiente

Ormai si può dire che la squadra abbia assimilato alla perfezione il credo del mister D’Aversa e negli ultimi due mesi oltre ai tanti punti messi in cascina si è visto anche un bel gioco espresso in molte gare. La squadra scende in campo sempre con l’atteggiamento giusto che negli anni scorsi i tifosi recriminavano ai giocatori e all’allenatore. Soprattutto non si vedono solo ripartenze e contropiede ma azioni manovrate volte a sopraffare l’avversario di turno. Il pubblico si diverte e applaude i suoi beniamini ma alcune voci uscite sui giornali in questa settimana stanno turbando un po’ l’ambiente. Darmian e soprattutto il gioiellino Kulusevski sembrano essere entrati nel radar dell’Inter per gennaio. Sarebbe un errore incredibile privarsi di questi due giocatori che stanno dimostrando gara dopo gara di essere i veri pilastri della squadra in questa stagione. Il fantasista svedese soprattutto, solamente classe 2000, sembra avere veramente le stimmate del vero fuoriclasse per doti tecniche e fisiche. È giunto a Parma in prestito secco dall’Atalanta e sembra che Conte sia rimasto incantato dalle doti sopraffine di questo ragazzo. La speranza è che Faggiano resista alle richieste delle grandi d’Italia per continuare a sognare nella parte sinistra della classifica, nella zona Europa.

 

ParmaCalcio-roma.jpg

Pubblicato in Calcio Emilia

Arturo Delle Donne- Il battello pareva sospeso come per incanto e Emilio Scanavino. Genesi delle forme. (Foto di Francesca Bocchia)

Arturo Delle Donne- Il battello pareva sospeso come per incanto. A cura di Cristina Casero e Andrea Tinterri.

Da domenica 10 novembre a domenica 15 dicembre 2019
Inaugurazione: sabato 9 novembre 2019, ore 17.30
Apertura: giovedì e venerdì ore 14.30 - 18.30 / sabato e domenica ore 10.00 – 18.30
Dove: Palazzo Pigorini, Str. della Repubblica, 29A, Parma (primo piano)

La mostra “Il battello pareva sospeso come per incanto” di Arturo Delle Donne allestita nelle sale del Palazzo Pigorini di Parma e organizzata con il patrocinio e la collaborazione dell’assessorato alla Cultura del Comune di Parma, regala agli spettatori una preziosa occasione per lasciarsi trascinare in un coinvolgente viaggio. Attraverso una serie di immagini, nelle quali di fronte ai nostri occhi i confini tra realtà e finzione si smarginano, possiamo intraprendere un cammino che ci conduce in luoghi inesplorati, nel cuore di vicende tramandateci dall'universo letterario, teatrale e cinematografico, in spazi fantastici o nelle pieghe del quotidiano.
La mostra comprende trentacinque immagini, suddivise in sei progetti differenti, che restituiscono una ricerca complessa: Delle Donne ricostruisce artigianalmente le scene che vuole immortalare, allestisce piccole scenografie, modellini in scala che dovranno essere fotografati. In questo modo lo scatto è solo uno dei passaggi necessari al risultato finale, un passaggio necessario ma non sufficiente. Alcuni delle scenografie, utilizzate nei progetti, accompagnano la mostra, in maniera da rendere evidente al pubblico i vari stadi di lavorazione.
Attraverso questa tecnica Arturo Delle Donne si confronta con la grande letteratura (Racconti di Mare), con il cinema neorealista italiano o con alcuni classici come “Arizona Dream” o “Intrigo internazionale” (The backstage in small scale; Arizona dream), o ancora con la cronaca sportiva (Cortina – Big Champions in tiny scale), partendo dall’esperienza delle olimpiadi invernali di Cortina del 1956.
Arturo Delle Donne cristallizza frame di pellicole in bianco e nero, estrapola pagine di libri d’avventura, ricerca vecchie fotografie di eventi sportivi: I vari cicli cui ha dato vita sono accomunati dal fatto di essere incentrati attorno a storie che si collocano oltre la fenomenicità del reale, ma sempre costruite facendo ricorso a complesse soluzioni di mise en scene, in una tesa dialettica tra realtà e fiction, tra verità e verosimiglianza. Anche quando il punto di partenza è autobiografico (My small – scale life) il processo non cambia: a differenza di molti casi in cui la fotografia è appunto, forma diaristica, nella ricerca di Delle Donne tutto procede a ritroso. La scena è da tempo scomparsa, rimane il ricordo con tutte le sue incertezze e sovrapposizioni di ogni genere. La fotografia non è altro che la testimonianza di un tentativo, la testimonianza di una ricomposizione. In un solo progetto, tra quelli proposti in mostra, la scena non viene ricostruita a tavolino e la fotografia si confronta con un paesaggio reale (Ma small – scale world), ma anche in questo caso Delle Donne ha bisogno di allontanarsene, trasformando il paesaggio, e tutto ciò che lo caratterizza, in quinta teatrale, scenografia in cui, forse, innescare il racconto.
In occasione della mostra verrà presentato un volume, curato da Cristina Casero e Andrea Tinterri ed edito da Academia Universa Press, dedicato alla ricerca di Arturo Delle Donne, con oltre cinquanta immagini, tra cui alcuni inediti non presenti in esposizione.

ARTURO DELLE DONNE
Fotografo professionista, laureato in biologia e dottore di ricerca in ecologia, inizia la sua attività professionale con il reportage pubblicando diversi servizi su riviste specializzate come Gente Viaggi, Mondo Sommerso ed Aqva, alcune sue foto sono state pubblicate da Whitestar/National Geographic.
Nel giugno 2008 vince il primo premio della qualità creativa in fotografia professionale nella categoria food, la cui prestigiosa giuria l’ha giudicato: “un’autore di una versatilità fuori dal comune”.
Dal 2005, in collaborazione con la Solares Fondazione delle Arti di Parma, ha iniziato il progetto fotografico “Closer Portraits”: più di 80 ritratti di personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura tra cui Wim
Wenders, Mario Monicelli, Ernest Borgnine, Bernardo Bertolucci, Daniel Pennac, Michelangelo Pistoletto, Hanna Schygulla, Edoardo Galeano, Gerard Depardieu, Emir Kusturica, James Ivory, Peter Greenaway.
Nel 2009 partecipa ad una spedizione imbarcandosi da Southampton sulla nave RRS Discovery per un reportage sulle ricerche in campo climatico con la Environmental Ocean Team.
Ha curato la parte iconografica del volume “Gusto Italiano” dell’ALMA – Scuola Internazionale di Cucina Italiana, edizioni Plan, uscito a marzo 2012.
Nel 2016 collabora per le riprese del documentario “Pope Francis - A MAN OF HIS WORD”, con la regia di Wim Wenders. Grazie a questa collaborazione nell’ottobre del 2017 ha filmato le operazioni di soccorso dei migranti a bordo della Nave CP941 Diciotti della Guardia Costiera Italiana.
Dal 2017 è consulente di Reggio Children foundation per l’ideazione e la realizzazione di progetti di ricerca multimediali.
Nel 2017 partecipa al MIA Photo Fair a Milano con la mostra “Racconti di Mare” e lo stesso anno espone la medesima mostra completa presso la galleria Hernandez di Milano.
Nel luglio del 2019 vince il TAOAWARD per la fotografia di moda con la seguente motivazione: "per la sua capacità di elaborare in modo personale le numerose commissioni in campo professionale e soprattutto nel
mondo della moda”. Ha esposto in vari musei e sedi istituzionali tra cui il Museo del Mare di Genova, il museo di Arte moderna di Velikij Novgorod.

 

Emilio Scanavino. Genesi delle forme. A cura di Cristina Casero ed Elisabetta Longari In collaborazione con l’Archivio Emilio Scanavino.

Palazzo Pigorini, Parma.
10 novembre – 15 dicembre 2019
Inaugura sabato 9 novembre alle 17.30 nelle sale di Palazzo Pigorini a Parma la mostra Emilio
Scanavino. Genesi delle forme a cura di Cristina Casero ed Elisabetta Longari, realizzata in
collaborazione con l’Archivio Emilio Scanavino e il sostegno del Comune di Parma. La rassegna
offre una lettura inedita dell'opera di Emilio Scanavino (Genova, 1922–1986), artista che è stato
protagonista della stagione italiana della pittura informale negli anni Cinquanta, aggiornando poi i
suoi modi nei decenni seguenti lungo una traiettoria personale e coerente.
L'esposizione presenta – accanto a dipinti, ceramiche e sculture – più di cento fotografie scattate
dallo stesso Scanavino, una produzione interessante e sostanzialmente inedita, conservata presso
l'archivio dell'artista. Intorno a questo nucleo di immagini è costruita, con un taglio innovativo, la
mostra, che chiarisce quindi come la pratica fotografica sia stata parte integrante, sin dalla fine degli
anni Cinquanta, della ricerca dell'autore. Dal confronto tra gli scatti e la produzione artistica si
evidenzia anche l'affermarsi di un differente modo di concepire l'immagine pittorica o scultorea da
parte di Scanavino, che affermava «a me piace fotografare. Ma non cerco belle immagini, mi piace
andare in giro e ritrarre lo scheletro della natura, certi buchi, certi solchi che i secoli hanno
scavato nelle montagne. I detriti che si accumulano nei luoghi dove la nostra civiltà industriale
raccoglie le sue scorie mi raccontano cose incredibili».
Nelle sue fotografie, infatti, Scanavino immortala brani di realtà - corde, innesti, insetti, muri, nodi,
pietre -, tutti elementi che qui diventano forme primarie, archetipi, il cui senso va oltre il loro
significato letterale. Come evidenzia una delle due curatrici, Elisabetta Longari, “la fotografia aiuta
Scanavino a leggere con evidenza il carattere particolare della materia, ne capta la qualità, la
struttura segreta”, e quindi il motivo per cui egli ricorre a questo strumento espressivo è “la
conoscenza, la più profonda e diretta possibile. La fotografia in questo quadro si rivela un ottimo
strumento d’indagine, l’obiettivo è un occhio ravvicinato cui non sfugge nulla, o comunque che sa
cogliere ciò che l'occhio umano non afferra”. L'artista, dunque, assegna alla fotografia un ruolo
fondamentale nel processo di genesi delle forme del suo immaginario, non fondato soltanto sulla
sua invenzione, sulla sua immaginazione, ma capace di trarre forza anche da quella ricognizione
sulla realtà che egli compie anche attraverso il mezzo fotografico.
Il fondamentale rapporto tra l'immagine fotografica e la produzione pittorica e scultorea di
Scanavino, insieme all’analisi del linguaggio fotografico dell'autore, sono indagati nel catalogo
della mostra, un volume edito da Magonza Editore, che presenta la produzione fotografica
dell'autore, sinora poco conosciuta. I saggi delle due curatrici approfondiscono diversi aspetti:
Cristina Casero si concentra più propriamente sull’analisi del linguaggio fotografico e sulle
relazioni dell’artista con il clima culturale e il contesto espositivo a lui contemporaneo; Elisabetta
Longari cerca, basandosi principalmente sui libri, come anche sui carteggi presenti nell’archivio del
pittore, di tracciare una possibile mappa culturale del suo approccio alla fotografia e all’arte.
Cenni biografici
Emilio Scanavino (Genova, 1922 – Milano, 1986), conseguito il diploma artistico, nel 1942
si iscrive alla Facoltà di Architettura dell’Università di Milano, ma interrompe gli studi a seguito
della chiamata alle armi. Nel 1947 Scanavino si reca per la prima volta a Parigi dove soggiorna
qualche tempo e, accanto ai critici, incontra i poeti e gli artisti, Edouard Jaguer, Wols, Camille
Bryen. L’esperienza parigina si rivelerà fondamentale nel suo percorso stilistico, in particolare per
gli echi del postcubismo che assimila e interpreta in chiave personale fin dal 1948, quando espone
alla Galleria l’Isola di Genova. Nel 1950 alla XXV Biennale di Venezia espone Soliloquio
musicale e suscita l’attenzione della critica. Sarà invitato alla Biennale di Venezia anche nel 1954,
nel 1958 e nel 1960 con una sala personale. Nel 1951, in occasione di una mostra personale alla
londinese Galérie Apollinaire, trascorre un periodo a Londra, dove viene profondamente colpito
dall’opera di Bacon, Sutherland e Matta. Dal 1968 lavora sempre di più a Calice Ligure, avendovi
stabilito una comunità artistica, specialmente dedita alle attività artigianali e alla ceramica. Alla sua
opera sono state dedicate mostre personali presso la Kunsthalle di Darmstadt (1973), Palazzo Grassi
di Venezia (1973) e Palazzo Reale di Milano (1974).
Scheda tecnica
Emilio Scanavino. Genesi delle forme.
A cura di Cristina Casero ed Elisabetta Longari
In collaborazione con Archivio Emilio Scanavino
Con il sostegno di Comune di Parma
Sede Palazzo Pigorini | Strada della Repubblica 29/A, Parma
Inaugurazione Sabato 9 novembre, ore 17.30
Date 10 novembre – 15 dicembre 2019
Orari Giovedì e venerdì dalle 14.30 alle 18.30 | Sabato e domenica dalle 10 alle 18.30
Ingresso libero

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Lunedì, 11 Novembre 2019 06:35

Gli Gnocchi di San Martino

 La temperatura mite e il cielo limpido e azzurro hanno segnato la tradizionale festa di San Martino di Noceto. Tra bancarelle, profumi, eventi e trattori si è svolta la gara degli "Gnocchi di San Martino".

Di LGC 11 novembre 2019 - Sin dalle prime ore del mattino il centro di Noceto è stato un fermento di attività e eventi attraendo in tantissimi da ogni parte della provincia di Parma.
Dall'esposizione delle bovine da latte, alle ultime novità in fatto di trattori molti gli eventi che erano in calendario per intrattenere dai più piccini ai diversamente giovani che si sono riversati nel ridente villaggio parmense che ha dato il nome a un pregiato liquore di antica tradizione contadina, il "nocino" appunto.

Così, nel primo pomeriggio il Consorzio del Parmigiano Reggiano ha riproposto la magia della produzione del Re dei formaggi sotto la puntuale narrazione di Igino Morini e, quasi in contemporanea, si è svolta la gara degli "Gnocchi di San Martino", a cura della Commissione De.C.O. (Denominazione Comunale di Origine) che ha anche guidato la giuria, e magistralmente organizzata dall'associazione "Stirpe Pellerossa" di Noceto.

Nell'attesa che i tre finalisti, Silvia Candiani, la vincitrice dell'edizione 2018, Pierluigi Bellini e Tamara Cavazzini completassero la preparazione dei loro Gnocchi, Antonio l'"ortolano" ha preso in mano la conduzione della gara vestendo i panni di un navigato e simpaticissimo speaker di manifestazione. Così, tra una battuta ironica e la descrizione del lavoro che i concorrenti stavano realizzando sui taglieri, ha coinvolto il pubblico e i molti bambini presenti, intervistato gli organizzatori e gli stessi concorrenti cercando di scucire loro i segreti degli impasti. Il presidente della giuria e della commissione De.C.O, Lamberto Colla ha invece esposto il regolamento della gara e colto l'occasione per illustrare l'attività e gli obiettivi della Commissione, che ogni anno viene nominata dal Sindaco. E' stata quindi la volta del Sindaco Fabio Fecci il quale invece ha mostrato tutta la sua soddisfazione per come l'evento stava procedendo e soprattutto ha rimarcato il magnifico lavoro delle associazioni di volontariato locali e della grande collaborazione che tra di esse si è instaurata.

I tre finalisti hanno infine consegnato i loro lavori agli organizzatori che hanno proceduto alla cottura gli gnocchi e, in anonimato, sottoposti al giudizio dei componenti la giuria i quali si sono espressi assegnando un voto da 1 a 10 su tre caratteristiche: aspetto, consistenza e gusto delle porzioni n° 1, n° 2 e n° 3 che mascheravano i nomi di ciascun concorrente.

Dalla sommatoria dei voti la vittoria è stata assegnata a Tamara Cavazzini, seguita da Silvia Candiani che ha così dovuto abbandonare "il gran Mattarello" e terzo classificato il rappresentante maschile Pierluigi Bellini.

Il video dei risultati: https://youtu.be/bvDS4Nd3PR4

Pubblicato in Agroalimentare Parma

Appuntamento a Merano, nella Gourmet Arena, dall’8 all’11 novembre, per degustazioni di prodotto. Coppa di Parma IGP e Salame Felino IGP saranno protagonisti anche dei wine pairing e del light dinner organizzati da Enoteca Regionale Emilia-Romagna.

Da venerdì 8 a lunedì 11 novembre, i Consorzi di Tutela di Coppa di Parma IGP e Salame Felino IGP parteciperanno alla XXVIII edizione del Merano WineFestival. Insieme ad altri 120 artigiani del gusto, provenienti da tutta Italia, i due Consorzi saranno protagonisti nella Gourmet Arena, la terrazza da 1.200 mq che percorre in lunghezza tutto il Kurhaus di Merano, aprendosi sulla Passeggiata Lungo Passirio di Sissi.

Negli spazi a loro disposizione, i Consorzi di Tutela di Coppa di Parma IGP e Salame Felino IGP organizzeranno degustazioni di prodotto per i visitatori del Merano WineFestival: oltre che per far apprezzare il gusto unico e distintivo di due simboli dell’arte salumiera italiana, questi momenti saranno anche l’occasione per fare cultura di prodotto, in particolare per sottolineare l’importanza del legame prodotto/territorio e l’attenzione dedicata alla selezione delle materie prime e per illustrare i metodi di produzione, con echi di artigianalità.

A Merano, inoltre, i Consorzi di Tutela di Coppa di Parma IGP e Salame Felino IGP saranno al fianco di Enoteca Regionale Emilia-Romagna: i due salumi IGP, infatti, saranno protagonisti dei wine pairing proposti sul palco The Circle, così come dell’esclusivo light dinner, sempre organizzato da Enoteca Regionale Emilia-Romagna, per 50 selezionatissimi ospiti, nella serata di sabato 9 novembre.

A spiegare il perché della partecipazione dei due Consorzi al Merano WineFestival è Fabrizio Aschieri, Presidente del Consorzio della Coppa di Parma IGP: «Si tratta di una novità assoluta: è la prima volta che ci presentiamo a Merano. Sulla nostra scelta ha sicuramente influito l’accoglienza positiva che i Consorzi di Tutela di Coppa di Parma IGP e Salame Felino IGP hanno ricevuto a Vinitaly: i produttori, gli opinion leader e i professionisti del settore che abbiamo incontrato a Verona hanno apprezzato la possibilità di poter assaggiare due specialità IGP della salumeria italiana in un contesto inusuale. Di qui l’idea di replicare l’iniziativa, scegliendo stavolta come teatro Merano. Perché Merano? Perché il WineFestival, primo in Italia a potersi fregiare di questa denominazione, è un marchio di qualità: il segreto della sua formula consiste nel mix tra una selezione di vini e cibi d’eccellenza e la scelta di una location elegante, esclusiva. Per i Consorzi di Tutela di Coppa di Parma IGP e Salame Felino IGP essere stati selezionati dal Merano WineFestival è stata una grande soddisfazione: significa entrare a far parte del gotha dell’alta qualità enogastronomica in Italia».

A Merano, i Consorzi di Tutela di Coppa di Parma IGP e di Salame Felino IGP saranno presenti nella Gourmet Arena, negli spazi espositivi 5 e 6 della sezione Consortium.

Pubblicato in Food

Inascoltabili i discorsi dei nostri politici a fronte dell’abbandono di Arcelor Mittal dall’ex ILVA, cogliendo la palla al balzo per non pagare alcuna penale, in forza della estinzione della protezione penale che invece era in vigore per i commissari governativi.
  
di Lamberto Colla Parma  10 novembre 2019 -

La crisi dell’ILVA di Taranto arriva da lontano e le responsabilità si spalmano tra le proprietà, Famiglia Riva in primis, e il complesso sistema politico locale e nazionale e le relazioni che si instaurarono non sempre all’insegna della correttezza e della trasparenza.

Ma si sa, quando gli interessi in gioco sono enormi, il colpo alla botte e il colpo al cerchio può risultare un esercizio irrinunciabile in attesa di una soluzione più equa e condivisa.

Nel caso dell’ex ILVA di Taranto si è aggiunta la spada di Damocle della sicurezza sanitaria. Il sospetto che l’industria sia responsabile di una concentrazione di malattie tumorali ben oltre la media del Paese, impone un approccio al problema ancor più sofisticato e circoscritto.

In breve sintesi, affrontare il problema della più grande acciaieria d’Europa vuol dire scegliere di non perdere nulla di buono di ciò che essa rappresenta: in termini di sanità, in termini economici (vale 1,4% del PIL nazionale), in termini occupazionali (11.000 dipendenti diretti), in termini di competitività del settore (le acciaierie per nazioni altamente industrializzate sono come la farina per fare il pane) e in termini di sicurezza sociale e ambientale.

Una complessità tale che necessità l’adozione di strumenti straordinari e “non convenzionali”.

Così come Draghi si inventò il “bazooka” finanziario per opporsi agli attacchi speculativi della finanza internazionale, altrettanto il Governo italiano deve mettere in campo, temporaneamente e in via eccezionale, strumenti adeguati alla soluzione del caso.

Ecco quindi che la falsa moralità di chi aborre lo scudo penale per gli amministratori privati è il più grande alleato dei concorrenti del settore e di chi sta orchestrando per de-industrializzare quella potenza economica che nel 1991 era al quarto posto mondiale (con il “difetto” di una inflazione al 6,5% da tenere sotto controllo) , e che nonostante i quasi 12 anni di crisi economica è ancora ancorata alla 9° posizione grazie alla determinazione dei suoi piccoli imprenditori, non certo alle agevolazioni dell’UE e dei suoi burattini nazionali.

CORSERA-4-potenza_economica-1991.jpg

A differenza di Alitalia, nel caso dell’acciaieria, si era trovato chi fosse disposto a fare il più grande investimento mai realizzato al sud buttando sul piatto 4,5 miliardi di euro e i nostri bravi politici han ben pensato di mettere in mano degli investitori, invece di un passpartout, una giustificazione per uscire da una impresa ardua e altamente a rischio, cancellando, dalla sera alla mattina, l’elmetto protettivo dello scudo penale, quello stesso che era in capo ai commissari governativi.

Così oggi siamo a rischio di occupazione per 11.000 dipendenti e un indotto che è almeno di pari dimensioni con il rischio che in caso di spegnimento dei forni la loro riaccensione costerebbe centinaia di milioni di euro e i problemi attuali genererebbero un effetto domino di misura incalcolabile. Tutto ciò a causa di Don Chisciotte, Paperinik e di tutti gli altri personaggi dei fumetti che stanno governando l’Italia in questo tragico periodo storico.

Risulta perciò inascoltabile l’affermazione, ovviamente di principio, del ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, prima del vertice a Palazzo Chigi tra governo e ArcelorMittal sull’ex Ilva di Taranto il quale a fronte di una emergenza pone un problema generale anziché straordinario:

“È improprio parlare di scudo e di immunità. Noi stiamo ragionando su una norma generale e astratta, che superi il vaglio di costituzionalità e che sancisca un principio semplice: chi inquina paga ma chi deve attuare un piano ambientale non può rispondere per colpe altrui o del passato”.

Dalla crisi economica, siam passati, a lungo andare, a una crisi sociale e etica, per sprofondare nella più buia zona della falsa moralità, ben peggio e più contagiosa delle fake news.


____________________


(Per leggere i precedenti editoriali clicca qui)


____________________

 

 ILVA-TA-acciaieria-2012-laminazioneacaldo13.jpg

ILVA-TA-acciaieria-2012-materieprime08_1.jpg

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica Emilia

Editoriale:  - Ex ILVA: perché lo scudo penale vale solo per gli uomini di governo. - Lattiero caseario. Burro di nuovo stabile, crema in leggero ribasso - Cereali e dintorni. Alcune anticipazioni della Reuters sui dati USDA. - “La Plastic Tax scarica su imprese e lavoratori il costo della sostenibilità ambientale - Come si crea e si distribuisce il valore nella filiera del food. - Agrievolution 2019: colture specializzate, il futuro è loro-

cibus-45-cop.jpg
SOMMARIO Anno 18 - n° 45 10 novembre 2019
1.1 editoriale
Ex ILVA: perché lo scudo penale vale solo per gli uomini di governo.
2.1 lattiero caseario Lattiero caseario. Burro di nuovo stabile, crema in leggero ribasso
3.1 Bis lattiero caseario Lattiero caseari. tendenza
4.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. I mercati restano in attesa.
5.1 cereali e dintorni tendenze.
6.1 cereali e dintorni Cereali e dintorni. Alcune anticipazioni della Reuters sui dati USDA. .
7.1 ambiente bonifica “La Plastic Tax scarica su imprese e lavoratori il costo della sostenibilità ambientale”
7.2 food economia Come si crea e si distribuisce il valore nella filiera del food.
8.1 agricoltura e DEF L'agricoltura torna protagonista. 600 milioni di euro per l'agricoltura nella Legge di Bilancio 2020-2022
8.2 benessere e salute BIOESSERE: due giorni di benessere in tutte le sue forme
9.1 latte Parmigiano reggiano Prezzo "a riferimento" del latte industriale - II quadrimestre 2018.
10.1 meccanica specializzate Agrievolution 2019: colture specializzate, il futuro è loro
12.1promozioni “vino” e partners
13.1 promozioni “birra” e partners
(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI) 

(per seguire gli argomenti correlati clicca QUI)

(Scarica il PDF alla sezione allegati)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il «FAMOLO STRANO» funziona davvero: Lo sostiene incontri extraconiugali.com ma anche due autorevoli studi della Northen Illinois University e dell'Università di Pisa.

I tempi evolvono ed anche i gusti degli italiani in fatto di sesso cambiano. Secondo un recente sondaggio condotto dal portale Incontri-ExtraConiugali.com, sono sempre di più gli italiani che prediligono un rapporto BDSM: il 20% a Milano, il 19% a Brescia, il 18% a Torino, il 16% a Trieste, il 15% a Padova ed a Verona, il 14% a Bologna ed il 13% ed a Firenze.

Il sesso «strano» è in continuo aumento. Secondo un sondaggio condotto da Incontri-ExtraConiugali.com, il portale più sicuro dove cercare un'avventura in totale discrezione e anonimato, la voglia di fare sesso in modo alternativo sta crescendo vertiginosamente nel nostro Paese: il fenomeno riguarda il 10% degli italiani e nelle maggiori città italiane questo bisogno si concretizza con sempre maggiore frequenza.

Per aggiungere pepe ad una relazione basta dunque una sculacciata o concretizzare qualche fantasia con articoli che si rifanno alla saga dei film «Cinquanta Sfumature». Secondo quanto emerge da questa insolita geografia del sesso made in Italy disegnata da Incontri-ExtraConiugali.com basandosi su un campione di mille uomini e mille donne di età compresa tra i 18 e i 60 anni, sono sempre di più gli italiani che prediligono un rapporto BDSM: il 20% a Milano, il 19% a Brescia, il 18% a Torino, il 16% a Trieste, il 15% a Padova ed a Verona, il 14% a Bologna ed il 13% ed a Firenze.

E -quello che più importa- è che il «famolo strano» funziona davvero: a confermarlo sono due autorevoli studi della Northen Illinois University e dell'Università di Pisa che dimostrano come «con il sadomaso il benessere individuale risulta notevolmente migliorato, a patto ovviamente che il rapporto sia consenziente».

Insomma, purché ci sia complicità e libertà di scelta, il sesso "strano" fa bene perché aiuta a sciogliere le tensioni ad abbassare il livello dello stress e di conseguenza a migliorare la qualità della vita.

«O famo strano» non è quindi più solo una delle battute più esilaranti che il grande Carlo Verdone ha regalato al suo pubblico nel film «Viaggi di nozze», ma può ormai essere considerato a tutti gli effetti il modo più concreto e puntuale di esprimere un desiderio che accomuna sempre più persone in Italia.

Secondo quanto rilevato da Incontri-ExtraConiugali.com, ad essere maggiormente propense al BDSM sono proprio le coppie adulterine, di per sé particolarmente aperte a nuove esperienze e più propense a «giocare» con la loro sessualità rispetto a quanto possano fare moglie e marito.

«I fedifraghi sono maggiormente propensi al sesso estremo e sempre pronti ad utilizzare tutti gli espedienti possibili per rendere la loro vita sessuale più varia ed intrigante» conferma Alex Fantini, fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com.

Dal sondaggio, inoltre, emerge che il 78% dei tradimenti avviene ormai proprio online: «da quando c'è Incontri-ExtraConiugali.com -spiega ancora Alex Fantini- i tradimenti sono diventati molto più semplici».

Pagina 5 di 1225