Visualizza articoli per tag: Meteo

Giovedì, 13 Novembre 2014 18:55

Aspettando il colmo di piena del PO

Atteso il colmo di piena del PO. Verso le 23 a Piacenza, 9 ore dopo a Cremona e altre 9 ore per arrivare a Parma.

Torricela di Sissa (PR), 13 novembre 2014.

Il Grande Fiume è gonfio. Le golene sono state invase dall'acqua in attesa delll'arrivo del colmo di piena. Verso le 23,00 il colmo d'acqua dovrebbe transitare per Piacenza, quindi lambire Cremona  9 ore dopo e ancora 9 ore prima di raggiungere il parmense.

Tutti gli occhi puntati sul PO sperando non riprenda a piovere e che l'onda faccia il suo cammino verso l'adriatico senza ulteriori danni.  

(a sguire galleria immagini)

PO 5

Pubblicato in Cronaca Emilia
Giovedì, 13 Novembre 2014 10:46

Maltempo - Allerta piena per il Po

Allerta per i comuni parmensi e reggiani. Provvisoriamente chiuso un tratto della Tangenziale Sud di Piacenza, a causa di un allagamento. Riaperta ieri sera la variante di Collecchio alla SS62 della Cisa, in provincia di Parma. Oggi chiusa la scuola primaria 'G. Verdi' di Collecchio per gli interventi necessari a causa dell'allagamento della mensa -

Parma, 13 novembre 2014 -

Continua l' allerta della Protezione Civile dell'Emilia Romagna a causa del maltempo. A seguito delle intense precipitazioni registrate sul bacino del fiume Po la Protezione Civile informa che "si stanno verificando innalzamenti dei livelli idrometrici in tutte le sezioni del fiume, che hanno determinato il superamento del livello 2 a Boretto."

Sulla base delle valutazioni previsionali di AIPO, la Protezione Civile prevede "il superamento del livello 3 sulle sezioni comprese fra Casalmaggiore e Boretto dalle prime ore di domani, venerdì 14 e Borgoforte nel pomeriggio di domani."

E' stata quindi attivata la fase di allarme dalle 4 di domani mattina - venerdì 14 - per i Comuni di COLORNO (PR); MEZZANI (PR); BORETTO (RE); BRESCELLO (RE); GUALTIERI (RE); GUASTALLA (RE); LUZZARA (RE).

Per le sezioni fra Piacenza e Casalmaggiore permane la Fase di preallarme (CRITICITA' MODERATA) con livelli prossimi al livello 3 attivata con l'allerta precedente nei comuni di CALENDASCO (PC); CAORSO (PC); CASTEL SAN GIOVANNI (PC); CASTELVETRO PIACENTINO (PC); MONTICELLI D'ONGINA (PC); PIACENZA; ROTTOFRENO (PC); SARMATO (PC); VILLANOVA SULL'ARDA (PC); POLESINE PARMENSE (PR); ROCCABIANCA (PR); SISSA TRECASALI (PR); ZIBELLO (PR)

Comunicato Anas sulla viabilità -

L'Anas comunica che dalle prime ore di questa mattina è provvisoriamente chiuso, in entrambe le direzioni, un tratto della strada statale 725 'Tangenziale sud di Piacenza', a causa del pericolo esondazione del torrente Riello, adiacente la tangenziale. Al momento l'allagamento ha interessato le rampe dello svincolo 'Farnesiana', situato circa al km 3, e potrebbe estendersi al tracciato della tangenziale.

Per il traffico in direzione Bobbio è istituita l'uscita obbligatoria allo svincolo di Via Cremona, con rientro sulla SS725 allo svincolo 'Stadio'. Per il traffico in direzione autostrada l'uscita obbligatoria è allo svincolo 'Farnesiana', con rientro sulla SS725 allo svincolo 'Montale'.

Questa mattina si è già svolta una riunione operativa con la Protezione Civile presso il Comune di Piacenza, cui ha partecipato il personale Anas, per valutare le azioni necessarie a mitigare l'impatto della chiusura sul traffico mattutino. È stata invece riaperta ieri sera la variante alla strada statale 62 'della Cisa' (NSA 373) in corrispondenza dell'abitato di Collecchio (dal km 103,700 al km 107,373), in provincia di Parma. Il tratto stradale era stato provvisoriamente chiuso nel tardo pomeriggio di ieri a causa di un allagamento dovuto al maltempo.

L'Anas raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda che l'evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it/traffico oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all'applicazione 'VAI Anas Plus', disponibile gratuitamente in 'App store' e in 'Play store'. Gli utenti hanno poi a disposizione la web tv www.stradeanas.tv e il numero 841-148 'Pronto Anas' per informazioni sull'intera rete Anas.

Pubblicato in Cronaca Emilia
Mercoledì, 12 Novembre 2014 17:24

Emilia - Nuova allerta meteo di 32 ore

Allerta meteo dell'Agenzia regionale di Protezione civile, valida sino alle ore 24 di giovedì 13 novembre -

Parma, 12 novembre 2014 -

La Protezione Civile dell'Emilia Romagna ha attivato una nuova fase di allerta meteo, dalle 16 di oggi pomeriggio - mercoledì 12 novembre -per pioggia, criticità idrogeologica e criticità idraulica nella zona del Reno, nella pianura di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza, nei bacini Secchia-Panaro e nei bacini Trebbia-Taro. L'allerta dela durata di 32 ore, finirà alla mezzanottedi di giovedì 13 novembre 2014.

A Piacenza chiusa via Nino Bixio nel tratto sottostante il ponte ferroviario

La nota del Comune di Piacenza avvisa che data la previsione dell'innalzamento del livello del Po nella serata odierna fino a 6 metri, ed è stata pertanto chiusa via Nino Bixio nel tratto sottostante il ponte ferroviario; domani il Po raggiungerà i 7 metri di altezza. 
Inoltre, per quanto riguarda la macroaree della pianura di Piacenza e Parma e dei bacini dei fiumi Trebbia e Taro, la Regione Emilia-Romagna fa presente che l'allerta è di livello 2 (possibilità di elevato pericolo per la popolazione e danni gravi sulla zona di allertamento), con pioggia e criticità idrogeologiche. In queste zone, nelle prossime 24 ore, sono previste elevate precipitazioni nell'ordine di 45 mm; è prevista però una tendenza ad esaurimento a partire dalla tarda mattinata di domani, giovedì 13 novembre.

 

Pubblicato in Cronaca Emilia
Giovedì, 06 Novembre 2014 19:05

Allerta per il PO

Rischio di superamento del livello 1. La piena a Piacenza è prevista per questa notte. Rientrate le criticità di Enza e Taro.

Parma 06 novembre 2014 ----
A seguito delle intense precipitazioni, la Protezione Civile dell'Emilia Romagna ha diramato una allerta (n°164) per la piena del fiume Po nel tratto che attraversa alcuni comuni nelle province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia.
A seguito delle intense precipitazioni registrate sul bacino del Po, si spiega nell'allerta, si sono verificati innalzamenti dei livelli idrometrici delle sezioni del fiume a monte di Piacenza. Sulla base delle valutazioni di Aipo e del Centro funzionale Arpa-Simc, si prevede il superamento del livello 1 in tutte le sezioni del Po da Piacenza a Borgoforte nelle prossime 48 ore. Nella sezione di Piacenza il transito del colmo e' previsto questa notte con superamento del livello 1.

Pubblicato in Ambiente Emilia
Martedì, 04 Novembre 2014 00:03

Cosa fare in caso di alluvione

L'opuscolo della Regione Emilia Romagna con le indicazioni comportamentali da tenere in caso di alluvione.

di redazione - Parma 03 Gennaio 2014 --

Cliccare e scaricare l'opuscolo allegato in formato pdf

Lunedì, 03 Novembre 2014 23:38

Piacenza e Parma. Allerta meteo per le prossime ore

L'Agenzia regionale di protezione civile ha emesso due allerte dalle ore 6.00 di martedi 4 novembre, sulla base dei dati previsionali del Centro Funzionale Arpa, a fronte dell'intensa perturbazione atlantica che a partire da oggi interesserà per alcuni giorni il nord Italia.

Parma 03 novembre 2014 -- --
Emessa allerta meteo, da parte della Agenzia regionale di Protezione civile, per le 36 ore comprese tra le ore 6 di domani mattina, martedì 4 e le ore 18 di mercoledì 5 novembre.

In particolare, per quanto riguarda la macroarea della pianura di Parma e Piacenza, l'allerta è di livello 1 (possibilità di pericolo e/o danni per popolazione e territori), mentre raggiunge il livello 2 (possibilità di elevato pericolo per la popolazione e danni gravi sulla zona di allertamento) per la macroarea dei bacini dei fiumi Trebbia e Taro, interessata quindi da uno specifico preallarme. In quest'ultima zona, in particolare, sono previste elevate precipitazioni, con valori medi tra 45 e 75 mm nelle 24 ore, e il conseguente innalzamento dei livelli idrimetrici con possibili superamenti della soglia 2.

Si informa che l'Agenzia regionale dell'Emilia-Romagna ha pubblicato sul web una serie di raccomandazioni alla cittadinanza sul comportamento da tenere in caso di criticità meteorologiche, consultabile al link http://www.protezionecivile.emilia-romagna.it/allerte-regionali/allegatitemporali.pdf.
(allerte scaricabile in pdf)

Allerta meteo dalle ore 12 alle ore 20 di domani, per temporali sparsi anche di forte intensità. Possibili anche locali grandinate -

Parma, 4 agosto 2014 -

In seguito al Bollettino di attenzione meteorologica emesso dal Centro funzionale del Servizio IdroMeteoClima di Arpa, l' Agenzia di Protezione civile regionale ha diramato un' allerta per temporali su tutta la regione per 8 ore, dalle ore 12 alle ore 20 di domani, martedì 05 agosto.

A partire dalla tarda mattinata di domani, il passaggio di un fronte freddo e la presenza di aria instabile potrà determinare rovesci temporaleschi sparsi che localmente potranno assumere forte intensità. Associati a questi fenomeni si prevedono raffiche di vento con possibili locali grandinate. I valori puntuali di precipitazione cumulata risulteranno intorno a 25 mm/h.

Possono verificarsi rapidi innalzamenti dei corsi d'acqua minori, smottamenti e caduta di massi, localizzati fenomeni di allagamento anche in aree urbane, in particolare in sottopassi e scantinati, e locali interruzioni della viabilità.

(Fonte: Arpa Emilia Romagna)

 

Pubblicato in Cronaca Emilia
Martedì, 29 Luglio 2014 16:26

Allerta meteo su tutta la Regione

Il bollettino di attenzione diramato dalla Agenzia Regionale di Protezione Civile su tutto il territorio è valido fino alle ore 18.00 di domani mercoledì 30 -

Parma, 29 luglio 2014 - di Paola Tanzi -

Allerta meteo da oggi alle 18 sino a domani su tutto il territorio che si estende tra Parma e Piacenza. Il bollettino di attenzione è stata diramato nel primo pomeriggio dalla Agenzia Regionale di Protezione Civile su tutto il territorio regionale. Nel parmense l'allerta è "Fase di Attenzione-livello 1, per temporali, valida dalle ore 18.00 di oggi martedì 29, fino alle ore 18.00 di domani mercoledì 30. Possibili anche raffiche di vento e grandinate. E nel pomeriggio hanno iniziato a scendere in alcuni territori della provincia piogge battenti che, soprattutto nei comuni già colpiti da pesanti danni, hanno destato non poche preoccupazioni sugli abitanti.
E nel bollettino sono descritte anche le norme di comportamento individuale da tenersi in stati di allerta: mantenersi costantemente informati sull'evolversi della situazione metereologica, seguire le indicazioni delle autorità preposte, sistemare e fissare oggetti posti all'esterno che potrebbero recare danni, mettere in atto le misure di autoprotezione.

Pubblicato in Cronaca Emilia
Domenica, 27 Luglio 2014 08:32

Il meteo fa strage

La coldiretti stima in un miliardo di euro il danno del maltempo di questa prima metà d'estate.

di LGC - Parma, 23 luglio 2014 – Pioggia e pioggia. L'anticiclone delle Azzorre quest'anno non riesce proprio a influenzare un'estate come si deve sulla nostra penisola. Punte di caldo in cui la colonnina sfiora i 37 gradi in alcune aree del sud e delle isole per poi precipitare anche a 17 gradi nell'arco di sole 24 ore con precipitazioni, in alcuni casi, intensissime.
Un'estate pazza che coldiretti stima abbia già causato un miliardo di euro di danni.
L'inizio dell'estate è stato segnato - sottolinea la Coldiretti - dal 34% di pioggia in più caduta nel mese di giugno con punte di oltre il +200 per cento in alcune zone anche turistiche del centrosud e del tempo incerto della prima meta di luglio. Il risultato è che, anche considerando le partenze del week end, non piu' di 6 milioni di italiani - stima la Coldiretti - sono già partiti per le vacanze per concedersi almeno un giorno di vacanza fuori casa. Il maltempo che ha lasciato a casa gli italiani ha anche colpito con temporali, bombe d'acqua e grandine le coltivazioni agricole spesso prossime alla raccolta rovinando il lavoro di un intero anno di molte aziende agricole con effetti anche sull'occupazione stagionale.
La stagione piovosa ha fatto perciò ulteriormente crollare i consumi di frutta e verdura alimentando una spirale negativa tra consumi e deflazione che sta mettendo a rischio le imprese e, probabilmente la salute consumatori.
Un settore, quello dell'ortofrutta, che è al centro delle attenzioni anche del Ministro Martina il quale, secondo una nota del Ministero, ha inviato una lettera al Commissario europeo all'Agricoltura e allo sviluppo rurale, Dacian Cioloş, nel quale chiede che la Commissione "valuti, con estrema urgenza, la possibilità di attivare adeguate misure, eccezionali e transitorie" per fronteggiare la crisi del mercato italiano delle pesche e nettarine.
A pagarne le conseguenze, di quest'estate pazzerella, sono quindi prevalentemente il turismo e l'agricoltura con grave danno per l'economia dell'intero Paese.

Pubblicato in Agroalimentare Emilia

 

Continua l’allerta meteo su gran parte del Paese. 

Emilia, 27 marzo 2014 --

La Protezione Civile ha diramato una allerta meteo che coinvolge, con intense precipitazioni, le regioni centrali e meridionali. Livello di criticità: Arancione

L’avviso meteo prevede dalle prime ore di oggi, giovedì 27 marzo, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Emilia Romagna, Marche, Umbria, Abruzzo e Molise. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sono attesi inoltre venti forti nord-orientali, con rinforzi di burrasca, su Emilia Romagna e Marche, con mareggiate lungo le coste esposte.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

 

- Il Comunicato della protezione civile -

Maltempo: continua l'allerta su gran parte del Paese

26 marzo 2014

Un sistema depressionario di origine mediterranea determinerà anche nella giornata di domani, condizioni di maltempo sull’Italia, in particolar modo sulle regioni centro-meridionali.

Sulla base delle previsioni disponibili il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, quindi, un avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diramato nella giornata di ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso meteo prevede dalle prime ore di domani, giovedì 27 marzo, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Emilia Romagna, Marche, Umbria, Abruzzo e Molise. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Sono attesi inoltre venti forti nord-orientali, con rinforzi di burrasca, su Emilia Romagna e Marche, con mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata dalle prime ore di domani una criticità arancione per rischio idrogeologico su Sardegna, Marche, Campania, Calabria tirrenica e gran parte di Emilia Romagna, Umbria, Abruzzo, Basilicata e Sicilia. La criticità sarà invece gialla sulle altre Regioni interessate da condizioni meteorologiche avverse.

È utile ricordare che le valutazioni di criticità idrogeologica (su tre livelli: rossa, arancione e gialla) possono includere una serie di danni sul territorio, riportati sul sito del Dipartimento.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

Pubblicato in Ambiente Emilia
Pagina 8 di 10