Giovedì, 21 Febbraio 2019 09:05

Tra gioco legale e illegale - In assenza di un quadro normativo nazionale è un fiorire di regolamenti locali. In evidenza

Scritto da

Il gioco, per sua definizione, è un momento di svago, di divertimento e perché no, un momento onirico, dove le tensioni quotidiane, per qualche istante, minuto o ora, a seconda del tipo di intrattenimento, vengono accantonate e il sogno si sostituisce alla realtà.

Di Lamberto Colla Parma 21 febbraio 2019 - La passione per il gioco ha origini lontanissime e già gli antichi egizi, i greci e infine i romani hanno lasciato tracce importanti dell'antesignano della tombola o dell'ancor più moderno Bingo. La ricerca della "fortuna" e della "buona sorte" si perde nella notte dei tempi e il più noto tra i giochi, il "lotto", ha nella sua genesi proprio la parola "Sorte", di derivazione transalpina "LOT", e il conseguente verbo "lotir", ovvero dividere o assegnare a sorte.

L'idea di abbinare il gioco a dei "lotti" sembra essere nata ad Amersfoort (paese vicino a Amsterdam), nel 1500, ad opera di cittadini che, sfruttando questa passione, assegnavano proprietà non altrimenti divisibili ed era noto come "Lotto di Olanda".

In Italia il gioco del lotto invece si fa risalire Genova (1617) come "Il Gioco del Seminario", con il quale si "scommetteva" sui numeri, che ogni sei mesi venivano estratti dal "seminario" (una specie di urna che conteneva i numeri) e ai quali corrispondevano i nomi dei 5 tra i 120 membri dei "Serenissimi Collegi" che semestralmente venivano rinnovati. Una pratica che divenne così famosa da venire infine regolamentata, distaccata dal rinnovo del collegio, moltiplicata la frequenza di estrazione, ovviamente tassata e prese il nome di "Lotto della Zitella" perché ai 90 numeri che nel frattempo erano stati introdotti, veniva assegnato il nome di fanciulle indigeti che, in caso di vincita, avrebbero ricevuto un lauto guadagno da utilizzare per dote. Una modalità di gioco che da Genova venne esportato sia a Napoli che a Venezia con analogo successo.

Interessante la parte che riguarda lo Stato Pontificio. Osteggiato da Papa Benedetto XIV il quale nel 1728 arrivò a minacciare la scomunica per i giocatori del "lotto", mentre con Clemente XII, solo tre anni dopo, il gioco tornò ad essere un sostegno insperato per le giovani indigenti e dal 1785 Pio VI destinò le vincite alle Opere Pie. Il 23 settembre 1863 la gestione del "lotto Genovese" passò al giovane Regno d'Italia confermandosi una consistente voce positiva di bilancio.

Insomma, come si è potuto osservare attraverso questi brevi richiami storici, con il gioco, sin dalle origini è nato anche il problema della sua regolamentazione, in grado di garantire, oltre ai sempre appetitosi introiti statali, la trasparenza e l'accesso corretto al gioco e cercando di evitare gli eccessi sotto ogni forma che ne potevano derivare. Problemi che, nella peggiore dei casi, travolgono tutto il nucleo familiare senza lasciare scampo alle relazioni familiari, sociali e alle riserve economiche di tutto il nucleo familiare.

Sulla base di spinte emotive, e soprattutto in forza della modernizzazione, rapida e tecnologica dei giochi e in mancanza di una precisa norma nazionale, negli ultimi anni, si è assistito al proliferare di miriadi di regolamenti locali. Dai Comuni alle Regioni, gli Enti locali hanno tentato di porre rimedio al difetto normativo introducendo regolamenti per di più di natura "protezionistica".

"Oggi assistiamo, infatti, commenta Pier Paolo Baretta, sottosegretario all'economia e alle finanze nei governi Letta e Renzi, al proliferare di regolamenti locali, per lo più restrittive nei confronti del gioco. Ed è proprio l'assenza di un quadro regolatorio a livello nazionale che ha legittimato gli interventi locali, basati fondamentalmente sui "distanziometri" e sulle limitazioni agli orari di apertura delle sale".

Proprio al fine di fare chiarezza, disegnando una mappa delle norme che in tal senso hanno proliferato sul territorio nazionale, Geronimo Cardia, presidente di ACADI, ha pubblicato il libro "La Questione Territoriale -Il Proibizionismo inflitto al gioco legale dalla normativa locale". Un testo che tenta di fare intravedere le strade da imboccare per giungere alla definizione di un quadro nazionale proprio attraverso la lettura delle varie disposizioni locali.

Sulla medesima linea è la dichiarazione che il Presidente di ACADI (Associazione dei Concessionari di Giochi Pubblici indipendente, senza scopo di lucro, fondata nel 2006, alla quale aderiscono Admiral Gaming Network S.r.l. - Cirsa Italia S.p.A. - Gamenet S.p.A. - HBG Connex S.p.A. - Lottomatica Videolot Rete S.p.A. - NTS Network S.p.A. - Snaitech S.p.A) ha esposto alla Commissione del Senato della Repubblica pochi giorno orsono.

Per meglio centrare il nucleo del problema a seguire riportiamo una nota rilasciata, a favore di Gazzetta dell'Emilia & dintorni, da Geronimo Cardia, nella speranza di contribuire positivamente a una più equilibrata informazione in merito a un argomento tanto delicato dal punto di vista sociale, quanto importante per le implicazioni industriali e economiche.

"ACADI, l'associazione concessionari di giochi pubblici, i cui associati contribuiscono ogni anno col 70% del gettito erariale generato dal comparto pari complessivamente a circa 10 miliardi di Euro, ha già giudicato molto negativamente la decisione del Governo di incrementare in pochi mesi per ben tre volte consecutive il prelievo fiscale diretto sui giochi regolamentati.
Numerosi sono stati gli aumenti di tassazione imposti al comparto del gioco pubblico che si sono susseguiti nel tempo, dal rilascio delle concessioni. Per le AWP si è passati dal 13, 50% del 2004 al 21,60% di oggi. Per le VLT dal 2% del 2010 a quasi l'8% di oggi.

Lo stesso Rapporto dell'Ufficio Parlamentare di Bilancio "Focus tematico n. 6 - La fiscalità nel settore dei giochi" del maggio 2018 denunzia che "Gli aumenti delle aliquote a fronte di una domanda di giochi che mostra generalmente una elevata elasticità al prezzo e, soprattutto, la riduzione dei punti di vendita potrebbero comportare una significativa flessione della raccolta complessiva, indebolendo la stabilità economica della filiera e causando una riduzione delle entrate erariali. La corrente sostenibilità economica del comparto deriva da investimenti passati, intrapresi sulla base di condizioni fiscali più convenienti." Ebbene si consideri che tale scenario è formulato addirittura prima dei tre ulteriori aumenti del prelievo sulla tipologia di apparecchi AWP, dei due su quella VLT e di quello sulle scommesse e sui giochi online, imposti con il Decreto Dignità di agosto, con la Legge di stabilità 2019 di dicembre e con il Decreto Quota Cento e Reddito di Cittadinanza di questi giorni.
Non solo, tale scenario prescinde anche dalle conseguenze delle misure imposte da Regioni e Comuni che, vietando la distribuzione del gioco pubblico dalla sostanziale totalità del territorio, determinano la marginalizzazione se non l'effetto espulsivo dell'offerta legale. Si tratta di misure che, oltre a non essere armonizzate tra di loro e con la normativa nazionale, oltre a non essere riconosciute come efficaci per la prevenzione dalle più recenti ricerche epidemiologiche pubbliche (Istituto Superiore di Sanità, CNR altri studi scientifici), determinano il venir meno dell'offerta pubblica su intere aree di territorio del relativo gettito erariale (oltre che di numerosi posti di lavoro). Vi sono già, negli ultimi mesi, segnali degli effetti di riduzione della raccolta di gioco con apparecchi da intrattenimento (base imponibile del prelievo) e solo il reiterato aumento delle aliquote di prelievo garantisce stabilità di gettito (modificando tuttavia le condizioni di esercizio delle concessioni, il loro equilibrio e la sostenibilità degli investimenti imposti dalle stesse concessioni).

Ma la continuità di gettito erariale sarà ancor più difficile da mantenere nei prossimi mesi quando importanti riduzioni della rete distributiva in concessione saranno provocate dalle misure espulsive regionali in Emilia-Romagna, Puglia, Toscana, aggiungendosi a quelle già in essere in Piemonte che peraltro espellerà anche dalle sale il gioco pubblico con gli apparecchi a partire da maggio 2019.
Si deve quindi evidenziare che gli aumenti di tassazione già rilevati dall'UPB e quelli plurimi recenti, da un lato, e l'espulsione del gioco pubblico da intere aree regionali, dall'altro, oltre ad indebolire il controllo pubblico del gioco fino ad eliminarlo da intere aree, oltre a non rappresentare un'autentica misura di tutela per l'utente, rappresentano un rischio concreto di espansione dell'offerta illegale e di seria instabilità delle entrate per la copertura delle iniziative di Governo dichiarate nel Dl 4/2019.

Così continuando, senza un adeguato presidio del settore del gioco in denaro tramite le reti in concessione, il Paese sarà costretto ad una nuova stagione di illegalità, di assenza di tutela dei consumatori e di mancanza di una concreta possibilità di prevenzione delle dipendenze direttamente nelle reti di vendita legali. Il tutto senza agire in concreto sulla rilevante problematica del gioco compulsivo, da un lato, e distruggendo economia legale con la chiusura di imprese sane ed oggi al servizio dello Stato e con la perdita di molte decine di migliaia di posti di lavoro, dall'altro, facendo poi venir meno entrate erariali sino ad oggi dichiarate strutturali ed attese dal provvedimento oggi in discussione."

 

Geronimo_Cardia.jpg

 

(Geronimo Cardia)

 

immagine_libro_copertina_ita.jpg

 

In allegato il testo integrale della Commissione al Senato -

(Video Commissione Senato della Repubblica)

Video