Visualizza articoli per tag: teatro

L’appuntamento si inserisce nella programmazione per il Giorno della memoria e sarà presentato venerdì 21 febbraio

Reggio Emilia, 18 febbraio 2014

Uno spettacolo per la memoria, per non dimenticare quello che successe durante la seconda guerra mondiale nei campi di concentramento e fare in modo che una simile barbarie si verifichi mai più. Ruota intorno a questo tema "Un viaggio dentro Le staffette della memoria" per la regia di Mariangela Dosi e la partecipazione degli studenti del Liceo d'Arte Paolo Toschi di Parma, promosso dal Comune di Poviglio - Assessorato alla Cultura e dal Circolo Anpi "Eugenio Curiel" in collaborazione con i circoli ANPI di Boretto, Campegine, Castelnovo Sotto e Gattatico, venerdì 21 febbraio 2014 presso il Centro del Volontariato Kaleidos.

Un appuntamento sull'importanza del ricordo e della conoscenza della storia, inserito nel programma delle Iniziative organizzate dal Comune per il Giorno della Memoria, come spiega l'autrice stessa: «I deportati nei campi di concentramento hanno scritto memorie, diari, lettere; hanno cercato, alcuni, di comunicare il più possibile, di raccontare il lager affinché non si dimentichi quello che l'uomo può fare, quello che uomini, donne, bambini hanno subito. Da anni cerchiamo di capire, di non perdere la memoria, di stare vigili e di riflettere su ciò che è accaduto. Molti dei sopravvissuti non ci sono più, molti sono troppo anziani per continuare a testimoniare. I giovani non hanno memoria e la scuola non basta a far conoscere» afferma Mariangela Dosi.

«Le persone dimenticano, confondono le date, non sanno le motivazioni profonde che stanno alla base dell'orrore. È quasi incredibile che, in un contesto di inconsapevolezza dilagante, ci siano alcuni studenti di liceo che abbiano voluto aderire alla mia richiesta: chi vuole salire sul palcoscenico per la giornata della memoria? Un sopravvissuto ha raccontato a me, io ho raccontato a loro ed essi, questi giovani, raccontano a voi il viaggio fatto a Mauthausen con il treno della memoria, che è anche un viaggio interiore, un viaggio dentro».

«L'Anpi e l'Amministrazione comunale sono ancora una volta promotrici di un progetto culturale che supera la logica della celebrazione per attualizzare il passato, luce imprescindibile per il nostro presente. Gli studenti dell'Istituto "Toschi" permette di dar voce alle staffette della memoria, che vivificheranno gli avvenimenti del passato attraverso il loro vissuto» dichiara Filippo Ferrari, Assessore alla Cultura del Comune di Poviglio.

Lo spettacolo avrà inizio alle ore 21.00 presso la Sala "Sergio Tagliavini" del Centro del Volontariato "Kaleidos" (via Bologna 1). L'ingresso è gratuito.

Per info:

Biblioteca comunale di Poviglio, 0522/960426 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

(Fonte: ufficio stampa comune di Poviglio)

 

Negli spazi post-industriali di Via Pasubio_Parma, contemporaneamente all'avvio dei progetti produttivi di Lenz Rifrazioni, ma anche alle riprese dei recenti debutti presentati al Festival Natura Dèi Teatri, inizieranno a marzo gli articolati corsi formativi e laboratoriali di Pratiche di Teatro, curati dai direttori artistici Maria Federica Maestri e Francesco Pititto.

Parma, 10 febbraio 2014 -

Rivolto a giovani allievi attori, anche senza esperienza, si avvia il 10 marzo 2014 il Primo Livello del progetto Pratiche di Teatro/PDT, laboratorio di arte performativa che indagherà il linguaggio performativo contemporaneo secondo il seguente programma: sintassi corporee e verbali, drammaturgia del movimento, architetture vocali, codificazioni performative. Questa prima fase, elaborata e diretta personalmente da Maria Federica Maestri, è aperta a tutti gli interessati a conoscere e ad avvicinarsi al linguaggio performativo di Lenz Rifrazioni e vedrà impegnati gli allievi per dodici lezioni di tre ore ciascuna, ogni lunedì e giovedì dalle 19.30 alle 22.30 fino al 18 aprile.
Nella seconda parte dell'anno è prevista l'attivazione di un Laboratorio di Secondo Livello per attori con esperienza artistica precedente ed allievi del laboratorio primo livello. Essendo realizzato in funzione delle produzioni in itinere di Lenz Rifrazioni, alla fine del percorso gli allievi attori considerati di particolare sensibilità saranno selezionati per partecipare alla prossima produzione: ADELCHI, tratta dall'opera di Alessandro Manzoni.
In data 11 marzo inizierà anche il nuovo progetto Pratiche di Teatro Visuale/PDTV a cura di Francesco Pititto, condirettore artistico di Lenz Rifrazioni e del festival Natura Dèi Teatri, dramaturg, regista e creatore di imagoturgie. Il corso di imagoturgia, che si svilupperà in 12 lezioni di 3 ore ciascuna ogni martedì dalle 18.30 alle 21.30 fino al 29 maggio, si concentrerà sulla creazione dell'immagine da J.L.Godard a Bill Viola, da Antonello a Bacon, da Ovidio a Murakami. La prima parte del corso sarà esclusivamente teorica e di interpretazione critica delle opere degli artisti sopracitati, nella seconda parte il focus sarà sulla elaborazione linguistica/videografica e gli allievi potranno creare direttamente immagini a partire dalle suggestioni filosofiche di Gilles Deleuze e degli autori indicati . I lavori visivi prodotti dagli allievi e selezionati a fine corso verranno presentati, nel dicembre 2014, in occasione della 19° edizione del festival internazionale Natura Dèi Teatri "I DUE PIANI".
I progetti artistici e formativi di Lenz Rifrazioni sono realizzati con il sostegno di:
MiBAC_Ministero per i Beni e le Attività Culturali, 
Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma, Comune di Parma, Fondazione Monte Parma, Ausl Parma – DAISM-DP e Banca Monte Parma.

Per Informazioni e iscrizioni:
Elena Sorbi | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Lenz Teatro, Via Pasubio 3/e Parma
T.+39.0521.270141 F. +39.0521. 272641
www.lenzrifrazioni.it/laboratori

(Fonte: Lenz Rifrazioni | Festival Natura Dèi Teatri)

 

Pubblicato in Cultura Emilia
Lunedì, 10 Febbraio 2014 09:18

Modena, grande successo per “La Repubblica”

 

Aggiunta una recita de “La Repubblica” per l’alto numero di prenotazioni. 

- Modena 10 febbraio 2014 ----

In risposta all'alto numero di prenotazioni, la Fondazione Collegio San Carlo e Emilia Romagna Teatro Fondazione hanno deciso di aggiungere una recita de La Repubblica sabato 8 febbraio alle ore 17.30. La mise en espace tratta da Platone a cura di Claudio Longhi con testi scelti da Carlo Altini, è andata quindi in scena venerdì 7 febbraio alle ore 21.00, sabato 8 febbraio alle ore 17.30 e alle ore 21.00 e domenica 9 febbraio alle ore 16.00 presso il teatro della Fondazione Collegio San Carlo di Modena.

L’allestimento de La Repubblica si pone come una sorta di capitolo conclusivo del discorso filosofico propone alla cittadinanza modenese iniziato con Le Leggi e Il Sofista e apre numerosi interrogativi: qual è il buon funzionamento della Polis?  E poi è davvero realizzabile la città ideale. Interrogativi che aprono un’inchiesta propria  non solo del pensiero filosofico ma anche dell’oggi e del vivere nella nostra società contemporanea.

"Mio fratello Peppino. Resistere a Mafiopoli", conferenza-spettacolo che vedrà la presenza di Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato, icona della lotta alla mafia assassinato nel 1978 -

Novellara (RE) 5 febbraio 2014 -

La seconda edizione di "Teatro e legalità" continua con "Mio fratello Peppino. Resistere a Mafiopoli", conferenza-spettacolo che vedrà la presenza di Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato, icona della lotta alla mafia assassinato nel 1978. Moderatore sarà Domenico Ammendola.
La conferenza, organizzata da NoveTeatro in collaborazione con i comuni di Novellara, Scandiano e Castelnovo di Sotto, si terrà venerdì 7 febbraio alle ore 21 presso il Teatro della Rocca "Franco Tagliavini di Novellara (RE). La conferenza sarà replicata negli altri comuni organizzatori.

Sempre al Teatro della Rocca di Novellara, sabato 8 febbraio alle 11 Giovanni Impastato incontrerà i ragazzi dell'Istituto Superiore "Mario Carrara" di Guastalla e della Scuola Secondaria di I grado "Lelio Orsi" di Novellara.
Gli incontri prenderanno spunto dal libro "Resistere a Mafiopoli. La storia di mio fratello Peppino impastato", scritto da Giovanni Impastato e Franco Vassia, pubblicato da Stampa Alternativa. Scrive Giovanni: "La storia di Peppino Impastato è una storia di giovani, di coraggio, di ribellione e di anche di violenza. [...] La storia di Peppino non è soltanto la sua: è la storia dei suoi compagni, la nostra storia, piena di fatti e di gioie, ma anche irta di spine. in pratica la storia atavica di chi non si rassegna a essere un semplice strumento, ma pretende di lasciare una traccia visibile del suo passaggio". Ed è per questo che merita di essere portata a tutti, soprattutto alle nuove generazioni.

NoveTeatro è un centro teatrale fondato nel 2007 da un gruppo di giovani professionisti dello spettacolo. Fare teatro ed educare al teatro sono i nuclei principali dell'attività. NoveTeatro è ente di produzione di spettacoli di prosa. A questa attività si affianca la scuola teatrale e un'intensa attività di teatro civile.
"Teatro e legalità" è un progetto ideato da NoveTeatro, vincitore nel 2012 di un bando della Regione Emilia Romagna. Inaugurata lo scorso 9 dicembre con la conferenza "IoNoSlot. L'azzardo delle mafie", la seconda edizione di "Teatro e legalità" coinvolge i comuni di Bagnolo in Piano, Casalgrande, Castelnovo di Sotto, Correggio, Luzzara, Montecchio Emilia, Novellara, Reggio Emilia, Reggiolo, Rolo, San Martino in Rio, Scandiano. Il progetto ha come principali destinatari i giovani e gli studenti, attraverso iniziative negli istituti scolastici della provincia di Reggio Emilia.

In allegato la locandina scaricabile

(Fonte: ufficio stampa Comune di Novellara)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

La riduzione teatrale avrà luogo venerdì 7 e sabato 8 febbraio alle ore 21, oltre a domenica 9 febbraio alle ore 16 ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria -

Modena, 4 febbraio 2014 -

La mise en espace de' "La Repubblica" fa parte di un pluriennale progetto di collaborazione tra due istituzioni, la Fondazione Collegio San Carlo ed Emilia Romagna Teatro Fondazione, che si pone l'obiettivo di esplorare le potenzialità del rapporto tra teatro e filosofia. L'allestimento della Repubblica si colloca a suggello ideale del complesso discorso filosofico-teatrale proposto alla cittadinanza modenese, chiamata a riflettere radicalmente, nella duplice veste di spettatrice e di "coro ideale", sulla straordinaria energia etica delle parole dei classici, ambiguamente sospese tra attualità e inattualità. Dopo "La tirannide" di Senofonte, "Le leggi" di Platone e "Il sofista" di Platone, l'opera filosofica scelta quest'anno per la riduzione scenica è il classico dialogo platonico sulla giustizia e sull'utopia politica. Un' affascinante, antichissima inchiesta intorno al buon funzionamento della polis, a cura di Claudio Longhi, con testi scelti da Carlo Altini.
"Un serrato confronto tra il pessimismo della ragione e l'ottimismo della volontà, tra le responsabilità comuni e i doveri del singolo" - come lo ha definito lo stesso Claudio Longhi - in un viaggio in compagnia di Socrate e dei suoi compagni alla ricerca della vera natura della filosofia e sul ruolo spettante agli intellettuali.
Ma se la giustizia è preferibile in quanto tale, come riesce a dimostrare Socrate alle fine del quarto libro della Repubblica, è possibile costruire una città giusta a partire dalla trasformazione di una città esistente, in un mondo in cui l'essere umano giusto e la città giusta, sono solo approssimazioni alla giustizia? "È così che, lungi dall'essere un trattato di filosofia politica che mira a delineare la struttura di una società giusta, la Repubblica mostra l'impossibilità (o, almeno, l'estrema improbabilità) della città giusta" come afferma Carlo Altini. Ancora oggi, a distanza di venticinque secoli, Platone ci invita in maniera quanto più attuale, a riconoscere che la città giusta è dunque impossibile, perché è impossibile che la filosofia possa essere capace di sconfiggere la resistenza radicata nell'«amor proprio» degli esseri umani, nella loro dipendenza dai bisogni materiali del corpo.

La riduzione teatrale della Repubblica di Platone, realizzata in coproduzione dalla Fondazione Collegio San Carlo ed Emilia Romagna Teatro Fondazione, avrà luogo nel Teatro della Fondazione San Carlo (via San Carlo 5, Modena) venerdì 7 e sabato 8 febbraio alle ore 21, oltre a domenica 9 febbraio alle ore 16, ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria.

In allegato la locandina scaricabile

Fonte: Centro Culturale Fondazione Collegio San Carlo di Modena
Via San Carlo 5
41121 Modena, Italia
Tel: +39 059 421240
Fax: +39 059 421260
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.fondazionesancarlo.it

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia
Una commedia scanzonata sull'arte tutta italiana del sapersi "arrangiare" finchè la buona sorte non decide di venire alla loro porta... o al cantiere


GIOVEDI' 6 FEBBRAIO 2014, ore 21
Teatro Comunale "Adolfo Tanzi" – Felegara
Esagera Produzioni presenta
"VACANZE RUMENE"
di Marco Cavallaro, Fabrizio Gaetani, Christian Generosi
Con Fabrizio Gaetani, Christian Generosi, Mauto Bellisario
Regia: Marco Cavallaro

Ingresso: Euro 12,00

In un periodo di crisi economica mondiale trovare un lavoro è già complicato, figuriamoci se chi un lavoro ce l'ha si ritrova a perderlo perché la politica del "Capo" cambia a favore del vento dell'Est.
Due attori, scartati da tutti i provini che fanno, lavorano come manovali in un cantiere edile. Perennemente in ritardo sul lavoro, sull'affitto, sulle bollette, con le donne e con la voglia di lavorare sotto i piedi, sono vessati dal "capo cantiere" che non sopporta più i loro comportamenti. Un bel giorno al cantiere per risparmiare sulle paghe, i nostri due attori manovali vengono licenziati ed assunta manodopera proveniente dall'Est. I due, buttati in mezzo alla strada, non possono che fare la loro più grande interpretazione della vita, fingersi "Rumeni" per continuare a vivere dei loro sogni e pagare le bollette.
Una commedia scanzonata sull'arte tutta italiana del sapersi "arrangiare" finchè la buona sorte non decide di venire alla loro porta... o al cantiere.

Sul sito http://youtu.be/Dlm9TEebU2g anche Fiorello parla dello spettacolo "Vacanze rumene"!


(Fonte: Comune di Medesano)




L'attore sarà protagonista in scena domani martedì 4 febbraio nel capolavoro satirico della seconda metà del '700, "Il nipote di Rameau" -

Boretto, 2 febbario 2014 -

Uno strepitoso Silvio Orlando sarà il protagonista, domani, martedì 4 febbraio 2014 alle ore 21.00, de "Il nipote di Rameau", lo spettacolo tratto da un'opera del filosofo Denis Diderot in programma presso il Teatro del Fiume di Boretto.
Capolavoro satirico della seconda metà del '700, "Il nipote di Rameau" è il ritratto grottesco di un musico fallito, cortigiano convinto, amorale per vocazione, che nella sua imbarazzante assenza di prospettive edificanti riesce in maniera paradossale a ribaltare la visione del bene e del male, del genio e della mediocrità, della natura umana e delle possibilità di redimerla e ha la spudoratezza di confessare ciò che tutti pensano - e di fare per mestiere, come satiro e pantomimo - ciò che tutti fanno nella loro vita: l'adulatore.
Con la consueta maestria che lo caratterizza, Orlando porta in scena uno dei testi più divertenti e brillanti del Settecento francese, da lungo tempo assente dai teatri.

Il costo del biglietto è di 20 euro per la platea e di 17 euro per la galleria e il ridotto. Hanno diritto alle riduzioni i giovani di età inferiore ai 25 anni e le persone oltre i 60.
I biglietti potranno essere acquistati anche la sera stessa dello spettacolo, presso il Teatro del Fiume. La biglietteria è situata presso il Comune di Boretto (Piazza San Marco 5) e osserverà i seguenti orari: lunedì e mercoledì dalle 17.00 alle 19.00; sabato dalle 9.30 alle 12.30.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.- www.comune.boretto.re.it
Telefono 0522/963724 – 963723 – 963758 – 963759, tutti i giorni dalle 9.00 alle 13.00.

(Fonte: ufficio stampa Comune di Boretto)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Sarà dedicata alla grande scrittrice catanese Goliarda Sapienza la serata di lunedì 27 gennaio al Kinodromo di Bologna -

Bologna, 25 gennaio 2014 -

Alle ore 19.30 PopCorn_Hour con 'Goliarda' Live Set Reading in cui Cristiana Raggi e Piergiuseppe Francione interpretano alcuni passi tratti dai romanzi di Goliarda Sapienza "L'arte della gioia" e "Il filo di mezzogiorno", accompagnati dalle atmosfere sonore di Giovanni Frezza in un suggestivo live set reading.
A completare la performance sarà la proiezione di un estratto video a cura di Liviana Davì dello spettacolo cineteatrale GOLIARDA (di e con Cristiana Raggi) basato sulla vita e le opere della scrittrice catanese, che sarà prossimamente in scena al Teatro Verdi di Milano, dal 6 al 16 febbraio. Lo spettacolo muove proprio dai due testi della scrittrice: L'Arte della Gioia, suo capolavoro e importante testimonianza della cultura italiana del secolo appena trascorso, per la pubblicazione del quale si è ridotta in povertà, e Il Filo di Mezzogiorno, che narra invece degli anni vissuti in terapia dopo l'elettroshock. Il filo narrativo si basa sull'alternanza della loro trasposizione teatrale: senza la terapia e il processo di ricostruzione del "sè" e della memoria come meta fondante dell'individuo raccontati nell'uno, non avrebbero preso vita i personaggi dell'altro. La convinzione che trasmettere la memoria sia fondamentale per il presente e il futuro, hanno portato Cristiana Raggi a incontrare e approfondire l'opera di Goliarda Sapienza, attraverso una ricerca durata due anni e che oggi restituisce al pubblico con lo spettacolo.
La serata al Kinodromo prosegue alle ore 21 con la presentazione, in anteprima, del documentario 'I Fantasmi di San Berillo' di Edoardo Morabito (74′, ITA, 2013). Il documentario scava tra le vite, presenti e passate, che popolano San Berillo, antico e martoriato quartiere al centro di Catania. Edoardo Morabito, nel suo esordio alla regia, mescola linguaggi diversi, facendo ricorso a letteratura, fotografie d'epoca, immagini d'archivio e immagini di oggi, per scavare nella frattura storica avvenuta in questo angolo di città e incontrarne i fantasmi che lo popolano, e l'hanno sempre popolato, sopravvivendo all'aggressiva azione uniformatrice della politica. Ad accompagnare nel film i testi di Goliarda Sapienza, la voce narrante di un'altra catanese: l'attrice Donatella Finocchiaro. A presentare il documentario sarà il regista, Edoardo Morabito.

Info
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.kinodromo.org
www.cristianaraggi.com
(Fonte: ufficio stampa progetto Goliarda)

 

Questa sera alle ore 20,45 presso il Teatro Comunale "Adolfo Tanzi" di Felegara è in programma il quarto appuntamento della Rassegna di teatro dialettale dedicata alla memoria di Guglielmo Capacchi, patrocinata dal Comune di Medesano -

Medesano, 25 gennaio 2014 -

La Compagnia "La Duchèssa" presenterà un classico di Eduardo De Filippo, la commedia "Natale in casa Cupiello", riscritta e riadattata in dialetto parmigiano dal poeta Luigi Sturma, cercando di conservare la freschezza, la fantasia ed il talento drammaturgico tipici dell'autore partenopeo.

La trama, invariata rispetto all'originale, narra le liti, gli amori, i tradimenti, i pettegolezzi e le piccole manie della vita di ogni giorno, restituendo tratti della quotidianità che possiamo ritrovare a Napoli come a Parma o in qualsivoglia città italiana.

A salire sul palco saranno: Pietro Vitali, Franca Bodria, Marina Padovani, Lino Cremona, Alessandro Chiapponi, Edoardo Rozzi, Alessandro Dall'Aglio, Carlo Vismara, Mirella Pongolini, Claudia Greci, Luigi Chiapponi, Cecilia Vighi e daria Comito. La regia è affidata a Giovanni Catalano.

Ingresso: Euro 7,00.

(Fonte: ufficio stampa Medesano Info)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

La Compagnia Balletto Classico Liliana Cosi – Marinel Stefanescu si esibisce sabato 25 gennaio ore 21.00 nel Teatro della Rocca Franco Tagliavini per un'imperdibile omaggio al balletto classico -

Novellara (RE) 23 gennaio 2014 –

"Omaggio al classico" è una produzione caratterizzata da una vivace varietà espressiva, che propone capolavori di musica classica e sinfonica, anche non strettamente legati al repertorio del balletto, nel suadente intreccio tra sogno e realtà. Frutto maturo, indubbiamente, di una Compagnia che in più di trent'anni di lavoro ha saputo allestire 2.000 spettacoli in 410 città italiane e 57 all'estero. Sullo spettacolo Liliana Cosi afferma "Non intendiamo il classico come un ricordo del passato, ma riconosciamo in questo genere una tensione verso la perfezione e l'armonia". Dunque il classico come qualcosa di eternamente moderno, un'educazione permanente alla bellezza in grado di catturare l'attenzione dei giovani, e stasera ce ne sono tanti".
La danza resta quindi una tra le espressioni dell'arte e della cultura, quale strumento di elevazione e di liberazione oltre ogni confine sociale e nazionale.

La magia nasce dalla capacità dei danzatori di vestire le note immortali di celebri compositori, da Enescu a Chopin, da Albinoni a Ciaikovski, grazie alla direzione di Liliana Cosi e ai costumi di Marinel Stefanescu e Hristofenia Cazacu.

Ingresso in Fascia A:
Intero € 15 - ridotto € 13 (under 21 e over 65)
Agevolato € 10 (Soci Coop, Soci di NoveTeatro, iscritti Scuole Comunali di Musica Danza, Aziende convenzionate)

Vendita biglietti presso la Biblioteca Comunale
martedì, giovedì, sabato 9/13 e 15/19 - mercoledì e venerdì 15/19

Presso il Teatro Comunale 1 ora prima dello spettacolo

INFO: Uff. Teatro 0522-655407 - Biblioteca Comunale 0522-655419
www.comunedinovellara.gov.it

www.ballettoclassicocosistefanescu.it

(Fonte: ufficio stampa Comune di Novellara)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia