Sabato, 27 Maggio 2017 10:41

La Roma “bòna” si mangia qui

Al Ristorante “La Campana” c’è la Roma vera. Qui sono passati artisti, attori e scrittori e la cucina è rimasta uguale a sé stessa, fedele al territorio

Di Chiara Marando –

Sabato 27 Maggio 2017 -

L’ingresso è stretto, si confonde con quello degli altri locali lungo la via. Sembra uno dei tanti ristoranti che affollano le strade di Roma. E invece no. E’ il ristorante, quello più antico della città. La storia de “La Campana” inizia nel lontanissimo 1518 e da sempre è stata punto di passaggio per viaggiatori e forestieri, un angolo di ristoro che ha attraversato il tempo per arrivare ad oggi, memoria storica di tradizioni radicate.

Si entra e ci si accomoda quasi per fortuna, facendosi spazio tra gli avventori che affollano le sale e l’ingresso. Due, o forse più, i turni di servizio del pranzo e della cena. Ma qui è normale, bisogna adattarsi perché, non si sa come, un posto salta sempre fuori. E i proprietari riescono a muoversi tra i tavoli – anche in questo caso non si sa come – con una rapidità che impressiona, facendo arrivare velocemente i piatti fumanti a destinazione. Insomma, tutto deve essere gustato al meglio nella sua semplicità. Gli ordini, poi, si prendono a memoria, banditi tablet e fogliettini volanti

Qui c’è la Roma vera, qui sono passati artisti, attori e scrittori e la cucina è rimasta uguale a sé stessa. Fedele al territorio.

home1

Il menù parla dialetto stretto: l’abbacchio trionfa al forno o fritto con doppia panatura, il fritto all’italiana trasuda bontà con baccalà, fiori di zucca e carciofi alla giudia.

WP 20160416 21 54 38 Pro

Cacio e pepe, Amatriciana,Tagliatelle con i funghi e Tagliolini con alici fresche e pecorino sono i signori dei primi, ma anche gli spaghetti con le vongole possono considerarsi una new entry godereccia al punto da attirare più volte l’attenzione.

campana

 

Per molti, ma non per tutti, la coda alla vaccinara ed il pollo con i peperoni riempiono di gusto il palato e fanno dimenticare la ben lontana leggerezza di piatti poco conditi.

C’è chi viene anche solo per il dolce, l’ormai leggendaria torta di mele magari servita “Carda e cor gelato”, la cui ricetta rimane un enigma. Un segreto gelosamente custodito.

Poca formalità ma tanta gentilezza, il tutto nella romanità più pura è completa, si parla come tra amici e la capacità comunicativa dei camerieri è totale: sai che ti convinceranno a provare anche il piatto più impensabile, perché sono loro ad avere ragione e sapere che tanto ti piacerà.

E alla fine è proprio così.

Ristorante “La Campana”

Vicolo della Campana, 18 - 00186 Roma

Tel. 06 6875273 - 347 1098632

Pubblicato in Food

Con l’arrivo del caldo desideriamo piatti più leggeri e digeribili ma, al tempo stesso, semplici da preparare e soprattutto buoni: provate gli: Stortelli Pastificio Andalini con asparagi, tonno e pistacchi.

Testo e Foto di Chiara Marando -

Giovedì 25 Maggio 2017 -

L’arrivo del caldo porta con sé il desiderio di piatti più leggeri e digeribili, magari perfetti per pranzi veloci da consumare anche freddi. Regola d’ordine: semplicità di preparazione e bontà.

Ecco, io avevo proprio questo in mente quando ho aperto la dispensa ed osservato gli ingredienti che avevo a disposizione. Il risultato è stato un primo piatto gustoso e completo: Stortelli Pastificio Andalini con asparagi, tonno e pistacchi.

Pochi minuti di cottura per la pasta – 4 minuti e via – il condimento perfetto e voilà, ecco una deliziosa ricetta ideale in questa stagione.

IMG 1146

Ingredienti per 4 persone

260 gr. di Stortelli Pastificio Andalini

2 Scatolette di tonno al naturale

30 gr. Pistacchi

350 gr. Asparagi

Olio extravergine di oliva

Sale e pepe q.b.

Preparazione

Lavate e tagliate a pezzi gli asparagi, buttateli in acqua bollente e salata facendoli cuocere per qualche minuto (assaggiateli per sentirne la consistenza). Una volta cotti, scolateli e fateli saltare in una padella antiaderente con un filo di olio extravergine di oliva e pepe.

IMG 1149

Quando si saranno insaporiti spegnete il fuoco ed aggiungetevi il tonno sgocciolato amalgamando il tutto con cura.

IMG 1154

Tritate i pistacchi, lasciandone solo alcuni interi – saranno piacevoli da sentire in bocca – ed aggiungeteli al condimento.

IMG 1157

Ora buttate la pasta in acqua bollente e salata, fate cuocere per il tempo indicato nella confezione. Quindi scolate e versate la pasta nella padella con gli asparagi, il tonno ed i pistacchi precedentemente amalgamati.

Fate saltare, aggiustate di sale e pepe se necessario, e servite.

IMG 1158

Il consiglio in più?

Potete abbondare con le dosi, sarà ottima anche il giorno dopo e la troverete già pronta da mangiare, magari al ritorno dall’ufficio.

Pubblicato in Food

Lezioni di cucina e degustazione a cura delle blogger di iFood Meris Carpi e Claudia Casadio allo Scavolini Store Piacenza. Sabato 20 maggio Via Emilia Pavese, 103 Piacenza - dalle 17:00 alle 18:30. Ingresso libero e gratuito.

Piacenza, 16 maggio 2017

I gusti delicati dei frutti di mare incontrano il sapore dei legumi. Un connubio che verrà raccontato e spiegato attraverso ricette e curiosità in occasione dello show-cooking di sabato 20 maggio allo Scavolini Store di Piacenza. Meris Carpi e Claudia Casadio sono le blogger di iFood che condurranno le lezioni di cucina: dalle 17:00 alle 18:30 tutti gli ospiti saranno invitati ai fornelli per testare la semplicità di cucinare grandi piatti anche nella cucina di casa propria.

L'evento si svolge presso lo Scavolini Store Piacenza, uno spazio di 300 mq in via Emilia Pavese, 103 che raccoglie un'ampia selezione della gamma cucine, bagni e living Scavolini. Accompagnati dallo staff dello Store, che vanta un'esperienza pluriennale nel settore dell'arredamento, i visitatori potranno ammirare le proposte più recenti di Scavolini tra cui Foodshelf, Motus e Favilla, oltre ai best seller come Diesel Social Kitchen e LiberaMente. A completare l'offerta, i modelli Aquo e Rivo per l'arredo bagno.

Due ricette che prendono ispirazione dal mare e dai suoi frutti. Un viaggio gastronomico che porterà gli ospiti a scoprire i sapori della nostra terra ma con un tocco esotico.
Si comincia da una crema di ceci con cozze, dove si combinano i sapori mediorientali della salsa tahin e i profumi indiani del curry e della paprika dolce.

Hummus_con_cozze_iFood.jpg


Per la seconda ricetta si fa un tuffo nelle acque atlantiche dove le capesante e le mazzancolle incontrano una salsa di ricotta e lupini. Il tocco finale è servire questo piatto fresco sulle conchiglie delle capesante per un impiattamento davvero originale.

Capasanta_con_crema_di_lupini_iFood.jpg

Meris Carpi passa dalla cucina vera a quella virtuale del blog Vaniglia e Cannella per dare vita alla sua creatività. Le sue origini la portano spesso a cucinare piatti della tradizione e ad avere sempre le mani in pasta: primi piatti tipici e sperimentazioni culinarie che nobilitano materie prime semplici.
Claudia Casadio, architetto nella vita di tutti i giorni, ha una passione spiccata per la Francia, che è ispirazione di molte sue rivisitazioni culinarie. Nel suo blog La Cuisine Tres Jolie dispensa consigli su come utilizzare i prodotti locali per piatti freschi ed originali e dove gustare il migliore street food in Emilia Romagna.

L'evento è parte del progetto Scavolini "iFood inStore", un blog tour in 100 tappe, organizzato in collaborazione con iFood, che coinvolgerà gli Scavolini Store d'Italia che, per l'occasione, offriranno ai cittadini un'esperienza gourmet, tra buon cibo e design, tutta da gustare.

SHOW-COOKING
DOVE Scavolini Store Piacenza – Via Emilia Pavese, 103 Piacenza
QUANDO Sabato 20 maggio – dalle 17:00 alle 18:30

Aperto al pubblico, ingresso libero
Al termine del live, sarà possibile degustare e assaggiare le ricette.

 

Pubblicato in Dove andiamo? Piacenza
Sabato, 13 Maggio 2017 10:58

Due passi a Ravenna...tre tappe gourmet

Ravenna è cibo per lo spirito e per il corpo: ecco qualche consiglio per scegliere le tappe gastronomiche giuste tra un monumento e l’altro.

Di Chiara Marando -

Sabato 13 Maggio 2017 -

Il centro storico di Ravenna è un brulicante fermento di voci e profumi che si nutrono dei sentori trascinati dall’aria di mare, ma anche di quella storia maestosa raccolta in meravigliose opere d’arte testimoni di generazioni ecclesiastiche e signorili. Difficile non trovarle, sono loro a venire da te tenute per mano dalle file di turisti che a flussi alterni si accalcano agli ingressi o percorrono le vie lastricate erose dal tempo.

Insomma, Ravenna è cibo per lo spirito e per il corpo. Due giorni bastano per staccare la spina, per assorbirne l’energia del patrimonio artistico, ma anche per assaporare quello che la cucina ha da offrire.

Quindi, ecco qualche consiglio per scegliere le tappe gastronomiche giuste tra un monumento e l’altro. Lo so, tutti dicono che non si può andare a Ravenna e non mangiare la tradizionale piadina. Lungi da me convincervi del contrario, piuttosto preferisco segnalarvi una sosta obbligata per chi vuole gustare una piadina degna di questo nome.

Situato in un palazzo antico nel pieno cuore storico cittadino, “Cà de Vèn” è l’enoteca d’altri tempi, quella con gli scaffali e le mensole in legno – in questo caso ottocentesche – con le bottiglie prestigiose, con il brusio della clientela che sorride tra un bicchiere e l’altro, ma anche tra un moroso e l’altro. Qui non pensate di trovare la raffinatezza, qui trovate la tipicità. La piadina è un must, fatta in casa e farcita con ingredienti golosi. Poi ci sono i piatti romagnoli, che raccontano il territorio, che fanno sentire a casa e conoscere la parte più genuina della città.

Visita dopo visita arriva l'ora di uno spuntino e con lui quella di un aperitivo che non ti aspetti, in una stretta via laterale, una di quelle meno calcolate dal passaggio turistico: tavolini e sedie in legno e metallo ed un interno allegro che ricorda i locali spagnoli. Si chiama "Fresco", ed è una sorta di lounge bar dove la selezione dei prodotti guarda con attenzione al biologico, alla nicchia che fa la differenza. L'idea è quella di offrire qualcosa di diverso dal solito spezzafame, di accompagnare un buon bicchiere di vino o una birra artigianale con stuzzicanti tapas, piccole porzioni di piatti curati e particolari da mixare a piacimento per provare sapori nuovi uno dopo l'altro.

Fresco

Infine, è arrivato il momento della cena. Qui possiamo concederci qualcosa di più, la piacevolezza di sedersi tranquilli a tavola, di sorseggiare un buon calice godendo di portate anche ricercate che non dimenticano la cultura gastronomica del territorio.

L'Osteria del Tempo perso”, a pochi passi dalla splendida Basilica di San Vitale, è un angolo di tranquillità: libri, vini e dischi arredano ogni parete del piccolo spazio che ospita solo pochi tavoli, un ambiente intimo da sapore retrò a tratti casalingo. Si respira la passione per la cultura, si percepisce la volontà di ricreare un ambiente accogliente nel quale fermarsi a parlare e vivere la convivialità. Il menù trionfa di mare ma propone anche qualche piatto di terra. Le preparazioni sono presentate con eleganza: gamberoni in pasta kataifi su riso venere e crema di zucca; Penne saltate con moscardini e canocchie con pesto al basilico e pomini; i classici cappelletti della tradizione; il carrè di maialino croccante al mirto.

osteria del tempo perso 1

osteria del tempo perso q

E per digerire? Due passi nella Ravenna notturna, avvolti dal rumore ovattato di una città che non vuole andare a dormire ma cullarsi per qualche ora ancora.

Pubblicato in Food

Secondo giorno del Campionato Mondiale della Pizza che sta animando il Palacassa di Parma. Ecco gli scatti di questo appuntamento che si concluderà il 10 maggio con le competizioni finali.

Parma, 9 Maggio 2017 

C’è profumo di Pizza al Palacassa, nel quartiere fieristico di Parma. Quel profumo che avvolge e fa venire l’acquolina in bocca. Ma ancora più coinvolgente è l’osservare i migliori pizzaioli italiani e dal mondo impastare e far roteare dischi con evoluzioni da veri showman. Il Campionato Mondiale della Pizza è anche questo, è spettacolo culinario, scoperta di prodotti studiati appositamente per impasti impeccabili e curiosità sulle diverse tecniche e sperimentazioni. E soprattutto è confronto: ogni pizzaiolo porta il meglio, le novità provate e riprovate perché il risultato sia la pizza perfetta.

CAMPIONATO_DEL_MONDO_PIZZA_2017_FDP_033.jpg

Tre giorni tra mozzarella filante, sentori fragranti, gare e premiazioni. Domani, mercoledì 10 maggio, si svolgerà la giornata finale con la competizione più attesa e spettacoli di freestyle e si potranno tirare le somme di questa 26esima edizione

A giudicare dall’affluenza e dall’entusiasmo non deluderanno.

CAMPIONATO_DEL_MONDO_PIZZA_2017_FDP_089.jpg

Sfoglia tutte le foto nella galleria qui sotto, ph. Francesca Bocchia

 

Pubblicato in Cultura Parma

A Modena c’è un luogo che in soli otto mesi è riuscito ad imporsi per la particolarità, il gusto avvolgente e la lavorazione delle sue proposte: si chiama TasteIt e porta in tavola una originale pizza gourmet

Di Chiara Marando -

 

Uno dei piatti simbolo della cucina italiana, quella più verace e genuina, si evolve e diventa gourmet. Sto parlando della tanto amata pizza e del suo goloso richiamo, una specialità che si presta a svariate interpretazioni culinarie e tentativi di impasti più o meno riusciti.

Ecco, a Modena c’è un luogo che in soli otto mesi è riuscito ad imporsi per la particolarità, il gusto avvolgente e la lavorazione delle sue proposte: si chiama TasteIt e nasce dall’idea di quattro amici desiderosi di esaltare le eccellenze gastronomiche del territorio modenese aprendosi ad alcune prelibate meraviglie mangerecce italiane. Ad essere premiate e messe in luce sono le piccole realtà artigianali, i loro prodotti realizzati con materie prime di alta qualità rispettate durante tutto il processo di produzione.

Domenico, Gennaro, Nicodemo e Pier Paolo hanno seguito una ispirazione trasformandola in qualcosa di concreto, un luogo dove a fare da padrona è la pizza vista con occhi non convenzionali. E questa ispirazione ha portato TasteIt a raggiungere nomi di punta come Sirani a Bagnolo Mello, la Fucina di Roma e i Tigli di Padoan,  che della pizza gourmet hanno fatto la loro fortuna.

A fare la differenza è prima di tutto l’impasto, risultato di tanta pazienza per arrivare ad ottenere una base che fosse leggera e digeribile ma, al tempo stesso, estremamente gustosa. Due sono le tipologie su cui si sviluppano le diverse ricette: integrale ed il più particolare integrale al nero di seppia. Non poteva mancare una cura particolare nella scelta delle farine utilizzate, rigorosamente macinate a pietra, impastate con lievito madre e lasciate lievitare per ben 72 ore.

taste_it_3.jpg

Tre le degustazioni presenti in menù, ognuna composta da 6 diversi gusti a scelta, con prodotti di mare e terra selezionati. Quello offerto è un percorso gustativo che accompagna il palato tra sapori più delicati, contrasti e sapidità accentuate, un viaggio alla scoperta di abbinamenti tanto insoliti quanto equilibrati.

 Taste_it_4.jpg

Provate, ad esempio, “La Capasanta” dove a prevalere è la dolcezza del pesce che ricopre interamente la superficie della fetta; oppure “La Scampiamola”, con impasto al nero di seppia, burrata, scampo crudo, salsa guacamole e basilico.

taste_it.jpg

E dato che parliamo di piatti gourmet, ecco che la carta dei vini propone buone etichette che spaziano tra i più noti vitigni italiani.

Il tocco in più è dato dalla location: nel centro di Modena con richiami alla tradizione ed un omaggio molto particolare alla città…il pavimento è la riproduzione esatta del Teatro Comunale Luciano Pavarotti.

 

TasteiT

Largo Aldo Moro 24,

41124, Modena

Tel. 059 787 2360

Pubblicato in Food
Sabato, 06 Maggio 2017 10:15

Chicken Pie

La nuova ricetta semplice e gustosissima di Ilaria Bertinelli che sarà molto indicata da preparare sia per una merenda a casa tra amici, ma anche da gustare magari durante un bel picnic all'aria aperta!

Questo tortino è tipico del Canada e, nella sua semplicità, è assolutamente irresistibile.
Anche se per gli ingredienti utilizzati è praticamente un piatto adatto a tutte le stagioni e il fatto che possa essere servito sia caldo che freddo, questo piatto è ancora più apprezzato per la sua flessibilità soprattutto durante la bella stagione primaverile.

tortino-canadese-ricetta

A casa nostra, il Chicken pie è molto apprezzato anche come merenda, in quanto è altrettanto eccezionale se tolto dal congelatore e riscaldato nel forno: una merenda imprevista con gli amici dei figli che stupirà gli ospiti e farà sì che vogliano sempre tornare a trovarvi!
Non vi resta che provarlo!

Ingredienti 

540 g pasta brisée (circa 2 rotoli)CHICKENPIE-ingredienti
500 g brodo vegetale o di carne
250 g petto di pollo
170 g piselli surgelati
150 g carota
100 g cipolla
60 g funghi champignon puliti
50 g burro
30 g farina
b. sale, olio extra vergine di oliva

PREPARAZIONE

  • Affettare la cipolla, rosolarla in padella con un filo d'olio
  • Aggiungere la carota tagliata a rondelle e i piselli e continuare a cuocere per 5 minuti
  • Aggiungere i funghi tritati e infine il pollo tagliato a cubetti; aggiustare di sale e lasciare rosolare per 10 minuti.
  • Aggiungere il burro, lasciarlo sciogliere, quindi aggiungere la farina e mescolare
  • Aggiungere gradatamente il brodo continuando a mescolare in modo che non si formino grumi, poi lasciare addensare la crema formando una besciamella
  • Allontanare dal fuoco e lasciare intiepidire.
  • Rivestire una teglia da 28-30 cm di diametro con un foglio di pasta brisée, versarvi sopra il ripieno, quindi ricoprire il tutto con il secondo disco di brisée
  • Sigillare i bordi e forare la superficie, quindi cuocere in forno statico preriscaldato a 200°C per circa 25 minuti.  

CHICKEN PIE preparazione 

CHICKENPIE-preparazione2

Pubblicato in Food

Si è svolta presso l'Istituto di Istruzione Magnaghi, di Salsomaggiore Terme, la finale dei giovani chef finalisti del Concorso "Dove c'è sugo c'é pasta", ideato e promosso da Barilla e rivolta agli studenti frequentanti il quarto anno dell'indirizzo enogastronomia, con l'obiettivo di valorizzare e premiare la creatività nella preparazione di uno dei piatti più famosi della cucina italiana: la Pasta.

Molte le ricette, tutte di altissimo livello, e accomunate dallo stesso tema: realizzare con originalità e creatività una salsa (o condimento) innovativo con materie prime caratteristiche della cucina regionale italiana. La sfida, arbitrata da una giuria di qualità composta dal team Barilla e dai docenti dell'Istituto hanno visto Alessia Ferrara e Claudia Ghelfi della 4^C enogastronomia, seconda coppia classificata Lorenzo Zambon e Gabriele Gambarelli della 4^B enogastronomia, terzi Luigi Balzano e Andrea Busseti della 4^B e quarti Alessio Sora e Simone Accarini della 4^B enogastronomia.

Ai vincitori sopra menzionati sarà data la possibilità di accedere ad una giornata di full immersion in Accademia Barilla con gli chef Barilla e per l'occasione verrà loro consegnata una giacca da cucina Barilla. «Il nostro Istituto è sempre orgoglioso di essere al fianco della grandi aziende italiane in occasioni che creano percorsi di alta formazione per i nostri studenti- ha spiegato la preside Luciana Rabaiotti – e ringrazio Barilla per l'attenzione che in tutti questi anni ci ha riservato. Il Concorso Barilla è uno degli appuntamenti più attesi dai nostri studenti di quarta enogastronomia: non è solo un concorso, ma un appuntamento con il mondo dell'alta cucina per cui si preparano accuratamente e con passione. Siamo pertanto lieti che di nuovo l'azienda parmigiana ci abbia coinvolti e auspichiamo che questa collaborazione prosegua negli anni dirigendosi verso progettualità e accordi ancora più collaborativi».

Concorso Barilla Studenti Magnaghi1

Pubblicato in Scuola Parma

E' in arrivo l'evento diffuso che farà da cornice e Tuttofood: Milano Food City 2017, il Fuorisalone del cibo dal 4 all'11 maggio. Eventi, incontri e degustazioni animeranno la città per una intera settimana

Di Chiara Marando -

Sabato 29 Aprile 2017 -

Sta per arrivare il tanto atteso appuntamento con la prima edizione dell'evento che coinvolgerà una città intera, il festival che attraverserà le strade di Milano in occasione di Tuttofood: Milano Food City 2017, il Fuorisalone del cibo dal 4 all'11 maggio.

Un evento a 360 gradi che vede ancora una volta Comune e Camera di Commercio insieme per dare vita ad un programma coinvolgente, forti del successo ottenuto con Expo 2015.

Ma la forza viene anche dal traino di Tuttofood (8-11 maggio), che si stima sia pronto ad accogliere circa 80mila visitatori, e dal contemporaneo Seeds&Chips, il summit dell'innovazione alimentare che quest'anno vedrà persino la partecipazione di Barack Obama.

Ma, come spesso accade soprattutto durante fiere importanti, il vero divertimento è quello che accade fuori, gli eventi collaterali che fanno da cornice intrattenendo, divertendo, interessando e, talvolta, sorprendendo.

Quello di Milano Food City 2017 sarà proprio questo, un percorso sensoriale dedicato alla cultura alimentare, alla sua forza attrattiva, durante il quale sarà possibile degustare menù ad hoc proposti dai ristoranti, partecipare a feste lunghe tutta la notte.

Insomma, impossibile annoiarsi ma molto facile perdersi tra i tanti appuntamenti in programma.

Quindi, ecco una breve guida per muoversi un po' più facilmente e scegliere ciò che più piace.

Cominciamo con il dire che le zone interessate saranno tra Porta Venezia, Arco della Pace, Palazzo Bovara, il Capac, la Fondazione Feltrinelli, Porta Nuova e Tortona.

I temi principali: dal caffè alla pizza, ai prodotti della terra. Più o meno tutto!

  • Food Friends

    Corso Venezia – Palazzo Bovara

    Dalle 11 alle 19

    Dedicato alle spezie ed al caffè, delizierà con cocktail tematici e laboratori specifici su monorigine e miscele. Ma ci saranno anche corsi, gare amatoriali e cucina con le spezie.

  • Al Capac

    Viale Maurillo

    Dall'8 all'11 maggio – dalle 18 alle 22

    Momento dedicato alla pizza e focaccia gourmet con lezioni, showcooking e laboratori per bambini.

  • Caselli Daziari

    Porta Venezia

    I mercanti e gli artigiani diventano protagonisti: panettieri, erboristi, macellai e fruttivendoli sotto i riflettori con degustazioni, masterclass e mostre a tema.

  • Festa del Bio

    Palazzo Giuresconsulti

    6 maggio

    Una giornata tra incontri di approfondimento scientifico con produttori, consumatori, esperti e giornalisti.

Questi sono solo alcuni dei tanti momenti da segnare in agenda, perché la festa continuerà in tutta la città ed ogni distretto porterà il suo contributo arricchendo il calendario con numerose situazioni di grande richiamo. Come in via Marghera, dove prenderanno il via percorsi degustativi dentro e fuori le diverse botteghe aperte fino alle 22; nel cuore della china town meneghina, in via Paolo Sarpi, ci sarà Sa(r)pore, una camminata tra storiche botteghe e nuovi punti street food; il mercato di Morsenchio, dedicherà queste giornate ad un contest sul barbecue, in calendario il 6 maggio, dalle 10 alle 24.

Il cibo passa anche per il cinema con la rassegna Food Wanted: Gastronomic Adventure ospitata dal 4 al 12 maggio all'interno del Mercato del Suffragio.

E non si può dimenticare quello che rappresenta il fil rouge più attuale: la sostenibilità. Di sostenibilità alimentare si parlerà durante gli incontri previsti alla Fondazione Feltrinelli di Porta Volta, con proiezioni, attività per bambini e la mostra fotografica Food for All.

Poi ci sono loro: gli chef!

Taste Festival” e “Italian Gourmet” sono i due venti che vedranno la partecipazione dei grandi maestri della cucina.

Il primo si svolgerà al The Mall dal 4 al 7 maggio; il secondo al Superstudio Più in via Tortona dal 6 al 10 maggio e punterà i riflettori su 17 chef italiani per un'immersione nell'alta cucina.

 

 

Pubblicato in Food

Forse non tutti sanno che l'uva oltre ad essere un gustoso frutto da cui si ricavano straordinari vini può produrre anche un prodigioso olio. CECILIA NOVEMBRI ci spiega come da quei piccoli semini che troviamo nei chicchi d'uva si estrae esattamente l'olio di vinaccioli! Un olio molto saporito e ricco di benefiche proprietà organolettiche perfetto in cucina, ma anche come cura di bellezza.

 

Il vino, per i veri appassionati, si sa, è un elemento fantastico, che regala sensazioni gustolfattive incomparabili. Ma esistono degli altri elementi che si intrecciano al mondo del vino che sono altrettanto soddisfacenti: i vinaccioli.

uvaoliobellezza

Sono i semi dell'uva che contengono Omega 6, Acido Linoleico, Antiossidanti di origine Fenolica, Calcio, Fosforo, Vitamina E, Polifenoli e Flavonoidi, dalla loro spremitura a freddo si ricava l'Olio di vinaccioli, ingrediente che può essere usato nella quotidianità, sia come rimedio di bellezza, è ideale per idratare la pelle, sia in cucina, ma a piccole dosi perché è molto calorico.

beneficioliodivinaccioli

L'olio di vinaccioli può infatti essere consumato crudo, con il calore può alterarsi, per condire le verdure o per marinare filetti di pesce o crostacei.
Si possono preparare emulsioni o citronette con il succo di limoni freschi, buccia d'agrumi, sale, pepe e spezie come la curcuma. Grazie al suo particolare gusto agrodolce è ideale per esaltare l'aroma dei formaggi e con un cucchiaino di miele sarà perfetto.

Le sue proprietà sia gustative che olfattive ne fanno un elemento utilizzato nelle cucine raffinate di alto livello che desiderano arricchire i propri piatti con sapori particolari ed unici!

oliodivinaccioliincucina

 

With the courtesy of : – viversano.net – enologicapetrillo.it – uncome.it – files.baulevolante.it – chicsoaps.com – improntaunika.it – benessere360.com – liberabio.it – mondovert.it – pixabay.com – ricette.com – veganly.it- key-essence.com

Pubblicato in Cultura Emilia