Visualizza articoli per tag: cucina

Festa di Rapa è una bio gastronomia che propone una cucina naturale per tutti, anche per intolleranti. La filosofia: pietanze preparate con cereali, verdure, senza zuccheri aggiunti e derivati animali.

Di Chiara Marando

Due donne, due sorelle, ma anche due amiche che hanno deciso di intraprendere una strada nuova, di cambiare e ritrovarsi nella stessa città per rendere concreta un'idea da tempo covata.
Ed ecco che il punto di incontro è Parma dove, in una delle vie principali del centro cittadino, Chiara e Lorenza scelgono il luogo che ospiterà il loro progetto. Via Farini sembra la strada giusta, cuore storico della City of Gastronomy, appena fuori dal viavai eccessivo dei locali. Qui, dal 24 Marzo scorso, si affaccia "Festa di Rapa" la loro bio gastronomia ispirata ad una filosofia alimentare che diventa cucina naturale. Ma non solo, diciamo più una cucina per tutti, anche per intolleranti. I piatti sono preparati con ingredienti biologici provenienti da fornitori selezionati che assicurano un risultato controllato e ottimale.

festedirapa-biogastronomia-parma00012.jpg

A preparare le bontà che ogni giorno riempiono la vetrina di Festa di Rapa è soprattutto Lorenza, ma anche Chiara si impegna ai fornelli perché la loro storia affonda le radici in una tradizione di famiglia che della ristorazione conosce dinamiche e necessità.
Festa di Rapa è il luogo dove fermarsi per un pasto leggero e gustoso, per un brunch o una merenda con proposte salate e dolci, centrifugati e succhi. Poi c'è la possibilità di acquistare e portare a casa piatti pronti, oppure usufruire del servizio delivery. E la filosofia bio ed ecosostenibile non parla solo attraverso il cibo, ma anche attraverso la scelta di utilizzare piatti e contenitori compostabili.

festedirapa-biogastronomia-parma00008.jpg

Quello che si può trovare è un piacere per gli occhi, nonché una saporita varietà di ricette basate sull'utilizzo e la lavorazione di cereali e verdure, lasciando da parte latticini, carne e pesce. Lorenza ama sperimentare, provare accostamenti sempre nuovi e questi ingredienti rappresentano gli strumenti perfetti per poter esprimere la sua creatività. Nessuno zucchero aggiunto, ma succo di agave e malto di riso per addolcire, e la predilezione per farine che si allontanano da quelle raffinate sono le basi per i dolci che rallegrano la vetrina colma di piccole delizie: la sbrisolona viene presentata in una variante curiosa, i tortelli al forno sono realizzati con farina di farro semi-integrale e composta di frutti di bosco o albicocca, e i biscotti diventano un mix gioioso in bocca quando il cioccolato si sposa con i fiocchi di avena, le mandorle e i semi di sesamo.
Poi focaccia, pane fatto in casa e farinata, perfetta come merenda e aperitivo.

festedirapa-biogastronomia-parma00000.jpg

Lorenza spiega che alcuni piatti sono diventati fin da subito dei cavalli di battaglia. Si parla delle zucchine ripiene, dei Broccoli con mandorle piccanti e batata al forno, dell'insalata di cavolo cappuccio, mela e mandorle.

Difficile scegliere e ancora più difficile decidere da quale specialità iniziare, per questo Chiara e Lorenza hanno pensato di partire dal concetto di piatto unico dove poter selezionare quali alimenti inserire e in che quantità. Volendo si può optare anche per un piccolo percorso di assaggi, una degustazione diversa dal solito dove a fare da padrone è l'equilibrio degli elementi.

E per il futuro?
La volontà è di ampliare la gamma dei prodotti offerti, di diventare un luogo di incontro e relax anche solo per una pausa, nonché di organizzare corsi di cucina per appassionati e amatori così da trasmettere l'essenza di una filosofia culinaria scevra da etichette.

Bio Gastronomia Festa di Rapa
Str. Luigi Carlo Farini, 49/C
43121 Parma PR
Tel. 0521 162 7052

festedirapa-biogastronomia-parma00002.jpg

Foto di Francesca Bocchia

Pubblicato in Food
Giovedì, 05 Aprile 2018 14:21

Muffin salati alle verdure: ricetta

Questa settimana vi propongo una ricetta semplice, leggera e genuina perfetta anche per chi è intollerante al lattosio: i muffin salati senza glutine, senza uova e con latte vegetale. Sono ottimi nei buffet di aperitivi ma anche come antipasto o a merenda!

Ingredienti 

- 350 g di mix di farine senza glutine oppure per una versione col glutine farina di tipo 2 (come farine senza glutine potete mixare 150g di farina
- integrale di riso 100 g di farina di miglio e 50 di fecola di patate)
- 2 cucchiaini di lievito
- 1 pizzico di cannella
- 240 ml di latte di soia
- 200 g di carote
- 100 g di porro
- semi di sesamo nero
- 50 g di olio EVO
- 1 cucchiaino di sale

Procedimento

Per prima cosa mescoliamo la farina, il lievito e la cannella, poi aggiungiamo il latte vegetale e l'olio per formare un impasto morbido. Frulliamo le carote e il porro e li aggiungiamo all'impasto. Versiamo il tutto in uno stampo per muffin e cospargiamo ognuno con semi di sesamo.
Informiamo per circa 20 minuti a 180 gradi. 

Muffinsalati-alle_verdure-ricetta.jpg

Sono perfetti per uno spuntino o aperitivo sfizioso!

Buon appetito!

Testo e foto di Francesca Perrone, una vita da celiaca

A questo link troverete un'altra mia ricetta facile, sfiziosa e naturalmente senza glutine!

Pubblicato in Food

Grande successo per la Festa della Spalla Cruda di Palasone Sissa. La tre giorni ha animato il centro di Sissa con la sua 4° edizione, nel fine settimana appena trascorso.
La grande novità di quest'anno è stata la domenica, momento clou dell'evento con il Galà della Spalla Cruda di Palasone Sissa.

Un'intera giornata dedicata alla Regina dei Salumi, presidio Slow Food, che è iniziata con la lavorazione delle carni suine da parte dei Maestri Norcini e proseguita con la Tavola Rotonda "Spalla Cruda, tradizione antica per palati moderni", aperta al pubblico e moderata dalla giornalista Chiara Marando. Sono intervenuti il presidente degli Antichi Produttori Marco Pizzigoni, il presidente del Consorzio del Culatello Massimo Spigaroli, l'assessore regionale Simona Caselli, il presidente di Destinazione Emilia Natalia Maramotti, le giornaliste Mara Nocilla del Gambero Rosso e Laura Maragliano direttrice di Sale&Pepe, il vicepresidente di Slow Food Emilia Romagna Davide Rovati e il docente dell'Università di Parma ed esperto di norcineria Ferdinando Gazza.

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni14.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni26.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni32.jpg

Nell'Area della Montagnola, si poi svolto il Pranzo di Gala organizzato dal Consorzio Parma Quality Restaurants con un menù dedicato alla Regina dei salumi e ai sapori del territorio. Le portate sono state aperte da una degustazione di Spalla Cruda accompagnata da altri salumi locali e Sformato alla zucca con fonduta di ParmigianoReggiano, per arrivare al primo piatto a base di Ravioli alla mela con erbette, Parmigiano Reggiano, tartufo e julienne di Spalla Cruda e terminare con la Guancia di suino brasata.

A chiudere il pasto è stato il tradizionale Busilan, ovvero la ciambella servita con zabaione caldo. Il tutto accompagnato dai vini delle cantine Monte delle Vigne e Bergamaschi.

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni39festa-spallacruda-fotodilorenzomoreni.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni40festa-spallacruda-fotodilorenzomoreni.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni41festa-spallacruda-fotodilorenzomoreni.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni33.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni0.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni3.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni4.jpg

festa-spallacruda2018-phLorenzoMoreni5.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Lo chef due stelle Michelin Alfio Ghezzi ha guidato gli allievi del Corso Superiore di Cucina Italiana di ALMA nella serata conclusiva di “Cene d’autore”.

Articolo e Foto di Chiara Marando –

Sabato 24 Marzo 2018 -

Alma La Scuola internazionale di Cucina non ha bisogno di tante presentazioni, la sua fama la precede quale fucina di giovani talenti dell’arte culinaria. Talenti che non nascono solo dalla passione personale, ma anche da una formazione professionale di altissimo livello, costruita giorno dopo giorno all’interno di questo “tempio” fortemente voluto e creato dal Maestro Gualtiero Marchesi.

Uno studio quotidiano che nasce dal confronto con grandi chef e docenti, dal sudore, dalla presa di consapevolezza di cosa significa vivere la cucina, i suoi tempi e i suoi ritmi. Uno studio che nasce dal rispetto per questa professione che diventa vera e propria scelta di vita.

Le “Cene d’autore” rappresentano la fase conclusiva di uno di questi percorsi, quello del Corso Superiore di Cucina Italiana, nello specifico la parte residenziale del corso, ovvero svolta nelle strutture della Reggia di Colorno quale sede della Scuola. Ciò che li attenderà dopo sarà lo stage di 5 mesi a contatto con le realtà dei numerosi ristoranti che collaborano con ALMA.  

Questi eventi diventano così un’occasione unica per far vivere agli allievi l’emozione e l’esperienza del servizio di una serata, mettendoli a stretto contatto con rinomati chef che, a turno nei quattro appuntamenti in programma, li guideranno nella realizzazione, appunto, di una cena d’autore. In sala, i colleghi delle altre sezioni e commensali invitati per l’occasione.

Un rito, momenti durante i quali non solo si comprende cosa significa fare parte di una brigata, ma anche sedersi a tavola ed osservare lo svolgimento di quella che deve essere una cena a regola d’arte. Un compito che non compete solo a chi si trova in cucina, ma anche a camerieri e responsabili di sala. Ecco dunque che le “Cene d’autore” comprendono gli allievi del corso di sala e di sommellerie, figure fondamentali per il completamento di una impeccabile esperienza gustativa.

Ad ospitare i differenti momenti è il ristorante interno di ALMA, il “Mater”. Protagonista della serata conclusiva di “Cene d’Autore” è stato Alfio Ghezzi, chef due stelle Michelin della Locanda Margon di Trento.

cene-dautore-alma-ph-chiara-marando.jpg

“Per me l’insegnamento dei Maestri è stato fondamentale e credo che trasmettere il proprio sapere e la propria esperienze sia una delle cose più importati, ecco perché dedico tempo alla formazione, ci credo e mi piace – ha spiegato lo chef Alfio GhezziE’ stata una bellissima giornata e spero sia lo stesso anche per i ragazzi, così che possano mantenere un bel ricordo di questi momenti fatti di lavoro e fatica, ma soprattutto di crescita e condivisione. Forse la cosa più bella quando si pensa ad un ristorante è indentificarlo come un luogo dello stare bene, la soddisfazione dell’ospite si ricerca nel cibo, nell’accoglienza e nel servizio”.

Il menù proposto ha espresso un susseguirsi di originalità, equilibrio, raffinata creatività e gioco di contrasti. Ad aprire il percorso un concerto di appetizer: Raviolo di mela, mortadella e Trento doc; Wafer di sesamo, lucanica trentina e miele; Grissino di grano saraceno e pino mugo; Porcino di polenta.

cene-dautore-alma-ph-chiara-marando_2.jpg

Colore, dolcezza e sapidità nella portata successiva composta da Cavolo cappuccio e hollandaise di uova di trota. Vegetali anche nel piatto più curioso della carrellata, un’esplosione di gusto racchiusa nel Broccolo di S. Massenza, salsa Trentingrana, Chardonnay e peperoncino.

cene-dautore-alma-ph-chiara-marando_3.jpg

 

cene-dautore-alma-ph-chiara-marando_7.jpg

Poi un primo delicato, sperimentale ma senza eccessi: Riso, cerfoglio e ostrica di pollo.

cene-dautore-alma-ph-chiara-marando_6.jpg

Il secondo piatto si presenta in due proposte: un impalpabile Salmerino con rapanelli e salsa di sedano rapa grigliato, in opposizione con un richiamo ai sapori forti, gentilmente addolciti da elementi che ne fanno da timido ma indispensabile contorno. Ecco quindi che il Cuore si presenta con sesamo e spinaci.

cene-dautore-alma-ph-chiara-marando1.jpg

cene-dautore-alma-ph-chiara-marando_5.jpg

Il dolce ad una prima lettura appare come uno schiaffo di contrasti, coraggioso accostamento di vegetali, profumi e sentori: Liquirizia, menta e piselli. Risultato, un dessert dalla lieve ed elegante persistenza gustativa. Semplicemente perfetto.

cene-dautore-alma-ph-chiara-marando4.jpg

 

 

Pubblicato in Food

Siete intolleranti al lattosio? Non amate il troppo burro presente in alcune ricette? Volete un dolce con un buon sapore ma nello stesso tempo non pesante? La ricetta che vi propongo oggi è quella della ciambella di mele in una versione più leggera, sostituendo il burro con l'olio di cocco.

L'olio di cocco è un ingrediente perfetto per cucinare, utile anche per la cura della persona. Ha molte proprietà e sebbene sia ricco di grassi, si tratta principalmente di lipidi "buoni", contiene infatti oltre il 50% di acido laurico, dalle interessanti qualità antibatteriche. Inoltre si conserva a lungo e irrancidisce difficilmente: potrete quindi utilizzarlo per altre ricette e trattamenti di bellezza in casa fai da te!

Lasciando da parte l'argomento bellezza e ritornando alla ricetta, ecco gli ingredienti per la ciambella: 

Ingredienti 

- 2 mele (io ho usato la varietà Golden)
- 3 uova
- 100 gr di succo di mela/arancia (potete usare anche latte vegetare o normale)
- 80 gr di olio di cocco
- 150 gr di zucchero di canna integrale
- 280 gr di farina (io ho usato il mix senza glutine SpigaBuona ma se non siete intolleranti al glutine potrete utilizzare farina 00 o integrale)
- 15 gr di lievito vanigliato
- il succo di un limone
- due cucchiaini di cannella in polvere 

Procedimento

Sbucciate le mele. Ricavate da una delle due delle fettine sottili e dall'altra dei piccoli dadini. Disponetele in una ciotola e irroratele con il succo di limone e 3 cucchiai di zucchero.
In una terrina sbattete le uova con una frusta insieme al resto dello zucchero. Incorporate il succo/latte, l'olio di cocco e la farina con il lievito.
Spargete l'olio di cocco in uno stampo da ciambella e ricoprite il fondo con le fettine di mela.
Scolate i dadini di mela dal liquido emesso in macerazione e unitele all'impasto. Amalgamate e distribuite il composto nello stampo a coprire le fettine di mela.
Infornare la ciambella a 180 °C per 30/40 minuti circa in forno. Passato il tempo, lasciate raffreddare, quindi capovolgete lo stampo ed ecco la vostra ciambella.

torta-dimele-ricetta-senzaglutine.jpg

Potete mangiarla a colazione, durante uno spuntino o a merenda con una spolverata di zucchero a velo se di vostro gusto.

Buon appetito!

Testo e foto di Francesca Perrone, una vita da celiaca

A questo link troverete un'altra mia ricetta facile, sfiziosa e naturalmente senza glutine!

Pubblicato in Food
Giovedì, 22 Febbraio 2018 14:34

Spaghetti con pesto di avocado: ricetta

Ricetta facilissima e super veloce per gustare la pasta con un condimento diverso dal solito, un'ottima alternativa al classico pesto. Senza glutine e ricco di "grassi buoni", saprà conquistarvi con il suo sapore.

L'avocado è un frutto dalle mille proprietà, ricco di antiossidanti, fibre e acidi grassi monoinsaturi, ovvero quelli "buoni" che riequilibrano i livelli di colesterolo nel sangue: un piatto da provare assolutamente!

Ingredienti - dose abbondante per 2 persone

- 250 g di pasta (io ho usato gli spaghetti senza glutine Rummo che consiglio vivamente ma anche le linguine si sposano benissimo con il pesto)

- Mezzo avocado maturo

- 4 cucchiai olio EVO

- 30 g di pinoli

- mezzo mazzetto di basilico fresco

- sale

- 4 cucchiai di Parmigiano e altri per condire ulteriormente a seconda dei gusti

ricetta-spaghetti-avocado.jpg

Procedimento

Versate la pasta in una pentola d'acqua bollente salata e cuocetela secondo i tempi di cottura indicati nella confezione.
Nel frattempo unite tutti gli ingredienti in un mixer (avocado a pezzetti, olio, sale pinoli, basilico ed il parmigiano grattugiato) e frullateli fino ad ottenere una crema densa ed omogenea. Infine condite la pasta con il pesto ed assaporatene la freschezza e la bontà.

Consiglio: Perché non provare anche ad usare il pesto come crema spalmabile su pane e crackers per un aperitivo sano e sfizioso?!

Buon appetito!

Testo e foto di Francesca Perrone, una vita da celiaca

A questo link troverete un'altra mia ricetta facile, sfiziosa e naturalmente senza glutine!

Pubblicato in Food

Da fine febbraio partono i corsi per professionisti e appassionati organizzati dal Consorzio Parma Quality Restaurants: numerose lezioni che vedranno la partecipazione di esperti del settore food e chef noti.

Di Chiara Marando –

Parma 16 Febbraio 2018 -

Non c’è nulla di più soddisfacente che imparare a maneggiare materie prime e ingredienti direttamente dalle parole e dai gesti degli chef, ovvero da coloro che della cucina hanno fatto una ragione di vita. I classici esempi di quando la passione si trasforma in lavoro.

Ecco quindi che cioccolato, formaggio, gelato, farina e non solo, saranno i protagonisti del ciclo di Corsi di Cucina firmati Parma Quality Restaurant, il Consorzio dei ristoratori di città e provincia, uniti dall’obiettivo di fare squadra per valorizzare la cultura culinaria locale: cucina, ospitalità e prodotto tipico.

Un ricco calendario di appuntamenti, che partiranno a fine febbraio al ristorante I Du Matt di Parma, e saranno suddivisi in due parti: una prima pensata soprattutto per i professionisti, che desiderano approfondire alcuni aspetti legati a particolari alimenti, e una seconda più in linea con le esigenze degli appassionati di cucina che vogliono imparare tecniche e trucchi da chef.

E sono nomi importanti quelli degli ospiti che porteranno il loro contributo durante i corsi: il pastry chef Franco Ascari, che si occuperà del cioccolato e delle sue diverse varietà; l’affinatore Enrico Panzarasa e la sua esperienza in fatto di formaggi; il maestro gelatiere Stefano Guizzetti che prenderà tutti per la gola con il suo gelato.

Le lezioni, oltre alla parte teorica, saranno arricchite dall’immancabile momento di degustazione e scoperta dei diversi alimenti.

Ad affiancare i ristoratori del Parma Quality Restaurants anche professionisti quali Fabio Del Sorbo del Molino Dallagiovanna e lo chef Cristian Broglia, che offrirà il suo contributo in una serie di serate dedicate alle tecniche base della cucina e alle preparazioni adatte per celiaci e intolleranze.

 

CALENDARIO CORSI

Martedì 20 febbraio, ore 15.00-18.00

IL CIOCCOLATO, L’ORO NERO DELLA CUCINA con il pastry chef Franco Ascari.

Master class con Franco Ascari sul cioccolato, le varietà, le caratteristiche, come valorizzare il cioccolato in cucina. Degustazione di realizzazioni culinarie firmate Parma Quality Restaurants, con cioccolati di varie tipologie presentate da Franco Ascari.

COSTO

Corso gratuito per ristoratori professionisti

Costo 30 euro per appassionati e non professionisti

Martedì 27 febbraio, ore 15.00-18.00

FORMAGGI! VIAGGIO EXTRASENSORIALE FRA I TESORI LATTIERO CASEARI con l’affinatore e selezionatore di formaggi Enrico Panzarasa.

Master Class con Enrico Panzarasa sulla filiera lattiero casearia e presentazione delle diverse tipologie e particolarità dei formaggi vaccini, ovini e caprini. Degustazione di preparazioni culinarie firmate dal Parma Quality Restaurants con formaggi selezionati da Enrico Panzarasa.

COSTI

Corso gratuito per ristoratori professionisti

Costo 30 euro per appassionati e non professionisti

Mercoledì 7 marzo, ore 15.00-18.00

IL GELATO NEL PIATTO, con il maestro gelatiere Stefano Guizzetti, della Gelateria Ciacco.

Storia ed evoluzione del gelato, da dessert a preparazioni gastronomiche. Degustazione di alcune ricette realizzate da Stefano Guizzetti

COSTI

Corso gratuito per ristoratori professionisti

Costo 30 euro per appassionati e non professionisti

MARTEDÌ 13 MARZO, ORE 18-21

DALLA FARINA AL TORTELLO

Corso base di preparazione di pasta fresca: le farine e la loro scelta, preparazione della pasta all’uovo e realizzazione di diversi formati, la scelta della farcia, con gli chef del Parma Quality Restaurants e la partecipazione di Fabio Del Sorbo del Molino Dallagiovanna.

Prima parte di lezione frontale dedicata alle farine e alle tipologie più adatte per la preparazione della pasta fresca, con caratteristiche e particolarità. Seconda fase pratica con preparazione della pasta sfoglia da parte dei partecipanti, seguiti passo dopo passo dagli chef del PQR. Al termine del corso, i primi realizzati saranno cotti e degustati sul posto.

Corso di livello base, adatto ad appassionati di cucina e a chi vuole approfondire la preparazione della pasta fresca fatta in casa.

COSTI

Costo della serata 50 euro a partecipante. Saranno forniti matterelli e assi per l’utilizzo durante il corso. Il grembiule dovrà essere portato direttamente dai partecipanti.

Mercoledì 14 marzo, ore 18-21

LA CUCINA SENZA: CUCINARE SENZA GLUTINE E PER PERSONE CON ALLERGIE ALIMENTARI

Corso base rivolto ad appassionati di cucina, realizzato dal Parma Quality Restaurants in collaborazione con lo chef Cristian Broglia.

COSTI

Costo della serata 45 euro a partecipante.

Il corso si terrà al raggiungimento di minimo di 6 persone. Il grembiule dovrà essere portato direttamente dai partecipanti.

Giovedì 15 marzo, ore 18-21

IL PESCE, TECNICHE DI COTTURA E ABBINAMENTI

Corso base rivolto ad appassionati di cucina, realizzato dal Parma Quality Restaurants in collaborazione con lo chef Cristian Broglia.

COSTI

Costo della serata 45 euro a partecipante.

Il corso si terrà al raggiungimento di minimo di 6 persone. Il grembiule dovrà essere portato direttamente dai partecipanti.

Mercoledì 21 marzo, ore 18-21

I DESSERT, DOLCI AL CUCCHIAIO E AL PIATTO

Corso base rivolto ad appassionati di cucina, realizzato dal Parma Quality Restaurants in collaborazione con lo chef Cristian Broglia.

COSTI

Costo della serata 45 euro a partecipante.

Il corso si terrà al raggiungimento di minimo di 6 persone. Il grembiule dovrà essere portato direttamente dai partecipanti.

SEDE E ISCRIZIONI

Tutti i corsi di cucina si terranno presso la Trattoria I Du Matt, in via San Leonardo, 75 – Parma (www.idumatt.it).

Le adesioni dovranno essere inviate entro la settimana prima del corso, via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto ISCRIZIONE CORSI CUCINA PQR (seguito dalla data del corso), specificando nel testo del messaggio nome, cognome, indirizzo mail e numero di telefono della persona che si vuole iscrivere.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Tutta la bontà del cioccolato per una ricetta golosa e senza sensi di colpa: ecco come preparare la Torta pere e cioccolato, perfetta per vegani ma anche per intolleranti a uova e lattosio

Di Chiara Marando -

Mercoledì 14 Febbraio 2018 -

Il giorno di San valentino è arrivato e lo sappiamo che si tratta di una festa commerciale. Sappiamo anche che l’amore andrebbe festeggiato tutti i giorni e che questa, come altre ricorrenze, è nata per assecondare lo spirito consumistico della nostra società. Ecco, fatta questa premessa ormai noiosa, la mia risposta è che non c’è mai abbastanza romanticismo, ma soprattutto che ogni scusa diventa buona per preparare una torta al cioccolato.

Quindi, guardiamo il lato goloso della festa e approfittiamone per cimentarci in qualcosa di godereccio da gustare in coppia ma anche da soli. Insomma, un dolce per tutto l’anno.

Quella che vi propongo è una Torta di cioccolato e pere ma senza uova, latte e burro. Insomma, ad ogni fetta qualche senso di colpa in meno. E poi è adatta anche per chi ha intolleranze al lattosio.

Ecco come prepararla!

Ingredienti:

150g di zucchero

220g di farina

50g di cacao amaro

1 bustina di lievito per dolci

250g di acqua

50g di olio di semi

1 cucchiaio di miele

70g di gocce di cioccolato

2 pere

1 limone

1 cucchiaio di zucchero

Preparazione:

Per prima cosa dovete sbucciare le pere e tagliarle a pezzi grossolanamente; mettetele in una ciotola, irroratele con il succo del limone e cospargete con il cucchiaio di zucchero; mescolate e lasciate riposare.

Nella planetaria, o in una terrina, versate farina, lievito, cacao amaro, zucchero e amalgamate il tutto brevemente. Unite il cucchiaio di miele, l’acqua, l’olio e mescolate gli ingredienti. Infine, aggiungete le gocce di cioccolato e le pere sgocciolate – è importante eliminare il liquido – continuando a mescolare per poco tempo.

Rivestite uno stampo con carta da forno, oppure usate uno di quelli in silicone (per chi non teme latticini o derivati, si può anche imburrare e infarinare) e versatevi l’impasto.

Infornate a 170° in forno statico per 40 minuti. La torta dovrà risultare leggermente umida, quindi attenzione alla cottura.

Pubblicato in Food

Anche se siete intolleranti al glutine non significa che dobbiate privarvi di uno dei dolci più celebri e tipici del Carnevale! Ecco a voi una ricetta semplice per gustare le chiacchiere in questa versione senza glutine adatta anche ai celiaci.

Ingredienti

200 g di farina di riso

50 g di fecola di patate

100 ml vino bianco (un bicchiere)

50 g zucchero

20 g di burro (io ho usato la margarina di soia)

2 uova

un pizzico di sale

olio di semi

zucchero a velo

Procedimento

In una ciotola formate una fontana con la farina, la fecola e lo zucchero ed aggiungete gli altri ingredienti lavorando il composto fino a formare una palla.
Lasciate riposare il composto per almeno 30 minuti avvolgendolo in una pellicola trasparente.
Su un piano da lavoro infarinato (è importante infarinare sempre molto bene il piano di lavoro e la sfoglia, perché tende ad essere appiccicosa!) stendete bene l'impasto col matterello e con una rotella taglia pasta dentellata ricavate dei rettangoli delle dimensioni di circa 8 cm per 12 cm. Potete anche scegliere la forma che più vi piace.
Non resta che riempire una padella di olio farlo scaldare e friggere le chiacchiere da entrambi i lati finché non saranno dorate (circa 15/20 secondi).
Scolatele e fatele asciugare su un foglio di carta assorbente.
Infine mettetele su un piatto da portata, spolverate con zucchero a velo e il gioco è fatto!
Un'alternativa più leggera, può essere quella di cuocere le chiacchiere in forno a 170 gradi per circa 20 minuti, anche se penso che a Carnevale si possa fare uno strappo alla dieta!

Buon appetito e buon Carnevale!

Testo e foto di Francesca Perrone, una vita da celiaca

A questo link troverete un'altra mia ricetta facile, sfiziosa e naturalmente senza glutine!

Pubblicato in Food

Ancora pochi giorni prima che si alzi il sipario su uno degli eventi più attesi dell'anno: Il Ballo del Doge. In occasione di questa 25esima edizione sarà lo chef stellato modenese Luca Marchini, titolare del Ristorante L'Erba del Re di Modena, ad occuparsi di tutta la parte gourmet con un menù ispirato ai temi del ballo ed alla storia di Venezia.

Martedì 06 Febbraio 2018 -

Rinascita e Celebrazione, Tempo e Piaceri della vita. La solennità di una ricorrenza e la coincidenza di traguardi importanti che rappresentano un nuovo inizio: saranno queste le suggestioni de Il Ballo del Doge 2018 che avrà luogo Sabato 10 febbraio 2018 a Palazzo Pisani Moretta, nella splendida Venezia.

Il Galà internazionale di Carnevale più famoso al mondo compie 25 anni e nella stessa sera, celebrando questo importante anniversario, allo scoccare della mezzanotte la sua ideatrice Antonia Sautter festeggerà il suo compleanno all’insegna delle sue stesse parole “I traguardi non sono mai un punto d’arrivo, ma tappe per ricominciare una nuova avventura”.

“Rebirth & Celebration”, il titolo della XXVedizione, si svelerà attraverso i tre piani dello storico palazzo veneziano che affaccia sul Canal Grande, diventando il fulcro di un unicum incredibile.

Il_Ballo_del_Doge_2016__.jpg

E sarà lo chef stellato modenese Luca Marchini, titolare del Ristorante L’Erba del Re di Modena e Presidente JRE Italia, l’ideatore della parte gourmet che delizierà i palati dei presenti a questo incredibile evento. Un menù ispirato ai temi del Ballo che punta sull’importaza dell’esperienza tattile che il cibo offre, oltre che alle emozioni palatali, accompagnate dall’inconfondibile perlage dello Champagne Vranken-Pommery, official partner del Ballo, che illuminerà i brindisi di tutti i presenti nella magica atmosfera del Carnevale.

"Il Ballo del Doge rappresenta la realizzazione del sogno che si concretizza in una notte, che emoziona, ed io sono consapevole di essere partecipe di questa magia unica – spiega lo chef Luca Marchini -  Ne sto vivendo la realizzazione e ne respiro l'incredibile energia. Tutti noi abbiamo il desiderio, il sogno appunto, di vivere un'esperienza indimenticabile e fiabesca e il mio contributo è quello di fare in modo che questa esperienza si protragga e completi con il piacere della tavola. Ho immaginato a lungo un menù che potesse esprimere pienamente l'esplosione dei cinque sensi, della celebrazione della vita, e quello che ho creato rappresenta ciò che questo incredibile evento mi ha trasmesso. Non posso anticipare nulla sui piatti, ma posso dire che tutto ruota attorno a Venezia, alle sue ricette, alla sua cultura ed al fascino della sua storia rielaborata in una chiave mediterranea. Anche la mise en place richiamerà il tema dominante in un fil rouge fatto di cristalli e porcellane che serviranno per esaltare ogni singola portata".

Luca Marchini

Ma come si svolgerà questa attesissima edizione del Ballo del Doge?

Al Piano Terra, Rebirth, la Rinascita in sintonia e all’unisono con il respiro di Madre Natura, ancora generosa con noi, malgrado le offese della supposta modernità; uno sprone ad abbracciare il nostro vero io con leggerezza, facendo della propria raggiunta consapevolezza un processo di grande splendore.

Spettacolo_-_Il_Ballo_del_Doge_2017.jpg

Al Primo Piano, il Tempo fuggevole, l’unico grande lusso della vita che tutti vorremmo fermare; il Tempo per amare, gioire, viaggiare,  sperimentare e realizzare desideri; Il Tempo di celebrare la bellezza come conquista dell’esistenza.

Al Secondo Piano, il Piacere come motore universale e supremo godimento di ogni istante; il Piacere come passione e creatività; il Piacere come bellezza e libertà. Perché solo se nel brivido della trasgressione si nasconde un inconsapevole ritorno all’istinto e alla vita percepita attraverso i cinque sensi, allora la Rebirth può davvero considerarsi avvenuta.

Palazzo_Pisani_Moretta.jpg

Il Ballo del Doge rientra nel novero dei 10 eventi mondani più ambiti e fra le 100 esperienze da fare almeno una volta nella vita. Definito coralmente dalla critica “Il ballo più sontuoso, raffinato ed esclusivo al mondo”.

Ogni ospite, indossando uno degli oltre 1.500 costumi disegnati da Antonia Sautter, e realizzati interamente a mano nel suo Atelier di Venezia, prenderà parte ad una rivisitazione contemporanea dei sontuosi banchetti del ‘700.  

Pubblicato in Food
Pagina 6 di 42