Da fine febbraio partono i corsi per professionisti e appassionati organizzati dal Consorzio Parma Quality Restaurants: numerose lezioni che vedranno la partecipazione di esperti del settore food e chef noti.

Di Chiara Marando –

Parma 16 Febbraio 2018 -

Non c’è nulla di più soddisfacente che imparare a maneggiare materie prime e ingredienti direttamente dalle parole e dai gesti degli chef, ovvero da coloro che della cucina hanno fatto una ragione di vita. I classici esempi di quando la passione si trasforma in lavoro.

Ecco quindi che cioccolato, formaggio, gelato, farina e non solo, saranno i protagonisti del ciclo di Corsi di Cucina firmati Parma Quality Restaurant, il Consorzio dei ristoratori di città e provincia, uniti dall’obiettivo di fare squadra per valorizzare la cultura culinaria locale: cucina, ospitalità e prodotto tipico.

Un ricco calendario di appuntamenti, che partiranno a fine febbraio al ristorante I Du Matt di Parma, e saranno suddivisi in due parti: una prima pensata soprattutto per i professionisti, che desiderano approfondire alcuni aspetti legati a particolari alimenti, e una seconda più in linea con le esigenze degli appassionati di cucina che vogliono imparare tecniche e trucchi da chef.

E sono nomi importanti quelli degli ospiti che porteranno il loro contributo durante i corsi: il pastry chef Franco Ascari, che si occuperà del cioccolato e delle sue diverse varietà; l’affinatore Enrico Panzarasa e la sua esperienza in fatto di formaggi; il maestro gelatiere Stefano Guizzetti che prenderà tutti per la gola con il suo gelato.

Le lezioni, oltre alla parte teorica, saranno arricchite dall’immancabile momento di degustazione e scoperta dei diversi alimenti.

Ad affiancare i ristoratori del Parma Quality Restaurants anche professionisti quali Fabio Del Sorbo del Molino Dallagiovanna e lo chef Cristian Broglia, che offrirà il suo contributo in una serie di serate dedicate alle tecniche base della cucina e alle preparazioni adatte per celiaci e intolleranze.

 

CALENDARIO CORSI

Martedì 20 febbraio, ore 15.00-18.00

IL CIOCCOLATO, L’ORO NERO DELLA CUCINA con il pastry chef Franco Ascari.

Master class con Franco Ascari sul cioccolato, le varietà, le caratteristiche, come valorizzare il cioccolato in cucina. Degustazione di realizzazioni culinarie firmate Parma Quality Restaurants, con cioccolati di varie tipologie presentate da Franco Ascari.

COSTO

Corso gratuito per ristoratori professionisti

Costo 30 euro per appassionati e non professionisti

Martedì 27 febbraio, ore 15.00-18.00

FORMAGGI! VIAGGIO EXTRASENSORIALE FRA I TESORI LATTIERO CASEARI con l’affinatore e selezionatore di formaggi Enrico Panzarasa.

Master Class con Enrico Panzarasa sulla filiera lattiero casearia e presentazione delle diverse tipologie e particolarità dei formaggi vaccini, ovini e caprini. Degustazione di preparazioni culinarie firmate dal Parma Quality Restaurants con formaggi selezionati da Enrico Panzarasa.

COSTI

Corso gratuito per ristoratori professionisti

Costo 30 euro per appassionati e non professionisti

Mercoledì 7 marzo, ore 15.00-18.00

IL GELATO NEL PIATTO, con il maestro gelatiere Stefano Guizzetti, della Gelateria Ciacco.

Storia ed evoluzione del gelato, da dessert a preparazioni gastronomiche. Degustazione di alcune ricette realizzate da Stefano Guizzetti

COSTI

Corso gratuito per ristoratori professionisti

Costo 30 euro per appassionati e non professionisti

MARTEDÌ 13 MARZO, ORE 18-21

DALLA FARINA AL TORTELLO

Corso base di preparazione di pasta fresca: le farine e la loro scelta, preparazione della pasta all’uovo e realizzazione di diversi formati, la scelta della farcia, con gli chef del Parma Quality Restaurants e la partecipazione di Fabio Del Sorbo del Molino Dallagiovanna.

Prima parte di lezione frontale dedicata alle farine e alle tipologie più adatte per la preparazione della pasta fresca, con caratteristiche e particolarità. Seconda fase pratica con preparazione della pasta sfoglia da parte dei partecipanti, seguiti passo dopo passo dagli chef del PQR. Al termine del corso, i primi realizzati saranno cotti e degustati sul posto.

Corso di livello base, adatto ad appassionati di cucina e a chi vuole approfondire la preparazione della pasta fresca fatta in casa.

COSTI

Costo della serata 50 euro a partecipante. Saranno forniti matterelli e assi per l’utilizzo durante il corso. Il grembiule dovrà essere portato direttamente dai partecipanti.

Mercoledì 14 marzo, ore 18-21

LA CUCINA SENZA: CUCINARE SENZA GLUTINE E PER PERSONE CON ALLERGIE ALIMENTARI

Corso base rivolto ad appassionati di cucina, realizzato dal Parma Quality Restaurants in collaborazione con lo chef Cristian Broglia.

COSTI

Costo della serata 45 euro a partecipante.

Il corso si terrà al raggiungimento di minimo di 6 persone. Il grembiule dovrà essere portato direttamente dai partecipanti.

Giovedì 15 marzo, ore 18-21

IL PESCE, TECNICHE DI COTTURA E ABBINAMENTI

Corso base rivolto ad appassionati di cucina, realizzato dal Parma Quality Restaurants in collaborazione con lo chef Cristian Broglia.

COSTI

Costo della serata 45 euro a partecipante.

Il corso si terrà al raggiungimento di minimo di 6 persone. Il grembiule dovrà essere portato direttamente dai partecipanti.

Mercoledì 21 marzo, ore 18-21

I DESSERT, DOLCI AL CUCCHIAIO E AL PIATTO

Corso base rivolto ad appassionati di cucina, realizzato dal Parma Quality Restaurants in collaborazione con lo chef Cristian Broglia.

COSTI

Costo della serata 45 euro a partecipante.

Il corso si terrà al raggiungimento di minimo di 6 persone. Il grembiule dovrà essere portato direttamente dai partecipanti.

SEDE E ISCRIZIONI

Tutti i corsi di cucina si terranno presso la Trattoria I Du Matt, in via San Leonardo, 75 – Parma (www.idumatt.it).

Le adesioni dovranno essere inviate entro la settimana prima del corso, via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto ISCRIZIONE CORSI CUCINA PQR (seguito dalla data del corso), specificando nel testo del messaggio nome, cognome, indirizzo mail e numero di telefono della persona che si vuole iscrivere.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Tutta la bontà del cioccolato per una ricetta golosa e senza sensi di colpa: ecco come preparare la Torta pere e cioccolato, perfetta per vegani ma anche per intolleranti a uova e lattosio

Di Chiara Marando -

Mercoledì 14 Febbraio 2018 -

Il giorno di San valentino è arrivato e lo sappiamo che si tratta di una festa commerciale. Sappiamo anche che l’amore andrebbe festeggiato tutti i giorni e che questa, come altre ricorrenze, è nata per assecondare lo spirito consumistico della nostra società. Ecco, fatta questa premessa ormai noiosa, la mia risposta è che non c’è mai abbastanza romanticismo, ma soprattutto che ogni scusa diventa buona per preparare una torta al cioccolato.

Quindi, guardiamo il lato goloso della festa e approfittiamone per cimentarci in qualcosa di godereccio da gustare in coppia ma anche da soli. Insomma, un dolce per tutto l’anno.

Quella che vi propongo è una Torta di cioccolato e pere ma senza uova, latte e burro. Insomma, ad ogni fetta qualche senso di colpa in meno. E poi è adatta anche per chi ha intolleranze al lattosio.

Ecco come prepararla!

Ingredienti:

150g di zucchero

220g di farina

50g di cacao amaro

1 bustina di lievito per dolci

250g di acqua

50g di olio di semi

1 cucchiaio di miele

70g di gocce di cioccolato

2 pere

1 limone

1 cucchiaio di zucchero

Preparazione:

Per prima cosa dovete sbucciare le pere e tagliarle a pezzi grossolanamente; mettetele in una ciotola, irroratele con il succo del limone e cospargete con il cucchiaio di zucchero; mescolate e lasciate riposare.

Nella planetaria, o in una terrina, versate farina, lievito, cacao amaro, zucchero e amalgamate il tutto brevemente. Unite il cucchiaio di miele, l’acqua, l’olio e mescolate gli ingredienti. Infine, aggiungete le gocce di cioccolato e le pere sgocciolate – è importante eliminare il liquido – continuando a mescolare per poco tempo.

Rivestite uno stampo con carta da forno, oppure usate uno di quelli in silicone (per chi non teme latticini o derivati, si può anche imburrare e infarinare) e versatevi l’impasto.

Infornate a 170° in forno statico per 40 minuti. La torta dovrà risultare leggermente umida, quindi attenzione alla cottura.

Pubblicato in Food

Anche se siete intolleranti al glutine non significa che dobbiate privarvi di uno dei dolci più celebri e tipici del Carnevale! Ecco a voi una ricetta semplice per gustare le chiacchiere in questa versione senza glutine adatta anche ai celiaci.

Ingredienti

200 g di farina di riso

50 g di fecola di patate

100 ml vino bianco (un bicchiere)

50 g zucchero

20 g di burro (io ho usato la margarina di soia)

2 uova

un pizzico di sale

olio di semi

zucchero a velo

Procedimento

In una ciotola formate una fontana con la farina, la fecola e lo zucchero ed aggiungete gli altri ingredienti lavorando il composto fino a formare una palla.
Lasciate riposare il composto per almeno 30 minuti avvolgendolo in una pellicola trasparente.
Su un piano da lavoro infarinato (è importante infarinare sempre molto bene il piano di lavoro e la sfoglia, perché tende ad essere appiccicosa!) stendete bene l'impasto col matterello e con una rotella taglia pasta dentellata ricavate dei rettangoli delle dimensioni di circa 8 cm per 12 cm. Potete anche scegliere la forma che più vi piace.
Non resta che riempire una padella di olio farlo scaldare e friggere le chiacchiere da entrambi i lati finché non saranno dorate (circa 15/20 secondi).
Scolatele e fatele asciugare su un foglio di carta assorbente.
Infine mettetele su un piatto da portata, spolverate con zucchero a velo e il gioco è fatto!
Un'alternativa più leggera, può essere quella di cuocere le chiacchiere in forno a 170 gradi per circa 20 minuti, anche se penso che a Carnevale si possa fare uno strappo alla dieta!

Buon appetito e buon Carnevale!

Testo e foto di Francesca Perrone, una vita da celiaca

A questo link troverete un'altra mia ricetta facile, sfiziosa e naturalmente senza glutine!

Pubblicato in Food

Ancora pochi giorni prima che si alzi il sipario su uno degli eventi più attesi dell'anno: Il Ballo del Doge. In occasione di questa 25esima edizione sarà lo chef stellato modenese Luca Marchini, titolare del Ristorante L'Erba del Re di Modena, ad occuparsi di tutta la parte gourmet con un menù ispirato ai temi del ballo ed alla storia di Venezia.

Martedì 06 Febbraio 2018 -

Rinascita e Celebrazione, Tempo e Piaceri della vita. La solennità di una ricorrenza e la coincidenza di traguardi importanti che rappresentano un nuovo inizio: saranno queste le suggestioni de Il Ballo del Doge 2018 che avrà luogo Sabato 10 febbraio 2018 a Palazzo Pisani Moretta, nella splendida Venezia.

Il Galà internazionale di Carnevale più famoso al mondo compie 25 anni e nella stessa sera, celebrando questo importante anniversario, allo scoccare della mezzanotte la sua ideatrice Antonia Sautter festeggerà il suo compleanno all’insegna delle sue stesse parole “I traguardi non sono mai un punto d’arrivo, ma tappe per ricominciare una nuova avventura”.

“Rebirth & Celebration”, il titolo della XXVedizione, si svelerà attraverso i tre piani dello storico palazzo veneziano che affaccia sul Canal Grande, diventando il fulcro di un unicum incredibile.

Il_Ballo_del_Doge_2016__.jpg

E sarà lo chef stellato modenese Luca Marchini, titolare del Ristorante L’Erba del Re di Modena e Presidente JRE Italia, l’ideatore della parte gourmet che delizierà i palati dei presenti a questo incredibile evento. Un menù ispirato ai temi del Ballo che punta sull’importaza dell’esperienza tattile che il cibo offre, oltre che alle emozioni palatali, accompagnate dall’inconfondibile perlage dello Champagne Vranken-Pommery, official partner del Ballo, che illuminerà i brindisi di tutti i presenti nella magica atmosfera del Carnevale.

"Il Ballo del Doge rappresenta la realizzazione del sogno che si concretizza in una notte, che emoziona, ed io sono consapevole di essere partecipe di questa magia unica – spiega lo chef Luca Marchini -  Ne sto vivendo la realizzazione e ne respiro l'incredibile energia. Tutti noi abbiamo il desiderio, il sogno appunto, di vivere un'esperienza indimenticabile e fiabesca e il mio contributo è quello di fare in modo che questa esperienza si protragga e completi con il piacere della tavola. Ho immaginato a lungo un menù che potesse esprimere pienamente l'esplosione dei cinque sensi, della celebrazione della vita, e quello che ho creato rappresenta ciò che questo incredibile evento mi ha trasmesso. Non posso anticipare nulla sui piatti, ma posso dire che tutto ruota attorno a Venezia, alle sue ricette, alla sua cultura ed al fascino della sua storia rielaborata in una chiave mediterranea. Anche la mise en place richiamerà il tema dominante in un fil rouge fatto di cristalli e porcellane che serviranno per esaltare ogni singola portata".

Luca Marchini

Ma come si svolgerà questa attesissima edizione del Ballo del Doge?

Al Piano Terra, Rebirth, la Rinascita in sintonia e all’unisono con il respiro di Madre Natura, ancora generosa con noi, malgrado le offese della supposta modernità; uno sprone ad abbracciare il nostro vero io con leggerezza, facendo della propria raggiunta consapevolezza un processo di grande splendore.

Spettacolo_-_Il_Ballo_del_Doge_2017.jpg

Al Primo Piano, il Tempo fuggevole, l’unico grande lusso della vita che tutti vorremmo fermare; il Tempo per amare, gioire, viaggiare,  sperimentare e realizzare desideri; Il Tempo di celebrare la bellezza come conquista dell’esistenza.

Al Secondo Piano, il Piacere come motore universale e supremo godimento di ogni istante; il Piacere come passione e creatività; il Piacere come bellezza e libertà. Perché solo se nel brivido della trasgressione si nasconde un inconsapevole ritorno all’istinto e alla vita percepita attraverso i cinque sensi, allora la Rebirth può davvero considerarsi avvenuta.

Palazzo_Pisani_Moretta.jpg

Il Ballo del Doge rientra nel novero dei 10 eventi mondani più ambiti e fra le 100 esperienze da fare almeno una volta nella vita. Definito coralmente dalla critica “Il ballo più sontuoso, raffinato ed esclusivo al mondo”.

Ogni ospite, indossando uno degli oltre 1.500 costumi disegnati da Antonia Sautter, e realizzati interamente a mano nel suo Atelier di Venezia, prenderà parte ad una rivisitazione contemporanea dei sontuosi banchetti del ‘700.  

Pubblicato in Food

L'ormai nota "Pentola Magica" cambia gestione e diventa 2.0: è Catia la nuova padrona di casa e la sua filosofia è quella di proporre piatti sani, cucina naturale ma anche tradizione parmigiana e salentina, per portare un po' delle sue radici a Parma.

Articolo di Chiara Marando – Foto Francesca Bocchia

Suona alle 5,30 ogni mattina la sveglia di Catia, le cose da fare sono tante. Lo sono sempre state, già da quando lavorava al bar, ma oggi la sua vita è cambiata. Oggi ha scelto di realizzare un piccolo sogno e rilevare una bottega dedicata al cibo sano, quello preparato con materie prime scelte accuratamente ed esaltate nella loro semplicità.
Una sfida che Catia affronta con il coraggio di chi si lascia trasportare dall'istinto, dalle decisioni prese d'impulso che vengono dal cuore. Perché a volte bisogna lasciar fare al destino ed alle emozioni. Ed ora eccola a gestire la "La Pentola Magica 2.0", evoluzione del negozio già conosciuto dai molti amanti della cucina naturale a Parma.

lapentolamagica-ristorazione-parma3.jpg

Perché evoluzione? Semplicemente per la selezione più ampia di piatti che ogni giorno arricchiscono la vetrina di chi desidera un pasto saporito ma sano. Non più soltanto cucina vegana, ma anche l'influenza della tradizione parmigiana con tortelli e arrosti, nella versione con carne bianca, e di quella pugliese, o meglio salentina, con cui Catia è cresciuta.

Originaria di Lecce, ha imparato a destreggiarsi tra i fornelli dalle donne della sua famiglia, osservando i movimenti esperti di nonna e mamma che le hanno trasmesso i segreti, la capacità e la passione per la tavola. Ecco quindi che alla "La Pentola Magica 2.0" arrivano le orecchiette con le cime di rapa ed il ragù è fatto con la ricetta della sua terra, ma l'intenzione è quella di introdurre anche gli sfiziosi Rustici – fagottini di pasta sfoglia ripieni con besciamella, mozzarella e pomodoro – e i golosi Pasticciotti, ovvero tortine di pasta frolla ripiene di crema cotta con un tocco di amarena.

lapentolamagica-ristorazione-parma6.jpg

Tra i piatti veg, non possono mai mancare due must come il Tortino di miglio con lenticchie rosse e la Zuppa con avena, cicerchie, lenticchie, verdure e farro. Poi contorni di stagione preparati in base a quello che offre il mercato alla mattina, con prodotti freschissimi e selezionati personalmente da Catia.

lapentolamagica-ristorazione-parma1.jpg

lapentolamagica-ristorazione-parma5.jpg

La vera novità è l'aperitivo della domenica sera a base di Torta Fritta, simbolo della tradizione parmigiana più pura, accompagnata da Culaccia, Spalla Cotta e Prosciutto Crudo. A partire dalle 18, quindi, fauci spalancate e pronte a salutare il weekend con gusto.
Mentre parlo con Catia leggo nei suoi occhi un misto di gioia, timore per un'avventura nuova ed entusiasmante che inizia, e tanto fermento. La filosofia è quella di offrire un momento di piacere sano da assaporare sul posto, una pausa pranzo piacevole e completa, ma anche da portare a casa per una cena diversa. Già, perché "la Pentola Magica 2.0" consegna a domicilio e prepara su ordinazione quello che più vi è piaciuto. Questo, ovviamente, significa che ci si deve prendere il tempo di provare tutti i piatti e farsi ispirare giorno dopo giorno.

lapentolamagica-ristorazione-parma4.jpg

La Pentola Magica 2.0
Via Egidio Pini 57/A
43126 Parma
0521 992249

Pubblicato in Food

Continuano gli appuntamenti del sabato mattina dedicati ad approfondimenti e assaggi di prodotti biodiversi: il 27 gennaio al 7 di Borgo Giacomo a Parma sarà la volta del cappelletto prodotto da materie prime di biodiversità. Definiti anche gli incontri di febbraio.

Parma, 26 gennaio 2018

Al Rural Market di Borgo Giacomo Tommasini 7 a Parma proseguono gli appuntamenti dedicati alla biodiversità agricola del territorio tosco-emiliano. Dopo l'interessante mattinata di sabato scorso con Enzo Melegari, membro dell'Associazione agricoltori e allevatori Custodi di Parma e professore all'Istituto Agrario Bocchialini di Parma, che ha incuriosito i presenti parlando di antiche varietà di frutta del territorio parmense, sabato 27 gennaio sarà la volta del cappelletto in brodo.

Un cappelletto speciale quello che verrà proposto, perché preparato con farina di grani antichi, uova di gallina Romagnola, Parmigiano-Reggiano stagionato 24 mesi e carne da vacche rosse e prosciutto di maiale nero.

Dalle 10.30 alle 12.30 si avrà l'opportunità di conoscerli e assaggiarli in tutta la loro bontà, cucinati al momento da Fabio Feccia, cuoco Rural, che li immergerà in un brodo ricco di sapore, preparato con cappone di Morozzo (presidio Slow Food), piccolo paese della campagna cuneese dove cresce a terra in libertà.

Sabato 3 febbraio con Andrea Dallaturca si parlerà di culatello agricolo ottenuto da suino rurale allevato all'aperto, mentre Michele Grigolini parlerà della produzione del prosciutto di maiale nero, entrambi prodotti di eccellenza di Rosa dell'Angelo. Non mancheranno gustosi assaggi.

Il 10 febbraio protagonista sarà la Toscana con la polenta ottenuta da farina di antica varietà di mais Formenton Ottofile (zona della Garfagnana e della valle del Serchio). Consigli utili su come portarla in tavola e assaggi fumanti sono assicurati.

Il Rural Market è aperto dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 17 alle 20. Chiuso la domenica e il lunedì.

Pubblicato in Dove andiamo? Parma
Giovedì, 25 Gennaio 2018 16:09

Torta cioccolato e zenzero senza farina

Una torta da realizzare con soli 2 ingredienti principali: uova e cioccolato! Niente di più facile! È golosissima, senza farina, senza glutine e perfetta per ogni occasione.

Per renderla più particolare ho aggiunto al composto anche un po' di polvere di zenzero, spezia che si abbina a mio parere molto bene, aggiungendo quel pizzico di piccantino alla dolcezza della cioccolata!

Non vi resta che provare e soprattutto assaggiare questa torta.

Ingredienti

  • 200 gr di cioccolato fondente ma non troppo 65-70% massimo (io ho usato quello zaini)
  • 3 uova
  • Un cucchiaino di polvere di zenzero     

Procedimento

Prendere le tre uova e separare i tuorli dagli albumi.
Mettere gli albumi nel frigo.
Nel frattempo sciogliere a bagnomaria il cioccolato (si può aggiungere a piacere un cucchiaino di polvere di zenzero al cioccolato sciolto).
Tirare fuori gli albumi dal frigo e montarli a neve con le fruste elettriche e preferibilmente in un contenitore d'acciaio.
Unire i tuorli al cioccolato sciolto e mescolare. Unire anche metà degli albumi montati al composto e mescolare il tutto.
Infine incorporare la restante parte degli albumi delicatamente con una spatola non con un movimento rotatorio ma dal basso verso l'alto.
Il composto è pronto per essere messo in una teglia per torta di 15/18 cm foderata con carta da forno.
Infornare a 170 gradi per 40/50 minuti

Potete spolverare zucchero a velo o per gli amanti dello zenzero la polvere, come ho fatto io.

ricetta-senzaglutine.jpg

Buon appetito!

Di Francesca Perrone, una vita da celiaca

A questo link troverete un'altra mia ricetta facile, sfiziosa e naturalmente senza glutine!

Pubblicato in Food

Se amate cucinare e siete golosi, allora prendetevi un pochino di tempo per provare a preparare questa soffice Torta all’arancia in versione vegana: priva di uova, latte e burro per un peccato di gola senza di colpa

Di Chiara Marando -

Giovedì 18 Gennaio 2018 -

Una delle cose che preferisco dell’arte culinaria è la sua forza rigenerante e creativa, quell’energia rilassante che riesce a tranquillizzare ma anche a stimolare la fantasia. Inutile e controproducente usare la fretta, serve prendersi il tempo giusto e prestare attenzione. C’è chi segue le ricette e chi si lascia ispirare dagli ingredienti presenti in dispensa. Io amo entrambe le soluzioni, dipende dal tipo di preparazione.

Ma la Torta all’arancia in versione vegana, senza latte, uova e burro, è il risultato di un istinto goloso ispirato da una ricetta scovata online. La base è veg ma, per chi desidera arricchirla è possibile aggiungere gocce di cioccolato fondente o bianco.

Prepararla è semplicissimo: una torta soffice, delicata e saporita che ricorda il sapore delle ciambelle fritte...ma completamente “healthy”.

Ecco come prepararla!

Ingredienti:

50 g di zucchero

200 ml acqua tiepida

200 ml succo di arancia fresca

100 ml di olio di semi di arachidi

300 g di farina 00 o Manitoba

buccia grattugiata di 1 arancia

Cannella (opzionale)

1 bustina di lievito per dolci

Per la glassa

zucchero a velo

succo di arancia

Preparazione:

Aiutandovi con le fruste elettriche mescolate zucchero, acqua calda e succo d'arancia, quindi aggiungete 100 ml di olio e la cannella continuando a mescolare.

A poco a poco unite la farina setacciata fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi, aggiungetevi la buccia grattugiata dell'arancia ed il lievito setacciato.

Versate l'impasto in uno stampo da 22 cm (da ciambella o da torta) imburrato e fate cuocere in forno statico preriscaldato a 170° per 40 minuti circa.

torta-arancia-vegana-ph-chiara-marando.jpg

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Food

Anche voi vi siete ripromessi di iniziare il nuovo anno rispettando una lista di buoni propositi? Fra questi c'è quello di mettersi in forma e di dire ormai basta alle grandi abbuffate? Con questa ricetta detox partirete con il piede giusto!

Un piatto semplice, salutare, leggero ma nello stesso tempo dal forte potere saziante a base di quinoa (uno pseudo cereale, naturalmente priva di glutine, fonte di fibre e minerali) cavolfiore e...curcuma!

La curcuma è una spezia molto usata in India che possiede veramente numerose proprietà. È antinfiammatoria, disintossicante, depurativa, ha effetto dimagrante e brucia grassi!

Ingredienti per due persone:

  • 150 g di quinoa
  • 1 cucchiaio abbondante di curcuma
  • 5 cucchiai di olio EVO
  • 1 cavolfiore
  • Prezzemolo tritato
  • Parmigiano o altro formaggio a piacere (ad esempio feta)
  • Noci (potete aggiungere anche semi di girasole)
  • Sale
  • Pepe

ricetta-quinoa-cucina.jpg

Procedimento:

Prendete un cavolfiore pulitelo e dividetelo in cimette, mettetelo in una teglia da forno con olio sale pepe e curcuma.
Infornatelo per 30 minuti circa a 180 gradi.
Nel frattempo sciacquate bene la quinoa sotto l'acqua fredda e versatela in un pentolino con dell'acqua o ancora meglio con del buon brodo vegetale (due parti di acqua per una parte di quinoa) e cuocere fino a quando non sarà pronta (solitamente dopo 15-20 minuti vedrete che l'acqua sarà completamente assorbita e nei chicchi di quinoa un anellino bianco simile ad un occhietto).
Tagliuzzare il prezzemolo fresco.
Una volta pronto il cavolfiore lasciatelo intiepidire e poi uniteli in una ciotola con la quinoa e il resto degli ingredienti.
Aggiungete infine parmigiano o altro formaggio a piacere (ad esempio della feta sbriciolata).

Buon appetito!

Di Francesca Perrone, una vita da celiaca

A questo link troverete un'altra mia ricetta facile, sfiziosa e naturalmente senza glutine!

Pubblicato in Food

Ad Alseno, tra Parma e Piacenza, il giovane chef Jacopo Malpeli esprime la sua creatività in piatti che rielaborano gli ingredienti in chiavi gustative originali che esaltano gli elementi.

Di Chiara Marando –

Lunedì 08 Gennaio 2018 -

Quella per la cucina è una passione che nasce fin da piccoli, si propaga attraverso i gesti quotidiani di una mamma o una nonna per poi imprimersi nella mente. Capita che rimanga un piacevole pensiero, una coccola da apprezzare, ma succede anche che la sua forza si trasformi in vera e propria creatività, talvolta in quel lavoro che molti di noi apprezzano.

Per Jacopo Malpeli, classe ’82, la cucina è stata questo, un’energia che è cresciuta in lui e si è manifestata in tutta la sua potenza non troppo presto, ma in tempo per mostrargli la giusta strada da percorrere. Allievo di ALMA, La Scuola Internazionale di Cucina Italiana, Jacopo ha lavorato con chef rinomati per poi decidere di aprire il suo ristorante. Con lui il Patron Giuseppe Arbusti e il direttore di sala Andrea Forti.

Antica_Osteria_della_Peppina.jpg

L’Antica Osteria della Peppina, ad Alseno, esattamente tra Parma e Piacenza, rappresenta la sintesi dell’incontro tra queste terre, due culture gastronomiche vicine ma allo stesso tempo dalle personalità ben distinte. La cucina che Jacopo propone è la sua poliedrica interpretazione, la possibilità di gustare sentori noti rielaborati in chiavi gustative originali dove a fare da padrone è il contrasto di sapori. E poi ci sono le erbe ed i fiori, macchie di colore che si trasformano in dipinti rendendo i piatti delle piccole opere che richiamano le stagioni.

Le ricette sono frutto di continua ricerca e tanta, veramente tanta, immaginazione con quel pizzico di coraggio che permette di rischiare e giocare con abbinamenti apparentemente azzardati. Ma una portata, prima di essere messa in carta, viene provata e riprovata, modificata, integrata e riassemblata con una cura maniacale.

Antica-osteria-peppina-ph-chiara-marando.jpg

Nel menù mare e terra si incontrano, gli ingredienti vengono esaltati con un estro che inizia dalla fantasia con cui vengono scelti i nomi delle diverse proposte, come nel caso della “Pinacolada di sgombro”, a base di sgombro marinato, cipolline borettane affumicate con latte di cocco concentrato e gel d’ananas al lime; oppure con “L’abito non fa il raviolo”, ovvero metamorfosi di un raviolo al ragù; e ancora “Oioi ho bruciato il caciucco”, spaghetti ai grani antichi trafilati in casa, ristretto di caciucco leggermente affumicato e polvere di cipolla bruciata; “In viaggio verso Cuba”, maialino da latte croccante e affumicato, insalata di mango all' habanero e coriandolo fresco con yogurt e cipolla bruciata.

Antica-osteria-peppina-ph-chiara-marando_4.jpg

Antica-osteria-peppina-ph-chiara-marando_7.jpg

Sui dolci, poi, la gioia di sposare elementi e contrasti si fa ancora più spinta. Il “Velvet Underground” ne è una delle prove più azzeccate: gel piccante al Trinidad Scorpion, semifreddo alla stracciatella, meringhe alla menta, spugna al whisky, e crumble al limone...tutto alla barbabietola. Espressione di autunno/inverno, ecco che la stagionalità parla attraverso il dessert “Ficata”, un nome che rappresenta un vero biglietto da visita: fichi caramellati, crema di pane al gianduia, nocciole dolci e salate con biscotti di sfoglia integrale e salsa vaniglia.

Antica-osteria-peppina-ph-chiara-marando_6.jpg

Antica-osteria-peppina-ph-chiara-marando_1.jpg

L’esperienza vissuta è quella di un gioco, che comincia con la presentazione del piacevole aperitivo, in un mix tra semplicità e ricerca. I sensi sono stimolati dalle tinte spiccatamente marcate che caratterizzano i piatti, dalle differenti texture palatali dei bocconi e dalle opposizioni dove gli alimenti più corposi vengono equilibrati da quelli acidi o fruttati.

La cucina di Jacopo è in divenire, racconta la sua età ed energia, si spinge nella sperimentazione, si evolve. La sua è l’essenza di un giovane chef che si mette alla prova, che vuole imparare ed apprendere. E il ristorante si muove con lui, l’Antica Osteria della Peppina ne rappresenta il perfetto prolungamento.

 

Antica Osteria della Peppina

Via Roma, 41,

29010 Alseno PC

Tel. 0523 190 5390

Pubblicato in Food
Pagina 6 di 41