Visualizza articoli per tag: Piacenza

Giovedì, 24 Settembre 2015 10:12

Piacenza: in arrivo tre giorni di Bleech Festival

In arrivo a Piacenza il Bleech Festival: da venerdì 25 fino a domenica 27 settembre il parco della Cavallerizza si animerà con musica, stand gastronomici e di artigianato, nonché proiezioni e spettacoli di danza.

Piacenza – 24 Settembre 2015 -

Sono in arrivo tre giorni per respirare aria nuova in mezzo al verde cittadino, in compagnia di 15 band da tutta Italia, proiezioni di cortometraggi, una selezione di street food, mercatini di autoproduzioni e molto altro. Tre giorni che animeranno il Parco della Cavallerizza, nel pieno centro storico di Piacenza: venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 settembre prenderà il via il Bleech Festival.

Ecco alcuni protagonisti che si alterneranno nel ricco programma del Festival: HAVAH, Capra (già membro dei Gazebo Penguins), Felpa (ex-Offlaga Disco Pax), Any Other, Pueblo People, OMAKE, Warias, Rami, Cabrera, Nobody Cried For Dinosaurs, My Invisible Friend, Houdini.

Ma il Bleech Festival non sarà solo musica, presenti anche  40 espositori di artigianato indipendente, in collaborazione con A/MANO MARKET, oltre ad open class di danza firmate LA STANZA DI DANZA e proiezioni di cortometraggi  a nome CONCORTO FILM FESTIVAL.

L’evento, aperto a tutta la città, offre dalle 18 stand gastronomici con 6 proposte di street food, che spaziano dalle specialità italiane di Eataly e La Polpetteria, alle suggestione vegane a km 0 di Naturone.

Per info & approfondimenti: http://www.bleechfestival.it

Pubblicato in Dove andiamo? Piacenza

Questione Rifiuti Liguri: il sindaco Dosi prende la parola durante una conferenza stampa a Palazzo Mercanti per fare chiarezza“E’ scorretto generare preoccupazione immotivata e infondata nella cittadinanza“

Piacenza – 29 Agosto 2015 -          

Continua la questione “Rifiuti Liguri”, ed a distanza ormai di un mese dalla stipula dell’accordo all’accordo tra la Regione Emilia Romagna e la Liguria sullo smaltimento di 10mila tonnellate di rifiuti urbani a Piacenza, il sindaco Paolo Dosi prende la parola, durante una conferenza stampa a Palazzo Mercanti, per smentire le voci che incrementano lo svilupparsi di preoccupazioni infondate ed immotivate: “Da un lato voglio dare un primo bilancio dopo qualche settimana dall’avvio del ricevimento dei rifiuti liguri nell’impianto di Borgoforte, mentre dall’altro mi preme rimarcare come questa operazione sia virtuosa, a fronte di alcune dichiarazioni uscite in queste settimane da associazioni, categorie e consiglieri comunali di minoranza – e continua - Vorremmo sottolineare i dati ed i parametri veritieri che secondo noi sono stati travisati. In un momento di impossibilità nella gestione dei rifiuti della Liguria, in questa emergenza, c’è un accordo per ricevere 10mila tonnellate di rifiuti urbani in 50 giorni. Tecnoborgo annualmente può smaltire 100mila tonnellate annue tra rifiuti ordinari e speciali: queste 10mila tonnellate di rifiuti urbani di Genova non si vanno ad aggiungere a quanto già in gestione a Piacenza, ma in sostituzione di 10mila tonnellate di rifiuti speciali che verranno dirottati da Borgoforte verso altri territori. Non aumenta né il carico di rifiuti, né le emissioni. I 14 euro dell'accordo - che la Liguria dà al Comune di Piacenza per ogni tonnellata - non sono una voce di ristoro o indennizzo ambientale – e conclude Dosi - Sono un costo accessorio che viene riconosciuto e che, come Amministrazione abbiamo deciso di assegnare alla riduzione delle tariffe dei rifiuti a carico delle famiglie nel 2016”.

Durante il suo lungo intervento, il Sindaco ha precisato molti punti della questione che ancora potevano non risultare chiari, ed ha parlato anche della presunta lettera anonima inviata al quotidiano locale da altrettanto presunti lavoratori di Borgoforte. In questa lettera si segnalava lo scoppio di un incendio all'interno dell'impianto a causa di rifiuti in eccedenza provenienti da Caserta. Su questo punto Paolo Dosi specifica: “I materiali di scarto provenienti dalla Campania non sono frutto di transazioni segrete tra gli impianti. Sono frutto di un ciclo di gestione di rifiuti ben conosciuto tra gli impianti”.

Infine, ha affrontato ed evidenziato l’importante contributo fornito da Tecnoborgoche ha investito negli ultimi anni 20 milioni di euro per ammodernare gli impianti e ridurre le emissioni, evidenziando che l’incidenza dell’emissione del termovalorizzatore è inferiore dell’1% sull’inquinamento della città: “Abbiamo invitato le associazioni a Tecnoborgo negli ultimi anni per vedere di persona il corretto funzionamento dell’impianto. Ogni giorno la società pubblica i dati delle emissioni sul proprio sito: rinnovo l’invito anche ai privati cittadini a partecipare all’iniziative.“

 

Pubblicato in Cronaca Piacenza

Continuano gli incontri dedicati alla tradizione gastronomica piacentina di “Chef&Friends”. I prossimi appuntamenti sono Lunedì 31 Agosto con Isa Mazzocchi e Gualtiero Marchesi, e Martedì 1° Settembre con lo chef  Claudio Cesena e l’attore Nino Formicola

Piacenza – 29 Agosto 2015 -

Martedì 25 Agosto è partita “Chef&Friends” una nuova rassegna dedicata al food che animerà lo spazio di Piazzetta Piacenza ad Expo con showcooking d’eccezione. Una serie di appuntamenti che ogni Lunedì e Martedì fino alla fine di ottobre vedranno ospiti i migliori Chef del territorio piacentino chiamati ad interpretare e riprodurre il ricordo del sapore o dell’aroma che lega particolarmente un noto ospite, anch’esso piacentino, d’origine o di adozione, a queste terre.

Ma non avverrà tutto per caso, la ricetta nascerà da una conversazione dal vivo tra i due protagonisti: si scoprirà Piacenza attraverso un piatto, un gusto  che possa restituire sensazioni di casa quando si è lontani.

Tra i fornelli ci sarà quindi la tradizione enogastronomica del territorio reinterpretata con un tocco personale dai Maestri che si alterneranno in cucina mostrando al pubblico la realizzazione delle pietanze passo dopo passo.

Il prossimo appuntamento con “Chef&Friends” sarà Lunedì 31 Agosto con Isa Mazzocchi del ristorante stellato La Palta di Bilegno, che dovrà tradurre in ricette le parole dell’ambasciatore di Expo Gualtiero Marchesi, Maestro della Cucina Italiana e punto di riferimento del panorama gastronomico nazionale.

Martedì 1° settembre, lo chef Claudio Cesena, originario di Fiorenzuola e titolare insieme al fratello dell’Antica Osteria della Pesa nel Relais di Cascina Scottina, rievocherà gusti e sapori con Nino Formicola, attore italiano e popolare volto della televisione in coppia con Andrea Brambilla nel duo comico “Gaspare e Zuzzurro”. 

Pubblicato in Dove andiamo? Piacenza

Seconda serata dei Venerdì Piacentini: oltre 50 eventi, tra concerti, spettacoli, arte e cultura.

Piacenza 27 giugno 2015 -

Continuano i “Venerdì Piacentini” con un programma ricco di eventi e concerti che si alterneranno tra le vie del centro storico di Piacenza. In occasione della seconda tappa, in programma per questa sera, tutti i negozi rimarranno aperti fino alle 24 e decine di eventi andranno in scena animando le piazze nel cuore della città con musica, spettacoli, eventi sportivi, artisti di strada e numerosi stand gastronomici.

Momento clou della serata sarà il ritorno a Piacenza della band nipponica Hanato Chiruran che si esibirà alle 22 in piazza Cavalli. La formazione è stata invitata in Italia dal direttore artistico della kermesse Nicola Bellotti, oltre ad aver preso parte ad una ospitata  da Red Ronnie nel suo Roxy Bar all’interno di Expo 2015.  

La tappa di stasera è caratterizzata anche dall'inclusione del festival "Dal Mississippi al Po", che porterà alcune tra le migliori formazioni blues ad esibirsi contemporaneamente in tutte le piazze principali (Cavalli, Duomo, S. Antonino e Plebiscito).

 

Pubblicato in Dove andiamo? Piacenza

Dal 5 giugno al 13 settembre ritornano gli appuntamenti sul Lungo fiume a cura di Arti e Pensieri. La rassegna di incontri culturali lungo la suggestiva cornice del Po piacentino. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. -

Piacenza, 2 giugno 2015 -

Sta per arrivare la terza edizione de "Il Po ricorda: Storie oltre il confine", la rassegna di incontri culturali lungo la suggestiva cornice del Po piacentino, a cura dell'Associazione culturale Arti e Pensieri, in collaborazione con il Comune di Piacenza, con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano e del Consorzio di Bonifica di Piacenza e con la partecipazione di Scuola Media Statale Italo Calvino, Arci Cinemaniaci, Musei Civici di Palazzo Farnese, Fondazione Teatri, Società Canottieri Vittorino da Feltre, Motonautica Associazione Piacenza, Gregori Gaetano Sas, Yogagea asd, La Tana di Roncarolo, Legio VIIII. La manifestazione è inserita nel calendario del prestigioso Francigena Festival.

Dal 5 giugno al 13 settembre si susseguiranno una serie di conferenze storiche, archeologiche ed artistiche tenute dai professionisti di Arti e Pensieri, incentrate sul tema del paesaggio fluviale, culla di importanti civiltà e ancora oggi capace di attrarre popolazioni quale fonte di un forte significato culturale e identitario.
Sette in totale gli appuntamenti in programma: il 5, il 12 e il 20 giugno, il 2 luglio, il 30 agosto, il 6 e il 13 settembre.

A questi saranno abbinati laboratori creativi per bambini ed adulti, archeologia sperimentale, lettura di fonti, serate cinematografiche, momenti teatrali e musicali, insieme ad esposizioni di opere d'arte.
La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. Inoltre, per ogni incontro sul fiume sarà possibile usufruire di una navigazione per piccoli gruppi e di una merenda/aperitivo a tema ad offerta libera.

Ad aprire la rassegna, venerdì 5 giugno alle ore 17.30 presso l'Impianto Idrovoro della Finarda, sarà "Il Tamigi a Piacenza!". L'attenzione sarà rivolta verso il Tamigi che, attraversando la città di Londra, ha contribuito allo sviluppo di due storie in parte differenti nei quartieri che si trovano sulle rive opposte: una più ricca e l'altra deputata alle attività produttive, ma oggi culturalmente molto viva.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.artiepensieri.com, scrivere all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Pubblicato in Cultura Piacenza
Sabato, 23 Maggio 2015 09:09

Piacenza: stasera arriva la “Notte Blu”

A Piacenza tutto è pronto per la sesta edizione della “Notte Blu”

Piacenza  23 Maggio 2015 -

Piacenza è pronta per un altro imperdibile appuntamento. Sabato 23 Maggio torna la sesta edizione della “Notte Blu”, l’evento che per una serata coinvolgerà l’intera città animandola con spettacoli, musica jazz e concerti.

Anche le gallerie ed i musei aderenti  rimarranno aperti oltre il consueto orario, proponendo mostre ed eventi speciali organizzati per l’occasione. Ed ancora, cene a tema realizzate appositamente per la serata durante le quali verranno serviti piatti e dolci unici, nonché cocktail ed aperitivi esclusivi. Il tutto sulle note di coinvolgenti dj set.

A fare da padrone sarà ovviamente il “total blu”, filo conduttore della manifestazione che verrà ripreso  non solo negli allestimenti, ma anche nei piccoli particolari che si potranno ritrovare nei negozi del centro, nei bar ed in tutte le attività sensibili a questa esilarante nottata.

Per maggiori informazioni su programma, percorsi ed eventi è possibile consultare il sito http://www.notteblupiacenza.it

 

Pubblicato in Dove andiamo? Piacenza
Sabato, 02 Maggio 2015 10:40

Di castello in castello tra i colli piacentini

Di Chiara Marando - Sabato 02 Maggio 2015 -

C'era una volta uno splendido castello....

Così iniziano spesso le favole ed i racconti di dame e cavalieri ambientati in un tempo lontano, immagini che si imprimono nella mente sin da bambini e non smettono mai di affascinare.

Intorno a Parma, tutto il territorio e costellato di manieri secolari che adornano le colline, ma anche spostandosi poco lontano, fino alle zone vicino Piacenza, si possono ammirare numerosi castelli che invitano ad una visita.

Tra i più noti vi è certamente Castell'Arquato. Il promontorio su cui sorge è tra le prime “visioni” che si scorgono giungendo dalla pianura, perfettamente inserito in un paesaggio dall'aspetto ordinato di filari di gelsi, cascine e campi coltivati. I possenti torrioni si stagliano sulla valle e proteggono  il piccolo borgo di minute casette che si estende  tutto intorno seguendo la forma arcuata della terreno. Una perfetta armonia di colori e linee fuse con la natura circostante. Gli edifici monumentali del borgo sono la testimonianza del potere e del prestigio di coloro che, nel tempo, hanno dominato la zona e ne hanno trasformato la fisionomia in base alle esigenze di difesa. Passeggiando per le stradine si possono osservare numerosi monumenti concentrati nel piccolo spazio cittadino: la Chiesa Collegiata, risalente al 1122, dall'aspetto severo tipico dello stile romanico e ricca di fossili marini, la Rocca Viscontea datata 1347, Palazzo del Podestà, Palazzo della Giustizia ed, infine, il Torrione Farnese. E per una sosta gastronomica, ecco che proprio di fronte alla Rocca Viscontea si trova il ristorante “Taverna del Falconiere”, un ambiente caldo ed accogliente dove la cucina riprende la tradizione piacentina seguendo la stagionalità delle materie prime.

Spostandosi nella verde Val Vezzeno, appoggiato su uno sperone di roccia a picco sul torrente sottostante, troneggia il bellissimo Castello di Gropparello. Le sue origini risalgono all'VIII secolo e tutt'oggi si presenta perfettamente conservato costituendo un magnifico esempio dell'arte della fortificazione. Ciò che ne impreziosisce ulteriormente il fascino è l'incantevole bosco secolare che lo circonda, il noto “Parco delle Fiabe”, ovvero il primo parco emotivo d'Italia nel quale i bambini riscoprono le tracce del passaggio di fate, folletti, elfi e streghe.

CASTELLO DI GROPPARELLO

All'ingresso del Parco, nelle Gole di Vezzano, si trova la Taverna Medievale, luogo dove storia, natura e tradizione si fondono in una cucina ispirata al passato che recupera ricette medievali e rinascimentali. Prelibatezze  preparate sapientemente che spaziano dalle zuppe, alle carni brasate  arricchite da spezie ed erbe officinali che ben si accompagnano ai vini dei colli piacentini.

A 13 km da Piacenza, in località Pontenure, il Castello di Paderna risalta con la sua eleganza   austera fuori dal tempo e dallo spazio. All'interno delle mura si apre un'ampia corte agricola che fa da cornice ad un lungo porticato. Il castello, oggi residenza padronale, è anche azienda agricola-biologica, orto-giardino con antiche varietà di piante ed ortaggi, fattoria didattica e sede di importanti manifestazioni legate alla coltivazione della terra.

CASTELLO DI PADERNA

Un altro importante maniero è il Castello di Rivalta, nel Comune di Gazzola. Sontuosa residenza signorile, è uno tra quelli meglio conservati dell'Emilia e si trova nel suggestivo borgo di Rivalta, sulle sponde del fiume Trebbia. Visitare l'edificio significa ammirare sale inalterate nei secoli e camminare attraverso la storia di una famiglia passando per il salone d'onore, la sala d'armi, le cantine e per finire, le anguste prigioni.

CASTELLO DI RIVALTA

 

Per saperne di più:

www.castellidelducato.it

www.castellodipaderna.it

www.castellodirivalta.it

www.visitacastellarquato.it

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Polizia Stradale di Piacenza aderisce alla "Speed Marathon". 24 ore di controlli su diverse strade piacentine

Piacenza 15 Aprile 2015 -

Anche la Polizia Stradale di Piacenza ha deciso di aderire alla “Speed Marathon”, una campagna europea congiunta di controlli di velocità, organizzata dal Network Europeo delle Polizia Stradali. Si tratta di un’importante iniziativa che prevede attività costanti, per un totale di 24 ore, di prevenzione e repressione del superamento dei limiti di velocità sulla viabilità autostradale e sulle principali arterie di comunicazione, a partire dalle ore  7 del 16 aprile.

Proprio per quella giornata la Sezione Polstrada di Piacenza ha programmato molteplici servizi di controllo della velocità sulle principali arterie come la Strada Provinciale 10 R (nel tratto Castelsangiovanni-Castelvetro), la via Emilia ( nel tratto Piacenza-Alseno) e Strada Provinciale 6 nel tratto Piacenza-Carpaneto. Il tutto utilizzando le apparecchiature in dotazione della Polizia di Stato, in particolare telelaser e autovelox.

Pubblicato in Cronaca Piacenza

Instagramers piacentini all’opera per immortalare e condividere le meraviglie della Chiesa di San Lorenzo degli Eremitani

Piacenza  11 Aprile 2015

Instagramers piacentini in azione sabato 11 aprile alle ore 18,00 davanti alla Chiesa di San Lorenzo degli Eremitani, in via del Consiglio a Piacenza. La missione è visitare l’interno di uno dei luoghi più conosciuti della città e condividere le foto scattate con i propri smartphone, utilizzando gli hashtag #sanlorenzopc e #igerspiacenza. Si tratta di un'occasione unica per ammirare un vero e proprio gioiello cittadino, chiuso al pubblico da decenni e riaperto eccezionalmente grazie ad un permesso speciale accordato al Comune di Piacenza dall'Agenzia del Demanio, proprietaria dell'immobile.

La chiesa e il complesso conventuale furono soppressi per ordine di Napoleone all’inizio dell’Ottocento e le pitture murali vennero coperte da uno strato di intonaco. Solo in tempi recenti la chiesa è stata sottoposta ad una serie di restauri che hanno permesso di riportare alla luce gli affreschi, alcuni dei quali staccati, ripuliti e trasferiti ai Musei Civici di Palazzo Farnese.

Un evento gratuito ed aperto a tutti, organizzato da Instagramers Piacenza in collaborazione con il gruppo FAI Giovani di Piacenza ed inserito nel ciclo di visite guidate “Dalle Cripte ai Campanili” promosse dalla Diocesi di Piacenza e Bobbio.

Nata da meno di un anno, la community piacentina degli Instagramers ha come obiettivo quello di valorizzare le bellezze paesaggistiche ed architettoniche italiane. Dal 1° settembre 2014 Roberta Abbatangelo ed Ambra Visconti, che gestiscono il gruppo, hanno infatti rilanciato l'account @igerspiacenza, collettore delle più belle immagini di Piacenza e provincia.

Pubblicato in Cronaca Piacenza

di Giulio Bigliardi

Parma, 27 maggio 2013

Uscire da una macchina del tempo. E' questa la sensazione che si prova entrando nel Parco Archeologico di Travo. Nel Parco, dove gli scavi archeologici procedono ormai da quasi vent'anni, alcune delle strutture riportate alla luce sono state infatti restaurate e ricostruite, e sono attualmente visitabili.

Pubblicato in Archeologia Emilia
Pagina 2 di 2