Visualizza articoli per tag: territorio fontanellato

NUOVE NAVETTE PER GAIONE/CORCAGNANO/FELINO, SAN SECONDO E FONTANELLATO - Da domani, 15 aprile, bus urbani ed extraurbani a frequenza estiva

Parma, 14 aprile 2020 - TEP ricorda che da domani, mercoledì 15 aprile, sarà in vigore il servizio estivo. Saranno parzialmente ripristinate anche le corse notturne, in funzione fino alle 22.
A integrazione dei normali servizi previsti per il periodo post-scolastico, TEP attiverà 3 navette a compensazione dei prolungamenti suburbani che nei mesi estivi vengono a cessare, in particolare:
- una navetta Parma - Gaione che effettua coincidenza con la linea 13 in largo De Coubertin, presso il quartiere Cinghio Sud e che prosegue alternativamente per Corcagnano/Felino a cadenza oraria. Sostituisce il prolungamento invernale della linea 13;
- una navetta Parma - San Secondo e un'altra sulla tratta Parma - Fontanellato, attive solo nel pomeriggio a cadenza oraria, con partenza in coincidenza dal capolinea urbano della linea 23 a San Pancrazio. Al mattino le due località sono collegate tramite i normali prolungamenti della linea 23.

È possibile consultare i nuovi orari sul sito TEP (urbani estivi: bit.ly/estiviurb2020TEP  - extraurbani estivi: bit.ly/estiviextra2020TEP ).

I Carabinieri della Compagnia di Fidenza, coadiuvati dai colleghi di Cuneo, hanno dato esecuzione a due misure cautelari in carcere emesse dal GIP del Tribunale di Parma a carico di altrettanti cittadini italiani, D.G. di anni 64 e D.A. di anni 40, ritenuti responsabili dei reati, tentati e consumati, di furto aggravato in abitazione, truffa aggravata, possesso di segni distintivi contraffatti delle FF.PP. e falso.

L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Parma (Sostituto Procuratore dott.ssa Daniela Nunno) e delegata ai Carabinieri della Stazione di Colorno, con il supporto del Nucleo Operativo e Radiomobile dei CC di Fidenza, ha avuto inizio a novembre scorso allorquando i carabinieri della predetta Stazione hanno registrato sul territorio della “bassa parmense” una recrudescenza di truffe e furti in danno di anziani.

In particolare gli inquirenti hanno notato che il 12 novembre 2019 sono avvenuti due gravi episodi da parte di falsi carabinieri, a distanza di pochissime ore.

Nel primo evento, due uomini si sono presentati presso l’abitazione di un anziano di San Secondo Parmense e, con indosso una pettorina con la scritta “carabinieri”, hanno tentato, invano, di raggirarlo per impossessarsi del suo denaro.

Subito dopo si sono allontanati a bordo di una Volkswagen Polo di colore bianco, sulla quale avevano applicato targhe clonate di un altro veicolo corrispondente per marca, modello e colore, ed hanno raggiunto l’abitazione di un anziano di Colorno. Costui, invece, è stato raggirato perché ha permesso ai due di entrare in casa per un controllo delle tubature del gas per presunta infiltrazione di mercurio. Nell’occasione l’anziana vittima, indotta in errore, ha nascosto i suoi preziosi, con l’intento di “proteggerli”, nel frigorifero in attesa che i falsi Carabinieri “sanificassero” gli ambienti. Questi, dopo averlo distratto, si sono impossessati del bottino e sono fuggiti, facendo così perdere le loro tracce.

Dopo circa due settimane i falsi carabinieri, indossando la solita pettorina con la scritta “Carabinieri” ed utilizzando la stessa autovettura con altre targhe clonate, si sono introdotti nell’abitazione di un’anziana di Sissa Trecasali e, con l’ormai collaudato modus operandi del falso controllo delle tubature del gas, si sono appropriati di € 850,00 e vari gioielli, del valore di circa € 21.000,00, che la vittima era stata indotta a nascondere all’interno del frigorifero per preservarlo da ipotetiche pericoli da mercurio.

Sempre con un intervallo di tempo di circa due settimane, a dicembre scorso, i due soggetti hanno colpito con la stessa tecnica presso due abitazioni dello stesso immobile di proprietà di un’anziana di Fontanellato e di sua figlia. Anche qui, con il collaudato pretesto del controllo alle tubature del gas inquinate dal mercurio, le hanno fatto riporre 300,00 € e vari gioielli nel frigorifero e, dopo una banale distrazione della vittima, sono fuggiti con la refurtiva che l’anziana aveva raccolto anche dall’abitazione della figlia.

A questo punto i Carabinieri, supportati efficacemente dai colleghi delle polizie locali dei comuni della bassa parmense (Fidenza, Soragna, Fontanellato, Roccabianca, San Secondo P.se e Colorno), sono riusciti ad individuare attraverso le immagini dei sistemi di video sorveglianza, tra migliaia di veicoli in transito, la targa “pulita”, ossia quella originale, della vettura in uso ai falsi Carabinieri. Sono stati quindi ricostruiti con accuratezza i percorsi effettuati per commettere i reati nella bassa parmense. Inoltre, con il supporto di personale dell’aliquota operativa dei CC di Fidenza, i Carabinieri di Colorno hanno effettuato un periodo di pedinamento e controllo in provincia di Cuneo (zona da cui risultavano provenire le auto utilizzate dagli autori dei furti), riuscendo ad individuare i reali utilizzatori del veicolo, intestato ad una prestanome, e localizzando le loro abitazioni.

A questo punto gli inquirenti, diretti e coordinati dall’A.G. a cui hanno riferito l’esito delle indagini fino a quel momento svolte, hanno ascoltato le vittime dei raggiri che, tramite riconoscimento fotografico, hanno individuato senza dubbio i due odierni arrestati quali autori dei fatti commessi a loro carico.

L’attività degli investigatori non si è fermata ai 5 casi scoperti ma è proseguita e sono stati accertati ulteriori quattro delitti commessi nel medesimo arco temporale con la stessa tecnica, sempre in danno di persone anziane, nei comuni di Soragna, Sissa Trecasali e Roccabianca.

In questi casi i due soggetti si sono sempre qualificati (falsamente) “Carabinieri” ma, per raggirare le vittime, hanno utilizzato un altro sottile stratagemma ovvero, dopo essersi introdotti all’interno delle abitazioni simulando l’arresto di una persona per furto, hanno fatto credere alle vittime che erano in corso delle verifiche sulla refurtiva recuperata. In questo modo, dopo aver avuto a portata di mano denaro e gioielli, con un banale pretesto hanno distratto i malcapitati proprietari di casa e si sono appropriati dei loro preziosi dileguandosi subito dopo.

In totale sono stati contestati loro nove episodi delittuosi, uno per tentata truffa aggravata e otto per furto in abitazioni, oltre ai reati di falso (per aver sostituito la targa dei mezzi con cui giungevano in zona con targhe clonate) e di illecito uso di segni distintivi dell’Arma dei Carabinieri (avendo usato pettorine con la scritta “carabinieri”).

La refurtiva complessiva ammonta a diverse decine di migliaia di euro.

La Procura della Repubblica di Parma, sulla scorta dei gravi puntuali e concordanti indizi raccolti a carico degli indagati per i nove episodi criminosi sopra sinteticamente descritti, ha chiesto ed ottenuto dal G.I.P. presso il Tribunale di Parma le misure cautelari in carcere a carico di D.G. e D.A.

In sede di esecuzione della misura cautelare, sono state effettuate perquisizioni domiciliari a carico degli indagati, che hanno consentito il rinvenimento ed il conseguente sequestro di un rilevante numero di gioielli, evidentemente provento di altrettanti reati.

A tal proposito, l’obiettivo ora è quello di tentare di risalire ai legittimi proprietari di tali gioielli per procedere poi alla restituzione degli stessi.

Pubblicato in Cronaca Parma

Fontevivo (PR) 13 dicembre 2019 - Lo scorso lunedì 09 Dicembre una pattuglia della Polizia Locale di Fontevivo, durante il servizio di controllo del territorio, rinveniva sulla massicciata della linea ferroviaria in zona Castelguelfo
un armadio blindato forzato, dal quale fuoriusciva un’arma da fuoco.

Gli agenti provvedevano immediatamente a circoscrivere l’area per preservare eventuale tracce che potessero essere utili alle indagini e  verificare il contenuto dell’armadietto.

All'interno erano quindi presenti un fucile Beretta calibro 12, una carabina Diana calibro 4,5/177 con rispettiva ottica, il relativo munizionamento delle armi da fuoco, 58 coltelli di cui 2 a lama lunga oltre ad orologi da polso.

Le armi lunghe, provento di furto in abitazione, risultavano ancora non modificate e con la matricola leggibile. A una prima verifica le armi non sembra siano state utilizzate in azioni criminali.  

Gli agenti di Polizia Locale, grazie l’ausilio dei Carabinieri della Caserma territoriale di Fontanellato e della Compagnia di Fidenza prontamente intervenuti sul posto riuscivano a risalire al proprietario
e a contattarlo per avere informazioni in merito al fatto. Lo stesso infatti  ne aveva denunciato il furto nel mese di Novembre in  Provincia di Pistoia.

Tutta la refurtiva è stata sottoposta a sequestro e messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

 PR_Fontevivo_polizia_e_carabinieri-rinvenimento_refurtiva_-_PL_1.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma

Due giorni di incontri, convegni, installazioni e laboratori. Una cena stellata a tema bambù a cura di Massimo Spigaroli e Rocco Stabellini. Il primo concorso internazionale dedicato alla progettazione e realizzazione di oggetti di design in bambù: Bamboo Rush.


Il prossimo 5 e 6 ottobre è attesa la quarta edizione di Under the Bamboo Tree: una due giorni interamente dedicata al bambù, pianta dalle mille virtù, in un luogo che ha proprio nel bambù uno dei principali motivi di originalità.


La manifestazione – organizzata in collaborazione con INBAR (International Network for Bamboo and Rattan), Landscape Festival - I Maestri del Paesaggio, AIB (Associazione Italiana Bambù) e ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Firenze) – sarà aperta, sabato 5 ottobre, da un ciclo di conferenze con esperti interazionali e con la curatela scientifica dell’architetto Mauricio Cardenas Laverde, nel quale si esploreranno i numerosi utilizzi del bambù in diversi ambiti, Co-organizzate dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Parma e dall’Ordine degli Ingegneri di Parma, le conferenze saranno moderate da Manuela Boselli, conduttrice del TG4.


Si alterneranno relatori da tutto il mondo: Mauricio Cardenas Laverde, architetto colombiano da tempo in Italia, illustrerà la sua partecipazione al 2019 Beijing International Horticultural Exposition con il suo Inbar Garden Pavilion che ha richiamato una grande attenzione da parte della comunità internazionale sull’utilizzo di bambù e rattan in settori che vanno dal Landscape all’Architettura, all’ Interior Design, fino alla decorazione; Ali Mchumo, Direttore Generale di INBAR, farà un’introduzione relativa all’ International Bamboo and Rattan Organization, Cina nell’ambito della cooperazione internazionale, Hans Friedrich, Ambasciatore World Bamboo Organisation, sottolineerà l’importanza del bambù come strategia per lo sviluppo sostenibile ed il suo potenziale in Europa, mentre sempre in tema di sostenibilità; Borja de la Peña, responsabile per le politiche globali di Inbar, esplorerà l’opportunità di includere il bambù come una soluzione naturale per la decarbonizzazione in Europa e nel resto del Mondo. La mattinata si chiuderà con l’intervento di Luisa Molari, ingegnere all’Università di Bologna, che presenterà un focus sugli studi sul bambù italiano come materiale da costruzione e sul percorso legislativo, per poi riprendere nel pomeriggio con la straordinaria esperienza della Bambouseraie francese raccontata dallo Chef d’enterprise Simon Crouzet.


Seguiranno gli interventi di Rita Baraldi, dell’Istituto per la BioEconomia, (IBE-CNR) di Bologna, con un’analisi dei Servizi ecosistemici del Labirinto della Masone, di Beatrice Belletti, ingegnere dell’Università di Parma, con un esame dell’utilizzo sostenibile degli scarti del bambù nel ciclo di vita delle costruzioni, di Stefano Devoti, Artista e Direttore del GNAP (Global Nomadic Art Project) e Ko Seung-hyun, Direttore e fondatore di Yatoo, che, introdotti dallo storico dell’arte Marzio Dall’Acqua presenteranno le installazioni realizzate dal collettivo di artisti nomadi nei giorni precedenti la manifestazione e visibili anche il 5 e il 6 ottobre.
A chiudere la prima giornata di Under the Bamboo Tree sarà la premiazione del concorso internazionale Bamboo Rush per la progettazione e realizzazione di un oggetto di design in bambù.

Il concorso, organizzato in collaborazione con AIB e ISIA vuole essere uno stimolo all’utilizzo del bambù nei prodotti di design ad uso domestico o destinati a spazi pubblici, nonché alla valorizzazione delle proprietà tecniche ed estetiche del bambù, e i lavori più meritevoli verranno esposti nei due giorni.


La giuria è composta, oltre che da Franco Maria Ricci, da diverse personalità legate al mondo dell’architettura e del design, che da tempo credono nell’importanza del bambù: Franco Maria Ricci (editore e designer); Lorenzo Bar (presidente AIB Associazione Italiana Bamboo); Mauricio Cardenas Laverde (architetto, Curatore Scientifico UTBT Under The Bamboo Tree); Valentina Downey (Presidente ADI Associazione per il Disegno Industriale, delegazione Emilia Romagna); Kazuko Hase (architetto di interni); Liu Kewei (Ingegnere Civile, Global Bamboo Construction Programme Coordinator INBAR International Bamboo and Rattan Organisation); Franco Raggi (architetto e designer ISIA Istituto Superiore per le Industrie Artistiche, Milano).


La quarta edizione di Under the Bamboo Tree si arricchisce inoltre di un percorso artistico costituito da diverse installazioni realizzate nell’ambito del progetto GNAP (Global Nomadic Art Project) Italy 2019 da un collettivo di artisti nomadi provenienti da diverse parti del mondo. Sfruttando le materie prime a disposizione sul posto, in questo caso il bambù, gli artisti mirano a creare opere che facciano coesistere in armonia natura e civiltà, formando una connessione con il territorio circostante e lasciandone fluire la bellezza.


Per tutti e due i giorni gli espositori, con diversi tipi di oggetti realizzati in bambù, da tende a oggetti per la cura del corpo e abbigliamento, animeranno i portici della Corte Centrale, nel cuore del Labirinto con i loro stand uniti a laboratori e dimostrazioni, oltre a raccontare la loro esperienza di lavoro con il bambù in brevi interventi previsti per domenica 6 ottobre. E ancora laboratori e attività per tutte le famiglie.
Non mancherà poi una parte dedicata alla cucina: la cena di sabato 5 presso il ristorante Al Bambù curata da Massimo Spigaroli e Rocco Stabellini avrà un menù interamente a tema bambù, mentre nei pomeriggi di sabato e domenica la corte centrale ospiterà uno show-cooking, anch’esso completamente dedicato a questa eclettica pianta.


Due giorni ricchi di opportunità per conoscere una pianta straordinaria sotto moltissimi aspetti in un luogo unico al mondo, vivace e animato dalla presenza di un pubblico curioso e appassionato.

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

I Carabinieri della Stazione di Fontanellato hanno dato esecuzione ad una misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Parma a carico di un cittadino albanese L.L. di anni 35, ritenuto responsabile di Maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale aggravata e atti persecutori.

I fatti risalgono al periodo compreso fra i mesi di Maggio e Luglio 2019, periodo durante il quale L.L. scopre una serie di messaggi fra la moglie ed un soggetto che accusa di essere l’amante. Il marito inizia una serie di atti di ritorsione e minacce nei confronti del presunto amante, costretto per paura a lasciare l’Italia. Analogo comportamento lo assume con la moglie, che inizia a subire ripetute minacce, maltrattamenti, violenze psicologiche e sessuali.

La vittima si è confidata con un’amica che, appreso degli episodi di violenza, si è rivolta ai Carabinieri di Fontanellato. I militari, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Parma, hanno immediatamente avviato le indagini.

Nonostante le difficoltà oggettive per riuscire ad avere conferma dei gravi comportamenti violenti da parte di L.L., gli investigatori in stretta collaborazione con la Procura, hanno effettuato atti istruttori che hanno permesso di acquisire elementi probatori inconfutabili in ordine alle ipotesi delittuose. La vittima, concluso il colloquio con il pubblico ministero, è stata immediatamente collocata in una struttura protetta.

Il G.I.P. presso il Tribunale di Parma su richiesta della Procura della Repubblica ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’indagato.

L.L. è stato quindi tratto in arresto da Carabinieri di Fontanellato e tradotto presso il carcere di Parma.

Pubblicato in Cronaca Parma

Sabato 29 e domenica 30 giugno, dalle 19 a notte fonda, si è tenuta la quarta edizione di Fontanincanto. Gli spettacoli mirabolanti di artisti di tutto il mondo si sono susseguiti intorno alla meravigliosa Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR). Foto a cura di Francesca Bocchia.

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00000.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00001.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00002.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00003.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00004.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00005.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00006.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00007.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00008.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00009.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00010.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00011.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00012.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00013.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00014.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00015.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00016.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00017.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00018.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00019.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00020.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00021.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00022.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00023.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00024.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00025.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00026.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00027.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00028.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00029.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00030.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00031.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00032.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00033.jpg

fontanincanto-2019-foto-gazzettadellemilia00034.jpg

 

Pubblicato in Cultura Parma

Legalità, Bullismo, Cyberbullismo e informazioni per il contrasto all'uso di sostanze stupefacenti: La Polizia di Stato incontra i giovani alunni dell' I.C. Fontanellato

Dopo Fidenza e Borgotaro, proseguono gli incontri in Provincia, questa volta a Fontanellato, nell'ambito degli incontri in materia di educazione alla legalità promossi dalla Polizia di Stato. Il Commissario Capo Federico Mastorci, e il Medico Principale della Polizia di Stato Valerio Bruti, hanno incontrato circa 150 giovani studenti delle quinte elementari e delle medie dell' I.C. Fontanellato.

Durante l'incontro sono stati affrontati diversi argomenti su fenomeni criminali gravi, che avvengono anche mediante l'uso della rete.
Tra gli argomenti trattati vi sono il bullismo, il cyberbullismo, l'adescamento, ma non solo, si è parlato anche di come utilizzare in maniera corretta il web e gli strumenti tecnologici connessi alla rete, anche e soprattutto dal punto di vista della propria privacy.

I ragazzi, sono stati informati, anche attraverso esempi, sulla gravità delle conseguenze che possono subire le vittime e le ripercussioni nella sfera giuridica dell'autore di condotte criminose(il bullo) e dei suoi familiari.

Sono state illustrate delle semplici, ma efficaci, regole di comportamento sia per la convivenza nella vita reale sia per ridurre i rischi collegati alla vita digitale.
L'incontro ha permesso di riflettere sul ruolo svolto dalle Istituzioni, dalla Scuola e da ogni persona nelle azioni di contrasto al bullo o al cyberbullo.
Riscontrando da parte dei ragazzi una grande partecipazione ed un notevole interesse sul tema, gli esperti della Polizia di Stato hanno messo in guardia i giovanissimi anche su un altro tema, anch'esso oggetto dell'incontro, che è il rischio proveniente dall'adescamento.

Grazie alla presenza del Medico Principale, il dott. Bruti, sono state date fornite diverse nozioni tecniche sulle conseguenze derivanti dall'uso di sostanze stupefacenti. Invitando tutti i giovani presenti a non avvicinarsi nemmeno per scherzo alle predette sostanze. Sul tema gli studenti hanno fatto diverse domande e sono stati particolarmente interessati.

Il personale della Polizia di Stato proseguirà nell'iniziativa, che ha avuto molto successo, già nel mese di Aprile, presso altri istituti scolastici di Parma e soprattutto in Provincia ove insistono diversi istituti scolastici che hanno richiesto il nostro intervento.

Pubblicato in Cronaca Parma

Svelati i nomi delle cinque vincitrici del casting "Con Emilia, in viaggio tra valli, parchi, castelli e giardini con gusto". Progetto di video storytelling al via sul territorio emiliano a cura di Catrina Producciones, Castelli del Ducato, Parchi del Ducato, Comune di Monchio delle Corti con la collaborazione di Destinazione Turistica Emilia.

Volti naturali, senza trucco, visi sorridenti, occhi brillanti e tanta Emilia nel cuore: Catrina Producciones, Castelli del Ducato, Parchi del Ducato, Comune di Monchio delle Corti e Destinazione Turistica Emilia hanno selezionato – in un casting con oltre 100 partecipanti – i cinque volti di donna per rappresentare le diverse età del progetto "Con Emilia, in viaggio tra valli, parchi, castelli e giardini con gusto", video storytelling al via sul nostro territorio.

"Con Emilia, in viaggio tra valli, parchi, castelli e giardini con gusto" è il nuovo progetto su cui Castelli del Ducato e Parchi del Ducato con capofila il Comune di Monchio delle Corti stanno lavorando con il contributo di Destinazione Turistica Emilia. «La sfida è raccontare in maniera evocativa ed emozionale – afferma Orazio Zanardi Landi, presidente dei Castelli del Ducato – un'Emilia punteggiata da rocche, manieri, bellissime vallate e riserve naturalistiche e darle le caratteristiche di un incontro importante con turisti e visitatori con un accento anche sull'enogastronomia della nostra terra».

La commissione, riunitasi in Rocca Sanvitale a Fontanellato (Parma), ha scelto: Aura Marcelli, 7 anni, vive in Brianza, frequenta la scuola primaria, ricci biondi e capelli lunghi, con un sorriso contagioso; Camilla Sartore, 18 anni, nata a Milano, ma residente da anni a Casale di Mezzani (Parma), studentessa; Giulia Golino, 33 anni, di Pontenure (Piacenza), food blogger; Francesca Munari, 41 anni, di Reggio Emilia, insegnante di scuola primaria; Marianna Frazzi, 80 anni di Fontanellato (Parma), pensionata. Quest'ultima rappresenta l'Emilia genuina e accogliente, quella che tira a mano la sfoglia della pasta, prepara anolini e cappelletti, tortelli d'erbette e di zucca, liquori e ha sempre la battuta pronta, con spirito e sagacia.

Ecco i racconti delle cinque Emilia:

Aura Marcelli: «Ho sognato un castello, una volta. Ho disegnato a colori una bella storia: io, mamma e papà che ci abitiamo come nelle favole. Poi con papà siamo venuti in Emilia dove ne ho trovati 31 tutti vicini: castelli, rocche, fortezze. E ho imparato che differenza c'è!».

Camilla Sartore si racconta così: «Penso che potrei rappresentare l'Emilia in quanto ragazza genuina, spontanea e sincera così come i migliori prodotti delle terre emiliane. Quando penso ad un viaggio da poter fare in questo territorio, le prime cose che mi vengono in mente sono le colline, che in modo armonioso mi riportano alle tradizioni contadine e alle sue trattorie che raccontano la storia di ognuno di noi attraverso i piatti più tipici».

Giulia Golino: «Amo il verde brillante degli alberi quando nelle giornate calde mi sposto nelle valli per prendere fresco e tuffarmi in Trebbia, amo i funghi della Val Nure, il rosso rubino del Gutturnio, il rosso dei pomodori ed il profumo inconfondibile che emanano quando li raccogli dalla pianta, l'oro del grano e i panorami meravigliosi della pianura con distese di balle di fieno in contrasto con i cieli azzurri-azzurri, il bianco della neve quando da Pontenure si scorgono le morbide colline che sembrano cosparse di zucchero a velo. Se poi ci spostiamo poco più in là, da Piacenza verso i cugini di Parma, nel centro della Food Valley, troviamo il rosa del Prosciutto di Parma, il Parmigiano Reggiano, magari da assaggiare con qualche goccia di aceto balsamico di Reggio e un bel bicchiere di nocino con cui finire il nostro lauto pasto a spasso per le province emiliane».

Francesca Munari: «Emilia è... nel profumo di una fetta di prosciutto appena tagliato, nelle bollicine nere di un calice appena stappato, nella quiete di un campo di terra arato, nei mucchi di fieno stretti nei covoni, nel rombo dei trattori e dei suoi motori. Emilia è... nel tramonto del sole dietro al monte, nel muro assolato di un castello all'orizzonte, nella sagoma smilza di un albero nella nebbia, nel sorriso della sua gente generosa e bella. Penso di rappresentare il volto dell'Emilia perché sono capace di emozionarmi pensando a tutte le bellezze che la nostra terra possiede».

Marianna Frazzi: «Mi piace cucinare per la mia famiglia e avere sempre parenti e ospiti in casa: faccio ancora il nocino, la conserva di pomodoro, la giardiniera e le salse per i bolliti, la pasta a mano. Le mie specialità sono i tortelli di erbetta, i cappelletti, gli gnocchi e le torte alla maniera di una volta. A volte, insegno ai bambini – nelle scuole e nei Castelli – le ricette della tradizione in laboratori creativi di cucina tradizionale».

Le 5 "Emilia" oltre a vivere da protagoniste l'esperienza con l'azienda di produzione radio-televisiva Catrina Producciones per conto di Castelli del Ducato e Parchi del Ducato, avranno l'opportunità di collaborare anche con l'agenzia web Intersezione di Modena per conto di Destinazione Turistica Emilia. Intersezione è anche la società che ha realizzato il sito www.visitemilia.com 
Un territorio unico e autentico ma allo stesso tempo complesso e creativo come quello dell'area compresa tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia merita una guida dinamica, capace di accompagnarne i continui mutamenti e di illustrarne i molteplici spunti di interesse. Declinazione virtuale di Destinazione Turistica Emilia – ente nato per promuovere il potenziale attrattivo della zona racchiusa tra i confini delle tre province – www.visitemilia.com  approda sul web con l'intento di facilitare il compito a chi sceglie di andare alla scoperta di un modo di essere, di un'esperienza dove wellness, gusto e cultura, si fondono in una peculiare forma di slow life. Il sito si fa spazio nella rete per riassumere e aggiornare puntualmente le proposte di visita e soggiorno, gli eventi e gli itinerari tematici più insoliti che affiorano di continuo in questo spicchio di Emilia, cuore della Food valley tra il Po e gli Appennini, conosciuto in tutto il mondo per il cibo. Ma che è anche tanto altro.

Claudio Moretti, sindaco del Comune di Monchio, capofila del progetto: «Lavoriamo insieme per creare volano di immaginario che racconti e faccia percepire "Emilia" quale destinazione turistica dove si sta bene: perché si mangia benissimo, si soggiorna in relax tra parchi, valli, colline. Si vive un Appennino spettacolare da conoscere e valorizzare. Si scoprono borghi e castelli dove vivere esperienze fantastiche, che sono espressione di identità culturale uniche in Europa dove i manieri sono anche archetipi architettonici di sogno, fiaba, bellezza».

Orazio Zanardi Landi, presidente Castelli del Ducato: «Desideriamo emozionare e rappresentare, raccontare in questo progetto 12 valli, un paesaggio naturale straordinario dall'Appennino al Grande Fiume Po, dove si trovano luoghi reali di cultura, natura e immaginario. 9 meravigliose oasi verdi, tra parchi e riserve naturali – i Parchi del Ducato - custodi di biodiversità. 31 bellissimi Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, riuniti nella più grande rete strutturata con logiche di turismo culturale di rocche, fortezze e manieri non solo dell'Emilia-Romagna ma addirittura d'Italia, con 34 borghi e altrettanti monumenti significativi. Un territorio unico in parte già conosciuto nel mondo per le eccellenze enogastronomiche».

Patrizia Barbieri, sindaco del Comune di Piacenza e socio dei Castelli del Ducato: «Scegliendo i volti femminili chiamati a rappresentare l'Emilia, si è voluto puntare non solo sulla bellezza, ma sul carattere e sull'identità del nostro territorio. E in quei tre aggettivi che si sono voluti accostare all'Emilia presentando questo progetto – "bella, autentica, naturale" – c'è tutta l'immediatezza e la spontaneità che emerge anche dal nuovo portale turistico VisitEmilia, il sito web realizzato da Destinazione Turistica per promuovere itinerari, percorsi, pacchetti turistici che trasmettono, in tutto il loro potenziale, le molteplici suggestioni paesaggistiche, culturali, storiche e gastronomiche di quest'area».

Natalia Maramotti, presidente della Destinazione Turistica Emilia: «Emilia è un bel nome di donna e la nostra terra generosa e accogliente racconta molto del femminile. Le donne d'Emilia sono state e sono protagoniste non meno degli uomini della storia di queste terre. Dare un volto all'Emilia significa valorizzare la nostra calorosa accoglienza e il nostro morbido paesaggio».

Marco Rossi, responsabile marketing e comunicazione dei Parchi del Ducato: «Parchi del Ducato e Castelli del Ducato, con valli e borghi a corollario, sono palcoscenici naturali di storie autentiche, già vissute o tutte da immaginare in maniera così coinvolgente da stimolare il turista a venire qui. Questo amplifica la nostra possibilità di farci scoprire da qualcuno che non aveva neppure idea della nostra esistenza».

 

Aura_Marcelli_copia.jpg

 

La più giovane EMILIA - Aura Marcelli  - In Gallery tutte le 5 EMILIA

 

Fontanincanto 2018 - Festival Internazionale di Circo Contemporaneo a Fontanellato (PR). La festa degli artisti di strada di Fontanellato.

FONTANINCANTO_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_052.jpg

FONTANINCANTO_2018_FOTO_FRANCESCA_BOCCHIA_057.jpg

 

 

 

(Foto di Francesca Bocchia)

Pubblicato in Cultura Parma

La giornata del 23 marzo sarà l'occasione per la Regione Emilia-Romagna di annunciare l'imminente approvazione dalla "Strategia unitaria per la mitigazione e l'adattamento per i cambiamenti climatici in Emilia-Romagna".

Un documento realizzato con la partecipazione di tutto il sistema regionale, nonché delle assistenze tecniche di Arpae ed Ervet, che racconta dell'impegno della regione sui temi della mitigazione, dell'adattamento e della resilienza, definisce gli scenari climatici e i loro impatti nella regione e suggerisce indirizzi per la futura pianificazione e programmazione.

La strategia unitaria prevede inoltre la creazione di un presidio organizzativo per il climate change, finalizzato al monitoraggio dell'efficacia delle politiche regionali in materia, che si avvarrà anche del supporto dell'Osservatorio per gli scenari climatici e gli impatti istituito presso Arpae.
Gli impegni internazionali della Regione Emilia-Romagna sono ulteriormente rafforzati dall'accordo sottoscritto a novembre 2015 con lo Stato della California: il 'Subnational global climate memorandum of understanding', protocollo internazionale per il controllo delle emissioni climalteranti noto come Under2MoU, stilato in preparazione delle Conferenza di Parigi sul climate exchange che ribadisce il ruolo dei governi sub-nazionali nell'attuazione degli obiettivi di Parigi Cop21 sul clima e impegna a ridurre le emissioni dell'80% entro il 2050.

Investiti 250 milioni per clima ed energie rinnovabili
La Regione Emilia-Romagna ha varato investimenti per quasi 250 milioni di euro nel triennio 2017-2019, attraverso il Piano energetico regionale che prevede: rafforzamento dell'economia verde, risparmio energetico, sviluppo di energie rinnovabili, interventi su trasporti, ricerca, innovazione e formazione. Risorse regionali, europee e nazionali programmate al termine di un percorso partecipato, 9 convegni e 4 workshop tecnici, con la presenza di portatori di interesse, cittadini, enti, associazioni, parti sociali. Gli obiettivi fissati nel documento per clima e energia sono: la riduzione delle emissioni climalteranti del 20% al 2020 e del 40% al 2030 rispetto ai livelli del 1990; l'incremento al 20% al 2020 e al 27% al 2030 della quota di copertura dei consumi attraverso l'impiego di fonti rinnovabili, l'incremento dell'efficienza energetica al 20% al 2020 e al 27% al 2030. E proprio trasporti, elettrico e termico, con le loro ricadute sull'intero tessuto regionale, sono i tre settori sui quali si concentreranno gli interventi per raggiungere gli obiettivi fissati dall'Unione europea e recepiti dal Piano.

Nuovi invasi in agricoltura, 18 milioni contro la siccità
Contro la siccità, la Regione Emilia-Romagna ha invece investito 18 milioni di euro sul potenziamento delle infrastrutture al servizio dell'agricoltura per incentivare la realizzazione e l'ampliamento di bacini di raccolta dell'oro blu a uso irriguo di piccole e medie dimensioni, attraverso nuovi invasi per lo stoccaggio dell'acqua piovana per garantire alle aziende agricole adeguate riserve idriche per l'irrigazione dei campi anche in caso di prolungata scarsità di precipitazioni. Lo ha fatto attraverso due distinti bandi del Programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020, rivolti rispettivamente a consorzi tra imprese agricole e ai consorzi di bonifica.

 

RER-Foto_2_1.jpg

 

Pubblicato in Ambiente Emilia
Pagina 1 di 5