Visualizza articoli per tag: scultura

Lunedì, 22 Giugno 2020 16:46

Una scultura in legno per l’Ospedale di Vaio

Un angelo in croce a rappresentare il sacrificio e la speranza.

Il dono di Nicola e Ireneo Passera, per ringraziare i professionisti sanitari e lasciare un ricordo alle future generazioni dell’emergenza dovuta al covid-19.

Un angelo in croce a rappresentare il sacrificio e la speranza è l’opera ideata e realizzata da Nicola Passera, con la collaborazione del padre Ireneo, donata all'Ospedale di Vaio.

Francesco Pignalosa, chef con la grande passione per l'intaglio è uno scultore fuori dal comune, infatti trasforma diversi materiali, in oggetti di rara meraviglia. Di cosa si tratta? Vegetali ed ortaggi; ma anche formaggio e sapone, che grazie alla sua maestria diventano vere e proprie sculture.

Fra le partecipazioni vanta l'esposizione dell'anno scorso presso la Triennale di Milano nella mostra "Gillo Dorfles. Kitsch". Fra i riconoscimenti, la pubblicazione sull'Almanacco 2013 di Sorbolo (Parma), suo paese di residenza. Una passione che l'ha portato ad arrivare anche in tv, alla trasmissione Detto Fatto in onda su Rai 2.

Sfogliate la galleria qui sotto con le foto che ci ha inviato!

Pubblicato in Cultura Emilia

Domenica 19 nella Basilica di S. Marco Ev. di Boretto alle ore 20.45 concerto ad offerta libera interpretato dal maestro Giacomo Monica e dal Coro Montecastello. -

Reggio Emilia, 16 aprile 2015 -

Questa domenica, la Basilica di S. Marco sarà sede del concerto benefico che vedrà le pietre sonore di Pinuccio Sciola, scultore conosciuto in tutto il mondo, interpretate dal maestro Giacomo Monica - docente di violino al Conservatorio A. Boito di Parma - e dal coro Montecastello, nato a Neviano degli Arduini con l'intento di proporre canti ispirati alla cultura popolare dell'Appennino parmense.

L'evento, ad offerta libera, è a sostegno della prosecuzione dei lavori per il restauro della Basilica.

Pieghevole Est Boretto rid

Giovedì 8 maggio, giornta di studi presso l'Istituto Toschi di Parma, laddove sono conservati alcuni degli originali della sua arte scultorea che continua ad incantare per il realismo creativo -

 

Parma, 7 maggio 2014 -

 

Cristoforo Marzaroli, le sue opere, la sua arte, protagonista di una giornata di studi in programma giovedì 8 maggio all’Istituto Toschi di Parma, laddove sono conservati alcuni degli originali della sua arte scultorea che continua ad incantare per il realismo creativo. L’occasione è data dal 150.esimo anniversario della realizzazione della “Nostalgia”, sublime capolavoro di scultura che mette in scena un’avvenente fanciulla che si lascia accarezzare dal tempo che trascorre. 

Ad aprire i lavori di studio, alle 9.45 nell’Aula Magna del Toschi di Parma, il sindaco di Salsomaggiore Filippo Fritelli affiancato dall’assessore Elena Francani, cui seguiranno alle 10 gli interventi degli studiosi: Maurizia Bonatti Bacchini con «Cristoforo Marzaroli e la rappresentazione del sentimento nella scultura dell’Ottocento», Alessandro Milinverni con «La scultura nel ducato parmense al tempo di Marzaroli», Gianantonio Cristalli con «Dal gesso al bronzo: la fusione della “Strega” di Marzaroli» e Giorgio Arcari con «L’intervento di pulitura della “Strega”».

Seguirà alle 12 la visita teatrale alla Gipsoteca curata dalla V°A Discipline dello Spettacolo di Mariangela Dosi, spettacolo che andrà in replica sabato alle 19 e alle 21 con prenotazione obbligatoria allo 0521.282270.  

 

Pubblicato in Cultura Emilia