Guareschi, Capelli e Brigati: “La tutela dell’ambiente riguarda tutti, un plauso alla Polizia Locale che ha identificato e sanzionato il responsabile”

Busseto, 4 novembre 2019 

Continua la cattiva ed indecorosa abitudine, da parte di alcuni sconsiderati cittadini, di abbandonare rifiuti di vario tipo su suolo pubblico. Infatti, nonostante i numerosi, anche recenti, interventi effettuati dalla Polizia Locale del Comando Intercomunale di Busseto, Roccabianca e Soragna, si registrano ancora episodi di questo tipo in diverse zone pubbliche dei territori comunali. In particolare, dagli inizi di ottobre, una zona residenziale del Comune di Busseto è stata teatro, nel corso di alcune tarde serate, di ripetuti e fastidiosi episodi di abbandono di rifiuti solidi urbani di tipo domestico. Alcuni residenti nella zona hanno, quindi, allertato la Polizia Locale al fine di avviare le ricerche dei responsabili. Gli agenti, coordinati dal Comandante Massimiliano Deleo, dopo aver esaminato minuziosamente il contenuto di ogni singolo sacchetto, si sono avvalsi di sofisticate strumentazioni tecnologiche in uso al Comando (tra le quali l’ultima e modernissima telecamera mobile recentemente acquistata dall’Amministrazione Comunale) e delle preziose testimonianze di alcuni cittadini, tra i quali anche un assessore che abita nelle vicinanze della zona incriminata.

Si tratta di un cittadino residente nelle vicinanze che, invece di procedere al normale smaltimento tramite porta a porta, ha pensato di sbarazzarsi dei relativi rifiuti in modo incivile ed a costo zero. La persona, convocata immediatamente presso gli uffici della PL e messa davanti alle numerose prove raccolte, non ha potuto fare altro che ammettere le proprie responsabilità. Il soggetto è stato, quindi, sanzionato in base alle normative vigenti e dovrà pagare una sanzione molto salata, con l’obbligo di immediato e corretto smaltimento dei rifiuti in questione. “Il personale del Comando continuerà ad intensificare questi controlli territoriali, sia diurni che notturni, al fine di sanzionare gli eventuali trasgressori. Si ricorda, inoltre, che, nei casi più gravi, per queste tipologie di violazioni sono previste anche sanzioni di tipo penale. Come spesso accade, sono risultate determinanti le testimonianze dei cittadini. Rinnoviamo, quindi, l’invito alla popolazione a contattare, sempre, le Forze dell’Ordine e gli operatori di Polizia Locale per qualsiasi segnalazione, esigenza, richiesta di informazioni o intervento”, dichiara il Comandante Massimiliano Deleo

Soddisfatti della buona riuscita dell’intervento della Polizia Locale anche gli assessori Stefano Capelli ed Elisa Guareschi, insieme al consigliere Nicolas Brigati. “Il 2019 - ha evidenziato l’assessore Capelli - è stato un anno di ingenti investimenti destinati alla nostra Polizia Locale, in termini di automezzi e di attrezzature che possano servire per la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e per contrastare quei fenomeni di inciviltà che, ultimamente, sono diventati una cattiva abitudine. Al lavoro degli agenti della Municipale, sempre in prima linea, si deve aggiungere quello degli agenti accertatori il cui compito è educare ad un corretto conferimento dei rifiuti e spiegare la tariffazione puntuale e le relative svuotature”. Il ringraziamento al lavoro svolto dalla Polizia Locale arriva anche dall’assessore Elisa Guareschi che ha messo in luce l’importanza dell’azione di controllo quotidiana del territorio come mezzo di contrasto all’atto incivile dell’abbandono dei rifiuti e come mezzo di promozione della corretta gestione degli stessi: “Serve un cambio di prospettiva che comprenda la volontà di rispettare le più semplici norme del buonsenso oltre che il decoro urbano. Obiettivi ambiziosi che possono essere raggiunti solamente con la collaborazione di tutti i cittadini e con la comprensione che le regole vanno rispettate in quanto tali e non solo perché altrimenti scatta la sanzione. La Polizia Locale - conclude - ha svolto un lavoro meticoloso che ha portato ad un risultato eccellente e ha permesso di individuare il responsabile di questo ignobile gesto. La tutela dell’ambiente riguarda tutti noi, nessuno escluso”. Il consigliere con delega all’ambiente Nicolas Brigati ha, infine, concluso sottolineando l’importante lavoro che l’Amministrazione sta portando avanti da inizio mandato per la tutela dell’ambiente: “Il decoro di Busseto e la tutela all’ambiente che ci circonda sono due tasselli importanti su cui stiamo lavorando. La Polizia Locale ha svolto un ottimo lavoro nel rintracciare e nel sanzionare il cittadino responsabile dell’abbandono di rifiuti: ognuno di noi deve fare la sua parte, nel rispetto delle regole, per far sì che tutti i meccanismi - come la raccolta differenziata - messi in atto per tutelare e migliorare l’ambiente che ci circonda siano efficaci. Mi auguro che i cittadini continuino il percorso intrapreso in questa direzione, anche continuando a segnalare gli episodi di abbandono, come avvenuto in questo caso”. 

Si ricorda che il personale di Polizia Locale di Busseto è raggiungibile telefonicamente al numero di Pronto Intervento 329/9056187.

Pubblicato in Cronaca Parma

L’assessore Guareschi: “Un piccolo regalo da parte del Comune, per ringraziare bambini e ragazzi che hanno aderito al Pedibus".

Busseto, 7 ottobre 2019

Nei giorni scorsi l'Assessore alla Pubblica Istruzione Elisa Guareschi e l'Assistente della Polizia Locale Davide Deleo hanno consegnato, alla presenza dei docenti dell'Istituto Comprensivo, pettorine e ponchi per la pioggia a tutti i bambini che hanno aderito al progetto Pedibus.

L'assessore ha ringraziato i docenti della scuola primaria, quali ideatori del progetto; mentre l'operatore di PL Deleo ha sottolineato il grande impegno messo in campo nella realizzazione dell'iniziativa, da subito sostenuta dall'Amministrazione Comunale per il suo grande valore educativo, ricordando come il Pedibus costituisca un modo ecologico, salutare e divertente di recarsi a scuola in compagnia dei propri amici auspicando un'adesione sempre maggiore. 

"Abbiamo ritenuto che il modo migliore per ringraziare le famiglie e i bambini per la fiducia riposta in questo progetto, fosse quello di donare loro delle nuove pettorine che riportassero i loghi dell'Istituto Comprensivo, della Polizia Locale e del Comune di Busseto. Un piccolo regalo da parte del Comune che garantirà ai bambini di camminare in sicurezza, grazie alle pettorine catarinfrangenti. Sono stati due anni entusiasmanti, che hanno visto un grande lavoro da parte delle docenti, della Polizia Locale e soprattutto dei volontari, che gratuitamente hanno donato il loro tempo a questi bambini per accompagnarli a scuola. Ricordo poi che a partire da quest'anno, dopo la sperimentazione di un mese nello scorso anno scolastico, abbiamo formalizzato la chiusura delle strade a fianco dell'edificio scolastico, al fine di far transitare gli alunni in piena sicurezza", conclude la Guareschi.

Esibizione della Banda Giuseppe Verdi a Roma e a Firenze. L’assessore Capelli: “Una vera emozione, grazie ai maestri e ai ragazzi della Banda per questo spettacolo”.

Busseto,

Due giorni all’insegna della musica per la Banda Giuseppe Verdi di Busseto che ha avuto l’onore di esibirsi ai Musei Vaticani a Roma venerdì sera nell’ambito della manifestazione “Musei di sera”, in collaborazione con il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e la Direzione dei Musei e in Piazza della Signoria a Firenze sabato sera in occasione del “Festival Musicale Fiorentino”. La Banda Verdi ha suonato insieme al Corpo Musicale Giacomo Puccini del Comune di Montevarchi, esibendosi in un ampio repertorio di musiche che vanno da Francia, Morbidelli e Cicognini a Verdi e Puccini, passando per compositori contemporanei come Morricone e Armstrong. “E’ stato un onore essere invitato all’iniziativa ‘Musei di sera’ organizzata dai Musei Vaticani, che vede - ogni venerdì - la messa in scena di alcuni concerti. La nostra esibizione insieme al Corpo Bandistico Puccini è stata particolarmente significativa perché preceduta da una prova di soli dieci minuti: per questo spettacolo dobbiamo ringraziare e valorizzare i musicisti dei due corpi bandistici e il grande lavoro dietro le quinte dei due direttori Alessandra Tamborliani e Sandro Satanassi”, afferma il presidente della Banda Verdi Massimo Comati.

Bagno di folla per l’esibizione della banda anche nella serata di sabato, con l’esibizione in Piazza della Signoria di Firenze nell’ambito del “Festival Musicale Fiorentino” organizzato da ANBIMA Firenze Prato e che prevede, ogni sabato un concerto nella centralissima piazza fiorentina. “Due giorni intensi e ricchi di gioia. Vedere il nome di Busseto, della propria città, scritto sui programmi musicali dei Musei Vaticani e del Festival Fiorentino mi rende orgoglioso dell’ottimo lavoro svolto dall’Associazione Bandistica G.Verdi che da oltre un anno sta preparando questa trasferta. Un grande lavoro di squadra - ha commentato l’assessore Stefano Capelli, che ha partecipato alla trasferta romana e fiorentina - per un’esecuzione che rimarrà nella storia e che ha dato lustro e visibilità alla nostra città. Insieme al Corpo Bandistico di Montevarchi hanno regalato un mix di emozioni che solo la musica può dare. Un grazie di cuore ai maestri e ai nostri ragazzi della banda per questa magnifica ed indimenticabile esperienza a cui non si poteva e non si doveva mancare. Insieme a Don Matteo abbiamo partecipato con convinzione a queste manifestazioni: come Istituzioni abbiamo voluto rimarcare l’importanza e l’impegno sul territorio della nostra Banda Verdi, che è fonte di soddisfazione ed orgoglio”. Un’emozione rimarcata anche dal presidente Comati: “Una trasferta che rimarrà nei nostri cuori” e da Don Matteo Piazzalunga che ha ricordato i giorni “fantastici passati con la Banda a Roma e a Firenze”. Il vice parroco di Busseto ha sottolineato l’emozione nel sentire la musica di “Don Camillo e Peppone” e di molti altri pezzi risuonare nei Musei Vaticani e in Piazza della Signoria e “immaginare che in mezzo a secoli di storia e alla bellezza dell’arte riecheggiano le note della nostra Banda. Un orgoglio aver accompagnato giovani ed adulti capaci, suonando insieme, di far muovere le corde del cuore raggiungendo emozioni così profonde, non può che nascere e scaturire la gratitudine. Ringrazio - ha concluso - il Presidente della Banda, Massimo Comati, l’assessore Stefano Capelli, i Maestri e tutti i componenti della banda e accompagnatori, per questa bella occasione”.

Il Comune di Busseto, nell’ambito del Protocollo “Mille Occhi” firmato con la Prefettura di Parma, ha rinnovato la convenzione con la vigilanza privata di IVRI, con un contratto valido per i prossimi tre anni.

Dopo due anni in via sperimentale - ha spiegato il comandante della Polizia Locale Massimiliano Deleo - abbiamo voluto dare continuità all’esperienza di IVRI sul nostro territorio con la stipula di una nuova convenzione della durata di tre anni”. La collaborazione con il servizio di vigilanza privata si inserisce nel contesto già ampio che il Comune di Busseto dedica alla sicurezza e che comprende i controlli delle Forze dell’Ordine, le telecamere di videosorveglianza e le iniziative come il Controllo di Vicinato.

Un servizio - prosegue l’assessore Elisa Guareschi - molto apprezzato dalla cittadinanza. Anche alla luce di questi segnali positivi che ci sono arrivati abbiamo deciso di rinnovare la collaborazione con IVRI. Siamo soddisfatti del lavoro degli agenti di vigilanza privata che, nei giorni di servizio, si interfacciano con i nostri agenti di Polizia Locale per un miglior presidio e controllo del territorio. A tutti loro va il ringraziamento, per l’impegno e la professionalità, da parte dell’Amministrazione Comunale”. 

Gli agenti di IVRI si occuperanno della tutela dei beni pubblici nelle ore diurne e potranno segnalare alla Polizia Locale situazioni di degrado urbano e sociale, oltre che anomalie come l’abbandono dei rifiuti.Il nostro personale - specifica Antonio Assirelli, responsabile IVRI per l’Emilia Romagna - sarà presente al martedì e al venerdì, dalle 9.00 alle 12.00, e controllerà obiettivi specifici segnalati dall’Amministrazione, in costante contatto con la Polizia Locale”. 

Mercoledì 22 maggio in occasione del transito della tappa Carpi-Novi Ligure, che attraverserà Fidenza e Fiorenzuola, il territorio guareschiano sarà oggetto di una bella intervista a tre personaggi che andrà in onda alle 14.00 su Rai Due “Speciale Giro d’Italia”.

L’intervista si terrà presso il Bar Guareschi a Roncole, e saranno protagonisti Giovanni Annoni, il genero di Guareschi, di Sauro Ferrari, il suo idraulico e la signora Fermi di Fiorenzuola, che con Guareschi ballò una volta il Charleston, scoprendo in lui un virtuoso ballerino. L'iniziativa, nata da Rai Due, si è concretizzata con questa intervista, organizzata dal sindaco di Busseto Giancarlo Contini, fervido estimatore del grande scrittore.

Sacchi abbandonati, batterie esauste e rifiuti domestici: la Polizia locale di Busseto individua altri due “furbetti” dei rifiuti. Il Comandante Massimiliano Deleo: “Il sistema di videosorvegliana prezioso per le indagini”.

Busseto, 26 aprile 2019

Non si ferma l’attività di accertamento in materia di tutela ambientale in ambito urbano svolta dalla Polizia Locale del Comune di Busseto. A distanza di poco tempo dai precedenti ed importanti episodi, legati ad ingenti abbandoni di rifiuti, si sono verificati altri due casi nei pressi della discarica comunale mentre la stessa era chiusa al pubblico. Nel primo caso i cittadini hanno segnalato agli agenti la presenza di due sacchi abbandonati e di alcune batterie per autovettura esauste, vicino all’ingresso del centro di raccolta di Via Ricordi; nel secondo caso un soggetto a bordo di un ciclomotore ha lasciato i propri rifiuti urbani all’ingresso dell’isola ecologica, che al momento era chiusa.

Gli operatori del Comando bussetano hanno, quindi, dato avvio alle relative indagini per entrambi i casi utilizzando tutte le risorse a propria disposizione, sia tecnologiche che di intuito investigativo, hanno reperito numerose testimonianze e, infine, hanno effettuato in prima persona la cernita e l’analisi manuale di ogni singolo rifiuto recuperato. Si è, quindi, riusciti ad individuare i due responsabili, entrambi della zona, che, invitati a fornire le proprie argomentazioni in merito all’accaduto, non sono stati in grado di giustificare la presenza dei rifiuti sopra descritti e, di conseguenza, hanno dovuto farsi carico di ogni responsabilità ed addebito oltre che del regolare smaltimento del materiale. “Fondamentale, per lo svolgimento degli accertamenti, il sistema di videosorveglianza che ha permesso di ricostruire i movimenti dei due trasgressori all’interno del territorio comunale. Sono, ormai, numerosi i casi risolti da parte del personale del Comando Associato di Polizia Locale dei Comuni di Busseto, Roccabianca e Soragna a dimostrazione che questo malcostume è sempre più diffuso ma anche che i nostri agenti sono sempre più preparati ed attenti in merito all’individuazione dei responsabili”, ha affermato il Comandante Deleo. Da parte della Polizia Locale e dell’assessore Elisa Guareschi sono arrivati i ringraziamenti alla cittadinanza per le segnalazioni dei casi di abbandono di rifiuto: “Grazie all’importante apporto delle testimonianza dei cittadini - commenta l’Assessore - i nostri agenti sono riusciti a risalire agli incivili che hanno abbandonato i rifiuti. Mi auguro che queste azioni di cittadinanza attiva siano sempre più frequenti e che tutti i bussetani diventino sempre più sensibili alla questione ambientale e alla lotta all’abbandono dei rifiuti. È frustrante doversi occupare continuamente dell’inciviltà delle persone in spregio ad ogni basilare norma di buonsenso”. La Polizia Locale è disponibile per segnalazioni, informazioni o richieste di intervento al numero 329.9056187 dalle 07.30 alle 19.00.

 

Un Teatro Verdi gremito ha accolto, lunedì 17 dicembre, il Comandante Alfa tra i fondatori del Gruppo Interventi Speciali dei Carabinieri: il militare più decorato d’Italia ha dialogato con l’assessore Elisa Guareschi raccontando aneddoti e storie della sua lunga carriera al servizio dello Stato.

Busseto -

Ringrazio i Rescue Dogs - ha affermato l’assessore Guareschi all’inizio dell’incontro - per questa grande opportunità di incontro con il Comandante. Una bella occasione di testimonianza positiva per i nostri ragazzi; un grande onore avere a Busseto il Comandante Alfa a cui la nostra Patria deve molto”. 

Il militare ha raccontato il percorso di formazione e di addestramento per entrare a far parte del reparto dei GIS, punta di diamante dell’Arma dei Carabinieri nelle missioni ad alto rischio nazionali ed internazionali, nelle operazioni di terrorismo, nella liberazione di ostaggi e nella cattura dei criminali più pericolosi.

La sua identità è sconosciuta: il Comandante Alfa indossa il mefisto nero e - come recita uno dei titoli dei suoi libri - ha vissuto “Una vita nell’ombra” partecipando alle più delicate missioni nazionali ed internazionali degli ultimi decenni. 

comandantealfaalteatrodibusseto.jpeg

Intervallato dalle domande dell’assessore Elisa Guareschi, il Comandante Alfa ha ripercorso i tratti salienti della sua carriera: il racconto del salvataggio di Paola Tacchella ha commosso tutto il pubblico presente; mentre il boss arrestato che ha chiesto l’autografo al Comandante ha fatto sorridere i presenti. “Non ho mai provato odio per i criminali che ho dovuto affrontare - ha poi affermato il Comandante - per loro ho sentito solo disprezzo perché non hanno saputo controllare la loro natura animale e hanno lasciato prevalere l’istinto predatore, ritornando bestie”. Un’affermazione che ha permesso ai presenti di riflettere anche sul ruolo degli uomini del GIS che non è quello di giustizieri: “Oltre al professionista - conclude l’assessore Guareschi - oggi abbiamo conosciuto anche l’aspetto umano; Alfa è un uomo che ha sempre avuto rispetto per il suo nemico, perché il suo compito era quello di assicurarlo alla giustizia e non quello di giudicarlo, dimostrando un grandissimo lavoro frutto dell'addestramento  serrato che consente anche il controllo delle proprie emozioni”. 

Molto partecipata anche la presenza dei ragazzi dell’Istituto Comprensivo e della Scuola “Il Seme” che sono intervenuti con domande e curiosità. Al termine dell’incontro l’Amministrazione, rappresentata dal vice sindaco Gianarturo Leoni, dall’assessore Guareschi e dal consigliere di maggioranza Nicolas Brigati ha ringraziato il comandante per l’impegno profuso per il Paese e per il servizio allo Stato.

ilcomandantealfaincontraglistudenti.jpeg

 

 

 

 

Mercoledì, 12 Dicembre 2018 15:20

Il Comandante Alfa al Teatro Verdi di Busseto

Il Comandante Alfa, militare più decorato d’Italia, incontra gli studenti di Busseto. Un appuntamento aperto alla cittadinanza. 

Busseto -

Nell’ambito del progetto di educazione alla legalità e lotta contro il bullismo e cyberbullismo il Comandante Alfa sarà al Teatro Verdi di Busseto il prossimo 17 dicembre.

Dalle 10.30 alle 12.00 è previsto un incontro del Comandante con i ragazzi delle classi dell’Istituto Comprensivo e della Scuola ‘Il Seme’, aperto alla partecipazione di tutta la cittadinanza: l’assessore alla Sicurezza e alla Pubblica Istruzione Elisa Guareschi dialogherà con il Comandante e ripercorrerà le tappe salienti della storia del militare, tra i fondatori del Gruppo d’Intervento Speciale dell’Arma dei Carabinieri. 

Il Comandante Alfa è il militare più decorato d’Italia: ha partecipato, tra le altre, alle missioni in Iraq e in Afghanistan ed è stato insignito di riconoscimenti istituzionali come il Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia e la Croce d’Oro al Merito dell’Arma dei Carabinieri. L’incontro è organizzato dall’associazione Rescue Dog, con la collaborazione del Comune di Busseto: proprio con l’associazione il Comandante sta collaborando per la formazione del personale. 

Siamo onorati - afferma l’assessore Elisa Guareschi - di avere a Busseto una persona di grande spessore alla quale il nostro Paese deve molto. Per i ragazzi sarà un momento formativo, di incontro e di confronto, di grande valore. Ringrazio Jair Zurolo, responsabile tecnico di Rescue Dogs per aver regalato a Busseto la possibilità di questo incontro”.

ComandanteAlfaaBusseto.png

Fonte: Comune di Busseto

Al via i lavori programmati all'interno del Progetto per la Valorizzazione e Riqualificazione del Centro Storico presentato dal Comune di Busseto e finanziato anche dalla Regione Emilia Romagna.

Busseto, 9 ottobre 2018 | La prima serie di interventi è già partita e riguarderà il rifacimento dell'asfalto di via Scarlatti, via Pettorelli e una parte di via Eletti, dove verrà anche realizzata la pavimentazione in portico e il rifacimento del fondo, delle caditoie e della rete fognaria in stretto rapporto con i gestori pubblici dei sottoservizi.

"La scelta - spiega il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici Gianarturo Leoni - di focalizzare l'intervento su via Scarlatti e via Pettorelli nasce dalla volontà dell'Amministrazione di recuperarle dal degrado in cui versano da troppi anni". Per gli interventi previsti nel progetto di riqualificazione sono stati stanziati 350mila euro, di cui 134mila arrivano dalla Regione.

Nel corso dell'anno i lavori, della durata di sessanta giorni salvo imprevisti, proseguiranno con il per-fezionamento dei sistemi di delimitazione e interdizione all'isola pedonale, con l'installazione di fio-riere e piloncini mobili che permettano di garantire la sicurezza dei varchi di accesso in occasione di eventi e manifestazioni. Inoltre rientrerà nel piano di riqualificazione anche il miglioramento dell'illuminazione urbana con l'installazione di led a basso consumo energetico e l'illuminazione ar-tistica di Piazza Verdi.

"La nostra ambizione, nei prossimi anni di mandato, è di riqualificare tutte le zone centrali con l'utilizzo di materiali di pregio esteticamente omogenei, in grado di esaltare la funzione del centro sto-rico di Busseto: la vitalità e l'attrattiva turistica passa anche dalla manutenzione delle strade", conclude Leoni auspicando che i proprietari degli immobili facciano la loro parte per recuperare il patri-monio storico e culturale della Terra di Verdi.

Martedì, 29 Maggio 2018 09:25

Street food e Moto Guzzi: un successo

Un altro weekend ricco di eventi si è appena concluso a Busseto: il Borgo che ha dato i natali a Giuseppe Verdi e Giovannino Guareschi ha visto un grande afflusso di persone - sia residenti sia turisti - in occasione delle diverse manifestazioni che si sono svolte sul territorio. "Sapori, motori e colori - ha affermato l'assessore Marzia Marchesi - ha portato in Paese oltre 5mila appassionati di buon cibo, che hanno assaporato le prelibatezze proposte dai Food Truck dello Street Food Parade. Importante la partecipazione dei commercianti che hanno tenuto aperte le botteghe del centro storico, collaborando alla buona riuscita della manifestazione".

Diverse le manifestazioni collaterali che si sono aggiunte allo Street Food Parade: il raduno di Moto Guzzi, il Mercato del Forte e l'esposizione dei truck dell'Associazione Scappati da Casa, che hanno raccolto fondi per la Pubblica Assistenza di Busseto. "Anche gli artisti di strada, che si sono esibiti nel pomeriggio - ha continuato l'Assessore - hanno collaborato alla buona riuscita del weekend, coinvolgendo con le loro performance grandi e piccoli spettatori".

eventi-busseto-parma-2018.jpg

Soddisfatto della buona riuscita del weekend bussetano è anche il capogruppo di maggioranza e delegato al turismo Nicolas Brigati: "In questi tre giorni - ha affermato - sono state tantissime le persone che si sono riversate nel nostro Borgo seguendo le diverse iniziative che abbiamo proposto. Come Amministrazione ci stiamo impegnando per realizzare sempre più eventi e manifestazioni che possano portare visitatori a Busseto, sia nell'ottica di far conoscere e valorizzare le nostre eccellenze; sia per incentivare il turismo e favorire lo sviluppo e la crescita degli esercizi commerciali".

Quest'anno lo Street Food Parade è giunto alla seconda edizione e ha portato con sé numerose novità ed un considerevole aumento di truck, persone coinvolte e visitatori. "Nei prossimi anni - conclude la Marchesi - speriamo di poter raggiungere numeri sempre maggiori, in termini di eventi e di visitatori".

Pagina 1 di 2