Visualizza articoli per tag: ambiente

Egregio Direttore,

Martedì sera, 30 agosto, la trasmissione “Fuori dal Coro” condotta, su Rete4, da Mario Giordano, ha trasmesso un servizio dedicato ai cambiamenti climatici. Servizio che ha compreso anche una brevissima intervista al sottoscritto, ma che in realtà mi ha lasciato sbalordito. E’ giusto e doveroso infatti che la gente, almeno chi è dei nostri territori, conosca gli antefatti e come sono andate le cose., che ora vado a descrivere.

Il giorno venerdì 26 agosto, a Polesine Zibello, è giunto l’inviato (che volutamente non voglio citare) della trasmissione “Fuori dal Coro”, col quale si era concordata una intervista sul Grande fiume nel corso della quale si sarebbe parlato dei borghi scomparsi, nel corso dei secoli, per erosione del fiume Po, su tutti Polesine di San Vito. Questo ha significato, per il sottoscritto, restare a totale ed esclusiva disposizione della troupe televisiva dalle 10 alle 16. Ha significato anche tenere impegnate altre due persone: l’amico professor Davide Persico, sindaco di San Daniele Po e docente all’Università degli Studi di Parma, che, con grande disponibilità ha dedicato quasi un’ora del suo tempo all’intervista richiesta (per inciso) dall’inviato e l’amico Maurizio Gobbi che, con altrettanta disponibilità, ha messo a disposizione la sua imbarcazione per portare la troupe a vedere le mura di Polesine di San Vito.

resti_di_Polesine_di_San_Vito.jpeg

Mura di Polesine di San Vito - foto di Paolo Panni

Giusto far notare che, sia il sottoscritto che gli amici Persico e Gobbi hanno tolto tempo ad impegni professionali e personali per essere a disposizione di chi aveva richiesto il loro intervento.

Tra le altre cose (particolare di non poco conto), nel corso delle interviste, sia il sottoscritto che il professor Persico, a proposito di cambiamenti climatici, hanno evidenziato come questi siano in buona parte dovuti alle azioni dell’uomo.

Intorno alle 16 le registrazioni si sono concluse con la promessa che il servizio sarebbe appunto andato in onda martedì 30 agosto, durante la trasmissione succitata.

Premesso che nessuno si sarebbe ovviamente aspettato ore di reportage, era comunque legittimo attendersi un servizio realizzato con professionalità e, soprattutto, capace di comunicare il senso delle interviste rilasciate.

Il risultato è stato invece sconfortante e, me lo consenta, vergognoso. E’ stata trasmessa solo una brevissima intervista al sottoscritto estrapolando una piccola chicca storica cinquecentesca. Tutto il resto è finito nel nulla. Censurato Polesine di San Vito, censurata integralmente e totalmente l’intervista rilasciata dal professor Persico, censurata anche la trasferta in barca resa possibile grazie alla disponibilità di Maurizio Gobbi.

Nel complesso ne è uscito un servizio, sul quale preferisco non spendere alcun commento, in cui il conduttore ha voluto far emergere una interpretazione, evidentemente tutta sua (o dei suoi editori?) secondo la quale i cambiamenti climatici ci sarebbero sempre stati e sarebbero dovuti solo all’opera della natura.

Ora, premesso che ognuno è libero di pensarla come crede, e premesso che se il signor Giordano intende essere “fuori dal coro” è libero di starci, è altrettanto vero che censurare ciò che evidentemente non piace e tenere per buono solo ciò che fa comodo, è un comportamento che di professionale non ha nulla, ben lontano da quei valori di correttezza ed onestà che dovrebbero albergare nell’animo di chiunque.

Per inciso è anche bene rimarcare che l’inviato della trasmissione televisiva, pur essendo in possesso dei contatti sia del sottoscritto che del professor Persico, si è ben guardato, prima e dopo la trasmissione, dall’avvertirci dei tagli operati e del senso che avrebbe voluto dare al suo servizio. Per carità, non era dovuto avvertirci; trattasi sempre di correttezza ed onestà (soprattutto personale più ancora che professionale). Nulla di più.

Se poi il conduttore ed i suoi inviati sono abituati a legare l’asino dove vuole il padrone, si tratta di una loro libertà, lontana comunque anni luce dal mio modo di agire e di pensare. Preferisco restare un “battitore libero” (pagandone anche le eventuali conseguenze) piuttosto che legare l’asino dove vuole qualsiasi padrone. Ma per strada, come sul fiume, continuo ad andare con fierezza ed a testa alta.

Mi si consenta infine una considerazione (che rientra sempre nel campo delle libertà personali). Da almeno due anni mi rifiuto categoricamente di seguire il cosiddetto mainstream televisivo (convintissimo del fatto che molte informazioni, comprese quelle sui fatti più importanti, compresi quelli relativi alla pandemia, siano pilotate e montate ad arte, lo dimostra il fatto che di certi argomenti parlano sempre e solo i soliti noti): preferisco di gran lunga una camminata sugli spiaggioni o tra i boschi del Po. Anche questo episodio accaduto in questi giorni mi ha dato conferma del fatto di aver ragione.

Paolo Panni, Eremita del Po

Pubblicato in Ambiente Emilia

E' stato conferito oggi da FEE Italia – Foundation of Environmental Education - al Comune di Parma il riconoscimento nazionale "Spighe Verdi" 2022

Pubblicato in Ambiente Parma

L’ente continuerà l’erogazione sia per fini irrigui che per gli usi plurimi finché permarrà disponibilità di acqua e sarà possibile derivarla, sempre nel rispetto delle misure distrettuali e regionali

A Tizzano Val Parma (PR) la seconda giornata della Conferenza regionale. Bonaccini: "Continuiamo a investire in Appennino, entro la fine della legislatura banda ultralarga per internet in tutti i comuni montani"

In questi anni due miliardi di euro nelle aree appenniniche. Dall'obiettivo nidi gratuiti al nuovo bando per le giovani coppie che acquistano o ristrutturano casa, fino al sostegno alle imprese: tutte le misure regionali e le risorse nelle singole province

Pubblicato in Ambiente Emilia
Martedì, 12 Luglio 2022 10:28

"Allarme siccità in pianura padana".

L'Osservatorio: " Piogge assenti e caldo nei prossimi giorni".

Pubblicato in Ambiente Emilia
Lunedì, 11 Luglio 2022 06:05

"Inaugurazione della Ciclovia del Santerno".

Più di 40 Km tra natura e città.

Pubblicato in Ambiente Emilia

La prima settimana di luglio gli operatori di Montagna 2000 sono stati impegnati, oltre alla normale attività di routine, in essenziali lavori di contrasto all’emergenza idrica sul territorio

#siccità - 30 giugno – “Giunti alla quarta crisi idrica in appena dieci anni, è necessario pianificare quanto prima un’azione sinergica su grandi invasi e piccoli accumuli distribuiti territorialmente. Siamo pronti a chiedere uno sforzo nella prossima Legge di Bilancio per un piano shock da 2 miliardi di euro.

Pubblicato in Ambiente Emilia

Di Andrea Caldart Cagliari, 28 giugno 2022 (Quotidianoweb.it) - Non c’è giorno che passa che non si intercetti la frase: la transizione energetica permetterà al mondo, all’Europa, di liberarsi dalla dipendenza dal petrolio e dal gas e dal carbone.

Pubblicato in Ambiente Emilia
Pagina 4 di 131