Visualizza articoli per tag: abbigliamento

MORGAN VISIOLI FASHION ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI STILE, RICERCA, FASCINO

Valori Made Italy, alta qualità del design e dei tessuti, unite ad un'ottima vestibilità per lei e lui

Il brand Morgan Visioli Fashion nasce a Parma dallo spirito creativo dello stesso Morgan, specialista della bellezza. La sua personalità eclettica e il suo innato senso per lo stile hanno dato vita a tre grandi passioni: l’estetica, il benessere e la moda, che trovano ispirazione nell'arte e nel design. La linea è stata concepita per fornire al cliente un prodotto di qualità e di competenza tecnica.

Le nuove tendenze stilistiche, che si uniscono alla tradizione del Made in Italy, sono frutto di anni di studio e di ricerca tecnica. Stili unici, lontani dalla semplice imitazione di mode del momento, mettono insieme ritmo ed energia ad una raffinata eleganza. Cura dei dettagli, attenzione nella qualità ed eccellenza stilistica danno vita a creazioni di affascinante audacia.

Il brand Morgan Visioli Fashion si adatta a stile e corpo di ogni personalità, donando un’ottima vestibilità per un pubblico sia femminile, sia maschile, dal genere fashion, elegante, casual, a quello sportivo o professional per il settore bellezza, ristorazione e club.

Inoltre, MV Fashion propone ad aziende e privati linee di abbigliamento personalizzate con la possibilità di creare la propria divisa professionale.

La nuova collezione di abbigliamento e accessori uomo e donna per l'autunno/inverno 2020-2021 è disponibile sul sito e sui canali social:

www.morganvisiolifashion.com - www.facebook.com/mvfashionsempre - www.instagram.com/morganvisiolifashion/

e presso lo store di via Vigotti, 4 a Parma.

 

Pubblicato su:

https://ducatonline.wordpress.com/2020/10/22/morgan-visioli-fashion-made-in-italy-in-versione-ducale/

Pubblicato in Economia Parma

La moda usa e getta ha conquistato il secondo posto per consumo idrico. L'impatto sull'ambiente è diventata vera e propria emergenza.

di Virgilio Parma 3 aprile 2018 - Non solo "Agricoltura". L'ecosistema sembrava compromesso quasi esclusivamente per effetto dei danni causati dall'agricoltura e in particolare dalla zootecnia.

Il grande utilizzo d'acqua è il punto debole sul quale si concentravano le accuse al settore primario e in seconda battuta l'inquinamento da chimica per le colture agricole e da emissioni in atmosfera degli allevamenti zootecnici.
Per molto tempo, almeno stando alle cronache giornalistiche, l'agricoltura è apparsa come il male per eccellenza dell'ambiente.

Invece, pian piano e ovviamente con le dovute cautele perchè i soggetti coinvolti sono economicamente potenti e danno, più o meno, "da mangiare e poco più" a milioni di persone, l'industria tessile si scopre essere una vera e propria catastrofe ambientale.

Sotto la lente d'ingrandimento in particolare è la "fast Fashion", la moda del basso costo e delle "52 micro stagioni" che negli ultimi 20 anni ha spinto a mutare radicalmente i comportamenti d'acquisto dei consumatori.

Secondo uno studio McKinsey - richiamato da Valerio Gualerzi su Repubblica.it -, "tra il 1995 e il 2014 il prezzo dei capi di abbigliamento è cresciuto molto più lentamente di quello di tutti gli altri beni di consumo, con un record nel Regno Unito dove, a fronte di un aumento del 49% del prezzo medio delle merci, quello del vestiario è diminuito invece del 53. Un crollo che ha conquistato folle di consumatori, innescando un meccanismo infernale".

Un tempo eravamo abituati alle due stagioni della moda "Autunno-Inverno" e "Primavera-Estate", con l'avvento delle gradi catene come H&M e Zara per intenderci, ogni settimana è una nuova stagione di moda e il basso costo dell'Outfit spinge al cambiamento e i capi, secondo uno studio delle Nazioni Unite, vengono indossati per la metà del tempo rispetto gli anni 2000, mentre circa il 40% non viene proprio mai indossato.

Secondo il medesimo studio, presentato il mese scorso a Ginevra, come riportato da Wwd.com richiamando le parole di Olga Algayerova, executive secretary della U.N. Economic Commission for Europe, questa industria, il cui valore globale si aggira sui 3mila miliardi di dollari, sia la seconda al mondo per consumo di acqua, produca il 20% del totale delle acque di scarico e il 10% delle emissioni globali.

A ciò si aggiunga il fatto che le fabbriche di cotone utilizzano un quarto di tutti gli insetticidi e l'11% per cento dei pesticidi usati a livello globale, a fronte di un misero 3% dell'investimento in superficie agricola totale. Un impatto, quello della produzione del cotone, ben visibile anche dal satellite, dove si rileva che il lago d'Aral si è ridotto al 10% rispetto agli anni '60 per effetto delle piantagioni di cotone Kazako.

E' evidente che si è di fronte a una vera e propria emergenza.

Dopo l'industria dell'estrazione dei minerali, la seconda per impatto ambientale è quella legata all'abbigliamento.

Per certi versi il mondo del "Fast Fashion" è molto prossimo al regno petrolifero. A partire dal 2007, infatti, il poliestere è diventato la fibra più diffusa per l'abbigliamento con ripercussioni drammatiche anche per l'inquinamento degli oceani dove la maggior parte degli scarti infine giunge.

In conclusione, se gli ambientalisti chiedono all'industria tessile pratiche industriali molto meno impattanti, è il cambiamento nel comportamento del consumatore che potrebbe fare la differenza riducendo drasticamente la domanda di moda "usa e getta".

 

Pubblicato in Ambiente Emilia

Perpetrano una rapina in un negozio di abbigliamento. La Polizia arresta un giovane senegalese.

Nel pomeriggio di sabato scorso personale del Nucleo Volanti della Questura di Parma ha arrestato un cittadino senegalese di 20 anni per rapina aggravata in concorso.

Tre uomini e due donne di colore, entravano in negozio di abbigliamento del centro e, dopo essersi divisi in due gruppi, iniziavano ad aggirarsi con fare sospetto fra gli espositori.
Uno di questi gruppi, composto da due ragazzi, veniva sorpreso ad occultare alcuni capi di abbigliamento in uno zainetto, dall'addetto alla vigilanza del negozio che chiedeva loro di mostrare il contenuto.
Mentre si accingeva ad effettuare il controllo, uno dei due ragazzi strappava dalle mani dell'addetto alla vigilanza lo zainetto lanciandolo in direzione del complice che nel frattempo si era dato alla fuga, permettendogli di allontanarsi con lo zainetto contenente i capi di abbigliamento rubati.

Il tentativo dell'addetto alla vigilanza di inseguire il fuggitivo veniva vanificato dall'intervento del complice che lo aggrediva e lo bloccava.

Con l'ausilio di un altro dipendente dell'attività commerciale, l'addetto alla vigilanza riusciva a trattenere il giovane di colore in attesa dell'arrivo della Polizia che immediatamente giungeva sul posto.

Il malvivente veniva bloccato, accompagnato presso la Questura di Parma, tratto in arresto e posto a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.
Le indagini proseguono per individuare gli altri complici e stabilire se gli stessi siano responsabili di altri analoghi fatti delittuosi.

Pubblicato in Cronaca Parma
Venerdì, 16 Giugno 2017 15:30

Estate: una vacanza in moto così

L'estate oramai è quasi alle porte e la temperatura in sella alla propria motocicletta inizia a farsi sempre di più elevata e, proprio per questo, è fondamentare scegliere i giusti capi d'abbigliamento, così da non ritrovarsi in qualche località troppo accaldati per una scelta fatta in malo modo.

A tal proposito, quindi, è fondamentale rivolgersi a un professionista, facendosi consigliare tutti i migliori capi d'abbigliamento moto estivo, così da poter viaggiare freschi, ma allo stesso tempo proteggendo le aree più importanti del nostro corpo come le mani, la schiena e le gambe.

Iniziamo parlando proprio di un accessorio utile a rendere impeccabile il nostro abbigliamento: stiamo parlando dei guanti, che nella variante estiva sono progettati con materiali da uno spessore compreso tra lo 0.6 e 0.8 mm quando si tratta di prodotti in pelle oppure sono sintetici con tessuto areato, così da non far sudare la mano. I guanti, come potrete ben immaginare, svolgono un ruolo importante per la protezione del dorso, del palmo, nonché delle nocche della mano. In base alla stagionalità potrete decidere di avere sempre con voi due paia di guanti, così da affrontare al meglio il viaggio con la motocicletta.

Per quanto riguarda l'abbigliamento vero e proprio, invece, parliamo di giacche, pantaloni e tute: i primi due elementi possono essere sostituiti dalla tuta, ma qui è solo questione di gusti! Ad ogni modo, quando si acquistano questi capi d'abbigliamento per l'estate è necessario fare attenzione ai materiali scelti per la loro realizzazione. In tal caso, dovrete preoccuparvi anche delle protezioni: difatti, molte giacche sono già equipaggiate con la tasca per il paraschiena, così da proteggere correttamente la spina dorsale. Durante la stagione estiva, però, vi sono molte persone che preferiscono muoversi sul proprio mezzo, indossando solamente la protezione per la schiena, rinunciando così a una giacca vera e propria.

Il nostro consiglio è quello di selezionare una giacca, meglio ancora se con zip di raccordo con i pantaloni, così da sentirvi comodi e allo stesso tempo protetti. Potrete anche acquistare un bel giubbotto in poliestere e mesh, così da ottenere il massimo del confort in fatto di areazione durante i vostri spostamenti più lunghi per andare verso le spiagge per una gita al mare. Ricordatevi, comunque, di controllare se tutti i capi di abbigliamento per l'estate siano dotati di protezioni con omologazione CE, perché solo in questa maniera potrete essere realmente certi di indossare un prodotto ottimo e, soprattutto, sicuro per le articolazioni.

Infine, ultime nella lista ma ugualmente importanti, ci sono le scarpe che dovranno consentire ai piloti – uomini o donne che siano – di potersi muovere agevolmente e avere un'ottima presa su freno e cambio. In commercio si trovano sia scarpe basse che stivaletti e vi sono anche calzature rese più femminili per via dei colori e dei modelli, dotati addirittura di tacco. Una buona scarpa deve avere una suola di ottima qualità, in grado di proteggerei e far traspirare bene il piede, così da non sudare troppo durante gli spostamenti in moto.

Non dimentichiamoci neppure che le scarpe dovranno essere waterproof: spesso, durante le traversate più lunghe, si può incappare in qualche temporale estivo e, quindi, è meglio evitare di ritrovarsi con i piedi a mollo nel bel mezzo del viaggio. Ricordatevi che sarà fondamentale far attenzione anche ai capi d'abbigliamento che indossiamo: se sono in grado di proteggervi dalla pioggia non ci saranno problemi, ma in alternativa potrete acquistare anche delle protezioni specifiche per ripararvi dalla pioggia e dal freddo.

Pubblicato in Motori Emilia