L'associazione Cuochi di Como ha partecipato a un educational tour nello storico salumificio...

 

Colorno (Pr), 18 marzo 2014

Da Como a Parma per scoprire la cultura gastronomica locale e i segreti del Culatello di Zibello Dop. Oltre 50 chef e ristoratori delle associazioni “Cuochi di Como” e “50&più” hanno fatto visita ieri al ristorante Al Vedel e al salumificio Podere Cadassa di Colorno, per un educational tour fra saperi e sapori della Bassa parmense.

I visitatori sono stati accompagnati da Marco Pizzigoni ed Enrico Bergonzi in una visita guidata d'eccellenza attraverso le varie fasi di produzione del Culatello di Zibello Dop, per completare il percorso nella storica cantina dei salumi, dove il processo di stagionatura avviene ancora secondo il metodo tradizionale.

I cuochi comaschi hanno così potuto apprendere tutti i segreti per realizzare il Culatello e toccare, letteralmente con mano, il pregiato insaccato. Per l'occasione è stato infatti organizzato un divertente stage di legatura del Culatello, per provare in prima persona la particolare tecnica di cucitura con spago a nodo scorsoio che conferisce al prodotto la classica forma "a pera".

Il percorso alla scoperta del Culatello è poi proseguito nella storica cantina, dove i salumi riposano uno accanto all'altro, sviluppando quei sapori che rendono questi prodotti unici al mondo. Le centinaia di Culatelli appesi a pareti e soffitto hanno suscitato un forte stupore da parte degli ospiti, piacevolmente colpiti dallo spettacolo e dal caratteristico profumo delle cantine naturali. Fra Culatelli, salami, coppe e fiocchi, Marco Pizzigoni ha illustrato la fase di stagionatura dei salumi e le modalità per degustare al meglio i diversi insaccati.

E dopo la visita guidata, il gruppo ha potuto degustare prima un tradizionale aperitivo a base di torta fritta e Spalla Cotta calda e poi il ricco pranzo con la proposta dei piatti tipici della cucina locale, come Culatello di Zibello Dop, strolghino, mariola fino ai tortelli d'erbetta e alla punta di vitello ripiena al forno.

 

(Fonte: ufficio stampa Erika Ferrari)

 

 

 

Venerdì serata gourmet al ristorante Al Vedel di Colorno insieme all'esperto affinatore Enrico Panzarasa -

Colorno (Pr), 19 febbraio 2014 –

Dal Pecorino di Pienza al Blue Shropshire, dal Bitto al Reblochon fermier. Un viaggio nel gusto fra cultura enogastronomica e territorio è quello proposto da "I segreti del formaggio", la serata gourmet organizzata per venerdì 21 febbraio al ristorante Al Vedel di Colorno. Non una semplice cena, ma un'esperienza sensoriale grazie alla quale scoprire vere eccellenze del settore lattiero-caseario provenienti da Italia, Francia e Svizzera: piccole produzioni di alta qualità che unisco tradizione e arte casearia. Un viaggio nei luoghi, nella storia e nella cultura di prodotti di eccellenza, fra caprini, pecorini e formaggi di latte vaccino, appositamente scelti da Enrico Panzarasa, fra i migliori "nasi" italiani. Selezionatore e affinatore di formaggi di lunga esperienza, Panzarasa accompagnerà il pubblico del Vedel alla scoperta di vere eccellenze produttive con uno stile appassionato, capace di conquistare anche il palato più esigente.
Per l'occasione lo chef Enrico Bergonzi, patron del Vedel, ha elaborato un menu tematico, interamente dedicato ai formaggi. Dall'antipasto al dolce, la proposta culinaria si presenta come un vero percorso del gusto fra eccellenze alimentari e rarità del settore caseario. Un piccolo buffet di benvenuto accoglierà il pubblico, con nocciole del Piemonte al Cream Cheese, Peperone del Piquillo alla Tomme Nature e Taleggio in carrozza, per poi passare all'insalata di puntarelle, Pecorino di Pienza e aceto balsamico, accompagnati dalla selezione di salumi tipici della Bassa parmense. Si proseguirà con i primi piatti che includono i Cannelloni alla verza con fonduta di Blue Shropshire e Porto rosso e Gnocchetti al grano saraceno con fonduta di broccoli e Bitto, pancetta affumicata croccante. E poi loro, i veri protagonisti della serata: due selezioni di raffinati formaggi che includono prodotti realizzati con metodi esclusivamente artigianali, come: la Ricotta scorza nera, il Reblochon fermier, l'Etivaz, il Ficu, il Blu di Bagnoli, il Caciocavallo podolico.
Non solo formaggi e buona cucina caratterizzeranno la serata di venerdì. Il menu prevede infatti piacevoli sorprese di gusto anche in tema di vini. Le varie portate saranno abbinate a una selezione di calici, sapientemente scelte da Marco Pizzigoni che includono: Brut Metodo Classico 2011, Pinot Bianco Dellago, Amarone della Valpolicella e Moscato Rosa.

La serata è organizzata in collaborazione con il marchio "Non toccatemi il formaggio" di Selecta.

Per info complete sul menu e prenotazioni: tel. 0521 816169 – mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(Fonte. ufficio stampa Erika Ferrari)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Un percorso alla scoperta del territorio che parte dalla provincia di Parma e non solo, per spingersi oltre i confini nazionali, attraverso un uso consapevole della bicicletta: Bicinsieme presenta il Programma 2014 -

Parma, 24 gennaio 2014 -

Esplorare il territorio immersi nella natura, scoprire tragitti poco battuti e trafficati, solo per il piacere di pedalare insieme, senza agonismo. Tante escursioni aperte a chiunque voglia partecipare e non solo; un programma ricco di sfaccettature, quello che l'Associazione Bicinsieme, che rappresenta a Parma, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta, organizza per il 2014, per promuovere il concetto di mobilità sostenibile.
Pedalate insieme, alla scoperta del territorio utilizzando la bicicletta come mezzo di promozione per un turismo sostenibile, dolce e lento, che sarà sviluppato con varie iniziative, in collaborazione con altri settori del territorio, dalla Provincia, alla Confesercenti, a Viaggi Verdi nell' ambito del Festival ITACA sul turismo sostenibile. Dal 2 marzo a fine novembre, un ricco programma di biciclettate per tutti i gusti e per "tutte le gambe" dalle gite di poche ore, a quelle di alcuni giorni, vedranno la scoperta di luoghi della provincia di Parma e non solo. Dalla Bassa alle montagne del Trentino, dalla ciclabile della Fata Bema a Montechiarugolo, per spostarsi poi in Toscana, dal Chianti alle crete senesi, da Colorno e Torrecchiara alla Costa Adriatica. Biciclettate di gruppo, per il piacere di stare insieme, che partono principalmente da Parma, ma non solo, e si spingono anche oltre i confini nazionali, prediligendo il treno sui cui trasportare tranquillamente la propria bicicletta, per una mobilitazione sostenibile. Una fitta rete di percorsi, ciclo-turistici caratterizzati da due principali assi: la "Ciclo-Po" che da Piacenza attraversa tutta la provincia di Parma passando sull'argine del Po per arrivare a Guastalla e la "Ti-Bre-Dolce" che da Sacca passa a Colorno, Parma, Sala Baganza, Calestano, Berceto per arrivare al Passo della Cisa e proseguire in Lunigiana.
Tante le mete, con itinerari culturali o eno-gastronomici, tra cui il November Porc, divenuta tappa fissa dell'associazione negli anni e l'introduzione per il 2014 dell'escursione natalizia ai presepi di Bazzano.
Escursioni consapevoli, punto di arrivo di un percorso teorico-pratico, che inizia dalla conoscenza del mezzo, dagli effetti benefici per l'ambiente e per la salute che ne derivano e dalle regole da seguire per un utilizzo appropriato, con incontri che l' associazione organizza per preparare i partecipanti alle ciclo-escursioni. L'importanza del tema della sicurezza è messo in risalto nel nuovo programma, in semplici regole che Bicinsieme invita a seguire per viaggiare in maniera consapevole. L'associazione ha in programma inoltre, molte attività in cui verranno coinvolte l'ACI, l'AVIS e la Polizia Municipale con la collaborazione dell' amministrazione comunale proprio per collaborare sul tema della sicurezza stradale e realizzare una mobilità sostenibile e sicura.

In allegato scaricabile il programma 2014

 

Alla Casa della Salute, quattro incontri organizzati dall'Azienda USL di Parma: il primo appuntamento il 29 gennaio alle 14.30 -

Parma, 24 gennaio 2014 -


Inizia il 29 gennaio il secondo ciclo di incontri organizzato dall'Azienda USL di Parma dal titolo "Contro la violenza sulle donne".
Obiettivo dell'iniziativa – rivolta agli operatori della Casa della Salute, a rappresentanti di associazioni di volontariato e più in generale alla cittadinanza - è accrescere la conoscenza e la consapevolezza del problema della violenza di genere e quindi progettare nuove proposte di cooperazione. Saranno approfonditi diversi temi: da come riconoscere precocemente la violenza, all'ascolto e presa in carico della vittima.
I quattro incontri – tutti con inizio alle 14.30 - si tengono alla Casa della Salute di via Suor Maria Rossi, n. 3, la prima sul territorio provinciale ad offrire accoglienza e ascolto alle donne che hanno subito violenza.
L'appuntamento di mercoledì 29 gennaio affronta il tema "La relazione violenta, i suoi protagonisti e i suoi spettatori", con gli interventi di Massimo Fabi, direttore generale dell'AUSL, Maria Inglese, psichiatra dell'AUSL e Vincenza Pellegrino, sociologa dell'Università di Parma.
L'iniziativa continua poi con questa programmazione. Il 19 febbraio, "Ascoltare la violenza", con Vincenza Pellegrino e Maria Grazia Loss, direzione attività socio-sanitarie dell'AUSL; il 12 marzo, "Orientare chi subisce violenza", con Alessia Frangipane, assessorato politiche sociali Provincia di Parma e Vincenza Pellegrino; il 16 aprile, "Proposte concrete per l'implementazione di azioni contro la violenza nelle Case della Salute", con Vincenza Pellegrino.
L'evento è organizzato in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna e l'Università degli Studi di Parma.

(Fonte: Ufficio stampa AUSL di Parma)

 

Pubblicato in Dove andiamo? Emilia
Mercoledì, 20 Novembre 2013 09:46

Montechiarugolo, "Progettare con la luce naturale"

Montechiarugolo, 20 novembre 2013
 
Con l'appuntamento di sabato 23 novembre a Montechiarugolo comincia la serie di corsi organizzati dall'Associazione Comuni Virtuosi e Velux Italia per promuovere l'utilizzo della luce naturale nelle nuove edificazioni e ristrutturazioni.
Il progetto parte proprio dalle "Linee Guida per la diffusione della luce naturale", redatte nei mesi scorsi da un gruppo di lavoro formato dai tecnici di Velux e di Comuni Virtuosi, al momento in fase di adozione in alcuni dei comuni iscritti alla rete.
"L'obiettivo che ci siamo dati è quello di formare e promuovere una nuova cultura dell'abitare sostenibile – commenta Marco Boschini, coordinatore dell'Associazione Comuni Virtuosi, assessore all'ambiente del Comune di Colorno (PR) -. Non potevamo che cominciare dal modo di costruire e realizzare gli ambienti in cui viviamo (o lavoriamo). Siamo molto soddisfatti di questa collaborazione, con Velux, perché dimostra che anche in questo Paese si possono costruire percorsi concreti e azioni virtuose per cittadini ed enti locali, imprenditori e comunità".
"La maggior parte dei progettisti esprime un forte interesse verso l'uso della luce naturale - ha aggiunto Marco Soravia, Responsabile Progettazione di VELUX Italia - tuttavia è raro che analizzino in anticipo, attraverso un studio accurato degli effetti della luce e della ventilazione naturali, le condizioni che verranno a crearsi negli edifici che andranno a progettare. Ecco perché VELUX supporta attività di formazione che possano fornire strumenti ed informazioni utili a realizzare edifici più sostenibili e a migliorare la vita di chi li abita".
Il primo corso si terrà presso la scuola materna di Monticelli Terme dalle 8.30 alle 13.00. Hanno già aderito ad oggi una ventina tra amministratori locali, funzionari e tecnici del territorio.
"La collaborazione con l'Associazione Comuni Virtuosi e con Velux ci fornisce una preziosa opportunità per sviluppare una importante azione di formazione rivolta sia ai dipendenti dell'amministrazione che ai tecnici del territorio – commenta Maurizio Olivieri, assessore all'ambiente del Comune di Montechiarugolo-. Quella della formazione continua verso un nuovo modo di costruire e progettare, che tenga sempre più conto del benessere delle persone che abitano gli edifici e le strutture e che sia sempre più attenta ai temi del risparmio energetico, della qualità dei materiali, dell'inserimento degli edifici nell'ambiente. E' una tappa di una formazione che deve aiutare il territorio a perseguire gli obiettivi individuati dal PAES, il Piano di Azione dell'Energia sostenibile, e a procedere nel percorso del Patto dei Sindaci. È anche un esempio di come molte cose si possono fare senza costi e lavorando in rete."
 
ASSOCIAZIONE DEI COMUNI VIRTUOSI
L'Associazione Comuni Virtuosi nasce nel maggio del 2005 per mettere in rete esperienze concrete e buone prassi in campo ambientale sperimentate in giro per l'Italia da decine di enti locali di varia grandezza e natura.Lo Statuto e il Manifesto dell'Associazione rappresentano i principi ispiratori e la carta dei valori a cui tutti i comuni iscritti dichiarano fedeltà nella conseguente azione amministrativa.
Cinque sono le linee di indirizzo presenti: gestione del territorio, impronta ecologica, rifiuti, mobilità, nuovi stili di vita.L'Associazione è governata da un Comitato Direttivo composto da 9 persone, indicate ogni tre anni dai comuni soci riuniti in assemblea.
VELUX
Presente in circa 40 paesi con altrettante filiali e in 10 paesi anche con siti produttivi, VELUX è uno dei marchi più conosciuti nel settore dei materiali per l'edilizia. La gamma prodotti comprende finestre per tetti e lucernari, oltre a soluzioni per tetti piani e tunnel solari, tende decorative e parasole, persiane, comandi a distanza e sistemi solari termici.
 
(Fonte: ufficio stampa Comune di Montechiarugolo (PR))
Gazebo in piazza Garibaldi e ambulatori aperti: educazione sanitaria ed esami gratuiti  -
 
Parma, 8 novembre 2013
 
Anche quest'anno, sono tante le iniziative organizzate a Parma e provincia dalle due Aziende sanitarie – AUSL e Azienda Ospedaliero-Universitaria – in collaborazione con le Associazioni di Volontariato, in occasione della Giornata del diabete, che si celebra in tutto il mondo il 14 novembre.
Questo il calendario delle iniziative, dove personale delle due Aziende e del Volontariato locale sarà a disposizione dei cittadini, in gazebo appositamente allestiti o nelle strutture sanitarie, per fornire informazioni sulla malattia: prevenzione, sintomi e cura. Verrà, inoltre, effettuato il controllo gratuito della glicemia e la misurazione della pressione arteriosa.
 
A Parma: in piazza della Steccata, domenica 10, dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.00. L'iniziativa è organizzata dall'Azienda Ospedaliero-Universitaria, in collaborazione con Croce Rossa locale, Associazione Diabetici della provincia di Parma e Associazione Giovani Diabetici di Parma (AGD). Alla Casa della Salute "Parma centro" di Largo Palli n. 1 (fra i viali Fratti e Mentana), mercoledì 13, dalle 9 alle 12. Le persone che si sottoporranno ai controlli, in caso di necessità, saranno invitate a tornare venerdì 15, sempre dalle 9 alle 12, per effettuare ulteriori accertamenti. L'iniziativa è organizzata dall'Azienda USL, in collaborazione con i medici della medicina di gruppo Dedalo.
Giovedì 14, alle ore 11.00, presentazione degli ambulatori del Centro di Cura per il Diabete dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Sempre giovedì 14, dalle 16.30 alle 17.30, all'Aula di Clinica Medica dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria, si svolgerà l'incontro "Diabete: è possibile prevenirlo?". Al termine dell'iniziativa, rivolta a tutta la cittadinanza, sarà possibile svolgere un questionario di valutazione del rischio, presso il Centro di Cura per il Diabete.
 
A Colorno: alla Casa della Salute di via Suor Maria, giovedì 14, dalle 9 alle 12. Le persone che si sottoporranno ai controlli, in caso di necessità, saranno invitate a tornare giovedì 21, sempre dalle 9 alle 12, per effettuare ulteriori accertamenti. L'iniziativa è organizzata dall'Azienda USL. A Fidenza: in piazza Garibaldi, sabato 9, dalle 9 alle 13. L'iniziativa è organizzata dall'Azienda USL, in collaborazione con la Croce Rossa locale. A Langhirano: alla Sala della Comunità Montana di piazza Ferrari n. 5, lunedì 18, dalle 8.30 alle 12. L'iniziativa è organizzata dall'Azienda USL, in collaborazione con il Comune di Langhirano. A Traversetolo: in piazza del Municipio, domenica 10, dalle 9 alle 16. L'iniziativa è organizzata dall'Associazione Giovani Diabetici di Parma, in collaborazione con la Croce Rossa locale. A Borgotaro: in piazza Verdi, lunedì 11, dalle 7.30 alle 13.30. L'iniziativa è organizzata dall'Azienda USL. A Fornovo: in via XXIV Maggio, martedì 12, dalle 7.30 alle 13.30. L'iniziativa è organizzata dall'Azienda USL. A Medesano: in piazza Marconi, giovedì 14, dalle 7.30 alle 13.30. L'iniziativa è organizzata dall'Azienda USL.
Il Diabete è una malattia cronica in costante crescita, definita dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) "l'epidemia dei primi 25 anni del terzo millennio", favorita dall'aumento della aspettativa di vita, dalla sedentarietà e dall'obesità.
Nel mondo ci sono circa 285 milioni di persone con diabete di tipo 2 (cioè la forma di diabete che non comporta la dipendenza da insulina); se ne stimano 438 milioni nel 2030, con una progressione di circa 21 mila nuovi casi al giorno. In Italia, i malati sono circa 3 milioni, cioè il 4.9% della popolazione; accanto a questi ce ne sono molti altri che hanno il diabete e non lo sanno o sono a rischio di svilupparlo.
"La situazione in provincia di Parma non è certo migliore - spiega Maria Cristina Cimicchi, referente per la diabetologia dell'Azienda USL - A dicembre 2012, si contavano 27.423 diabetici (12.973 donne e 14.450 uomini), cioè il 6.4% dell'intera popolazione. Il diabete tipo 2 è la forma più comune, in genere si manifesta dopo i 30-40 anni. Il rischio di sviluppare la malattia aumenta con l'età e si associa a numerosi fattori di rischio tra cui la familiarità (circa il 40% dei diabetici di tipo 2 ha genitori o fratelli affetti dalla stessa malattia), lo scarso esercizio fisico, il sovrappeso e l'obesità. L'obiettivo principale della cura del diabete – continua Cimicchi - è quello della diagnosi precoce, ma anche della prevenzione. Non a caso la Giornata del diabete 2013 è incentrata sui corretti stili di vita e, in particolare, sull'utilità di svolgere regolare attività fisica. Occorre fare attenzione – raccomanda la specialista - a sovrappeso e obesità, seguire una dieta sana ed equilibrata, svolgere attività fisica in modo costante e regolare: passeggiare per 30 minuti al giorno, almeno 5 giorni alla settimana".
"Oggi - spiegano Ivana Zavaroroni, direttore della struttura semplice di Malattie endocrino metaboliche e Sergio Tardio, responsabile della struttura semplice dipartimentale di Trattamento Intensivo del Diabete e delle sue Complicanze dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma - abbiamo la dimostrazione che prevenire il diabete è possibile. Diversi studi sulla popolazione hanno infatti dimostrato che, grazie a un intervento strutturato sugli stili di vita, è possibile ottenere una riduzione del50% di nuovi casi diabete"
"Quando la malattia diabetica è ormai manifesta – afferma Ettore Brianti, direttore sanitario dell'Azienda USL - diventa importante evitare o rallentare la comparsa delle sue complicanze: retinopatia e nefropatia, cardiopatia ischemica, arteriopatia periferica ecc. Per questo è fondamentale la collaborazione dei medici specialistici e dei medici di medicina generale, un vero e proprio "team di cura" in cui giocano ruoli distinti e congiunti non solo i sanitari, ma anche gli stessi pazienti. Questa collaborazione è realtà e si realizza in tutta la provincia nelle Case della Salute."
"Nella lotta al diabete – afferma Luca Sircana, direttore sanitario dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma - è importante un approccio multifattoriale, in cui si considerano tutti i diversi fattori di rischio, e un approccio multidisciplinare, dove sia nella diagnosi che nella terapia entrano in gioco i diversi attori. Il Centro di Cura per il Diabete dell'Ospedale di Parma – conclude il direttore sanitario - concretizza appunto il concetto di approccio integrato al paziente diabetico, garantendo una presa in carico complessiva del paziente, grazie all'integrazione tra i diversi specialisti, semplificando il rapporto con le strutture territoriali e favorendo la sinergia tra Azienda Ospedaliera, Azienda Usl e Medici di Medicina Generale".
 
(Fonte: Gli Uffici stampa Azienda USL di Parma Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma)
Venerdì, 04 Ottobre 2013 10:58

A Colorno Gran Galà del Tortél Dóls

Parma, 4 ottobre 2013

Sabato 5 e domenica 6 torna la golosa kermesse colornese due giorni di degustazioni del tipico tortello, esposizioni, incontri e laboratori per bimbi e adulti. Ospiti gli chef di Alma e il giornalista Paolo Massobrio. Al sabato concerto lirico dedicato a Verdi -

Nella splendida cornice del centro storico di Colorno torna un gustoso appuntamento culinario; il Gran Galà del Tortél Dóls di Colorno, la manifestazione gastronomica culturale dedicata al goloso primo piatto dal cuore dolce, a base di mostarda di frutti antichi e vino cotto, in programma. Da domani due giorni all' insegna del gusto e della tradizione, che vedrà l'incoronazione del miglior Tortél Dóls 2013.
Un'appuntamento atteso da famiglie ed appassionati di buona cucina che quest'anno potranno degustare il raffinato tortello per ben due giorni: per la prima volta infatti il Gran Galà coinvolgerà per tutto il weekend il centro storico di Colorno con un ricco programma, contraddistinto da nomi illustri del panorama gastronomico nazionale.
La manifestazione avrà il piacere di ospitare nomi di spicco di Alma – Scuola Internazionale di Cucina, come Andrea Sinigaglia e Marino Marini; personaggi di rilievo della cucina emiliana fra cui Daniele Minarelli dell'Osteria Bottega di Bologna; Paolo Massobrio, giornalista di ventennale esperienza del settore food, direttore responsabile di Papillon, con all'attivo collaborazioni con quotidiani italiani come "La Stampa", riviste di settore e trasmissioni televisive, oltre ad avere ricevuto importanti riconoscimenti, fra cui il premio Saint Vincent di giornalismo.

L'edizione 2013 è caratterizzata anche da una maggiore presenza dei Comuni del Comprensorio di produzione del Tortél Dóls – Colorno, Mezzani, Sissa, Trecasali e Torrile - grazie all'iniziativa "Hosterie dei Borghi" che prevede, nella giornata di domenica, l'allestimento di speciali punti ristoro nelle vie del paese, dove si potranno assaporare, oltre ai tortéj dóls, anche assaggi dei prodotti tipici locali. In un periodo di forte crisi economica come quello attuale, maggiore attenzione è inoltre rivolta ai commercianti di Colorno, a cui gli organizzatori del Gran Galà offrono una vetrina privilegiata all'interno della manifestazione, invitando tutti i negozianti a uscire dalle botteghe per esporre all'aperto i propri prodotti e creazioni.
Fra le conferme della kermesse gastronomica va segnalata l'attesa "Gara delle Rézdore" per l'incoronazione del miglior Tortél Dóls 2013 che verrà premiato con un dipinto originale del maestro colornese Antonino Pezzani. Presentatore ufficiale della Gara sarà ancora una volta Vito, al secolo Stefano Bicocchi, l'attore bolognese che da anni ha legato la sua immagine al Gran Galà. L'arduo compito di scegliere il miglior tortello spetterà invece a due giurie: quella Tecnica composta dai membri della Confraternita e quella Specialistica composta da chef, giornalisti e rappresentanti delle istituzioni.
Nel corso delle degustazioni il pubblico verrà intrattenuto dalla simpatia di Vito e da diversi interventi. Nel pomeriggio si potrà infatti assistere alla presentazione del libro "Cibo criminale", del giornalista Rai Luca Ponzi e all'esibizione degli allievi di Alma, impegnati nella realizzazione di ricette inedite, da elaborare con l'utilizzo degli ingredienti del Tortél Dóls.
Le sorprese non finiscono però qui. Golose novità riguardano anche il menu del Ristorante in piazza Garibaldi che si arricchisce di antiche ricette del luogo. Durante le due giornate, oltre ai tortelli, saranno proposti piatti della cultura popolare come la Faraona in crosta di Creta con argilla del Po, la trippa e il pollo dorato, senza dimenticare il Culatello di Zibello Dop.
Spazio infine alla solidarietà con il laboratorio di pasticceria per bambini. Nella piccola cucina i bimbi impareranno a fare i biscotti che verranno poi venduti per raccogliere fondi a favore del Comitato Oriano per Chanel.

Il Gran Galà del Tortél Dóls è organizzato da Confraternita del Tortél Dóls in collaborazione con BI&BI Comunicazione, ristorante Al Vedel, il Comune di Colorno e il main sponsor Molino Grassi, il contributo della Camera di Commercio di Parma e della Strada del Culatello di Zibello, il patrocinio dei Comuni di Mezzani, Sissa, Torrile, Trecasali, Provincia di Parma, Regione Emilia Romagna e Slow Food Parma.
Sponsor: Cantine Ceci, Errea Sport, Ascom, Casale, Coppini Arte Olearia, Gennari concessionario Hyundai, Effegidi, Caseificio S. Salvatore, Credem, Claudio Caggiati. Sponsor tecnico: Ikea.

Sabato

Tante le novità del VI Gran Galà del Tortél Dóls già a partire dal sabato mattina con l'apertura del mercato alimentare di qualità e l'esposizione di artigianato, hobbistica, vintage e antiquariato nelle vie del centro. Spazio anche al folclore e alla storia del tortello con la speciale visita guidata alla casa natale della Confraternita del Tortél Dóls. I membri della Confraternita condurranno gli appassionati del tipico primo piatto alla scoperta delle sue origini con una speciale biciclettata lungo gli argini del Po. L'appuntamento è per tutti sabato alle 10 al bar Terzo Tempo di Colorno, da cui si partirà per raggiungere Sacca e visitare la casa natale della Confraternita, per la prima volta aperta al pubblico.

Il pomeriggio del sabato sarà interamente dedicato ai più piccoli con la possibilità di partecipare gratuitamente ai laboratori creativi di pittura a cura dell'associazione Eos, di giochi in legno e mais con l'associazione Babymoto e Giomais. Alle 16 spazio invece alla merenda del "Casale" per un piacevole spuntino in piazza a basa dei tradizionali pane e salume.

Appuntamento verdiano in Reggia

Per gli appassionati della buona musica si rinnova anche quest'anno l'appuntamento lirico gratuito in Reggia, realizzato grazie alla direzione artistica di Antonella Manotti. Alle 18 le porte del palazzo ducale si apriranno sullo spettacolo teatrale lirico "Verdi: il genio di un uomo", un omaggio al Cigno di Busseto in occasione del Bicentenario Verdiano. Un omaggio reso ancora più importante dalla partecipazione di apprezzate voci del Teatro Regio di Parma e del Teatro alla Scala di Milano. Protagonisti dello spettacolo saranno infatti il soprano Novella Bassano, il tenore Antonio Corianò e l'attore Enzo Stasino. Al termine del corcerto un piacevole aperitivo, sempre gratuito, attenderà il pubblico nel cortile della Reggia, per poi trasferirsi in piazza per l'apertura del Ristorante del Gran Galà.

Domenica

Proseguono per tutta domenica le esposizioni nel centro storico di Colorno che ospiterà anche il Mercato della Terra di Slow Food. Nel corso della giornata si alterneranno i laboratori e gli intrattenimenti per i bambini, rappresentazioni dei mestieri antichi con figuranti in costume che riproporrano le tradizionali attività della vita contadina. I più piccoli potranno poi provare l'esperienza di un mini tour sull'Asino Bus, una delle novità della manifestazione. Dalle 12 si potrà scegliere di pranzare nel Ristorante del Gran Galà oppure fermarsi nelle "Hosterie dei borghi", per degustare i tortej dols e i prodotti tipici del territorio proposti dai Comuni del Comprensorio.

La kermesse sarà anche arricchita dall'esibizione dal vivo del madonnaro Gabriele Ferrari e di pittori estemporanei. In piazza verrà invece allestito il Giardino dei Frutti Antichi del vivaio di Castelpiombino dove conoscere o acquistare piante antiche e frutti del parmense. Per tutto il giorno proseguiranno inolte le dimostrazioni di impasto delle rézdore, fino alle 15 quando è in programma l'attesa Gara per il miglior Tortél Dóls 2013.

Infine, in occasione del Gran Galà, è in programma, sempre domenica, l'inaugurazione della mostra fotografica "Verdi tra le nebbie" di Gigi Montali, allestita all'interno della Reggia.

Laboratorio di cucina e teatro di Koiné

Dopo il successo riscosso al Salano del Gusto di Torino, si rinnova la collaborazione tra Confraternita del Tortél Dóls di Colorno e la compagnia di teatro sostenibile Koiné. Domenica, nella piazza davanti alla Reggia Ducale, chi vorrà potrà apprendere i segreti per una buona pasta fresca, tirare correttamente la sfoglia, farcire i tortej dóls, partecipando alle lezioni di cucina organizzate dagli artisti di Koiné. La compagnia teatrale modenese promuove una modalità innovativa di comunicazione, ispirata dalle tradizioni e dai linguaggi dei singoli contesti che di volta in volta ospitano le rappresentazioni. Ad esempio al Gran Galà i protagonisti saranno le farine, le uova, i matterelli, ma soprattutto il pubblico che contribuirà in prima persona alla buona riuscita dello spettacolo. Un approccio interattivo per avvicinare le persone alla tradizione gastronomica locale e alla cultura culinaria dell'Emilia.

Per informazioni e programma completo: www.torteldols.it
 
(Fonte: ufficio stampa Biebicomunicazione )
Pubblicato in Dove andiamo? Emilia
Venerdì, 20 Settembre 2013 10:54

Slow Food Valley, il futuro dietro l'angolo

Parma, 20 settembre 2013
 
Parma fra territorio, cibo e sostenibilità: due domeniche dedicate a dibattiti, incontri, laboratori e attività aperte alla cittadinanza per favorire la conoscenza, l'ascolto ed il confronto con chi vive e lavora con la Terra -
 
Questo propone il convegno "Slow Food Valley: il futuro dietro l'angolo. Parma fra territorio, cibo e sostenibilità", che Slow Food organizza con il patrocinio e la co-organizzazione del Comune di Parma e con la collaborazione di Mutti SpA.
Domenica 22 e 29 settembre, al Parco Eridania, si approfondirà la tematica dell'impatto che le nostre scelte alimentari hanno sull'ambiente, ponendo al contempo l'accento su quelle che sono le minacce alla sopravvivenza del fragile tessuto produttivo del territorio.
L'educazione a un consumo consapevole che riduca gli sprechi ed i rifiuti, che favorisca pratiche non impattanti e che tuteli i produttori, custodi dell'agro-biodiversità, è infatti l'unica soluzione, nel breve periodo, per ridurre l'impatto sull'ecosistema, sia a livello locale che globale.
Il cibo non può essere considerato un "sano" piacere della vita se, anche inconsapevolmente, le scelte alimentari quotidiane contribuiscono ad alterare il clima, producono ingenti quantità di rifiuti, inquinano l'ambiente ed il nostro organismo, non rispettano il lavoro di chi ostinatamente produce un cibo che sia "alimento" e non un oggetto di consumo.
Durante la due giorni i 500mq della tettoia presente nel Parco saranno occupati da una rappresentanza dei Mercati della Terra di Colorno, Reggio Emilia, Bologna, del mercato contadino La Corte di Parma e da alcuni artigiani del "saper fare". Uno spazio dove incontrarsi ed informarsi, conoscere ed ascoltare, guardare ed assaggiare.
Saranno a disposizione alcuni gazebo con tavoli e panche, ed al mattino offriremo il servizio de "La Sajetta" consegne a domicilio a inquinamento 0 con la bicicletta attrezzata.
Una sala del Centro Congressi sarà dedicata ai convegni, con relatori dell'Università di Parma, di Efsa, delle associazioni apicoltori, di rappresentanti delle istituzioni, agricoltori, aree ortive di Parma, Distretto di Economia Solidale, rete Cibopertutti (Kuminda) e associazione per la Decrescita, Presidenza di Slow Food Italia, direzione Marketing di Mutti spa.
Ci saranno attività per i bimbi con laboratori creativi di arte, scienze, manualità antiche, uno spazio riservato alle associazioni di volontariato che si occupano di territorio, sociale, ambiente, futuro e molte altre iniziative, consultabili su slowfoodparma.blogspot.it, come la biciclettata agli orti in chiusura della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.
Le attività sono aperte a tutti e gratuite ed i laboratori per adulti e bambini sono a numero chiuso (iscrizioni anche sul posto).
La condotta Slow Food di Parma si è avvalsa della consulenza del GCR per la realizzazione di questo evento a rifiuti zero e accetta i buoni sconto SCEC.
La collaborazione con Mutti spa ha messo a disposizione, in anteprima sul mercato, lo storico tubetto di doppio concentrato con la grafica dedicata al bicentenario di Verdi. Il ricavato servirà ad adottare uno dei Mille orti in Africa, il progetto lanciato da Carlin Petrini per la sovranità alimentare dei popoli.
 
(fonte: Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma - GCR)
Pubblicato in Dove andiamo? Emilia

Paolo Zantelli, 48 anni, era di Colorno e con il fratello Dino era portacolori della Motonautica Parmense.

Parma, 16 Settembre 2013 --
La conferma è giunta ieri sera, qualche ora dopo il ricovero all'ospedale San Raffaele, a seguito di un trauma toracico e arresto cardiaco a causa di una collisione di gara con un altro pilota.
L'incidente è avvenuto durante il Gran Premio "Città di Milano" del Campionato Europeo della Formula 2.
Zantelli era in seconda posizione nel campionato del mondo di motonautica Formula Due e, a inizio mese, si era imposto nel Gran Premio di Gran Bretagna, una delle ultime prove del campionato iridato nelle acque del Water Sport Center di Nottingham. In classifica generale aveva 38 punti ed era alle spalle del campione scandinavo Erik Stark.
Correva in F2 da 17 anni e vantava nel suo curriculum 2 ori, 2 argenti ed un bronzo europei, oltre ad un argento ed un bronzo mondiale. In Italia era considerato il massimo esperto della categoria con ben 11 titoli italiani conquistati.
Paolo Zantelli lascia una moglie (Milena Clerici, ex pilota di motonautica) e un figlio ai quali vanno le condoglianze della redazione-

PR Paolo zantelli

Pubblicato in Sport Emilia

Parma, 08 luglio 2013 -

Estate 2013 – La chiusure dei servizi sanitari della Casa della Salute di Colorno -