Domenica, 05 Maggio 2019 11:43

In volo verso casa. Nigeriana espulsa

Cittadina Nigeriana con precedenti per spaccio ed irregolare: espulsa con viaggio aereo per la Nigeria.

Parma 5 maggio 2019 -  l'Ufficio immigrazione ha posto in essere un'attività finalizzata all'espulsione di una cittadina nigeriana classe 82' con precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti. La donna che appunto aveva in passato compiuto delitti inerenti lo spaccio, poiché diventata irregolare sul territorio nazionale, è stata attenzionata dall'Ufficio Immigrazione della Questura di Parma, che l'ha rintracciata e ne ha gestito gli aspetti di natura amministrativa finalizzati alla sua espulsione dall'Italia. Tradotto, il Questore ha disposto l'accompagnamento in frontiera della donna.

Qualche giorno fa dopo l'organizzazione del viaggio la cittadina extracomunitaria è stata accompagnata presso la frontiera di Milano Malpensa per essere posta su di un aereo con direzione Nigeria. Tuttavia l'operazione è divenuta impossibile quando la donna prima di salire sull'aeromobile ha opposto resistenza all'imbarco tentando di spogliarsi completamente proprio sotto la pancia dell'aeromobile. A quel punto, il comandante dell'aereo ha rifiutato il suo imbarco e gli agenti della polizia di Stato sono stati costretti a riportare la donna a Parma.

Nonostante la resistenza opposta dalla donna rispetto alla sua effettiva espulsione, la donna, sarà comunque riaccompagnata in frontiera e questa volta, scortata da uomini della polizia di Stato per tutto il viaggio di sola andata, sino in Nigeria.

L'attività pur se particolarmente onerosa e complessa viene portata a compimento anche se i soggetti tentano di non far compiere l'attività espulsiva. Per l'occasione il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha autorizzato la scorta internazionale, unico modo per garantire l'effettiva espulsione della nigeriana.

I soggetti pericolosi continuano ad essere allontanati con grande impegno dalla Questura, che pone in essere sforzi anche di natura straordinaria.
Proprio oggi per altro, come ricordato da un comunicato di ieri, un cittadino del Marocco, gravato già da precedenti espulsioni, nonché precedenti di polizia per furti aggravati, danneggiamenti e minacce, quindi particolarmente pericoloso, è stato accompagnato a Brindisi in attesa di essere fatto salire su un volo con direzione Rabat (Marocco).

Pubblicato in Cronaca Parma

Due marocchini, ubriachi e molesti, denunciati e espulsi. Uno espulso con allontanamento fisico dallo Stato, uno allontanato da Parma con foglio di via.

Nella mattinata di ieri 3 volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Parma, sono state inviate presso un Bar di Parma per la segnalazione di due soggetti molesti ed ubriachi.

Giunti sul posto, uno dei due era molto agitato e palesemente ubriaco, intento nel disturbare tutti gli avventori.

Al controllo di Polizia hanno risposto proferendo testualmente "MAIALI MALEDETTI, IO NON HO PAURA DI VOI, SE NON MI LASCIATE STARE IO VI UCCIDO TUTTI", esprimendosi anche con disprezzo nei confronti del Ministro dell'Interno.

Il soggetto privo di documenti è stato accompagnato in Questura, è risultato essere un Marocchino del 1989, residente a Reggio Emilia  sprovvisto di documenti gravato da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio e la persona.

Il soggetto è stato denunciato in stato di libertà per i reati di resistenza, minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale, vilipendio della repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate e sanzionato per ubriachezza ai sensi dell'art.688 C.P.

Infine, è stato altresì allontanato da Parma con un foglio di via obbligatorio dal Comune di Parma.
Il soggetto in sua compagnia, dai controlli è risultato essere un marocchino classe 88, irregolare sul Territorio nazionale., gravato già da precedenti espulsioni, nonché precedenti di polizia per furti aggravati, danneggiamenti e minacce. Per tutti questi motivi, quest'ultimo è stato espulso dal territorio nazionale, verrà accompagnato in frontiera e fisicamente allontanato dal suolo italiano ponendolo su un volo di sola andata per il Marocco.

Anche questa volta lo scambio informativo e la tempestività d'intervento ha dato i suoi frutti, permettendo, appunto, un allontanamento coatto dal territorio nazionale.

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Parma: nella giornata di Venerdì alle ore 20 circa è giunta una chiamata al 113 da parte di un utente dell'autostrada A15, il quale ci ha segnalato la presenza di alcuni gattini abbandonati che stavano transitando sulle carreggiate.

La sala operativa ha immediatamente inviato sul posto una pattuglia della Polizia Stradale di Parma - sottosezione di Berceto, già impegnata nel pattugliamento dell'A15.
Giunta all'altezza del km dove erano stati segnalati i gattini, gli Agenti della Polizia Stradale con prontezza e determinazione hanno tratto in salvo, non senza difficoltà, 4 dei 5 gattini, evitando che potessero essere schiacciati dalle auto in transito.

L'ultimo è stato messo al sicuro anche grazie alla collaborazione dei Vigili del Fuoco di Parma, infatti, il gattino si era nascosto all'interno di una tubatura angusta presente in autostrada.

Una volta messi al sicuro i 5 gattini sono stati affidati all' E.n.p.a., Ente Nazionale Protezione Animali, nella persona di Lella Gialdi, suo presidente, che ha potuto offrire un luogo caldo ed accogliente, lontano dal traffico autostradale, agli animali.

Si coglie l'occasione per ammonire formalmente tutti coloro che abbiano intenzione di emulare comportamenti simili, infatti, azioni di questo tipo costituiscono reato, e la Polizia di Stato contrasta con ogni mezzo questo fenomeno.

 

gatti_con_logo_2.jpg

Pubblicato in Cronaca Parma

Pablo – Oltretorrente: contrasto allo spaccio perquisita un'abitazione abitata da 7 nigeriani: 2 denunce a piede di libero e 5 allontanamenti

Parma: Continua l'attività di contrasto allo "spaccio di strada" da parte della Polizia di Stato.

Nel corso delle ultime settimane era giunta una segnalazione da parte di residenti del quartiere "Pablo" che riferivano di un sospetto "via vai" in un palazzo.
Personale della Squadra Mobile, dopo aver svolto attenti servizi, ha operato una perquisizione domiciliare, durante la quale sono stati trovati 9,5gr. Di Marijuana, già confezionata e pronta per la cessione.

La sostanza era nascosta in due stanze in uso a due dei Nigeriani presenti nell'abitazione, e considerata la sicura attribuibilità della droga ai due, questi ultimi sono stati denunciati a piede libero per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

I due, rispettivamente A. O. classe 89' e U. R. classe 97', come detto entrambi nigeriani, sono conosciuti in quanto assidui frequentatori dei viali Vittoria e dei Mille. Il primo è un soggetto che recentemente era già stato arrestato per il reato di spaccio, e in una seconda occasione sanzionato con un foglio di via obbligatorio, (misura di prevenzione a firma Questorile) con divieto di ritorno a Parma per tre anni e obbligato a fare rientro a Bari, luogo di sua residenza. Poiché inottemperante a quest'ultimo provvedimento, è stato denunciato anche per quest'ultima motivazione.

Durante l'operazione sono stati identificati anche altri 5 cittadini Nigeriani, che come i primi due sono risultati tutti regolari sul territorio nazionale.

Tuttavia, tutti e 7 si sono dimostrati sprovvisti di qualsiasi titolo per trovarsi in quell'abitazione e per questo motivo sono stati allontanati dall'immobile.
Proseguono gli accertamenti sulle preziose segnalazioni fornite dalla cittadinanza.

(in copertina una immagine di repertorio)

Pubblicato in Cronaca Parma

Legalità, Bullismo, Cyberbullismo e informazioni per il contrasto all'uso di sostanze stupefacenti: La Polizia di Stato incontra i giovani alunni dell' I.C. Fontanellato

Dopo Fidenza e Borgotaro, proseguono gli incontri in Provincia, questa volta a Fontanellato, nell'ambito degli incontri in materia di educazione alla legalità promossi dalla Polizia di Stato. Il Commissario Capo Federico Mastorci, e il Medico Principale della Polizia di Stato Valerio Bruti, hanno incontrato circa 150 giovani studenti delle quinte elementari e delle medie dell' I.C. Fontanellato.

Durante l'incontro sono stati affrontati diversi argomenti su fenomeni criminali gravi, che avvengono anche mediante l'uso della rete.
Tra gli argomenti trattati vi sono il bullismo, il cyberbullismo, l'adescamento, ma non solo, si è parlato anche di come utilizzare in maniera corretta il web e gli strumenti tecnologici connessi alla rete, anche e soprattutto dal punto di vista della propria privacy.

I ragazzi, sono stati informati, anche attraverso esempi, sulla gravità delle conseguenze che possono subire le vittime e le ripercussioni nella sfera giuridica dell'autore di condotte criminose(il bullo) e dei suoi familiari.

Sono state illustrate delle semplici, ma efficaci, regole di comportamento sia per la convivenza nella vita reale sia per ridurre i rischi collegati alla vita digitale.
L'incontro ha permesso di riflettere sul ruolo svolto dalle Istituzioni, dalla Scuola e da ogni persona nelle azioni di contrasto al bullo o al cyberbullo.
Riscontrando da parte dei ragazzi una grande partecipazione ed un notevole interesse sul tema, gli esperti della Polizia di Stato hanno messo in guardia i giovanissimi anche su un altro tema, anch'esso oggetto dell'incontro, che è il rischio proveniente dall'adescamento.

Grazie alla presenza del Medico Principale, il dott. Bruti, sono state date fornite diverse nozioni tecniche sulle conseguenze derivanti dall'uso di sostanze stupefacenti. Invitando tutti i giovani presenti a non avvicinarsi nemmeno per scherzo alle predette sostanze. Sul tema gli studenti hanno fatto diverse domande e sono stati particolarmente interessati.

Il personale della Polizia di Stato proseguirà nell'iniziativa, che ha avuto molto successo, già nel mese di Aprile, presso altri istituti scolastici di Parma e soprattutto in Provincia ove insistono diversi istituti scolastici che hanno richiesto il nostro intervento.

Pubblicato in Cronaca Parma

Arrestati due cittadini albanesi per furto in abitazione. Denunciato un terzo connazionale per ricettazione

I Carabinieri del NORM di Fidenza e gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Parma hanno eseguito due misure di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti cittadini albanesi ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di un furto in abitazione compiuto in orario notturno, nel mese di novembre 2018, a Polesine Zibello.

Le indagini, dirette e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Parma, sono partite dall'analisi delle immagini registrate dalle videocamere di sorveglianza installate presso il Comune di Polesine Zibello grazie a cui è stata individuata l'autovettura utilizzata dagli autori del reato.

Con i successivi servizi di pedinamento e controllo i Carabinieri del NORM di Fidenza hanno individuato gli utilizzatori del mezzo ed avviato attività tecniche nel corso delle quali sono stati acquisiti riscontri dai quali è emersa la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza in ordine ai fatti delittuosi ipotizzati. Nei giorni successivi al furto in argomento, nel corso di una perquisizione locale in un'abitazione di Sorbolo, gli investigatori della Sezione Antirapine della Squadra Mobile hanno rinvenuto, occultati all'interno di un borsone, numerosi pezzi di argenteria di sicura provenienza furtiva per cui i cittadini albanesi che si trovavano nell'abitazione sono stati indagati in stato di libertà per il reato di ricettazione.

Nella circostanza, nell'abitazione veniva, altresì, rintracciata una donna (NIKA Ornela cl. 1992, anch'essa albanese), che risultava esser rientrata in Italia con un falso documento dopo esserne stata espulsa e, pertanto, veniva tratta in arresto per reingresso abusivo ed uso di documento falso e, all'esito del giudizio direttissimo, nuovamente espulsa coattivamente dal territorio nazionale.

Nel consueto scambio info-investigativo tra i vari comandi delle Forze dell'Ordine e, in particolare, con la Compagnia Carabinieri di Fidenza, è emerso che l'argenteria sequestrata dall'Antirapina della Squadra Mobile, fosse proprio il provento del furto in abitazione perpetrato il 12 novembre scorso a Polesine-Zibello. Il compendio delle risultanze investigative dei due Uffici investigativi ha consentito alla Procura della Repubblica di Parma di chiedere ed ottenere l'emissione da parte del G.I.P. presso il Tribunale di Parma di una ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere nei confronti di: HASA Ardit cl. 1987 nato in Albania (alias SHKAMBI Ardit) e RYSTEM Sokol cl. 1988 nato in Albania. In considerazione del fatto che HASA Ardit era senza fissa dimora, gli investigatori del NORM di Fidenza e della Squadra Mobile di Parma hanno iniziato a perlustrare le zone notoriamente frequentate da pregiudicati albanesi, riuscendo a rintracciarlo nella tarda mattinata di lunedì scorso, mentre RYSTEM Sokol, nella stessa giornata, è stato rintracciato presso la sua abitazione.
Entrambi, all'esito delle formalità di rito, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Parma.
Al momento del rintraccio, l'HASA era in compagnia di un connazionale, L. G. classe 1989, trovato in possesso di un piccolo crocefisso in oro, di un anello in metallo color argento, per cui è stato indagato

in stato di libertà per ricettazione e, il giorno seguente, espulso con accompagnamento coattivo alla frontiera.

 

PoliziaPR-Procura.jpg

Ricettazione1.jpg

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Nella serata di giovedi, le volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e le pattuglie del Reparto Prevenzione Criminale di Reggio Emilia, hanno tratto in arresto in flagranza di reato, un uomo di 28 anni originario del reggiano per il reato di tentata rapina e di rapina aggravata in danno di anziane donne cui tentava di strappare – per la prima - e strappava – per la seconda - con violenza, trascinandole a terra, le proprie borse personali.

Verso le ore 16.45, gli agenti venivano inviati in Via Trento angolo Via Monte Altissimo per una tentata rapina in danno di una donna. Nello specifico si accertava che poco prima, un individuo di circa 30 anni, cui venivano fornite dettagliate descrizioni sull'aspetto fisico e sull'abbigliamento, aveva tentato di strappare la borsetta ad una passante facendola rovinare a terra ma senza riuscire nel proprio intento.

Le pattuglie impegnate in zona nella ricerca del malvivente ricevevano, alle ore 17.00 circa, altra segnalazione di donna rapinata e caduta a terra nella vicina Via Venezia angolo Via Valenti. L'autore della rapina veniva descritto esattamente come quello che poco prima aveva tentato analogo reato in Via Trento.

I controlli a tappeto effettuati nella zona interessata, permettevano dopo pochi minuti il rintraccio dell'autore dei gravi fatti delittuosi sopra descritti, perfettamente corrispondente per aspetto fisico e per abbigliamento all'autore della tentata rapina e della rapina, nonché trovato in possesso dell'intera refurtiva sottratta alla seconda vittima.

Alla luce di quanto sopra si provvedeva a trarre in arresto l'uomo per i reati sopra indicati e ad associarlo presso la locale Casa Circondariale a disposizione della competente A.G..

I beni sottratti alla vittima della rapina consumata, sono stati tutti restituiti alla legittima proprietaria.

Pubblicato in Cronaca Parma

Controlli Straordinari del territorio da parte della Polizia di Stato nelle zone calde di Parma. 

Nel corso della settimana sono state condotte diverse attività di controllo straordinario del territorio volte alla prevenzione dei reati predatori, tra cui i furti in abitazione, e dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Sono state messe in campo diverse pattuglie in più sul territorio rispetto all'ordinario, 3 della Squadra volante della Questura, 10 del Reparto prevenzione crimine di Reggio Emilia, e 3 della Polizia Municipale.

Con un impiego importante di uomini, 36 della Polizia di Stato e 9 della Polizia Municipale.
I pattugliamenti sono stati effettuati a seguito di un'attenta attività di analisi e sfruttando anche il sistema predittivo Xlaw.
I controlli si sono concentrati nel quartiere Oltretorrente, dove grazie ad una segnalazione sono stati sequestrai 37 grammi di Marijuana pronta e suddivisa per lo smercio.

Gli altri quartieri interessati sono stati quelli dell'Oltretorrente, del quartiere Pablo, di S.leonardo ma anche Cittadella e S. Martino, e più in generale nella zona sud della città, con particolare attenzione alle vie di ingresso e di uscita delle città, ove sono stati adibiti diversi posti di controllo.

Ecco i risultati delle attività:
• 109 persone controllate
• 112 veicoli controllati
• 2 contravvenzioni al cds
• 37 grammi di Marijuana

Le evidenze ci dicono che l'attività di prevenzione svolte dagli Agenti della Polizia di Stato sul territorio sta dando ottimi risultati, infatti, Xlaw, ci dice che il PCrime si è attestato ad un valore di 3, rispetto al dato iniziale su cui si attestava all'inizio del suo utilizzo, che era 7.

Ricordo che il PCrime è l'indice di pressione criminale che insiste sul territorio di Parma. I servizi proseguiranno nel corso dei prossimi giorni.

 

PR_Polizia_e_municipale.jpg

 

 

 

Pubblicato in Cronaca Parma

Mostra "Voci dal Silenzio — L'Indifferenza Uccide"  - "Questo non è amore"

Sin dallo scorso 5 Marzo, nei locali della pinacoteca del Complesso monumentale della Pilotta, è stata allestita una mostra dal titolo "Voci dal Silenzio — L'Indifferenza Uccide", il cui autore Diego TESTOLIN, Sovrintendente in servizio a Padova presso il Gabinetto di Polizia Scientifica per il Triveneto, racconta nei suoi dipinti il dramma del femminicidio, ponendo in risalto la bellezza persa delle donne uccise, riconquistata attraverso l'arte.

Le opere del Sovrintendente Testolin hanno l'indubbio merito di tenere accesa, in modo forte e coinvolgente, l'attenzione su un dramma sempre di estrema attualità, quale è la violenza sulle donne. Tragedie nelle quali, troppo spesso si imbatte suo malgrado l'operatore di polizia.

Nel pomeriggio di oggi 28.03.2019 diversi studenti visiteranno la mostra, che ha creato molto interesse e sta attirando numerosi visitatori. Si coglie l'occasione per ricordare che la mostra è aperta sino al 10 di Aprile nei seguenti giorni e nelle seguenti fasce orarie:
• mercoledì e venerdì mattina;
• giovedì pomeriggio.

L'iniziativa si inserisce nell'attività, che la Questura di Parma ha avviato da alcuni mesi, di massiccia sensibilizzazione sul tema della violenza di genere, quale attuazione a livello provinciale della campagna nazionale "Questo non è amore", nel cui ambito ha organizzato la predisposizione di appositi gazebo, nei diversi quartieri cittadini, ove personale dipendente, con specifiche competenze, ha fornito contributi informativi e consigli anche sulla scorta dell'ascolto di situazioni di disagio, arricchendo il momento di incontro con la collettività mediante la distribuzione contestuale del materiale divulgativo.

 

LOCANDINA_70_100_araldica_senza-min_copia.jpg

Pubblicato in Dove andiamo? Parma

Legalità, Bullismo e Cyberbullismo: La Polizia di Stato incontra i giovani alunni dell'Istituto di formazione di Forma Futuro e dell'IISS di Fidenza

Nell'ambito degli incontri in materia di educazione alla legalità promossi dalla Polizia di Stato, il Vice Questore Aggiunto Omar Elian, il Commissario Capo Federico Mastorci, da una parte e il Commissario Capo Pasquale Cusano e il Sovrintendente Marco Vezzosi, dall'altra, hanno incontrato centinaia di giovani studenti.

I primi due dirigenti della Questura di Parma, il dirigente dell' Ufficio Immigrazione e il dirigente delle Volanti, hanno incontrato i giovani studenti, tra i 16 e i 18 anni, di Forma Futuro, parlando con loro dei rischi connessi all'uso dei nuovi device digitali e della rete.

Ma non solo, sono stati approfonditi argomenti quali, l'uso dei social media e dei social network e delle conseguenze giuridiche rispetto a condotte considerate troppo spesso senza alcuna benché minima conseguenza. Le altre tematiche, molto attuali, hanno riguardato i rischi collegati a comportamenti relazionali errati che possono portare ad azioni di bullismo e di cyberbullismo.

Il dirigente dell'Ufficio immigrazione, invece, ha approfondito le tematiche di competenza, dando informazioni generali circa il fenomeno dell'immigrazione e i risvolti sul piano della regolare presenza sul territorio nazionale a seguito della commissione di reati.

Nella stessa giornata, il Comm. Capo Pasquale Cusano e il Sovrintendente Marco Vezzosi, tenuto conto che quest'ultimo esprime la specialità della Polizia Postale sul territorio di Parma, hanno affrontato diversi argomenti su fenomeni criminali gravi, che avvengono mediante l'uso della rete. Quest'incontro si è tenuto presso L'IISS (Istituto di Istruzione Superiore A. Berenini) di Fidenza, con ragazzi tra i 14 e i 15 anni. Peraltro, l'incontro tenuto dalla Polizia Postale è il decimo che viene tenuto da questa importante specialità della Polizia di Stato, che tra i vari incontri è già stata a Medesano, oltre che a Parma, in considerazione del fatto che anche le scuole della Provincia sono molto interessate a incontri di questo tipo.

In particolare hanno parlato di cyberbullismo, sexting, Sex Extortion e consigliato come utilizzare in maniera corretta il web e gli strumenti tecnologici connessi alla rete.
I ragazzi, sono stati informati, anche attraverso esempi, sulla gravità delle conseguenze che possono subire le vittime e le ripercussioni nella sfera giuridica dell'autore e dei suoi familiari.

Sono state illustrate delle semplici, ma efficaci, regole di comportamento sia per la convivenza nella vita reale sia per ridurre i rischi collegati alla vita digitale.

L'incontro ha permesso di riflettere sul ruolo svolto dalle Istituzioni, dalla Scuola e da ogni persona nell'azioni di contrasto al bullo o al cyberbullo.
Riscontrando da parte dei ragazzi una grande partecipazione ed un notevole interesse sul tema, gli esperti della Polizia di Stato hanno messo in guardia i giovanissimi anche su un altro tema, anch'esso oggetto dell'incontro, che è il rischio proveniente dai giochi online.

Il personale della Polizia di Stato proseguirà nell'iniziativa, che ha avuto molto successo, già nel mese di Aprile, presso altri istituti scolastici di Parma.

PR_questura_Bullismo_scuole-Senza_titolo1.png

PR_questura_Bullismo_scuole-Senza_titolo2.png

 

 

Pagina 5 di 18